Cause di epistassi


Il sangue dal naso è uno dei motivi principali per cui persone di età diverse cercano aiuto di emergenza da un otorinolaringoiatra. E tra i sanguinamenti spontanei di qualsiasi localizzazione, sono al primo posto in termini di prevalenza. Ogni anno aumenta il numero di pazienti che soffrono di questo disturbo..

L'epistassi è lo scarico di sangue dal naso o dal rinofaringe a causa di un danno vascolare. Può verificarsi in pazienti di qualsiasi età. Le epistassi indicano sempre che qualcosa non va nel corpo (o sono causate da un trauma, che richiede anche cure mediche), quindi se sono presenti, dovresti consultare un medico. In caso contrario, potrebbero verificarsi ricadute e la malattia che ha causato l'emorragia potrebbe peggiorare..

Epistassi: cause negli adulti e nei bambini

I motivi sono classificati come locali e generali. I processi locali includono processi che si verificano direttamente all'interno della cavità nasale:

  • Qualsiasi lesione al naso, alla sua membrana mucosa e alle strutture intranasali, comprese lesioni causate da interventi chirurgici o altri interventi medici e corpi estranei, lesioni alla testa.
  • Cambiamenti distrofici nella mucosa: curvatura del setto nasale, rinite atrofica.
  • Neoplasie all'interno del rinofaringe: granulomi, tumori, angiomi, sarcomi, papillomi, ecc..
  • Processi infiammatori dovuti a iperemia (sovraffollamento) della mucosa: sinusite, rinite.
  • Secchezza della mucosa nasofaringea a causa di un'umidità dell'aria insufficiente.
  • Inalazione di sostanze che irritano la mucosa nasale.

Cause comuni di epistassi:

  • Patologie cardiovascolari: ipertensione, aterosclerosi, difetti cardiaci e vascolari.
  • Un aumento significativo della temperatura corporea a causa del surriscaldamento del corpo, colpi di sole, infezioni.
  • Malattie del sangue ereditarie e acquisite (specialmente associate a una violazione della sua coagulabilità).
  • Intossicazione del corpo (incluso alcolico).
  • Mancanza o eccesso di vitamine nel corpo.
  • Sovradosaggio di anticoagulanti (fluidificanti del sangue).
  • Patologie endocrine: ipotiroidismo (mancanza di ormoni tiroidei), ipoestrogenismo (carenza di ormoni sessuali femminili - estrogeni).
  • Malattie del fegato e dei reni.
  • Sovraccarico fisico.
  • Squilibri ormonali o cambiamenti ormonali naturali nel corpo (ad esempio, epistassi sono spesso osservati nelle donne in gravidanza e negli adolescenti durante la pubertà).
  • Cambiamenti nel corpo dovuti a cambiamenti nella pressione barometrica (si verificano in persone che sono impegnate in immersioni o alpinismo, che volano in aereo o elicottero).

Riferimento! Nel 25-50% dei casi, il sanguinamento si verifica per motivi locali, in altri casi - per motivi generali.

Classificazione del sangue dal naso

Il sanguinamento è classificato in base alla posizione e alla frequenza. Possono verificarsi:

  • Nella cavità nasale.
  • Fuori dalla cavità nasale (nel rinofaringe, nei seni paranasali, nei vasi intracranici).

Inoltre, in base alla localizzazione, si distinguono le seguenti varietà:

  • Anteriore: la fonte di sanguinamento si trova sopra il turbinato medio (escrescenza sulla parete laterale della cavità nasale, che copre le aperture di deflusso dei seni mascellari e frontali).
  • Posteriore: la fonte si trova sotto il turbinato medio.

Le epistassi anteriori nella maggior parte dei casi non sono molto intense, non rappresentano una minaccia per la salute o la vita. In assenza di malattie del sangue e patologie vascolari, di solito si fermano da sole o con misure di primo soccorso minime. Con l'emorragia anteriore in un paziente, il sangue scorre dalla narice (o entrambe) a gocce o gocciolamenti.

Le epistassi posteriori sono intense, poiché i grandi vasi si trovano nelle parti profonde della cavità nasale e si osserva una significativa perdita di sangue se la loro integrità viene violata. Sono in grado di rappresentare un pericolo per la salute e persino la vita del paziente. Il sanguinamento posteriore è difficile da fermare da solo, quindi se è presente, dovresti cercare immediatamente un aiuto medico! Il sangue in questo caso spesso non esce dal naso, ma scorre giù per la gola, entrando nella bocca e nello stomaco. Il sanguinamento posteriore si verifica molto meno frequentemente di quello anteriore.

Riferimento! La fonte più comune di sanguinamento è la cavità nasale antero-inferiore. Ciò è dovuto alle caratteristiche anatomiche. In quest'area, c'è un plesso di diversi strati di reti arteriose e venose, che è facile da danneggiare.

In base alla frequenza, si distinguono i seguenti tipi di sanguinamento:

  • Una volta.
  • Ricorrente.
  • Abituale.

Riferimento! Il sanguinamento abituale è chiamato sanguinamento che si verifica più volte all'anno..

Sintomi

Il sintomo principale del sangue dal naso è lo scarico di sangue dalle narici o la sua fuoriuscita in bocca dal rinofaringe. Tuttavia, a seconda della perdita di sangue, ci sono segni di accompagnamento:

  • Nausea.
  • Tossendo sangue.
  • Sbiancamento della pelle.
  • Debolezza.
  • Rumore nelle orecchie.
  • Sete.
  • Palpitazioni.
  • Mosche lampeggianti davanti ai tuoi occhi.
  • Vertigini.

Riferimento! Con sanguinamento posteriore, il paziente può manifestare feci catramose e, se il sangue entra nello stomaco, vomito intervallato da coaguli di sangue.

Primo soccorso

Per il sangue dal naso, dovrebbero essere prese le seguenti misure:

  1. Metti la persona su una sedia in modo che il suo corpo si inclini leggermente in avanti.
  2. Il sanguinamento è meglio fermare con un tampone di cotone o una garza, inumidito con acqua o soluzione di perossido di idrogeno al 3%, posto nella narice interessata e appuntato con le dita.
  3. Prima di rimuoverlo, il tampone viene nuovamente inumidito con una pipetta e quindi estratto delicatamente.
  4. Se non c'è un tampone a portata di mano e l'emorragia non è causata da una lesione al setto nasale o da una frattura delle ossa, le ali del naso possono essere premute delicatamente contro il setto con l'aiuto del pollice e dell'indice e trattenute per diversi minuti (non più di 5), mentre la vittima deve respirare attraverso la bocca, e inclina leggermente la testa in avanti.
  5. Sul ponte del naso, puoi mettere un impacco freddo per 10-15 minuti o attaccare un impacco di ghiaccio.
  6. Quando il sangue dal naso si ferma, è necessario controllare se il sangue scorre giù per la gola: per questo, la vittima deve solo sputare e vedere se c'è sangue nella saliva.
  • Posare una persona con sangue dal naso sulla schiena.
  • Getta indietro la testa della vittima.

Attenzione! Se il sangue non si ferma o c'è un'emorragia posteriore, dovresti visitare urgentemente un medico o chiamare un'ambulanza..

Diagnostica

La diagnostica viene eseguita in più fasi:

  • Prendendo un'anamnesi, che nella maggior parte dei casi consente di determinare la causa del sanguinamento (trauma, ipertensione arteriosa, ecc.).
  • Esame visivo del naso e della sua cavità, durante il quale è possibile stabilire l'origine della patologia.
  • Misurazione della pressione sanguigna.

Possono essere assegnati studi aggiuntivi:

  • Analisi del sangue generale.
  • Coagulogramma (test di coagulazione del sangue).
  • Test per la stabilità meccanica dei capillari.
  • Studio del sistema emostatico.

È importante anche la diagnosi differenziale tra epistassi e sanguinamento gastrico o polmonare. In questo caso, viene studiato il colore e la consistenza del sangue. Quando esce dal tratto respiratorio inferiore, è scarlatto e schiumoso e il sanguinamento è accompagnato da una tosse. Con sanguinamento gastrico, il sangue coagulato, che ha un colore scuro, è accompagnato da vomito con coaguli marroni. Lo stesso identico vomito si osserva con epistassi posteriori, se il sangue è entrato nello stomaco. Ma in questo caso, c'è anche un deflusso di sangue scarlatto lungo la parete posteriore del rinofaringe..

Trattamento

Se il sangue non può essere fermato pizzicando le ali del naso con le dita o tamponando, possono essere necessarie le seguenti procedure:

  • Elettrocoagulazione ("sigillatura" di vasi mediante corrente elettrica).
  • Cauterizzazione chimica dei vasi sanguigni.

Per epistassi gravi che non possono essere eliminati con metodi conservativi, viene eseguita la chirurgia. L'operazione è anche prescritta se il sanguinamento è causato da patologie del setto nasale - per prevenire le ricadute.

Per evitare ricadute, è importante eliminare la causa della violazione. Se si tratta di un disturbo della coagulazione del sangue, vengono prescritti emostatici, farmaci che aumentano la coagulazione. Se l'emorragia è causata da carenza vitaminica, il medico seleziona i complessi vitaminico-minerali. Se necessario, il paziente viene indirizzato a uno specialista ristretto: cardiologo, endocrinologo, urologo, ecc..

Prevenzione

Non è certamente possibile prevenire eventuali epistassi (soprattutto quando si tratta di lesioni impreviste), ma il rischio che si verifichino può essere ridotto al minimo. Per questo, è necessario trattare tempestivamente tutte le patologie comuni e le malattie ORL. Se hai più emorragie ricorrenti, dovresti vedere un otorinolaringoiatra. Anche se riesci facilmente a fermare il sangue da solo, dovresti identificare la causa della patologia e solo un medico può farlo.

Inoltre, le misure preventive includono l'idratazione regolare delle mucose delle membrane nasali e dell'aria interna. Evita il surriscaldamento, cerca di non inalare sostanze irritanti.

Cause di sangue dal naso, pronto soccorso e trattamento

Il sanguinamento dal naso (scientificamente - epistassi) è una patologia molto comune negli esseri umani. Con esso, c'è uno scarico di sangue dalla cavità nasale, che si verifica a causa della rottura dei vasi sanguigni. In alcuni casi, l'epistassi porta a grandi perdite di sangue e persino a pericolo di vita. Nel 20% di tali emorragie è necessaria l'assistenza medica immediata. La mucosa nasale è caratterizzata dalla presenza di un numero significativo di piccoli vasi sanguigni. Se sono danneggiati, il sangue scorre dalle narici, ma nei casi più gravi può fluire nella laringe e ostacolare la respirazione. Molto spesso, il danno vascolare è accidentale quando il naso è ferito..

Secondo le statistiche, l'epistassi si verifica nel 60% delle persone. Di solito le epistassi si verificano nei bambini sotto i 10 anni e negli adulti sopra i 50 anni. È interessante notare che questa patologia è più tipica per gli uomini..

Dopo 40-50 anni, le epistassi compaiono più spesso, perché nelle persone mature la mucosa è molto più secca e sottile che in giovane età. Allo stesso tempo, la capacità dei vasi sanguigni di contrarsi è ridotta e c'è una tendenza alla progressione dell'ipertensione arteriosa. Nell'80% dei casi con cause poco chiare di epistassi ricorrenti, il paziente rivela problemi nel sistema emostatico (sistema emostatico).

Gli esperti distinguono tra due tipi di questo tipo di sanguinamento, a seconda delle parti della cavità nasale da cui provengono:

Anteriore, che si verifica più frequentemente. Con esso, il sangue scorre dalle narici;

Il posteriore, che è raro, ma rappresenta un rischio per la salute significativo e richiede cure mediche. Con esso, il sangue scorre lungo il rinofaringe all'interno.

Cause di epistassi

Questa condizione patologica è causata da vari motivi, tuttavia, ci sono due gruppi di fattori che portano a sangue dal naso.

Lesioni locali che sono la causa più comune di epistassi:

Lesioni al naso dovute a sport o incidenti;

Chirurgia come la rinoplastica

Intrusione di oggetti estranei, comprese le dita;

Malattie: riniti allergiche e atrofiche, sinusiti, sinusiti. Con tali patologie, i vasi sanguigni del naso diventano non protetti e sono più spesso danneggiati, soprattutto se la mucosa viene regolarmente asciugata con preparati nasali;

Deformazione anatomica della cavità nasale;

Ulcerazione nell'area del plesso coroideo di Kisselbach;

Uso di droghe inalandole attraverso il naso;

Tumori nella cavità nasale o nei seni paranasali: carcinoma rinofaringeo, polipo sanguinante;

Bassa umidità dell'aria (soprattutto in inverno), che porta a secchezza eccessiva della mucosa nasale;

Utilizzando un catetere per ossigeno.

Cause sistemiche, che sono meno comuni, ma richiedono la massima attenzione di un medico:

Varie malattie infettive: infezioni respiratorie acute, infezioni virali respiratorie acute, influenza, difterite, sepsi, accompagnate da intossicazione del corpo. Tossine, virus e batteri provocano la dilatazione dei vasi sanguigni, che diventano sottili e fragili. Sullo sfondo delle infezioni, c'è un indebolimento dei processi di coagulazione del sangue e un aumento della permeabilità dei suoi elementi;

Malattie vascolari, inclusa l'aterosclerosi;

Malattie del sangue: leucemia, capillarotossicosi, emoblastosi, anemia, emofilia, vasculite emorragica, Randu-Osler, Verlhof, malattia di Willebrand;

Mancanza di vitamine K, C nel corpo;

Condizioni patologiche del fegato: epatite e cirrosi, che portano a una diminuzione della sintesi di componenti che influenzano il normale funzionamento del sistema emostatico. Ciò modifica la struttura del tessuto epatico, che provoca un rallentamento del flusso sanguigno e un aumento della pressione sanguigna in quei vasi responsabili della circolazione sanguigna renale;

Abuso di bevande alcoliche che causano vasodilatazione;

Angiofibroma, che è una formazione situata nel rinofaringe o alla base del cranio. È caratterizzato da frequenti epistassi;

Malattia renale, che provoca un aumento della pressione sanguigna

Ipotiroidismo, espresso in una disfunzione della ghiandola tiroidea, in cui diminuisce la produzione di piastrine;

Effetti collaterali dei farmaci.

Nel 90-95% dei casi di epistassi, la sua origine è la parte antero-inferiore del setto nasale, chiamata plesso di Kisselbach. In altri casi, il sanguinamento si sviluppa nella parte centrale e posteriore della cavità nasale. Le epistassi caratterizzate da un esordio improvviso, una grande perdita di sangue e una breve durata sono considerate le più minacciose. Gli esperti li chiamano epistassi "segnale". Possono essere causati da un danno a una grande nave nella cavità nasale o da un aneurisma rotto. Il sangue dal naso può anche provocare il cancro..

Il sanguinamento polmonare, che è caratterizzato dalla comparsa di sangue schiumoso scarlatto, può verificarsi anche attraverso il naso. Quando il sanguinamento si verifica nel tratto gastrointestinale superiore, il sangue scuro coagulato può essere rilasciato dal naso. Le malattie del sangue e il trattamento con anticoagulanti spesso causano questa condizione patologica e ne aumentano la durata. L'epistassi è anche uno dei segni di una frattura del cranio. Spesso nel sangue si osservano macchie bianche di liquido cerebrospinale. Anche il calore o il colpo di sole possono causare sanguinamento dal naso. Inoltre, è accompagnato da mal di testa, vertigini, nausea, svenimenti. Anche le persone sane possono essere colpite da questa condizione..

Nei casi in cui la causa esatta dell'epistassi non è stabilita, di solito è associata a malattie del sangue. Inoltre, può essere una serie di gravi malattie. Questi includono anomalie nella funzione e nella struttura delle piastrine, una diminuzione dei fattori di coagulazione del sangue e una diminuzione dei livelli di protrombina. I motivi che portano al sangue dal naso includono anche uno sforzo fisico intenso, corsa veloce, surriscaldamento del corpo, curve strette e alzarsi ad alta pressione, rarefazione dell'aria circostante.

Per stabilire la causa delle epistassi croniche, possono essere necessari i seguenti studi di laboratorio e strumentali:

Un esame del sangue e delle urine che mostrerà la tua salute generale;

Coagulogramma che caratterizza il lavoro del sistema di coagulazione del sangue;

Esame del sangue per la presenza di protrombina e determinazione delle patologie epatiche ALAT, ASAT;

Elettroencefalogramma, che riflette la natura delle biocorrenti cerebrali;

Ultrasuoni della testa e degli organi interni;

Un elettrocardiogramma che indica anomalie nel sistema cardiovascolare;

Ecocardiografia, finalizzata all'esame dei cambiamenti nel cuore e nelle sue valvole;

Raggi X della cavità nasale e del cranio;

Tomografia computerizzata dei seni;

Risonanza magnetica per immagini dei seni e del cranio.

Per stabilire una diagnosi, il paziente potrebbe dover essere esaminato dai seguenti medici: ORL, ematologo, chirurgo, neuropatologo, cardiologo, oftalmologo.

Epistassi ad alta pressione

L'ipertensione è considerata una delle cause più comuni di epistassi. I suoi primi segni sono:

Mal di testa pulsante;

Nausea e debolezza generale.

Casi frequenti di epistassi, accompagnati dai suddetti sintomi, indicano ipertensione. In questo caso, l'aspetto del sangue dal naso è una sorta di processo compensatorio che impedisce il sovraccarico dei vasi cerebrali. Il sanguinamento dal naso che si verifica con l'ipertensione arteriosa è caratterizzato da una lunga durata. Epistassi pesanti a pressione alta possono farla cadere rapidamente, che può innescare insufficienza cardiaca acuta (collasso).

Qual è la causa delle frequenti epistassi?

Le epistassi ricorrenti sono spesso associate alle peculiarità della struttura anatomica della cavità nasale. La comparsa di goccioline o flussi di sangue durante la tosse, gli starnuti, il naso che cola o con una salute normale indica pareti deboli dei vasi del plesso di Kisselbach. Tali epistassi sono quasi sempre osservati fin dalla tenera età..

Un'altra causa di frequenti epistassi spontanei è la rinite atrofica. Con questa malattia, la mucosa nasale diventa sottile e secca. Un tale stato contribuisce alla violazione dell'integrità dei vasi sanguigni al minimo tocco..

Si notano epistassi frequenti quando lo sfondo ormonale cambia. Possono verificarsi durante l'adolescenza e nelle donne in gravidanza. Nelle ragazze di 11 anni, a volte si nota sanguinamento dal naso. Possono accompagnare la prima mestruazione per un po 'di tempo. Durante la gravidanza, il corpo subisce cambiamenti ormonali, strutturali e funzionali globali. Il livello degli ormoni sessuali come gli estrogeni e il progesterone aumenta notevolmente. Hanno un effetto diretto sull'aumento della circolazione sanguigna nell'area delle mucose. Inoltre, nelle donne con vasi fragili o mucosa nasale sottile, il rischio di epistassi frequenti è significativamente aumentato. A volte nelle donne in gravidanza, il sangue dal naso indica un aumento della pressione sanguigna, che è un segno dello sviluppo di condizioni pericolose come la preeclampsia e l'eclampsia. Inoltre, il verificarsi di epistassi può indicare un'esacerbazione di malattie renali ed epatiche in una donna incinta..

Indipendentemente dai motivi, l'epistassi privata è una ragione essenziale per consultare un medico e condurre una diagnosi completa della salute umana..

Cosa fare con il sangue dal naso?

La maggior parte delle persone sperimenta le seguenti sensazioni caratteristiche prima del sangue dal naso: peggioramento del mal di testa, tinnito pulsante, solletico o prurito al naso. Le azioni per una tale patologia dipendono direttamente dai fattori che l'hanno causata. Dovrebbe anche tener conto della gravità della patogenesi.

Gli esperti identificano i seguenti segni tipici di epistassi:

Lo scarico dalle narici o il deflusso di sangue scarlatto nella faringe indica che la sua fonte è la parte anteriore o posteriore della cavità nasale;

Il deflusso di sangue schiumato dal naso è un segno di patologia nelle parti inferiori dell'apparato respiratorio, cioè nei bronchi e nei polmoni;

Minor sanguinamento, caratterizzato dal rilascio di gocce e flussi di sangue. Di norma, il loro volume non supera alcuni millilitri. Di solito si ferma da solo ed è di breve durata. Per fermare tale epistassi, devi solo premere le ali del naso. Molto spesso, una tale patologia si forma nell'area del plesso di Kisselbach;

Emorragia moderata con conseguente perdita fino a 300 ml di sangue. Nonostante ciò, i cambiamenti patologici nel sistema cardiovascolare molto spesso non si verificano. Si consiglia di consultare il proprio medico per studiare le cause dell'epistassi;

Grave perdita di sangue (300-500 ml), che causa pallore della pelle, abbassando la pressione sanguigna a 110-70 mm Hg. Art., Debolezza generale, aumento significativo della frequenza cardiaca (fino a 90 battiti / min.), Vertigini. Nei casi più gravi, il paziente perde fino a 1 litro di sangue. Dopo tale perdita di sangue, dopo 1-2 giorni, il livello di emoglobina nel sangue spesso diminuisce. Il numero di ematocrito con questa epistassi è ridotto a 30-35 U. Il sangue dal naso eccessivo rappresenta una seria minaccia per la salute umana, pertanto è necessario consultare immediatamente un medico.

Trattamento del sangue dal naso

Il sangue dal naso non può essere sempre fermato da solo. In questo caso, è possibile applicare farmaci. Con esso, al paziente vengono prescritti farmaci emostatici per via endovenosa / intramuscolare o all'interno. Sono scelti in base alla gravità dell'emorragia. In caso di epistassi lieve e moderata, dovresti prendere 1-2 cucchiaini di cloruro di calcio al 10%. Migliora l'effetto dei farmaci emostatici, migliora la contrattilità delle pareti dei vasi sanguigni e riduce la loro permeabilità.

I medici prescrivono i seguenti farmaci per fermare l'epistassi:

Una soluzione di ethamsilato di sodio al 12,5% (dicinone), che migliora la funzione piastrinica e aiuta a fermare il sanguinamento. Non influisce sulla coagulazione del sangue, quindi è prescritto per molto tempo. Viene utilizzato per via orale o endovenosa;

Vikasol, che potenzia l'effetto dei farmaci emostatici, ma non dovrebbe essere usato per più di 3-4 giorni. Questo farmaco viene somministrato per via intramuscolare;

Acido aminocaproico, che riduce i processi che portano alla fluidificazione del sangue. Viene somministrato per via endovenosa (più di 60 gocce al minuto). Questo rimedio è controindicato nel DIC (disturbo della coagulazione intravascolare) perché aumenta la coagulazione del sangue.

Il paziente deve anche assumere le vitamine C e K.Per gravi epistassi, viene utilizzata la trasfusione di componenti del sangue. Al paziente vengono iniettati almeno 500 ml di plasma fresco, che ha un effetto emostatico.

Per sanguinamento persistente dal naso per lungo tempo, è possibile utilizzare metodi chirurgici di trattamento.

Tamponamento anteriore

Il tamponamento anteriore, in cui si interrompe il sanguinamento dalla cavità nasale anteriore, viene eseguito come segue:

Durante la procedura, l'area nasale viene anestetizzata con una soluzione aerosol al 10% di lidocaina o instillando la dicina al 2%.

Un tampone di garza (turunda) lungo fino a 20 cm e largo fino a 1,5 cm viene inserito nella narice.

Prima dell'introduzione nel naso, la turunda viene inumidita con perossido di idrogeno al 3%, che accelera la formazione di un trombo, o una soluzione al 5% di acido aminocaproico, che ha un effetto emostatico.

La turunda può anche essere inumidita con trombina o emofobina.

Dopo aver inserito il tampone, viene applicata una benda simile a una fionda sul naso.

La turunda nel naso viene lasciata per 1-2 giorni, iniettando quotidianamente acido aminocaproico nel tampone. In casi particolarmente gravi, le turunde nel naso vengono lasciate per 6-7 giorni.

Prima di rimuovere il tampone, viene iniettato perossido di idrogeno al 3% per renderlo umido e più facile da rimuovere.

Tamponamento posteriore

Il tamponamento posteriore, necessario per gravi emorragie dalla cavità nasale posteriore, viene eseguito come segue:

Per questa procedura vengono preparati tamponi di garza piegati sterili. La loro dimensione dovrebbe essere 2,5x2 cm.

Il tampone è legato trasversalmente con due fili di seta lunghi 20 cm. Una delle quattro estremità del filo viene tagliata.

Prima della procedura, l'anestesia intramuscolare viene eseguita con una miscela litica composta da soluzioni acquose di 1 ml di promedolo all'1%, 2 ml di analgin al 50%, 1 ml di difenidramina al 2%.

La procedura inizia inserendo un sottile catetere di gomma nella narice sanguinante. Viene iniettato fino a quando non esce attraverso il rinofaringe nella faringe..

Quindi, usando una pinza o una pinzetta, il catetere viene estratto attraverso la bocca..

Un tampone è legato all'estremità del catetere e tirato nella cavità nasale fino a quando non si ferma alle coana (aperture nasali interne).

Il tampone è tenuto in posizione da due fili tesi che si estendono dall'apertura nasale.

Il terzo filo esce dalla bocca. È incollata alla guancia con del nastro adesivo.

Il tamponamento posteriore è completato per l'affidabilità da quello anteriore.

I tamponi vengono lasciati nel naso per 1-2 giorni. In casi gravi, per 6-7 giorni. Il paziente deve assumere antibiotici e sulfamidici per la prevenzione di malattie infettive e sepsi rinogena.

Rimuovere i tamponi con fili di seta.

Chirurgia

L'intervento chirurgico viene utilizzato nel 5-17% dei casi di epistassi estesi persistenti.

In questo caso, è possibile influenzare la cavità nasale con i seguenti metodi:

Cauterizzazione con un batuffolo di cotone rotondo inumidito con una soluzione al 40% di lapislazzuli (nitrato d'argento) o acido tricloroacetico. Questo è il metodo più semplice per la terapia dell'epistassi. Dopo tale procedura, si forma una crosta che interrompe il rilascio di sangue;

L'introduzione di farmaci (novocaina, lidocaina) nella sottomucosa della cavità nasale. Questo metodo di terapia viene utilizzato per il sanguinamento locale;

Resezione sottomucosa della cartilagine situata nel setto nasale, distacco della mucosa nasale e interventi locali consigliati per frequenti recidive della patologia;

Elettrocoagulazione (moxibustione), che dovrebbe essere eseguita solo in una struttura medica. La procedura viene eseguita con anestesia locale. L'elettrocoagulazione aiuta bene con danni ai piccoli vasi del setto nasale anteriore e sanguinamento ricorrente;

Esposizione alle onde radio da parte del dispositivo Surgitron, che si distingue per la sua efficienza e sicurezza. Questo intervento chirurgico non ha praticamente effetti collaterali e complicazioni;

Criodistruzione, durante la quale l'area danneggiata della mucosa viene trattata con azoto liquido. Dopo tale terapia, non appare alcun tessuto cicatriziale sulla mucosa nasale. In questo caso, la mucosa viene completamente ripristinata abbastanza rapidamente. La procedura dura circa mezz'ora;

Coagulazione laser, altamente efficiente e sicura. Il suo unico inconveniente è il prezzo piuttosto alto per una sessione di terapia. Durante questa procedura, un laser ad alta intensità viene applicato sulla mucosa danneggiata. L'intervento è caratterizzato da minimo trauma tissutale, alta precisione ed effetto antibatterico del laser, che riduce il rischio di infezioni;

Rimozione di creste e spine del setto nasale con strumenti chirurgici.

Negli ultimi anni, il metodo più diffuso per fermare l'epistassi sono state le manipolazioni eseguite sui seni paranasali (mascellari, etmoidi). Durante questa procedura, la nave danneggiata viene ligata o tagliata. In alcuni casi, può essere necessario un intervento chirurgico per distruggere meccanicamente le cellule del seno etmoidale. Quindi viene eseguito il tamponamento della cavità nasale.

In casi particolarmente gravi, secondo le indicazioni del medico, vengono ligati i vasi principali, come le arterie carotide esterna e mandibolare interna. Tale operazione viene eseguita nei casi in cui altri metodi di terapia si sono dimostrati inefficaci. Molto spesso non causa complicazioni e blocca efficacemente il sanguinamento..

Per epistassi gravi causati da danni all'arteria carotide interna, vengono eseguite l'angiografia e l'embolizzazione del vaso sanguinante situato all'interno del cranio. Questo è un metodo molto promettente per il trattamento di patologie particolarmente gravi. Tale operazione consente di bloccare accuratamente l'area danneggiata della nave da cui si verifica il sanguinamento. La procedura è abbastanza difficile da eseguire ed è impossibile senza costose attrezzature speciali e l'esperienza di un chirurgo. Sfortunatamente, questa complessa operazione a volte può portare alla paralisi e al dissanguamento di vaste aree del cervello..

I metodi high-tech attualmente esistenti di chirurgia microrinoscopica ed endoscopica sono caratterizzati da complessità ingiustificata e non sono sempre efficaci. Tuttavia, possono anche portare a varie complicazioni..

Pronto soccorso per epistassi

Quando si verificano epistassi, una persona deve determinare chiaramente cosa può affrontare da solo o con l'aiuto dei propri cari e cosa richiede cure mediche immediate.

Se hai sangue dal naso, procedi come segue:

Calma la vittima. Per fare questo, deve respirare lentamente e profondamente. Un tale passo allevia l'eccitazione emotiva e previene l'aumento della frequenza cardiaca e l'aumento della pressione sanguigna, che aumentano solo la perdita di sangue;

Far sedere il paziente in una posizione comoda e sollevare la testa senza lanciarla indietro. La testa dovrebbe essere leggermente inclinata in avanti. Con la testa rovesciata, il sangue scorre lungo il rinofaringe, può causare vomito e coaguli di sangue che entrano nel tratto respiratorio, portando a distress respiratorio. Un contenitore è posto sotto il naso del paziente per raccogliere il sangue che scorre, che permetterà di stabilire con precisione il volume della perdita di sangue;

Prendi delle misure per fermare l'emorragia. Per questo, le ali del naso vengono premute contro il setto con le dita della mano. Inoltre, il paziente può liberare con cura la cavità nasale dai coaguli di sangue accumulati in essa. Le gocce del comune raffreddore vengono instillate nel naso pulito (Galazolin, Nazivin, Sanorin, Tizin). Hanno un effetto vasocostrittore. 5-6 gocce del farmaco vengono instillate in ciascuna narice. Successivamente, nel naso vengono instillate 10 gocce di perossido di idrogeno al 3%. Un metodo molto efficace per fermare il sanguinamento dal naso è l'irrigazione della sua cavità con acido aminocaproico al 5% freddo. Anche per questo scopo, puoi usare farmaci come la tromboplastina o la trombina. Le procedure di cui sopra operano in modo complesso: i vasi vengono compressi meccanicamente, il sangue accumulato si coagula e si asciuga più velocemente, creando una sorta di tappo, le gocce nasali restringono i vasi sanguigni, il perossido di idrogeno e altri farmaci accelerano la formazione di un coagulo di sangue che arresta il sangue;

Applica un impacco freddo sul naso. Può essere un impacco di ghiaccio avvolto in un panno o un asciugamano freddo. Ogni 15 minuti l'impacco viene rimosso per alcuni minuti. A causa dell'effetto del freddo, i vasi sanguigni si restringono, riducendo rapidamente l'intensità del sanguinamento. Anche l'immersione delle mani in acqua fredda e dei piedi in acqua calda contribuisce a un arresto più rapido del sangue;

Introdurre nelle narici un batuffolo di cotone imbevuto di una soluzione di farmaci vasocostrittori (perossido di idrogeno al 3%, acido aminocaproico al 5%). In questo caso, le ali del naso dovrebbero essere premute contro il setto per 5-15 minuti. Durante la rimozione del tampone, dovresti stare estremamente attento a non danneggiare nuovamente i vasi e strappare la crosta formata;

Dare al paziente un bicchiere di acqua salata (1 cucchiaino / 200 ml).

A volte, le misure di primo soccorso potrebbero non essere sufficienti. Dovresti consultare immediatamente un medico se:

Lesioni al naso e al cranio;

Emorragia continua per molto tempo;

Perdita di sangue troppo abbondante (fino a 200 o più millilitri);

La presenza di malattie infettive;

Un netto deterioramento del benessere, debolezza generale, vomito, pallore della pelle, vertigini, perdita di coscienza.

Come prevenzione dell'epistassi, possiamo consigliare:

Rafforzare le pareti dei vasi sanguigni assumendo regolarmente vitamina C o ascorutina;

Mantenere la pressione sanguigna normale;

Allenamento dei vasi sanguigni mediante doccia a contrasto, bagno, indurimento dell'acqua;

Aumentare la coagulazione del sangue assumendo vitamina K e calcio;

Fornire umidità alla mucosa nasale con unguenti o oli;

Smettere di fumare e alcol;

Terapia tempestiva delle malattie croniche dei reni, del fegato, del cuore, del sistema vascolare;

Attività fisica moderata;

Una dieta sana che include cibi proteici come ricotta, fegato, pollo, tacchino.

Poiché le epistassi non sono solo una piccola patologia locale, ma anche un segno di varie malattie pericolose per la salute umana, con frequenti ricadute o forti emorragie, è necessario sottoporsi a un esame completo per stabilire una diagnosi accurata e condurre una terapia appropriata.

Il sanguinamento arterioso è uno dei sanguinamenti più pericolosi che rappresentano una minaccia diretta per la vita umana. Ciò è dovuto principalmente al fatto che la perdita di sangue è elevata e intensa. Pertanto, è importante conoscere i suoi segni principali e le regole di pronto soccorso..

Nonostante il fatto che non ci siano ragioni insignificanti che potrebbero provocare un tale fenomeno, le situazioni possono essere diverse. A volte puoi aspettare qualche ora prima di un nuovo giorno lavorativo e andare dal medico come al solito, a volte la situazione è urgente: dovresti chiamare un medico.

Il sanguinamento gastrointestinale (GIT) è la fuoriuscita di sangue dai vasi sanguigni danneggiati dalla malattia nella cavità degli organi del tratto gastrointestinale. Il sanguinamento gastrointestinale è una complicanza comune e grave di un'ampia gamma di patologie del tratto gastrointestinale, che rappresenta una minaccia per la salute e persino.

Il sanguinamento uterino è lo scarico di sangue dall'utero. Molto spesso, è un grave sintomo di malattie del corpo femminile. Qualsiasi sanguinamento uterino dovrebbe essere diagnosticato in tempo e la donna dovrebbe ricevere assistenza medica. Ignorare un tale sintomo porta a gravi conseguenze, anche fatali.

Il sanguinamento delle gengive è il rilascio di una certa quantità di sangue, accompagnato dalla loro infiammazione. Più forte è l'infiammazione, più sangue verrà rilasciato dalle gengive. In alcuni casi, compare anche quando le gengive sono a riposo, ad esempio di notte. Questo problema è molto.


Articolo Successivo
Norma del test del timolo e valore diagnostico