Cos'è l'ablazione con radiofrequenza del cuore. Indicazioni per la sua attuazione, preparazione e corso dell'operazione


L'ablazione con radiofrequenza del cuore (o RFA) è uno dei metodi più moderni ed efficaci di trattamento antiaritmico

Le aritmie uniscono un ampio gruppo di vari disturbi del ritmo cardiaco.

I più comuni sono:

  • flutter atriale
  • fibrillazione atriale o fibrillazione atriale
  • battiti prematuri ventricolari
  • Tachicardia reciproca nodale AV
  • tachicardia ventricolare.

Per la prima volta un'operazione così poco invasiva è stata eseguita con successo negli anni '80 del XX secolo..

L'ablazione cardiaca con radiofrequenza è un'alternativa altamente efficace al trattamento farmacologico antiaritmico convenzionale o alla chirurgia traumatica a cuore aperto.

Viene eseguito da aritmologi o cardiochirurghi. In sala operatoria sotto il controllo della radiazione a raggi X, senza l'uso di bisturi e incisioni cutanee.

Principali indicazioni per il funzionamento RFA

Fibrillazione atriale, nota anche come fibrillazione atriale e flutter atriale. Queste aritmie cardiache sono classificate al primo posto in termini di occorrenza tra tutti i tipi di aritmie. Il pericolo sta nell'aumento di 5 volte del rischio di ictus. Tali ictus sono accompagnati da una maggiore mortalità e grave disabilità dei pazienti..

La RFA per la fibrillazione atriale viene eseguita in caso di inefficacia della terapia farmacologica e frequenti interruzioni del ritmo cardiaco.

A volte, possono essere necessarie diverse procedure per ottenere un effetto clinico duraturo..

Molto spesso, l'ablazione con radiofrequenza del cuore viene eseguita per i seguenti disturbi del ritmo cardiaco:

  1. Tachicardia reciproca nodale AV. La resistenza al trattamento antiaritmico o l'intolleranza ai farmaci sono indicazioni assolute per l'ablazione..
  2. La tachicardia sopraventricolare o sopraventricolare è: sinusale, tachicardia senoatriale per meccanismo di rientro, tachicardia atriale. La frequenza cardiaca per questi tipi di aritmie è solitamente di 150 o più battiti al minuto..
  3. La tachicardia ventricolare è il tipo più pericoloso di aritmia, perché può trasformarsi in fibrillazione ventricolare, che porta all'arresto cardiaco. L'ablazione transcatetere è indicata in caso di idiopatica, in assenza di qualsiasi cardiopatia organica, tachicardia ventricolare dal tratto di efflusso ventricolare sinistro, tachicardia fascicolare e in alcune altre situazioni.
  4. Sindrome di Wolff-Parkinson-White o sindrome WPW. Con questa malattia nel cuore, ci sono ulteriori vie di conduzione lungo le quali si propaga un impulso errato, che porta alla comparsa di tachicardia reciproca AV-nodale.

Controindicazioni a RFA

L'ablazione con radiofrequenza del cuore può essere posticipata o annullata se il paziente presenta le seguenti controindicazioni:

  • allergia ai farmaci contenenti iodio, poiché nei vasi viene iniettato un mezzo di contrasto a base di iodio;
  • infarto miocardico acuto o ictus, sia emorragico che ischemico;
  • la presenza di coaguli di sangue intracardiaci;
  • disturbi emorragici - ipocoagulazione o ipercoagulazione, anemia grave;
  • malattie infiammatorie acute;
  • malattie croniche nella fase di scompenso - grave insufficienza cardiaca, renale, respiratoria;
  • endocardite infettiva.

Preparazione preoperatoria

Prima di eseguire la procedura di ablazione a radiofrequenza, il paziente deve sottoporsi a un elenco standard di esami:

  • esami clinici generali del sangue e delle urine;
  • analisi del sangue biochimica, coagulogramma;
  • determinazione del gruppo sanguigno e del fattore Rh;
  • marcatori di epatite virale, HIV;
  • Reazione di Wasserman, ad es. analisi per la sifilide);
  • elettrocardiogramma;
  • monitoraggio ECG giornaliero - Holter-ECG;
  • ecocardiografia - ecografia del cuore.

L'aritmologo può ordinare ulteriori test diagnostici.

Stress test su tapis roulant o cicloergometro, EGD, angiografia coronarica, ecocardiografia transesofagea.

Ablazione con radiofrequenza del cuore

Potrebbe essere necessario sospendere gli antiaritmici e gli anticoagulanti, come Warfarin o Aspecard, alcuni giorni prima.

Il giorno prima che il paziente venga esaminato da un anestesista, la colazione è esclusa il giorno della procedura.

Il paziente deve radere le zone inguinali su entrambi i lati.

L'ablazione con radiofrequenza del cuore viene eseguita in una sala operatoria a raggi X..

  • Il paziente viene posto sul tavolo operatorio e collegato alla stazione di monitoraggio per ECG, pressione sanguigna e saturazione di ossigeno.
  • Un catetere periferico viene inserito in una vena per somministrare farmaci.
  • Il medico esegue tutte le manipolazioni sotto il controllo della radiazione a raggi X. L'immagine viene visualizzata sul monitor in sala operatoria.
  • Il cardiochirurgo si trova a destra del paziente ed elabora il campo operatorio con una soluzione antisettica.
  • Quindi esegue l'anestesia locale con una soluzione di novocaina o lidocaina nelle aree inguinali ed esegue una puntura - puntura della vena femorale.
  • Ulteriori manipolazioni vengono eseguite utilizzando strumenti di piccolo diametro, non più di 5 mm. I cateteri vengono inviati al cuore attraverso la vena cava inferiore.
  • Con l'aiuto di un mezzo di contrasto a base di iodio, ad esempio Omnipaque, Ultravist, Optirea, Tomohexol, il medico trova la zona cardiaca necessaria.

Può essere atrio sinistro o destro..

Diagnosi di focolai di aritmia

Il focus dell'aritmia viene diagnosticato conducendo un catetere elettrofisiologico e costruendo una scheda degli impulsi cardiaci.

Se il paziente non presenta sintomi di aritmia, l'operatore ne provoca l'insorgenza somministrando farmaci speciali.

O isoproterenolo, o azione elettrica sulla parete interna del cuore.

Con la fibrillazione atriale, il fuoco si trova intorno agli orifizi delle vene polmonari. Con flutter atriale o sindrome WPW - in diverse parti di uno qualsiasi degli atri.

L'ablazione con radiofrequenza del cuore viene eseguita da un effetto locale dell'alta temperatura sul focus del disturbo del ritmo. Cosa porta alla distruzione e alla morte del tessuto cardiaco.

È così che viene interrotta la propagazione degli impulsi patologici attraverso il miocardio. L'ablazione può anche utilizzare il laser, l'energia ultrasonica o la cauterizzazione a basse temperature - criodistruzione.

Procedure finali di RFA

Dopo il completamento della RFA, l'operatore attende 15-20 minuti e tenta di nuovo di provocare un attacco di aritmia. Se l'aritmia non compare, l'operazione viene riconosciuta come completata e termina.

Il tempo di ablazione è strettamente individuale. Di regola, dipende dal tipo di aritmia e dalle caratteristiche individuali del paziente.

Nella sindrome WPW, tachicardia reciproca nodale AV, la durata media della procedura è di circa 1 ora. Mentre la fibrillazione atriale può richiedere fino a 3-4 ore, e talvolta di più.

I cateteri vengono rimossi dai vasi femorali, occasionalmente il sito di accesso viene suturato con 1–2 punti di sutura per fermare il possibile sanguinamento.

Una benda sterile viene applicata alle aree inguinali e fasciata strettamente. Successivamente, il paziente viene trasferito in reparto.

Possibili complicazioni dopo l'intervento RFA

L'incidenza degli effetti avversi nell'ablazione con radiofrequenza è bassa e non supera il 2-3%.

Sono divisi in 4 gruppi di complicazioni:

  1. Complicazioni associate alla puntura e al cateterismo vascolare:
    • ematoma nella regione inguinale-femorale
    • trombosi femorale
    • falso aneurisma
    • perforazione della parete di una vena o arteria
    • sanguinamento.
  2. causato dalla manipolazione di un catetere nel cuore:
    • lesioni alle valvole cardiache
    • danno alla parete del cuore
    • sanguinamento massiccio e tamponamento
    • tromboembolia.
  3. causato dall'ablazione stessa:
    • blocco atrioventricolare
    • lesione miocardica
    • accidente cerebrovascolare acuto.
  4. associati alla radiazione a raggi X: ustioni, malattia da radiazioni. Attualmente, praticamente non si verificano a causa dell'uso di attrezzature moderne, nonché del breve tempo di esposizione alle radiazioni..

Le complicanze locali più comuni dovute alla puntura sono ematomi, sanguinamento minore.

Non richiedono una terapia aggiuntiva e vanno via da soli.
Il blocco AV persistente e il tamponamento cardiaco sono potenzialmente pericolosi. Quando è necessario un intervento chirurgico di emergenza ripetuto.

La loro frequenza raggiunge a malapena l'1% e la mortalità con RFA non supera lo 0,2%.

Periodo postoperatorio

Al termine della procedura, al paziente viene prescritto di essere tenuto a letto per 12-24 ore. È necessario aumentare la quantità di liquidi che si beve a 1,5-2 litri di acqua il giorno dell'intervento, al fine di rimuovere il contrasto il prima possibile.

Le sensazioni dolorose non sono tipiche. Il paziente viene dimesso il giorno successivo o al massimo dopo pochi giorni.

Nella fase di riabilitazione, a seconda della patologia del ritmo cardiaco, potrebbe essere necessario assumere anticoagulanti, farmaci antiaritmici per 2-4 settimane.

È necessario seguire le raccomandazioni per mantenere uno stile di vita sano, una dieta, escludere cattive abitudini e assumere i farmaci prescritti.

Dopo 1 mese, viene eseguito un Holter-ECG giornaliero di controllo per confermare la persistenza dell'effetto ottenuto.

È necessario capire che l'ablazione con radiofrequenza del cuore è una grave lesione per il corpo e dopo il completamento dell'operazione, al paziente deve essere prescritto il riposo a letto.

Deve essere sotto la costante supervisione di medici e monitoraggio dello stato del corpo. A intervalli regolari, il paziente deve sottoporsi a ripetute procedure ECG.

Il primo elettrocardiogramma viene eseguito sei ore dopo il completamento dell'ablazione. Il prossimo tra dodici ore e l'ultimo - in un giorno.

Misura anche la pressione sanguigna e la temperatura corporea.

Questa è una normale condizione postoperatoria. Dura non più di trenta minuti e passa senza assumere farmaci.

Se il disagio aumenta o non scompare dopo trenta minuti, è necessario informarlo immediatamente del medico.

I primi giorni dopo l'intervento RFA, il paziente può avvertire un battito cardiaco irregolare. Tuttavia, questo passa molto rapidamente..

Il paziente può essere dimesso il giorno successivo al termine dell'ablazione con radiofrequenza del cuore. Ci sono stati casi in cui lo stato di salute consente di dimettere una persona dall'ospedale entro un paio d'ore dall'intervento.

Se non ci sono controindicazioni e il medico consentirà al paziente di essere dimesso immediatamente dopo l'operazione, non è consigliabile guidare l'auto da soli. Meglio se qualcuno lo porta a casa.

Ablazione (RFA del cuore): cos'è, indicazioni e controindicazioni per un intervento chirurgico, come si fa, riabilitazione e possibili complicanze

E la blazione è un metodo di trattamento minimamente invasivo dei disturbi del ritmo cardiaco, la tecnica ha chiare indicazioni, principalmente associate a un battito instabile e instabile di un organo muscolare. Ad esempio, le diagnosi includono la tachicardia causata da un'eccessiva stimolazione delle telecamere, ecc..

Ci possono essere molte opzioni. La procedura è generalmente abbastanza sicura, ha un minimo di controindicazioni. Inoltre, l'effetto si osserva in oltre l'80% dei pazienti. Altri casi sono associati a diagnosi errate o tecniche di esecuzione errate.

A differenza della chirurgia, l'ablazione non richiede un lungo recupero. Dopo un giorno o anche prima, il paziente può tornare a casa.

Le restrizioni durante il periodo di riabilitazione sono minime: non portare pesi, non svolgere attività fisica intensa, ecc. Ma ci sono molte sfumature da considerare..

L'essenza del metodo e quali compiti risolve

L'azione si basa sull'effetto della corrente elettrica sul cuore. Più in dettaglio.

Le malattie che provocano aritmie colpiscono principalmente in diversi modi.

  • Il primo è l'eccessiva produzione di un impulso bioelettrico. Di regola, questa è una caratteristica congenita. Una tale patologia può essere chiamata solo condizionatamente. Tuttavia, pone enormi problemi..

L'eccessiva attività del nodo del seno porta al fatto che l'organo muscolare inizia a contrarsi più spesso. Il pacemaker naturale è anche suscettibile di fattori provocatori..

Cioè, una leggera attività fisica è sufficiente perché il cuore lavori molte volte più attivamente di quanto dovrebbe. In questo caso, l'ablazione viene eseguita per ridurre l'attività di produzione di un impulso bioelettrico..

C'è un altro estremo. Ad esempio, se c'è un blocco del sistema di conduzione in qualsiasi area. Altri cardiomiociti (cellule del cuore) iniziano a produrre un impulso bioelettrico.

Non può essere normale. Poiché il pacemaker naturale è impegnato in sintesi - il nodo del seno. Si trova nell'atrio destro.

Nello stesso caso anomalo, si osserva il caos completo. Tutte le telecamere si contraggono al proprio ritmo. Questa si chiama fibrillazione. L'arresto cardiaco è molto probabile se non si interviene..

  • Il secondo è l'impatto di una normale intensità dell'impulso. Ma a condizione che siano presenti fasci conduttivi aggiuntivi (sindrome WPW).

In questo caso, il segnale bioelettrico viene sintetizzato come dovrebbe. Tuttavia, a causa della presenza di percorsi aggiuntivi, propagano il segnale al di fuori della normale posizione anatomica..

Il compito dei medici in questo caso è eliminare i raggi extra. Questa è l'essenza dell'ablazione.

Una procedura minimamente invasiva, RFA del cuore, è un metodo mediante il quale i medici cauterizzano e distruggono microaree anomale di un organo muscolare.

Gli specialisti hanno diversi compiti:

  • Ripristino del ritmo normale. A seconda di quale processo patologico prevale, il metodo di correzione sarà diverso. Ad esempio, cauterizzando singoli gruppi di cardiomiociti (cellule del cuore) per prevenire la fibrillazione. O la distruzione del fascio conduttore in eccesso congenito. Diverse opzioni.
  • Prevenzione della recidiva del processo patologico. L'ablazione riduce a zero il rischio di recidiva del disturbo. Poiché il principale colpevole verrà distrutto.
  • Ritorno alla normale tolleranza all'esercizio. La diminuzione della tolleranza all'attività meccanica è un sintomo tipico delle malattie cardiache. Il paziente in stadi avanzati non può salire le scale, camminare per cento metri senza respiro affannoso.

Se la causa viene eliminata, anche la frequenza cardiaca tornerà a valori adeguati. Una persona sarà in grado di impegnarsi nella solita attività senza restrizioni speciali. A condizione che non si siano ancora formati cambiamenti irreversibili e il trattamento sia arrivato in tempo.

  • Ripristino del normale stato di salute generale del paziente. Ritornare a una vita sana. Anche se spesso devi prendere farmaci di mantenimento. Cardioprotettori come Mildronate o Riboxin. Se non costantemente, almeno nei corsi.

L'essenza della terapia è eliminare le aree di attività elettrica anormale. Con sufficienti qualifiche del dottore, è possibile risolvere il problema una volta per tutte..

Indicazioni

Ci sono diversi motivi per l'ablazione cardiaca. Convenzionalmente, possiamo parlare di tre classi. Sono classificati in base alla priorità. Se nominiamo le indicazioni dalla più importante alla meno fondamentale, l'elenco sarà il seguente.

Primo grado

Tachicardia atrioventricolare o parossistica.

Il nodo AV si trova nella regione centrale del cuore. È responsabile della ridistribuzione del segnale elettrico in ingresso. Impedisce la contrazione dei ventricoli fino a quando il processo non termina negli atri.

Quindi trasporta ulteriormente l'impulso. Lui stesso non produce un segnale. Tuttavia, sullo sfondo del processo patologico denominato, è vero il contrario..

Si forma una sezione di riduzione aggiuntiva. Il nodo atrioventricolare stesso inizia a funzionare come pacemaker. Questo è estremamente pericoloso e porta a un aumento significativo della frequenza cardiaca. Fino a 180 battiti al minuto o più.

Sullo sfondo di un attacco, è possibile fermare l'attività cardiaca e la morte del paziente. Di regola, non l'intera unità è coinvolta, ma parte di essa. Attraverso l'ablazione transcatetere, i medici cauterizzano l'area anatomica anormale.

Maggiori informazioni sulla tachicardia parossistica in questo articolo..

O sindrome di WPW. Un processo patologico relativamente raro. Secondo varie stime, si verifica in meno dello 0,1-2% dei pazienti in tutto il mondo. L'essenza del disturbo è approssimativamente descritta sopra..

Fasci conduttivi aggiuntivi passano ai ventricoli. Agiscono come vie di trasporto indipendenti, si piegano attorno al nodo atrioventricolare e vanno direttamente alle camere dell'organo muscolare.

Di conseguenza, il normale ordine contrattile cambia. I ventricoli iniziano a funzionare prima che gli atri svolgano la loro funzione. Non è normale.

I fasci ausiliari sono cauterizzati.

Flutter atriale o fibrillazione.

È accompagnato da un aumento spontaneo dell'attività elettrica delle strutture sopraventricolari dell'organo muscolare. Cominciano a rimpicciolirsi in modo caotico. Non dovrebbe esserlo.

Gli specialisti stimolano artificialmente le aree del cuore, provocano malfunzionamenti. Quindi, viene rivelato il colpevole del problema. Quindi resta da eliminarli e ripristinare il ritmo normale..

Il flutter atriale è descritto in dettaglio in questo articolo e la fibrillazione in questo.

Le tre patologie citate sono le principali indicazioni per una terapia urgente. Oltre alla chirurgia RFA (ablazione a radiofrequenza), non c'è altro modo per ripristinare un normale battito cardiaco. Ci sono ragioni meno specifiche per questo trattamento..

Seconda classe

Inefficacia dei farmaci antiaritmici sullo sfondo del flutter atriale.

A volte, prima di prescrivere una correzione specifica, gli specialisti ricorrono al trattamento farmacologico. Vengono utilizzati farmaci speciali come l'amiodarone o la chinidina.

Se i farmaci non aiutano ad eliminare il processo patologico, ha senso eseguire l'ablazione..

L'essenza è più o meno la stessa. Di tanto in tanto, le strutture cardiache iniziano a generare impulsi da sole. In questi momenti scivolano colpi extra, straordinari. Si sentono come colpi di stato, brusche contrazioni di un organo muscolare.

Questa è una condizione pericolosa, ma viene trattata principalmente con farmaci. L'ablazione con radiofrequenza del cuore per eliminare gli extrasistoli viene prescritta solo quando la terapia farmacologica è inefficace. Come misura di seconda linea.

Di solito ci vogliono diverse settimane di esame rigoroso per trovare la causa. Di regola, è tutta colpa dei focolai extra di eccitazione. Questo problema può essere risolto solo con mezzi invasivi. Le pillole sono inutili e alleviano solo temporaneamente i sintomi.

Terza classe

Ci sono indicazioni che non implicano un'operazione obbligatoria. La domanda viene decisa dai medici tenendo conto delle opinioni dei pazienti.

La tachicardia ventricolare è la base principale di questo sottogruppo. Viene curata con farmaci. L'ablazione è prescritta solo se inefficace.

Ci sono molte indicazioni. Ma la RFA non viene eseguita sconsideratamente. Pertanto, prima di sottoporsi alla procedura, il paziente viene indirizzato per ulteriori esami..

Controindicazioni

Ci sono pochi motivi per rinunciare all'ablazione con radiofrequenza.

Insufficienza cardiaca nella fase di scompenso

Poiché le strutture cardiache sono esattamente oggetto di intervento. È possibile che l'organo smetta di funzionare e il paziente muoia per complicazioni. Fino a quando la condizione non è normalizzata, compensata, è severamente vietato prescrivere ed eseguire l'operazione.

I segni di insufficienza cardiaca nelle donne sono descritti in dettaglio qui e negli uomini qui.

Malattia renale in fase grave

Ad esempio, nefropatia con compromissione disfunzionale. Il problema è che tutte queste condizioni finiscono in un rapido aumento della pressione sanguigna. Quindi, il cuore è sotto attacco.

Sono vietati interventi per patologie renali non corrette.

Infarto miocardico e pochi giorni dopo

Fino a quando l'area interessata è completamente sfregiata. Si consiglia di attendere alcune settimane o addirittura mesi. A condizione che un periodo di attesa così prolungato non porti a complicazioni pericolose.

La domanda viene decisa dal medico sul posto. Dopo un'attenta valutazione delle condizioni del paziente. Il grado e la velocità di recupero da un infarto.

Problemi elettrolitici

Mancanza di potassio, calcio, magnesio o sodio. Così fa l'eccesso. Patologie di questo tipo provocano spesso disturbi del ritmo. Pertanto, è facile confondere dove sono i problemi organici e dove si trova la carenza di elettroliti o il processo inverso.

Finché non sarà chiaro cosa e cosa, l'operazione viene rimandata. Inoltre, con uno squilibrio del metabolismo del sale marino, l'ablazione è inutile e persino pericolosamente pericolosa..

Infezioni acute

Indipendentemente dalla localizzazione. Durante il periodo in cui il corpo combatte virus, batteri, è impossibile eseguire l'operazione. Poiché esiste un alto rischio di complicanze, compreso l'arresto cardiaco.

Devi aspettare che il corpo sia completamente ripristinato dalla patologia e solo allora trattare il cuore.

Intolleranza al contrasto

L'ablazione viene eseguita mediante cateterizzazione. Cioè, l'elettrodo viene spostato alle strutture cardiache. Per controllare l'avanzamento dello strumento dall'arteria al miocardio, viene utilizzato uno scanner speciale.

La mescola a contrasto migliora la visibilità. Ma questi farmaci possono essere allergici. Pertanto, prima dell'appuntamento, il paziente viene attentamente interrogato sull'intolleranza ai farmaci..

I test di contrasto vengono eseguiti per escludere la reazione sul campo.

Coagulopatia

In poche parole: disturbi della coagulazione del sangue.

Ipertensione arteriosa

Aumento della pressione da 140 a 90 mm Hg. Questo è il motivo per rimandare l'operazione fino a quando la condizione non torna alla normalità. Potrebbe essere necessario assumere farmaci.

Alcuni difetti cardiaci

Ad esempio, restringimento della valvola mitrale. La domanda è aperta. È risolto da cardiologi e chirurghi specializzati.

L'ablazione con radiofrequenza del cuore è una procedura sicura, ma solo se vengono seguite tutte le controindicazioni. Il risultato e il periodo di riabilitazione dipendono da questo. La sua durata, gravità.

Formazione

Non pone particolari difficoltà:

  • Viene eseguita l'ecocardiografia. Questa tecnica ti consente di esplorare la posizione organica del cuore. La sua condizione anatomica. Rivela tutte le modifiche strutturali.
  • È necessario anche un ECG. A differenza della tecnica precedente, mostra deviazioni funzionali. Entrambi i metodi vengono assegnati nel sistema.
  • Analisi del sangue generale e biochimica. Per identificare possibili processi infiammatori, infettivi o autoimmuni. Quali sono le controindicazioni.
  • Anche un coagulogramma. Studio della coagulazione del sangue. Poiché i motivi per rifiutare la procedura sono possibili in questi casi.

Sono prescritte misure aggiuntive. In alternativa, radiografia del torace o ecografia degli organi interni. Esame delle urine. È meglio controllare questo punto con il medico. Quindi inizia la preparazione stessa..

  • Per 12 ore prima della procedura, rifiutano cibo e acqua. Ciò ridurrà l'intensità del disagio e aumenterà la tolleranza dell'ablazione..
  • Per 24-48 ore smettono di fumare, alcol. Causano un restringimento del lume dei vasi sanguigni, un aumento della pressione sanguigna. È improbabile che i medici inizino a lavorare se il paziente è in questa condizione.
  • È necessario consultare il proprio medico sui farmaci. Quando un paziente assume farmaci come farmaci antipertensivi e antiaritmici, è necessario discuterne con uno specialista. Potrebbe avere senso saltare alcuni farmaci. Ma non da solo.
  • Informare i medici in loco del pacemaker installato. Se uno viene impiantato.

Altrimenti, vieni sul posto all'ora stabilita.

Avanzamento dell'operazione

Il paziente si sdraia sul divano.

  • L'area del femore, dell'arteria radiale o altri siti di accesso viene trattata con anestetico. Nient'altro è richiesto.
  • Quindi viene iniettato un mezzo di contrasto per una migliore visibilità..
  • Lo specialista conduce EFI. Con l'aiuto di elettrodi attraverso l'esofago o un approccio invasivo, il cuore viene stimolato. Una piccola corrente viene passata in diversi fuochi. Ciò è necessario per determinare la posizione esatta dell'anomalia. Ci sono casi in cui ci sono molte di queste aree. Quindi, devi elaborarli tutti.
  • Quindi, dopo aver eseguito l'EFI, inizia l'effettiva operazione in radiofrequenza. L'elettrodo è collegato a un apparecchio speciale. Le aree anomale vengono cauterizzate con una corrente. Questo viene fatto gradualmente e sotto il pieno controllo dell'apparato. I dati vengono visualizzati e visualizzati.
  • Dopo che l'operazione RFA è stata completata, il medico riapplica l'EFI, stimola il cuore e osserva la risposta dell'organo. Normalmente, dovrebbe essere minimo. In risposta alla corretta conduzione di un impulso elettrico, l'intero cuore si contrae e non le singole camere.

Durante la procedura, è possibile una sensazione di ribaltamento, battito cardiaco. È abbastanza normale. Qualsiasi disagio dovrebbe essere immediatamente discusso con un cardiologo o un chirurgo.

Riabilitazione

Il periodo di recupero dura circa una settimana. Il primo giorno o due persone sono in ospedale. Per gli specialisti che si occupano del paziente postoperatorio. Valutato la condizione e, se necessario, aiutato.

  • Devi sdraiarti per 3-4 ore. In modo che il cuore venga ricostruito in un modo nuovo e anche le ferite nell'area di accesso al catetere non si aprano.
  • Una volta che la persona è stata dimessa, può tornare alla sua vita normale. Ma le restrizioni si applicano all'attività fisica. Non puoi correre, saltare, trasportare pesi superiori a 10 kg. Durante la settimana dovrai osservare un regime parsimonioso.
  • Di conseguenza, non ci sono temperature estreme o l'influenza di freddo / caldo pronunciato. I bagni, i bagni caldi lunghi sono controindicati.

Dopo circa 7 giorni, è necessario consultare uno specialista. Quindi, con il suo permesso, puoi tornare alla vita normale..

Possibili conseguenze

Le complicazioni si verificano nell'1-2% dei casi. Ci sono prove di più o meno indicatori.

Le potenziali conseguenze della RFA includono:

  • Danni ai nervi. Caso raro. Solo se il medico non è sufficientemente qualificato.
  • Lesioni dell'esofago. Porta a disagio alla gola, all'addome. È probabile il sanguinamento.
  • Dolore al sito di accesso al catetere.
  • Il tromboembolismo è una complicanza dopo la RFA sul cuore se i vasi sono stati danneggiati.
  • Anche la morte è possibile. Ma questa è una complicazione estremamente rara. Si verifica solo nei pazienti che sono fondamentalmente controindicati per l'ablazione endovascolare. Se per qualsiasi motivo il motivo di rifiuto non è stato preso in considerazione, esiste la possibilità di morte..

La RFA in cardiologia è un modo insostituibile per trattare le aritmie. Vero, non tutto. La tecnica è sicura al 100%, ci sono dei rischi, anche se non eccezionali. La questione dell'opportunità di tale procedura è decisa dal medico..

Ablazione con radiofrequenza del cuore (RFA): chirurgia, indicazioni, risultati

Autore: Averina Olesya Valerievna, MD, PhD, patologa, insegnante del Dipartimento di Pat. anatomia e fisiologia patologica, per Operation.Info ©

Fino a pochi decenni fa, i pazienti con disturbi del ritmo come la tachicardia (battito cardiaco accelerato) presentavano sintomi gravi ed erano ad alto rischio di complicanze cardiache come tromboembolismo, infarti e ictus. Ciò è dovuto al fatto che non sempre anche una terapia farmacologica ben scelta potrebbe prevenire attacchi improvvisi (parossismi) di tachiaritmie e mantenere la frequenza cardiaca al ritmo desiderato.

Attualmente, il problema della conduzione accelerata degli impulsi attraverso il muscolo cardiaco, che è alla base della tachicardia, può essere risolto radicalmente con l'operazione di ablazione a radiofrequenza (RFA), ovvero la tecnica della “cauterizzazione del cuore”. Con l'aiuto di questa tecnica, viene eliminata una piccola area di tessuto, che esegue un'eccitazione patologicamente frequente del muscolo cardiaco. Lo fa esponendo il tessuto a dannosi segnali in radiofrequenza. Di conseguenza, la via di conduzione degli impulsi aggiuntiva viene interrotta, allo stesso tempo le normali vie di conduzione degli impulsi non vengono danneggiate e il cuore si contrae nel suo ritmo abituale, con una frequenza di 60-90 battiti al minuto.

Indicazioni per la chirurgia

Le principali indicazioni per l'ablazione transcatetere a radiofrequenza sono i disturbi del ritmo come tachicardia o tachiaritmia. Questi includono:

La fibrillazione atriale è un disturbo del ritmo in cui le fibre muscolari degli atri si contraggono separatamente, in isolamento l'una dall'altra e non in modo sincrono, come in un ritmo normale. Questo crea un meccanismo per la circolazione dell'impulso e c'è un focus patologico di eccitazione negli atri. Questa eccitazione si estende ai ventricoli, che iniziano anche a contrarsi frequentemente, il che provoca un deterioramento delle condizioni generali del paziente. Allo stesso tempo, la frequenza cardiaca raggiunge 100-150 battiti al minuto, a volte di più.

  • Tachicardia ventricolare - una contrazione frequente dei ventricoli, pericolosa perché rapidamente, anche prima dell'assistenza, possono svilupparsi fibrillazione ventricolare e arresto cardiaco (asistolia).
  • Tachicardia sopraventricolare.
  • SVC - sindrome - una malattia causata da disturbi congeniti nel sistema di conduzione cardiaca, a seguito della quale il muscolo cardiaco è predisposto a una pericolosa tachicardia parossistica.
  • Insufficienza cardiaca cronica e cardiomegalia (ingrossamento delle cavità del cuore), con conseguente aritmie cardiache.
  • Controindicazioni

    Nonostante la disponibilità e la bassa invasività del metodo, ha le sue controindicazioni. Pertanto, il metodo RFA non può essere applicato se il paziente ha le seguenti malattie:

    1. Infarto miocardico acuto,
    2. Ictus acuto,
    3. Febbre e malattie infettive acute,
    4. Esacerbazione di malattie croniche (asma bronchiale, scompenso del diabete mellito, esacerbazione dell'ulcera gastrica, ecc.),
    5. Anemia,
    6. Grave insufficienza renale ed epatica.

    Preparazione per la procedura

    Il ricovero nell'ospedale in cui verrà eseguita l'ablazione viene effettuato in modo pianificato. Per fare ciò, il paziente deve essere esaminato il più possibile nella clinica del luogo di residenza dall'aritmologo curante e deve anche consultare un cardiochirurgo.

    L'elenco degli esami preoperatori include:

    • Esami generali del sangue e delle urine,
    • Analisi del sistema di coagulazione del sangue - INR, tempo di protrombina, indice di protrombina, APTT, tempo di coagulazione del sangue (RSC),
    • Ecografia del cuore (ecocardioscopia),
    • ECG e, se necessario, monitoraggio ECG tramite Holter (valutazione della frequenza cardiaca tramite ECG al giorno),
    • CPEFI - esame elettrofisiologico transesofageo - può essere necessario se il medico ha bisogno di stabilire più accuratamente la localizzazione della fonte di eccitazione patologica, e anche se i disturbi del ritmo non sono registrati sull'ECG, sebbene il paziente abbia ancora lamentele di palpitazioni cardiache parossistiche,
    • I pazienti con ischemia miocardica possono essere indicati per l'angiografia coronarica (CAG) prima dell'intervento chirurgico,
    • Esclusione di focolai di infezione cronica - consultazione di un dentista e un medico ORL, nonché un urologo per uomini e un ginecologo per donne - come prima di qualsiasi operazione,
    • Analisi del sangue per l'HIV, l'epatite virale e la sifilide.

    Dopo che il paziente è stato programmato per un intervento chirurgico, deve essere ricoverato in ospedale due o tre giorni prima della data stabilita. Il giorno prima dell'intervento, interrompere l'assunzione di farmaci antiaritmici o altri farmaci che possono influire sulla frequenza cardiaca, ma solo in consultazione con il medico..

    Alla vigilia dell'operazione la sera, il paziente può permettersi una cena leggera, ma non dovrebbe esserci la colazione al mattino.

    È importante che il paziente mantenga un atteggiamento positivo, perché il successo dell'intervento e il periodo postoperatorio dipendono in gran parte dall'ambiente psicologico intorno al paziente..

    Come viene eseguita l'operazione per l'aritmia??

    Prima che il paziente venga portato al reparto di chirurgia a raggi X, viene esaminato da un anestesista per scoprire possibili controindicazioni all'anestesia. L'anestesia viene combinata, ovvero i sedativi vengono somministrati per via endovenosa al paziente e un anestetico locale viene iniettato nella pelle nel sito del catetere. L'arteria o la vena femorale più comunemente selezionata nell'inguine.

    Successivamente, viene introdotto un filo guida (introduttore), lungo il quale viene fatta passare una sonda sottile con un sensore in miniatura all'estremità. Ogni fase viene monitorata utilizzando le più recenti apparecchiature a raggi X fino a quando la sonda viene posizionata in una o nell'altra parte del cuore, a seconda che l'aritmia abbia origine dall'atrio o dal ventricolo..

    Il passo successivo dopo l'accesso al cuore “dall'interno” è stabilire l'esatta localizzazione di un'ulteriore fonte di eccitazione del muscolo cardiaco. "A occhio" un posto del genere, ovviamente, non può essere stabilito, soprattutto perché le fibre sono le aree più piccole del tessuto muscolare. In questo caso, il medico viene in aiuto di endoEPHI - studio elettrofisiologico endovascolare (intravascolare).

    EFI viene eseguito come segue: attraverso l'introduttore, che è già installato nel lume dell'arteria o della vena principale, viene inserito un elettrodo da un'apparecchiatura speciale e il muscolo cardiaco viene stimolato con scariche di corrente fisiologiche. Se questa area stimolata del tessuto cardiaco conduce impulsi in modalità normale, non vi è alcun aumento significativo della frequenza cardiaca. Ciò significa che quest'area non ha bisogno di essere bruciata..

    Inoltre, l'elettrodo stimola le seguenti aree fino a quando gli impulsi patologici del muscolo cardiaco non vengono ottenuti dall'ECG. Tale sito è quello desiderato e richiede l'ablazione (distruzione). È in relazione alla ricerca del sito di tessuto desiderato che la durata dell'operazione può variare da un'ora e mezza a sei ore..

    Dopo la procedura, il medico attende 10-20 minuti e se l'ECG continua a registrare una frequenza cardiaca normale, rimuove il catetere e applica una benda asettica di pressione al sito di puntura (puntura) della pelle.

    Successivamente, il paziente deve rispettare un rigoroso riposo a letto durante il giorno e dopo pochi giorni può essere dimesso dall'ospedale sotto ulteriore osservazione nella clinica del luogo di residenza.

    Video: ablazione transcatetere per aritmie

    Possibili complicazioni

    L'operazione di ablazione è poco traumatica, pertanto, in casi estremamente rari (meno dell'1%) possono comparire complicanze. Tuttavia, le seguenti condizioni avverse vengono registrate dopo l'intervento chirurgico:

    1. Infettivo e infiammatorio - suppurazione della pelle nel sito di puntura, endocardite infettiva (infiammazione della cavità interna del cuore),
    2. Complicazioni tromboemboliche: formazione di coaguli di sangue dovuti a traumi alla parete vascolare e loro diffusione attraverso i vasi degli organi interni,
    3. Disturbi del ritmo cardiaco,
    4. Perforazione delle arterie e della parete cardiaca con catetere e sonda.

    Costo dell'operazione RFA

    Attualmente l'operazione è disponibile in qualsiasi grande città che abbia ambulatori cardiologici dotati di un reparto di cardiochirurgia e della strumentazione necessaria..

    Il costo dell'operazione varia da 30 mila rubli (RFA per fibrillazione atriale e tachicardia atriale) a 140 mila rubli (RFA per tachicardia ventricolare) in diverse cliniche. L'operazione può essere finanziata dal bilancio federale o regionale, se al paziente viene assegnata una quota negli uffici regionali del Ministero della Salute. Se il paziente non può aspettarsi di ricevere una quota per diversi mesi, ha il diritto di ricevere questo tipo di assistenza medica ad alta tecnologia per servizi a pagamento..

    Quindi, a Mosca, i servizi di RFA sono forniti presso il Centro di endoschirurgia e litotripsia, al Volyn Hospital, presso l'Istituto di chirurgia. Vishnevsky, al N.V. Sklifosovsky, così come in altre cliniche.

    A San Pietroburgo, operazioni simili vengono eseguite presso l'Accademia medica militare. Kirov, nel Centro federale di ricerca medica. Almazov, a St. Pavlova, presso la clinica. Pietro il Grande, nel dispensario cardiaco regionale e in altre istituzioni mediche della città.

    Stile di vita e prognosi dopo l'intervento chirurgico

    Lo stile di vita postoperatorio dovrebbe essere conforme ai seguenti principi:

    • Dieta bilanciata. Dato che la causa principale delle aritmie cardiache è la cardiopatia ischemica, occorre adoperarsi per misure preventive che riducano il livello di colesterolo "dannoso" nel plasma sanguigno e ne prevengano il deposito sulle pareti dei vasi sanguigni che alimentano il muscolo cardiaco. La più importante di queste misure è ridurre il consumo di grassi animali, prodotti di fast food, cibi fritti e salati. È incoraggiato l'uso di cereali, legumi, oli vegetali, carni magre e pollame, latticini.
    • Adeguata attività fisica. Fare ginnastica leggera, camminare e fare jogging fa bene alla salute del cuore e dei vasi sanguigni, ma dovrebbe essere iniziato poche settimane dopo l'operazione e solo con il permesso del medico curante.
    • Rifiuto delle cattive abitudini Gli scienziati hanno da tempo dimostrato che il fumo e l'alcol non solo danneggiano la parete vascolare e il cuore dall'interno, ma possono anche avere un effetto aritmogenico diretto, cioè provocare tachiaritmie parossistiche. Pertanto, la cessazione del fumo e il rifiuto di forti bevande alcoliche in grandi quantità è la prevenzione dei disturbi del ritmo..

    In conclusione, va notato che nonostante il fatto che RFA sia un intervento chirurgico nel corpo, il rischio di complicanze è relativamente basso, ma i benefici dell'operazione sono innegabili: la maggior parte dei pazienti, a giudicare dalle revisioni, cessa di manifestare sintomi spiacevoli e sono meno a rischio di incidenti vascolari associati a parossismi delle tachiaritmie.

    Ablazione con radiofrequenza RFA: indicazioni per il trattamento, la preparazione e la riabilitazione

    Le aritmie cardiache sono malattie cardiache comuni che non sempre richiedono un intervento chirurgico immediato, ma che riducono notevolmente la qualità della vita del paziente. Se non trattata, l'aritmia può causare gravi complicazioni. Una buona alternativa per questa malattia è il trattamento con l'ablazione con radiofrequenza..

    L'ablazione con radiofrequenza (RFA) è un metodo per il trattamento delle aritmie in cui gli elettrodi del catetere sottile vengono inseriti attraverso grandi vasi sotto controllo costante dei raggi X nel cuore del paziente. Ricevono un segnale a radiofrequenza, che cauterizza il focus patologico, fornisce impulsi anormali al cuore e provoca aritmia. Poiché la procedura è minimamente invasiva, cioè non richiede grandi danni ai tessuti, non ci sono praticamente complicazioni durante la sua implementazione..

    RFA ha dimostrato di essere un metodo efficace per trattare molti disturbi del ritmo cardiaco, che consente al paziente di interrompere completamente l'assunzione di farmaci antiaritmici e condurre una vita normale..

    La procedura RFA risale agli anni '80 del secolo scorso, quando fu testata per la prima volta sugli animali, e poi, avendo ottenuto buoni risultati, iniziarono a farla sull'uomo. Al momento, questa è una delle procedure più efficaci nel trattamento delle aritmie..

    Tipi di ablazione

    La distruzione del focus patologico, che causa interruzioni nel normale funzionamento del cuore, può essere eseguita utilizzando diverse influenze fisiche, quindi esistono i seguenti tipi di ablazione:

    • Frequenza radio.
    • Ultrasonico.
    • Laser.
    • Criodistruzione.

    Tuttavia, l'ablazione con radiofrequenza ha guadagnato la maggiore popolarità tra loro, poiché la cauterizzazione dell'area patologica con l'aiuto di energia elettrica ad alta frequenza è un metodo di trattamento sicuro e indolore. A volte questa procedura viene anche chiamata ablazione transcatetere a causa del fatto che i cateteri vengono inseriti nel cuore per eseguirla..

    Indicazioni per

    La chirurgia RFA viene eseguita per le persone il cui disturbo del ritmo cardiaco non può essere corretto con farmaci, i farmaci causano gravi effetti collaterali o la condizione corporea è pericolosa per la vita e c'è una minaccia di arresto cardiaco improvviso. L'operazione è prescritta da un cardiologo o da un cardiochirurgo. Viene eseguito per le seguenti malattie:

    • fibrillazione atriale o flutter;
    • tachicardia ventricolare e sopraventricolare;
    • Sindrome di WPW;
    • tachicardia parossistica.

    Controindicazioni

    Le controindicazioni a questa operazione sono relative, cioè quando le condizioni del paziente vengono regolate, l'operazione può ancora essere eseguita. Senza una stabilizzazione preliminare dello stato del corpo, un'operazione non può essere eseguita nei seguenti casi:

    • Se il paziente ha una temperatura corporea costantemente elevata;
    • Durante il periodo di una malattia infettiva acuta;
    • Con grave malattia polmonare o renale;
    • Con infiammazione del rivestimento interno del cuore, cioè endocardite;
    • Se è stata osservata angina instabile entro quattro settimane;
    • Nell'infarto miocardico acuto durante i primi giorni;
    • Durante un inasprimento di arresto cordiaco;
    • Con grave ipertensione arteriosa;
    • Se un aneurisma del ventricolo sinistro è accompagnato da un trombo;
    • Se sono presenti coaguli di sangue in qualsiasi altra parte del cuore;
    • Con anemia;
    • In caso di violazione della coagulazione del sangue;
    • Con stenosi dell'apertura aortica, se è richiesto l'accesso al ventricolo sinistro;
    • Se è allergico a un mezzo di contrasto o ha un'intolleranza allo iodio.

    Inoltre, la RFA non viene eseguita su donne in gravidanza per non esporre il feto a radiazioni ionizzanti. Inoltre, complicazioni durante questa procedura possono verificarsi in pazienti con protesi meccaniche delle valvole cardiache, attraverso le quali a volte è difficile passare un catetere di ablazione..

    Preparazione per la chirurgia

    La preparazione all'ablazione con radiofrequenza consiste non solo nell'esecuzione di vari studi diagnostici, ma anche nella preparazione diretta del corpo da parte del paziente.

    Prima di prescrivere un'operazione, il medico conduce diversi studi importanti:

    • ECG;
    • Ecocardiografia;
    • Monitoraggio Holter: un esame elettrofisiologico in cui viene eseguito un elettrocardiogramma entro un giorno;
    • Analisi del sangue;
    • Test di resistenza;
    • Risonanza magnetica del cuore.

    Sulla base dei risultati di queste analisi ed esami, viene presa una decisione sulla necessità di trattare le aritmie cardiache con l'aiuto della cauterizzazione del sito patologico..

    Da parte sua, il paziente deve anche compiere diversi passaggi per preparare:

    • Chiedi al tuo medico quali farmaci devi interrompere alcuni giorni prima dell'intervento. I farmaci antiaritmici di solito interrompono l'assunzione di 2-4 giorni e poche ore prima della procedura e i farmaci ipoglicemizzanti;
    • Assicurati di venire all'operazione a stomaco vuoto. L'ultimo pasto è consentito entro e non oltre dodici ore prima della RFA;
    • Radere la zona inguinale dove verrà eseguita la cateterizzazione;
    • Rimuovi tutte le decorazioni

    Procedura

    L'ablazione transcatetere viene eseguita in un ospedale in una stanza appositamente attrezzata, dove vengono create tutte le condizioni non solo per la procedura stessa, ma anche per valutarne l'efficacia, e ci sono anche mezzi per riprendere il battito cardiaco se necessario.

    Prima dell'operazione, al paziente devono essere somministrati sedativi e, anche con l'aiuto dell'anestesia locale, i siti di inserimento del catetere vengono anestetizzati. Tipicamente, un catetere viene inserito attraverso le arterie femorali destra o sinistra, a volte attraverso le arterie radiali. Il sito di puntura viene trattato con cura con un antisettico per prevenire l'infezione e quindi coperto con materiale sterile.

    Il vaso sanguigno viene perforato con un ago, attraverso il quale vengono poi inseriti i cateteri. I cateteri raggiungono il cuore e si trovano nelle sue camere. Quindi sono collegati ad attrezzature speciali che prenderanno un elettrocardiogramma. Utilizzando segnali dalla parete interna del cuore, è possibile identificare la fonte dell'aritmia. A volte diventa necessario provocare ulteriormente aritmia. La procedura è chiamata esame elettrofisiologico del cuore (EPI).

    EFI è un metodo per esaminare i pazienti con aritmie, durante il quale il medico stimola inoltre varie parti del cuore e registra un elettrocardiogramma. EFI con RFA viene eseguito per stabilire la posizione esatta del focus patologico.

    Durante l'EFI, potrebbero verificarsi disagio al petto, lieve dolore o insufficienza cardiaca. Questo non dovrebbe essere temuto, poiché tutto avviene sotto la supervisione di un medico e consente di stabilire con precisione il focus patologico che invia gli impulsi sbagliati al cuore.

    Dopo aver rilevato il focus patologico, viene portato un elettrodo che, con l'aiuto di una corrente elettrica, agisce sul tessuto cardiaco, riscaldandolo a quaranta gradi. Il calore crea una micro-cicatrice che blocca gli impulsi nervosi anomali.

    Per capire se tutto è andato bene, l'ECG viene ripreso. Se il risultato della procedura è soddisfacente, elettrodi e cateteri vengono rimossi dal corpo, in caso contrario viene eseguita nuovamente l'ablazione. Una benda di pressione viene applicata al sito di puntura per fermare l'emorragia. Successivamente, il paziente rimane in ospedale per diversi giorni. Il primo giorno viene prescritto il riposo a letto ed è vietato piegare le gambe per evitare complicazioni.

    La durata della procedura stessa va solitamente da un'ora e mezza a sei ore, a seconda della profondità del focus patologico.

    Complicazioni dopo RFA

    Le complicazioni dopo questa procedura sono estremamente rare, ma è comunque necessario tenerle a mente. Il più delle volte si verificano in pazienti con coagulazione del sangue compromessa, in pazienti con diabete mellito e negli anziani dopo 75 anni. Questo potrebbe essere:

    • Sanguinamento nel sito di puntura, soprattutto con scarsa coagulazione del sangue;
    • Puntura di un vaso sanguigno durante il passaggio dei cateteri attraverso di esso, se le pareti del vaso sono sottili o il catetere è passato accidentalmente male;
    • La formazione di coaguli di sangue nei vasi sanguigni che, cadendo nei vasi più sottili, possono ostruirli;
    • Violazione dell'integrità del tessuto cardiaco durante l'ablazione stessa;
    • Interruzione della funzione renale dopo la procedura;
    • Malfunzionamento del cuore, che esacerba ulteriormente l'aritmia;
    • Restringimento delle vene polmonari.

    Periodo di riabilitazione

    La riabilitazione dopo la RFA dura da due a tre mesi. Per diversi giorni, il paziente rimane nel reparto di cardiologia, osservando il rigoroso riposo a letto il primo giorno. Immediatamente dopo l'operazione, potresti avvertire un certo disagio al petto e un dolore pressante nel sito di puntura, ma queste sensazioni dovrebbero scomparire entro mezz'ora. Se durano più a lungo, è necessario informare il medico. Se non ci sono complicazioni, dopo pochi giorni il paziente viene dimesso a casa.

    Durante il recupero da RFA, possono essere prescritti farmaci antiaritmici, anticoagulanti e altri farmaci, a seconda delle condizioni del paziente e delle malattie concomitanti.

    Di solito la riabilitazione va bene e non è richiesta alcuna ulteriore ripetizione della procedura, tuttavia il paziente, da parte sua, dovrebbe riconsiderare il suo stile di vita: smettere di fumare, non consumare alcol e bevande contenenti caffeina, ridurre il sale e i cibi grassi. È anche importante dare al corpo un carico ragionevole. Non sovraccaricarlo con l'esercizio fisico, ma anche non condurre uno stile di vita sedentario. Il cuore dovrebbe funzionare, ma senza sovraccarico. Le passeggiate all'aria aperta sono utili.

    Vantaggi di RFA rispetto ad altri trattamenti

    I pazienti che sono stati sottoposti a RFA rispondono bene alla procedura. I medici ritengono inoltre che questo trattamento chirurgico delle aritmie cardiache sia attualmente uno dei metodi migliori..

    • L'operazione non richiede grandi incisioni, è necessaria solo una puntura per inserire l'ago.
    • La procedura è praticamente indolore. Il sito di iniezione viene trattato con un anestetico locale, dopo la fine non è necessario somministrare al paziente antidolorifici. Durante la procedura stessa, si possono osservare solo sensazioni spiacevoli al petto, che scompaiono entro mezz'ora dal completamento.
    • I pazienti tollerano facilmente la RFA e si riprendono in breve tempo. Vengono dimessi a casa dopo pochi giorni, a differenza di quelle persone che subiscono operazioni addominali. A volte trascorrono diverse settimane in ospedale. Anche la riabilitazione richiede solo 2-3 mesi.
    • Dopo l'operazione, il sito di puntura guarisce molto rapidamente e non lascia alcun segno, a differenza di una cicatrice dopo un'operazione addominale.

    Al momento RFA è l'unica alternativa per i pazienti a cui, per qualsiasi motivo, è vietato l'intervento a cuore aperto.

    L'unico inconveniente che si può chiamare per questa procedura è il suo prezzo, ma ciò è dovuto al fatto che l'operazione utilizza le attrezzature più recenti e costose..

    Ablazione (RFA del cuore): cos'è, indicazioni e controindicazioni per un intervento chirurgico, come si fa, riabilitazione e possibili complicanze

    L'ablazione è un metodo di trattamento minimamente invasivo dei disturbi del ritmo cardiaco, la tecnica ha chiare indicazioni, principalmente associate a un battito instabile e instabile di un organo muscolare. Ad esempio, le diagnosi includono la tachicardia causata da un'eccessiva stimolazione delle telecamere, ecc..

    Ci possono essere molte opzioni. La procedura è generalmente abbastanza sicura, ha un minimo di controindicazioni. Inoltre, l'effetto si osserva in oltre l'80% dei pazienti. Altri casi sono associati a diagnosi errate o tecniche di esecuzione errate.

    A differenza della chirurgia, l'ablazione non richiede un lungo recupero. Dopo un giorno o anche prima, il paziente può tornare a casa.

    Le restrizioni durante il periodo di riabilitazione sono minime: non portare pesi, non svolgere attività fisica intensa, ecc. Ma ci sono molte sfumature da considerare..

    Tipi di ablazione

    La distruzione del focus patologico, che causa interruzioni nel normale funzionamento del cuore, può essere eseguita utilizzando diverse influenze fisiche, quindi esistono i seguenti tipi di ablazione:

    • Frequenza radio.
    • Ultrasonico.
    • Laser.
    • Criodistruzione.

    Tuttavia, l'ablazione con radiofrequenza ha guadagnato la maggiore popolarità tra loro, poiché la cauterizzazione dell'area patologica con l'aiuto di energia elettrica ad alta frequenza è un metodo di trattamento sicuro e indolore. A volte questa procedura viene anche chiamata ablazione transcatetere a causa del fatto che i cateteri vengono inseriti nel cuore per eseguirla..

    Indicazioni per


    La chirurgia RFA viene eseguita per le persone il cui disturbo del ritmo cardiaco non può essere corretto con farmaci, i farmaci causano gravi effetti collaterali o la condizione corporea è pericolosa per la vita e c'è una minaccia di arresto cardiaco improvviso. L'operazione è prescritta da un cardiologo o da un cardiochirurgo. Viene eseguito per le seguenti malattie:

    • fibrillazione atriale o flutter;
    • tachicardia ventricolare e sopraventricolare;
    • Sindrome di WPW;
    • tachicardia parossistica.

    Controindicazioni

    Le controindicazioni a questa operazione sono relative, cioè quando le condizioni del paziente vengono regolate, l'operazione può ancora essere eseguita. Senza una stabilizzazione preliminare dello stato del corpo, un'operazione non può essere eseguita nei seguenti casi:

    • Se il paziente ha una temperatura corporea costantemente elevata;
    • Durante il periodo di una malattia infettiva acuta;
    • Con grave malattia polmonare o renale;
    • Con infiammazione del rivestimento interno del cuore, cioè endocardite;
    • Se è stata osservata angina instabile entro quattro settimane;
    • Nell'infarto miocardico acuto durante i primi giorni;
    • Durante un inasprimento di arresto cordiaco;
    • Con grave ipertensione arteriosa;
    • Se un aneurisma del ventricolo sinistro è accompagnato da un trombo;
    • Se sono presenti coaguli di sangue in qualsiasi altra parte del cuore;
    • Con anemia;
    • In caso di violazione della coagulazione del sangue;
    • Con stenosi dell'apertura aortica, se è richiesto l'accesso al ventricolo sinistro;
    • Se è allergico a un mezzo di contrasto o ha un'intolleranza allo iodio.

    Inoltre, la RFA non viene eseguita su donne in gravidanza per non esporre il feto a radiazioni ionizzanti. Inoltre, complicazioni durante questa procedura possono verificarsi in pazienti con protesi meccaniche delle valvole cardiache, attraverso le quali a volte è difficile passare un catetere di ablazione..

    Ablazione con radiofrequenza dell'articolazione AV

    Il metodo di ablazione a radiofrequenza della connessione AV in combinazione con l'impianto di un moderno sistema di stimolazione ad adattamento della frequenza è un intervento chirurgico sicuro ed efficace che fornisce un controllo affidabile della frequenza ventricolare e migliora la qualità della vita dei pazienti ed è il metodo di scelta nel trattamento delle forme di fibrillazione atriale resistenti ai farmaci..

    Indicatori chiave per l'ablazione con radiofrequenza della connessione AV:

    frequenza cardiaca elevata (FC) con grave deficit del polso, che non è adeguatamente corretta con farmaci antiaritmici o cronotropi negativi in ​​combinazione con disfunzione ventricolare sinistra (insufficienza cardiaca). Si tratta di un piccolo gruppo di pazienti sottoposti ad ablazione con radiofrequenza del nodo atrioventricolare per motivi di salute.

    nei casi in cui al paziente viene diagnosticata una tachy-bradyform di fibrillazione atriale e il paziente viene indirizzato per l'impianto di un pacemaker (combinazione di SSSU + fibrillazione atriale)

    insufficienza cardiaca progressiva, cardiomigalia, frazione di eiezione ridotta, frequenza cardiaca elevata (tachisistole) non corretta dai farmaci

    nei casi in cui non è possibile l'ablazione con radiofrequenza "isolamento della vena polmonare"

    La procedura RFA per le connessioni AV appartiene alla categoria dei trattamenti chirurgici mininvasivi. Le possibili complicanze sono simili a quelle durante l'impianto di un pacemaker e sono descritte in dettaglio nella sezione "impianto di pacemaker".

    Nonostante il fatto che i vantaggi dell'ablazione del nodo AV siano innegabili, i limiti di questa tecnica includono la costante necessità di terapia anticoagulante, perdita di sincronicità AV e dipendenza per tutta la vita da un pacemaker impiantato..

    anni, il metodo di ablazione transcatetere della connessione AV (dal latino ablatio - sottrazione) in combinazione con l'impianto di un sistema di stimolazione per controllare la frequenza delle contrazioni ventricolari nei pazienti con fibrillazione atriale refrattaria alla terapia antiaritmica è diventato molto diffuso.

    Questo termine, adottato nella letteratura in lingua inglese, significa la creazione di un blocco AV artificiale mediante esposizione all'area AV - connessioni da vari fattori fisici.

    Inizialmente, per creare un blocco AV artificiale completo, è stato utilizzato il metodo di elettrodistruzione o folgorazione, mentre l'impatto nell'area della connessione AV è stato eseguito da una scarica di defibrillatore.

    Il nostro dipartimento ha accumulato una vasta esperienza nell'uso della folgorazione dell'AV, un composto nel trattamento di pazienti con forme di tachiaritmie sopraventricolari refrattarie ai farmaci.

    Tra il 1982

    Il metodo di elettrodistruzione transvenosa delle vie cardiache è stato utilizzato in 170 pazienti.

    Nonostante la sufficiente efficienza della folgorazione, questo metodo presenta una serie di svantaggi (la presenza di barotrauma, la necessità di anestesia generale, aritmie ventricolari, ecc.), Che ne ha limitato significativamente l'uso in clinica..

    anni, è stato sviluppato il metodo di ablazione a radiofrequenza (RFA), che, avendo un'elevata efficienza e un basso livello di complicanze, ha quasi completamente sostituito il metodo di folgorazione.

    La nostra clinica utilizza da anni il metodo dell'ablazione con radiofrequenza in pazienti con fibrillazione atriale costante e parossistica e, in alcuni casi, in pazienti con flutter atriale.

    Fasi di RFA

    L'intervento chirurgico viene eseguito nelle condizioni della radiografia.

    Come anestesia viene utilizzata una combinazione di anestesia locale (novocaina) e endovenosa (Diprivan).

    Dopo aver inserito gli elettrodi endocardici per la stimolazione continua e aver stabilito la stimolazione ventricolare destra temporanea, inizia la fase di ablazione a radiofrequenza.

    Durante l'operazione viene monitorata la posizione dell'elettrodo di ablazione secondo due criteri: anatomico (mediante fluoroscopia) e registrazione dell'elettrogramma del fascio di His (elettrofisiologico).

    L'elettrodo di ablazione si trova nella regione antero-settale dell'atrio destro. Dopo aver registrato il potenziale del fascio di His, l'esposizione a radiofrequenza viene eseguita a una temperatura di 40-60 ° C e, dopo aver ricevuto un blocco AV artificiale completo, il ritmo viene mantenuto mediante stimolazione temporanea del ventricolo destro.

    Dopo aver valutato la stabilità dell'effetto ottenuto entro 30 minuti dall'osservazione, viene impiantato un pacemaker permanente (ECS).

    Nella maggior parte dei casi, il blocco AV si ottiene nel primo minuto di esposizione a RFA..

    Se la RFA dal cuore destro è inefficace, viene utilizzato l'accesso dal lato sinistro alla giunzione AV (una caratteristica della posizione anatomica del nodo AV).

    Previsione

    Dall'inizio dell'uso di pacemaker ad adattamento di frequenza nella pratica clinica, la qualità della vita è migliorata, la terapia antiaritmica è assente, il numero di ricoveri ripetuti diminuisce e la tolleranza all'esercizio aumenta significativamente, il che è direttamente correlato alla normalizzazione dei parametri emodinamici..

    Il più efficace dopo la RFA è l'impianto di pacemaker moderni a due camere (con forme parossistiche di MA e presenza di ritmo sinusale). L'effetto si basa su un ritmo fisiologico sincronizzato con P, o stimolazione sequenziale senza disturbare la sincronizzazione atrioventricolare.

    L'utilizzo di sistemi più avanzati di stimolazione bicamerale con la funzione di commutazione automatica delle modalità di stimolazione (modalità auto switch) permette di preservare i vantaggi della stimolazione fisiologica a ritmo sinusale per i pazienti.

    Inoltre, questo metodo di stimolazione ha un effetto antiaritmico e riduce il rischio di parossismi da fibrillazione atriale e le sue complicanze intrinseche..

    Preparazione per la chirurgia

    La preparazione all'ablazione con radiofrequenza consiste non solo nell'esecuzione di vari studi diagnostici, ma anche nella preparazione diretta del corpo da parte del paziente.

    Prima di prescrivere un'operazione, il medico conduce diversi studi importanti:

    • ECG;
    • Ecocardiografia;
    • Monitoraggio Holter: un esame elettrofisiologico in cui viene eseguito un elettrocardiogramma entro un giorno;
    • Analisi del sangue;
    • Test di resistenza;
    • Risonanza magnetica del cuore.

    Sulla base dei risultati di queste analisi ed esami, viene presa una decisione sulla necessità di trattare le aritmie cardiache con l'aiuto della cauterizzazione del sito patologico..

    Da parte sua, il paziente deve anche compiere diversi passaggi per preparare:

    • Chiedi al tuo medico quali farmaci devi interrompere alcuni giorni prima dell'intervento. I farmaci antiaritmici di solito interrompono l'assunzione di 2-4 giorni e poche ore prima della procedura e i farmaci ipoglicemizzanti;
    • Assicurati di venire all'operazione a stomaco vuoto. L'ultimo pasto è consentito entro e non oltre dodici ore prima della RFA;
    • Radere la zona inguinale dove verrà eseguita la cateterizzazione;
    • Rimuovi tutte le decorazioni

    conclusioni

    L'ablazione transcatetere del cuore mediante energia a radiofrequenza è ampiamente utilizzata nella moderna aritmologia. L'intervento prevede alta efficienza nel trattamento dei disturbi ventricolari e atriali, mortalità minima. Il paziente non necessita di riabilitazione a lungo termine, dopo pochi giorni la sua salute torna alla normalità, torna alle sue abituali attività. L'unico svantaggio della procedura è l'alto costo e l'inaccessibilità per alcuni pazienti..

    Per preparare il materiale, sono state utilizzate le seguenti fonti di informazione.

    Procedura


    L'ablazione transcatetere viene eseguita in un ospedale in una stanza appositamente attrezzata, dove vengono create tutte le condizioni non solo per la procedura stessa, ma anche per valutarne l'efficacia, e ci sono anche mezzi per riprendere il battito cardiaco se necessario.

    Prima dell'operazione, al paziente devono essere somministrati sedativi e, anche con l'aiuto dell'anestesia locale, i siti di inserimento del catetere vengono anestetizzati. Tipicamente, un catetere viene inserito attraverso le arterie femorali destra o sinistra, a volte attraverso le arterie radiali. Il sito di puntura viene trattato con cura con un antisettico per prevenire l'infezione e quindi coperto con materiale sterile.

    Il vaso sanguigno viene perforato con un ago, attraverso il quale vengono poi inseriti i cateteri. I cateteri raggiungono il cuore e si trovano nelle sue camere. Quindi sono collegati ad attrezzature speciali che prenderanno un elettrocardiogramma. Utilizzando segnali dalla parete interna del cuore, è possibile identificare la fonte dell'aritmia. A volte diventa necessario provocare ulteriormente aritmia. La procedura è chiamata esame elettrofisiologico del cuore (EPI).

    EFI è un metodo per esaminare i pazienti con aritmie, durante il quale il medico stimola inoltre varie parti del cuore e registra un elettrocardiogramma. EFI con RFA viene eseguito per stabilire la posizione esatta del focus patologico.

    Durante l'EFI, potrebbero verificarsi disagio al petto, lieve dolore o insufficienza cardiaca. Questo non dovrebbe essere temuto, poiché tutto avviene sotto la supervisione di un medico e consente di stabilire con precisione il focus patologico che invia gli impulsi sbagliati al cuore.

    Dopo aver rilevato il focus patologico, viene portato un elettrodo che, con l'aiuto di una corrente elettrica, agisce sul tessuto cardiaco, riscaldandolo a quaranta gradi. Il calore crea una micro-cicatrice che blocca gli impulsi nervosi anomali.

    Per capire se tutto è andato bene, l'ECG viene ripreso. Se il risultato della procedura è soddisfacente, elettrodi e cateteri vengono rimossi dal corpo, in caso contrario viene eseguita nuovamente l'ablazione. Una benda di pressione viene applicata al sito di puntura per fermare l'emorragia. Successivamente, il paziente rimane in ospedale per diversi giorni. Il primo giorno viene prescritto il riposo a letto ed è vietato piegare le gambe per evitare complicazioni.

    La durata della procedura stessa va solitamente da un'ora e mezza a sei ore, a seconda della profondità del focus patologico.

    Complicazioni dopo RFA

    Le complicazioni dopo questa procedura sono estremamente rare, ma è comunque necessario tenerle a mente. Il più delle volte si verificano in pazienti con coagulazione del sangue compromessa, in pazienti con diabete mellito e negli anziani dopo 75 anni. Questo potrebbe essere:

    • Sanguinamento nel sito di puntura, soprattutto con scarsa coagulazione del sangue;
    • Puntura di un vaso sanguigno durante il passaggio dei cateteri attraverso di esso, se le pareti del vaso sono sottili o il catetere è passato accidentalmente male;
    • La formazione di coaguli di sangue nei vasi sanguigni che, cadendo nei vasi più sottili, possono ostruirli;
    • Violazione dell'integrità del tessuto cardiaco durante l'ablazione stessa;
    • Interruzione della funzione renale dopo la procedura;
    • Malfunzionamento del cuore, che esacerba ulteriormente l'aritmia;
    • Restringimento delle vene polmonari.

    Dove fare, prezzo

    Il costo dell'ablazione cardiaca varia da 30 a 140 mila rubli

    La fibrillazione, che è prodotta dai sintomi aritmici, viene trattata con l'ablazione cardiaca. I pazienti per i quali è indicato spesso hanno domande sul costo di tale operazione..

    Oggi, l'ablazione cardiaca per un paziente con fibrillazione atriale può essere eseguita in molte cliniche situate nelle grandi città. Le istituzioni mediche che forniscono tale servizio devono disporre degli strumenti necessari che sono richiesti nel processo di intervento chirurgico..

    I prezzi per l'ablazione cardiaca partono da 30.000 rubli. Il costo della procedura può salire a 140 mila rubli. Una categoria separata di pazienti ha diritto alla chirurgia a radiofrequenza gratuita. A loro viene assegnata una quota speciale dal bilancio regionale o federale.

    Periodo di riabilitazione


    La riabilitazione dopo la RFA dura da due a tre mesi. Per diversi giorni, il paziente rimane nel reparto di cardiologia, osservando il rigoroso riposo a letto il primo giorno. Immediatamente dopo l'operazione, potresti avvertire un certo disagio al petto e un dolore pressante nel sito di puntura, ma queste sensazioni dovrebbero scomparire entro mezz'ora. Se durano più a lungo, è necessario informare il medico. Se non ci sono complicazioni, dopo pochi giorni il paziente viene dimesso a casa.

    Durante il recupero da RFA, possono essere prescritti farmaci antiaritmici, anticoagulanti e altri farmaci, a seconda delle condizioni del paziente e delle malattie concomitanti.

    Di solito la riabilitazione va bene e non è richiesta alcuna ulteriore ripetizione della procedura, tuttavia il paziente, da parte sua, dovrebbe riconsiderare il suo stile di vita: smettere di fumare, non consumare alcol e bevande contenenti caffeina, ridurre il sale e i cibi grassi. È anche importante dare al corpo un carico ragionevole. Non sovraccaricarlo con l'esercizio fisico, ma anche non condurre uno stile di vita sedentario. Il cuore dovrebbe funzionare, ma senza sovraccarico. Le passeggiate all'aria aperta sono utili.

    Riabilitazione

    Il periodo di recupero dura circa una settimana. Il primo giorno o due persone sono in ospedale. Per gli specialisti che si occupano del paziente postoperatorio. Valutato la condizione e, se necessario, aiutato.

    • Devi sdraiarti per 3-4 ore. In modo che il cuore venga ricostruito in un modo nuovo e anche le ferite nell'area di accesso al catetere non si aprano.
    • Una volta che la persona è stata dimessa, può tornare alla sua vita normale. Ma le restrizioni si applicano all'attività fisica. Non puoi correre, saltare, trasportare pesi superiori a 10 kg. Durante la settimana dovrai osservare un regime parsimonioso.
    • Di conseguenza, non ci sono temperature estreme o l'influenza di freddo / caldo pronunciato. I bagni, i bagni caldi lunghi sono controindicati.

    Dopo circa 7 giorni, è necessario consultare uno specialista. Quindi, con il suo permesso, puoi tornare alla vita normale..

    Vantaggi di RFA rispetto ad altri trattamenti

    I pazienti che sono stati sottoposti a RFA rispondono bene alla procedura. I medici ritengono inoltre che questo trattamento chirurgico delle aritmie cardiache sia attualmente uno dei metodi migliori..

    • L'operazione non richiede grandi incisioni, è necessaria solo una puntura per inserire l'ago.
    • La procedura è praticamente indolore. Il sito di iniezione viene trattato con un anestetico locale, dopo la fine non è necessario somministrare al paziente antidolorifici. Durante la procedura stessa, si possono osservare solo sensazioni spiacevoli al petto, che scompaiono entro mezz'ora dal completamento.
    • I pazienti tollerano facilmente la RFA e si riprendono in breve tempo. Vengono dimessi a casa dopo pochi giorni, a differenza di quelle persone che subiscono operazioni addominali. A volte trascorrono diverse settimane in ospedale. Anche la riabilitazione richiede solo 2-3 mesi.
    • Dopo l'operazione, il sito di puntura guarisce molto rapidamente e non lascia alcun segno, a differenza di una cicatrice dopo un'operazione addominale.

    Al momento RFA è l'unica alternativa per i pazienti a cui, per qualsiasi motivo, è vietato l'intervento a cuore aperto.

    L'unico inconveniente che si può chiamare per questa procedura è il suo prezzo, ma ciò è dovuto al fatto che l'operazione utilizza le attrezzature più recenti e costose..

    Recensioni

    Ho 40 anni. Ha iniziato a soffrire di attacchi di aritmia dai suoi giorni da studentessa. I problemi maggiori sono sorti durante la gravidanza. A causa dell'aritmia, ho trascorso metà del trimestre in ospedale sotto la supervisione di un cardiologo. Con l'età, gli attacchi sono diventati più frequenti. Qualsiasi attività fisica ha portato a un nuovo attacco. I medici dell'ambulanza hanno visitato la mia casa più spesso di parenti e amici. Ho deciso di RFA. L'operazione è stata completata con successo. È durato tre ore. Durante il periodo di riabilitazione, gli attacchi persistettero, ma non furono forti. Sei mesi dopo, tutto è tornato alla normalità.

    L'operazione RFA è stata eseguita due anni fa. Oggi non ricordo l'aritmia. Nel periodo postoperatorio il problema maggiore non era il cuore, ma la gamba attraverso la quale veniva somministrata l'anestesia. Tolley all'inizio dell'operazione non era raccolto abbastanza, oppure erano le peculiarità del mio corpo, ma il livido sulla gamba era enorme ed era terribilmente malato. La gamba è stata effettivamente portata via. La stessa procedura RFA non ha causato grossi problemi..


    Articolo Successivo
    Colpo dello stelo: che cos'è?