Ipossia durante il travaglio. L'aiuto dell'osteopata


La lesione ipossico-ischemica del sistema nervoso centrale di origine perinatale è una diagnosi molto comune, che i genitori trattano con i loro figli. Il 75-85% delle malattie del sistema nervoso nei bambini ha origine nelle prime fasi dello sviluppo intrauterino o problemi durante il parto. L'ipossia intrauterina e l'ipossia durante il parto causano disturbi della circolazione uteroplacentare, che possono essere accompagnati da una mancanza di ossigeno nel feto. I disturbi ipossici nei bambini sono spesso associati a squilibrio funzionale, restrizione del flusso sanguigno e movimento del liquido cerebrospinale. L'osteopatia normalizza i movimenti del corpo e promuove la nutrizione del cervello, correggendo le conseguenze negative dell'ipossia..

L'ipossia e l'asfissia che si verificano durante il parto e il periodo neonatale non passano inosservate e possono avere un effetto negativo sullo sviluppo del cervello. Il risultato può essere una significativa perdita di neuroni, alterazioni distrofiche nelle cellule nervose nella corteccia cerebrale e nelle strutture subcorticali e nei ventricoli del cervello..

Il quadro clinico può presentare i seguenti sintomi:

  • riflesso di suzione ridotto o assente
  • danni al sistema nervoso
  • rigurgito
  • paralisi cerebrale
  • insufficienza piramidale
  • idrocefalo

Con la carenza di ossigeno, l'autoregolazione della circolazione cerebrale viene disturbata, la permeabilità dei neuroni cambia, il metabolismo delle cellule nervose viene disturbato e si accumulano amminoacidi dannosi e radicali liberi. Come risultato degli effetti tossici di queste sostanze, si verifica la morte neuronale e si verifica una morte programmata delle cellule nervose. Data la progressione della deformazione neuronale, i sintomi clinici possono comparire più tardi, dopo diversi anni. Ciò suggerisce che i bambini dopo aver subito l'ipossia dovrebbero essere monitorati da un neurologo e un osteopata..

Diagnosi di ipossia

I bambini con diagnosi di lesione post-ipossica perinatale del sistema nervoso centrale sono seguiti da un neurologo per 2 anni. Dopo questo periodo, la diagnosi viene rimossa o passa a una più complessa (paralisi cerebrale, idrocefalo, ecc.).

Metodi per diagnosticare uno stato post-ipossico:

  • L'ecografia del cervello mostra l'anatomia del sistema nervoso
  • un elettroencefalogramma (EEG) caratterizza la funzione dei neuroni
  • L'ecografia Doppler dei vasi cerebrali caratterizza le funzioni dei vasi cerebrali, con quale velocità e simmetria funzionano e quanto bene forniscono ossigeno al cervello.
  • La risonanza magnetica è estremamente rara per i bambini nei primi 2 anni, poiché per questo studio è necessaria l'anestesia.

All'ecografia del cervello, vengono determinati i seguenti cambiamenti post-ipossici:

  • Cisti (compaiono dopo 10-14 giorni dall'ipossia).
  • Deformazione delle circonvoluzioni e dei solchi del cervello.
  • Leucomalacia periventricolare - necrosi delle cellule cerebrali intorno ai ventricoli del cervello, è un sintomo estremamente spiacevole in termini di prognosi, spesso termina con idrocefalo e paralisi cerebrale.
  • Un aumento delle dimensioni dei ventricoli cerebrali, della fessura interemisferica e di altri spazi contenenti liquori.

La frequenza della ricerca nei bambini che hanno subito l'ipossia è una volta ogni 3 mesi fino a un anno e una volta ogni 6 mesi. nel secondo anno di vita.

Il punteggio di Apgar non è l'unico criterio per l'ipossia posticipata. Ad esempio, in un feto, in risposta alla mancanza di ossigeno, lo sfintere rettale si apre e il meconio viene rilasciato nel liquido amniotico, che lo rende verde. La carenza di ossigeno può anche essere indicata dallo stato della placenta (invecchiamento precoce, anomalia nello sviluppo dei vasi sanguigni, ecc.). A volte questi bambini nascono con un punteggio di Apgar alto, ma l'ipossia si verifica ancora.

Il cervello dei bambini nei primi 2 anni di vita è molto plastico e accetta volentieri tutti i metodi di trattamento, risponde rapidamente e dà ottimi risultati. Recentemente, il trattamento osteopatico ha preso un posto meritato nel programma di trattamento per i bambini sottoposti a ipossia.

Conseguenze dell'ipossia

In precedenza, abbiamo considerato le cause e la diagnosi delle condizioni post-ipossiche e abbiamo convenuto che i bambini nati con un punteggio Apgar di 7 o inferiore sono considerati soggetti a ipossia. Questo gruppo include anche bambini con un intreccio del cordone ombelicale, neonati prematuri, ecc..

È estremamente importante condurre regolarmente esami di tali bambini in dinamica in determinati periodi di età: 1 mese, 3 mesi, 6 mesi, 9 mesi, 1 anno. Lo scopo dell'esame e dell'osservazione è prevenire e ridurre le malattie croniche e ridurre il grado di conseguenze a lungo termine. Circa l'83% dei bambini sottoposti a ipossia presenta lesioni del sistema nervoso centrale in varie manifestazioni e combinazioni..

Durante il decorso della malattia si distinguono 3 periodi:

  • periodo acuto fino a 1 mese.
  • periodo di recupero da 2 mesi. fino a 2 anni
  • l'esito della malattia - dopo 2 anni.

I sintomi più comuni di danno al SNC nel periodo acuto e di recupero. A volte questi sintomi compaiono in combinazione tra loro:

  • Sindrome di aumentata eccitabilità neuroriflesso.
  • Il bambino è molto irrequieto, negativo all'esame, disturbi del sonno, disturbi del tono muscolare, ecc..
  • Sindrome ipertensivo-idrocefalica.
  • A causa dell'aumento della quantità di liquido negli spazi del cervello, aumenta la pressione intracranica. È caratterizzato da un rapido tasso di crescita della circonferenza della testa, una grande fontanella, un comportamento irrequieto, rigurgito frequente.
  • Sindrome vegeto-viscerale.
  • Disfunzione del tratto gastrointestinale, rigurgito frequente, feci frequenti o costipazione, gonfiore. Violazione della regolazione del tono vascolare, che si manifesta come colore della pelle non uniforme (marmorizzazione). Violazione del ritmo della respirazione e delle contrazioni cardiache.
  • Sindrome da depressione del sistema nervoso centrale.
  • Diminuzione dell'attività motoria, diminuzione del tono muscolare, riflessi di suzione e deglutizione indeboliti.
  • Sindrome piramidale.

È espresso dall'ipertensione dei muscoli del polpaccio, dalla rigidità delle articolazioni della caviglia, dal camminare in punta di piedi, dallo sviluppo ritardato del linguaggio e dal motore.

Se hai questi sintomi, non dovresti aspettare un esame di routine, è meglio contattare immediatamente un neurologo e un osteopata per la diagnosi precoce e il trattamento.

Trattamento dell'ipossia

Il danno post-ipossico al sistema nervoso centrale richiede un trattamento graduale dopo la rianimazione (se necessario), inizia il periodo di recupero, si applica:

  • Terapia fisica
  • massaggio
  • trattamento fisioterapico
  • terapia farmacologica (farmaci nootropici, farmaci vascolari, vitamine)
  • terapia di idrocinesia (nuoto)
  • Sono sempre più utilizzati metodi come la terapia bobat, la terapia voyta, particolarmente utili per i bambini con disturbi del tono muscolare
  • osteopatia.

Trattamento osteopatico dell'ipossia durante il travaglio

Il trattamento osteopatico occupa giustamente uno dei posti di primo piano nella riabilitazione dei bambini che hanno subito l'ipossia. Il bilanciamento delle ossa del cranio consente di alleviare lo stress dalla dura madre e dagli emisferi cerebrali, garantendo così il più completo funzionamento del sistema nervoso centrale.

Le tecniche osteopatiche consentono il drenaggio dei seni venosi, con conseguente miglioramento del riassorbimento del liquido cerebrospinale e normalizzazione della pressione intracranica. La liberazione del rachide cervicale, l'eliminazione del torcicollo favorisce un adeguato afflusso di sangue al cervello.

Il trattamento osteopatico precoce nel primo anno di vita consente ai bambini non solo di stare al passo con i loro coetanei in fase di sviluppo, ma a volte anche di svilupparsi prima del previsto. È molto importante eseguire questo trattamento fin dai primi mesi di vita, poiché aiuterà a sbarazzarsi di sintomi patologici clinici distanti. Le sessioni di osteopatia per bambini si svolgono dal primo mese di vita. Il trattamento osteopatico, creando un funzionamento ottimale del sistema nervoso centrale, arresta il processo di cambiamenti post-ipossici nei neuroni, quindi, per così dire, riprogramma il cervello per il pieno sviluppo.

Non è necessario aver paura dell'ipossia, è necessario prendere l'intera gamma di misure per la riabilitazione dopo di essa. Inoltre, la medicina moderna ci offre molti strumenti per questo.

Vantaggi del trattamento delle conseguenze dell'ipossia da parto nel nostro Centro medico Neonatus Sanus

La nostra clinica di osteopatia e neurologia sull'isola Vasilievsky "Neonatus Sanus" - salute dalla nascita, ha una vasta esperienza pratica nella prevenzione e nel trattamento di neonati, lattanti e bambini.

Sappiamo come e amiamo lavorare con i bambini piccoli!

Osteopati e neurologi esperti lavorano nella nostra clinica. Molta attenzione viene prestata a ogni bambino per capire il bambino, valutare accuratamente le sue condizioni, dare raccomandazioni ai genitori e, se necessario, condurre un trattamento osteopatico efficace.

Nel nostro centro puoi ottenere il miglior esame, trattamento e consigli dai principali specialisti di San Pietroburgo.

Costo del trattamento del torcicollo a San Pietroburgo

Programma gestionale per bambini del primo anno di vita (Altro)RUB 25.000.
Trattamento di minori di 18 anni4500 rbl.
Trattamento dei minori di 18 anni da parte del primario6000 rbl.
Consulto medico osteopatico2500 rbl.
Consultazione del medico capo4000 sfregamenti.

Esempio clinico di trattamento delle conseguenze dell'ipossia nel nostro centro osteopatico

Feedback dei nostri pazienti sul trattamento dell'ipossia

Katyusha è nata dalla sua prima gravidanza a 40 settimane. La condizione dopo la nascita era difficile a causa dell'asfissia. Apgar segna 1/4 punti. Dopo 3 ore, a causa di insufficienza respiratoria e convulsioni, è stata trasferita nel reparto di terapia intensiva. È stata eseguita ventilazione polmonare artificiale, ipotermia cerebrale.

Il risultato di una grave ipossia cerebrale fu la diagnosi: paralisi cerebrale, emiparesi spastica del lato destro. All'età di 1 anno 6 mesi, è apparsa per la prima volta nel nostro centro. Il disturbo principale era il ritardo nello sviluppo motorio; la deambulazione indipendente appariva solo a 1 anno e 4 mesi. Durante la deambulazione, ha avuto grandi problemi a causa dell'elevata ipertonicità muscolare lungo tutto il lato destro, sono stati notati strabismo e comportamento irrequieto.

Dopo il trattamento, il tono muscolare della ragazza è quasi tornato alla normalità, la sua andatura era il più vicino possibile al fisiologico, la ragazza ha un eccellente sviluppo del linguaggio, va felicemente all'asilo e comunica con i suoi coetanei.

Grazie ai genitori per il materiale video fornito.

Cause e conseguenze dell'ipossia nei neonati

L'ipossia nei neonati è accompagnata da carenza di ossigeno nel tessuto cerebrale del bambino. Questa condizione patologica non è una malattia indipendente, ma si sviluppa a causa dell'influenza di una serie di fattori patologici sul bambino..

L'ipossia è pericolosa per un neonato. In rari casi, può rendere un bambino disabile o addirittura togliersi la vita. La patologia si verifica nel 4-6% dei neonati.

Le ragioni

L'ipossia cerebrale nei neonati può verificarsi a causa dell'influenza di vari fattori. Le ragioni principali per lo sviluppo della patologia:

  • Il conseguente trauma del bambino durante il suo passaggio attraverso il canale del parto.
  • Consegna del forcipe.
  • Un forte calo della pressione sanguigna in una donna incinta durante il parto.
  • L'introduzione dell'infezione nel feto durante il passaggio attraverso il canale del parto o mentre si trova nell'utero. Malattie come la sifilide, la rosolia, il citomegalovirus, l'herpes possono portare all'ipossia cerebrale..
  • Rh-conflitto tra madre e figlio.
  • Sindrome da antifosfolipidi.
  • Cardiopatia.
  • Blocco delle vie aeree del bambino da parte di liquido amniotico, muco o feci.
  • Malattie pericolose non infettive della madre. Questi includono: anemia, patologia dell'apparato respiratorio, diabete mellito, disturbi nel funzionamento della ghiandola tiroidea, malattie cardiache. In tali condizioni, il corpo non è in grado di fornire un livello sufficiente di ossigeno anche alla donna stessa, quindi la maggior parte dei bambini nasce con segni di ipossia..
  • Trasportare e dare alla luce più bambini contemporaneamente.
  • Un periodo gestazionale appesantito. La rottura precoce della placenta, il parto tardivo e la tossicosi nelle ultime settimane di gravidanza possono provocare patologie.
  • La nascita di un bambino prematuro.
  • Polidramnios e acqua bassa.
  • Cattive abitudini di una donna, che non ha lasciato per il tempo della gestazione. L'ipossia può verificarsi a causa del fumo di una donna incinta, alcolismo o tossicodipendenza.
  • Assunzione di farmaci da una donna incinta.
  • Gravi errori nella nutrizione della futura mamma.
  • Stress cronico in una donna incinta.
  • Vivere la futura mamma in condizioni ambientali sfavorevoli, lavorare in una produzione pericolosa.
  • Espansione incompleta dei polmoni in un neonato. Questa causa porta all'ipossia sullo sfondo di pneumopatie (danno non infettivo al tessuto polmonare di un bambino).
  • Violazione della circolazione cerebrale in un bambino.

Le cause dell'ipossia che agiscono su un bambino mentre è nel grembo materno sono chiamate anterali. Quei fattori che provocano la carenza di ossigeno dopo la nascita di un bambino sono intrapartum.

A volte il cordone ombelicale diventa la causa dell'ipossia. La fame di ossigeno si sviluppa nei neonati con groviglio, veri nodi, compressione del cordone ombelicale o rottura dei suoi vasi.

Sintomi

L'ipossia in un neonato porta al fatto che i sintomi si faranno sentire nel tempo. Il criterio principale è la presenza di disturbi respiratori che provocano un malfunzionamento del cuore e del sistema circolatorio..

La gravità dell'ipossia è determinata dalla scala di Apgar. Ha tre gradi:

  • Da 6 a 7 punti: un neonato ha una lieve ipossia. In questo caso, il bambino fa un respiro durante i primi 60 secondi dopo la nascita. Respirazione indebolita, colore della pelle bluastro. Riduzione del tono muscolare. Questa condizione non richiede misure speciali..
  • Da 4 a 5 punti - ipossia moderata. Il bambino inspira entro i primi 60 secondi, la respirazione è debole, incoerente. Il bambino urla piano, il suo cordone ombelicale pulsa. Il viso e gli arti sono blu, il tono muscolare è ridotto. Con una terapia ben organizzata sarà possibile far fronte alla patologia in pochi giorni.
  • Da 1 a 3 punti: grave soffocamento. La respirazione è rara o appare sotto forma di respiro sibilante, il bambino non urla, il cordone ombelicale non pulsa. La pelle del bambino è pallida. Nei bambini con grave soffocamento viene diagnosticata un'insufficienza surrenalica. Per salvare la vita del bambino, sono necessarie misure di rianimazione di emergenza.

Se il medico emette 0 punti, parla della morte clinica del neonato.

I punteggi di Apgar si basano su una serie di criteri. Questi includono: frequenza cardiaca e frequenza respiratoria, colore della pelle, tono muscolare e riflesso del tallone.

Quasi tutti i bambini nati hanno una lieve ipossia. Normalmente, va via da solo dopo 5 minuti..

Sintomi che indicano carenza di ossigeno:

  • Debolezza o mancanza di respiro.
  • Tachicardia seguita da bradicardia.
  • Insufficienza cardiaca.
  • Soffio al cuore.
  • Azzurro della pelle.
  • Bassa attività fisica o sua assenza.
  • La presenza di verde nel liquido amniotico.
  • La comparsa di emorragia sottocutanea.

Secondo questi segni, il medico fa immediatamente una diagnosi.

Segni tardivi di ipossia

La fame di ossigeno nei neonati può essere persa a causa di determinate circostanze. Se la diagnosi corretta non è stata fatta nei primi minuti di vita del bambino, i seguenti sintomi dovrebbero far sorgere l'idea che non tutto è in ordine con lui:

  • Sonnolenza del bambino. I bambini hanno bisogno di svegliarsi per soddisfare i loro bisogni naturali. Normalmente dormono non più di 21 ore al giorno. Le restanti 3 ore il bambino dovrebbe essere sveglio.
  • Sonno irrequieto. Il bambino spesso piange, sussulta tutto il tempo.
  • La pelle delle mani e dei piedi è marmorizzata.
  • Durante il cambio dei vestiti e l'esecuzione di misure igieniche, il bambino si blocca. Le sue membra rimangono fredde al tatto per molto tempo.
  • A riposo e durante il pianto, i muscoli facciali del bambino si contraggono.

Se la madre nota tali sintomi nel bambino, deve informare il pediatra..

Conseguenze e complicazioni

L'ipossia nei neonati può causare gravi conseguenze. Prima di tutto, il cervello del bambino soffre. Questa patologia è chiamata encefalopatia ipossica. Se la fame di ossigeno dei tessuti è stata lieve, tutti i sintomi del disturbo scompariranno da soli in una settimana..

La grave encefalopatia si manifesta con letargia del bambino, fino allo sviluppo di convulsioni e coma. Il bambino ha bisogno di cure ospedaliere. Un recupero completo può richiedere mesi o addirittura anni. Durante questo periodo, deve essere sotto regolare controllo medico. A volte le conseguenze dell'ischemia persistono per tutta la vita.

Le prime complicanze dell'ipossia includono idropisia cerebrale, meningite, sepsi, infiammazione del tessuto polmonare e patologie neurologiche. Pertanto, è così importante seguire tutte le raccomandazioni mediche volte ad eliminare i fenomeni di ipossia..

Altre complicazioni dell'ipossia che si sviluppano a lungo termine:

  • Maggiore ansia.
  • L'ansia irragionevole del bambino.
  • Instabilità della psiche.
  • Sviluppo fisico e mentale ritardato, con conseguente scarso rendimento scolastico.
  • Mal di testa regolari.
  • Persistente aumento della pressione intracranica.
  • Distonia vegetovascolare.
  • Sviluppo di crisi epilettiche.
  • Danni ai tessuti nervosi.

La medicina moderna evita le gravi conseguenze dell'ipossia cerebrale. Pertanto, la disabilità e la morte del bambino sono rare..

La diagnosi e il trattamento tempestivi dell'ipossia sono una garanzia per la salute del bambino in futuro..

Diagnostica

Il medico determina la carenza di ossigeno in un bambino, inizia dalla scala di Apgar. È importante tenere conto della frequenza della respirazione e della frequenza cardiaca, della presenza di riflessi nel bambino e del suo tono muscolare. Il prelievo di sangue è obbligatorio per l'analisi di laboratorio della CBS (stato acido-base).

Al bambino viene mostrata una prima ecografia del cervello. Questo test è chiamato ecografia. Lo stato del cervello viene valutato attraverso una fontanella non cresciuta. Il medico riceve informazioni sullo stato dei vasi cerebrali, sulla presenza e sulla posizione delle emorragie, se presenti..

A differenza degli adulti, l'ipossia cerebrale nei neonati provoca gravi conseguenze sotto forma di aumento dell'eccitabilità nervosa e non hanno sintomi focali. Ciò significa che il bambino potrebbe non avere convulsioni, ma non può sopportare di essere portato tra le sue braccia, si blocca rapidamente, piange molto senza motivo. Nei casi più gravi si osserva una depressione del sistema nervoso centrale..

Trattamento

L'ipossia nei neonati è una condizione pericolosa che richiede un trattamento immediato. Il cervello è particolarmente suscettibile alla carenza di ossigeno, quindi le conseguenze possono essere disastrose. La mancanza di terapia porta a cambiamenti irreversibili nella sua struttura.

L'ipossia grave richiede la rianimazione da parte del personale medico. Dovrebbero mirare all'eliminazione dell'insufficienza respiratoria, alla normalizzazione dell'attività cardiaca. È importante ripristinare i processi metabolici nel corpo del bambino, stabilizzare l'equilibrio degli elettroliti.

Algoritmo delle misure di trattamento:

  • Liberazione del sistema respiratorio da muco, feci, liquido amniotico intrappolato in essi. Vengono rimossi utilizzando un aspiratore speciale..
  • Fornitura di ossigeno al bambino attraverso una maschera e un catetere nasale. Gravi danni cerebrali richiedono il collegamento a un ventilatore. A volte viene eseguita l'intubazione.
  • Fornitura di soluzione di glucosio al 20% e cocarbossilasi. La dose viene calcolata in base al peso del bambino. Il contagocce è collegato alla vena ombelicale.
  • Esecuzione di compressioni toraciche. Viene eseguito con bradicardia in via di sviluppo o mancanza di attività cardiaca.
  • Trasfusione di sangue. La procedura viene eseguita con lo sviluppo della malattia emolitica dei neonati.
  • Eliminazione dei sintomi patologici. Può richiedere sollievo dalle convulsioni, riduzione della pressione intracranica, eliminazione dei fenomeni di ipotensione.

Dopo che la fase acuta dell'ipossia è stata eliminata, il bambino può essere posto in un'incubatrice per un ulteriore monitoraggio delle sue condizioni. Quando la minaccia per la vita e la salute viene eliminata, il bambino viene trasferito nel reparto della madre.

Dopo la dimissione dall'ospedale di maternità, viene stabilito un regime di osservazione speciale per il bambino. Permetterà di rilevare e prevenire lo sviluppo di complicanze tardive dell'ipossia nel tempo.

Riabilitazione infantile ritardata

Un bambino che ha subito la mancanza di ossigeno è tenuto a visitare una stanza di fisioterapia. Sicuramente, gli viene prescritto un massaggio terapeutico e una ginnastica. Il medico seleziona il regime di alimentazione ottimale, spiega ai genitori le regole per prendersi cura del bambino.

A volte dopo la dimissione dall'ospedale, è necessario assumere farmaci volti ad abbassare la pressione intracranica. Molto spesso vengono prescritti Diakarb e Asparkam. Quando indicato, vengono utilizzati farmaci anticonvulsivanti..

Per la prevenzione dei disturbi nervosi e per migliorare la nutrizione del cervello, è possibile utilizzare Piracetam o Vinpocetine. I metodi tradizionali di trattamento in tenera età non sono applicabili. Se la madre nota che il bambino sta iniziando a mostrare gli effetti a lungo termine dell'ipossia, la visita dal medico non deve essere rimandata.

Oltre all'osservazione da parte di un pediatra, il bambino dovrebbe essere esaminato da un neurologo più volte al mese.

Prevenzione

La prevenzione dell'ipossia in un bambino è uno dei compiti principali che deve affrontare una donna incinta. Per non dover essere trattata a lungo dalle conseguenze della carenza di ossigeno, la futura mamma dovrebbe seguire le seguenti raccomandazioni:

  • Trascorri del tempo all'aperto. È importante non solo sedersi, ma anche camminare. Questo aiuterà il corpo a ricevere abbastanza ossigeno..
  • Rifiutare dalle cattive abitudini. L'alcol e il fumo di tabacco influenzano negativamente le condizioni del feto.
  • Fai ginnastica speciale per le donne incinte.
  • Osserva regolarmente il ginecologo, segui le sue raccomandazioni.
  • Fai i tuoi test in tempo.
  • Mangia correttamente. Il menu deve includere frutta e verdura fresca, uova, erbe aromatiche, frutti di mare, fegato. È stato dimostrato che l'anemia contribuisce allo sviluppo dell'ipossia fetale.
  • Attenersi a una routine quotidiana.
  • Tutte le infezioni extragenitali devono essere trattate prima della nascita del bambino.

Immediatamente dopo l'inizio delle contrazioni, è necessario chiamare un'ambulanza e recarsi in una struttura medica. Solo in un ospedale per la maternità è possibile fornire a un neonato un'assistenza di qualità. Il parto in casa è pericoloso. Molto spesso, tali eventi finiscono con conseguenze disastrose per la donna e il bambino..

Per prevenire l'ipossia, gli ostetrici dovrebbero rimuovere immediatamente il cordone ombelicale dal collo del bambino. È importante eliminare rapidamente muco e altre impurità dalle sue vie aeree che interferiscono con la normale respirazione. Il rispetto delle prestazioni ostetriche durante il parto è la principale prevenzione dell'ipossia in un ospedale per la maternità.

Previsione

La prognosi dipende da quanto gravemente viene colpito il cervello del bambino. La rapidità e la completezza delle cure mediche non sono di poca importanza. La maggior parte dei bambini di età pari o superiore a un mese presenta vari disturbi. Si manifestano sotto forma di convulsioni, ipereccitabilità, encefalopatia perinatale. Con una riabilitazione di alta qualità dalla più giovane età prescolare, è possibile sbarazzarsi di questi fenomeni. Sebbene la labilità mentale, il mal di testa e alcuni ritardi nello sviluppo possano persistere per tutta la vita.

Una grave ipossia può portare alla formazione di cisti nel cervello, allo sviluppo di epilessia, idrocefalo. La prognosi dipende dalla complicanza specifica che ha il bambino.

Ogni futura mamma dovrebbe comprendere il pericolo di ipossia per il bambino e fare sforzi per prevenirlo..

L'ipossia durante il parto e le sue conseguenze per il neonato

L'ipossia o la privazione di ossigeno del bambino durante il parto è molto comune. Raccomandiamo alle future mamme di familiarizzare con questo argomento in profondità e in dettaglio al fine di evitare l'ipossia nel bambino durante la gravidanza e il parto, per prevenirne le pericolose conseguenze. Sapere è potere! E la conoscenza combinata con l'amore materno è un potere speciale che può fare miracoli. La salute e lo sviluppo del tuo bambino dipendono interamente dalle tue attività quotidiane durante la gravidanza e nei primi tre mesi dopo la nascita..

Cos'è l'ipossia durante il parto?

Il termine "ipossia" si riferisce alla mancanza di ossigeno nei tessuti. Esistono due tipi di ipossia:

  • cronico o perinatale - quando il bambino non ha abbastanza ossigeno proveniente dal sangue della madre attraverso la placenta durante la gravidanza
  • ipossia acuta o alla nascita: quando il bambino è sotto pressione durante il parto, i vasi si restringono e il sangue non scorre agli organi e ai tessuti del bambino.

I medici distinguono diversi gradi di ipossia. L'ipossia lieve durante il parto è solitamente innocua e scompare senza conseguenze. Più a lungo il bambino ha sofferto di fame di ossigeno, più grave è il grado di ipossia, più pericolose sono le possibili conseguenze, più a fondo dovrebbe essere la riabilitazione.
I bambini moderni nascono con un tessuto connettivo debole e immaturo. Questo fenomeno è chiamato displasia generalizzata. Pertanto, quando il bambino subisce una pressione durante il parto naturale o un barotrauma al momento del taglio cesareo, i vasi immaturi vengono compressi troppo, il sangue e l'ossigeno cessano di fluire attraverso di essi ei tessuti subiscono la carenza di ossigeno. Le cellule cerebrali entrano in uno "stato di sonnolenza". Un bambino nasce con intere aree di cellule dormienti.

Qual è il pericolo di ipossia durante il parto?

Dopo il parto, l'apoptosi si attiva automaticamente nel corpo del bambino, un processo geneticamente programmato per sbarazzarsi di cellule non funzionanti e danneggiate. Durante i primi tre mesi di vita di un bambino, l'apoptosi distrugge irrevocabilmente le cellule dormienti. Ma i metodi di cura dello sviluppo naturale risvegliano le cellule dormienti, riparano le articolazioni ei tessuti danneggiati..
Una persona ha un enorme potenziale per il recupero da un trauma alla nascita. Ma questo potenziale è diverso per ogni bambino. Inoltre, la principale fonte di salute e vitalità viene posta anche durante la gravidanza. Pertanto, subito dopo il parto, nessun medico sarà in grado di prevedere le conseguenze dell'ipossia per un determinato bambino. Alcuni bambini subiscono un trauma alla nascita significativo, di cui non rimane traccia entro l'anno. E ci sono bambini che hanno sofferto leggermente durante il parto, ma entro l'anno ricevono una diagnosi di paralisi cerebrale (paralisi cerebrale) a causa di problemi intrauterini, che si sono sovrapposti all'ipossia e alla mancanza di riabilitazione nei primi 3 mesi di vita.
La disfunzione cerebrale minima (MDM) è una delle conseguenze comuni dell'ipossia fetale durante il parto. Ciò include anche iperattività e deficit di attenzione (ADHD), sindrome da disadattamento scolastico, ecc. Tutti questi sono lievi disturbi comportamentali e di apprendimento che si sviluppano a causa della sofferenza del sistema nervoso in tenera età. È difficile correggere queste condizioni, è necessario l'aiuto di specialisti. È molto più facile prevenire la prevenzione dell'ipossia durante la gravidanza e un'adeguata cura subito dopo il parto..

Cause di ipossia infantile durante il parto

Durante il parto, l'ipossia nel bambino è causata da violazioni del naturale processo di nascita: contrazioni troppo deboli, problemi di pressione sanguigna nella madre. Queste violazioni, a loro volta, possono essere causate da interventi medici irragionevoli che spaventano la mamma. Pertanto, è molto importante prepararsi accuratamente in anticipo per il parto. Prepararsi a livello organizzativo: scegliere un ospedale per la maternità, riflettere, preparare e concordare un piano di parto con il medico e le ostetriche. E preparati per la madre stessa: allena il generico dominante per rimanere concentrato sui suoi sentimenti durante il parto e non prestare attenzione a ciò che sta accadendo intorno e può interferire.
Il parto in realtà non è così traumatico come si pensa comunemente. Gli osteopati ritengono che il 99% dei problemi del parto siano problemi sorti durante la gravidanza. E un medico osteopatico esperto correggerà il danno che un bambino può ricevere durante il parto entro 3 settimane. Ma i problemi embrionali richiedono spesso attenzione per tutta la vita..
L'ipossia durante il parto di solito si verifica anche come conseguenza di problemi durante la gravidanza. Pertanto, la futura mamma deve fare di tutto per evitare l'ipossia intrauterina cronica, così come tutto ciò che migliora l'elasticità del tessuto connettivo del bambino. Il modo più semplice, utile e affidabile per prevenire l'ipossia è seguire le raccomandazioni del Programma Benessere. Ciò significa fare regolarmente ginnastica osteopatica, ginnastica adattiva e allenamento della respirazione diaframmatica. Per sviluppare il tessuto connettivo del bambino e aumentare la sua resistenza all'ipossia, sono necessari rilassamento, disintossicazione, protezione dell'ambiente, lunghe passeggiate quotidiane e così via. Inoltre, durante la gravidanza deve essere addestrata la respirazione sincronizzata con un assistente al lavoro. Il tuo partner durante il travaglio ti aiuterà a ricordare come respirare correttamente nel momento più cruciale per fornire al tuo bambino abbastanza ossigeno. I bambini le cui madri hanno seguito un programma di benessere durante la gravidanza mostrano una straordinaria capacità di recupero anche durante il travaglio difficile.

Come scoprire se c'era ipossia, se è necessaria una maggiore cura dello sviluppo per la riabilitazione del bambino?

Indipendentemente dal fatto che al bambino venga diagnosticata o meno l'ipossia, prestare attenzione all'indicatore principale: i punti sulla scala di Apgar. Se è indicato un valore di 7 o inferiore, l'ipossia era sicuramente presente ed è necessaria una riabilitazione potenziata con l'aiuto della cura dello sviluppo nei primi 3 mesi di vita del bambino. Se i numeri sono superiori a 7, congratulazioni, il bambino è riuscito a evitare una grave carenza di ossigeno. In questo caso, la cura dello sviluppo aiuterà a sviluppare le capacità del cervello e rafforzare la salute del bambino nel suo insieme..

Cosa fare se un bambino ha l'ipossia?

Se il bambino alla nascita ha ricevuto meno di 7 punti sulla scala Apgar, si consiglia ai genitori di impegnarsi nei primi tre mesi con il bambino dalla mattina alla sera. Questi bambini richiedono l'implementazione rigorosa e regolare di tutti gli elementi della cura dello sviluppo per i primi 100 giorni di vita. Tutto ciò che viene fatto dopo questo periodo è dieci volte meno efficace. Ma nei primi 3 mesi c'è un'opportunità per ripristinare le cellule cerebrali danneggiate. E questo non richiede farmaci, manipolazioni complesse o dispositivi costosi. Solo piccoli cambiamenti nella normale assistenza all'infanzia tradizionale
Quando una madre porta correttamente un neonato in braccio, lo allatta, è impegnata nell'allattamento e nella ginnastica vestibolare con lui, ha luogo il processo di "neuroplastica", cioè il risveglio delle cellule cerebrali "dormienti", la creazione di nuove connessioni neurali nel cervello del bambino, invece che danneggiate a causa di ipossia generica. Le cellule neurali di un neonato sono in grado di spostarsi nella parte destra del cervello e apprendere le funzioni necessarie, ripristinando l'integrità e la salute di tutti i sistemi.
Questa straordinaria proprietà del corpo umano - la capacità di recupero - consente ai genitori amorevoli di creare miracoli con le proprie mani. Semplici azioni quotidiane di cura del tuo bambino diventano una potente riabilitazione e cancellano gli effetti negativi dell'ipossia.
Lavora con tuo figlio e aiutalo a raggiungere il suo massimo potenziale. Possa lui crescere sano e felice!

Se vuoi citare qualsiasi frammento del materiale, chiedi il permesso degli autori e assicurati di indicare la fonte.

Questo articolo, il suo contenuto e i metodi in esso descritti sono lo sviluppo degli autori del "Programma Benessere" e sono protetti dalla legge sul diritto d'autore ".

Quali sono le conseguenze dell'ipossia fetale in un bambino dopo la nascita e da cosa dipendono?

L'ipossia significa letteralmente mancanza di ossigeno, questa patologia dei neonati è abbastanza comune e le sue conseguenze dopo la nascita in un bambino sono più che gravi. La fame di ossigeno può verificarsi in utero (ipossia fetale) o durante il parto e ci sono molte ragioni per questo.

Ipossia intrauterina (cronica)

Cause di ipossia intrauterina:

  • Pluralità.
  • Rischio di aborto spontaneo.
  • Diabete.
  • Sanguinamento in una donna.
  • Malattie infettive.
  • Grave malattia nel 1 ° trimestre.
  • Fumo.
  • Qualsiasi tipo di dipendenza.
  • Post-gravidanza.

Sfortunatamente, è troppo difficile diagnosticare l'ipossia sulla base di segni esterni e comportamento del bambino durante la gravidanza. Solo pochi segni indiretti possono indicare un problema:

  • Rafforzamento e frequenza dei movimenti fetali, seguito da indebolimento fino all'attenuazione.
  • Crescita ritardata del bambino.
  • Il fondo dell'utero è al di sotto del normale.
  • Malnutrizione.

In caso di dubbio, è meglio condurre ulteriori studi (CTG - cardiotocografia, NBT - test non stress, BPP - determinazione del profilo biofisico del feto, elettrocardiogramma (ECG) del feto, dopplerometria, esami del sangue estesi...). Potrebbe essere necessario prescrivere una terapia materna per migliorare l'afflusso di sangue al feto.

Ipossia alla nascita (acuta)

L'ipossia può verificarsi durante il parto, quindi si chiama intranatale. Questo tipo (ipossia acuta) il più delle volte non dipende più dalla madre, ma è una conseguenza di cure ostetriche tardive o non qualificate. Pertanto, ogni donna in travaglio, andando in ospedale, deve immaginare come dovrebbero essere le cure ostetriche qualificate durante il parto e il normale processo di lavoro, non consentire esperimenti su se stessa o sopportare cure mediche francamente scorrette.

All'inizio degli anni '60, l'ostetricia aggressiva iniziò a essere praticata in modo massiccio in Unione Sovietica, anche durante il normale parto, con l'uso di agenti stimolanti la nascita. Questi metodi includono la stimolazione farmacologica delle contrazioni e la perforazione del liquido amniotico. Tale assistenza è irta di una seria minaccia per la salute sia del neonato che della madre. Il parto rapido non è naturale, perché gli organismi del bambino e della donna in travaglio devono adattarsi, mentre l'intervento duro durante il parto è irto di traumi alla nascita e l'ipossia fetale acuta è spesso il risultato di azioni ingiustificate del personale medico.

Le principali cause di ipossia durante il parto

  • Distacco della placenta prima del tempo.
  • Debolezza del lavoro.
  • Intreccio del cordone ombelicale.
  • Polidramnios.
  • Pluralità.

Le conseguenze dell'ipossia possono essere previste immediatamente durante il parto.

A seconda del grado di privazione di ossigeno prima e durante il parto, le conseguenze per il bambino possono essere diverse. Condizionalmente, la prognosi può essere determinata in base alla valutazione delle condizioni del neonato sulla scala di Apgar. Se subito dopo la nascita le condizioni del bambino sono state valutate a 4-6 punti e al 5 ° minuto - 8-10, le conseguenze possono essere moderate. Se i punteggi di Apgar sono inferiori, ci si possono aspettare gravi conseguenze. E questo significa: ci saranno disturbi neurologici, il bambino potrebbe essere iperattivo, con un ritardo nello sviluppo mentale o fisico, con varie patologie mentali e del linguaggio.

Il cervello soffre maggiormente della mancanza di ossigeno, e coordina il lavoro di tutti i sistemi corporei, quindi le conseguenze di una grave ipossia (cronica o acuta) possono essere molto diverse e farsi sentire nelle manifestazioni più inaspettate. Quanto sia serio tutto, può essere giudicato dal fatto che il cervello si spegne completamente 15 secondi dopo la cessazione dell'erogazione di ossigeno con il sangue e i neuroni iniziano a morire in massa entro cinque minuti dalla cessazione della circolazione sanguigna o della respirazione.

La violazione del cordone ombelicale e la mancanza di respirazione spontanea durante il parto sono la cessazione del flusso sanguigno nel corpo del bambino, la pressione sanguigna diminuisce e la pressione venosa aumenta. Di conseguenza, si verificano danni così gravi al cervello del neonato come ischemia, edema, emorragia e le conseguenze di tale danno possono essere irreversibili. La paralisi cerebrale è tra le conseguenze più gravi della carenza di ossigeno. L'aspetto di massa dei bambini con una tale diagnosi è associato all'uso diffuso di agenti stimolanti la nascita.

Il segno più sicuro di ipossia in un nascituro è una diminuzione o un aumento della frequenza cardiaca durante il parto e cambiamenti nell'attività fetale. Un segno sicuro di ipossia è la bradicardia (rallentamento della frequenza cardiaca) fino a 90 battiti / min in caso di presentazione della testa e meno spesso 80 battiti / min in caso di presentazione pelvica, o tachicardia (palpitazioni cardiache) più spesso 190 battiti / minuto.

Nel caso di diagnosi di ipossia in un bambino dopo la nascita, un neurologo dovrebbe affrontarlo sin dalle prime ore di vita..

Già nell'ospedale di maternità, a seconda della gravità dell'ipossia, dovrebbe iniziare una lotta contro le sue conseguenze: farmaci che migliorano la funzione cerebrale, sedativi, massaggi speciali ed educazione fisica, possono essere prescritti fisioterapia.

I genitori devono prepararsi al fatto che, molto probabilmente, in futuro avranno bisogno dell'aiuto di uno psicologo infantile e di un logopedista.

Da quanto sopra, è chiaro che fin dall'inizio della gravidanza, è necessario non solo monitorare attentamente la propria salute, ma anche assumersi la piena responsabilità nei confronti della scelta del medico osservante e curante e, soprattutto, scegliere con attenzione il luogo in cui avverrà il parto.

Non farti prendere dal panico!

In un periodo così importante e cruciale come la gravidanza, prendersi cura della propria salute e del futuro del bambino consiste anche nel mantenere uno stato psicologico armonioso della donna incinta. Il rischio di stress dovrebbe essere ridotto al minimo. Uno dei compiti più importanti è prevenire la comparsa di varie fobie, principalmente quelle associate alle condizioni e allo sviluppo del bambino..

Per quanto riguarda l'ipossia, va ricordato che anche gravi malattie somatiche della madre non causano necessariamente ipossia fetale intrauterina. La natura ha fatto in modo che il bambino fosse il più protetto possibile. Esistono molti meccanismi fisiologici speciali che prevengono l'insorgenza dell'ipossia e compensano le carenze nell'afflusso di sangue dalla madre..

In particolare, il sangue fetale "contiene" molte più molecole di ossigeno rispetto al sangue negli adulti. Il cuore del feto pompa molto più sangue per unità di tempo rispetto al cuore degli adulti. Allo stesso tempo, l'emoglobina ha una struttura molto diversa, le molecole di emoglobina nel feto si attaccano e scindono l'ossigeno molto più velocemente. L'intero sistema cardiovascolare del feto ha una struttura speciale progettata per prevenire la fame di ossigeno.

Sono inoltre forniti alcuni meccanismi e funzioni compensative globali. In particolare, non appena viene ricevuto un segnale sull'insorgenza dell'ipossia, le ghiandole surrenali vengono attivate in modo riflessivo, aumenta il rilascio di ormoni, che contribuiscono ad un aumento della frequenza cardiaca e ad un aumento della pressione sanguigna. Il flusso sanguigno viene ridistribuito, essendo marcatamente attivato nel cervello, nel cuore, nella placenta e nelle ghiandole surrenali e diminuendo nella pelle, nei polmoni, nell'intestino, nella milza. Cioè, gli organi più importanti ricevono grandi volumi di sangue e l'ipossia insignificante praticamente non influisce sullo sviluppo intrauterino del bambino..

In caso di problemi gravi, l'intestino del bambino è così scarsamente rifornito di sangue che l'ano (ano) si rilassa completamente e il meconio (le feci originali del feto) entra nel liquido amniotico. Se durante il parto viene rilevato un cambiamento nel colore del liquido amniotico (normale - trasparente), allora questa è una prova di ipossia intrauterina cronica.

Se il liquido amniotico è verdastro, allora questa è una prova di ipossia cronica di moderata gravità, se le acque sono marroni e torbide, l'ipossia era grave, rispettivamente, e le conseguenze possono essere gravi e il trattamento del bambino deve essere iniziato immediatamente.

Pertanto, l'argomento "ipossia fetale delle conseguenze" dovrebbe essere studiato e studiato a fondo da ogni donna incinta, come "Padre nostro"! Troppi errori sfortunati con conseguenze disastrose si verificano a causa dell'ignoranza elementare. La gravidanza e il parto dovrebbero terminare con una maternità felice, e non con la pesante croce di prendersi cura di un bambino malato... Guarda le tue condizioni e sii sano!

Ipossia fetale: conseguenze per il bambino

Il normale corso della gravidanza può complicare notevolmente la diagnosi, che suona minacciosa per la futura mamma: "ipossia fetale". Secondo le statistiche, una donna incinta su tre deve affrontare un problema del genere in un modo o nell'altro. Perché il bambino inizia a soffrire di mancanza di ossigeno e quanto è pericoloso per la sua salute, lo diremo in questo articolo.

Cos'è?

L'ipossia fetale è uno stato di mancanza di ossigeno, in cui il bambino soffre parecchio. La maggior parte delle future mamme soffre di ipossia cronica, in cui la mancanza di ossigeno nel bambino dura a lungo. A volte la condizione è acuta e questo è molto pericoloso per il feto, poiché può portare alla morte del bambino in utero per asfissia.

Con un livello insufficiente di ossigeno, che il bambino riceve attraverso il flusso sanguigno per tutti i 9 mesi, si verificano gravi cambiamenti nel suo corpo: cambiamenti del metabolismo, cambiamenti patologici nel sistema nervoso delle briciole.

Se l'ipossia è insignificante, il bambino è abbastanza in grado di far fronte a questa condizione praticamente senza conseguenze per se stesso, poiché i meccanismi di compensazione anche in un nascituro sono incredibilmente grandi. Quindi, il bambino "immagazzina" ossigeno in anticipo, poiché il numero di molecole di O2 nel suo sangue è molto più alto che nel sangue di un adulto, quindi, quando inizia la fame, sarà in grado di consumare le proprie riserve per un po 'di tempo. Inoltre, nel bambino, le ghiandole surrenali reagiscono prontamente alla mancanza di ossigeno in tutto, che immediatamente in risposta producono ormoni che consentono per un po 'di aumentare la pressione sanguigna, normalizzano la frequenza cardiaca.

Nonostante tutto ciò, questi meccanismi, purtroppo, non sono in grado di compensare l'ipossia prolungata o l'ipossia fetale acuta. Quando un ginecologo che sta osservando la futura mamma parla della presenza di ipossia fetale, deve chiarire l'entità del problema in questione. 1 grado - insignificante, il secondo e il terzo possono essere la base per il ricovero di una donna incinta o un parto prematuro, se le condizioni del bambino sono minacciose.

La mancanza di ossigeno durante la gravidanza è solitamente cronica.

L'ipossia acuta si sviluppa più spesso durante il parto ed è provocata da azioni improprie del personale medico - stimolazione delle contrazioni con farmaci forti, accelerazione aggressiva del processo lavorativo.

I medici possono prevedere le possibili conseguenze per il bambino già in sala parto, poiché lo stato del bambino subito dopo la nascita la dice lunga. A seconda di lui, gli vengono assegnati i primi voti nella vita - punti sulla scala Apgar, questo sistema di valutazione include necessariamente una valutazione dello stato post-ipossico. Più basso è il punteggio, più gravi possono essere i problemi futuri. Per un bambino nato con ipossia acuta, i punteggi bassi sono caratteristici nei primi 10 minuti dopo la nascita, ma dopo un'ora il bambino può tranquillamente mettere 7-8 punti secondo Apgar. In questo caso le previsioni sono positive. Se le condizioni del bambino non migliorano o iniziano a peggiorare, le previsioni non sono così rosee.

Le ragioni

L'ipossia cronica può manifestarsi per una serie di motivi:

  • diabete mellito nella madre;
  • infezione virale nel primo trimestre di gravidanza;
  • gravidanza con gemelli o terzine;
  • stato di minaccia a lungo termine di interruzione della gravidanza, minaccia di aborto spontaneo;
  • distacco parziale della placenta, spotting;
  • gravidanza post-termine (più di 40 settimane);
  • anemia di una donna incinta;
  • violazione del flusso sanguigno uteroplacentare;
  • cattive abitudini: fumare durante la gravidanza, bere alcolici, droghe.

L'ipossia acuta si verifica in caso di complicanze durante il parto con:

  • intrecciando il bambino con il cordone ombelicale con il bloccaggio dell'anello del cordone ombelicale;
  • polidramnios;
  • gravidanza con gemelli e terzine;
  • distacco prematuro della placenta, che è spesso il caso di travaglio o parto rapido e rapido, stimolato perforando la vescica fetale o farmaci;
  • debolezza primaria o secondaria delle forze di lavoro.

Diagnostica

La diagnosi di ipossia fetale non è facile, perché i bambini si comportano in modo diverso nell'utero. Uno è pigro a causa del temperamento e si muove raramente, l'altro è attivo ei suoi movimenti frequenti sono spesso presi da donne e medici come una manifestazione di ipossia. Alcuni sintomi dovrebbero avvisarti:

  • un cambiamento nella natura dell'attività motoria fetale, in cui all'inizio il bambino si muove in modo caotico e spesso con forti shock dolorosi, e poi, man mano che si sviluppa la carenza di ossigeno, i movimenti diventano sempre più rari;
  • l'altezza del fondo dell'utero è molto inferiore al normale;
  • il bambino si sviluppa con un notevole ritardo (gli indicatori fetometrici sono inferiori al limite inferiore della norma);
  • una donna incinta ha una mancanza d'acqua.

Alla fine della gravidanza, i medici consigliano di seguire i movimenti del bambino con particolare attenzione, il numero di movimenti deve essere registrato in un diario.

Normalmente, un bambino sveglio dovrebbe eseguire fino a 10 movimenti all'ora. Possono essere colpi di stato, movimenti facilmente percepibili e distinguibili e appena percettibili. Si consiglia di registrare i movimenti da 20-22 settimane di gravidanza fino alla sua fine.

Se il medico sospetta l'ipossia sulla base delle deviazioni dalle norme sopra descritte, prescriverà sicuramente un CTG alla donna incinta. Durante la cardiotocografia, i sensori collegati all'addome registreranno tutti i movimenti del bambino, i cambiamenti nella sua frequenza cardiaca e si rifletteranno anche il singhiozzo. Ulteriori metodi di ricerca includono dopplerometria, ECG fetale e ultrasuoni (questo differisce dalla procedura ecografica standard in quanto il medico non guarderà le parti del corpo del bambino, ma la velocità del flusso sanguigno nelle arterie uterine, nel cordone ombelicale). Un esame del sangue esteso dalla vena della madre, oltre ai metodi elencati, consente di determinare se c'è abbastanza emoglobina nel sangue e di chiarire altri fattori biochimici.

L'ipossia acuta alla nascita non necessita di diagnosi estese, poiché un monitor fetale operante in tempo reale registra immediatamente lo stato patologico di privazione di ossigeno in un bambino non appena si verifica.

Il segno più affidabile è la bradicardia: una diminuzione della frequenza cardiaca in una briciola che non ha ancora avuto il tempo di nascere. Se la normale frequenza cardiaca fetale è compresa tra 120 e 170 battiti al minuto, in un bambino che soffre di carenza di ossigeno, la frequenza cardiaca sarà al livello di 80-90 battiti al minuto. Parla della mancanza di ossigeno e della tachicardia se la frequenza cardiaca del bambino è superiore a 180-190 battiti al minuto.

Il liquido amniotico in cui si trovava un bambino con ipossia cronica è talvolta di colore verde scuro o scuro, con un odore sgradevole di meconio (le feci originali di un neonato). Dopo la nascita, il bambino stesso sarà più debole degli altri bambini, avrà un tono muscolare diminuito o aumentato, disturbi neurologici di varia gravità.

Possibili conseguenze

La conseguenza più formidabile, ma purtroppo del tutto reale, della carenza di ossigeno è l'ipossia cerebrale. È il cervello che soffre di ipossia più spesso e più forte di altri organi. Anche il medico più esperto non si impegna a prevedere quali disturbi saranno causati dalla disfunzione dell'una o dell'altra parte del cervello nel periodo perinatale. Tuttavia, è abbastanza possibile valutare l'impatto traumatico dopo il parto. E se alcuni disturbi, come i problemi con lo sviluppo del linguaggio, si manifestano in seguito, allora le lesioni ipossico-ischemiche del sistema nervoso centrale nella maggior parte dei casi possono essere diagnosticate anche nell'ospedale di maternità, in casi estremi - nei primissimi mesi di vita del bambino.

Le conseguenze per il sistema nervoso dovute alle cellule cerebrali che muoiono per carenza di ossigeno possono essere diverse: dalla moderata iperattività del bambino in futuro a gravi lesioni, che includono paralisi cerebrale, paresi di varie lussazioni. Con un parto complicato in uno stato di ipossia acuta, si verificano spesso emorragia cerebrale, ischemia ed edema cerebrale. Le lesioni che si verificano con tali violazioni possono essere totali e irreversibili..

La carenza di ossigeno sia acuta che cronica può portare a un'ampia varietà di malattie, principalmente di natura neurologica. Quindi, i problemi con la vista o l'udito sono una conseguenza post-ipossica abbastanza comune. Se l'ipossia è stata prolungata, il bambino potrebbe avere un sottosviluppo o uno sviluppo anormale di alcuni organi interni, difetti cardiaci, reni e così via. Disturbi neurologici minori nella maggior parte dei casi, il bambino riesce a "superare" l'età di 6-7 anni, naturalmente, con la supervisione costante di un neurologo e seguendo tutte le sue raccomandazioni.

In generale, la prognosi relativa alle possibili conseguenze dipende direttamente da come è stata rilevata precocemente l'ipossia e dalla rapidità con cui è stato fornito il trattamento. Questo è il motivo per cui alle donne si sconsiglia di perdere il prossimo appuntamento durante un consulto e le donne con malattie croniche devono visitare un ostetrico due o tre volte più spesso..

Trattamento in gravidanza

Il fatto stabilito di ipossia durante la gravidanza non deve in alcun caso essere ignorato; è necessaria una terapia rapida ed efficace per ridurre al minimo le possibili conseguenze per il bambino. I medici esortano le future mamme, prima di tutto, a calmarsi, poiché le esperienze nervose eccessive non fanno che aggravare lo stato già piuttosto difficile del bambino.

Nelle fasi successive, l'ipossia grave può diventare un'indicazione per un parto urgente con taglio cesareo. Nelle fasi iniziali, quando il bambino è ancora molto presto per nascere, i medici cercheranno di fare tutto il possibile per renderlo migliore. Il trattamento può avvenire a casa, ma a condizione che la gravità dell'ipossia non superi 1 grado. Il resto dei casi è soggetto a ricovero urgente e monitoraggio costante della donna incinta e del bambino in ospedale.

I medici prescrivono alle madri il riposo a letto, è con esso che aumenta l'afflusso di sangue alla placenta e l'ipossia minore può essere curata nel più breve tempo possibile. L'approccio principale alla terapia farmacologica consiste nell'utilizzare farmaci che migliorano il flusso sanguigno uteroplacentare, come "Curantil", "Actovegin". Nell'ipossia grave, questi farmaci vengono somministrati per via endovenosa mediante flebo. In altre situazioni, è consentito assumere pillole. A una donna vengono prescritte vitamine, ferro e preparati di magnesio. I cicli di trattamento vengono ripetuti.

Se una donna ha una malattia sottostante, che, presumibilmente, ha causato l'insorgenza di carenza di ossigeno, il trattamento dovrebbe includere anche la terapia per questo disturbo.

Vi prendono parte due specialisti: un ostetrico-ginecologo che sa cosa si può e cosa non si può fare al suo paziente in una posizione "interessante" e un medico specialista che si occupa della malattia. Devono prescrivere farmaci e manipolazioni insieme, il trattamento com'era prima dell'inizio della gravidanza, di regola, cambia.

Un bambino che ha sperimentato ipossia acuta alla nascita, nelle primissime ore dopo la nascita, riceverà una potente terapia vascolare, e gli verranno anche iniettati sedativi, vitamine, in particolare del gruppo B. Il neurologo osserverà il bambino fin dalle prime ore della sua vita indipendente.

Trattamento dopo la nascita

Senza eccezioni, a tutti i bambini che hanno sperimentato l'ipossia durante la loro esistenza intrauterina viene mostrata un'osservazione speciale da un neurologo pediatrico. Quasi sempre, tali bambini, indipendentemente dalle conseguenze, vengono registrati nel dispensario. A loro, nella stragrande maggioranza dei casi, viene consigliato un massaggio terapeutico fin dai primi giorni, l'assunzione di vitamine, procedure idriche con decotti lenitivi di erbe medicinali. Molti bambini, dopo 3-4 anni, richiedono lezioni con un logopedista per superare possibili problemi con lo sviluppo del linguaggio e la pronuncia.

Il resto del trattamento dipende solo da quale diagnosi post-ipossica è stata stabilita, perché con la paralisi cerebrale sono necessari un approccio e la scelta dei farmaci, e con la perdita patologica dell'udito o della vista, è completamente diverso. La paralisi cerebrale infantile è considerata la più difficile da trattare e l'aumento del tono muscolare senza altri sintomi neurologici si presta più facilmente alla correzione. I genitori dovrebbero prepararsi per un trattamento piuttosto lungo, poiché le conseguenze post-ipossiche, che sono soggette a correzione, devono essere eliminate per anni.

Puoi trovare qualche informazione in più sull'ipossia fetale nel prossimo video..


Articolo Successivo
Perché la presenza di lupus anticoagulante nel sangue è pericolosa quando si pianifica una gravidanza?