Tutto sul prolasso e sul trattamento delle valvole cardiache


Il sito fornisce informazioni di base solo a scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È necessaria una consulenza specialistica!

Prolasso della valvola cardiaca: cause, sintomi principali, metodi moderni di diagnosi e trattamento
Il prolasso valvolare è l'anomalia della valvola cardiaca più comune e spesso innocua in cui, durante la contrazione cardiaca, si verifica un'anomala protrusione dei lembi valvolari. Il prolasso della valvola mitrale è più comune del prolasso di altre valvole cardiache.

La causa principale del prolasso delle valvole cardiache è la debolezza congenita del tessuto connettivo che costituisce le valvole. Nella maggior parte dei casi, il prolasso della valvola cardiaca non mostra alcun sintomo. Meno comunemente, i segni di prolasso possono essere dolore al petto, sensazione di "interruzioni nel lavoro del cuore", vertigini, debolezza, ecc..

Di solito, il prolasso delle valvole cardiache ha un decorso favorevole e non richiede alcun trattamento speciale, tuttavia, in rari casi, può essere complicato da una violazione del ritmo del cuore (aritmia), dallo sviluppo dell'insufficienza della valvola cardiaca, ecc..
Le forme gravi di prolasso, in cui il cuore è significativamente compromesso, richiedono farmaci o interventi chirurgici.

Cosa sono le valvole cardiache?

Le valvole del cuore sono lembi mobili, costituiti da elementi separati (volantini), che bloccano i fori attraverso i quali il sangue scorre da una parte all'altra del cuore.
La funzione delle valvole è controllare il flusso sanguigno. In termini semplici: il cuore può essere pensato come una normale pompa che pompa fluido. Come in qualsiasi altro sedimento, nel cuore c'è un sistema di valvole che permettono al fluido (sangue) di passare nella direzione del pompaggio e non lo lasciano indietro. Durante la contrazione del muscolo cardiaco, il sangue sotto pressione viene espulso dal cuore: le valvole che regolano il movimento del sangue in questa direzione al momento della contrazione del cuore si aprono. Immediatamente dopo la contrazione, il cuore si rilassa e la pressione in esso diminuisce: in questo momento, la valvola si chiude e non fa rientrare il sangue nel cuore.

Ci sono 4 valvole nel cuore:
1. La valvola mitrale si trova tra il ventricolo sinistro e l'atrio sinistro ed è composta da 2 cuspidi (anteriore e posteriore). I lembi della valvola mitrale sono attaccati alla parete del ventricolo sinistro da fili tendinei - accordi. Gli accordi, a loro volta, si attaccano a piccole formazioni muscolari: i muscoli papillari. In condizioni di normale funzionamento degli accordi e dei muscoli papillari, durante la contrazione del cuore, i lembi della valvola mitrale si chiudono ermeticamente, non si piegano o si gonfiano verso il ventricolo o l'atrio, a causa del quale il sangue può fluire solo dall'atrio ai ventricoli, ma non può fluire nella direzione opposta. Con il prolasso della valvola mitrale, uno o entrambi i suoi lembi si gonfiano nella cavità dell'atrio sinistro e non si chiudono molto strettamente, motivo per cui parte del sangue ritorna dal ventricolo all'atrio. Il prolasso della valvola mitrale anteriore è più comune.

2. La valvola tricuspide (o tricuspide) è la valvola situata tra il ventricolo destro e l'atrio destro. Funziona esattamente come la valvola mitrale..

3. La valvola aortica si trova tra il ventricolo sinistro e l'aorta. La valvola aortica impedisce al sangue di tornare dall'aorta al ventricolo sinistro.

4. La valvola polmonare si trova tra il ventricolo destro del cuore e il tronco polmonare. La valvola polmonare impedisce al sangue di ritornare dai vasi polmonari al ventricolo destro.

Cause del prolasso della valvola cardiaca

A seconda di quando è apparso il prolasso della valvola cardiaca, ci sono prolasso primario e secondario:
1. Il prolasso della valvola primaria è congenito, spesso ereditato e causato da un difetto genetico nella struttura del tessuto connettivo, costituito dai lembi valvolari e dalle corde tendinee. Una tale violazione della struttura del tessuto connettivo è chiamata degenerazione mixomatosa..

2. Il prolasso secondario (acquisito) della valvola cardiaca appare come risultato di trauma toracico, reumatismi, infarto miocardico e altre cause. In questo caso, la causa del cedimento delle cuspidi della valvola cardiaca nella cavità atriale è l'infiammazione o la rottura delle corde tendinee..

Sintomi e segni di prolasso della valvola cardiaca

Il prolasso congenito della valvola tricuspide (tricuspide), della valvola aortica o della valvola polmonare, di regola, non mostra alcun sintomo e viene rilevato per caso durante l'esame per altri motivi. A causa del fatto che con il prolasso congenito, la circolazione sanguigna è solitamente leggermente disturbata, per questo non è richiesto alcun trattamento.
Il prolasso della valvola mitrale è più comune del prolasso di altre valvole cardiache, quindi lo esamineremo più da vicino..

Prolasso della valvola mitrale

Nella maggior parte dei casi, il prolasso della valvola mitrale congenito passa inosservato e non causa alcun sintomo. In alcuni casi, si possono osservare i seguenti sintomi e segni di prolasso della valvola mitrale congenita:
1. Sensazione di "interruzioni nel lavoro del cuore": periodi di "affondamento" del cuore, aumento o diminuzione della frequenza cardiaca, contrazione irregolare del cuore, ecc..

2. Dolore nella regione del cuore, che può essere lancinante a breve termine o dolorante e prolungato (fino a diverse ore). Il dolore toracico non è correlato all'esercizio fisico, non scompare dopo l'assunzione di nitroglicerina e può manifestarsi o peggiorare a causa dello stress emotivo.

3. Sintomi e segni di distonia vegetativa-vascolare (VVD), che includono sensazione di mancanza di respiro, temperatura corporea bassa, dolore addominale (sindrome dell'intestino irritabile), vertigini, mal di testa, ecc..

4. Svenimento o annebbiamento della coscienza (sensazione di testa vuota) in stanze soffocanti, dopo stress emotivo, ecc..

5. Attacchi di panico - attacchi di paura incontrollabile.

6. Tendenza a lividi, epistassi frequenti, mestruazioni prolungate e abbondanti nelle donne, ecc. Questi sintomi sono spiegati da una violazione della coagulazione del sangue, che è causata da una violazione della struttura delle fibre del tessuto connettivo (collagene).

7. In caso di prolasso della valvola mitrale primaria, si osservano spesso i seguenti sintomi: crescita elevata, braccia e gambe lunghe, viso lungo e magro, aumento dell'elasticità della pelle, mobilità articolare eccessiva (ipermobilità), pelle sottile, visione scarsa, strabismo, ecc. Questi sintomi sono combinati in sindromi ereditarie e spesso associate al prolasso della valvola mitrale: ad esempio, sindrome di Klinefelter, sindrome di Marfan, ecc..

I sintomi ei segni del prolasso della valvola mitrale acquisito dipendono dalla causa del suo sviluppo:
1. Se un prolasso della valvola mitrale secondario (acquisito) si sviluppa a seguito di infarto miocardico, i suoi sintomi compaiono all'improvviso e sono associati a segni di infarto miocardico: forte dolore nell'area del cuore, mancanza di respiro, sensazione di "interruzioni nel lavoro del cuore", vertigini, perdita di coscienza, possibile sviluppo tosse e comparsa di schiuma rosa dalla bocca, ecc..

Se compaiono i sintomi sopra descritti, chiamare immediatamente un'ambulanza, poiché un ritardo nel trattamento può portare alla morte.

2. Se il prolasso della valvola mitrale si sviluppa a seguito di un trauma toracico, è dovuto alla rottura dei filamenti tendinei (corde) che regolano la valvola. I principali sintomi di prolasso in questo caso sono: aumento della frequenza cardiaca, sensazione di "interruzioni nel lavoro del cuore", mancanza di respiro, tosse con schiuma rosa. Se compaiono questi sintomi, consultare immediatamente un medico..

3. Il prolasso della valvola mitrale acquisito, causato da reumatismi (infiammazione del tessuto connettivo che fa parte della valvola), si sviluppa gradualmente e si manifesta con un aumento della fatica, mancanza di respiro dopo uno sforzo fisico minore, sensazione di "interruzioni nel lavoro del cuore", ecc..

Prolasso della valvola mitrale

Il grado di prolasso della valvola mitrale è determinato solo durante l'ecografia del cuore (ecocardiografia). A seconda di quanto i lembi della valvola mitrale si abbassano nella cavità dell'atrio sinistro, ci sono 3 gradi di prolasso:
1. Il prolasso della valvola mitrale di grado 1 significa che i lembi della valvola si incurvano nella cavità atriale sinistra di meno di 5 mm.

2. Con prolasso della valvola mitrale di 2 ° grado, i lembi della valvola si incurvano nella cavità dell'atrio sinistro di 6-9 mm.

3. Prolasso della valvola mitrale di grado 3 significa che i lembi della valvola si incurvano nella cavità atriale sinistra di oltre 10 mm.

Questa classificazione del prolasso della valvola mitrale è utilizzata principalmente in Russia e in alcuni paesi della CSI. Questo perché il grado di prolasso non sempre riflette la gravità del disturbo circolatorio a cui porta. Quindi, ad esempio, il prolasso della valvola mitrale di 1-2 gradi spesso non porta a un forte disturbo del movimento sanguigno e non richiede un trattamento speciale.

Possibili complicanze del prolasso della valvola mitrale

Le principali complicanze del prolasso della valvola mitrale sono:
1. Insufficienza della valvola mitrale - chiusura incompleta dei lembi della valvola mitrale durante la contrazione del cuore, che porta all'ingresso di sangue dal ventricolo sinistro nella cavità atriale (rigurgito mitralico). Una grave insufficienza della valvola mitrale può portare allo sviluppo di insufficienza cardiaca.

2. L'endocardite batterica (infettiva) è una malattia grave caratterizzata dall'infiammazione del rivestimento interno del cuore (endocardio) che copre le valvole. I principali sintomi dell'endocardite batterica sono: febbre, condizioni generali gravi, dolori articolari, palpitazioni cardiache, ittero, piccole emorragie puntate sulla pelle, ecc..

3. Aritmie: una violazione del ritmo cardiaco, che si manifesta con una sensazione di interruzioni nel lavoro del cuore, vertigini, svenimenti e altri sintomi.

4. Un ictus è un'interruzione improvvisa e acuta dell'afflusso di sangue al cervello, che può portare a gravi conseguenze e persino alla morte. Il rischio di ictus è maggiore nelle persone sopra i 50 anni, in presenza di aritmia, endocardite infettiva, ecc..

Prolasso della valvola mitrale nei bambini

Il prolasso della valvola mitrale in un bambino è indicato come le cosiddette anomalie minori del cuore (MARS). Oltre al prolasso della valvola mitrale, MARS include i seguenti reperti accidentali durante l'ecocardiografia (ecografia del cuore): prolasso della valvola tricuspide, finestra ovale aperta, prolasso della valvola aortica o delle cuspidi della valvola polmonare, valvola aortica bicuspide, muscoli papillari aggiuntivi, ecc..
Di norma, MARS ha un decorso favorevole, non ha un effetto significativo sulla salute del bambino e non richiede un trattamento speciale..
Tuttavia, dato l'aumento del rischio di disturbi del ritmo cardiaco (aritmie) e altre complicazioni, un bambino con prolasso della valvola mitrale deve essere sottoposto a regolare esame preventivo da parte di un cardiologo.

Gravidanza e parto con prolasso della valvola mitrale

Di norma, la gravidanza e il parto con prolasso della valvola mitrale procedono senza complicazioni, il bambino nasce con un peso corporeo normale e in tempo.
Durante la pianificazione della gravidanza, a una donna con prolasso della valvola mitrale può essere raccomandata l'ecocardiografia, che chiarirà il volume di sangue che ritorna (rigurgito) e, di conseguenza, il grado di insufficienza della valvola mitrale.
Le complicanze del prolasso della valvola mitrale durante la gravidanza e il parto sono estremamente rare, tuttavia, dovresti discutere ulteriormente il rischio del loro sviluppo in consultazione con un ginecologo o un cardiologo.

Quando dovresti consultare immediatamente un medico?

Se si verificano i seguenti sintomi, consultare un medico il prima possibile:
1. Improvviso deterioramento della salute, debolezza, mancanza di respiro, comparsa di alito ribollente o schiuma alla bocca. Questi sintomi indicano che una parte significativa del sangue sta ritornando dal ventricolo sinistro all'atrio sinistro (rigurgito), con conseguente congestione nei polmoni (edema polmonare).

2. La perdita di coscienza (svenimento) è una conseguenza dell'insufficiente afflusso di sangue al cervello, che può essere dovuto a una violazione del ritmo cardiaco (aritmia).

3. Aumento della temperatura corporea, dolori articolari, grave debolezza. Questi sintomi possono indicare lo sviluppo di endocardite infettiva, una delle complicanze del prolasso della valvola mitrale..

4. Diminuzione delle prestazioni, aumento della fatica, debolezza, mancanza di respiro dopo un leggero carico: tutti questi sintomi indicano il possibile sviluppo di insufficienza cardiaca.

Diagnostica prolasso delle valvole cardiache

Se compaiono sintomi di prolasso della valvola cardiaca, è necessario consultare un medico generico o un cardiologo che esaminerà, ascolterà il cuore e, se necessario, prescriverà metodi diagnostici aggiuntivi o consultare altri specialisti (ad esempio, un neuropatologo).


I metodi principali per diagnosticare il prolasso della valvola mitrale sono:
1. Ultrasuoni del cuore (ecocardiografia, Echo-KG) ed ecocardiografia Doppler - consentono di determinare il grado di prolasso della valvola mitrale, nonché la presenza e il grado di insufficienza della valvola mitrale, che si manifesta con rigurgito (flusso sanguigno dal ventricolo nell'atrio).

2. L'elettrocardiografia (ECG) rivela alcuni disturbi nel lavoro del cuore, che possono indicare indirettamente un prolasso della valvola mitrale: disturbi del ritmo cardiaco (aritmia), comparsa di un gran numero di contrazioni cardiache straordinarie (extrasistoli), ecc..

3. Holter ECG (Holter) è un metodo di esame che consente al medico di monitorare il lavoro del cuore durante il giorno. Per fare ciò, il medico installerà degli elettrodi sulla pelle della superficie anteriore del torace, le informazioni da cui verranno registrate su un ricevitore portatile. Dovresti condurre una vita normale e sana per il giorno in cui verrà prodotto l'Holter..

Trattamento del prolasso della valvola mitrale

Nella stragrande maggioranza dei casi, il prolasso della valvola mitrale congenita non richiede un trattamento speciale.
Il trattamento del prolasso della valvola mitrale è necessario nei seguenti casi: palpitazioni cardiache (tachicardia) e disturbi del ritmo cardiaco (aritmie), frequenti attacchi di disturbi del sistema nervoso autonomo (dolori al petto, vertigini, svenimenti, ecc.), Grave insufficienza della valvola mitrale e alcuni altri... La necessità di trattare il prolasso della valvola mitrale viene valutata individualmente dal medico curante.

Per il prolasso della valvola mitrale congenito, possono essere prescritti i seguenti farmaci:
1. Adrenoblockers (Atenolol, Propranolol, ecc.) Sono prescritti in caso di battito cardiaco frequente (tachicardia) e per la prevenzione delle aritmie.

2. I preparati contenenti magnesio (ad esempio, Magnerot) migliorano il benessere dei pazienti con prolasso della valvola mitrale e sintomi di distonia vegetativa-vascolare (vertigini, svenimenti, dolore cardiaco, sudorazione eccessiva, bassa temperatura corporea, ecc.)

3. Vitamine: Nicotinamide (Vit. PP), Tiamina (Vit. B1), Riboflavina (Vit. B2), ecc..

Il trattamento chirurgico del prolasso della valvola mitrale è prescritto solo in caso di grave insufficienza della valvola mitrale (con grave rigurgito) e comprende la sostituzione della valvola mitrale (sostituzione).
Il trattamento per il prolasso della valvola mitrale acquisito dipende dalla causa e dal grado di rigurgito sanguigno. Un rigurgito mitralico significativo (il ritorno di un grande volume di sangue dal ventricolo all'atrio) richiede un intervento chirurgico alla valvola cardiaca.

Raccomandazioni speciali per il prolasso congenito della valvola mitrale

Si consiglia a tutte le persone con prolasso della valvola mitrale congenito di:
1. Osserva attentamente l'igiene orale: lavati i denti due volte al giorno, usa il filo interdentale e vai dal dentista 2 volte l'anno. Queste misure ridurranno il rischio di sviluppare una delle gravi complicanze del prolasso della valvola mitrale: l'endocardite infettiva..

2. Evitare o limitare l'uso di alcol, caffè, fumo, poiché queste sostanze aumentano il rischio di disturbi del ritmo cardiaco (sviluppo di aritmie).

Esercizio e sport con prolasso congenito della valvola mitrale

Quasi tutte le persone con prolasso della valvola mitrale congenito possono moderare l'attività fisica che si verifica nella vita di tutti i giorni. Il problema dell'ammissione di un bambino con prolasso della valvola mitrale all'educazione fisica dovrebbe essere risolto con il medico curante, che valuterà la salute del bambino e il rischio di complicanze. Di norma, con il prolasso della valvola mitrale non complicato, l'educazione fisica (così come il nuoto, l'aerobica) è consentita e persino utile.
L'ammissione di persone con prolasso della valvola mitrale congenita agli sport professionistici viene decisa individualmente.

Autore: Pashkov M.K. Coordinatore del progetto sui contenuti.

Prolasso della valvola mitrale

Il prolasso della valvola mitrale (protrusione o chiusura incompleta) è una condizione patologica in cui è presente una disfunzione della valvola situata tra il ventricolo e l'atrio. Il prolasso della valvola mitrale, i cui sintomi possono essere assenti in qualsiasi variante in circa il 20-40% dei casi con rilevazione prevalentemente accidentale di questa patologia, è caratterizzato nella sua maggioranza da prognosi molto favorevole, che però non esclude la possibilità di sviluppare una serie di complicanze molto gravi in ​​alcuni pazienti.

descrizione generale

Come già notato, il prolasso della valvola mitrale diventa spesso una patologia rilevata accidentalmente e nella maggior parte dei casi non rappresenta alcuna minaccia per la vita dei pazienti. Tuttavia, ha caratteristiche caratteristiche e proveremo a descriverle in questo articolo..

Quindi, per prima cosa, soffermiamoci su cos'è una valvola cardiaca. Come probabilmente saprai, l'analogia più appropriata per le funzioni del cuore è la pompa: è la somiglianza con essa che si nota nel lavoro del cuore, ed è questo lavoro del cuore che garantisce la corretta circolazione del sangue in tutto il corpo. Le possibilità per questo sono determinate mantenendo la pressione appropriata nelle camere del cuore. Ci sono quattro di tali camere in esso, questi sono due atri e due ventricoli. Le valvole che ci interessano sono un tipo speciale di serrande, concentrate tra le camere. A causa di queste valvole, la pressione specificata viene regolata e viene fornito anche supporto nel movimento del flusso sanguigno nella direzione richiesta.

Esistono quattro valvole di questo tipo e ognuna di esse ha le sue caratteristiche e il suo principio di funzionamento:

  • Valvola mitrale Questa valvola si trova tra il ventricolo sinistro e l'atrio sinistro e ha due lembi (anteriore e posteriore). Il prolasso della cuspide anteriore della valvola mitrale (cioè la sua protrusione) viene diagnosticato molto più spesso rispetto, di conseguenza, al prolasso della cuspide posteriore. Ciascuna delle cuspidi valvolari ha fili sottili attaccati a loro: si tratta di accordi, il loro attaccamento, a sua volta, è fatto ai muscoli papillari e papillari. L'assicurazione della normale funzionalità della valvola mitrale è considerata con il lavoro congiunto delle valvole, fili e muscoli specificati. La contrazione del cuore porta ad un aumento significativo della pressione in esso, che, a sua volta, garantisce l'apertura delle valvole trattenute dai muscoli e dalle corde papillari.
  • Valvola tricuspide (tricuspide) Questa valvola si trova tra il ventricolo destro e l'atrio destro e ha tre lembi.
  • Valvola polmonare Questa valvola si trova tra il ventricolo destro e l'arteria polmonare, le sue funzioni sono ridotte in particolare per impedire il ritorno del sangue al ventricolo destro.
  • Valvola aortica. Questa valvola si trova tra l'aorta e il ventricolo sinistro, assicurando che il sangue non ritorni al ventricolo sinistro..

Il normale funzionamento delle valvole cardiache è il seguente. Il ventricolo sinistro ha due fori. Uno di questi si riferisce all'atrio sinistro (dove, come abbiamo già notato, si trova la valvola mitrale), l'altro all'aorta (qui, come abbiamo anche notato, è la valvola aortica). Pertanto, il movimento del sangue avviene come segue: prima - dall'atrio attraverso la valvola mitrale di apertura al ventricolo, quindi - dal ventricolo attraverso la valvola aortica di apertura verso l'aorta. La successiva chiusura della valvola mitrale in questo processo garantisce che il sangue non ritorni quando il ventricolo sinistro si contrae di nuovo nell'atrio, a causa del quale il movimento è quindi fornito solo verso l'aorta. Quando la valvola aortica è chiusa, al momento del rilassamento del ventricolo, viene fornito un corrispondente ostacolo per impedire il ritorno del sangue al cuore.

Un principio simile è rilevante per il funzionamento della valvola arteriosa polmonare e della valvola tricuspide. Sulla base della considerazione di questo quadro, si può comprendere che il normale processo di funzionamento delle valvole garantisce il corretto flusso di sangue attraverso le regioni cardiache e determina anche la possibilità della sua normale circolazione in tutto il corpo..

Quanto alla patologia che ci interessa, il prolasso stesso, come già evidenziato inizialmente, è una sporgenza. Si forma al momento della sua chiusura, a seguito della quale le valvole non si chiudono strettamente quanto necessario, il che significa che una certa quantità di sangue ha la capacità di tornare nella direzione opposta, cioè nei ventricoli dai vasi grandi considerati o nell'atrio dal ventricolo.

Di conseguenza, il prolasso della valvola mitrale nel momento in cui il ventricolo sinistro si contrae, porta al fatto che il sangue scorre non solo nell'aorta, ma anche nell'atrio sinistro, dove ritorna, un tale ritorno di sangue ha una sua definizione: rigurgito. A seconda del volume di sangue che ritorna nell'atrio, viene determinato il grado corrispondente di tale ritorno, cioè il grado di rigurgito. Di norma, la patologia che ci interessa, il prolasso della valvola mitrale stessa, è accompagnata da un grado insignificante di questo ritorno, che a sua volta esclude praticamente la possibilità di sviluppare gravi disturbi nel lavoro del cuore ed è determinato dallo stato all'interno dell'intervallo normale. Nel frattempo, non è esclusa l'opzione in cui il flusso sanguigno inverso è abbastanza grande in volume, il che determina la necessità della sua correzione, che può anche prevedere un possibile intervento chirurgico a questo scopo..

Per quanto riguarda l'incidenza di una patologia come il prolasso della valvola mitrale (MVP), ci sono i seguenti dati. Pertanto, con l'età si nota un aumento della frequenza. Per lo più il rilevamento di MVP si verifica all'età dei pazienti da 7 a 15 anni. Il prolasso della valvola mitrale nei bambini di età inferiore a 10 anni è osservato con quasi la stessa frequenza in termini di sesso, mentre nei bambini dopo i 10 anni, MVP viene diagnosticato più spesso nelle ragazze - in questo caso, viene determinato il rapporto di 2: 1.

Il prolasso della valvola mitrale nei neonati è estremamente raro. Valori elevati della frequenza di insorgenza di MVP con l'una o l'altra patologia di tipo cardiaco nei bambini con una reale malattia ereditaria correlata al tessuto connettivo - in questo caso, viene rilevata in circa il 10-23% dei pazienti.

Per quanto riguarda la popolazione adulta, qui la frequenza di MVP è determinata in media al 5-10%. Per lo più le donne sono suscettibili a questa patologia (fino al 75%), l'incidenza massima è di età compresa tra 35 e 40 anni.

Il prolasso della valvola mitrale può manifestarsi come primario o secondario. Il prolasso della valvola mitrale primaria è la principale manifestazione della patologia, lo considereremo nella parte principale del nostro articolo. Per quanto riguarda la seconda forma, e questo è un prolasso secondario della valvola mitrale, in questo caso, la patologia che si manifestava quando un'altra malattia era rilevante per il paziente, che divenne così la base per il suo aspetto. Pertanto, il prolasso secondario si sviluppa sullo sfondo di cardiomiopatia, cardiopatia ischemica, disfunzione dei muscoli papillari, infarto miocardico o calcificazione dell'anello mitrale, nonché con lupus eritematoso sistemico e insufficienza cardiaca congestizia.

La forma primaria di prolasso non solo non è considerata una patologia grossolana rilevante per il cuore, ma spesso non è considerata affatto come una patologia. Tuttavia, i cambiamenti micosmatici provocati dal prolasso della valvola mitrale, accompagnati in alcuni casi da forme molto pronunciate di disturbi cardiaci, non possono lasciare MVP senza un'adeguata attenzione, sia in termini di aspetti terapeutici che in termini di prognosi.

Prolasso della valvola mitrale: cause

Prevalentemente MVP è congenito e non pericoloso (primario), che abbiamo già scoperto, nonché il risultato della rilevanza di altre patologie nel paziente. Fondamentalmente, le cause di MVP sono associate al fatto che il disturbo strutturale, in cui questa patologia è rilevante, è congenito, e anche al fatto che il tessuto connettivo che forma la base delle valvole cardiache è soggetto a indebolimento..

La prima violazione è prevalentemente di natura ereditaria, esistente nel bambino al momento della sua nascita. Per quanto riguarda la debolezza del tessuto connettivo, ha prevalentemente anche una natura simile (innata) di occorrenza. La particolarità dell'MVP in questo caso è che a causa della debolezza del tessuto connettivo, i lembi valvolari si allungano più facilmente, mentre le corde devono essere allungate. Come risultato di un tale quadro dei processi, la chiusura della valvola quando il sangue viene applicato alla pressione appropriata è accompagnata dalla sporgenza delle valvole e dalla loro chiusura allentata.

Nella stragrande maggioranza dei casi di MVP congenito, il suo decorso è abbastanza favorevole, non è accompagnato da sintomi speciali e non richiede un trattamento serio. Di conseguenza, in questa variante, è più opportuno definire il prolasso come una sindrome o una caratteristica caratteristica del corpo, piuttosto che una patologia o malattia.

Quanto al prolasso secondario, si sviluppa raramente e alcune malattie servono da "aiuto" per il suo sviluppo, questo ci permette di definirlo come un prolasso acquisito. Le malattie che sono rilevanti in questo caso violano la struttura delle corde, delle valvole o dei muscoli papillari, soffermiamoci su di loro in una versione leggermente più dettagliata:

  • Cardiopatia ischemica, infarto miocardico. Lo sviluppo di MVP nell'infarto miocardico o nella malattia ischemica si verifica negli anziani, la ragione di ciò sono i disturbi effettivi nell'afflusso di sangue, in particolare i muscoli papillari, oppure si verifica a causa della rottura delle corde, grazie alla quale è assicurata la regolazione della valvola. Il rilevamento del prolasso in questo caso si verifica, di regola, sulla base della comparsa in pazienti di forti dolori nell'area del cuore, che è anche combinato con debolezza e mancanza di respiro..
  • Reumatismi. La comparsa di prolasso sulla base della cardiopatia reumatica (cardiopatia reumatica) è rilevante per i bambini, in particolare, si sviluppa a causa di un processo infiammatorio che colpisce il tessuto connettivo, questo tessuto, a sua volta, è la base della corda e dei lembi valvolari. Per lo più fino al momento in cui viene rilevato un PMK in un bambino, sviluppa scarlattina o tonsillite, quindi (dopo circa due settimane) si manifesta un attacco di reumatismi (in cui le condizioni patologiche compaiono sotto forma di rigidità articolare, dolore in esse, infiammazione, ecc.).
  • Trauma toracico. MVP sullo sfondo di un tale effetto è spiegato dal fatto che è accompagnato da una rottura degli accordi. Questo, a sua volta, determina un decorso sfavorevole per la patologia che stiamo considerando, che è particolarmente rilevante quando si ignora il trattamento come una necessità.

Prolasso della valvola mitrale primaria: sintomi

Questa variante del prolasso nei pazienti si verifica dalla nascita. La sua particolarità sta nel fatto che spesso può essere combinato con un tale disturbo noto a molti lettori come distonia vegetativa-vascolare (o VSD abbreviato). Tutti quei sintomi di collasso della valvola mitrale che un paziente può sperimentare sono spiegati proprio dalle sue manifestazioni, tuttavia, sono principalmente attribuiti al prolasso..

Prima di tutto, i pazienti avvertono dolore nella regione del cuore e nel petto. Il dolore allo sterno con MVP è funzionale, rispettivamente, questo indica che non è un segno di alcun disturbo nel lavoro del cuore, e quindi è causato proprio da una violazione del sistema nervoso centrale. Spesso, il dolore nella regione del cuore si verifica sullo sfondo di un sovraccarico emotivo o di stress, in alcuni casi il dolore può manifestarsi a riposo.

La natura della manifestazione del dolore è dolorante o formicolio, la durata della manifestazione va da pochi secondi / minuti a diversi giorni. Quando si cerca di determinare il fattore che ha scatenato il dolore, è importante tenere conto che il dolore con prolasso della valvola mitrale nell'area in esame non è accompagnato da vertigini, mancanza di respiro e aumento del dolore durante lo sforzo fisico. Inoltre, in questo caso, la pre-sincope non si verifica. Altrimenti, con la rilevanza dei sintomi elencati che non corrispondono all'MVP, è necessario consultare un medico senza indugio - solo lui può determinare in modo affidabile la natura della condizione patologica, determinando se si tratta di un "falso allarme" o indica gravi disturbi nel lavoro del cuore e la presenza di malattie gravi direttamente correlato a questo dolore.

I seguenti sintomi, rilevanti per il VSD e, appunto, per il prolasso della valvola mitrale, sono lo "sbiadimento" del cuore, le "interruzioni" nel suo lavoro e un aumento della frequenza cardiaca. Le sensazioni elencate, simili ai sintomi sopra elencati, non sono manifestazioni di alcuna patologia nel lavoro del cuore, ma indicano solo una maggiore attività del sistema nervoso centrale. Notiamo anche che in questo caso sono consentite varie varianti di disturbi del ritmo cardiaco, così come la conduzione, in particolare può essere extrasistoli ventricolari e atriali, fibrillazione atriale, tachicardia parossistica sopraventricolare e tachicardia ventricolare, blocco atrioventricolare e blocco intra-atriale e intra-atriale..

Tuttavia, come nel caso precedente, anche questi stati hanno le proprie deviazioni. In particolare si riferiscono al fatto che le palpitazioni cardiache con prolasso della valvola mitrale e queste manifestazioni, che differiscono dal lavoro stabile del cuore, non sono manifestazioni di alcuna condizione minacciosa nel caso in cui compaiano improvvisamente e scompaiano allo stesso modo, senza essere combinate con stati di vertigini o perdita di coscienza.

Va notato che lo svenimento è un sintomo estremamente raro per il prolasso della valvola mitrale. La sua ragione principale risiede in questo caso con le condizioni in cui si trova la persona o con le emozioni da lui provate. Gli svenimenti di questa natura passano abbastanza rapidamente, è sufficiente cambiare le condizioni che li provocano (riportare una persona in sé, fornirgli accesso all'aria aperta, ecc.).

Il VSD è anche caratterizzato da altri sintomi, e questo è un aumento della temperatura (fino al numero di subfebrili, cioè entro 37-37,5 gradi), dolore addominale, mal di testa, mancanza di respiro, una sensazione di insoddisfazione per l'ispirazione, aumento della fatica e debolezza generale, anche i pazienti non tollerano l'attività fisica. Analogamente al numero schiacciante di pazienti con una diagnosi reale per loro sotto forma di VSD, con MVP hanno anche la meteopatia, rispettivamente il tempo che spesso determina il loro benessere (più precisamente, i cambiamenti in esso).

Come manifestazioni speciali nel quadro del prolasso della valvola mitrale, vengono considerati i cambiamenti psicopatologici, in cui si nota una combinazione di personalità e forme affettive di disturbi. Molto spesso i disturbi affettivi si manifestano sotto forma di stati depressivi, in cui prevale l'ipocondria (una forma ossessiva di ansia per la propria salute, contro la quale si può sviluppare un grave stress se il paziente non è in grado di funzionare normalmente) e l'astenizzazione (aumento della fatica, perdita o indebolimento della capacità in relazione al bisogno stress mentale e fisico). Per quanto riguarda i disturbi della personalità, possono consistere nella manifestazione di tratti isterici o sensibili, che in alcuni casi portano allo sviluppo di psicopatie (patologie del carattere, manifestate sotto forma di sviluppo inadeguato di tratti volitivi ed emotivi, contro i quali è complicato il processo di adattamento di una persona alle condizioni che lo circondano. ) o all'accentuazione della personalità (una forma di manifestazione eccessivamente espressa di alcuni tratti del carattere di una persona).

Oltre a queste caratteristiche, i pazienti possono anche mostrare alcuni cambiamenti associati alla pelle, alle funzioni degli organi interni e al sistema muscolo-scheletrico..

Spesso, i pazienti con MVP mostrano anche alcune somiglianze in termini di fisico. Quindi, i tratti caratteristici in questo caso sono arti sottili e lunghi, una faccia allungata, una crescita elevata, una forma accentuata di attività articolare, ecc..

Data la particolarità che il tessuto connettivo si trova nei tendini, nei muscoli e nella pelle, l'effettivo difetto in esso contenuto può causare una diminuzione dell'acuità visiva nel paziente, portare allo sviluppo di strabismo, e provocare anche un diverso tipo di cambiamento che sarà anche combinato con la patologia che stiamo considerando.

Prolasso della valvola mitrale secondaria: sintomi

Il prolasso secondario, come abbiamo già discusso in precedenza, viene acquisito, si verifica sullo sfondo del trasferimento di alcune malattie da parte del paziente, nonché a seguito di un trauma toracico.

Quando viene rilevato MVP dopo che i pazienti si sono sottoposti a scarlattina, tonsillite o un attacco acuto di febbre reumatica (con edema concomitante, dolore e arrossamento delle grandi articolazioni), viene considerata la probabilità di una complicanza reumatica, che, di conseguenza, determina la cardiopatia reumatica. Questo è accompagnato da sintomi sotto forma di aumento della stanchezza, vertigini, aumento della frequenza cardiaca, mancanza di respiro (appare dopo un tipo standard di attività fisica). In questo caso, i pazienti vengono trattati in ambiente ospedaliero. Considerando che l'infiammazione delle valvole cardiache si verifica sullo sfondo dell'esposizione allo streptococco, il trattamento si basa sull'assunzione di antibiotici della penicillina e di altri gruppi. Inoltre, viene determinato il regime di trattamento appropriato..

Con lo sviluppo di una forma pronunciata di insufficienza valvolare, in cui il trattamento farmacologico non aiuta, viene eseguita un'operazione per sostituire la valvola (protesi).

In presenza di MVP sullo sfondo della cardiopatia ischemica, che è particolarmente rilevante per gli anziani, una violazione è considerata sotto forma di un basso livello di afflusso di sangue ai muscoli papillari, che si verifica quando la malattia è esposta, che è la principale in questo caso. La sintomatologia in questa situazione consiste nella comparsa di pronunciati attacchi di dolore, concentrati nella regione del cuore (possono essere eliminati prendendo nitroglicerina), compare anche mancanza di respiro (è preceduta da carichi minori) e le forme precedentemente elencate di disturbi nel lavoro del cuore ("dissolvenza", "interruzioni " eccetera.).

Se la comparsa del prolasso è preceduta dal trasferimento da parte del paziente di una lesione alla regione toracica, allora questo, come abbiamo anche identificato in precedenza, potrebbe essere il risultato di una rottura dei muscoli o delle corde papillari. Anche qui, la sintomatologia è rilevante sotto forma di "interruzioni" nel lavoro del cuore di vario tipo, mancanza di respiro e debolezza. Non è esclusa la possibilità di una tosse, in cui il paziente ha un rilascio di espettorato schiumoso di una tonalità rosa, che senza fallo richiede cure mediche immediate al paziente, altrimenti il ​​risultato di tale condizione può essere fatale.

Prolasso della valvola mitrale: complicanze

Inizialmente abbiamo notato che, in generale, il prolasso della valvola mitrale è caratterizzato dal suo decorso favorevole, in cui le complicanze gravi sono estremamente rare. Tuttavia non possono essere escluse, ed in particolare, tra queste, si segnalano le seguenti patologie: insufficienza mitralica (forma acuta o cronica), tromboembolia, endocardite batterica, aritmie (pericolose per la vita), morte improvvisa.

L'insufficienza mitralica si sviluppa sullo sfondo del distacco dei filamenti tendinei dalle cuspidi valvolari, che in questo caso determina la sindrome della cosiddetta valvola "penzolante". Nei bambini, questa patologia si sviluppa estremamente raramente, principalmente a causa di un trauma toracico in combinazione con la degenerazione cordale. La clinica delle manifestazioni è ridotta in questo caso allo sviluppo improvviso dell'edema polmonare. I pazienti sviluppano l'ortopnea (che determina la mancanza di respiro in una tale variante in cui al paziente è richiesto di assumere una posizione seduta a causa del suo rafforzamento in posizione orizzontale), il respiro sibilante stagnante appare nei polmoni, la respirazione diventa gorgogliante. Per quanto riguarda la variante cronica della manifestazione di questa patologia, agisce come un fenomeno dipendente dall'età e si sviluppa dopo che i pazienti hanno superato l'età di 40 anni. L'insufficienza mitralica nel 60% dei casi negli adulti si sviluppa a causa del prolasso, principalmente del lembo posteriore. La natura delle manifestazioni è molto pronunciata, ci sono lamentele sulla comparsa di mancanza di respiro durante lo sforzo, le prestazioni fisiche in generale sono soggette a diminuzione, sono rilevanti anche debolezza e ritardo in termini di sviluppo fisico. L'uso degli ultrasuoni consente di determinare in modo affidabile il grado di questo tipo di insufficienza e, come metodo per eliminarlo, si concentrano principalmente sull'intervento chirurgico sul cuore (sostituzione della valvola mitrale).

Per quanto riguarda le aritmie in termini di complicanze dell'MVP, in questo caso possono avere un carattere di manifestazione molto pronunciato, i sintomi concomitanti sono interruzioni nel lavoro del cuore, debolezza, vertigini e talvolta svenimenti di breve durata.

Una forma estremamente grave di complicanza dell'MVP è l'endocardite infettiva, la frequenza del suo sviluppo nei pazienti aumenta con l'età. La presenza di batteriemia determina la deposizione dell'agente patogeno sui foglietti che hanno subito alterazioni, a seguito delle quali si sviluppa successivamente la versione classica del processo infiammatorio con la formazione di vegetazioni batteriche in esso. Sullo sfondo dell'endocardite infettiva, si sviluppa una forma grave di insufficienza mitralica, inoltre, aumenta il rischio di tromboembolia nell'indirizzo dei vasi cerebrali e il miocardio è spesso coinvolto nel processo, che è anche accompagnato dallo sviluppo della disfunzione ventricolare sinistra nei pazienti. Tra i principali sintomi che accompagnano l'endocardite infettiva, c'è una forma pronunciata di debolezza, febbre, aumento della frequenza cardiaca, ittero della pelle, abbassamento della pressione. Spesso, questa complicazione dell'MVP si sviluppa sullo sfondo della precedente implementazione di alcune procedure dentali (otturazione, protesi, estrazione del dente, ecc.) O un altro tipo di intervento chirurgico. Il trattamento è obbligatorio in un ospedale.

Per quanto riguarda la morte improvvisa, la frequenza della sua comparsa nell'MVP è determinata dall'influenza di molti fattori, tra i principali vi sono concomitanti insufficienza mitralica, aritmia ventricolare, instabilità elettrica, che è rilevante per il miocardio, ecc. In generale, la morte improvvisa determina un basso rischio nel caso in cui i pazienti non abbiano patologie sotto forma di rigurgito mitralico (in questo caso, il rapporto degli indicatori è determinato come parte della considerazione dei risultati per un anno da 2 a 10.000), mentre la sua rilevanza aumenta questo rischio di 50 -100 volte.

Diagnosi

La rilevazione dell'MVP avviene spesso per caso, ea qualsiasi età, che, come già evidenziato in precedenza, è accompagnata da un'ecografia del cuore. Questo metodo è il più efficace nella diagnosi del prolasso della valvola mitrale, perché determina la possibilità di isolare un grado specifico di prolasso in combinazione con il volume di rigurgito associato alla patologia..

  • Il prolasso della valvola mitrale di 1 ° grado determina la rilevanza per il paziente della variante della sua manifestazione in una tale variante in cui il rigonfiamento dei lembi è insignificante (entro 5 millimetri).
  • Il prolasso della valvola mitrale di 2 ° grado determina la rilevanza del rigonfiamento dei lembi entro non più di 9 millimetri.
  • Il prolasso della valvola mitrale di grado 3 indica un rigonfiamento del lembo di 10 millimetri o più.

Va notato che in questa variante della divisione della patologia in gradi, il grado di rigurgito non viene preso in considerazione, per cui ora questi gradi non sono la base per la successiva determinazione della prognosi per il paziente e, di conseguenza, per la nomina del trattamento. Pertanto, il grado di insufficienza della valvola mitrale viene determinato sulla base del rigurgito, che viene visualizzato nella massima misura durante l'ecografia.

Come misure diagnostiche aggiuntive per determinare le caratteristiche del cuore, è possibile prescrivere una procedura ECG e un ECG Holter. Grazie all'ECG è possibile studiare i cambiamenti rilevanti per il lavoro del cuore in base all'impatto esercitato dal prolasso della valvola mitrale, mentre l'ECG Holter permette di registrare i dati relativi al lavoro del cuore entro un periodo di 24 ore. Per lo più, la forma congenita di prolasso non interrompe il lavoro del cuore, rispettivamente, non sono necessarie ulteriori misure diagnostiche a causa della pratica assenza di identificare alcune deviazioni in esse.

Trattamento

Spesso, il trattamento del prolasso della valvola mitrale non è necessario per i pazienti. La sua importanza è considerata in situazioni in cui il ritmo cardiaco è significativamente disturbato, così come il dolore al cuore. La rilevanza di forme gravi di disturbi nevrotici in combinazione con MVP può richiedere l'uso di tranquillanti; i metodi di rilassamento muscolare e auto-allenamento sono considerati separatamente.

L'enfasi è posta sulla necessità di cambiare il modo di vivere (adeguando il tempo del regime di lavoro / riposo, escludendo il superlavoro e il sovraccarico (emotivo, fisico), nonché l'intossicazione nel quadro della produzione e delle condizioni di vita). Si raccomandano resort balneologici e climatici, massaggi, agopuntura e procedure idriche. I disturbi astenici determinano la necessità di multivitaminici. La sindrome da iperventilazione può essere eliminata attraverso speciali esercizi di respirazione. È anche necessario visitare regolarmente un medico in considerazione della possibile progressione con l'età dell'MVP e lo sviluppo di forme gravi di complicanze sullo sfondo..

Nell'ambito della determinazione delle misure della terapia farmacologica, sono guidati dal trattamento del VSD, dalla psicoterapia, dalla prevenzione dello sviluppo della neurodistrofia miocardica nel paziente e dalla prevenzione di una scala antibatterica per prevenire lo sviluppo di complicanze sotto forma di endocardite infettiva. Un aumento dei cambiamenti nel lavoro del cuore, nonché un pronunciato cedimento delle valvole, determina la necessità di un intervento chirurgico.

Se compaiono sintomi che possono indicare un prolasso della valvola mitrale, è necessario consultare un cardiologo, potrebbe anche essere necessario un consiglio e un trattamento da un reumatologo.

Prolasso della valvola mitrale

La valvola mitrale è una delle quattro valvole del cuore. Si apre e si chiude per controllare il flusso sanguigno tra l'atrio sinistro e il ventricolo sinistro. La valvola è composta da due alette: anteriore e posteriore.

Con il prolasso della valvola mitrale, uno o entrambi i lembi valvolari sono troppo grandi o le corde (i legamenti attaccati alla parte inferiore dei lembi e collegati alla parete ventricolare) sono troppo lunghi. A causa di tale violazione, la valvola viene piegata all'indietro o "risucchiata" nell'atrio sinistro, assumendo la forma di un paracadute.

Inoltre, durante ogni battito cardiaco, la valvola non è sufficientemente chiusa, il che porta al ritorno di una porzione di sangue dal ventricolo all'atrio.

Cos'è?

Prolasso della valvola sinistra, o prolasso della valvola mitrale, o prolasso della valvola bicuspide (MVP) - una malattia accompagnata da disfunzione della valvola situata tra l'atrio sinistro e il ventricolo.

Normalmente, quando l'atrio si contrae, la valvola è aperta e il sangue scorre nel ventricolo. Quindi la valvola si chiude e il ventricolo si contrae, il sangue viene rilasciato nell'aorta. Con qualche patologia del tessuto connettivo o alterazioni nel muscolo cardiaco, si verifica una violazione della struttura della valvola mitrale, che porta al “cedimento” delle sue valvole nella cavità atriale sinistra durante la contrazione del ventricolo sinistro, parte del sangue rifluisce nell'atrio. L'entità del flusso inverso viene utilizzata per giudicare la gravità di questa patologia..

Si ritiene che questa deviazione sia più spesso osservata nei giovani, tuttavia, i dati dello studio di Framingheim hanno mostrato che non vi è alcuna differenza significativa nell'incidenza di questa malattia a seconda del sesso e in diversi gruppi di età. In caso di lieve ritorno di sangue (rigurgito) clinicamente non si avverte in alcun modo e non necessita di trattamento. In rari casi, la quantità di flusso sanguigno inverso è grande ed è necessaria la correzione dei difetti, fino all'intervento chirurgico.

Anatomia

Il cuore può essere immaginato come una sorta di pompa che fa circolare il sangue attraverso i vasi di tutto il corpo. Questo movimento di fluido diventa possibile mantenendo la pressione nella cavità cardiaca e il lavoro dell'apparato muscolare dell'organo al giusto livello. Il cuore umano è costituito da quattro cavità chiamate camere (due ventricoli e due atri). Le camere sono delimitate l'una dall'altra da apposite "porte" o valvole, ciascuna delle quali è costituita da due o tre porte. A causa di questa struttura anatomica del motore principale del corpo umano, ogni cellula del corpo umano riceve ossigeno e sostanze nutritive..

Ci sono quattro valvole nel cuore:

  1. Mitrale. Divide la cavità dell'atrio sinistro e del ventricolo ed è costituito da due cuspidi: anteriore e posteriore. Il prolasso del lembo valvolare anteriore è molto più comune di quello posteriore. Fili speciali chiamati accordi sono attaccati a ciascuno dei lembi. Portano la valvola a contatto con le fibre muscolari chiamate muscoli papillari o papillari. Per il lavoro a tutti gli effetti di questa educazione anatomica, è necessario un lavoro coordinato congiunto di tutti i componenti. Durante il battito cardiaco - sistole - la cavità del ventricolo muscolare del cuore diminuisce e di conseguenza la pressione in essa aumenta. Allo stesso tempo, i muscoli papillari sono inclusi nel lavoro, che chiudono l'uscita del sangue nell'atrio sinistro, da dove è uscito dalla circolazione polmonare, arricchito di ossigeno e, di conseguenza, il sangue entra nell'aorta e quindi, attraverso i vasi arteriosi, viene consegnato a tutti gli organi e tessuti.
  2. Valvola tricuspide (tricuspide). Ha tre foglie. Situato tra l'atrio destro e il ventricolo.
  3. Valvola aortica. Come descritto sopra, si trova tra il ventricolo sinistro e l'aorta e non consente al sangue di tornare al ventricolo sinistro. Durante la sistole, si apre, rilasciando il sangue arterioso nell'aorta sotto grande pressione e durante la diastole, è chiuso, il che impedisce il flusso di sangue al cuore.
  4. Valvola polmonare. Si trova tra il ventricolo destro e l'arteria polmonare. Come la valvola aortica, impedisce al sangue di tornare al cuore (ventricolo destro) durante la diastole.

Il normale lavoro del cuore può essere rappresentato come segue. Nei polmoni il sangue si arricchisce di ossigeno ed entra nel cuore, o meglio nell'atrio sinistro (ha pareti muscolari sottili, ed è solo un "serbatoio"). Dall'atrio sinistro fluisce nel ventricolo sinistro (rappresentato da un "muscolo potente" in grado di spingere fuori tutto il volume sanguigno in ingresso), da dove, durante la sistole, si diffonde attraverso l'aorta a tutti gli organi della circolazione sistemica (fegato, cervello, estremità ed altri). Trasferendo ossigeno alle cellule, il sangue prende anidride carbonica e ritorna al cuore, questa volta nell'atrio destro. Dalla sua cavità, il liquido entra nel ventricolo destro e durante la sistole viene espulso nell'arteria polmonare e quindi nei polmoni (circolazione polmonare). Il ciclo si ripete.

Cos'è il prolasso e come è pericoloso? Questo è uno stato dell'apparato valvolare difettoso, in cui, durante la contrazione muscolare, le vie di deflusso del sangue non sono completamente chiuse e, quindi, parte del sangue durante la sistole ritorna al cuore. Quindi con un prolasso della valvola mitrale, durante la sistole, il fluido entra parzialmente nell'aorta e parzialmente dal ventricolo viene respinto nell'atrio. Questo ritorno di sangue è chiamato rigurgito. Di solito, con la patologia della valvola mitrale, i cambiamenti non sono molto pronunciati, quindi questa condizione è spesso considerata una variante della norma.

Classificazione

Il prolasso della valvola mitrale può essere:

  1. Primario. È associata alla debolezza del tessuto connettivo, che si verifica nelle malattie congenite del tessuto connettivo e spesso viene trasmessa geneticamente. Con questa forma di patologia, i lembi della valvola mitrale vengono allungati e i lembi che trattengono la corda vengono allungati. Come risultato di queste violazioni, quando la valvola è chiusa, le alette sporgono e non possono chiudersi ermeticamente. Il prolasso congenito nella maggior parte dei casi non influisce sul lavoro del cuore, ma è spesso combinato con la distonia vascolare vegetativa - la causa dell'insorgenza dei sintomi che i pazienti associano alla patologia cardiaca (dolore funzionale ricorrente dietro lo sterno, disturbi del ritmo cardiaco).
  2. Secondario (acquisito). Si sviluppa in varie malattie cardiache che causano una violazione della struttura dei lembi o delle corde della valvola. In molti casi, il prolasso è provocato da cardiopatia reumatica (una malattia infiammatoria del tessuto connettivo di natura infettiva-allergica), displasia del tessuto connettivo indifferenziato, malattie di Ehlers-Danlos e Marfan (malattie genetiche), ecc. Nella forma secondaria di prolasso della valvola mitrale si osserva dolore che passa dopo l'assunzione di nitroglicerina, interruzioni nel lavoro del cuore, mancanza di respiro dopo l'esercizio e altri sintomi. Se le corde cardiache si rompono a causa di una lesione al torace, è necessaria l'assistenza medica di emergenza (la rottura è accompagnata da una tosse, durante la quale viene separato l'espettorato rosa schiumoso).

Il prolasso primario, a seconda della presenza / assenza di soffi durante l'auscultazione, è suddiviso in:

  • La forma "muta", in cui i sintomi sono assenti o scarsi, non si sentono rumori e "clic" tipici del prolasso. Rilevato solo dall'ecocardiografia.
  • Forma auscultatoria, che durante l'ascolto si manifesta con caratteristici "clic" e rumori auscultatori e fonocardiografici.

A seconda della gravità del cedimento dei lembi, si distingue il prolasso della valvola mitrale:

  • I grado: le ante si piegano di 3-6 mm;
  • II grado: c'è una deflessione fino a 9 mm;
  • III grado: le ante si piegano di oltre 9 mm.

La presenza di rigurgito e il grado della sua gravità sono presi in considerazione separatamente:

  • I grado - il rigurgito non è significativamente espresso;
  • II grado - si osserva un rigurgito moderatamente grave;
  • III grado - è presente rigurgito grave;
  • IV grado - rigurgito grave.

Motivi di sviluppo

Il prolasso della valvola mitrale è una malattia non indipendente. È una sindrome che si verifica in numerose malattie. A seconda dell'eziologia, l'MVP secondario è isolato - deriva da altre patologie e il primario - è congenito o idiopatico.

Abbastanza spesso, l'MVP idiopatico viene rilevato nei bambini e negli adolescenti. Sembra dovuto a displasia congenita del tessuto connettivo. Come risultato di questa malattia, possono svilupparsi altri disturbi nella struttura dell'apparato valvolare, ad esempio:

  • allungamento o accorciamento delle corde cardiache;
  • errato fissaggio delle corde alle alette delle valvole;
  • la presenza di accordi aggiuntivi;

Come risultato di cambiamenti strutturali nel tessuto connettivo, i processi degenerativi si verificano nei lembi delle valvole e diventano più malleabili. Per questo motivo, la valvola non può sopportare la pressione creata dal ventricolo sinistro e si flette verso l'atrio sinistro. La displasia del tessuto connettivo può verificarsi per vari motivi che colpiscono il bambino nell'utero, tra i quali si distinguono:

  • Infezioni virali respiratorie acute durante la gravidanza.
  • La presenza di rischi professionali in una donna.
  • Gestosi.
  • Influenza di fattori ambientali sulla madre durante la gravidanza.
  • Eccessivo stress sul corpo di una donna incinta.

In circa il 20% dei casi, l'MVP congenito viene trasmesso attraverso la linea materna. Inoltre, il prolasso della valvola mitrale si verifica in altre malattie ereditarie, come:

  • La sindrome di Morphan.
  • Aracnodattilia.
  • Pseudoxantoma elastico.
  • Osteogenesi imperfetta.
  • Sindrome di Ehlers-Danlos.

MVP secondario (o acquisito) può derivare da alcune malattie. Molto spesso, questa condizione patologica è causata da:

  • Malattia coronarica.
  • Reumatismi.
  • Ipertiroidismo.
  • Lesione al petto.
  • Cardiomiopatia ipertrofica.
  • Lupus eritematoso sistemico.
  • Distrofia miocardica.
  • Miocardite.

Il prolasso in questo caso si verifica a causa di danni ai lembi valvolari, ai muscoli papillari, alle corde o a una violazione del lavoro e della struttura del miocardio. Inoltre, un ruolo importante nel meccanismo di sviluppo MVP è svolto dai disturbi nel funzionamento del sistema nervoso autonomo, una carenza di micro e macroelementi (in particolare magnesio) e patologia metabolica.

Un'altra causa di prolasso secondario è la stenosi della valvola aortica. Come risultato di questo difetto acquisito, l'apertura della valvola aortica si restringe e il sangue non può attraversarla completamente. Questo crea una pressione in eccesso nel ventricolo sinistro, che a sua volta esercita una pressione sulla valvola bicuspide. Se c'è un fatto di esistenza prolungata di pressione eccessiva, i lembi della valvola mitrale iniziano a piegarsi verso l'atrio sinistro e si verifica il prolasso.

Sintomi di prolasso della valvola mitrale

La gravità dei sintomi del prolasso della valvola mitrale varia da minima a significativa ed è determinata dal grado di displasia del tessuto connettivo, dalla presenza di rigurgito, dalle anomalie del sistema nervoso autonomo. Alcuni pazienti non hanno lamentele e il prolasso della valvola mitrale è un riscontro accidentale all'ecocardiografia.

Nei bambini con prolasso della valvola mitrale primaria, ernie ombelicali e inguinali, displasia dell'anca, ipermobilità articolare, scoliosi, piedi piatti, deformità toracica, miopia, strabismo, nefroptosi, varicocele vengono spesso rilevati, indicando una violazione dello sviluppo delle strutture del tessuto connettivo. Molti bambini sono inclini a frequenti raffreddori, tonsilliti, esacerbazioni di tonsillite cronica.

Abbastanza spesso, il prolasso della valvola mitrale è accompagnato da sintomi di distonia neurocircolatoria: cardialgia, tachicardia e interruzioni del lavoro del cuore, vertigini e svenimenti, crisi vegetative, sudorazione eccessiva, nausea, sensazione di "nodo alla gola" e mancanza di aria, mal di testa simile all'emicrania. Con significativi disturbi emodinamici, si verifica mancanza di respiro, aumento della fatica. Il decorso del prolasso della valvola mitrale è caratterizzato da disturbi affettivi: condizioni depressive, senestopatie, complesso di sintomi astenici (astenia).

Le manifestazioni cliniche del prolasso secondario della valvola mitrale sono combinate con i sintomi della malattia sottostante (cardiopatia reumatica, cardiopatia congenita, sindrome di Marfan, ecc.). Le possibili complicanze del prolasso della valvola mitrale includono aritmie pericolose per la vita, endocardite infettiva, sindrome tromboembolica (incluso ictus, EP), morte improvvisa.

Prolasso durante l'infanzia

Nell'infanzia, il prolasso MK è molto più comune che negli adulti. Ciò è dimostrato da dati statistici basati sui risultati della ricerca in corso. Si noti che nell'adolescenza, MVP ha il doppio delle probabilità di essere diagnosticato nelle ragazze. I reclami dei bambini sono dello stesso tipo. Si tratta principalmente di mancanza di respiro acuta, pesantezza al cuore e dolore al petto.

Il prolasso della cuspide anteriore più comunemente diagnosticato è di grado 1. È stato rilevato nell'86% dei bambini esaminati. La malattia di 2 ° grado si verifica solo nell'11,5%. MVP III e IV con rigurgito di grado sono molto rari, in non più di 1 bambino su 100.

I sintomi di MVP compaiono nei bambini in modi diversi. Alcuni praticamente non sentono il lavoro anormale del cuore. In altri, si manifesta piuttosto fortemente..

  • Quindi, il dolore al petto è sperimentato da quasi il 30% dei bambini adolescenti che hanno PSMK (prolasso della valvola mitrale). È causato da vari motivi, tra i quali i più comuni sono i seguenti:
    1. accordi troppo stretti;
    2. stress emotivo o tensione fisica che porta alla tachicardia;
    3. fame di ossigeno.
  • Come molti bambini hanno le palpitazioni.
  • Spesso gli adolescenti che trascorrono molto tempo al computer, preferendo l'attività mentale all'attività fisica, sono inclini alla fatica. Hanno spesso mancanza di respiro durante l'esercizio o il lavoro fisico..
  • I bambini con diagnosi di MVP in molti casi mostrano sintomi neuropsicologici. Sono inclini a frequenti sbalzi d'umore, aggressività e esaurimenti nervosi. Con lo stress emotivo, possono avere svenimenti a breve termine.

Durante l'esame del paziente, il cardiologo utilizza vari test diagnostici, attraverso i quali viene rivelato il quadro più accurato di MVP. La diagnosi viene stabilita quando vengono rilevati soffi durante l'auscultazione: olosistolico, tardo sistolico isolato o in combinazione con clic, clic isolati (clic).

Il prolasso della valvola cardiaca durante l'infanzia si sviluppa spesso sullo sfondo di una mancanza di ioni magnesio. La carenza di magnesio interferisce con la produzione di collagene da parte dei fibroblasti. Insieme a una diminuzione del contenuto di magnesio nel sangue e nei tessuti, c'è un aumento della beta-endorfina e dello squilibrio elettrolitico. È stato notato che i bambini con diagnosi di MVP sono sottopeso (inappropriati per l'altezza). Molti di loro hanno miopatia, piedi piatti, scoliosi, scarso sviluppo muscolare, scarso appetito.

Si raccomanda di trattare MVP con un alto grado di rigurgito nei bambini e negli adolescenti tenendo conto della loro fascia di età, sesso ed ereditarietà. In base a quanto sono pronunciate le manifestazioni cliniche della malattia, viene scelto un metodo di trattamento e vengono prescritti farmaci.

Ma l'obiettivo principale è cambiare le condizioni di vita del bambino. È necessario correggere il loro carico di lavoro mentale. Deve necessariamente alternarsi al fisico. I bambini dovrebbero visitare una stanza di terapia fisica, dove uno specialista qualificato selezionerà il set ottimale di esercizi, tenendo conto delle caratteristiche individuali del decorso della malattia. Si consiglia di nuotare.

Con cambiamenti metabolici nel muscolo cardiaco

Perché il prolasso della valvola mitrale è pericoloso?

Sono possibili complicazioni e perché il prolasso della valvola mitrale è pericoloso? Nonostante il fatto che nella maggior parte dei casi vi sia un prolasso della valvola mitrale con rigurgito minore, che non richiede una terapia speciale, c'è ancora il rischio di complicanze. Le complicanze sono piuttosto rare (solo 2-4%) e queste includono le seguenti condizioni potenzialmente letali che richiedono un trattamento in un ospedale specializzato:

  1. Il rigurgito mitralico acuto è una condizione che di solito si verifica a seguito del distacco delle corde tendinee con lesioni al torace. È caratterizzato dalla formazione di una valvola "penzoloni", cioè la valvola non è trattenuta dalle corde, e le sue alette sono in movimento libero, non assolvendo alle loro funzioni. Clinicamente, appare un quadro di edema polmonare: grave mancanza di respiro a riposo, specialmente quando si è sdraiati; posizione seduta forzata (ortopnea), respirazione gorgogliante; respiro sibilante congestizio nei polmoni.
  2. L'endocardite batterica è una malattia in cui i microrganismi che si sono introdotti nel sangue dal punto focale dell'infezione nel corpo umano si depositano sulla parete interna del cuore. Molto spesso, l'endocardite con danni alle valvole cardiache si sviluppa dopo l'angina nei bambini e la presenza di valvole inizialmente alterate può servire come fattore aggiuntivo nello sviluppo di questa malattia. Due o tre settimane dopo l'infezione, il paziente sviluppa febbre ripetuta, brividi, possono verificarsi eruzioni cutanee, milza ingrossata, cianosi (colore della pelle blu). Questa è una malattia grave che porta allo sviluppo di difetti cardiaci, grave deformazione delle valvole cardiache con disfunzione del sistema cardiovascolare. La prevenzione dell'endocardite batterica è lo sbrigliamento tempestivo di focolai di infezione acuti e cronici (denti cariati, malattie degli organi ENT - adenoidi, infiammazione cronica delle tonsille), nonché antibiotici profilattici per procedure come l'estrazione dei denti, la rimozione delle tonsille.
  3. La morte cardiaca improvvisa è una complicanza formidabile, caratterizzata, apparentemente, dal verificarsi di fibrillazione ventricolare idiopatica (improvvisa, irragionevole), che è un disturbo del ritmo fatale.

Nonostante il fatto che il prolasso della valvola mitrale raramente abbia un decorso maligno e causi gravi complicazioni, questa malattia necessita ancora di supervisione e monitoraggio medico costanti. Non trascurare le raccomandazioni del medico e superare gli esami di controllo con un cardiologo in tempo. Tali misure ti aiuteranno a prevenire la progressione di questa malattia e manterrai la tua salute e la tua capacità di lavorare..

Diagnostica

La rilevazione dell'MVP avviene spesso per caso, ea qualsiasi età, che, come già evidenziato in precedenza, è accompagnata da un'ecografia del cuore. Questo metodo è il più efficace nella diagnosi del prolasso della valvola mitrale, perché determina la possibilità di isolare un grado specifico di prolasso in combinazione con il volume di rigurgito associato alla patologia..

  • Il prolasso della valvola mitrale di 1 ° grado determina la rilevanza per il paziente della variante della sua manifestazione in una tale variante in cui il rigonfiamento dei lembi è insignificante (entro 5 millimetri).
  • Il prolasso della valvola mitrale di 2 ° grado determina la rilevanza del rigonfiamento dei lembi entro non più di 9 millimetri.
  • Il prolasso della valvola mitrale di grado 3 indica un rigonfiamento del lembo di 10 millimetri o più.

Va notato che in questa variante della divisione della patologia in gradi, il grado di rigurgito non viene preso in considerazione, per cui ora questi gradi non sono la base per la successiva determinazione della prognosi per il paziente e, di conseguenza, per la nomina del trattamento. Pertanto, il grado di insufficienza della valvola mitrale viene determinato sulla base del rigurgito, che viene visualizzato nella massima misura durante l'ecografia.

Come misure diagnostiche aggiuntive per determinare le caratteristiche del cuore, è possibile prescrivere una procedura ECG e un ECG Holter. Grazie all'ECG è possibile studiare i cambiamenti rilevanti per il lavoro del cuore in base all'impatto esercitato dal prolasso della valvola mitrale, mentre l'ECG Holter permette di registrare i dati relativi al lavoro del cuore entro un periodo di 24 ore. Per lo più, la forma congenita di prolasso non interrompe il lavoro del cuore, rispettivamente, non sono necessarie ulteriori misure diagnostiche a causa della pratica assenza di identificare alcune deviazioni in esse.

Come trattare il prolasso della valvola mitrale?

Il trattamento dell'MVP acquisito nella maggior parte dei casi viene effettuato in un ospedale cardiologico. Si consiglia al paziente di aderire al riposo a letto o semi-letto, al rifiuto di cattive abitudini e dieta.

Con reumatico, ad es. infettivo, motivo dello sviluppo di questa cardiopatia, al paziente viene prescritto un ciclo di terapia antibiotica per eliminare la cardiopatia reumatica. Per questo vengono utilizzati antibiotici del gruppo delle penicilline (bilillina, vancomicina, ecc.). Se un paziente ha un rigurgito sanguigno e aritmie significativi, possono essere prescritti altri farmaci, la cui azione sarà volta ad eliminare i sintomi (diuretici, antiaritmici, ipotensivi, ecc.). Il complesso della terapia e il dosaggio dei farmaci in questi casi possono essere selezionati solo individualmente. La questione della possibile necessità di un trattamento chirurgico viene risolta allo stesso modo..

Per il trattamento dell'MVP, causato da patologie cardiache, vengono utilizzati farmaci usati per trattare la malattia sottostante. Tale terapia è finalizzata alla normalizzazione della circolazione sanguigna ed all'eliminazione dell'ipertensione arteriosa e delle aritmie, e se il trattamento farmacologico è inefficace, al paziente può essere consigliato un intervento chirurgico finalizzato all'eliminazione del difetto della valvola mitrale..

Particolare attenzione viene prestata ai casi di MVP causati da trauma toracico. Dopo aver corretto la condizione con l'aiuto di farmaci, il paziente viene sottoposto a un'operazione chirurgica per stabilizzare la valvola mitrale. Tali pazienti richiedono il ricovero in ospedale e una stretta supervisione. Se compare una tosse con espettorato rosa, è necessario prestare immediatamente assistenza medica, perché qualsiasi ritardo può essere fatale.

Previsione per la vita

La prognosi per la vita è favorevole. Le complicazioni sono rare e la qualità della vita del paziente non ne risente. Tuttavia, il paziente è controindicato in alcuni sport (salto, karate), nonché in professioni che sovraccaricano il sistema cardiovascolare (subacquei, piloti).

Per quanto riguarda il servizio militare, possiamo dire che, secondo gli ordini, l'idoneità al servizio militare viene decisa individualmente per ciascun paziente presso la commissione medica militare. Quindi, se un giovane ha un prolasso della valvola mitrale senza rigurgito o con rigurgito di 1 grado, il paziente è idoneo al servizio. Se c'è rigurgito di 2 ° grado, il paziente è in forma condizionatamente (in tempo di pace non verrà chiamato). In presenza di rigurgito di grado 3, disturbi del ritmo o insufficienza cardiaca di classe funzionale 11 e superiore, il servizio militare è controindicato.

Pertanto, molto spesso un paziente con prolasso della valvola mitrale con un decorso favorevole e in assenza di complicazioni può servire nell'esercito.


Articolo Successivo
Emorragia intracerebrale nell'emisfero sottocorticale