Pneumotorace del polmone


Lo pneumotorace è un eccessivo accumulo di aria tra i fogli pleurici, che porta a compromissione a breve o lungo termine della funzione respiratoria dei polmoni e insufficienza cardiovascolare.

Tutti i casi di pneumotorace possono essere attribuiti a una delle tre forme principali: iatrogena (complicanza di manipolazioni diagnostiche e terapeutiche), traumatica (esiste una connessione diretta con il trauma all'apparato osseo della cavità toracica) o pneumotorace spontaneo del polmone (improvvisa violazione dell'integrità della foglia pleurica viscerale).

In una situazione in cui la cavità pleurica non ha una comunicazione diretta con l'aria dell'ambiente, il volume d'aria intrappolato al momento della lesione in una o entrambe le cavità pourali rimane allo stesso livello, pertanto, si verifica uno pneumotorace chiuso.

Lo pneumotorace aperto si sviluppa quando persiste un difetto tra la cavità pleurica e l'ambiente, a seguito del quale l'aria si accumula liberamente tra gli strati pleurici e viene rimossa dalla cavità pleurica durante i movimenti respiratori.

Cos'è?

Lo pneumotorace è un accumulo di aria o gas nella cavità pleurica. Può verificarsi spontaneamente in persone senza malattia polmonare cronica ("primaria"), così come in persone con malattia polmonare ("secondaria") e pneumotorace artificiale (l'introduzione di aria nella cavità pleurica, che porta al collasso del polmone colpito). Molti pneumotorace si verificano dopo un trauma toracico o come complicanza del trattamento.

I sintomi del pneumotorace sono determinati dalle dimensioni e dalla velocità di ingresso dell'aria nello spazio pleurico; questi includono, nella maggior parte dei casi, dolore al petto e mancanza di respiro. In alcuni casi, la diagnosi può essere fatta mediante esame fisico, ma a volte è necessaria una radiografia del torace o una tomografia computerizzata (TC). In alcune situazioni, lo pneumotorace porta a grave privazione di ossigeno e bassa pressione sanguigna, progredendo se non trattato fino all'arresto cardiaco; questa condizione è chiamata pneumotorace tensivo.

Il piccolo pneumotorace spontaneo di solito si risolve da solo e il trattamento non è necessario, specialmente nei casi senza malattia polmonare sottostante. Se uno pneumotorace è grande o se si verificano sintomi gravi, l'aria può essere pompata con una siringa o un drenaggio Bulau unidirezionale, che viene introdotto per rimuovere l'aria dalla cavità pleurica. Talvolta sono necessarie misure chirurgiche, soprattutto se il tubo di drenaggio è inefficace o se si verificano ripetuti episodi di pneumotorace. Se esiste il rischio di ripetuti episodi di pneumotorace, possono essere utilizzati vari trattamenti, come la pleurodesi (adesione dei polmoni alla parete toracica).

Classificazione

Esistono vari tipi di pneumotorace, che sono suddivisi per classificazione in base ai motivi del loro aspetto, localizzazione e scala della lesione. A seconda di quanto hanno sofferto il tessuto polmonare e la pleura, il pneumologo prescrive un piano di trattamento e annuncia la prognosi.

A seconda dell'entità del danno al tessuto polmonare, accade:

  1. Pneumotorace totale (completo). È caratterizzato da una completa compressione del polmone dovuta al rilascio di una grande quantità di gas nella cavità pleurica.
  2. Pneumotorace limitato (parziale). La caduta dell'organo respiratorio è incompleta.

Se la lesione è sul lato sinistro, viene diagnosticato uno pneumotorace sinistro, sul polmone destro - pneumotorace destro. Esiste anche un tipo di malattia bilaterale, che si sviluppa a causa della compressione totale di due polmoni contemporaneamente ed è irto della rapida morte della vittima.

Inoltre, la malattia è suddivisa in base alle cause di insorgenza:

  1. Pneumotorace traumatico. Questa opzione è possibile se il torace è danneggiato. Si sviluppa a seguito di una ferita penetrante (ad esempio un coltello), nonché a causa di lesioni al tessuto polmonare da parte di un frammento della costola con una frattura aperta o chiusa.
  2. Spontaneo. Si verifica a causa della rapida rottura del tessuto polmonare sullo sfondo di una malattia cronica o di fattori predisponenti. Pertanto, la causa del pneumotorace primario (idiopatico) può essere l'insufficienza congenita del tessuto pleurico, forti risate o tosse aspra, una rapida immersione in profondità e il volo su un aereo. Secondario si sviluppa a causa di una grave malattia polmonare.
  3. Artificiale. Creato deliberatamente sotto la supervisione di uno specialista competente per il trattamento di alcune malattie respiratorie.

Tramite comunicazione con l'aria ambiente:

  1. Chiuso. C'è un ingresso una tantum di una piccola quantità di aria nella cavità pleurica, dopo di che il suo volume non cambia più.
  2. Aperto. Si osserva un difetto visivo dello sterno, attraverso il quale, ad ogni inspirazione, l'aria entra nella cavità e durante l'espirazione esce. Il processo può essere accompagnato da un udibile squelching e gorgoglio.
  3. Valvola. Ha le conseguenze più disastrose. Durante uno pneumotorace teso, ad ogni inspirazione, l'aria entra nello spazio peri-polmonare, ma non esce..

Ciascuna delle condizioni, indipendentemente dalla gravità, richiede un esame approfondito da parte di un medico e un trattamento competente. Ciò contribuirà a ridurre al minimo i rischi di ricaduta e, in alcuni casi, a salvare la vita della vittima..

Motivi di sviluppo

Il polmone non ha tessuto muscolare, quindi non può espandersi per supportare la respirazione. Il meccanismo di inalazione è il seguente. In uno stato normale, la pressione all'interno della cavità pleurica è negativa, inferiore a quella atmosferica. Quando la parete toracica si muove, la parete toracica si espande, a causa della pressione negativa nella cavità pleurica, il tessuto polmonare viene "raccolto" dalla trazione all'interno del torace, il polmone si espande. Inoltre, la parete toracica si muove nella direzione opposta, il polmone sotto l'influenza della pressione negativa nella cavità pleurica ritorna nella sua posizione originale. È così che viene eseguito l'atto di respirare in una persona..

Se l'aria entra nella cavità pleurica, la pressione al suo interno aumenta, la meccanica dell'espansione polmonare viene interrotta: un atto respiratorio a tutti gli effetti è impossibile.

L'aria può entrare nello spazio pleurico in due modi:

  • in caso di danno alla parete toracica con violazione dell'integrità dei fogli pleurici;
  • con danni agli organi mediastinici e polmonari.

I tre componenti principali del pneumotorace che causano problemi sono:

  • il polmone non può espandersi;
  • l'aria viene costantemente aspirata nella cavità pleurica;
  • il polmone colpito si gonfia.

L'incapacità di espandere il polmone è associata al rientro dell'aria nella cavità pleurica, al blocco del bronco sullo sfondo di malattie precedentemente annotate e anche se il drenaggio pleurico è stato installato in modo errato, il che lo rende inefficace.

L'aspirazione dell'aria nella cavità pleurica può passare non solo attraverso il difetto formato, ma anche attraverso l'apertura nella parete toracica, realizzata per installare il drenaggio.

L'edema polmonare può verificarsi a seguito dell'allungamento del tessuto polmonare dopo azioni mediche volte a ripristinare rapidamente la pressione negativa nella cavità pleurica.

Sintomi e primi segni

La gravità dei sintomi del pneumotorace dipende dalla causa della malattia e dal grado di compressione del polmone..

Un paziente con uno pneumotorace aperto assume una posizione forzata, sdraiato sul lato ferito e serrando saldamente la ferita. L'aria viene risucchiata nella ferita con un rumore, il sangue schiumoso con una miscela di aria viene rilasciato dalla ferita, l'escursione del torace è asimmetrica (il lato colpito rimane indietro durante la respirazione).

Lo sviluppo di pneumotorace spontaneo è solitamente acuto: dopo un attacco di tosse, uno sforzo fisico o senza una ragione apparente. Con la tipica insorgenza di pneumotorace, un dolore lancinante appare sul lato del polmone colpito, irradiandosi al braccio, al collo, dietro lo sterno. Il dolore aumenta con la tosse, la respirazione, il minimo movimento. Spesso, il dolore provoca il panico del paziente per la morte. La sindrome del dolore nello pneumotorace è accompagnata da mancanza di respiro, la cui gravità dipende dal volume del collasso polmonare (dalla respirazione rapida alla grave insufficienza respiratoria). Appare pallore o cianosi del viso, a volte una tosse secca.

Dopo alcune ore, l'intensità del dolore e la mancanza di respiro si indeboliscono: il dolore dà fastidio al momento del respiro profondo, la mancanza di respiro si manifesta con lo sforzo fisico. Forse lo sviluppo di enfisema sottocutaneo o mediastinico - il rilascio di aria nel tessuto sottocutaneo del viso, del collo, del torace o del mediastino, accompagnato da gonfiore e un caratteristico scricchiolio alla palpazione. La respirazione auscultatoria sul lato del pneumotorace è indebolita o non si sente.

In circa un quarto dei casi, lo pneumotorace spontaneo ha un esordio atipico e si sviluppa gradualmente. Il dolore e la mancanza di respiro sono insignificanti; man mano che il paziente si adatta alle nuove condizioni respiratorie, diventano quasi impercettibili. La forma atipica del decorso è caratteristica del pneumotorace limitato, con una piccola quantità di aria nella cavità pleurica.

Chiaramente i segni clinici di pneumotorace sono determinati quando il polmone collassa di oltre il 30-40%. 4-6 ore dopo lo sviluppo di pneumotorace spontaneo, si unisce una reazione infiammatoria dalla pleura. Dopo alcuni giorni, i fogli pleurici si ispessiscono a causa di sovrapposizioni di fibrina ed edema, che successivamente porta alla formazione di aderenze pleuriche che complicano l'espansione del tessuto polmonare.

Pneumotorace: pronto soccorso durante un attacco

Lo pneumotorace è un processo patologico estremamente difficile dell'apparato respiratorio, che può portare a processi irreversibili nel corpo e alla morte. Fornire il primo soccorso in caso di attacco della malattia dovrebbe essere urgente. Quando un paziente sviluppa una forte ricaduta o un attacco acuto di pneumotorace, non puoi fare a meno dell'aiuto medico, è necessario chiamare immediatamente un'ambulanza.

Come si può aiutare un paziente? Se il pneumotorace è causato da una ferita toracica penetrante, chiudere la ferita per impedire la fuoriuscita di aria e sangue. Per fare questo, usa stracci o bende con un batuffolo di cotone. Per impedire all'aria di fuoriuscire dalla ferita, puoi usare una pellicola che chiude il foro. Se possibile, gli oggetti che verranno utilizzati per coprire la ferita dovrebbero essere disinfettati il ​​più possibile. Il film deve coprire strettamente il foro della ferita, altrimenti non avrà senso una tale benda.

Se si è verificato uno pneumotorace valvolare, l'accesso all'ossigeno deve essere consentito mediante puntura polmonare. Ma per farlo correttamente, senza pregiudizio per la salute, solo una persona con un'istruzione medica o le capacità per eseguire questa manipolazione può farlo. La puntura consente di raddrizzare il polmone, prevenire la fusione mediastinica e lo spostamento degli organi interni.

Complicazioni

Le complicanze dello pneumotorace sono comuni e si verificano nella metà dei pazienti:

  1. La pleurite è una conseguenza comune del pneumotorace del polmone. È spesso accompagnato dalla formazione di aderenze, che interferiscono con la normale espansione del polmone..
  2. Il mediastino si riempie di aria, che porta allo spasmo dei vasi cardiaci.
  3. L'aria entra nel tessuto sottocutaneo, il cosiddetto enfisema sottocutaneo.
  4. Sanguinamento pleurico.
  5. Con un decorso prolungato della malattia, il polmone colpito inizia a crescere eccessivamente con il tessuto connettivo. Si restringe, perde elasticità, non riesce a raddrizzarsi anche dopo la rimozione delle masse d'aria dalla zona pleurica. Questo porta a insufficienza respiratoria..
  6. Edema polmonare.
  7. Con una vasta area di danno al tessuto polmonare, è possibile un esito fatale.

Diagnostica

La diagnosi di pneumotorace si basa sui dati ottenuti durante l'esame e l'esame del paziente. La percussione rivela un suono squadrato o timpanico, che si diffonde alle costole inferiori, spostamento o espansione dei confini dell'ottusità cardiaca. L'indebolimento o l'assenza di tremore della voce è determinato dalla palpazione. La respirazione è compromessa o non può essere ascoltata.

L'esame a raggi X consente di rilevare l'area di illuminazione e spostamento degli organi mediastinici, non esiste un pattern polmonare. Un'immagine più dettagliata può essere ottenuta utilizzando la tomografia computerizzata. Ulteriori metodi diagnostici sono: puntura pleurica con manometria, videotoracoscopia, emogasanalisi, elettrocardiografia.

Con emopneumotorace e piopneumotorace, viene eseguita una puntura diagnostica per determinare la composizione cellulare e la presenza di microbi patogeni.

Trattamento di pneumotorace

Lo pneumotorace è una condizione che richiede cure di emergenza, che verranno fornite in un ospedale. Lo pneumotorace viene trattato da chirurghi e pneumologi. Lo pneumotorace aperto richiede una medicazione ermetica, lo pneumotorace valvolare richiede una puntura urgente con rimozione dell'aria e un ulteriore intervento chirurgico per rimuovere la valvola di aspirazione.

In futuro, il trattamento ospedaliero dipenderà dalle cause del pneumotorace: questa è la rimozione dell'aria, il ripristino della normale pressione all'interno della pleura e la sutura delle ferite, la rimozione dei frammenti delle costole, la chirurgia polmonare, ecc..

Per sopprimere nuovamente lo sviluppo del pneumotorace, viene eseguita la procedura di pleurodesi: la creazione di aderenze artificiali nella pleura con il polmone completamente raddrizzato.

Intervento chirurgico

Con una ferita penetrante nella cavità toracica (ad esempio, nelle operazioni militari), dopo di che si sviluppa il pneumotorace e si verifica una perdita d'aria unilaterale, è necessario un intervento pre-medico. Per questo, sono stati sviluppati aghi di decompressione che, se opportunamente manipolati, pompano l'aria che entra nella cavità pleurica, grazie alla quale la pressione può essere stabilizzata. Inoltre, sono state sviluppate speciali medicazioni occlusive (film), su base adesiva, che aderiscono anche alla pelle bagnata, creando una sovrapposizione ermetica nel sito della ferita e impedendo che la pressione nel torace sia uguale a quella atmosferica.

Lo pneumotorace in una qualsiasi delle sue manifestazioni richiede un intervento chirurgico. Questi includono i seguenti tipi di procedure:

  • Tipo chiuso: con l'aiuto della puntura, l'aria viene pompata fuori dalla cavità pleurica.
  • Tipo aperto: viene eseguita la toracoscopia o la toracotomia per controllare il tessuto polmonare e la pleura. Il difetto viene suturato, interrompendo così il flusso d'aria nella cavità pleurica. Quindi l'evento viene ripetuto come con il tipo chiuso.
  • Pneumotorace valvolare: la puntura viene eseguita utilizzando un ago spesso. Successivamente, vengono trattati chirurgicamente.
  • Pneumotorace ricorrente: rimuovi chirurgicamente le sue cause. Spesso viene installato un tubo di drenaggio per evacuare l'aria, piuttosto che una normale puntura pleurica..

Previsione e prevenzione

Di solito, le manifestazioni non complicate della malattia non hanno conseguenze negative per il corpo umano. La prognosi è determinata dal grado e dalle dimensioni del danno alle vie respiratorie. Più rapidamente viene fornito l'aiuto, meno è probabile che la condizione peggiori.

Fino al 40% delle persone può sperimentare una ricaduta. Di solito la recidiva si verifica entro sei mesi dal primo attacco.

  • Infezione da HIV - non più del 25%.
  • Nelle persone con fibrosi cistica congenita, con sviluppo di pneumotorace unilaterale del 5%. Il doppio lato dà il 25%.
  • Nelle persone con malattia polmonare ostruttiva cronica, una media del 5%.

Non esistono misure mediche speciali per prevenire l'insorgenza di pneumotorace. Per ridurre il rischio di sviluppare patologie gravi, è importante cercare sempre un aiuto medico in modo tempestivo nello sviluppo di malattie degli organi interni dell'apparato respiratorio. Ciò è particolarmente vero per bronchite, asma, polmonite.

I pazienti che hanno sofferto di pneumotorace devono fare attenzione alla loro salute. L'attività fisica pesante è esclusa. Una volta all'anno è richiesta una visita medica completa, con particolare attenzione alle radiografie del torace e agli esami del sangue e dell'espettorato per la tubercolosi. Con frequenti recidive, l'unico trattamento per il pneumotorace è la chirurgia - toracoscopia.

Ciao. Ho avuto uno pneumotorace spontaneo del seno destro, malattia cistico-bollosa, ho subito un'operazione per rimuovere il bul. Sono passati tre mesi, non c'è già quasi nessun dolore al petto, ma già 3-4 volte mi sono sentito male, come con il pneumotorace (pallore della pelle del viso, paura incomprensibile, le mani tremano un po ', pelle d'oca) ma non onoro alcun cambiamento speciale nel mio petto. Dopo una simile fluorografia al computer, hanno detto che tutto era in ordine con il polmone. Perché sta accadendo e cosa è necessario fare ?

Pneumotorace (collasso del polmone)

Informazione Generale

Lo pneumotorace è l'accumulo di aria nella cavità pleurica, che porta al collasso del polmone, seguito dallo spostamento del mediastino verso il lato sano. La cupola del diaframma scende e i vasi del mediastino vengono bloccati, il che influisce negativamente sul lavoro dei sistemi cardiovascolare e respiratorio.

Come risultato dello pneumotorace, il gas può entrare tra gli strati della pleura parietale e viscerale attraverso qualsiasi difetto nel torace o sulla superficie del polmone. Dopo che l'aria è entrata nella cavità pleurica, la pressione all'interno della pleura aumenta (dovrebbe essere inferiore a quella atmosferica), il che porta al collasso parziale o completo del polmone. Codice icb-10: J93 Pneumothorax (pneumotorace).

Il pneumatorace intestinale viene erroneamente confuso con la pneumatosi intestinale, che è caratterizzata dalla comparsa di cisti contenenti gas o aria.

Patogenesi

Lo pneumotorace spontaneo primario si verifica a seguito della rottura di bolle enfisematose localizzate subpleuricamente, che si formano sullo sfondo di difetti congeniti delle strutture polmonari elastiche o sullo sfondo di cisti che si sono sviluppate in modo anomalo nei loro bronchioli terminali.

Fino ad ora, la patogenesi della formazione del toro rimane sconosciuta. Si ritiene che si siano formati a seguito della degradazione delle fibre elastiche nei polmoni, dovuta all'attivazione di macrofagi e neutrofili sullo sfondo del fumo. C'è uno spostamento nell'equilibrio tra antiproteasi, proteasi e sistema di ossidazione antiossidante. Le bolle formate provocano il blocco infiammatorio delle piccole vie aeree, che porta ad un aumento della pressione intra-alveolare e l'aria entra nell'interstizio polmonare.

L'aria si muove verso la radice del polmone, provocando l'enfisema mediastinico. A causa dell'aumentata pressione nel mediastino, la pleura mediastinica parietale si rompe con lo sviluppo di pneumotorace. L'aumento della pressione intrapleurica impedisce al fluido di sudare nella cavità pleurica.

Come risultato di un grande pneumotorace spontaneo primario, c'è una forte diminuzione della capacità vitale dei polmoni, un aumento del gradiente di ossigeno alveolo-arterioso, seguito dallo sviluppo di ipossiemia di varia gravità. L'ipossiemia si sviluppa sullo sfondo dello squilibrio ventilazione-perfusione e della formazione di uno shunt da destra a sinistra. Il quadro clinico dipenderà direttamente dalla gravità di questi disturbi. Il mantenimento del normale scambio di gas non consente lo sviluppo di ipercapnia.

La rottura del tessuto polmonare può verificarsi nell'area della fusione pleurica con respirazione forzata o tosse. Lo pneumotorace spontaneo secondario si sviluppa con uno sfondamento nella cavità pleurica del focus patologico nelle persone che soffrono di malattie distruttive del sistema polmonare (cancrena del polmone, ascesso polmonare, cavità tubercolare, infarto polmonare). Un processo simile può verificarsi in pazienti con istiocitosi X, malattie neoplastiche del mediastino e dei polmoni, malattie ostruttive croniche (asma bronchiale).

Molto spesso, viene registrato uno pneumotorace del lato destro, molto meno spesso bilaterale.

Classificazione, tipi di pneumotorace

Per distribuzione ci sono:

  • pneumotorace unilaterale (lato destro o lato sinistro);
  • pneumotorace bilaterale.

Per lo sviluppo di complicazioni:

  • semplice;
  • complicato (sanguinamento, enfisema, pleurite).

Dal volume d'aria nella cavità pleurica:

  • Piccolo (meno del 20% del tessuto polmonare è in uno stato di collasso). Alla radiografia, un piccolo pneumotorace sembra un piccolo bordo d'aria lungo il bordo periferico del polmone e, di regola, non richiede un trattamento specifico in assenza di sintomi di insufficienza respiratoria.
  • Medio (il polmone collassa fino a metà della distanza tra il bordo del cuore e il bordo laterale della cavità pleurica). Lo pneumotorace medio necessita di trattamento: utilizzando aspirazioni ripetute, un ago e una siringa con un volume di 50-100 ml, viene eseguita la puntura della cavità pleurica con aspirazione dell'aria.
  • Grande. Con un grande pneumotorace, è necessario uno speciale tubo di drenaggio, concentrandosi sugli stessi punti di riferimento anatomici dell'aspirazione. Aiuta a collegare lo scarico a un sistema a sifone che funge da valvola unidirezionale. È possibile utilizzare immediatamente un tubo di scarico dotato di una valvola speciale.

Lo pneumotorace per la comunicazione con l'ambiente è suddiviso in:

  • Apri pneumotorace. Nella cavità pleurica si crea una pressione pari alla pressione atmosferica a causa della comunicazione della cavità pleurica con l'ambiente esterno. La condizione più importante per l'espansione del polmone è la pressione negativa nella cavità pleurica, motivo per cui con uno pneumotorace aperto il polmone collassa. Nel polmone collassato, lo scambio di gas non può avvenire. Lo pneumotorace aperto spegne completamente il polmone dal processo respiratorio, il sangue cessa di essere completamente arricchito di ossigeno.
  • Pneumotorace chiuso. La comunicazione con l'ambiente esterno è completamente assente. Un piccolo volume di gas entra nella cavità pleurica, che non aumenta. Lo pneumotorace chiuso è considerato il più semplice perché l'aria intrappolata nella cavità pleurica può dissolversi gradualmente da sola. Il polmone non si espande in questo caso..
  • Pneumotorace valvolare. Si sviluppa durante la formazione di una struttura valvolare, che può far passare l'aria solo in una direzione: dall'ambiente esterno o dal polmone nella cavità pleurica. La struttura valvolare impedisce il ritorno dell'aria e ad ogni atto respiratorio la pressione nella cavità pleurica aumenta. Lo pneumotorace valvolare è considerato il più pericoloso perché oltre a spegnere il polmone dal processo respiratorio, si verifica l'irritazione delle fibre nervose nella stessa pleura, che porta inevitabilmente a shock pleuropolmonare e spostamento degli organi nel mediastino, che influisce negativamente sul loro lavoro e sul bloccaggio di grandi arterie e vene.

Inoltre, lo pneumotorace può essere:

  • pieno (il polmone collassa completamente);
  • parietale (il polmone non è completamente raddrizzato, una piccola quantità di aria è nella cavità pleurica, è considerato un "tipo chiuso");
  • incapsulato (formato sullo sfondo di lesioni adesive della pleura viscerale e parietale, può essere completamente asintomatico, è considerato meno pericoloso);
  • pneumotorace bilaterale completo (a causa di una compromissione critica della funzione respiratoria con assistenza prematura, può portare a una morte molto rapida).

Lo pneumotorace teso è una condizione pericolosa per la vita causata dall'accumulo di aria ad alta pressione nella cavità pleurica. La forma tesa si sviluppa più spesso a seguito di lesioni traumatiche al torace, ma può essere una conseguenza di alcune malattie dell'apparato respiratorio. In assenza di una terapia tempestiva, lo pneumotorace tensivo è fatale a causa dell'eccessiva compressione degli organi mediastinici, del cuore e dei grandi vasi.

Lo pneumotorace traumatico si sviluppa dopo l'esposizione a un trauma nella zona del torace, seguito dalla rottura del foglio pleurico (con coltellate, ferite da arma da fuoco). Lo pneumotorace traumatico può svilupparsi anche con una lesione toracica chiusa: la foglia pleurica è danneggiata da una costola rotta.

Lo pneumotorace spontaneo non è associato a trattamento iatrogeno, interventi diagnostici o traumi. Il collasso polmonare spontaneo si legge idiopatico, spontaneo. Le ragioni possono essere molto diverse (fibrosi cistica, spondilite anchilosante, sarcoidosi di Beck, ecc.).

Cause di pneumotorace

È consuetudine distinguere due gruppi di motivi.

Danni meccanici ai polmoni e al torace. Questi includono:

  • ferite penetranti e altre lesioni traumatiche aperte del torace;
  • lesioni toraciche chiuse con danni al tessuto polmonare da frammenti delle costole;
  • pneumotorace indotto artificialmente, che viene sovrapposto a scopo diagnostico nella toracoscopia e per scopi terapeutici nella tubercolosi polmonare;
  • iatrogeny - complicazioni dopo procedure diagnostiche e terapeutiche (blocco del nervo intercostale, installazione di un catetere succlavia, puntura della cavità pleurica).

Malattie del torace e dei polmoni:

  • Carattere specifico. Il collasso polmonare si verifica a seguito di una svolta del fuoco cavernoso nella tubercolosi, rottura della caverna.
  • Carattere non specifico. Il collasso si sviluppa a seguito della rottura delle cisti d'aria in pazienti con enfisema (malattia bollosa) dei polmoni, così come quando un ascesso polmonare si rompe nella cavità pleurica (piopirotorace), con rottura spontanea dell'esofago.

Le cause del pneumotorace spontaneo (secondario):

  • endometriosi dei polmoni;
  • malattia bollosa;
  • neoplasie maligne;
  • malattie infettive (polmonite atipica);
  • lesioni polmonari interstiziali;
  • malattie infiammatorie del tessuto connettivo (morbo di Marfan, polimiosite, spondilite anchilosante).

Sintomi di pneumotorace dei polmoni

Con tutte le forme di pneumotorace valvolare, si nota un quadro clinico tipico, caratterizzato dallo sviluppo di gravi disturbi respiratori e circolatori potenzialmente letali.

Le condizioni del paziente si deteriorano molto rapidamente, compaiono i sintomi caratteristici del pneumotorace:

  • eccitazione motoria;
  • aumento della dispnea espiratoria con espirazione difficile e prolungata;
  • cianoticità delle mucose, della pelle;
  • respiro irregolare e rapido con inspirazione intermittente e dolore al petto.

I rumori respiratori nello stesso momento bruscamente si indeboliscono, in alcuni casi non si sentono affatto.

Il respiro e la mancanza di respiro assumono un carattere specifico e peculiare. Il paziente cerca di trattenere il respiro mentre inspira, perché quando si espira, si ha una diminuzione del volume toracico e della compressione dei polmoni già compressi, sia sul lato affetto che su quello sano. C'è un aumento della pressione sanguigna, seguito da una rapida diminuzione.

L'impulso nelle fasi iniziali è teso, quindi diventa più frequente con un riempimento debole. C'è una pronunciata levigatezza degli spazi intercostali sul lato colpito e una piccola escursione del torace.

Quando l'emotorace è attaccato, il suono della scatola sarà determinato a percussione. L'ostruzione del deflusso venoso è indicata da vene del collo fortemente espresse e dilatate. Viene registrato un enfisema arioso ben evidente, che può colpire la testa, il collo, gli arti e l'intero tronco. Per valutare il corso dinamico del processo, viene eseguita una radiografia del torace.

Analisi e diagnostica

Nei pazienti critici, lo pneumotorace può essere diagnosticato con informazioni dalla storia medica e dall'esame obiettivo. Il paziente è registrato:

  • forte dolore al petto;
  • rapida insorgenza di mancanza di respiro;
  • ipotensione;
  • palpitazioni, tachicardia;
  • spostamento tracheale controlaterale;
  • polso paradossale;
  • diminuzione della gravità dei suoni respiratori.

Tutti i segni di cui sopra non sono altamente specifici e sono caratteristici esclusivamente per il pneumotorace. Con lo pneumotorace spontaneo secondario, la gravità della dispnea non corrisponde alla scala dello pneumotorace e l'enfisema latente può causare una respirazione indebolita.

Tali cambiamenti acuti nei parametri di ventilazione, come un aumento della pressione nelle vie aeree o una diminuzione del volume corrente, possono essere associati a pneumotorace o essere una manifestazione di un'altra patologia. Questo è il motivo per cui le radiografie del torace rimangono il gold standard per la diagnosi di pneumotorace..

raggi X

Sul roentgenogram, il segno principale della patologia è l'area di illuminazione, che si trova lungo il bordo periferico del campo polmonare e separata da un bordo chiaro dal polmone collassato. Il sito è privo di pattern polmonare. L'esame a raggi X rivela la comunicazione tra l'ambiente e la cavità pleurica.

Il principale segno radiologico dello pneumotorace è l'area di illuminazione, priva di pattern polmonare, situata lungo la periferia del campo polmonare e separata dal polmone collassato da un bordo chiaro corrispondente all'immagine della pleura viscerale. L'esame a raggi X può rivelare la connessione della cavità pleurica con l'ambiente esterno.

Con uno pneumotorace aperto all'ispirazione, si nota un aumento della bolla di gas, il collasso del polmone e il successivo spostamento degli organi mediastinici verso il lato non affetto. La cupola del diaframma si abbassa.

Con una forma chiusa di pneumotorace, l'immagine sul roentgenogram dipende dalla quantità di gas raccolti nella cavità pleurica e dal livello di pressione intrapleurica. Se il volume d'aria nella cavità pleurica è piccolo e la pressione è inferiore a quella atmosferica e il polmone è solo leggermente collassato, durante l'espirazione collassa e durante l'inalazione aumenta di volume.

Se la pressione è superiore alla pressione atmosferica, il polmone collassa bruscamente, la sua escursione respiratoria sarà appena percettibile e anche gli organi mediastinici si sposteranno sul lato sano, il diaframma si abbasserà. Se la pressione atmosferica e quella intrapleurica sono uguali, il polmone collassa solo parzialmente, mentre l'escursione respiratoria viene preservata e gli organi mediastinici vengono spostati solo leggermente sul lato sano.

Con lo pneumotorace valvolare, la configurazione del polmone collassato nell'atto di respirare e le sue dimensioni non cambiano. Il polmone collassa completamente, consentendo agli organi mediastinici di spostarsi bruscamente sul lato sano e, durante l'espirazione, ritornano parzialmente nell'area interessata. Con l'iniezione prolungata di gas nella cavità pleurica con valvola pneumotrox, si forma un pneumotorace teso. Viene registrato un brusco spostamento del mediastino nel lato sano, il diaframma diventa più denso e discende, l'aria può apparire nei tessuti molli del torace.

Con lo pneumotorace totale, l'aria riempie l'intera cavità pleurica, l'ombra mediastinica riempie l'intero lato sano, la cupola del diaframma si sposta verso il basso.

Se esaminato in posizione laterale, è possibile rilevare anche un piccolo accumulo di gas. Sul lato della lesione, vengono registrati un approfondimento del seno costofrenico, l'appiattimento e la levigatura dei contorni della superficie laterale laterale del diaframma. Se, insieme all'aria, il sangue entra nella cavità pleurica, si sviluppa un'immagine di emopneumotorace con la formazione di un bordo orizzontale tra i due media.

Scansione TC

Grazie a questo metodo, è possibile non solo confermare la diagnosi, ma anche valutare le dimensioni del pneumotorace, la condizione del parenchima polmonare. Lo studio aiuta a differenziare la patologia con malattie bollose, che aiuta a prevenire un drenaggio improprio e la formazione di fistole parenchimali-pleuriche. Grazie alla TC, lo pneumotorace latente è diventato più spesso diagnosticato, che non si manifesta clinicamente e non viene rilevato dai raggi X. L'incidenza di pneumotorace latente nei pazienti con politrauma raggiunge il 64% e nella popolazione generale varia dal 2-15%.

Ecografia toracica

L'ecografia è il metodo diagnostico più conveniente. Il metodo presenta diversi vantaggi rispetto alla tomografia computerizzata e alla radiografia:

  • la capacità di esaminare il paziente al capezzale;
  • mancanza di radiazioni;
  • visualizzazione dell'immagine in tempo reale;
  • la capacità di valutare lo sviluppo dinamico del processo.

L'ecografia è considerata il metodo più sensibile e specifico nella diagnosi del collasso polmonare rispetto ai raggi X, perché può essere utilizzata per valutare la riespansione del polmone dopo il drenaggio toracostomico. Uno svantaggio significativo è la necessità di insegnare la corretta visualizzazione e interpretazione dei risultati da parte del medico curante che non lavora come radiologo nella specialità principale.

Con l'enfisema sottocutaneo, le onde ultrasoniche passano molto male nel torace. Il metodo è considerato estremamente utile quando è necessario escludere il collasso del polmone dopo cateterizzazione dei vasi centrali e procedure pleuriche, consentendo di non ritardare la radiografia portatile.

Trattamento del pneumotorace dei polmoni

Lo stadio principale nel pneumotorace aperto è l'applicazione di una speciale medicazione occlusiva, che coprirà strettamente e completamente la ferita. Inoltre, vengono prese misure per mantenere il normale funzionamento dei sistemi respiratorio e cardiovascolare.

Il volume della perdita di sangue viene reintegrato e, se necessario, allevia il dolore. In condizioni stazionarie, viene eseguito il trattamento chirurgico e la successiva sutura del difetto della ferita nel torace con formazione mediante drenaggio di aspirazione costante di aria e deflusso di essudato dalla cavità pleurica.

Il volume dell'intervento chirurgico è determinato dalla natura del danno con la massima conservazione possibile dei tessuti di un polmone sano. Dopo il completamento dell'intervento chirurgico, viene installato uno scarico permanente.

Con una forma aperta di pneumotorace, la terapia mira ad eliminare la causa sottostante, seguita dal drenaggio. Se il danno è troppo esteso e se non è possibile raddrizzare il polmone, viene eseguita un'ostruzione temporanea del bronco utilizzando un sughero speciale in gommapiuma o un materiale simile. Grazie al tappo, il flusso d'aria nella cavità pleurica si interrompe e si creano tutte le condizioni necessarie per la completa espansione del polmone precedentemente collassato. Durante l'otturazione del bronco, la pleura viscerale cresce insieme alla pleura parietale, il che consente di eliminare completamente lo pneumotorace.

Quanto tempo impiega il polmone ad espandersi

In caso di pneumotorace primario spontaneo, vengono eseguite inalazioni di ossigeno per accelerare il riassorbimento dei gas nella cavità pleurica, che consente di accelerare il processo 4 volte. Con la respirazione standard con aria regolare, l'aria viene assorbita a una velocità molto bassa - solo il 2% al giorno.

Nel 70% dei pazienti con pneumotorace spontaneo primario di volume moderato, la semplice aspirazione di aria dalla cavità pleurica è considerata efficace. Se più di 2,5 litri di gas vengono aspirati da un paziente di età superiore ai 50 anni, è probabile che i medici falliscano..

Se tutto è andato bene, entro 6 ore dall'aspirazione non ci sono gas nella cavità pleurica e il paziente può essere rilasciato a casa il giorno successivo se la condizione è stabile. Se, dopo l'aspirazione attraverso il catetere, il polmone non si espande, il catetere viene portato alla valvola di Helmich o alla trazione subacquea, che vengono utilizzate come tubo di drenaggio..

Medicinali

Per l'anestesia vengono utilizzati analgesici narcotici:

  • Morfina;
  • Promedol;
  • Pantopon.

Come terapia sintomatica:

  • Codeina;
  • Libexin.

Procedure e operazioni

La puntura pleurica con manometria consente di chiarire il tipo di pneumotorace spontaneo. Gli indicatori di pressione intrapleurica con pneumotorace spontaneo chiuso sono positivi o leggermente negativi. Con una forma aperta di pneumotorace, tendono a zero, con una valvola - con una tendenza ad aumentare, positiva.

Il fluido aspirato ottenuto a seguito della puntura dalla cavità pleurica viene inviato al laboratorio per lo studio della composizione cellulare e l'analisi della microflora. La toracoscopia viene eseguita per determinare la dimensione e la posizione della fistola pleurica.

Pronto soccorso per pneumotorace

Con l'inizio del pneumotorace (chiuso, aperto o con valvola), sono necessarie cure di emergenza. Se possibile, l'assistenza dovrebbe essere qualificata e fornita in un ospedale specializzato. In alcuni casi, la fornitura competente e tempestiva di pronto soccorso può salvare la vita umana. In caso di pneumotorace aperto o sospetto collasso del polmone, è necessario seguire una certa sequenza.

Algoritmo di cure di emergenza per pneumotorace spontaneo:

  • Adagiare la vittima su una superficie rialzata per garantire la posizione più favorevole per il sistema respiratorio.
  • Applicare una medicazione occlusiva sulla superficie della ferita, che può essere un mezzo che garantisce la tenuta della parte interessata nella cavità toracica durante le cure di emergenza. Da mezzi improvvisati, vengono utilizzati film di polietilene, cerotto adesivo, tessuto gommato. La medicazione occlusiva viene fissata con bende o qualsiasi tessuto precedentemente trattato con un disinfettante o iodio. La corretta applicazione del bendaggio impedisce all'agente infettivo di entrare nella superficie della ferita e previene lo sviluppo di un'infezione batterica. L'area intorno alla ferita deve essere trattata con crema per neonati o vaselina. In un ambiente ospedaliero, il medico tratterà la superficie della ferita con un unguento speciale e applicherà uno speciale tovagliolo idroattivo.
  • Il paziente deve essere anestetizzato, l'uso di analgesici narcotici è consentito in caso di sindrome da dolore grave.
  • Per rimuovere l'aria e drenare la cavità pleurica con drenaggio in un ospedale, il paziente viene sottoposto a una puntura pleurica.
  • I farmaci ormonali (desametasone) vengono utilizzati per mantenere la pressione sanguigna normale.
  • Se necessario, vengono eseguite misure di rianimazione.

Pneumotorace nei neonati

La causa più comune di pneumotorace è l'iperestensione degli alveoli con successiva rottura. Può verificarsi spontaneamente o sullo sfondo di un difetto dello sviluppo (cisti polmonare congenita, polmonite lobare congenita). Con la polmonite da aspirazione, la sindrome da perdita d'aria si sviluppa nelle prime 24-26 ore di vita di un bambino.

Il primo giorno di vita di un bambino, uno dei fattori che predispongono allo sviluppo del pneumotorace è l'ipoplasia polmonare, a seguito della quale la superficie degli alveoli diminuisce e l'indicatore della compliance del tessuto polmonare diminuisce..

L'ipoplasia polmonare è comune quando:

  • oligoidramnios di varia origine (displasia renale, sindrome di Potter, prolungata fuoriuscita di liquido amniotico, agenesia renale);
  • malformazioni del torace (asfissia del torace);
  • compressione dei polmoni (con hiltorace, versamento pleurico, ernia diaframmatica);
  • debolezza dei movimenti intrauterini respiratori (con malattie neuromuscolari, oligoidramnios).

Sintomi di pneumotorace nei neonati

La patologia può essere assolutamente asintomatica. I pazienti in ventilazione meccanica possono manifestare un deterioramento spontaneo delle loro condizioni:

  • cianosi grave;
  • asimmetria del torace con danno polmonare unilaterale;
  • bradicardia.

Al minimo sospetto di pneumotorace, viene eseguita una radiografia dell'OGK del neonato. Le analisi dei gas rivelano acidosi mista o respiratoria, ipossiemia.

È imperativo eseguire la diagnostica differenziale con malattie come:

  • enfisema lobare;
  • ernia diaframmatica congenita;
  • malformazione cistica, adenomatosa;
  • fistola esofagopleurica;
  • cisti broncogeniche.

Una complicanza comune del pneumotorace in un neonato è:

  • insufficienza polmonare o cardiaca;
  • lesione infettiva;
  • emopneumotorace;
  • fistola broncopleurica;
  • emorragia intraventricolare.

Trattamento del pneumotorace nei neonati

  • Puntura della cavità pleurica. La manipolazione viene utilizzata per il trattamento sintomatico rapido del pneumotorace prima dell'installazione di un drenaggio permanente. La puntura è sufficiente per i bambini che non sono ventilati.
  • Terapia respiratoria.
  • Ventilazione tradizionale.

Per la fistola broncopleurica persistente, viene utilizzata come riserva l'intubazione selettiva del polmone controlaterale, la pleurodesi con iodio povidone o colla di fibrina.

Prevenzione del pneumotorace nei neonati

  • somministrazione di tensioattivo a bambini prematuri;
  • introduzione precoce del tensioattivo con ventilazione meccanica a breve termine (estubazione rapida su nCPAP);
  • ventilazione meccanica tradizionale ad alta frequenza con T vd inferiore a 0,5 s;
  • ventilazione volumetrica.

L'esecuzione della rianimazione primaria di un neonato con asfissia può provocare danni al tessuto polmonare con il successivo rilascio di gas nella cavità pleurica. In alcuni casi, la rottura della pleura viscerale si verifica spontaneamente.

Conseguenze e complicazioni

Lo shock ostruttivo si sviluppa a seguito della compressione dei polmoni e del cuore con essudato, aria o sangue con uno pneumotorace teso, tamponamento cardiaco. Tutto ciò porta ad una diminuzione della gittata cardiaca e ad una diminuzione del ritorno venoso..

Previsione

In assenza di una terapia tempestiva, lo pneumotorace può essere fatale.

Elenco delle fonti

  • Yasnogorodsky O.O., Kachikin A.S., Vinarskaya V.A., Taldykin I.M., Kerner D.V. "Sul pneumotorace spontaneo", articolo sulla rivista RMZh №30, 2014
  • Vinarskaya V.A. "Pneumotorace non traumatico: tattiche di trattamento", cancro al seno n. 25, 2014
  • Rabedzhanov M.M. "Il ruolo della videotoracoscopia nella diagnosi e nella scelta del trattamento per lo pneumotorace spontaneo" Mosca, 2007

Istruzione: Laureato in Medicina Generale presso la Bashkir State Medical University. Nel 2011 ha conseguito un diploma e un attestato nella specialità "Terapia". Nel 2012 ha ricevuto 2 attestati e un diploma nelle specialità "Diagnostica funzionale" e "Cardiologia". Nel 2013 ha seguito corsi su "Temi di attualità dell'otorinolaringoiatria in terapia". Nel 2014 ha seguito corsi di alta formazione nella specialità "Ecocardiografia clinica" e corsi nella specialità "Riabilitazione medica". Nel 2017 ha completato i corsi di alta formazione nella specialità "Ecografia vascolare".

Esperienze lavorative: Dal 2011 al 2014 ha lavorato come terapista e cardiologa presso il Policlinico MBUZ n. 33 di Ufa. Dal 2014 lavora come cardiologa e dottore in diagnostica funzionale presso il Policlinico MBUZ n. 33 di Ufa. Dal 2016 lavora come cardiologo presso il Policlinico n. 50 di Ufa. Membro della Società Russa di Cardiologia.

Pneumotorace: cause, sintomi, trattamento e prevenzione

Lo pneumotorace è una malattia che causa l'accumulo di aria nella cavità pleurica dei polmoni. Si verifica la loro depressurizzazione.

La penetrazione dell'aria nella pleura aumenta la pressione. Quindi c'è una recessione parziale o completa del polmone.

Le condizioni della persona sono molto gravi e necessitano di un aiuto urgente. Lo pneumotorace è aperto e chiuso. Il suo verificarsi è spesso dovuto a malattie polmonari o lesioni ricevute (ferite da taglio, ferite da arma da fuoco e così via).

  1. Cause della malattia
  2. Sintomi
  3. Diagnostica
  4. Complicazioni
  5. Trattamento
  6. Farmaci (farmaci)
  7. Chirurgia
  8. Esercizio postoperatorio
  9. Trattamenti domiciliari complementari e alternativi
  10. Trattamento a base di erbe
  11. Prevenzione
  12. Previsione
  13. Video collegati

Cause della malattia

La probabilità di sviluppare pneumotorace spontaneo è osservata nelle persone di mezza età. Le ragioni dell'evento possono essere:

  • malattia bollosa;
  • malattie infettive (polmonite atipica, tubercolosi polmonare);
  • endometriosi dei polmoni;
  • lesioni polmonari interstiziali;
  • formazioni maligne;
  • infiammazione del tessuto connettivo (spondilite anchilosante e morbo di Marfan, artrite reumatoide, polimiosite).

Lo pneumotorace traumatico si forma dopo un trauma alla cavità toracica. Distinguere:

  1. Ferite penetranti al torace (ferite da taglio, ferite da arma da fuoco e schegge).
  2. Lesioni al torace senza effetto penetrante dall'ambiente esterno (provocate da traumi tissutali dagli spigoli vivi delle costole rotte, rottura del polmone).

Lo pneumotorace valvolare si sviluppa dopo spontaneo o traumatico. È una delle specie più pericolose.

Lo pneumotorace iatrogeno può essere una conseguenza delle procedure mediche. Ad esempio:

  • puntura della pleura;
  • posizionamento improprio di un catetere venoso centrale;
  • prelievo di un campione del tessuto polmonare interessato (biopsia);
  • Biopsia transbronchiale endoscopica;
  • rottura degli alveoli durante la ventilazione meccanica del polmone (barotrauma).

Lo pneumotorace artificiale è usato per trattare la tubercolosi (principalmente con forme distruttive fresche). Questa è una procedura per introdurre ossigeno nella cavità pleurica. La procedura viene utilizzata per ridurre le cavità formate.

Lo pneumotorace nei neonati è considerato anormale. Il verificarsi di questa malattia è associato a patologie genetiche dei polmoni e della pleura, nonché a lesioni e processi infiammatori. Le ragioni possono essere:

  • forte pianto;
  • rottura con respirazione artificiale forzata;
  • patologia genetica;
  • ascesso polmonare rotto;
  • cisti rotta.

Lo pneumotorace catameniale o mestruale è una forma rara che si sviluppa 2-3 giorni dopo l'inizio del sanguinamento mestruale. Si verifica per motivi:

  • endometriosi intratoracica;
  • produzione di ormoni durante l'ovulazione - prostaglandina F2. Il suo aspetto provoca il restringimento dei bronchioli..
  • l'assenza di un tappo mucoso nella cervice, che consente all'aria di passare attraverso le aperture del diaframma nella pleura.

Sintomi

I sintomi del pneumotorace compaiono a causa dell'accumulo di aria nella cavità pleurica. Il loro sviluppo dipende dalle fasi della riduzione polmonare.

La dimensione del collasso del polmone è divisa in:

  • piccolo (fino al 25%);
  • medio (50-70%);
  • totale (100%);
  • teso (mediastino spostato).

Lo pneumotorace spontaneo è:

  • primario (idiopatico);
  • secondario (sintomatico);
  • aspetto ricorrente.

La malattia è accompagnata da un attacco di tosse. C'è un dolore lancinante in una parte del polmone malato, che alla fine si trasforma in dolore. Questo è accompagnato da cianosi del viso (colore della pelle bluastro dovuto all'accumulo di anidride carbonica nel sangue), pallore. Il dolore può peggiorare con il movimento, la respirazione e la tosse. Il paziente può avere attacchi di panico. Cercando di alleviare la mancanza di respiro e il dolore, il paziente spesso giace sul lato dolorante o si siede con un'inclinazione al lato dolente.

La sindrome traumatica influisce sulle condizioni generali del paziente. C'è una diminuzione della pressione sanguigna, grave mancanza di respiro, la pelle diventa cianotica, il polso accelera e compare un'insufficienza cardiaca acuta. Durante l'espirazione, il sangue schiumoso viene rilasciato dalla ferita..

Durante il periodo di pneumotorace traumatico, l'aria può raccogliersi nel tessuto sottocutaneo dello sterno, dell'intero collo, del viso e del mediastino. Sentire il rigonfiamento dà una sensazione di scricchiolio sotto le dita.

Lo pneumotorace valvolare è una condizione estremamente grave del paziente. C'è una penetrazione dell'intera massa d'aria nell'area pleurica, la cui uscita è impossibile indietro. I sintomi e i disturbi sono estremamente pronunciati. Mancanza di respiro, a volte perdita di coscienza, cianosi aumenta rapidamente. Dolore acuto e lancinante che può irradiarsi alla scapola, alla spalla e all'addome.

In condizioni gravi, le vene degli arti superiori e le vene cervicali possono gonfiarsi. Il lato colpito è ingrandito a causa dell'allargamento degli spazi tra le costole. Aumento della frequenza cardiaca e abbassamento della pressione sanguigna.

L'enfisema sottocutaneo progredisce, la parola è inibita. Quando cresce, nel posto sbagliato, spesso causa insufficienza cardiaca e polmonare.

L'aspetto del bambino si verifica quando i polmoni non sono adeguatamente espansi. In un bambino di età inferiore ai tre anni, questo può trasformarsi in polmonite..

I sintomi spesso non compaiono clinicamente. Con complicazioni, i segni di pneumotorace nei bambini sono:

  • crampi al corpo;
  • pallore;
  • aumento della frequenza cardiaca;
  • interruzione temporanea della respirazione.

La diagnosi viene fatta dall'esame. Molto spesso è necessaria una radiografia del torace o una TC (tomografia computerizzata).

Diagnostica

L'esame viene eseguito con metodo auscultatorio (ascolto con uno stetoscopio). Pertanto, viene rivelato indebolimento o completa assenza di respirazione in una parte del polmone malato..

Toccando (percussioni), il medico sente un suono forte e basso.

Durante una scansione fluorografica profilattica, uno specialista può sospettare un tipo di pneumotorace simile a un mantello. Per essere sicuro di ciò, prescrive la diagnostica a raggi X..

Un altro metodo di esame è una radiografia. Con una malattia, l'immagine mostra le cause ei sintomi della sua manifestazione. C'è un lume senza pattern del polmone, questo è dovuto al fatto che l'aria si raccoglie nella cavità pleurica. Il diaframma può abbassarsi.

Il mediastino esce, in direzione di un polmone normalmente funzionante. Può formarsi atelettasia polmonare (contrazione parziale o completa del tessuto polmonare, che porta a una diminuzione della quantità di aria nei polmoni e interrompe la ventilazione degli alveoli).

La vista laterale posteriore mostrerà una linea sottile della pleura viscerale (non più di 1 mm). La linea di illuminazione è mostrata dalla posizione laterale.

La toracoscopia viene utilizzata per la diagnosi. Grazie a lei, viene esaminata la cavità pleurica di una persona malata. Un dispositivo speciale - un tarakoscopio - viene introdotto attraverso un'apertura praticata nella parete toracica. Con il suo aiuto, vengono rilevati gas e un aumento della pressione all'interno della pleura.

La tomografia computerizzata è uno dei migliori metodi di esame in quest'area. Permette di rilevare la presenza di gas nella pleura. Questo esame può rivelare la probabile origine di uno pneumotorace spontaneo non riconosciuto ai raggi X..

Complicazioni

Questa malattia, con un trattamento analfabeta, può portare ad alcune complicazioni. I più comuni sono:

  • con una forma valvolare, possono svilupparsi enfisema sottocutaneo e mediastilico;
  • uno strappo nel tessuto polmonare può provocare sanguinamento all'interno della pleura;
  • la formazione di aderenze che interferiscono con l'espansione del polmone. A causa loro, si sviluppa la pleurite sierosa-fibrinosa;
  • accumulo di pus nella cavità pleurica (empiema pleurico);
  • edema polmonare da reventilazione.

Un lungo decorso della malattia (soprattutto senza la tempestiva ricerca di un aiuto medico) può causare la sostituzione del tessuto polmonare con tessuto connettivo. I polmoni si restringono e perdono la loro elasticità.

Si sviluppa una cardiopatia polmonare che può portare alla morte.

Trattamento

La forma lieve, che passa senza sintomi dell'apparato respiratorio, a volte non richiede un pronto ricovero e nemmeno un trattamento. Tuttavia, deve essere osservato mediante esame a raggi X..

Con forme semplici della sua manifestazione, la vescica subpleurica o la bolla diminuisce. Un difetto nella pleura viscerale si ricopre di un fluido costituito da globuli bianchi (versamento fibroso).

Quindi si sigilla e guarisce da solo. Il riassorbimento di tutta l'aria avviene entro 3 mesi.

Le ricadute si verificano fino al 50% delle persone.

Farmaci (farmaci)

Il primo soccorso medico è fornito dall'introduzione di tali farmaci:

  • Analgesici - analgin. Per il dolore lancinante, vengono iniettate sostanze narcotiche (morfina, omnopon);
  • Antibiotici - gruppo tetraciclina (doxiciclina, tetraciclina e altri);
  • Siero antitetanico.

Dopo l'intervento chirurgico vengono prescritti fluidificanti del sangue (eparina, warfarin, ecc.).

In caso di disturbi circolatori si somministrano caffeina e canfora.

I metodi preventivi di tipo ricorrente utilizzano il metodo della pleurodesi chimica. Introdurre agenti irritanti:

  • silicato di magnesio;
  • glucosio;
  • soluzione di nitrato d'argento.

Chirurgia

Con una ferita penetrante nella cavità toracica (ad esempio, nelle operazioni militari), dopo di che si sviluppa il pneumotorace e si verifica una perdita d'aria unilaterale, è necessario un intervento pre-medico.

Per questo sono stati sviluppati aghi di decompressione che, con una corretta manipolazione, pompano l'aria entrando nella cavità pleurica, grazie alla quale la pressione può stabilizzarsi.

Inoltre, sono state sviluppate speciali medicazioni occlusive (film), su base adesiva, che aderiscono anche alla pelle bagnata, creando una sovrapposizione a tenuta d'aria nel sito della ferita e impedendo che la pressione nel torace sia uguale a quella atmosferica.

Lo pneumotorace in una qualsiasi delle sue manifestazioni richiede un intervento chirurgico. Questi includono i seguenti tipi di procedure:

  • Tipo chiuso: con l'aiuto della puntura, l'aria viene pompata fuori dalla cavità pleurica.
  • Tipo aperto: viene eseguita la toracoscopia o la toracotomia per controllare il tessuto polmonare e la pleura. Il difetto viene suturato, interrompendo così il flusso d'aria nella cavità pleurica. Quindi l'evento viene ripetuto come con il tipo chiuso.
  • Pneumotorace valvolare: la puntura viene eseguita utilizzando un ago spesso. Successivamente, vengono trattati chirurgicamente.
  • Pneumotorace ricorrente: rimuovi chirurgicamente le sue cause. Spesso viene installato un tubo di drenaggio per evacuare l'aria, piuttosto che una normale puntura pleurica..

Esercizio postoperatorio

Dopo un infortunio o qualsiasi altra lesione che abbia comportato lo pneumotorace, è necessario ripristinare la tua forma fisica. Per questo, vengono utilizzati esercizi di terapia fisica, che iniziano 3-4 settimane dopo l'infortunio..

È necessario iniziare (come per qualsiasi allenamento) con esercizi leggeri e delicati, aumentando gradualmente il carico. Gli esercizi più comuni sono esercizi di respirazione (gonfiare le palle, respirare in un tubo). Gli esercizi di respirazione di Strelnikova sono raccomandati attivamente dai medici.

Si consiglia di visitare la piscina e fare passeggiate a piedi.

Trattamenti domiciliari complementari e alternativi

L'autotrattamento per questa malattia è impossibile: cercare l'aiuto di uno specialista qualificato è l'unica decisione giusta. Ma puoi combinare i farmaci con le ricette della medicina tradizionale.

Trattamento a base di erbe

Ricetta di Veronica officinalis. Prepara 1 cucchiaio della pianta schiacciata in due bicchieri d'acqua. Coprite e lasciate riposare per 2 ore. Filtrare prima dell'uso. Bere un infuso di 1 cucchiaino 4 volte al giorno. Dopo diversi ricevimenti dell'infusione, l'appetito del paziente aumenta notevolmente.

Il succo di Cloudberry è molto utile. Bevilo al posto del tè, più volte al giorno.

Per ripristinare la forza, viene utilizzato un decotto di poligono. Abbassa la pressione sanguigna e aumenta la coagulazione del sangue.

Per il brodo, prendi 1 cucchiaio di materie prime a base di erbe, versaci sopra 250 g di acqua bollita. Quindi cuocere a bagnomaria per 15 minuti. Quindi togliere dal fuoco e coprire per 2 ore. Prima dell'uso, filtrare e bere 1 cucchiaio 3 volte al giorno

Prevenzione

Si raccomanda di osservare le seguenti precauzioni:

  • evitare cali di pressione barometrica (voli in aeromobili non dotati di stabilizzatori di pressione atmosferica, escludere immersioni profonde e arrampicate su roccia);
  • smettere di fumare;
  • per 3 mesi sospendere l'attività sportiva e non sollevare pesi.

Previsione

Di solito, le manifestazioni non complicate della malattia non hanno conseguenze negative per il corpo umano. La prognosi è determinata dal grado e dalle dimensioni del danno alle vie respiratorie. Più rapidamente viene fornito l'aiuto, meno è probabile che la condizione peggiori.

Fino al 40% delle persone può sperimentare una ricaduta. Di solito la recidiva si verifica entro sei mesi dal primo attacco.

  • Infezione da HIV - non più del 25%.
  • Nelle persone con fibrosi cistica congenita, con sviluppo di pneumotorace unilaterale del 5%. Il doppio lato dà il 25%.
  • Nelle persone con malattia polmonare ostruttiva cronica, una media del 5%.

Articolo Successivo
Anatomia e varianti della struttura del cerchio di Willis