Cosa può dire la norma delle proteine ​​totali del sangue, le ragioni della sua diminuzione e aumento


La proteina totale, o il livello di proteine ​​nel sangue, è uno dei principali indicatori delle analisi biochimiche di routine. Per un medico, la situazione in cui la proteina totale nel sangue è bassa causa sempre attenzione, poiché il corpo umano è una struttura proteica. Anche Friedrich Engels ha citato il suo termine imbarazzante per definire la vita come "un modo di esistenza di corpi proteici", ma per il nostro pianeta questa è la conclusione corretta.

Ma il nostro compito è determinare a quali quantità possiamo parlare di mancanza di proteine ​​nel corpo, quali sono le cause di un basso livello di proteine ​​totali nel sangue e come si manifestano i segni di una mancanza di proteine ​​nel corpo. In conclusione, l'articolo darà alcuni consigli su come aumentare le proteine ​​nel sangue, nel caso in cui, ovviamente, se questo viene fatto in modo abbastanza semplice, e non ci sono malattie gravi che ostacolano. Ma prima, ricordiamo un po 'per cosa sono necessarie le proteine ​​e cosa sono. Ciò renderà più facile capire altro materiale..

Un po 'di proteine

È noto che il metabolismo è energetico e plastico. Il metabolismo plastico consiste nello scambio di proteine, grassi, carboidrati. Le proteine ​​sono gli elementi strutturali più importanti del corpo e la quantità totale di proteine ​​nel siero mostra rapidamente al medico lo stato del metabolismo delle proteine..

Se prendi il sangue intero, lo centrifugi e poi prendi il plasma separatamente ed evapori, ottieni un residuo secco, sarà circa il 10% del precedente volume di plasma. Quindi, la proteina totale nel residuo secco sarà circa dal 6,5% all'8,5% della massa. Ciò si sposa molto bene con la norma proteica, che in un adulto va da 64 a 83 g per litro..

Le proteine ​​sono gli elementi costitutivi di tutte le strutture del corpo. Tutti gli enzimi che accelerano le reazioni chimiche milioni di volte sono costituiti da proteine. Pertanto, un basso contenuto di proteine ​​nel sangue è una diminuzione della velocità delle reazioni chimiche. Le proteine ​​sono costituite da ormoni, anticorpi che combattono le infezioni e fattori di coagulazione del sangue. Pertanto, se la proteina totale viene ridotta, potrebbero esserci problemi di coagulazione..

Una varietà di proteine ​​serve come trasportatori o trasportatori di molti composti. In connessione con proteine, minerali e ormoni vengono trasportati vitamine e grassi, sia nel fluido extracellulare che all'interno delle cellule. I sistemi proteici regolano l'osmosi sanguigna. È la pressione oncotica delle proteine ​​che non consente all'acqua dei tessuti di precipitare nei vasi e viceversa: questo processo è sotto il controllo delle proteine.

Pertanto, nel caso in cui una persona abbia un basso contenuto di proteine ​​totali nel sangue per un lungo periodo, allora ha un edema periferico, questo è ciò che accade con il digiuno prolungato. Come dice il proverbio, una persona "si gonfia di fame". I sistemi proteici determinano l'elasticità dei tessuti, così come l'equilibrio acido-base, utilizzando il sistema tampone delle proteine. Infine, nel caso in cui una persona stia morendo di fame, consapevolmente o involontariamente, dopo che il glicogeno dell'amido animale nel fegato si esaurisce, dopo che i grassi liberi si sono esauriti, allora sono le proteine ​​che iniziano ad essere la fonte di energia in caso di malnutrizione.

Cosa sono le proteine ​​e perché sono necessarie?

Ci sono due principali frazioni proteiche nel siero del sangue: albumina e globuline. Ci sono più albumine delle globuline e quando la proteina nel sangue si abbassa, questa è, prima di tutto, una diminuzione dell'albumina. Poi i medici dicono: "il paziente ha ipoalbuminemia". Tutta l'albumina è sintetizzata nel tessuto epatico dagli amminoacidi del cibo. Le proteine ​​alimentari che entrano nello stomaco non sono adatte per essere utilizzate nel loro insieme. All'inizio, devono essere suddivisi in amminoacidi e quindi sintetizzati di nuovo le proteine ​​del corpo. Sono le albumine che creano la pressione oncotica e osmotica, che trattiene il fluido nei vasi sanguigni e nei tessuti e previene lo sviluppo dell'edema..

Le globuline non hanno nulla a che fare con il fegato. La loro sintesi avviene nelle cellule del sangue periferico - linfociti. I linfociti sono cellule immunocompetenti e il loro compito è sintetizzare gli anticorpi protettivi. Una frazione abbastanza grande di globuline regola la coagulazione del sangue, poiché il fibrinogeno è costituito da essa. E anche le globuline sono coenzimi, varie proteine ​​trasportatrici e ormoni..

Oltre alle funzioni di cui sopra, le proteine ​​formano una riserva speciale. Se una persona sta morendo di fame, le proteine ​​che si sono formate di recente vengono facilmente scomposte negli amminoacidi originali, in modo che possano essere sintetizzate di nuovo, già negli organi vitali. Prima di tutto, sono il cervello e il miocardio.

Pertanto, se una persona ha un basso contenuto di proteine ​​nel sangue, di norma soffrono tutti i partecipanti al metabolismo delle proteine..

Tasso di proteine

Di seguito sono riportati i valori normali di riferimento dei limiti delle proteine ​​totali nel plasma sanguigno. Come accennato in precedenza, in un adulto, indipendentemente dal sesso, la proteina totale non dovrebbe essere inferiore a 64 g per litro, ma non superiore a 83-85 g / l. L'alto contenuto di proteine ​​nel sangue è chiamato iperproteinemia..

In un neonato, le proteine ​​totali sono nell'intervallo inferiore, da 44 a 76 g per litro. Dopo la nascita, sia il limite inferiore che quello superiore si spostano gradualmente verso l'alto con l'età. Quindi, per un bambino di otto mesi, la norma è 51-73 g / l, per un bambino di due anni 56-75 e da 3 a 18 anni, una concentrazione di 60-80 g per litro è considerata la norma..

La causa del basso contenuto di proteine ​​nel sangue potrebbe non essere associata a una malattia o a qualsiasi condizione patologica, quindi tale deviazione è chiamata fisiologica. Inutile dire che se una persona è malata e se la malattia ha causato ipoproteinemia, allora questa è una diminuzione patologica delle proteine.

Inoltre, la proteina ridotta può essere relativa. Ad esempio, se la normale quantità di proteine ​​è troppo liquida. E poi sembrerà che la proteina totale sia ridotta, ma non è così. La vera ipoproteinemia, una vera diminuzione delle proteine ​​nel sangue, si verifica quando l'ipoproteinemia è assoluta. Ciò significa che viene fornita poca proteina o è sintetizzata male o si rompe troppo rapidamente. Queste le cause del basso contenuto di proteine ​​nel sangue e parliamo ulteriormente..

Perché le proteine ​​sono basse?

Innanzitutto, affrontiamo l'ipoproteinemia normale e fisiologica, quando una diminuzione delle proteine ​​totali è una variante della norma. Una diminuzione assoluta delle proteine ​​si verifica quando una persona giace a letto per molto tempo e non si alza, ma dopo la fine di un lungo riposo a letto, le proteine ​​del sangue aumentano.

Una causa importante di un basso livello di proteine ​​nel sangue è la gravidanza e il momento principale per la sua particolare diminuzione è il terzo trimestre e il periodo dell'allattamento al seno. Il motivo per il basso contenuto di proteine ​​totali è comprensibile in quanto viene secreto nel latte materno. Il bambino dovrebbe ricevere con il latte non solo le proteine ​​della madre come parte di una dieta a tutti gli effetti, ma anche la protezione immunitaria, e questi sono gli anticorpi della madre. Tutto questo è un motivo importante per la diminuzione delle proteine ​​nel sangue di una donna che allatta.

Perché ci sono poche proteine ​​nel sangue dei bambini piccoli? Ciò è dovuto al fatto che crescono e il bambino ha un maggiore bisogno di proteine. Se un bambino ha un basso contenuto di proteine ​​nel sangue, questo non significa che sia malato, significa che lascia immediatamente il sangue per la costruzione di nuovi tessuti e la crescita del corpo, e solo una minima quantità circola lì.

Infine, oltre all'ipoproteinemia fisiologica assoluta, è possibile distinguerne una relativa, quando il paziente beve molta acqua, e un tale aumento del carico idrico porta all'emodiluizione, cioè alla diluizione del plasma sanguigno. Poiché la quantità di proteine ​​è la stessa sia in condizioni normali che con un contenuto di acqua aumentato, sembra che nel secondo caso la sua concentrazione sia ridotta. Questo è il motivo della relativa diminuzione fisiologica delle proteine ​​totali nel sangue..

Le cause patologiche operano sullo stesso principio, solo che qui non si parla più di carico idrico eccessivo in una persona sana, ma di eccessiva ritenzione di liquidi. Questo può essere considerato un processo patologico. Pertanto, con il deterioramento dei reni, con insufficienza cardiaca cronica, che è accompagnata da edema, con alcune malattie endocrine, potrebbe esserci una relativa mancanza di proteine ​​nel sangue. Allo stesso tempo, anche la sua quantità è normale, ma è semplicemente considerata anche per un volume in eccesso di liquido, un organismo già malato.

Assoluta riduzione delle proteine

La sindrome di laboratorio biochimica di gran lunga più importante per un medico è l'ipoproteinemia assoluta, quando le proteine ​​nel sangue sono davvero poche. Perché ci sono poche proteine ​​nel sangue? Innanzitutto, la diminuzione della concentrazione di proteine ​​è quasi sempre dovuta alla frazione di albumina. Quando accade questo? Prima di tutto, quando la loro sintesi, o la costruzione di proteine ​​umane nel fegato, diminuisce. Ma allo stesso tempo, il fegato è sano, è solo che gli amminoacidi del cibo non lo raggiungono - un materiale da costruzione per le proteine.

Questo accade quando:

  • fame cosciente o involontaria;
  • pancreatite cronica, quando il pancreas non è in grado di fornire la normale quantità di enzimi per la scomposizione delle proteine ​​animali e vegetali in amminoacidi;
  • colite e enterite, quando non ci sono condizioni sufficienti per l'assorbimento delle proteine ​​nell'intestino sullo sfondo di infiammazione e disfunzione;

La ragione del basso livello di proteine ​​nel sangue può essere tumori intestinali, aderenze cicatriziali a seguito di operazioni sugli organi del tratto gastrointestinale. Infine, c'è una sindrome da malassorbimento cronico o assorbimento insufficiente. In caso di malassorbimento, non solo viene determinata una ridotta proteina totale nel sangue, ma anche carboidrati e grassi sono scarsamente assorbiti.

Un ampio gruppo di cause di basso contenuto di proteine ​​nel sangue sono varie malattie del fegato. Prima di tutto, si tratta di epatite cronica, cancro al fegato - carcinoma epatocellulare, varie forme di cirrosi ed epatosi grassa, epatite autoimmune, lesioni metastatiche del tessuto epatico. In breve, qualsiasi processo infiammatorio o distrofico in corso a lungo termine porta al fatto che la proteina nel sangue è al di sotto del normale.

L'ipoproteinemia patologica assoluta non è solo una violazione dell'assunzione e della sintesi di proteine, ma è anche le sue perdite eccessive e senza scopo. In clinica, quindi, uno dei motivi principali di una diminuzione delle proteine ​​totali nel sangue è la malattia renale cronica. Prima di tutto, è la sindrome nefrosica, quando la proteinuria massiccia è il suo principale criterio di laboratorio. Le proteine ​​vengono perse nelle urine in una quantità che supera il valore massimo consentito in una persona sana, che è di 0,33 grammi al giorno e non di più. La sindrome nefrosica può essere un segno di glomerulonefrite o lesioni infiammatorie dei glomeruli e dei tubuli renali. Una maggiore perdita di proteine ​​può essere causata da ustioni estese e di vasta area in cui vengono secrete grandi quantità di proteine..

Infine, le proteine ​​del corpo possono essere perse, anche se arrivano in concentrazioni normali, e non scompaiono da esso attraverso i reni malati e le ustioni. È solo che nel corpo non ha tempo per svolgere le sue funzioni e viene speso senza meta, semplicemente "bruciando" come carburante. Quando succede?

In primo luogo, durante una lunga permanenza di un paziente con una temperatura elevata, quando l'intero metabolismo aumenta, compreso il consumo di proteine. Questa è, prima di tutto, l'ipertermia della genesi centrale, quando cambia il punto di regolazione della termoregolazione nel cervello del paziente. L'ipertermia deve essere distinta dalla febbre. Con l'ipertermia, si verifica semplicemente un cambiamento nel metabolismo e il corpo considera normale una temperatura anormalmente alta. Molto spesso, i pazienti con ipertermia sono pazienti gravi che sono in neuroreanimazione con ictus emorragico ed emorragie nelle parti corrispondenti del cervello responsabili della termoregolazione..

In regime ambulatoriale, l'aumento del catabolismo proteico è causato dalla tireotossicosi, o ipertiroidismo, cioè dall'eccessiva iperfunzione della tiroide. In questo caso, la temperatura corporea del paziente sale molto spesso al numero di subfebrili, e quindi si mantiene costantemente. Ciò porta, alla fine, alla distruzione di tutte le riserve di grasso nel corpo. Ma un'attività fisica intensa e prolungata, così come il cancro, porta anche a una diminuzione delle proteine ​​totali, perché le proteine ​​sono necessarie per costruire una grande quantità di tessuto tumorale. Ciò porta al fatto che nei pazienti con tumori maligni, la proteina totale è inferiore al normale..

Infine, dovresti sapere che il trauma e il sanguinamento sono anche una perdita di proteine, si perdono nel diabete mellito, poiché il diabete causa nefropatia, danno vascolare renale e può portare ad un aumento della secrezione di proteine ​​nelle urine.

Se il paziente soffre di insufficienza cardiaca cronica ed edema, il fluido edematoso può contenere una grande quantità di proteine ​​e tale fluido può accumularsi nella pleura, causando pleurite essudativa, nella cavità addominale, causando ascite e così via..

Segni clinici di carenza di proteine

Abbiamo indicato un numero sufficiente di ragioni per la diminuzione delle proteine ​​totali nel sangue. Ma quali sono i sintomi di una carenza di proteine ​​nel corpo? Va detto che il quadro clinico generale, caratteristico di tutti i tipi di ipoproteinemia, non esiste. Sintomi e segni caratterizzano esattamente la malattia o la sindrome che il paziente ha. Ad esempio, una diminuzione della pressione oncotica delle proteine, un lento trasporto di sostanze nutritive agli organi interni, ai tessuti e alle cellule e un rallentamento nella produzione di anticorpi possono essere menzionati come segni comuni. Ma come si nota "in pratica"?

Si può notare che tali pazienti hanno maggiori probabilità di soffrire di malattie infettive, perdere peso e, con una forte diminuzione delle proteine, sviluppano edema..

Ma molto spesso ci sono quei sintomi e segni che parlano di qualche tipo di malattia. Ad esempio, con il malassorbimento, ci sarà diarrea quando il paziente ha feci schiumose abbondanti con una grande quantità di grasso (steatorrea). Il paziente può avere gonfiore, anemia nel sangue perché non ci sono abbastanza proteine ​​per produrre cellule del sangue e, con un buon appetito, ci possono essere mancanza di peso corporeo, affaticamento e debolezza. Nelle donne si verifica infertilità e nei bambini un ritardo nello sviluppo fisico. Possono esserci molti sintomi di ipoproteinemia, ma il segno diagnostico più importante sarà una semplice analisi biochimica, con la determinazione delle proteine ​​e delle loro frazioni nel plasma sanguigno.

Come aumentare le proteine ​​del sangue?

Nel caso in cui vi sia una carenza alimentare, cioè nutrizionale di proteine, allora è necessario introdurre ulteriori fonti di proteine ​​nella dieta. Naturalmente, questi sono piatti di carne e pesce, uova, formaggio. Delle proteine ​​vegetali, dovrebbero essere chiamate proteine ​​dei legumi. Questi sono fagioli, piselli, fagioli. Le lenticchie sono ricche di proteine.

Il corretto calcolo della quantità di proteine ​​dovrebbe tener conto che la necessità di proteine ​​necessarie per il mantenimento minimo di un normale bilancio azotato varia da 0,45 a 0,57 g per 1 kg di peso corporeo ideale. Tuttavia, se il corpo viene fornito in eccesso con substrati energetici, la necessità di proteine ​​è leggermente ridotta..

Quando si forma una razione alimentare con un aumento del carico proteico, i pazienti con ipoproteinemia dovrebbero anche tenere conto dell'assimilazione delle proteine, poiché il tasso di assimilazione è il più alto nei latticini e nei prodotti ittici, è più difficile digerire e assimilare le proteine ​​della carne e il processo di assimilazione delle proteine ​​vegetali è il più ad alta intensità energetica..

Idealmente, dovrebbe essere raggiunto un livello sicuro di assunzione di proteine ​​di 0,75 grammi per chilogrammo di peso corporeo. È questa quantità di proteine ​​che può essere tranquillamente consumata da qualsiasi persona sana senza danni alla salute. Naturalmente, il livello di assunzione di proteine ​​dipenderà dall'età e dal peso corporeo..

Nel caso in cui la malattia del fegato abbia portato a una diminuzione delle proteine ​​nel sangue, allora è necessario trattare la patologia primaria, poiché anche una quantità eccessiva di proteine ​​fornite con il cibo non porterà ad un aumento delle proteine ​​nel plasma sanguigno con un fegato malato. Lo stesso vale per la funzionalità renale compromessa, la sindrome da malassorbimento e altre condizioni patologiche..

I casi in cui si tratta della necessità di un aumento urgente delle proteine ​​plasmatiche e dell'intensificazione del metabolismo delle proteine ​​sono piuttosto rari. Quindi i medici, secondo le indicazioni, prescrivono ormoni anabolizzanti, ad esempio Retabolil o Nerobol.

Il loro compito è aumentare la sintesi delle proteine ​​nel fegato. Ma questa terapia darà i suoi frutti solo se il fegato è sano e le proteine ​​non vengono catabolizzate rapidamente. Cioè, non ha senso prescrivere steroidi anabolizzanti a un paziente con epatite cronica e ipertiroidismo, poiché il fegato non sarà in grado di sintetizzare proteine ​​nel volume richiesto e della qualità richiesta, e la presenza di febbre di basso grado e aumento del catabolismo dovuto alla patologia tiroidea endocrina distruggerà immediatamente, brucerà il appena creato proteine.

Pertanto, di norma, con un trattamento tempestivo e corretto della malattia sottostante, la concentrazione di proteine ​​nel plasma sanguigno ritorna gradualmente alla normalità..

Basso contenuto di proteine ​​nel sangue

9 minuti Autore: Lyubov Dobretsova 1215

  • Proteine ​​nell'analisi del sangue e norme di contenuto
  • Le principali cause di ipoproteinemia
  • Manifestazioni sintomatiche di ipoproteinemia
  • Possibili conseguenze
  • Modi per ripristinare i livelli di proteine
  • Risultato
  • Video collegati

L'ipoproteinemia, una condizione in cui la proteina totale nel sangue viene ridotta, viene rilevata durante uno studio biochimico. Il contenuto non standardizzato di proteine ​​e frazioni proteiche è un segno clinico e diagnostico di disturbi patologici nel fegato, apparato renale, sistema endocrino.

Le proteine ​​ad alto peso molecolare (proteine) del sangue sono sostanze organiche con un'alta concentrazione di aminoacidi, i principali regolatori dell'equilibrio azotato del corpo. Le proteine ​​svolgono il ruolo di fondamenta per le cellule e sono attivamente coinvolte in tutti i processi biochimici.

Sono la base degli enzimi e una parte costituente degli ormoni. Dopo che le proteine ​​entrano nel corpo, vengono scomposte in amminoacidi essenziali e non essenziali, che diventano la base per la produzione del corpo delle proprie proteine.

Lo scopo funzionale delle frazioni proteiche e delle proteine ​​totali è:

  • spostare l'ossigeno dai polmoni ai tessuti, trasportando l'anidride carbonica nella direzione opposta e creando una riserva di ossigeno;
  • mantenere l'immunità;
  • conservazione della riserva di amminoacidi;
  • fornire compressione molecolare per mantenere una pressione osmotica colloidale costante - un indicatore dello scambio d'acqua;
  • proteggere gli eritrociti (globuli rossi) dalla distruzione prematura;
  • protezione della parete interna dei vasi sanguigni neutralizzando il "colesterolo cattivo";
  • mantenere la normale coagulazione del sangue;
  • partecipazione alla costruzione di nuove proteine ​​nel tessuto muscolare;
  • trasporto di sostanze nutritive e farmaci attraverso il flusso sanguigno.

La normale quantità di proteine ​​è un indicatore dell'omeostasi (la capacità del corpo di mantenere la costanza dell'ambiente interno).

Proteine ​​nell'analisi del sangue e norme di contenuto

Un esame del sangue biochimico è prescritto per la diagnosi primaria delle malattie, al fine di controllare la terapia, come parte degli esami di routine della popolazione. Lo studio include più di 20 parametri del sangue che riflettono la salute del corpo. Oltre al contenuto quantitativo delle proteine ​​totali, l'analisi tiene conto degli indicatori di albumina, globuline, fibrinogeno, ecc..

Le indicazioni dirette per controllare il livello di proteine ​​nel sangue sono:

  • malattie epatiche e renali (acute e croniche)
  • oncopatologie diagnosticate, infezioni, malattie dell'apparato digerente;
  • anemia (anemia di varia origine).

I risultati dello studio vengono confrontati con i valori di riferimento adottati dalla diagnostica di laboratorio. La misurazione viene eseguita in g / l. Nell'infanzia, le norme per le proteine ​​totali sono variabili. Gli indicatori si stabilizzano all'età di 16 anni e persistono fino alla vecchiaia. Una leggera diminuzione della concentrazione di composti proteici è consentita nelle persone che hanno superato la linea dei sessant'anni, che è associata a cambiamenti generali legati all'età nel corpo.

NeonatoFino a sei mesiFino a un annoDa 1 anno a 3 anniDai 3 ai 16 anni
46-7044–7651-7356-7560-80

I valori di riferimento per gli adulti vanno da 64 a 86 g / l. All'età di 60 anni, gli indicatori non patologici sono considerati da 61 a 80 g / l. In termini di genere, le norme sul contenuto di proteine ​​non differiscono. L'eccezione è il periodo perinatale nella vita di una donna, quando il valore quantitativo di albumina e globuline diminuisce.

Una diminuzione del livello di proteine ​​di oltre 10 grammi è la base per un ulteriore esame. Un valore critico è una diminuzione della concentrazione di proteine ​​della metà (dalla norma). Il contenuto di proteine ​​totali nel sangue dipende dalla sintesi e dalla scomposizione dell'albumina prodotta dal fegato e dalle globuline (le α-globuline e le β sono sintetizzate nel fegato, le γ-globuline - nei linfociti).

Raramente vengono rilevati livelli di proteine ​​aumentati, ma, come quelli ridotti, sono considerati anormali. Alti livelli di proteina C reattiva (PCR) sono un marker del processo infiammatorio.

Le principali cause di ipoproteinemia

Perché le proteine ​​totali stanno diminuendo? Il suo contenuto nel sangue può essere influenzato da fattori fisiologici (caratteristiche individuali e cambiamenti fisici temporanei) e fattori patologici associati a gravi violazioni dei processi biochimici e alla presenza di malattie.

Fattori non patologici di declino delle proteine

L'ipoproteinemia fisiologica si verifica nei seguenti casi:

  • Disidratazione (disidratazione) del corpo causata da esposizione prolungata ad alte temperature con manifestazione di sintomi di surriscaldamento (vomito, diarrea);
  • Periodo perinatale. A causa della necessità di fornire l'attività vitale di due organismi contemporaneamente, il volume del sangue aumenta nelle donne in gravidanza, che diventa meno concentrato. La riduzione consentita è di circa 5-9 g / l.
  • Alimentazione sbilanciata, aderenza a un sistema alimentare scorretto (diete prive di proteine, veganismo) e digiuno. Una quantità insufficiente di proteine ​​dal cibo provoca una carenza di amminoacidi necessari per la sintesi della propria proteina.
  • Sport eccessivi e altre attività fisiche. Con una maggiore attività fisica, aumenta il consumo di tutti i nutrienti, compresa la componente proteica del sangue.

L'ipoproteinemia è osservata con immobilizzazione prolungata in pazienti costretti a rispettare il riposo a letto.

Cause pericolose di ipoproteinemia

Le cause patologiche del basso contenuto di proteine ​​sono dovute allo sviluppo latente o progressivo di malattie degli organi interni, una violazione della sintesi di sostanze biologicamente attive e un'eredità infruttuosa. Le patologie includono:

  • distruzione e morte di epatociti (cellule del fegato), a causa di cirrosi, epatite, epatosi.
  • intossicazione da acqua (iperidratazione), derivante dall'ipersintesi dell'ormone antidiuretico vasopressina nei nuclei dell'ipotalamo (l'eccesso di vasopressina è pericoloso per lo sviluppo di edema cerebrale e coma)
  • ipervolemia (aumento del volume del sangue circolante) a causa della ritenzione idrica nel letto vascolare;
  • accumulo di liquido nella cavità pleurica dei polmoni (pleurite essudativa), negli alveoli (edema polmonare);
  • cachessia (estremo esaurimento del corpo), i motivi possono essere diete aggressive, gravi malattie infettive e infiammatorie, anoressia;
  • immunodeficienze primarie (ereditarie) e secondarie (HIV, AIDS, ecc.);
  • diabete mellito nella fase di sottocompensazione e scompenso;
  • squilibrio ormonale della ghiandola tiroidea;
  • PTH - tossicosi tardiva delle donne in gravidanza (gestosi);
  • malattie oncoematologiche (lesioni maligne del sistema circolatorio e linfatico);
  • stadi gravi di anemia (anemia);
  • accumulo di liquido nella cavità addominale (ascite) come complicazione di patologie epatiche croniche, tumori di altri organi del tratto gastrointestinale (tratto gastrointestinale);
  • violazione della produzione di enzimi pancreatici (carenza di enzimi del pancreas);
  • malassorbimento e altre patologie intestinali associate a un ridotto assorbimento delle proteine;
  • ustioni termiche, chimiche, elettriche di vasta area e profondità;
  • sanguinamento volumetrico (esterno, a causa di traumi o lesioni ed emorragia degli organi interni);
  • proteinuria (la presenza di proteine ​​nelle urine causata da malattie dell'apparato renale).

Se le ragioni fisiologiche della diminuzione delle proteine ​​totali sono a priori assenti, la violazione della composizione del sangue è provocata dalla presenza di un processo patologico. I risultati insoddisfacenti dell'analisi biochimica sono la base per ricontrollare e condurre una diagnostica estesa.

Manifestazioni sintomatiche di ipoproteinemia

Il calo del livello di proteine ​​non è caratterizzato da sintomi specifici vividi. Le manifestazioni somatiche ed esterne di un basso contenuto di proteine ​​nel sangue dipendono da quei disturbi e malattie che hanno provocato un cambiamento nella composizione del sangue. Con poca perdita di proteine, debolezza, diminuzione delle prestazioni fisiche, CFS (sindrome da stanchezza cronica).

Con una diminuzione più grave degli indicatori, alle manifestazioni elencate si aggiungono:

  • disania (disturbo del sonno), apatia, irritabilità;
  • lavoro instabile dell'apparato digerente e urinario;
  • SARS e raffreddori frequenti;
  • respiro affannoso;
  • oppressione della libido (desiderio sessuale);
  • sintomi ipertensivi (aumento della pressione, mal di testa).

Un segno esterno è il gonfiore (accumulo di liquido in eccesso nello spazio extracellulare). L'edema si verifica a causa di una violazione del livello stabile di pressione colloidale-osmotica e idrostatica sulle pareti dei vasi sanguigni, poiché un numero insufficiente di molecole proteiche non può fornire la compressione necessaria per il trasferimento di acqua dal fluido tissutale nel flusso sanguigno.

Un basso livello di proteine ​​inibisce la formazione di nuove cellule, quindi i processi di recupero post-traumatico della pelle vengono interrotti. Cercando di sopperire alla mancanza di proteine, il corpo inizia a estrarle dalle fibre muscolari, il che porta alla loro distruzione. I sintomi sono:

  • artralgia - dolore muscolare non causato da sforzo fisico o infiammazione;
  • perdita di peso (a causa della massa muscolare).

La mancanza di nutrienti influisce sulla salute di capelli e unghie (fragilità, secchezza, ecc.). La determinazione dell'ipoproteinemia è possibile solo attraverso un esame del sangue di laboratorio. Per fare ciò, è necessario donare il sangue per l'analisi biochimica. Il prelievo di sangue viene effettuato gratuitamente su segnalazione di un medico. È possibile sottoporsi autonomamente alla procedura a pagamento nei centri diagnostici clinici.

Possibili conseguenze

La carenza di proteine ​​minaccia lo sviluppo:

  • atrofia muscolare;
  • tachicardia e ipertensione;
  • disturbi della coagulazione del sangue;
  • cachessia;
  • anemia;
  • immunodeficienza;
  • demenza (demenza acquisita).

Con l'ipoproteinemia nelle donne in gravidanza, i rischi di aborto spontaneo, parto prematuro, ipossia fetale (mancanza di ossigeno) sono significativamente aumentati.

Modi per ripristinare i livelli di proteine

La condizione principale per reintegrare la carenza di proteine ​​è una diagnosi accurata della causa del disturbo. Un calo patologico del livello di proteine ​​nel sangue necessita di cure per la malattia sottostante. Con la perdita fisiologica, la correzione delle abitudini alimentari aiuta ad aumentare le proteine ​​del sangue.

Nella dieta quotidiana, dovresti aumentare la quantità di alimenti proteici. In questo caso, è necessario mantenere un equilibrio di proteine ​​di origine vegetale e animale, poiché contengono diversi amminoacidi di cui l'organismo ha bisogno..

Proteine ​​vegetaliProteine ​​animali
semi di girasolezucca e girasolecarnefegato (maiale, manzo), vitello, cuore di manzo, coniglio
nocciolinearachidi, noci, pistacchi, mandorle, noccioleuccellopollo, tacchino
legumifagioli (bianchi e rossi), piselli, soia, lenticchieun pescetonno, bottatrice, pesce persico, nasello, saury, sardina, sgombro, salmone, caviale (qualsiasi)
cereali e cerealiavena, grano saraceno, miglio, riso (integrale)
funghibianco essiccatoLatticiniformaggio, ricotta, feta
alga marinaalghe (alghe)
ortaggi e ortaggi a radicecavolo cappuccio (cavolo rapa, cavoletti di Bruxelles), spinaci, patatefrutti di maregamberetti, granchi, calamari, cozze

Quando si introduce una maggiore quantità di proteine ​​nel menu, non bisogna dimenticare la componente dei carboidrati. La dieta dovrebbe essere equilibrata. Un consumo eccessivo di proteine ​​può influire negativamente sul funzionamento del sistema digerente..

Spesso ci sono dispepsia (elaborazione difficile e dolorosa del cibo), stitichezza (stitichezza), pesantezza nella regione epigastrica (epigastrica), nausea. Inoltre, molti alimenti proteici sono ricchi di energia e contengono grassi animali, che possono contribuire all'aumento di peso..

Per una corretta assimilazione delle proteine, aumentando il tono del corpo e l'immunità, si consiglia di assumere complessi vitaminico-minerali (Alphabet, Pikovit, Duovit, Complivit, ecc.). È possibile aumentare il livello di proteine ​​totali con l'aiuto di farmaci speciali. La decisione sul trattamento farmacologico dell'ipoproteinemia deve essere presa da un medico..

Per quanto riguarda gli integratori speciali (frullati di proteine ​​e barrette proteiche), va tenuto presente che sono progettati per le persone che sono attivamente coinvolte nello sport. Le barrette contengono molti grassi e zuccheri, il che non è il miglior effetto sulla salute se non si bruciano calorie in eccesso con l'esercizio.

Risultato

I livelli ridotti di proteine ​​totali sono anormali. I seguenti motivi fisiologici possono provocare il problema:

  • nutrizione impropria;
  • gravidanza;
  • estenuante attività fisica.

Una dieta adeguatamente organizzata aiuta a compensare la carenza di proteine. È necessario aumentare il volume degli alimenti ad alto contenuto di proteine ​​vegetali e animali nel menu giornaliero. In assenza dell'influenza di fattori fisiologici, un basso contenuto di proteine ​​nel sangue è un segno clinico e diagnostico di funzionalità epatica e renale compromessa, intossicazione da acqua del corpo, patologie dell'apparato digerente.

La determinazione del contenuto proteico quantitativo viene effettuata mediante analisi del sangue biochimica. Per gli adulti, gli indicatori dovrebbero rientrare nei limiti di 64-86 g / l. Con una significativa diminuzione dei valori, al paziente dovrebbe essere assegnato un esame aggiuntivo per identificare le ragioni specifiche della violazione della composizione del sangue.

Cause di un basso contenuto di proteine ​​nel sangue e metodi per aumentarlo

Un esame del sangue biochimico consente di valutare il lavoro degli organi interni. Uno degli indicatori principali di questo studio è la proteina totale del sangue (proteine ​​totali).

Indicatore delle proteine ​​totali del sangue del metabolismo degli aminoacidi, che caratterizza il livello delle molecole proteiche di tutti i tipi e frazioni nel siero del sangue. Dalla concentrazione delle proteine, puoi scoprire come si verifica il metabolismo delle proteine..

Le proteine ​​svolgono una varietà di funzioni e assicurano il normale funzionamento del corpo. Se la proteina totale nel sangue viene ridotta, la ragione può essere patologie pericolose. E quindi, questa condizione richiede un trattamento tempestivo e competente..

Il valore e la funzione delle proteine ​​nel sangue

Le proteine ​​sono gli elementi costitutivi di tutti gli organi e tessuti del corpo. Sono la struttura a cui sono attaccate le cellule e le varie strutture biologiche. Senza proteine, cellule e tessuti non possono essere ripristinati. Ogni cellula e fluido del corpo contiene proteine.

Le proteine ​​si spostano da tessuto a tessuto attraverso i vasi sanguigni. Più di 100 tipi di proteine ​​circolano nel sangue. Oltre alle molecole fisiologiche, nel corpo si possono formare proteine ​​patologiche (per varie malattie).

I principali tipi di proteine ​​nel siero:

  • L'albumina è una grande frazione proteica, il loro peso molecolare è piuttosto basso. Mantengono la struttura cellulare ottimale e le normali condizioni del sangue;
  • Le globuline sono proteine ​​a grande molecola coinvolte nella sintesi delle proteine ​​immunitarie;
  • Il fibrinogeno è una proteina specifica coinvolta nella coagulazione del sangue.

Le percentuali più basse sono il resto delle modificazioni fisiologiche e patologiche delle proteine. Il loro aumento si osserva solo con lo sviluppo di malattie.

Le principali funzioni delle proteine:

  • Mantenere normali livelli di viscosità e fluidità del sangue;
  • Tenere altri enzimi del sangue in sospensione;
  • Mantenere il volume di sangue richiesto nel corpo;
  • Regola l'equilibrio acido-base nel sangue;
  • Regola la coagulazione del sangue;
  • Trasporta i nutrienti a organi e tessuti.

Una bassa concentrazione di proteine ​​nel siero del sangue indica processi patologici nel corpo..

La norma negli adulti e nei bambini

La gamma dei valori minimi e massimi delle proteine ​​nel plasma sanguigno è ampia. Ciò è dovuto al fatto che molti motivi fisiologici e altri influenzano l'attività del metabolismo delle proteine..

Tasso di proteine ​​totali per età:

  • 0-1 mese - da 48 a 75 g / l;
  • 2-12 mesi - da 47 a 73 g / l;
  • 1-6 anni - da 60 a 76 g / l;
  • 7-17 anni - da 59 a 77 g / l;
  • Dai 18 anni in su - da 64 a 84 g / l.

La concentrazione di proteine ​​totali nelle donne può essere leggermente inferiore (circa il 10%) rispetto agli uomini. La deviazione di questo indicatore nelle donne in gravidanza può raggiungere il 30%. Se questi cambiamenti sono dovuti a una violazione del background ormonale e non ci sono reclami, allora sono di natura fisiologica..

Imparerai di più sulle norme delle proteine ​​totali nel sangue qui..

Cause di basso contenuto di proteine ​​nel sangue

L'ipoproteinomia è una condizione in cui i livelli di proteine ​​sieriche sono bassi. I medici distinguono l'ipoproteinmia fisiologica, relativa e assoluta..

Gruppi a rischio con bassa concentrazione di proteine:

  • Bambini piccoli;
  • Donne in gravidanza e in allattamento;
  • Pazienti con immobilizzazione prolungata.

Le seguenti condizioni possono provocare ipoproteinomia relativa:

  • L'intossicazione da acqua è una violazione dell'equilibrio sale-acqua a causa dell'eccessiva assunzione di acqua;
  • L'anuria è una malattia renale in cui il flusso di urina nella vescica è compromesso;
  • Somministrazione endovenosa oa goccia di soluzione di glucosio a pazienti con funzionalità epatica compromessa;
  • Aumento della produzione di vasopressina (un ormone dell'ipotalamo), che trattiene i liquidi nel corpo;
  • L'insufficienza cardiaca scompensata è una patologia in cui il cuore non può svolgere le sue funzioni anche a riposo.

L'ipoproteinmia assoluta è provocata dalle seguenti condizioni:

  • Diete rigorose. Una persona vuole perdere chili in più con qualsiasi mezzo e smette di mangiare cibi che contengono proteine;
  • Malnutrizione prolungata;
  • Malattie infiammatorie dell'apparato digerente (enterite, colite), a causa delle quali l'assimilazione e la digestione delle proteine ​​sono compromesse;
  • Avvelenamento e infiammazione cronica del fegato (epatite, cirrosi), che sopprimono la biosintesi delle proteine;
  • Malattie congenite in cui la produzione di singoli componenti proteici è compromessa;
  • Aumento della degradazione proteica dovuta a neoplasie maligne, gravi ustioni, iperfunzionamento della ghiandola tiroidea, intervento chirurgico, febbre prolungata, trattamento con farmaci corticosteroidi, duro lavoro fisico regolare;
  • Eccessiva escrezione di proteine ​​nelle urine con sindrome nefrosica, diabete mellito, glomerulonefrite, diarrea cronica;
  • L'accumulo di liquido libero nelle cavità con ascite (idropisia dell'addome), pleurite essudativa e il trasferimento di proteine ​​lì;
  • Emorragia, in cui una proteina nel sangue viene rilasciata con il sangue.

È importante visitare un medico in tempo, che diagnosticherà e determinerà la tattica del trattamento.

Sintomi e trattamenti per l'ipoproteinmia

Con un basso contenuto di proteine ​​nel sangue, il benessere di una persona peggiora, questo si manifesta con una diminuzione della capacità lavorativa, stanchezza cronica e un indebolimento delle difese del corpo. Se la concentrazione di proteine ​​scende al 50%, si verifica un edema tissutale. L'intero corpo o solo alcune sue parti possono gonfiarsi.

Nei casi più gravi, il liquido si accumula nella regione pleurica, sacco pericardico (pericardio), peritoneo. Questa condizione si manifesta come ascite, pleurite (infiammazione delle membrane dei polmoni), infiammazione dei polmoni, ecc..

Il versamento pericardico di liquido provoca aritmia, pericardite, infiammazione miocardica e persino la morte.

È possibile aumentare la concentrazione di proteine ​​nel sangue con l'aiuto di farmaci e una corretta alimentazione. Il paziente deve seguire una dieta e assumere preparati vitaminici.

Un dietologo ti aiuterà a redigere correttamente un menu. Non dovresti farlo da solo, poiché non tutte le proteine ​​sono divise allo stesso modo, alcune di esse non sono completamente assorbite..

Per compensare la carenza, il paziente deve includere nella dieta alimenti ricchi di proteine ​​animali e vegetali:

  • Ricotta, formaggio con una bassa percentuale di grasso;
  • Carni magre;
  • Pesce, frutti di mare;
  • Frutta a guscio (arachidi, mandorle, noci, ecc.);
  • Legumi (fagioli, lenticchie, semi di soia);
  • Albicocche secche;
  • Cereali (farina d'avena, segale, riso integrale, ecc.);
  • Cioccolato con un contenuto di cacao di almeno il 70%;
  • Alga marina;
  • Crusca, germe di grano;
  • Pasta integrale.

La quantità media di proteine ​​si trova nelle carni grasse, nei fiocchi di latte, nel latte, nelle uova. La dieta dovrebbe includere cibi che aumentano i livelli sierici di proteine. Questo vale per verdure, bacche, funghi e frutta..

Basso contenuto di proteine ​​durante la gravidanza

La concentrazione di proteine ​​nel sangue di una donna incinta può cambiare in una direzione o nell'altra senza la presenza di malattie gravi. Tali fluttuazioni provocano cambiamenti ormonali. La deviazione massima consentita dalla norma durante la gestazione è del 30%. L'ipoproteinmia può derivare da un aumento del volume sanguigno.

In alcuni casi, la quantità di proteine ​​diminuisce a causa di gravi malattie renali, anemia, massiccia perdita di sangue.

Se i seguenti sintomi compaiono in una donna incinta, dovresti consultare un medico:

  • parestesia (intorpidimento, formicolio alle estremità);
  • nausea, attacchi di vomito, indigestione;
  • mal di testa.

Per aumentare la concentrazione di proteine ​​nel sangue, dovresti consultare un medico che identificherà la causa del disturbo. Se l'ipoproteinmia è causata da un malfunzionamento del cuore, la donna incinta deve assumere farmaci sicuri mirati. Il trattamento della disfunzione renale è raccomandato in un ospedale. L'anemia viene trattata con integratori di ferro e dieta.

Pertanto, le proteine ​​totali sono un indicatore importante dello stato di salute. Un basso contenuto di proteine ​​può indicare varie patologie del corpo, quindi è necessario monitorare la dieta e fare periodicamente un esame del sangue generale.

I medici consigliano di sottoporsi a un'analisi biochimica almeno una volta all'anno. Una diagnosi tempestiva garantisce un rapido recupero. Ora sai perché la proteina totale nel sangue è ridotta, cosa significa, quali sono le cause ei sintomi. Inoltre, hai imparato come aumentare il livello di proteine ​​nel sangue.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici sui social network:


Articolo Successivo
Perché il corpo ha bisogno di magnesio? Come determinare la mancanza di un elemento e come riempirlo