Sintomi delle vene varicose uterine e trattamento delle vene varicose


Le vene varicose dell'utero non hanno un limite di età, quindi possono verificarsi sia nelle donne in età pensionabile che nelle giovani ragazze nullipare. È noto che la popolazione femminile è più incline alle vene varicose, ma poche persone sanno che le vene varicose possono svilupparsi non solo sulle gambe e sui fianchi, ma anche sugli organi interni, ad esempio sull'utero.

Conseguenze pericolose

Un numero enorme di fattori ambientali provoca patologia. Le donne moderne non si prendono affatto cura di se stesse, espongono costantemente il loro corpo allo sforzo fisico e tutto ciò, nel tempo, influisce negativamente sul loro corpo. La malattia può svilupparsi nel corso degli anni ed essere diagnosticata in una fase avanzata. È per questo motivo che almeno una volta all'anno è necessario sottoporsi a visite preventive da parte di un ginecologo..

In generale, la prognosi per il trattamento della malattia è favorevole, l'importante è cercare prontamente l'aiuto di specialisti qualificati e non ascoltare i consigli dei vicini che una volta hanno riscontrato un disturbo simile e sono stati curati con tinture o unguenti. Il trattamento delle vene varicose dell'utero dovrebbe essere effettuato senza fallo, perché la malattia può provocare conseguenze pericolose:

  • tromboflebite: una malattia delle pareti dell'utero, seguita dalla formazione di coaguli di sangue su di esse;
  • trombosi della vena ovarica - blocco dei vasi sanguigni.

Entrambe le patologie possono essere fatali senza cure mediche tempestive..

Le ragioni per lo sviluppo della malattia

Le vene varicose dell'utero sono associate a squilibri ormonali e funzionalità della ghiandola tiroidea. La malattia si sviluppa a causa di una maggiore coagulazione del sangue negli organi pelvici.

Le vene varicose dell'utero possono avere i seguenti motivi:

  • infiammazione prolungata dell'organo;
  • aborto;
  • parto difficile;
  • stitichezza frequente;
  • contraccezione intrauterina;
  • patologie congenite;
  • difetti della valvola venosa;
  • esecuzione di vene varicose sulle gambe;
  • predisposizione ereditaria alla malattia;
  • esercizio fisico;
  • prendendo contraccettivi ormonali;
  • uso incontrollato di farmaci.

Solo un medico qualificato può determinare con precisione le cause dello sviluppo di alterazioni degenerative nei vasi dopo un esame approfondito e interrogatorio del paziente..

Le vene varicose della cervice a volte si sviluppano durante la gravidanza. Poiché il feto si trova in modo non uniforme nella cavità addominale, può comprimere le vene uterine in un secondo momento. Le vene varicose dell'utero durante la gravidanza non sono considerate una patologia e non richiedono trattamento; immediatamente dopo la nascita di un bambino, la circolazione sanguigna è normalizzata. In alcuni casi, i medici raccomandano un taglio cesareo per evitare rotture ed emorragie durante la spinta..

Sintomi delle vene varicose dell'utero

La complessità della situazione sta nel fatto che i sintomi di questa malattia sono molto simili ad altri disturbi nel sistema genito-urinario, quindi possono essere facilmente confusi e il trattamento non verrà eseguito correttamente. I sintomi pronunciati delle vene varicose dell'utero hanno solo 2 stadi. Nelle fasi iniziali, la malattia non si manifesta affatto. È possibile determinarlo nella fase 1 per caso durante un esame ecografico di routine.

Sintomi vasi dilatati dell'utero:

  • tirando dolore e disagio nell'addome inferiore;
  • una sensazione di pesantezza nella parte bassa della schiena;
  • interruzioni del ciclo mestruale;
  • sensazioni dolorose durante il rapporto;
  • mestruazioni abbondanti;
  • scarico atipico;
  • debolezza generale;
  • diminuzione delle prestazioni.

Tutti i sintomi di cui sopra sono un buon motivo per consultare un medico. È severamente vietato eseguire l'autodiagnostica e prescrivere un trattamento per se stessi; questo può essere fatto solo da un medico qualificato su base individuale.

Diagnostica e trattamento farmacologico

La tomografia computerizzata e la radiografia non sono procedure molto informative nella diagnosi di una malattia come le vene varicose dell'utero. Molte più informazioni sulle condizioni del paziente possono essere ottenute con l'aiuto dell'esame ecografico..

Viene eseguita un'introduzione transvaginale di una sonda speciale, che consente di valutare lo stato dei vasi nell'utero. Inoltre, vengono prescritti test di laboratorio per valutare la composizione del sangue. Un numero maggiore di piastrine può interrompere la normale circolazione sanguigna e causare una serie di effetti negativi sul corpo. Molto spesso, le vene varicose uterine sono combinate con vene varicose nell'ovaio, quindi il medico deve esaminare le appendici..

Quando si diagnosticano le vene varicose nell'utero, il trattamento viene eseguito con due metodi: conservativo e chirurgico. Il trattamento conservativo consiste nell'assunzione di tali farmaci:

  • Detralex;
  • Phlebodia;
  • Normale;
  • Troxerutin;
  • Venarus.

Inoltre, vengono prescritti farmaci che possono fluidificare il sangue, ad esempio Thrombo ACC, Eparina, Cardiomagnyl.

Se la malattia è stata diagnosticata in una fase avanzata o la terapia farmacologica non ha portato i risultati attesi, viene eseguita la chirurgia. Esistono diverse opzioni per il trattamento chirurgico:

  • flebectomia;
  • scleroterapia;
  • coagulazione laser;
  • coagulazione delle onde radio;
  • escissione chirurgica tradizionale.

Ciascuna delle modalità di trattamento ha le proprie caratteristiche e la natura della condotta. Ad esempio, la flebectomia consiste nella rimozione dei vasi varicosi mediante incisioni; con la coagulazione laser, il deflusso sanguigno viene normalizzato dall'azione di un raggio laser sui vasi ostruiti. La scleroterapia è una procedura in cui una sostanza sclerosante viene iniettata nei vasi colpiti, incollando il vaso. Con la coagulazione delle onde radio, le vene sono influenzate dalle onde radio di una certa frequenza, distruggono i blocchi e puliscono i vasi.

I metodi cardinali sono considerati la rimozione di una sezione specifica della vena uterina o l'eliminazione completa dell'utero e delle sue appendici. L'opportunità di utilizzare un particolare metodo di trattamento viene decisa individualmente, tenendo conto dell'età del paziente, della presenza di prole e di malattie concomitanti.

Esercizi di dieta e fisioterapia

Durante il trattamento e dopo l'intervento chirurgico, è molto importante mantenere uno stile di vita sano e mangiare correttamente. Aumenta la quantità di alimenti contenenti vitamine nella tua dieta, cetrioli, mirtilli rossi, sedano, pomodori e ciliegie hanno un ottimo effetto sulla condizione delle vene. Limita il consumo di cibi fritti, grassi e affumicati, contribuisce al blocco dei vasi sanguigni e riduce il tasso di assorbimento delle vitamine. Dovresti abbandonare le cattive abitudini, passare più tempo all'aria aperta e non indugiare a lungo nella stessa posizione. Qualsiasi attività fisica a cui una donna si sottopone deve essere fattibile.

Le vene varicose dell'utero vengono corrette da esercizi fisici, che aumenteranno il tono dei muscoli e dei vasi sanguigni in questo organo. I seguenti esercizi fisici hanno un ottimo effetto sulle condizioni dei pazienti:

  1. Sdraiati sulla schiena, metti le mani a terra con i palmi e con i piedi fai movimenti che simulano andare in bicicletta.
  2. Nella stessa posizione, fai l'esercizio delle gambe delle forbici 30 volte. Dopodiché, ci rotoliamo sullo stomaco. Solleviamo il corpo, appoggiamo i gomiti sul pavimento e facciamo gli stessi movimenti con le gambe. In questa posizione, è più difficile manipolare gli arti, ma l'effetto di essi è maggiore..
  3. In posizione seduta o in piedi, tirare l'ano verso l'interno. Tali movimenti sono combinati con una corretta respirazione: aspirano durante l'inspirazione e rilasciano aria durante l'espirazione. Basta 15 ritrazioni una volta al giorno.
  4. Siediti sul pavimento, piega un ginocchio e raddrizza l'altra gamba. La gamba raddrizzata viene sollevata e abbassata lentamente 20 volte. Dopodiché, la gamba viene cambiata.

Questi semplici esercizi, che non ti richiederanno un po 'di tempo, possono migliorare la circolazione sanguigna negli organi pelvici e direttamente nell'utero. Come carico aggiuntivo, puoi salire le scale, questo ha anche un grande effetto sulla circolazione sanguigna e rafforza i muscoli delle gambe..

Rimedi e ricette popolari

I seguenti metodi popolari aiutano a fluidificare il sangue e migliorare perfettamente i processi di circolazione sanguigna:

  1. Mescola un cucchiaio di aceto con un bicchiere d'acqua. Consumare 2 volte al giorno prima dei pasti.
  2. La tintura di ippocastano consente non solo di rafforzare i vasi sanguigni, ma anche di aumentare l'immunità. Potete acquistarlo già pronto in farmacia o prepararlo da soli mescolando castagne tritate e alcool. Lo strumento viene insistito per 2 settimane in un contenitore di vetro sotto un coperchio ben chiuso. Dentro, usa 20 gocce prima dei pasti..
  3. Pulisce perfettamente i vasi sanguigni con la propoli nella sua forma naturale e sotto forma di decotto. Si consiglia di sciogliere una fetta di prodotto per un'ora o di preparare un decotto a base di essa, basta versare acqua bollente sulla propoli e lasciarla per 20 minuti. Va notato che il rimedio può danneggiare le persone con ipertensione, poiché accelera la circolazione sanguigna nel corpo e provoca una crisi ipertensiva.
  4. La tintura di lillà e alcol rimuove molto bene la congestione negli organi pelvici. È necessario mescolare 200 g di fiori di piante con 0,5 litri di alcol e lasciare per 2 settimane. Quindi 1 cucchiaino. usa il rimedio prima di ogni pasto, bevi o mangia.
  5. Un decotto di coni di luppolo aiuta molto. Sono fermentati in acqua bollente per 15 minuti, infusi per mezz'ora e bevuti mezzo bicchiere, 2 volte al giorno.

Le vene varicose dell'utero sono una patologia molto grave, quindi in questo caso non dovresti lasciarti trasportare dalla terapia alternativa. Può fungere da coadiuvante al trattamento principale, in nessun caso va utilizzato da solo. Ora, sai cosa sono le vene varicose uterine e sai approssimativamente come trattare questo disturbo, quindi ai primi sintomi puoi consultare rapidamente un medico e fermare la malattia in una fase precoce, impedendo che si sviluppi in una forma cronica, che è considerata incurabile.

Sintomi e trattamento delle vene varicose dell'utero

Tra le malattie dell'area genitale femminile, ci sono patologie che si verificano quasi senza sintomi e sono difficili da diagnosticare. Una di queste malattie sono le vene varicose dell'utero. Provoca disagio nell'addome inferiore, è causa di difficoltà durante la gravidanza. Le informazioni su questa malattia ti permetteranno di identificarla nella prima fase e iniziare prontamente il trattamento.

Nell'articolo ti diremo:

Caratteristiche della patologia

Il ristagno di sangue nei vasi delle vene è chiamato vene varicose. Ciò porta alla perdita della loro elasticità, deformazione, espansione. I vasi degli organi pelvici e delle gambe sono i più colpiti.

Se i segni di patologia sono evidenti sugli arti inferiori, il cambiamento uterino nelle vene è difficile da rilevare. Complicazioni di ristagno prolungato di sangue possono essere infiammazione delle ovaie, utero, infertilità.

Spesso la malattia è combinata con lesioni simili di un'altra localizzazione.

I vasi delle donne in età fertile sono più suscettibili alla deformazione. A volte le vene varicose dell'utero sono combinate con patologie dei vasi delle grandi labbra. I pazienti si rivolgono al medico con il sospetto di una malattia, poiché sentono gonfiore e disagio.

Cause della malattia

Ci sono molte ragioni per il verificarsi della patologia. Il fattore principale nell'allargamento delle vene uterine è la gravidanza. Durante questo periodo, i vasi si dilatano notevolmente per consentire il flusso sanguigno. Le vene hanno una parete sottile, si allungano in modo significativo, il lavoro delle valvole è interrotto.

Le cause delle vene varicose dell'utero sono:

  • stile di vita senza attività fisica;
  • tendenza a formare coaguli di sangue;
  • stitichezza persistente;
  • predisposizione ereditaria;
  • assunzione di farmaci ormonali;
  • carichi ponderati;
  • anomalie congenite dell'utero, ad esempio, la sua curva;
  • debolezza congenita delle valvole delle vene;
  • frequente mancanza di orgasmo durante i rapporti sessuali;
  • disturbi ormonali.

A rischio che le donne interrompano la gravidanza, avendo difficoltà nel parto.

Segni della malattia

I sintomi delle vene varicose non differiscono per qualità specifiche, possono essere mascherati da altri problemi ginecologici. Le manifestazioni cliniche sono più comuni nelle donne, ma possono verificarsi anche nell'adolescenza.

I segni comuni sono:

  • dolore nell'addome inferiore;
  • violazione del ciclo mestruale;
  • disagio nella vagina durante il rapporto sessuale;
  • dolore durante la minzione senza motivo apparente;
  • disagio nella zona inguinale durante lo sforzo;
  • aumento della sensibilità della vagina.

Nella prima fase della malattia non compaiono segni di vene varicose. Diventano evidenti in seguito. Questa patologia non è in pericolo di vita, ma il suo sviluppo può complicare il corso della gravidanza, portare alla sterilità..

Misure diagnostiche

Le manifestazioni delle vene varicose dell'utero sono simili ad altre malattie: endometriosi, infiammazione intestinale, patologia delle tube di Falloppio. Per questo motivo, è importante effettuare la diagnostica per differenziare le malattie..

Per esaminare il corpo femminile, nomina:

  • scansione duplex delle vene;
  • flebografia (con contrasto);
  • tomografia;
  • Ultrasuoni degli organi interni della piccola pelvi;
  • Laparoscopia;
  • Ecografia (intravaginale).

Durante un esame ginecologico, il medico noterà un cambiamento nella mucosa della cervice e della vagina. Con la patologia, diventano cianotici, si gonfiano, si ricoprono di ispessimenti. Sulla base dei dati ricevuti, il medico curante chiarisce la diagnosi, determina il piano di trattamento.

Azioni terapeutiche

Con le vene varicose dell'utero, il trattamento viene prescritto contemporaneamente da un ginecologo e uno specialista vascolare - flebologo. Per ottenere un risultato positivo, è necessaria una serie di misure. È necessario ridurre il carico sulla parte inferiore del corpo, aumentare l'attività fisica, rinunciare a cattive abitudini dannose per i vasi sanguigni.

È importante indossare indumenti compressivi. Ciò migliorerà la microcircolazione sanguigna e ridurrà il dolore in caso di vene varicose cervicali. In casi difficili, è necessario ricorrere all'intervento chirurgico.

Le vene varicose dell'utero richiedono un trattamento complesso, tuttavia, inizia solo dopo un esame completo.

Trattamento farmacologico

In assenza di gravidanza, a una donna vengono prescritti farmaci per curare i vasi dilatati delle vene della cervice e della vagina. Vengono prescritti diversi farmaci contemporaneamente, poiché l'effetto deve essere complesso per ottenere un effetto a lungo termine.

I seguenti medicinali possono essere utilizzati per curare le vene varicose dell'utero:

  1. Venotonics. Mezzi per rafforzare le pareti dei vasi sanguigni, riducendo l'edema nell'utero e l'infiammazione, ad esempio Detralex. È consentito alle donne in gravidanza e in allattamento.
  2. Angioprotettori. Mezzi per migliorare il movimento del sangue attraverso i piccoli vasi, rafforzare le loro pareti, ridurre la permeabilità, ad esempio Glivenol.
  3. Preparati enzimatici. La loro azione migliora i processi metabolici, che aiuta a ridurre il ristagno.
  4. Medicinali a base di nitrati. Usato quando compare edema tissutale.

I farmaci non sono prescritti per le donne incinte. Esiste il rischio di effetti negativi sul feto. Durante questo periodo, si consiglia di utilizzare una doccia di contrasto, complessi vitaminici, procedure di fisioterapia.

Intervento chirurgico

Se le vene varicose dell'utero si trovano in una fase avanzata, viene utilizzato un trattamento chirurgico. Lo fanno anche se il trattamento farmacologico non ha prodotto un effetto positivo..

Esistono diversi metodi di intervento chirurgico:

  1. Rimozione di vasi sottili danneggiati attraverso piccole incisioni - flebectomia.
  2. Coagulazione laser - ripristino con un laser del passaggio del sangue attraverso i vasi.
  3. Legare le vene danneggiate con un apparecchio speciale. In futuro, i vasi si dissolvono a causa della cessazione del flusso sanguigno. La procedura si chiama scleroterapia.

Se ci sono gravi complicazioni, è necessario rimuovere l'utero, in alcuni casi insieme alle ovaie. A una donna viene prescritta una terapia ormonale per evitare l'inizio della menopausa precoce.

Aiuto della medicina tradizionale

Le ricette della medicina tradizionale dovrebbero essere utilizzate come rimedio aggiuntivo, poiché le vene varicose dell'utero possono essere curate solo con metodi tradizionali. L'uso di guaritori tradizionali deve essere segnalato al medico curante in modo che il trattamento non si contraddica a vicenda.

I coni di luppolo aiutano bene con le vene varicose della cervice. Un grande cucchiaio di materie prime viene schiacciato, versato con acqua bollente (200 ml). Lasciate fermentare e raffreddare per circa 20 minuti. Bere in una volta. Tre volte al giorno, devi cucinare e bere un decotto di coni prima dei pasti..

L'ortica giovane è un eccellente aiuto per i vasi sanguigni danneggiati. Versare un cucchiaio abbondante d'acqua (200 ml) e portare a ebollizione. Dividere in 3 parti, bere prima dei pasti. Trattamento a lungo termine (1 anno), ma efficace.

Complicazioni della malattia

Ogni donna dovrebbe immaginare quanto siano pericolose le vene varicose uterine.

Una malattia senza trattamento può portare a gravi complicazioni:

  • infertilità;
  • rottura delle ovaie;
  • trombosi;
  • emorragia interna;
  • violazione del ciclo mestruale;
  • dolore cronico nell'addome inferiore;
  • rottura delle vene danneggiate.

Un trattamento tempestivo può prevenire lo sviluppo di conseguenze negative, il verificarsi di sanguinamento, che rappresentano un grave pericolo..

Misure preventive

La patologia vascolare pelvica può essere prevenuta.

Le misure preventive consentiranno:

  • rafforzare le pareti vascolari;
  • sviluppare i muscoli centrali;
  • eliminare la stasi del sangue.

Tali azioni ti permetteranno di combattere la deformazione, l'allungamento dei vasi venosi..

Il complesso di misure preventive include:

  • assunzione di farmaci (su raccomandazione di un medico);
  • ginnastica speciale per vene varicose dell'utero;
  • aderenza a una dieta;
  • rifiuto delle cattive abitudini;
  • vita sessuale adattata.

Per la zona pelvica sono utili esercizi simili a quelli per la malattia venosa degli arti inferiori. I muscoli del perineo e della cervice si rilassano bene quando si esegue l'esercizio "betulla", "bicicletta".

I medici raccomandano il nordic walking e l'escursionismo. È meglio rifiutare l'allenamento della forza. Con l'attività fisica e il rispetto delle regole di uno stile di vita sano, le previsioni per il recupero dalle vene varicose sono abbastanza favorevoli.

Cause e meccanismo di sviluppo delle vene varicose dell'utero

Le donne in età fertile sono a rischio di vene varicose uterine. Questa malattia è caratterizzata dall'espansione dei vasi venosi degli organi pelvici, a seguito dell'interruzione dell'apparato valvolare dei vasi presentati o di una diminuzione della loro elasticità.

Una malattia simile può comparire a causa della presenza di violazioni da:

  1. Vasi genitali: in questo caso, l'utero, le ovaie, la vagina soffrono;
  2. Vasi degli organi pelvici - vengono aggiunti i vasi venosi della vescica e dei muscoli pelvici;
  3. Vena cava: disturbi del flusso sanguigno attraverso questo vaso o danni ai tronchi principali che fluiscono in esso, possono portare all'emostasi nelle vene del bacino e degli arti inferiori.

C'è una tendenza al ringiovanimento di questa malattia, la percentuale di vene varicose nelle ragazze sotto i 16 anni è in aumento. Ma soprattutto, questa malattia colpisce le donne che partoriscono, così come i pazienti durante la menopausa..

Le ragioni

La presenza di vene varicose dell'utero o delle ovaie è spesso accompagnata da quelle sulle vene degli arti inferiori. Questa condizione è associata a una violazione dello stato fisiologico del tessuto connettivo. A causa di ciò che soffre la parete vascolare, diventa più raffinata e cede facilmente alla pressione. Inoltre, con una violazione della struttura del tessuto connettivo, si verifica un danno o la completa distruzione dell'apparato valvolare all'interno delle vene.

Le valvole sono necessarie per contenere il sangue venoso per impedirne il riflusso.

Le seguenti condizioni contribuiscono ad un aumento della pressione nelle vene e allo sviluppo delle vene varicose:

  • Blocco o stenosi dei vasi principali - in questo caso, c'è una violazione del flusso sanguigno nel letto della vena cava inferiore, che porta all'inibizione del flusso sanguigno e ad un aumento della pressione in tutti i vasi fluenti;
  • Gravidanza - Nelle prime fasi, è necessario un apporto sufficiente di nutrienti per una rapida crescita delle cellule embrionali. Il corpo contribuisce a questo aumentando il flusso sanguigno, rispettivamente, anche il deflusso deve aumentare, il che aumenta il carico sui vasi venosi. Con la progressione della gravidanza, si verifica un aumento delle dimensioni del feto e dell'utero, che porta alla compressione delle vene. Ciò porta a un deterioramento del deflusso di sangue, un aumento della pressione venosa nel sistema della vena cava inferiore. Questa condizione è spesso accompagnata dall'insorgenza di vene varicose sugli arti inferiori e sugli organi pelvici..
  • Attività fisica - con un esercizio eccessivo o con un duro lavoro frequente, per un migliore afflusso di sangue ai muscoli, il flusso sanguigno verso di loro aumenta, a causa di ciò, anche il deflusso sarà aumentato, il che aumenterà la pressione nei vasi venosi locali e porterà allo sviluppo di vene varicose;
  • Stitichezza: durante la stitichezza, i pazienti devono sforzarsi duramente per svuotare, questo porterà ad un aumento della pressione intra-addominale e ad un aumento del sangue nel sistema venoso, che contribuirà allo sviluppo delle vene varicose;
  • Assunzione di farmaci ormonali: in questo caso, la concentrazione di progesterone nel letto vascolare può aumentare, questo ormone rilassa la muscolatura liscia dell'utero, favorisce l'espansione di vene e arterie;
  • Uno stile di vita inattivo: bassa attività fisica, posizione seduta o sdraiata costante porta allo sviluppo di stasi sanguigna cronica nella metà inferiore del corpo. L'accumulo di sangue nei vasi venosi porta alla loro espansione, perdita di elasticità ed elasticità, tali condizioni portano all'interruzione del funzionamento delle valvole vascolari;
  • Patologie congenite degli organi pelvici - posizione patologica dell'utero, deformazioni dell'area rettale, cambiamenti nelle ovaie possono portare a sovrapposizione, sottosviluppo o indurimento delle vene in quest'area e in alcuni casi arterie;
  • Processo oncologico: la progressione della crescita del tumore nella cavità pelvica, porta alla compressione di organi e strutture vicini. Anche i vasi venosi rientrano in questa azione, che porta alla loro espansione;
  • Malattie infiammatorie: da un lato, tali processi sono accompagnati da un aumento della circolazione sanguigna locale, che porta ad un aumento del deflusso sanguigno. L'altro aspetto di questo fattore è che qualsiasi processo infiammatorio colpisce le strutture vicine, compresi i vasi sanguigni. Con malattie infiammatorie o purulente in corso a lungo termine, aumentano le possibilità di sviluppare vene varicose;
  • Sovrappeso: porta a uno stress costante sugli arti inferiori, questo contribuisce ad un aumento del flusso sanguigno. La deposizione di tessuto adiposo nella regione addominale porta ad un aumento della pressione intra-addominale, che diventa causa di un deterioramento del deflusso del sangue venoso.

Per provocare lo sviluppo delle vene varicose dell'utero contribuiscono a frequenti aborti nella storia. Allo stesso tempo, ci sono cambiamenti costanti nel background ormonale e alcuni ormoni possono peggiorare lo stato dei vasi sanguigni..

Il corpo della donna, preparandosi alla gravidanza, aumenta l'afflusso di sangue ai genitali, aumentando le dimensioni delle arterie e delle vene e il volume del sangue circolante.

Sintomi associati

La diagnosi di questa malattia è spesso difficile, a causa del fatto che i sintomi che compaiono sono caratteristici di molte altre malattie associate agli organi genitali femminili. Per determinare le vene varicose dei vasi uterini, è necessario condurre un esame, nonché metodi di ricerca strumentali.

Per sospettare la presenza di vene varicose dell'utero, è necessario prestare attenzione ai seguenti sintomi:

  1. Dolore: può verificarsi in qualsiasi momento, può essere tirante, dolorante, noioso. Il dolore con le vene varicose dell'utero è localizzato nell'addome inferiore, può scendere nella regione pubica. Il dolore addominale può peggiorare prima che si verifichino le mestruazioni;
  2. Sensazioni durante il sesso - spesso i pazienti con vene varicose lamentano ottusità delle sensazioni durante il rapporto sessuale, mentre il processo stesso può essere accompagnato da sensazioni spiacevoli e dolorose nell'addome inferiore. Dopo la fine del rapporto, una donna può provare disagio nella zona vaginale, così come all'interno dell'addome nella regione pubica;
  3. Prolungata assenza di orgasmi: in questo stato, i sentimenti delle donne sono attenuati e anche le sensazioni spiacevoli contrastano il godimento del piacere durante il rapporto. In futuro, queste donne perdono completamente interesse per la vita sessuale;
  4. Violazioni del ciclo mestruale: l'inizio delle mestruazioni è regolato dal frastuono dell'utero e delle ovaie, con lo sviluppo dell'emostasi nell'area di questi organi, il loro funzionamento è interrotto. In questo caso, possono verificarsi sensazioni dolorose che precedono l'inizio delle mestruazioni e il processo di rilascio degli ovociti stesso non si verifica;
  5. Mancanza di gravidanza: questo problema sorge anche a causa di una violazione dell'equilibrio ormonale del corpo della donna. Con lo sviluppo delle vene varicose dell'utero, si verifica una violazione dell'endometrio, che può diventare un ambiente distruttivo per lo sperma;
  6. Sensazioni spiacevoli e dolorose durante la minzione - con tali manifestazioni, una donna si rivolge molto spesso a un urologo, in assenza di patologia dai reni, ulteriore diagnostica e interruzione del trattamento, che rende possibile la progressione del processo patologico.

Va ricordato che la maggior parte dei casi di vene varicose dell'utero, nelle prime fasi dello sviluppo, praticamente non compaiono in alcun modo. La rilevazione di questa patologia avviene per caso quando una donna viene sottoposta a esami di routine o diagnosi di un'altra malattia.

Pertanto, a scopo preventivo, i medici raccomandano di sottoporsi costantemente a esami da un ginecologo e, se necessario, di condurre un esame ecografico..

Le vene varicose dell'utero nella maggior parte dei casi sono accompagnate da vene varicose del plesso arcuato. Questa vascolarizzazione aiuta il flusso sanguigno dagli organi pelvici, nonché dai genitali esterni, dal perineo e dalla parte superiore della coscia..

Con lo sviluppo del ristagno in questi vasi, si verificano sensazioni dolorose e spiacevoli nell'area delle grandi e piccole labbra, nell'area del clitoride e del pube. Inoltre, le emorroidi compaiono più spesso a causa delle vene varicose del plesso arcuato. Che è accompagnato da sintomi caratteristici per questa malattia.

Diagnostica

Quando si cerca assistenza medica, la prima cosa che il medico conduce è un sondaggio e un esame. Dove apprende lo stile di vita, la natura del lavoro, le gravidanze passate e il parto. Il medico deve conoscere il tempo approssimativo per l'inizio dei sintomi di disturbo..

È obbligatorio chiedere informazioni sul ciclo mestruale, come va, cosa precede le mestruazioni, la natura della scarica.

Ispezione

Durante una visita ginecologica, il medico può vedere la seguente immagine:

  • Le labbra esterne, gonfie di punti blu, indicano vene varicose degli organi pelvici. In questo caso, i punti blu sono vasi venosi sporgenti o nodi con congestione sanguigna;
  • La presenza di emorroidi è anche prova di congestione sanguigna nel sistema venoso della piccola pelvi;
  • Cervice dilatata: può caratterizzare le vene varicose iniziali della cervice. In questo caso, esternamente, il collo apparirà edematoso, con punti cianotici, può diventare esso stesso cianotico. L'aspetto delle ghiandole cistiche ingrandite della cervice può indicare un processo attuale a lungo termine, mentre è necessario indagare ulteriormente sullo sfondo ormonale del paziente;
  • Lo scolorimento e la manifestazione dei vasi venosi lungo la superficie mucosa della vagina è un chiaro segno di stasi del sangue nella piccola pelvi.

Ecografia

Il passo successivo è la diagnostica strumentale. In questo caso, ricorrono all'esame ecografico. Il metodo ecografico consentirà di visualizzare l'utero e le appendici, valutandone la struttura, le dimensioni e la posizione.

L'uso dell'ecografia Doppler consentirà di valutare il flusso sanguigno attraverso i vasi arteriosi e venosi degli organi pelvici. Per una migliore produttività, è possibile utilizzare l'ecografia transvaginale. In questo caso, è possibile ottenere un maggiore contenuto di informazioni e valutare meglio lo stato dei vasi dell'utero.

Per valutare meglio i vasi di una donna, un ulteriore studio delle vene dell'arto inferiore.

Angiografia

L'uso di metodi di contrasto a raggi X per valutare lo stato flebologico degli organi pelvici, nonché dei vasi del perineo, consentirà di valutare il grado di danno ai vasi venosi, nonché di determinare la presenza di vene varicose, coaguli di sangue, curvature significative.

Per una migliore visualizzazione, è possibile eseguire l'ovaiografia con contrasto retrogrado. Per questo metodo, è necessario inserire un catetere attraverso le vene succlavia o femorali direttamente alle gonadi. Quindi rilasciare localmente un mezzo di contrasto radiopaco per aiutare a visualizzare e valutare la salute vascolare.

Un modo più accurato per visualizzare i vasi sanguigni è la tomografia computerizzata degli organi pelvici. Dopo aver superato questo studio, è possibile determinare con precisione quali vasi sono cambiati, il grado del loro affetto, la presenza di noduli. La combinazione di contrasto e TC ti consentirà di creare un modello 3D di organi e vasi della cavità pelvica.

L'uso di metodi di ricerca a raggi X è pericoloso per la salute del bambino. Nel primo periodo di gravidanza, l'uso di tali metodi è vietato e in un secondo momento solo dopo l'accordo del medico curante.

Durante la gravidanza, è necessario comprendere il valore dei dati ottenuti e il possibile danno al feto. Nonostante il fatto che esista un numero sufficiente di metodi di ricerca innocui che affrontano il loro compito non peggiore della TC.

Perdita di gravidanza

In questo periodo della vita del paziente, è abbastanza responsabile, poiché con lo sviluppo della gravidanza aumentano tutti i sintomi e le manifestazioni delle vene varicose dell'utero. La crescita fetale provoca la compressione delle vene principali, provocando un aumento della pressione venosa nella metà inferiore del corpo.

Inoltre, un cambiamento del background ormonale favorisce un maggiore rilassamento della muscolatura liscia degli organi e dei vasi sanguigni, che provoca una diminuzione del tono e la resistenza allo stress in questi ultimi. Per il normale apporto di sangue all'utero e al feto ingrossati, il suo volume aumenta, il che conferisce un carico ancora maggiore ai vasi che sono abituati a meno sangue..

Inoltre, affinché il feto riceva più sostanze nutritive, il flusso sanguigno aumenta, questo fenomeno contribuisce ad aumentare il suo deflusso attraverso le vene, motivo della loro significativa espansione.

In questo caso, nel sistema venoso, durante la gravidanza, ci sono volumi di sangue sufficientemente grandi, mentre le valvole non sono in grado di trattenerlo - si sviluppa insufficienza. E la costante esposizione all'alta pressione porta all'espansione delle pareti vascolari.

Durante la gravidanza, le complicazioni delle vene varicose sono terribili:

  1. Tromboflebite - il fenomeno del blocco e del ristagno nei vasi venosi con l'aggiunta di un processo infiammatorio;
  2. Trombosi della vena ovarica: porta a danni tossici a questi organi, oltre a forti dolori;
  3. Interruzione dei livelli ormonali, che può portare all'aborto;
  4. Insufficienza della placenta - influenzerà negativamente le condizioni del nascituro, può portare a distacco della placenta, ipossia fetale e intossicazione.

Trattamento

Dopo la diagnosi, i medici determinano le tattiche di trattamento. In questo caso, ci sono due modi:

  1. Trattamento conservativo;
  2. Intervento chirurgico.

Trattamento conservativo

Come terapia conservativa, al paziente viene prescritto:

  • Cambiamenti nello stile di vita: devi essere limitato dallo stress e passare meno tempo in posizione seduta. È necessario condurre uno stile di vita attivo, ma non consentire carichi prolungati e forti sugli arti;
  • Esercizi: per i pazienti con vene varicose dell'utero, è stata sviluppata una serie di esercizi fisici che normalizzeranno il flusso sanguigno dagli organi pelvici e dagli arti inferiori, miglioreranno l'elasticità e l'elasticità dei vasi sanguigni;
  • Nutrizione: per il rapido ripristino della parete vascolare, è necessario consumare molte vitamine e minerali presenti nella frutta e nella verdura;
  • Una doccia di contrasto è una misura abbastanza efficace nel trattamento delle vene varicose nelle prime fasi, mentre si consiglia alle donne malate di dirigere il flusso al perineo e al pube. Allo stesso tempo, l'acqua non è molto fredda e il suo effetto dovrebbe essere di breve durata;
  • Medicinali - per scopi medicinali, ai pazienti vengono prescritti farmaci fortificati, nonché farmaci con proprietà venotoniche e angioprotettive - Detralex, Phlebodia, Venarus, Antispax.

Chirurgia

Questo metodo di trattamento consiste nell'eseguire le seguenti misure:

  1. Flebectomia delle vene dell'utero e delle ovaie - con accesso laparotomico, i vasi varicosi vengono visualizzati e isolati, dopo di che vengono asportati e legati;
  2. Scleroterapia: forniscono l'accesso ai vasi colpiti, dopo di che viene iniettato un farmaco speciale che blocca la nave e contribuisce al suo collasso;
  3. Coagulazione laser - viene utilizzata sempre più spesso, poiché è un intervento abbastanza efficace e minimamente invasivo;
  4. Rimozione dell'utero - eseguita in casi estremamente avanzati, in presenza di vene affette delle appendici, vengono anche asportate.

Al fine di prevenire l'uso di metodi chirurgici di trattamento, è necessario monitorare costantemente la propria salute, sottoporsi a esami preventivi programmati e inoltre, in caso di fenomeni sospetti, consultare un medico in tempo.

Ectasia delle vene pelviche - espansione delle vene del miometrio in una donna

Ho sentito e letto molto sulle vene varicose nell'utero, da quando a mia sorella è stata diagnosticata una tale patologia. Questa malattia è riconosciuta come mal diagnosticata perché non ha sintomi pronunciati. Ora so quasi tutto della malattia, quindi mi affretto a condividere con te.

  • 1 Che cosa sono le vene varicose uterine
  • 2 Sintomi delle vene varicose
    • 2.1 Vene varicose vulvari
    • 2.2 Sindrome da congestione venosa
  • 3 Vene varicose sull'utero durante la gravidanza
  • 4 Trattamento delle vene varicose della piccola pelvi
    • 4.1 Trattamento di base
    • 4.2 Trattamento farmacologico
    • 4.3 Trattamento chirurgico delle vene varicose
    • 4.4 Rimedi popolari
    • 4.5 Assunzione di venotonici
    • 4.6 Esercizi
    • 4.7 Dieta
  • 5 motivi
    • 5.1 Fattori provocatori
  • 6 Classificazione di BPHC
  • 7 gradi
  • 8 Prevenzione
  • 9 Diagnosi di BPHMT

Che cosa sono le vene varicose uterine

Innanzitutto, definiamo il termine di cosa si tratta: vene varicose dell'utero. Il problema di solito si sviluppa su una delle parti dell'organo, sebbene ci siano situazioni e lesioni multiple. Quando viene trascurato, il disturbo copre tutti gli organi della piccola pelvi femminile.

Quando le vene delle gambe si espandono, si sviluppa una disfunzione interna. Il suo carico eccessivo provoca. In una tale situazione, i vasi sulle pareti o sulla cervice sono colpiti. Spesso il problema interessa anche le tube di Falloppio. Le donne soffrono di questa malattia nel periodo di 25-45 anni. La malattia può svilupparsi prima nell'utero e poi diffondersi all'intero perineo.

Le navi si espandono in modi diversi. Sono in grado di allungarsi, le loro pareti si assottigliano, si formano nodi. La malattia è totale o isolata. Nella seconda situazione, sono interessate solo le vene ovariche, arcuate o parametriche. Con il tipo arcuato della malattia, di solito si verifica simultaneamente un'espansione del parametro uterino.

Sintomi delle vene varicose

Per determinare la probabilità di vene varicose si ottiene solo due sintomi caratteristici:

  • sviluppo di dolore cronico nel peritoneo inferiore, aggravato dal rapporto sessuale, dallo sforzo fisico, prima delle mestruazioni e durante la gravidanza;
  • aumento delle perdite vaginali.

Vene varicose vulvari

Con le vene varicose vulvari comuni, l'ingrandimento delle vene è visibile visivamente. Ci sono lamentele di disagio, forti dolori esplosivi sentiti nei genitali. L'esame rivela il gonfiore delle labbra. A volte si aggiunge sanguinamento spontaneo, solitamente provocato dal parto o dal rapporto sessuale.

Sindrome da congestione venosa

Con una tale variante delle vene varicose, il quadro clinico è molto polimorfico, pertanto il problema viene spesso considerato come una patologia infiammatoria. Un segno costante del problema è il dolore nel peritoneo inferiore, che cambia l'intensità, i luoghi di irradiazione, il carattere. Di solito sono doloranti, dati nel perineo o nella parte bassa della schiena.

Vene varicose sull'utero durante la gravidanza

Quando il problema viene identificato prima del concepimento, i sintomi peggiorano durante la gravidanza. Ciò è causato da cambiamenti ormonali. Se una donna è costantemente monitorata da un ginecologo, una violazione del flusso sanguigno non è pericolosa per lei. Molto raramente le vene varicose diventano motivo per la nomina di un taglio cesareo, in situazioni molto isolate provoca insufficienza placentare.

Trattamento delle vene varicose della piccola pelvi

Con il rilevamento tempestivo della patologia, viene prescritta una terapia complessa. Si basa su un trattamento in più fasi. L'operazione è necessaria in situazioni avanzate.

Trattamento di base

Il trattamento principale si articola in più fasi:

  • attività fisica con contemporanea diminuzione dello stress;
  • un divieto di alcol e nicotina;
  • aggiustare la dieta;
  • doccia fredda e calda;
  • biancheria intima confortevole a compressione;
  • qualità del sonno.

Trattamento farmacologico

La terapia prevede la nomina di farmaci. Compresse efficaci: Troxerutin, Detralex o Anavenol. Con il restringimento delle pareti dei vasi uterini, è probabile che si formino coaguli di sangue. Per prevenirli, vengono prescritti fluidificanti del sangue, sebbene abbiano controindicazioni. Tali farmaci sono vietati in presenza di sanguinamento.

Trattamento chirurgico delle vene varicose

Il trattamento chirurgico consiste nelle seguenti azioni:

  • resezione vascolare;
  • escissione dell'utero.

Sono state sviluppate tecniche intermedie per evitare la rimozione degli organi cardinali.

Metodi non invasivi

Se è impossibile fermare il dolore, si raccomandano metodi minimamente invasivi. Viene spesso prescritta l'embolizzazione della vena ovarica o la sclerobliterazione. Al momento dell'operazione, uno sclerosante viene inserito nel vaso o viene inserita una spirale per embolizzazione.

Un'alternativa è l'escissione delle vene ovariche. Quando il problema è causato dalla retroflessione dell'utero, viene eseguita la plastica dell'apparato legamentoso uterino.

Metodi invasivi

In una situazione con vene varicose vulvari, si raccomanda la flebectomia nella zona perineale. È spesso completato dall'asportazione delle labbra. Quando il problema è combinato con le vene varicose delle gambe, è indicata la crossectomia.

Rimedi popolari

Il trattamento alternativo è una tecnica ausiliaria. È consigliato insieme alla terapia farmacologica. Le ricette aiutano a pulire i vasi sanguigni:

  1. Tintura di castagne. Per cucinare, prendi 5 cucchiai. l. le castagne, copritele con l'alcol. Incubare il liquido per una settimana al buio. Quindi filtrare e bere 30 gocce della pozione risultante prima di ogni pasto..
  2. Decotto alle erbe. Prendete una noce, fiori di melo e foglie di betulla, 20 g ciascuno, assenzio e cardo - 30 g ciascuno Versate il tutto con tre bicchieri di acqua bollente. Continua a bruciare per un terzo d'ora, poi insisti per 4 ore. Bere un terzo di bicchiere prima di tutti i pasti..

Prendendo venotonics

Iniziano a trattare le vene varicose uterine con farmaci venotonici. Sono nominati da un flebologo dopo aver completato un esame completo. Si consiglia di bere le compresse di Detralex o Phlebodia per 2-3 mesi. Durante questo periodo, il dolore di solito scompare. Questo trattamento è efficace quando si eseguono esercizi di benessere..

Esercizi

Gli esercizi di Kegel sono consigliati per le vene varicose uterine. Tale ginnastica è mirata alla tensione muscolare nel bacino. È necessario eseguire ripetutamente la contrazione alternata dei muscoli con il loro rilassamento. A casa, anche i seguenti esercizi aiuteranno:

  • mentre sei sdraiato, alza le gambe in alto, cerca di imitare un giro in bicicletta;
  • mentre sei sdraiato, alza le gambe in alto, raddrizzale e poi incrocia.

Dieta

È estremamente importante stabilire la nutrizione. Gli esperti raccomandano di dimenticare il tè forte con il caffè, limitando nettamente l'uso di sale e zucchero. È molto utile riempire la dieta con frutta fresca, oli vegetali, la maggior parte delle verdure. Una tale dieta ripristinerà il flusso sanguigno, migliorerà il tono vascolare, preverrà il ristagno di liquidi, eliminando così il carico venoso. Durante la gravidanza, dovresti limitare l'assunzione di liquidi, poiché gli ormoni contribuiscono alla stasi del sangue.

Le ragioni

I seguenti motivi causano patologia:

  • eredità;
  • fallimento dei livelli ormonali;
  • aborto;
  • mancanza di trattamento per l'infiammazione;
  • fallimento del ciclo mestruale;
  • patologia delle valvole vascolari;
  • patologia del sistema ematopoietico;
  • piega dell'utero.

Fattori provocatori

Oltre ai motivi principali, ci sono fattori che provocano la probabilità di un tale disturbo:

Vene varicose dell'utero

Al momento, ogni donna normale e sana di mente, oltre alle preoccupazioni per la sua salute e bellezza, si occupa di un'altra questione importante: il benessere del suo bambino non ancora nato. Non è un segreto, qualsiasi ragazza sogna di diventare madre un giorno. Mamma di un bambino sano. Ma nel nostro mondo ci sono una serie di problemi che possono danneggiare in modo significativo il feto e il processo del suo portamento. Uno di questi problemi sono le vene varicose uterine..

  1. Ciò che provoca la malattia?
  2. Sintomi clinici
  3. Metodi di rilevamento della malattia
  4. Come la malattia minaccia le donne in gravidanza?
  5. Trattamento delle vene varicose
  6. Come proteggersi?
  7. Qual è la previsione?

Ciò che provoca la malattia?

Molte ragazze e donne sono suscettibili allo sviluppo di una tale malattia, ma il più delle volte le vene varicose dei vasi uterini si verificano proprio in quei rappresentanti del sesso più debole in età fertile o che sono già in uno stato di gravidanza.

Ci sono una serie di ragioni e fattori di rischio che causano la malattia:

  • un'interruzione del sistema ormonale, che è inerente a ogni donna incinta, così come alle donne durante le mestruazioni. A causa di un forte aumento del livello dell'ormone progesterone, il tono dei muscoli dell'utero, insieme al tono dei vasi del bacino, diminuisce;
  • le vene varicose delle vene uterine sono quasi sempre ereditate, quindi, in caso di problemi di parentela, c'è un grande rischio che la malattia compaia in una ragazza;
  • aborti precedentemente eseguiti peggiorano le condizioni dell'utero e dei vasi sanguigni;
  • malattie croniche che non hanno ricevuto un trattamento adeguato al momento giusto, così come malattie croniche degli organi del sistema riproduttivo della donna;
  • cambiamenti nel ciclo mestruale;
  • uso a lungo termine della contraccezione orale;
  • patologie valvolari nelle vene causano un aumento della pressione nei vasi degli organi pelvici, a seguito del quale compaiono le vene varicose dell'utero.

Naturalmente, tra i fattori di rischio significativi, vanno evidenziati anche lo stile di vita sedentario, le patologie congenite degli organi genitali femminili e dei vasi sanguigni, e ovviamente la gravidanza, che dà una potente scossa a tutti i sistemi del corpo della donna..

Sintomi clinici

A causa della loro non specificità, i sintomi che compaiono con un tale problema spesso non vengono rilevati o vengono confusi con un'altra malattia. Quindi, le vene varicose dell'utero si manifestano spesso con un dolore doloroso prolungato nell'addome inferiore. Inoltre, ci sono una serie di altri segni:

  1. Cambiamenti anormali nel ciclo mestruale.
  2. Dolore o fastidio durante il rapporto o lo sport.
  3. Il verificarsi di dolore acuto o disagio durante la minzione. In questo caso, dovrebbe essere esclusa la patologia dei reni e del sistema urinario..
  4. Meno comunemente, possono esserci manifestazioni di maggiore sensibilità delle pareti vaginali.

La sintomatologia di cui sopra si verifica nelle fasi successive, quando il processo è già iniziato e si sta sviluppando. Le fasi iniziali della malattia, di regola, procedono senza manifestazioni cliniche..

Nel caso in cui le vene varicose sull'utero abbiano un decorso grave, la clinica tende a complicarsi e quindi si può verificare un aumento dell'intensità del dolore, sanguinamento massiccio, rottura delle pareti venose e frequente insorgenza di malattie infiammatorie nei genitali. Alla fine, questo processo rischia di finire in una completa infertilità..

Metodi di rilevamento della malattia

Prima di tutto, con la comparsa di disagio e dolore, una donna, secondo alcuni segni non specifici, sarà in grado di sospettare un possibile problema con i vasi dell'utero e altri organi genitali.

In questi casi, al dolore si aggiunge un flusso mestruale intenso, una quantità di secrezione sierosa maggiore del solito, la comparsa di una scarica sanguinolenta nel mezzo del ciclo mestruale.

Rivolgendosi a un medico specializzato, è necessario eseguire un esame completo con interrogazione dei reclami. Successivamente, lo specialista deve ricorrere a uno dei metodi di diagnostica strumentale:

  • La diagnostica ecografica è il modo più efficace per rilevare le vene varicose nell'utero;
  • dopplerografia;
  • tomografia computerizzata dell'intero bacino, al fine di visualizzare gli organi della piccola pelvi e i vasi che li circondano;
  • flebografia transuterina mediante contrasto;
  • esame laparoscopico.

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alle vene varicose della cervice, che ha alcune caratteristiche. Le vene varicose passeranno attraverso l'area in cui si trova la cervice e anche altri organi del sistema riproduttivo saranno coinvolti nel processo patologico: le ovaie, la vagina, le labbra esterne ed interne. Raramente, il processo tende a spostarsi in piedi.

Le vene varicose della cervice sono molto tipiche delle donne in gravidanza, che, come già accennato, si verificano a causa di disfunzioni ormonali, tensione eccessiva della parete vascolare di questo organo, predisposizione genetica, ecc..

Come la malattia minaccia le donne in gravidanza?

Le vene varicose dell'utero durante la gravidanza rappresentano una minaccia speciale sia per la salute del feto che per la salute della futura mamma che lo sopporta. Diversi fattori chiave possono essere distinti nel verificarsi di disturbi durante la gravidanza:

  1. Ogni mese il feto all'interno dell'utero cresce, il che significa che cresce anche l'utero, il che porta a un grande bisogno di consegna del sangue. La placenta, grazie alla quale il feto viene nutrito, richiede attivamente una quantità significativa di ossigeno e sostanze nutritive. L'utero, a sua volta, aumentando di dimensioni, esercita pressione sugli organi e sui vasi più vicini, schiacciandoli. Quindi, abbiamo un fattore di aumento del flusso sanguigno attraverso i vasi verso l'utero e la placenta.
  2. Portare un feto è un processo molto costoso che utilizza assolutamente tutte le forze e le risorse del corpo. C'è un massiccio rilascio di sostanze ormonali nel flusso sanguigno, vale a dire il progesterone dell'ormone femminile. Il progesterone agisce sulla parete dei vasi rilassandola e riducendo il tono generale dello strato muscolare. Il tono ridotto della nave porta a un allungamento eccessivo del muro, che influisce ulteriormente sullo stato del sistema valvolare delle vene: non sono in grado di chiudersi completamente, a causa del quale si verifica una violazione del normale flusso sanguigno.
  3. Mettendo insieme l'aumento del flusso sanguigno e la componente ormonale, si scopre che il deflusso del sangue venoso soffre. A causa dell'aumento dell'afflusso e dell'indebolimento del sistema muscolare e valvolare del vaso, il sangue semplicemente non ha il tempo di fluire. Di conseguenza, le vene varicose si verificano nell'utero con il possibile sviluppo di tromboflebite e altre complicazioni, nel successivo.

Oltre alla tromboflebite, le vene varicose dell'utero durante la gravidanza corrono il rischio di complicare una serie di altre patologie pericolose: disfunzione della placenta, derivante da interferenze nella consegna del sangue al feto, frequenti emorragie interne dovute a violazioni delle proprietà del vaso e delle sue pareti, comparsa di coaguli di sangue nelle vene degli organi vicini - ovaie, venose plesso dell'utero, ecc..

Le vene varicose dell'utero durante la gravidanza sono più pericolose dallo sviluppo dell'infertilità. A causa della violazione dell'afflusso di sangue a molti organi del bacino, è in grado di privare in modo permanente l'opportunità di avere figli, quindi ogni donna dovrebbe essere consapevole del pericolo di una tale malattia.

Trattamento delle vene varicose

Prima di tutto, ogni donna dovrebbe sapere: quali sono le vene varicose dell'utero, quale minaccia porta e la domanda principale: come trattare una tale malattia?

Prima di tutto, la paziente ha bisogno di una consulenza specializzata, in cui sarà aiutata da un flebologo o da un ginecologo. Saranno in grado di identificare se lo stadio della malattia che è presente al momento è pericoloso e, in base a questo, prescriveranno un trattamento adeguato.

Nelle fasi iniziali, la terapia conservativa sarà sufficiente per il trattamento. In tali casi, può essere applicato quanto segue:

  • distribuzione della routine quotidiana e assegnazione di carichi razionali;
  • mangiare con una dieta che dovrebbe contenere molte vitamine e minerali;
  • eliminazione rigorosa delle cattive abitudini, come il fumo e l'alcolismo, se presenti;
  • procedure di fisioterapia: esercizi di fisioterapia, esercizi di Kegel, varie procedure in acqua;
  • indossare biancheria intima a compressione;
  • assumere farmaci che miglioreranno il deflusso del sangue dalle vene e le condizioni della parete vascolare, oltre a prevenire la formazione di coaguli di sangue (anticoagulanti, trombolitici, agenti antipiastrinici, ecc.).

Nelle fasi più avanzate, è spesso richiesto l'aiuto di un chirurgo vascolare e si tratta di eseguire un'operazione. Al momento, i più comuni sono i seguenti metodi:

  • rimozione (resezione) di piccoli vasi danneggiati, attraverso piccole incisioni;
  • scleroterapia: l'introduzione di una sostanza speciale nella vena varicosa, che ostruisce completamente la nave. A causa della cessazione del flusso sanguigno attraverso di essa, la nave scompare nel tempo;
  • coagulazione con un laser;
  • il metodo più radicale è la rimozione completa dell'utero. La resezione viene eseguita, sia con la rimozione delle appendici, sia con la loro conservazione.

Come proteggersi?

La prevenzione delle ricadute e il peggioramento della condizione non pone alcuna difficoltà. Il rispetto del trattamento prescritto, una corretta alimentazione, il completo rifiuto delle cattive abitudini, carichi adeguati e moderati, in combinazione con un corretto esercizio fisico avranno un effetto positivo irreversibile.

Qual è la previsione?

Di solito, sapendo quanto sia pericolosa una tale malattia e confrontando i possibili cambiamenti sulla pelle con varie foto, le donne si rivolgono a specialisti nel tempo. In caso contrario, l'ignoranza del problema rischia di portare a un decorso prolungato della malattia e allo sviluppo di complicanze..

Molto spesso, la prognosi per la diagnosi delle vene varicose è favorevole, ma non può ancora essere completamente curata. Pertanto, soggetti al regime, alla dieta e all'esercizio fisico prescritti, i pazienti sono autorizzati a mantenere i vasi colpiti in buona forma. Questa tattica migliora notevolmente i segni vitali e riduce il rischio di complicanze, in particolare l'infertilità..


Articolo Successivo
Prevenzione della cardiopatia ischemica