Segni di angina e pronto soccorso


La cardiopatia ischemica (IHD) occupa da decenni una forte posizione di leadership tra le cardiopatie più comuni, che possono portare a invalidità totale o parziale e morte del paziente. Questo termine unisce un intero gruppo di condizioni acute e croniche causate da un insufficiente afflusso di sangue al muscolo cardiaco, che è provocato da una violazione della normale pervietà dei vasi coronarici..

L'angina pectoris (o angina pectoris, malattia coronarica) è una delle manifestazioni più comuni della malattia coronarica e questa malattia è più spesso osservata tra il sesso più forte. Secondo le statistiche, l'angina pectoris viene rilevata in circa 65 uomini e 35 donne su 100. E se prima questa malattia veniva osservata più spesso tra le persone di 55-60 anni, negli ultimi anni i giovani di 30-35 anni stanno diventando sempre più pazienti di cardiologi.

Cos'è l'angina pectoris?

L'angina pectoris è una condizione in cui un paziente sviluppa periodicamente cardialgia - dolore parossistico nella regione del cuore o dietro lo sterno. La maggior parte dei pazienti li descrive come "spremitura", "bruciore", "spremitura" o sensazione di pesantezza o disagio al petto. Le cardialgie sono causate da un insufficiente apporto di sangue ossigenato (ischemia) alle cellule del muscolo cardiaco. Questa violazione del flusso sanguigno coronarico è causata da un restringimento o da un blocco completo dei vasi coronarici..

Nella maggior parte dei casi, la causa dell'angina pectoris è l'aterosclerosi dei vasi del cuore (vedi Fig.1). Con questa patologia compaiono e crescono placche aterosclerotiche sulle pareti vascolari, che provocano un restringimento (stenosi) del lume del vaso e un insufficiente apporto di sangue arricchito di ossigeno ai cardiomiociti (cellule del muscolo cardiaco). Con un restringimento dell'arteria coronaria del 50-70%, il miocardio inizia a soffrire di carenza di ossigeno e il paziente sviluppa un attacco di angina, la cui gravità dipende dalla lunghezza della zona di restringimento dell'arteria coronaria e dalla sua posizione.

Figura: 1 - L'aterosclerosi come causa principale dell'angina pectoris negli uomini.

In alcuni casi, il restringimento delle arterie coronarie e lo sviluppo dell'angina pectoris sono causati da altre malattie che provocano una violazione della circolazione coronarica:

  • conseguenze della sifilide o dei reumatismi (periarterite, aortite, vasculite, endoarterite);
  • malattie allergiche e infettive;
  • patologie addominali (ernia diaframmatica, colelitiasi, ecc.).

I fattori che portano allo sviluppo e alla progressione dell'angina pectoris possono essere:

  • dipendenza da nicotina e dipendenza da alcol;
  • intossicazione cronica;
  • obesità;
  • aumento della pressione sanguigna;
  • stress frequente;
  • ipodynamia;
  • un aumento del livello di colesterolo "cattivo";
  • nutrizione impropria;
  • eredità;
  • cambiamenti di età.

Varietà di angina pectoris

A seconda dei fattori che provocano un attacco di dolore toracico, si distinguono i seguenti tipi di angina pectoris:

  • angina pectoris - i dolori sono provocati da stress psico-emotivo, fisico o mentale, vengono eliminati indipendentemente a riposo o dopo l'assunzione di nitroglicerina;
  • angina a riposo - il dolore è provocato da un improvviso spasmo delle arterie coronarie e compare durante il carico abituale del paziente oa riposo.

Per la natura degli attacchi di angina che si verificano, l'angina pectoris può essere:

  • stabile: gli attacchi di cardialgia compaiono con una certa frequenza (una volta ogni 2-3 mesi, una settimana, ecc.);
  • instabile: gli attacchi di cardialgia possono essere la prima volta, spontanei o progressivi;
  • atipico (angina di Prinzmetal) - si manifesta nella comparsa di una serie di attacchi di dolore anginoso che si manifestano ciclicamente al mattino (contemporaneamente).

Quando compaiono i primi segni di angina instabile, il paziente deve riferire il loro aspetto al suo medico curante o chiamare un'ambulanza, poiché tali attacchi possono causare lo sviluppo di infarto miocardico o attacco di cuore.

Segni caratteristici dell'angina pectoris

Il sintomo più caratteristico dell'angina pectoris è un dolore improvviso al petto o nella regione del cuore. Può apparire immediatamente dopo un movimento accelerato, una situazione stressante, uno sforzo fisico, un sovraccarico psico-emotivo (sia negativo che positivo), inalazione di vento contrario o fumo.

Figura: 2 - Il dolore toracico durante stress fisico o psico-emotivo è un segno sicuro di angina negli uomini.

Il dolore dell'angina pectoris è di natura compressiva, può bruciare, si intensifica con un aumento del fattore provocante e diventa meno pronunciato a riposo. Le sensazioni di dolore sono localizzate nella regione del cuore o dietro lo sterno e possono diffondersi al collo, alla spalla, alla superficie interna del braccio sinistro, alla scapola o alla mascella inferiore (vedi Fig.3).

Figura: 3 - Localizzazione del dolore nell'angina.

Un tipico attacco di angina è spesso accompagnato dalle seguenti caratteristiche:

  • sentirsi a corto di aria;
  • sentimenti di paura e ansia;
  • il paziente geme e, a causa del dolore, si preme la mano sul petto;
  • pallore;
  • freddezza o intorpidimento delle mani;
  • polso rapido;
  • palpitazioni;
  • aumento della pressione sanguigna.

Nelle crisi atipiche, il dolore può verificarsi a spalla, braccio, collo, scapola o denti, irradiandosi alla metà destra del corpo, alla regione epigastrica o alla gamba. Il paziente sviluppa i seguenti sintomi:

  • sudorazione;
  • tachicardia;
  • grave debolezza;
  • brividi;
  • sintomi dispeptici: nausea, vomito, eruttazione, bruciore di stomaco, fastidio a livello intestinale.

A volte un attacco di angina pectoris è asintomatico: il paziente avverte solo malessere e debolezza generale. Tali casi di sviluppo della malattia sono chiamati angina pectoris "muta" e sono più spesso osservati negli uomini con diabete.

Il primo attacco doloroso, di regola, dura pochi minuti (da 1 a 15-20) e scompare all'improvviso come appare. Il dolore può scomparire da solo o dopo aver assunto nitroglicerina. Dopo la fine dell'attacco di cardialgia, l'angina pectoris non si manifesta in alcun modo e, in assenza di un trattamento adeguato, può portare allo sviluppo di tali complicanze della malattia coronarica:

  • infarto miocardico;
  • aritmia;
  • cardiosclerosi;
  • insufficienza cardiaca.

Primo soccorso

Con lo sviluppo di un attacco di angina, si raccomanda di non farsi prendere dal panico e di intraprendere le seguenti azioni:

  1. Elimina immediatamente il fattore provocante: interrompi qualsiasi attività fisica ed elimina il fattore di stress.
  2. Siediti o prendi una postura semi-seduta, poiché il dolore può peggiorare quando sei sdraiato.
  3. Sbottonare gli indumenti che ostacolano la respirazione, aprire la finestra.
  4. Prendi una compressa di nitroglicerina o un altro farmaco contenente nitro (Izoket, Nitromint, ecc.) Sotto la lingua nel dosaggio minimo (se il farmaco viene assunto per la prima volta) o nella dose raccomandata dal medico. L'assunzione di farmaci nitrosi in presenza di svenimenti o svenimenti non deve essere eseguita.
  5. Prendere ½ compressa di aspirina e 20 gocce di valocordin (o corvalolo) in ½ bicchiere d'acqua.
  6. Se non ci sono effetti, l'assunzione di un farmaco contenente nitro deve essere ripetuta dopo 5 minuti, ma non assumere più di 3 dosi.

Se in un paziente si è sviluppato per la prima volta un attacco stenocardico, è necessario chiamare un team di ambulanze. Inoltre, è necessaria una chiamata in ambulanza per quei pazienti il ​​cui attacco di dolore dura più di 10 minuti e la cardialgia non viene eliminata dopo aver assunto un farmaco contenente nitro, o il dolore al cuore ha iniziato ad essere accompagnato da nuovi sintomi (sono diventati più pronunciati, prolungati, hanno iniziato a essere somministrati al braccio, al collo, ecc..).

Ulteriore trattamento dell'angina pectoris

Il paziente deve ricordare che la mancanza di un trattamento costante e adeguato dell'angina pectoris può portare alla progressione della malattia coronarica e alle sue complicanze. Il trattamento dell'angina pectoris dovrebbe essere completo e mirato a prevenire attacchi e complicanze di questa malattia.

Il piano di trattamento comprende:

  • aderenza a una dieta;
  • rifiuto delle cattive abitudini;
  • combattere l'obesità;
  • sufficiente attività fisica;
  • eliminazione di situazioni stressanti;
  • trattamento farmacologico;
  • trattamento chirurgico (se indicato).

Dieta

Si consiglia ai pazienti con cardiopatia ischemica di seguire la dieta numero 10C. Le regole generali di una buona alimentazione per questa malattia dovrebbero essere osservate dal paziente per tutta la vita:

  1. Corrispondenza del contenuto calorico totale della dieta in relazione al consumo energetico e all'attività fisica del paziente. Di norma, l'attività fisica nei pazienti con angina pectoris è ridotta e dovrebbero ridurre il contenuto calorico della loro dieta abituale..
  2. Significativa limitazione dell'uso del sale da cucina (vedi "Di quanto sale ha bisogno un uomo").
  3. L'esclusione dell'assunzione di prodotti che hanno un effetto stimolante e stimolante sul sistema nervoso, sul cuore e sui vasi sanguigni.
  4. Una significativa riduzione del consumo di alimenti contenenti colesterolo, carboidrati facilmente digeribili e grassi animali. Il tasso di riduzione del consumo di tali alimenti dovrebbe dipendere dal peso corporeo..
  5. Aumentare la proporzione di pesce e proteine ​​vegetali rispetto alle proteine ​​animali presenti nella carne e nel pollame.
  6. Introdurre nella dieta una quantità sufficiente di alimenti ricchi di vitamine B, E, PP, P e C, sostanze lipotropiche (lecitina, colina, metionina), fibre alimentari, acidi grassi, potassio, magnesio, cromo, zinco e alcuni altri microelementi.
  7. Raggiungere e mantenere un peso corporeo normale.

Il rispetto della dieta numero 10C è finalizzato a:

  • prevenzione della progressione dell'aterosclerosi dei vasi coronarici, dei vasi cerebrali e di altri organi;
  • prevenzione della progressione della cardiopatia ischemica e dell'ipertensione causata dall'aterosclerosi;
  • prevenzione dell'obesità.

Con la cardiopatia ischemica, il consumo di alimenti come:

  • carni grasse (maiale, agnello, manzo grasso, oche, anatre, frattaglie e strutto);
  • latticini grassi;
  • brodi di carne;
  • formaggi a pasta dura;
  • tuorli d'uovo;
  • burro, margarina, maionese;
  • carni affumicate;
  • caviale;
  • funghi;
  • salsicce;
  • pasta al burro e pasticceria;
  • pasta;
  • cioccolato;
  • tè forte, caffè e cacao.

I piatti devono essere cucinati senza sale mediante bollitura, cottura a vapore, stufato o cottura al forno. Il sale dovrebbe essere aggiunto ai pasti (fino a 5-6 g al giorno). I pasti dovrebbero essere presi 4-5 volte al giorno in piccole porzioni e la cena dovrebbe avvenire 3-4 ore prima di coricarsi.

Si consiglia di includere nella dieta:

  • prodotti a base di cereali e cereali (limitare al minimo riso e semola);
  • verdure, frutta non zuccherata, bacche e frutta secca;
  • succhi freschi senza zuccheri aggiunti;
  • latticini a basso contenuto di grassi (invece del burro, è meglio aggiungere panna acida o panna ai piatti);
  • tuorli d'uovo (in assenza di controindicazioni, non più di 3 pezzi a settimana);
  • oli vegetali raffinati (oliva, semi di lino, mais, girasole);
  • pane di segale o pane di farina di frumento di II grado (non più di 150 g al giorno);
  • insalate di verdure e vinaigrette con olio vegetale;
  • primi piatti in brodo magro (non più di 1 volta a settimana), zuppe di verdure, latte e frutta;
  • secondi di pesce magro, carne e pollame;
  • frutti di mare;
  • aringhe imbevute di grassi (non più di 1 volta a settimana);
  • frittata di vapore dalle proteine;
  • bevande (tè debole, infuso di rosa canina, composte, gelatine, bevande alla frutta e mousse).

Terapia farmacologica

Per il trattamento dell'angina pectoris vengono utilizzati farmaci che dilatano i vasi sanguigni e migliorano l'afflusso di sangue al miocardio. La tattica della terapia farmacologica è determinata individualmente, a seconda del caso clinico..

Tabella 1 - Medicinali utilizzati per la terapia farmacologica dell'angina pectoris.

GRUPPO MEDICINALESCOPO DI UTILIZZO
Preparazioni contenenti azotoPer alleviare il dolore al cuore
Calcio-antagonistiPer espansione di navi coronarie
Agenti antipiastriniciPer ridurre la viscosità del sangue e prevenire la formazione di coaguli di sangue
ACE inibitoriUtilizzato in presenza di ipertensione
β-bloccantiUsato quando è presente la tachicardia
Farmaci ipolipemizzantiUsato per l'ipercolesterolemia
Agenti cardiometaboliciPer migliorare le funzioni contrattili del miocardio e ridurre il numero di attacchi

La terapia farmacologica per l'angina pectoris può essere integrata dal trattamento di malattie concomitanti e dalla terapia fisica. Si raccomanda ai pazienti di monitorare regolarmente gli indicatori della pressione sanguigna e il follow-up da parte di un cardiologo.

Chirurgia

Nel 70-80% dei casi, la terapia conservativa può stabilizzare la circolazione coronarica. In assenza dell'effetto del trattamento farmacologico, al paziente può essere prescritta un'angiografia coronarica per prendere una decisione sull'opportunità di un'operazione chirurgica..

Per stabilizzare il flusso sanguigno coronarico nell'angina pectoris instabile, tali interventi chirurgici possono essere eseguiti come:

  • angioplastica con palloncino con stent;
  • bypass con innesto dell'arteria coronaria.

La scelta del metodo di trattamento chirurgico dell'angina pectoris è determinata dalla gravità dei sintomi e dal grado di rischio individuale di complicanze dal sistema cardiovascolare.

Segni di angina pectoris negli uomini

I principali segni di angina pectoris negli uomini

L'angina pectoris è un attacco piuttosto pericoloso e doloroso, che è uno dei segni della malattia coronarica..

Un attacco di angina pectoris appare a causa di una quantità insufficiente di ossigeno fornito al cuore con il sangue. Di solito questo accade durante lo sforzo fisico, lo stress, l'ipertensione..

L'ossigeno non va bene al cuore se i vasi sanguigni sono ristretti e la circolazione sanguigna è compromessa. La causa più comune di ciò è l'aterosclerosi. Un attacco di angina pectoris può svilupparsi senza aterosclerosi: i vasi si restringono a causa dello spasmo.

  • Tutte le informazioni sul sito sono solo a scopo informativo e NON SONO una guida all'azione!
  • Solo un MEDICO può fornire una DIAGNOSI ESATTA!
  • Chiediamo gentilmente di NON auto-medicare, ma di fissare un appuntamento con uno specialista!
  • Salute a te e ai tuoi cari!

Il dolore durante un attacco è dovuto all'accumulo di acido lattico nel muscolo cardiaco. In caso di forte diminuzione dei vasi sanguigni, il sangue non passa al cuore e c'è un dolore forte, quasi insopportabile. È così che si manifesta l'infarto miocardico.

Per questo motivo, gli attacchi di angina sono considerati uno stato di pre-infarto..

Le ragioni che causano un attacco di angina pectoris:

  • fumo di tabacco: la nicotina aumenta la frequenza cardiaca;
  • attività fisica intensa;
  • un brusco cambiamento nella posizione del corpo;
  • eccesso di cibo: un tratto gastrointestinale affollato può comprimere i polmoni, impedendo all'ossigeno di raggiungere il cuore;
  • lo stress innesca la produzione di adrenalina e norepinefrina, che aumentano la frequenza cardiaca mentre costringono i vasi sanguigni.

L'angina pectoris può anche essere osservata con altre malattie: muscolo cardiaco ispessito, anemia, malfunzionamento della valvola cardiaca sono talvolta accompagnati da attacchi simili. Ma gli attacchi di angina non sempre accompagnano la malattia coronarica..

Gli attacchi notturni di angina pectoris sono un segno di asma cardiaco (insufficienza cardiaca ventricolare sinistra)

Come riconoscere una crisi

Un attacco di angina pectoris può spesso essere facilmente confuso con altri disturbi. Persone diverse descrivono la loro condizione in modi completamente diversi. Il segno principale dell'angina pectoris è una sindrome dolorosa inaspettata al petto..

Si manifesta sotto forma di bruciore, scoppio o spremitura. A volte il dolore è doloroso, arriva alla scapola o al braccio sul lato sinistro, si irradia allo stomaco, alla gola, alla schiena, al collo.

La sindrome del dolore compare durante qualsiasi sforzo fisico (passo veloce, salire le scale), durante forti emozioni. L'angina pectoris è particolarmente dolorosa dopo aver mangiato. Meno spesso, un attacco si verifica durante un periodo di completo riposo, che è un segno di una forma grave della malattia.

Sensazioni dolorose simili si verificano con disturbi dei polmoni, osteocondrosi, malattie del tratto gastrointestinale, infarto miocardico, varie nevrosi.

In rari casi, un attacco può sorpassare a riposo. Di solito, prima di questo, il paziente è disturbato da sogni terribili, che contribuiscono ad un aumento della frequenza cardiaca, un aumento della pressione e un cambiamento nella respirazione..

I principali segni di angina pectoris negli uomini

Gli attacchi di angina pectoris nel sesso più forte sono direttamente proporzionali al tipo e allo stadio della malattia. La principale differenza rispetto all'angina pectoris femminile è che gli uomini soffrono della malattia in giovane età..

Gli uomini di età inferiore ai trent'anni spesso soffrono di attacchi simili. Ciò è spiegato da una maggiore attività fisica nei giovani..

Un sintomo comune è l'insorgenza improvvisa di dolore addominale, accompagnato da nausea, bruciore di stomaco e persino vomito. L'attacco è accompagnato da sudorazione profusa, formicolio alle dita e intorpidimento degli arti, il polso accelera.

Puoi trovare una descrizione degli esercizi di respirazione secondo il metodo Buteyko qui.

Una pressione sanguigna eccessivamente alta durante l'angina pectoris indica la causa dell'attacco: un'attività fisica troppo intensa.

I segni di angina pectoris negli uomini hanno manifestazioni che non sono caratteristiche di altre malattie:

  • l'inizio improvviso di un attacco e la stessa fine inaspettata;
  • il dolore appare solo in determinate circostanze;
  • le sensazioni di dolore sono più spesso concentrate nella regione del cuore e si diffondono alla scapola, al braccio, alla mascella, al collo;
  • a volte non c'è praticamente dolore, un attacco di angina pectoris si manifesta sotto forma di pallore della pelle, battito cardiaco irregolare, alta pressione, aumento della sudorazione;
  • l'attacco è accompagnato da una condizione simile al bruciore di stomaco, si avverte una pietra al petto invece che al cuore.

I segni e il pronto soccorso per l'angina pectoris negli uomini sono strettamente correlati. È necessario chiamare un medico se le sensazioni dolorose al petto non scompaiono per più di cinque minuti, si intensificano, accompagnate da vomito, grave debolezza e un improvviso cambiamento della respirazione.

Si consiglia di utilizzare la nitroglicerina ad intervalli di almeno tre minuti. Puoi prendere di nuovo il farmaco solo tre volte. L'uso eccessivo di farmaci può peggiorare notevolmente le condizioni del paziente.

È necessario consultare immediatamente un medico se l'uso della nitroglicerina non allevia la sindrome del dolore, ma la intensifica solo - le condizioni del paziente si deteriorano bruscamente

Il primo soccorso durante un attacco di angina pectoris è il seguente:

  • calmare il paziente e appoggiare i piedi, evitando movimenti bruschi;
  • dare mezza compressa di aspirina;
  • mettere una compressa di nitroglicerina sotto la lingua.

Tali azioni allevieranno le condizioni del paziente e consentiranno di alleviare il dolore acuto in attesa dell'arrivo di una squadra di ambulanze..

Pallore innaturale della pelle
  • Il pallore della pelle del viso indica una circolazione insufficiente. Le ragioni di questi disturbi risiedono nello stress fisico o emotivo..
  • L'adrenalina e la norepinefrina rilasciate nel flusso sanguigno, che aiutano l'organismo ad adattarsi alle nuove condizioni, provocano contemporaneamente la vasocostrizione.
  • Durante un attacco di angina pectoris, appare un pallore farinoso. Durante gli attacchi gravi di angina pectoris, il cuore non può pompare il volume di sangue richiesto, il che porta al restringimento dei vasi cutanei. Pertanto, la circolazione sanguigna degli organi vitali rimane piena..
  • Nella stagione fredda, la vasocostrizione è una reazione naturale che può provocare un attacco di angina.
Sudorazione eccessivaDolore toracico, mancanza di respiro e palpitazioni sono stressanti per una persona. Gli ormoni dello stress rilasciati contribuiscono ad aumentare la sudorazione. Le piante dei piedi, del viso, delle ascelle e dei palmi sudano particolarmente.
DoloreIl dolore è un sintomo costante e più tipico dell'angina pectoris, serve come prerequisito per fare la diagnosi corretta. Il resto dei sintomi può solo completare il quadro. La comparsa del dolore provoca una circolazione sanguigna insufficiente in un'area specifica del muscolo cardiaco. Qui viene prodotto un numero enorme di mediatori del dolore, che in una certa quantità sono in grado di attivare le terminazioni nervose dolorose del cuore. A causa della particolare importanza della sindrome del dolore, quando si effettua una diagnosi, è imperativo tenere in considerazione:

  • Il dolore si manifesta sotto forma di attacco, con la stessa intensità di attività fisica, individuale per ogni paziente. L'inizio del dolore dopo l'esercizio è naturale per il 70% di tutti i casi di dolore. Caratterizzato da un'apparizione improvvisa e un rapido aumento, la persona è costretta a interrompere immediatamente le azioni eseguite.
  • Tipo e posizione del dolore. Un attacco di angina pectoris è caratterizzato da dolore pressante, bruciante o costrittivo al petto, situato più spesso sul lato sinistro. Prima di un attacco, i pazienti avvertono fastidio al petto, che dura fino a diversi minuti.
  • La generalizzazione della sindrome del dolore si verifica quasi sempre sul lato sinistro del tronco. La scapola, la spalla, il braccio, la clavicola, la mascella a sinistra sono i luoghi più comuni in cui si osserva il dolore. L'addome superiore fa male un po 'meno spesso. In casi estremamente rari, i sintomi dell'angina pectoris sono concentrati nella parte destra del corpo. Una tale varietà di distribuzione del dolore può essere spiegata dalla posizione delle fibre nervose che conducono gli impulsi del dolore. Si trovano nel midollo spinale, accanto ad altri nervi che conducono impulsi da altre parti del corpo..
  • La durata di un attacco di angina varia da uno a sette minuti. In casi eccezionali, la durata dell'attacco può essere di 20 minuti.
  • Il completamento delle sensazioni di dolore è determinato dall'eliminazione della causa che lo ha causato, nonché dall'assunzione di farmaci.
Dispnea
  • La sensazione di mancanza d'aria, accompagnata da un aumento del numero di respiri e dalla loro maggiore profondità, è chiamata mancanza di respiro. Si verifica con l'angina pectoris, se la circolazione sanguigna è insufficiente su una vasta area del muscolo cardiaco, più spesso nella regione del ventricolo sinistro.
  • La contrattilità del miocardio è ridotta a causa di ossigeno insufficiente, il sangue non viene trasportato dai polmoni all'aorta. C'è ristagno di sangue nei vasi dei polmoni, lo scambio di gas è disturbato. Una diminuzione della quantità di ossigeno nelle arterie provoca una respirazione frequente e profonda.
Aritmia
  • Il cambiamento della frequenza cardiaca si verifica a causa di una ridotta circolazione nel cuore. Possono verificarsi tachicardia o bradicardia. A volte si alternano.
  • Le aritmie si manifestano non solo sotto forma di battito cardiaco rapido o lento. Sono accompagnati da perdita di coscienza, oscuramento degli occhi, mancanza di respiro, debolezza e vertigini..

Di seguito sono descritti i segni dell'ECG di angina pectoris di varie forme..

Qual è il pericolo di angina pectoris progressiva - la risposta è tramite link.

Rappresentanti del sesso più forte che sono attivamente coinvolti nello sport o, a causa delle loro attività professionali, che stanno vivendo un'elevata attività fisica, è necessario monitorare con particolare attenzione il lavoro del cuore e del sistema vascolare.

Il dolore toracico emergente indica angina pectoris. Un atteggiamento negligente nei confronti della propria salute e ignorando i sintomi formidabili può provocare insufficienza coronarica e infarto miocardico..

Come riconoscere l'angina pectoris: sintomi, segni, cause

L'angina pectoris è una delle malattie cardiache più comuni, che colpisce centinaia di migliaia di persone sul pianeta. Questa patologia non è affatto innocua, poiché indica una serie di disturbi nel lavoro del cuore, spesso si sviluppa in IHD, diventando la causa di un infarto. Gli uomini soffrono di angina pectoris più spesso delle donne e hanno manifestazioni specifiche di angina pectoris e la probabilità di progressione della malattia aumenta anche in giovane età. Quali sono i segni dell'angina pectoris negli uomini? E cosa fare se ti viene diagnosticato questo?

Classificazione dell'angina pectoris

A causa della specificità dei sintomi, l'angina viene spesso chiamata angina pectoris. Si riferisce alle patologie della circolazione coronarica e si verifica sullo sfondo di un'ostruzione parziale delle arterie del cuore. L'angina pectoris è uno dei segni della cardiopatia ischemica - un attacco di dolore sullo sfondo di una diminuzione dell'apporto di ossigeno al miocardio.

Negli uomini sopra i 50 anni, la malattia è diffusa. La ragione della comparsa nella vecchiaia è il naturale invecchiamento delle pareti dei vasi sanguigni, che porta al loro indebolimento e all'accumulo di depositi di colesterolo. Ma sempre più spesso l'angina pectoris viene registrata negli uomini di età compresa tra i 30 ei 35 anni e ciò è dovuto a uno stile di vita malsano..

I medici classificano la malattia nelle seguenti forme:

  1. Angina pectoris di prima insorgenza. Richiede un ricovero d'urgenza e ricerca dei motivi.
  2. Angina pectoris progressiva. Nel tempo, provoca infarto miocardico o arresto cardiaco, richiede una terapia quotidiana.
  3. Angina da sforzo. È registrato nella stragrande maggioranza dei pazienti, si manifesta sullo sfondo di un aumento della domanda di ossigeno nel cuore. Questo accade con lo stress fisico o emotivo..
  4. Riposa l'angina. Uno stadio avanzato della malattia, in cui le arterie non possono fornire completamente ossigeno al miocardio anche senza stress per il cuore.
  5. Angina pectoris variante (vasospastica). Viene diagnosticato con spasmi miocardici, che causano forti dolori sullo sfondo della carenza di ossigeno. L'attacco spesso scompare da solo dopo che le arterie si rilassano. Questa forma si trova principalmente nei pazienti giovani..
  6. Angina pectoris atipica. Appare in una persona allo stesso tempo, più spesso al mattino.

La principale differenza tra il dolore nell'angina pectoris e un attacco di dolore nell'infarto miocardico è la durata delle sensazioni. Nel primo caso, terminano entro 20 minuti, nel secondo, più forte, durano più a lungo del tempo specificato.

Sintomi di angina pectoris nei maschi

Naturalmente, la manifestazione della patologia negli uomini è in qualche modo diversa dai sintomi notati dalle donne. Il motivo non sta nel fatto che il cuore di un uomo fa male in modo diverso o che i sintomi non appaiono così intensamente. È solo che gli uomini non attribuiscono importanza al dolore nelle prime fasi, ignorandoli. Una visita da un medico si verifica già quando l'angina pectoris passa in uno stato di pre-infarto.

Tra gli uomini, la patologia ha molte più probabilità di portare alla morte, che è causata da una visita prematura a un cardiologo.

Nelle prime fasi, gli uomini descrivono un lieve dolore, che è localizzato dietro lo sterno, può irradiarsi alla mascella, al braccio o al collo. A volte le sensazioni dolorose sono completamente assenti e l'attacco è caratterizzato da un battito cardiaco accelerato, pallore, aumento della pressione sanguigna.

Molto spesso, i dolori passano improvvisamente se il fattore provocante viene eliminato. Quindi, è sufficiente smettere di fare sport perché l'attacco sia completato. Ma le manifestazioni dispeptiche, come nausea, vomito, disagio nella zona intestinale, sono estremamente rare negli uomini..

La progressione dell'angina pectoris colpisce anche la funzione sessuale maschile, che può essere ridotta anche nei giovani. La malattia colpisce persone di età superiore ai 30 anni, anche se la generazione più anziana lamenta disturbi cardiaci molto più spesso.

Cause di angina pectoris

I sintomi della malattia si verificano a causa del fallimento delle reazioni ossidative nel miocardio del cuore, che causa l'accumulo di prodotti metabolici. Tali fenomeni sono associati alla vasocostrizione e alla restrizione del flusso sanguigno al cuore. La causa principale nella stragrande maggioranza dei casi è l'aterosclerosi delle arterie coronarie, che si verifica a causa di livelli elevati di colesterolo. Sullo sfondo di una discrepanza tra la domanda miocardica di nutrienti e la loro fornitura, si sviluppano attacchi di dolore.

L'età superiore a 50-60 anni negli uomini appartiene al gruppo di fattori non modificabili che una persona non è in grado di influenzare. Lo stesso gruppo dovrebbe includere sesso, ereditarietà gravata, cambiamenti nel sistema endocrino. Ci sono fattori di angina pectoris molto più modificabili:

  • fatica;
  • aumento incontrollato della pressione;
  • fumare;
  • abuso di alcool;
  • sovraccarico fisico;
  • costante mancanza di sonno, superlavoro;
  • consumo di cibi grassi e nocivi;
  • inattività;
  • obesità.

C'è un alto rischio di angina pectoris nei pazienti anemici. Quest'ultimo porta a una ridotta circolazione sanguigna, un aumento della sua viscosità e la comparsa di coaguli di sangue..

Quali sintomi sono considerati atipici

I sintomi atipici includono: dolore localizzato alla mascella inferiore, al collo, alla schiena, una sensazione di malessere generale, pallore della pelle, brividi, comparsa di sudore, bruciore di stomaco, vomito, disagio nell'intestino.

Un sintomo comune di angina pectoris che accompagna un attacco è un brusco salto della pressione sanguigna.

Questo è spesso associato a uno sforzo fisico eccessivo e prolungato (indipendentemente dall'età e dal sesso).

Per una terapia adeguata e un trattamento efficace di una tale malattia, non ignorare alcun cambiamento nel corpo e consultare un medico il prima possibile..

Il quadro clinico dell'angina pectoris

I sintomi della malattia possono essere offuscati, spesso mascherati da altre patologie. Nei giovani uomini, è spesso confuso con segni di osteocondrosi, con nevralgia intercostale. Ma un attacco ha una serie di caratteristiche distintive:

  • il dolore inizia principalmente dopo uno sforzo fisico: correre, salire le scale, sotto stress, dopo aver mangiato troppo;
  • le sensazioni dolorose sorgono improvvisamente e altrettanto improvvisamente passano, c'è una reazione positiva all'assunzione di nitroglicerina;
  • con un aumento dei carichi, la sindrome diventa più pronunciata, con il riposo si indebolisce;
  • localizzazione del dolore: la regione del cuore, della spalla, del braccio, a volte della mascella, della scapola;
  • attacchi dolorosi sono accompagnati da una sensazione di spremitura, pressione sul petto, quindi l'angina pectoris è chiamata angina pectoris.

In molti pazienti, il dolore è sottile, ma sentono un battito cardiaco irregolare. Il paziente può improvvisamente diventare pallido, sul viso e sul corpo appare sudore freddo e umido e la pressione sanguigna aumenta. Nelle forme gravi di patologia, gli attacchi sono frequenti, prolungati, accompagnati da extrasistole. Inoltre, potresti avvertire vertigini, bruciore di stomaco, intorpidimento delle dita.

Manifestazioni tipiche della malattia

I sintomi dell'angina pectoris negli uomini praticamente non differiscono da quelli che preoccupano le donne che soffrono di una malattia simile. I medici raccomandano di monitorare attentamente le tue condizioni per notare i cambiamenti nel tempo e prendere le misure necessarie. I primi segni della malattia sono i seguenti:

  • Le sensazioni dolorose sorgono inaspettatamente, senza motivo, o durante lo stress fisico, emotivo, dopo l'assunzione di farmaci, non scompaiono;
  • Puoi monitorare la tendenza che il dolore appare in determinati momenti della giornata, ad esempio, durante il riposo o quando si pratica sport, lavoro duro;
  • La natura del dolore è difficile da descrivere - alcuni pazienti notano sensazioni pressanti, altri - scoppio e bruciore;
  • Si avvertono i sintomi del bruciore di stomaco: una sgradevole pesantezza nella regione del cuore, come se avessi ingoiato una pietra;
  • C'è debolezza generale, pallore, appare sudore freddo, la pressione può aumentare, variazioni della frequenza cardiaca, diventare irregolare.

La diagnosi è anche complicata dal fatto che le manifestazioni dell'angina pectoris sono simili ad altre patologie coronariche e di altra natura. Il paziente può confonderli con il superlavoro o considerarli uno sforzo fisico eccessivo. Tuttavia, questo comportamento è errato: anche se ti alleni eccessivamente, il dolore dietro lo sterno è un chiaro segno che devi visitare un cardiologo, ci sono malfunzionamenti nel tuo corpo.

Il fatto che l'attacco non abbia angina pectoris è indicato da tali sintomi negli uomini come:

  • la durata del dolore è superiore a 20 minuti;
  • "Nitroglicerina" non funziona durante un attacco di dolore;
  • l'inizio del dolore non è correlato allo stress fisico o emotivo.

Tali sintomi indicano che è necessario controllare il funzionamento del cuore e anche affrontare le sensazioni dolorose e controllare la colonna vertebrale, i nervi intercostali. I sintomi possono essere associati al pericardio o all'endocardio, alla loro infiammazione, alla nevralgia. Gli attacchi di angina pectoris stessi possono eventualmente svilupparsi in altre malattie o forme instabili.

Qualsiasi sintomo di angina pectoris richiede un ulteriore esame obbligatorio da parte di uno specialista. Negli uomini, la patologia porta spesso a complicazioni e morte. Pertanto, gli attacchi non possono essere ignorati e il loro trattamento tempestivo può ritardare lo sviluppo di insufficienza cardiaca cronica. Il trattamento dell'angina pectoris consiste non solo nella fornitura tempestiva di pronto soccorso durante un attacco, ma anche nella prevenzione di ulteriori manifestazioni.

Diagnosi di patologia

È molto importante condurre un esame tempestivo di un uomo, perché un inizio precoce del trattamento è la chiave per prevenire le complicanze dell'angina pectoris. La diagnostica aiuterà a trovare le cause della malattia e ad influenzarle. Dovresti andare a un appuntamento con un terapista o un cardiologo, dove all'esame iniziale il medico ascolterà i suoni del cuore, misurerà la pressione sanguigna, il polso.

Successivamente, dovrai passare attraverso una serie di studi e analisi obbligatori:

  1. Lipidogramma, glicemia e biochimica generale. Consente di stabilire deviazioni nel metabolismo dei carboidrati e dei grassi.
  2. ECG. Aiuterà a identificare i battiti cardiaci irregolari, trovare le aritmie di accompagnamento.
  3. Ultrasuoni del cuore. Chiarirà la diagnosi: il tipo di angina pectoris, il grado di blocco delle arterie coronarie, anomalie strutturali e funzionali, ecc..
  4. Monitoraggio ECG Holter. Consigliato se sono presenti aritmie con convulsioni.

Se necessario, il paziente viene assegnato a sottoporsi a risonanza magnetica o angiografia coronarica. Molto spesso è richiesto prima dell'intervento al cuore.

Segni di angina pectoris e sua differenza da altre malattie

Quadro clinico

  • dolore moderato al petto o dietro lo sterno;
  • dolore pressante e costrittivo (il taglio o il bruciore sono più indicativi di un attacco di cuore);
  • nausea;
  • battito cardiaco instabile;
  • funzione respiratoria compromessa;
  • panico.

Poiché i segni dell'angina pectoris sono molto simili alla manifestazione degli attacchi di panico, è necessario innanzitutto calmarsi e non diagnosticare immediatamente una disfunzione cardiaca. Insieme a questo, è necessario chiarire la diagnosi con un terapeuta, o meglio - con un cardioneurologo.

Pronto soccorso per l'angina pectoris

Durante un attacco, è importante calmare il paziente, perché l'eccitazione, l'ansia e la sovraeccitazione emotiva aumentano lo spasmo coronarico. Devi sederti o sdraiarti, con un cuscino alto sotto la schiena e la testa. 1 - 2 compresse di nitroglicerina o un altro farmaco per il cuore del gruppo dei nitrati vengono poste sotto la lingua. Il numero massimo possibile di compresse per dose è di 5 pezzi, si dissolvono in assenza dell'effetto della pillola precedente. Ma chiamare un'ambulanza è obbligatorio se il dolore non scompare dopo la seconda pillola o entro 15 minuti.

Cos'altro puoi fare come misura di primo soccorso? È importante aprire la finestra per consentire all'aria di fluire liberamente nella stanza. Sbottonare o rimuovere gli indumenti stretti. Si consiglia di assumere nitroglicerina anche se si sospetta un attacco imminente: la pillola aiuterà ad espandere i vasi coronarici e migliorare la circolazione sanguigna nel cuore.

Ulteriori sintomi

È abbastanza difficile capire cos'è l'angina pectoris e essere confusi con una diagnosi preliminare indipendente, poiché ci sono molti sintomi diretti caratteristici. Ci sono anche alcuni segni aggiuntivi che non possono essere ignorati. Quindi, quali sono i sintomi dell'angina pectoris, come:

  1. La relazione tra dolore minore ed esercizio. Il dolore appare quando si cammina e si attenua a riposo.
  2. La mancanza di respiro e la mancanza di respiro sono un segnale di avvertimento. Questa è la prova che con un'esacerbazione di un attacco, il paziente può sviluppare edema polmonare e, di conseguenza, morte..
  3. Diverse frequenze cardiache che possono rallentare e accelerare indipendentemente dal movimento.
  4. Aumento frequente della pressione sanguigna e polso rapido.

I segni aggiuntivi esterni includono l'aspetto del pallore del viso, il sudore freddo. Il paziente stesso può talvolta provare un'acuta paura della morte e più spesso gli attacchi sono accompagnati da una leggera depressione emotiva. L'attacco termina con un leggero arrossamento del viso, eruttazione d'aria e un bisogno di andare in bagno.

Trattamento dell'angina pectoris

Per cominciare, un uomo dovrebbe organizzare una corretta alimentazione. È necessario ridurre significativamente l'assunzione di colesterolo nel corpo, per il quale la quantità di carne rossa, cibi a base di carne grassa è ridotta al minimo. È escluso il consumo di cibi fritti, grassi trans. Il volume di tuorlo d'uovo, il burro diminuisce, i latticini sono ammessi, ma con un contenuto di grassi ridotto. Cellulosa vegetale e cereali purificano perfettamente il corpo dai grassi.

Il trattamento dell'angina pectoris sarà inutile senza smettere di fumare: la malattia continuerà a progredire. È importante rinunciare all'alcol, solo occasionalmente puoi bere vino rosso secco. Dai farmaci, sono prescritti i seguenti mezzi:

  • beta-bloccanti: riducono il bisogno di ossigeno del cuore;
  • farmaci antipertensivi: normalizzano la pressione sanguigna;
  • preparati di magnesio e potassio: saturare il cuore con gli elementi necessari;
  • statine, fibrati, Omega-3 - abbassare il colesterolo;
  • fluidificanti del sangue - prevengono la formazione di coaguli di sangue.

Una persona è decisamente consigliata la terapia fisica, perché l'esercizio aerobico accelera il metabolismo, aiuta a far fronte al colesterolo alto. Inoltre, puoi bere medicine tradizionali (ad esempio, aglio con limone e miele per il colesterolo), infusi di erbe, tasse.

In caso di grave blocco dei vasi coronarici, viene eseguito un intervento chirurgico: innesto di bypass coronarico, rimozione del vaso danneggiato e sostituzione con uno trapiantato da un'altra area del corpo.

Come diagnosticare l'angina in qualsiasi fase dello sviluppo?

L'area dolorosa con angina pectoris si trova nel torace, sul lato sinistro, ed è molto simile nei sintomi alla sindrome coronarica. Pertanto, l'angina pectoris deve essere diagnosticata attentamente in modo che il trattamento prescritto sia efficace. Se il corso della terapia non è completato, i primi sintomi possono riprendere, ma con uno sviluppo progressivo.

La diagnostica moderna dell'angina pectoris comprende tre esami: esame esterno e indagine del paziente, diagnostica di laboratorio e ricerca strumentale. La prima opzione diagnostica è visiva, non sempre adatta agli uomini anziani, poiché sullo sfondo dell'angina pectoris, potrebbe esserci un annebbiamento della mente.

Per quanto riguarda la seconda opzione diagnostica - test di laboratorio, è considerata ottimale sia per i pazienti giovani che per gli uomini anziani. L'efficienza della ricerca è elevata, il che consente al medico di determinare la diagnosi: angina pectoris (anche in una fase iniziale di sviluppo) o sindrome coronarica. Ebbene, l'elenco dei test che vengono eseguiti nella diagnostica di laboratorio è il seguente:

  • Analisi del sangue biochimica.
  • Analisi del sangue generale.
  • Analisi generale delle urine.

Sulla base dei risultati di questi test, il medico determinerà la presenza di tali patologie nel corpo del paziente come: sindrome coronarica, aterosclerosi e ischemia. E lo sviluppo di queste malattie porta all'angina pectoris..

Nella diagnostica strumentale, l'area malata viene esaminata con dispositivi speciali:

  • Ecocardiografo.
  • macchina a raggi X.
  • Macchina ad ultrasuoni.
  • MRI.

Importante! Le procedure elencate, rispetto agli studi di laboratorio, non sono in grado di fornire un quadro dettagliato della patologia. Tuttavia, per l'efficacia della diagnosi, il paziente viene sottoposto a uno studio completo, costituito da tre tipi di esame contemporaneamente..

Complicazioni dell'angina pectoris

Nel 50% degli uomini, l'angina pectoris termina con un infarto miocardico, dopo di che non tutti i pazienti sopravvivono. Ma conseguenze così gravi sono associate solo all'ignorare i segni pericolosi per lungo tempo, a un inizio tardivo del trattamento, al saltare l'assunzione di pillole..

Oltre a un infarto, la patologia con un lungo decorso senza terapia può causare cardiosclerosi, che comporta il rischio di infarto o arresto cardiaco. Se gli uomini hanno già la cardiosclerosi, gli attacchi durano fino a mezz'ora e si verificano sempre spontaneamente.

Un'altra possibile complicazione è lo sviluppo di forme gravi di aritmia, che possono anche portare a disabilità e morte. Il trattamento sistematico e una corretta alimentazione migliorano la prognosi.

La prognosi del decorso della malattia negli uomini

L'angina pectoris nel sesso più forte in circa il 50-60% dei casi termina con un infarto miocardico. Ma questo non è affatto dovuto alla gravità del decorso della malattia, è solo che gli uomini ignorano i sintomi pericolosi per più tempo. Quale sarà la previsione?

  • Se visiti un medico in tempo, ti sottoponi a una diagnosi, segui tutte le prescrizioni, il trattamento sarà benefico e nuovi attacchi ti daranno fastidio solo con uno sforzo intenso;
  • Se vai da un cardiologo troppo tardi, una squadra di ambulanze ti porterà, c'è la possibilità di conseguenze negative. Quindi, la morte clinica non passerà senza lasciare traccia per il corpo, anche se le azioni di rianimazione sono competenti e rapide..

Una diagnosi di angina pectoris negli uomini non dovrebbe causare paura. È del tutto possibile convivere con questa patologia, anche se dovrai comunque cambiare le vecchie abitudini. Non dimenticare l'esame regolare da parte di un medico, quindi le malattie cardiache saranno facilmente curate.

Sebbene i sintomi dell'angina pectoris maschile siano simili ai segni della patologia nelle donne, può essere difficile fare una diagnosi accurata, perché gli uomini raramente notano la loro condizione durante gli attacchi, non possono descriverla in dettaglio. Il compito dei medici è quello di prescrivere un esame e le misure terapeutiche necessarie affinché il paziente sia di nuovo sano e gli attacchi non influenzino il suo tenore di vita.

Prevenzione della patologia

Per non conoscere i problemi cardiaci, è importante condurre uno stile di vita sano fin dalla giovinezza. Si tratta di una corretta alimentazione, smettere di fumare, alcol. Il consumo regolare di carne grassa, fast food, frittura di cibo provoca inevitabilmente un aumento del colesterolo, il suo accumulo nei vasi. È importante controllare la pressione e, quando aumenta, iniziare a prendere farmaci speciali.

Le attività sportive - corsa, nuoto, camminata, ciclismo - miglioreranno la resistenza cardiaca e prevengono l'insorgenza di angina pectoris. Con l'obesità, devi fare di tutto per stabilizzare il tuo peso. Dopo 40 anni, si consiglia agli uomini di visitare regolarmente un medico e di sottoporsi a esami di routine anche in assenza di reclami.

Sintomi di angina negli uomini

Le statistiche sulla salute mostrano che la mortalità per angina pectoris tra i maschi è superiore a quella delle femmine. Come l'angina pectoris si manifesta negli uomini e come proteggersi - su questo nell'articolo.

Oggi anche i giornali parlano e scrivono di malattie cardiache. E sembra che tutti dovrebbero imparare tutto su questa malattia, ma no! "La ripetizione è la madre dell'apprendimento" è un proverbio latino con cui possiamo continuare il nostro articolo. Un promemoria della malattia e la gravità delle sue conseguenze non sarà mai superfluo. E l'accettazione da parte del paziente delle raccomandazioni su uno stile di vita sano è un grande vantaggio a favore della sua salute. Pertanto, ancora e ancora parleremo di una malattia così nota e oscura come l'angina.

Ciò che fa ballare tutto

Colesterolo alto nel sangue

Dire che l'angina pectoris è tutto ciò che riguarda il cuore non sarebbe del tutto corretto. I fattori che portano allo sviluppo della malattia esercitano la loro influenza molto prima che compaiano i primi sintomi. Quindi cosa causa l'angina pectoris negli uomini? In una parola, questi possono essere chiamati "fattori". I fattori per lo sviluppo della malattia negli uomini sono gli stessi delle donne. In totale, ci sono circa 300 fattori di rischio per le malattie cardiovascolari. Ma per quanto riguarda l'angina pectoris, ci sono 3 fattori più significativi: ipertensione arteriosa, fumo e colesterolo alto.

Questi tre fattori da soli spiegano la morte nei pazienti nel 75% dei casi. Questi fattori sono indicati come fattori modificabili o modificabili. L'ipertensione arteriosa è una malattia caratterizzata da alti livelli di pressione sanguigna. La prevalenza di questo fattore di rischio ha approssimativamente la stessa frequenza in entrambi i sessi. Il fumo è un altro fattore sfavorevole per lo sviluppo dell'angina pectoris. Purtroppo, questa cifra è in crescita a causa del crescente numero di giovani donne che fumano.

Ricorda! Il fumo non ha una soglia sicura. Molti studi hanno da tempo dimostrato che fumare anche una sigaretta al giorno aumenta il rischio di malattie cardiovascolari di oltre 2 volte.

Livelli elevati di colesterolo sono un'altra cosa spiacevole che causa lo sviluppo di malattie cardiovascolari. Il colesterolo ha diverse frazioni, che sono importanti nello sviluppo dell'angina pectoris o nella sua prevenzione. I fattori di rischio per lo sviluppo dell'angina pectoris tra gli uomini sono un aumento dei livelli di colesterolo totale superiore a 5 mmol, un aumento del colesterolo delle lipoproteine ​​a bassa densità superiore a 3,0 mmol e delle lipoproteine ​​ad alta densità inferiori a 1,0 mmol..

Anche i livelli di trigliceridi sono importanti. Un aumento dei livelli di trigliceridi superiore a 1,7 mmol agisce come un fattore di rischio per lo sviluppo dell'angina pectoris. Sono importanti anche i seguenti fattori di rischio: sovrappeso, diabete mellito, età degli uomini sotto i 55 anni.

Ciò che provoca attacchi di angina negli uomini

Le ragioni principali che portano alla comparsa dei sintomi dell'angina pectoris negli uomini sono lo stress fisico e psico-emotivo, un'abbondante assunzione di cibo, il fumo, l'ipertensione, la tachicardia. Al centro di tutti questi fattori provocatori c'è l'effetto dell'esaurimento dell'ossigeno del miocardio. Esiste una discrepanza tra le esigenze del cuore di ossigeno e le possibilità della sua somministrazione al miocardio.

Che aspetto ha l '"angina pectoris"?

Dolore alla pressione o sensazione di pesantezza dietro lo sterno nella regione del cuore

Prima di parlare della malattia, vale la pena ricordare che i segni di angina pectoris negli uomini, come nelle donne, possono essere atipici. Dolore al braccio, soffocamento, vomito o dolore addominale - qualcosa che può portare il paziente a pensare a qualche altra patologia, ma non al cuore. A volte sono proprio questi momenti che impediscono al paziente di cercare assistenza medica in modo tempestivo. Quali sono i sintomi osservati in un paziente con un tipico attacco di angina pectoris?

La sindrome del dolore è il sintomo principale di questo disturbo. Spesso, quando descrive la sindrome del dolore, il paziente stringe forte il pugno e lo posiziona sul petto. Il dolore pressante o una sensazione di pesantezza dietro lo sterno nella regione del cuore è uno dei sintomi più comuni dell'angina pectoris. Inoltre, la natura del dolore può essere dolorante, scoppiettante, lancinante. Il dolore è spesso accompagnato da sintomi quali vertigini, mancanza di respiro, mal di testa, insufficienza cardiaca, palpitazioni, sudorazione e debolezza generale.

Inoltre, si dovrebbe ricordare di tali "sindromi da maschera", in base alle quali può verificarsi angina pectoris: un attacco di soffocamento, dolore agli arti, mascella inferiore, dolore addominale, svenimenti, vertigini e ipertensione con mal di testa, disturbi del ritmo. Alcune persone anziane e persone con diabete mellito potrebbero non avere sintomi o essere così lievi che il paziente potrebbe semplicemente non prestare loro attenzione.

Diagnosi di angina pectoris

Spesso, la pazienza e la natura durevole degli uomini "veri" impedisce loro di cercare aiuto medico in tempo. Tali momenti accadono, ma poi il paziente è già insopportabile. La diagnosi di angina pectoris inizia nello studio del medico. La visita di un paziente da un medico è dove devi iniziare a risolvere i tuoi problemi con il tuo cuore. I sintomi della malattia sono il primo e importante stadio da cui inizia la diagnosi di angina pectoris. Reclami e anamnesi raccolti correttamente: questa è già la metà della diagnosi.

Pertanto, non importa quanto poco importanti possano sembrare i reclami, dovrebbero essere tutti presentati al medico curante. Oltre agli studi clinici sul cuore, tra cui esame, palpazione, percussione e auscultazione della regione del cuore, vengono utilizzati metodi strumentali. Il più accessibile e non meno informativo nella diagnosi delle malattie cardiache è il metodo di ricerca elettrocardiografico.

Studio elettrocardiografico con vari stress test

Tuttavia, per quanto riguarda l'angina pectoris, l'elettrocardiogramma potrebbe non fornire alcuna informazione, poiché i segni rilevati nell'angina pectoris non sono specifici e possono verificarsi in altre malattie cardiache. Al momento dell'attacco, se fosse possibile registrarlo, i segni della malattia saranno una diminuzione o un aumento o una diminuzione del segmento ST dall'isolina. Anche le onde T cambieranno e possono essere sia negative che positive. Le onde T alterate positive su un elettrocardiogramma sono chiamate "coronarie".

Tuttavia, questo metodo non può essere utilizzato isolatamente nella diagnosi di angina pectoris. Questi cambiamenti scompaiono rapidamente dopo che i sintomi sono stati eliminati. Uno studio elettrocardiografico con vari stress test e test è il metodo più informativo per registrare i cambiamenti nell'ECG in risposta all'attività fisica. Secondo le indicazioni, è possibile eseguire l'angiografia coronarica, la scintigrafia miocardica.

Trattiamo l'angina pectoris

Prescritto da un medico

"Trattiamo l'angina pectoris" significa che non solo il medico, ma anche il paziente è coinvolto nel trattamento della malattia. Il trattamento non farmacologico ha lo scopo di cambiare lo stile di vita del paziente. L'effetto del farmaco include l'assunzione di farmaci, che includono i seguenti gruppi: agenti antipiastrinici, statine, inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina, beta-bloccanti, calcio antagonisti, nitrati. La scelta della dose e della frequenza di somministrazione dei farmaci è una questione del medico. Pertanto, nel paziente non devono essere effettuati tentativi di automedicazione e aggiustamento della dose. È sempre meglio discutere qualsiasi domanda con il proprio medico..

Siamo impegnati nella prevenzione

Dieta corretta

Prevenzione, prevenzione e ancora prevenzione! Molto spesso, i pazienti si lamentano molto al medico curante che i sintomi non si fermano e la condizione è peggiorata. Significa molto, moltissimo seguire le raccomandazioni del paziente. Occorre prestare attenzione ai seguenti punti nella prevenzione dell'angina pectoris: combattere l'eccesso di peso, abbandonare le cattive abitudini, controllare e normalizzare i livelli di colesterolo, trattare l'ipertensione e, naturalmente, assumere farmaci.

Oltre a quanto sopra, la revisione dietetica non dovrebbe essere trascurata. L'esclusione di cibi grassi, fritti, salati e piccanti, così come la sua abbondante assunzione, non dovrebbe verificarsi in un paziente con angina pectoris. Dovresti prestare attenzione alle varietà a basso contenuto di grassi di carne e pesce. È necessario mangiare frutta e verdura, cereali, prodotti a base di farina integrale. Dai latticini è consentito l'uso con un contenuto minimo di grassi.

Oltre a tutto, è importante ricordare un momento come l'attività fisica e, naturalmente, un atteggiamento positivo. essere sano!


Articolo Successivo
Che cos'è un encefalogramma del cervello e perché viene eseguito