Disturbi vegetativo-viscerali nei bambini del primo anno di vita.


Il sistema nervoso autonomo è responsabile del funzionamento degli organi interni, dei vasi sanguigni e linfatici, della muscolatura liscia e del trofismo dei tessuti; per la qualità dell'adattamento durante lo stress fisico e mentale.

Il sistema nervoso autonomo (ANS) è composto da 2 parti: il simpatico e il parasimpatico. In generale, l'ANS fornisce e regola la costanza dinamica degli organi. L'integrazione della regolazione autonomica viene effettuata a livello dell'ipotalamo del cervello. Tuttavia, molto spesso c'è una predominanza del tono del sistema parasimpatico o simpatico.

Nell'esaminare l'ANS nei neonati, si presta attenzione ai sintomi che corrispondono all'ipertonicità della componente simpatica o parasimpatica..

I sintomi sono caratteristici della predominanza del tono dell'ANS simpatico:

  • pupilla ampia
  • colore della pelle di marmo
  • pelle secca
  • diminuzione della sudorazione
  • palpitazioni
  • motilità intestinale pigra, costipazione,
  • suzione persistente del seno
  • aumento dell'attività fisica
  • sonno leggero irrequieto
  • pianto acuto, può essere accompagnato da arresto respiratorio
  • tendenza all'ipertermia

La predominanza del tono dell'ANS parasimpatico, sintomi:

  • costrizione degli alunni
  • tendenza della pelle all'arrossamento
  • bassa temperatura della pelle
  • aumento della sudorazione
  • diminuzione della frequenza cardiaca
  • aumento della motilità intestinale, gonfiore, diarrea, formazione di gas
  • suzione flaccida
  • aumento della salivazione
  • minzione rara
  • tendenza ad abbassare la temperatura durante il sonno
  • sonno profondo
  • rigurgito, voglia di vomitare
  • attività fisica lenta.

Dal punto di vista dell'osteopatia, la deformità postpartum persistente della base del cranio può portare al restringimento delle aperture per i nervi e vasi cranici, alla deformazione della dura madre. Di conseguenza, possono sorgere le condizioni per uno squilibrio tra il tono dell'ANS simpatico e parasimpatico..

L'esame e la correzione osteopatici tempestivi (nel primo mese di vita) aiuteranno a bilanciare il lavoro dell'ANS e ad aumentare le capacità di adattamento del bambino.

Disturbi vegeto-viscerali nei neonati con lesioni cerebrali perinatali

L'anello principale nella formazione dei disturbi vegetativo-viscerali è la sconfitta delle strutture diencefaliche del cervello, del sistema limbico, del midollo allungato e il conseguente disturbo della regolazione neuroendocrina Sotto disturbi vegetativo-viscerali nel neonato

L'anello principale nella formazione dei disturbi vegetativo-viscerali è il danno alle strutture diencefaliche del cervello, al sistema limbico, al midollo allungato e al conseguente disturbo della regolazione neuroendocrina

I disturbi vegeto-viscerali nei neonati significano un'ampia gamma di cambiamenti morfologici e funzionali in molti organi e sistemi, designati come somatoneurologici, neurosomatici o neuroendocrini. Principalmente questo significa disturbi vascolari, gastrointestinali e disturbi della termoregolazione.

Con una qualsiasi delle sindromi cliniche e neurologiche, si possono notare disturbi somatici di varia gravità. Quindi, la sindrome della depressione generale, di regola, è accompagnata da disturbi respiratori, disturbi del tono vascolare e della termoregolazione, sindrome da aumentata eccitabilità neuro-riflessa e ipertensivo-idrocefalico - disregolazione degli sfinteri, ridotta motilità del tratto gastrointestinale. La sindrome dei disturbi vegetativo-viscerali è spesso riferita al periodo di recupero dell'encefalopatia, quando, sullo sfondo della subsidenza dei disturbi neurologici propri, della normalizzazione del tono muscolare e della sfera riflessa, questi disturbi vengono alla ribalta e dominano il quadro clinico dell'encefalopatia. Secondo la nostra clinica, la frequenza della sindrome dei disturbi vegetativo-viscerali nei bambini del primo anno di vita che hanno subito l'encefalopatia perinatale è di circa il 10%; tuttavia, in altre sindromi del periodo di recupero, insieme ai disturbi neurologici predominanti (motori o psicoemotivi), si possono notare anomalie somatovegetative individuali.

Nella pratica di un pediatra, particolare importanza è attribuita alle seguenti funzioni del sistema autonomo: regolazione del tono vascolare e dell'attività cardiaca, regolazione dell'attività secretoria delle ghiandole endocrine, termoregolazione, regolazione del metabolismo, influenza sulla muscolatura liscia, influenza adattivo-trofica sui recettori e sinapsi

L'anello principale nella formazione dei disturbi vegetativo-viscerali è la sconfitta delle strutture diencefaliche del cervello, del sistema limbico, del midollo allungato, il successivo disturbo della regolazione neuroendocrina. Nei neonati, specialmente nei neonati prematuri, i centri autonomici superiori sono sottosviluppati, compreso il sistema simpatico del midollo spinale e il tronco simpatico borderline ei nuclei parasimpatici del mesencefalo. A questo proposito, il ruolo dell'ipotalamo e del sistema limbico-reticolare (nuclei paraventricolari e sopraottici, ippocampo e amigdala) aumenta in modo significativo. L'ipotalamo attraverso il sistema di regolazione "Ipofisi - tiroide - ghiandole surrenali" integra processi di adattamento. Ogni parte dell'ipotalamo regola una funzione specifica del sistema nervoso simpatico e parasimpatico.

Studi sperimentali hanno stabilito che l'irritazione delle parti posteriori dell'ipotalamo porta a simpaticotonia, aumento della pressione sanguigna, diminuzione della temperatura corporea; i processi patologici nelle parti posteriori dell'ipotalamo contribuiscono a disturbi trofici, infantilismo sessuale. Le sezioni anteriori dell'ipotalamo (principalmente il sistema limbico) sono associate alla regolazione del metabolismo dell'acqua e del sale, del sonno e della veglia.

Nella pratica di un pediatra, particolare importanza è attribuita alle seguenti funzioni del sistema autonomo: regolazione del tono vascolare e dell'attività cardiaca, regolazione dell'attività secretoria delle ghiandole endocrine, termoregolazione, regolazione del metabolismo, influenza sulla muscolatura liscia, influenza adattivo-trofica sui recettori e sinapsi.

Indicatori dello stato del sistema nervoso autonomo nei neonati

  1. Determinazione dello stato vegetativo in base ai sintomi clinici (schema adattato da A.M. Vein)
  2. ECG (frequenza cardiaca, disturbi del ritmo)
  3. Determinazione della pressione sanguigna sulla mano destra e sinistra
  4. Determinazione della frequenza respiratoria
  5. Test funzionali:
    ortostatica,
    epigastrico,
    oculare
  6. Determinazione della temperatura cutanea in 12 punti simmetrici
  7. Determinazione della termoregolazione
  8. Determinazione della resistenza elettrica della pelle

La compromissione di una qualsiasi di queste funzioni (isolata o in combinazione con altri disturbi) è possibile con le encefalopatie perinatali. Il substrato morfologico della lesione può essere sia un disturbo circolatorio transitorio nella regione diencefalico-ipotalamico, sia disturbi ischemici persistenti ed emorragie. Di norma, stiamo parlando di disturbi circolatori nei bacini delle arterie cerebrali medie e posteriori. Gravi disturbi somato-vegetativi si sviluppano con emorragie intraventricolari, tipiche delle lesioni cerebrali perinatali nei bambini con peso alla nascita estremamente basso (coma profondo, disturbi respiratori, ipo e ipertermia, disturbi cardiaci, disfunzioni trofiche). Tra le emorragie di altre localizzazioni, vanno menzionate le emorragie subependimali, che si possono notare quando si rompono piccole vene tra il nucleo caudato e il tubercolo ottico; possono distruggere la testa del nucleo caudato, il che porta a gravi disturbi delle funzioni vegetativo-trofiche.

La manifestazione clinica della sindrome dei disturbi vegetativo-viscerali nei neonati è la disfunzione vegetativa-vascolare (labilità del tono vascolare e della frequenza cardiaca). Il bambino ha un modello "marmorizzato" della pelle, cianosi transitoria. Nei neonati prematuri, a causa dell'immaturità dei centri di regolazione del tono vascolare, i cambiamenti nel colore della pelle, la cianosi dei piedi e delle mani sono più pronunciati rispetto ai neonati a termine. Si ritiene che anche i neonati prematuri praticamente sani nelle prime settimane di vita siano inclini all'ipostasi, cioè all'accumulo di sangue nei reparti sottostanti. I bambini molto prematuri possono avere il sintomo di Finkelstein (o di Arlekino). Se questo sintomo si osserva nei bambini più maturi, indica una lesione dei centri vasomotori diencefalici o un'insufficienza della funzione surrenalica..

Le violazioni sopra descritte del tono vascolare nella sindrome dei disturbi autonomico-viscerali sono accompagnate da cambiamenti nella pressione sanguigna e nella labilità della frequenza cardiaca. Il livello di pressione sanguigna con una singola misurazione può essere sia aumentato che diminuito: per un'adeguata valutazione della pressione sanguigna, deve essere misurata almeno 8 volte al giorno, di giorno e di notte.

La misurazione di CO2 e pCO2 non è meno importante. È stato riscontrato che nei bambini sani nelle prime settimane di vita si verifica una graduale formazione del bioritmo della PA: un aumento della sua ampiezza, uno spostamento degli indicatori della PA massima nella seconda metà della giornata. Con manifestazioni lievi e moderate di encefalopatia perinatale, è possibile un ritardo nella formazione dei ritmi giornalieri e settimanali nei parametri emodinamici, nei casi gravi - una violazione significativa della formazione di bioritmi, una diminuzione degli indicatori giornalieri medi con uno spostamento della pressione sanguigna sistolica e diastolica - un'ampiezza molto piccola, forti fluttuazioni delle ampiezze della PA; tutto ciò indica una violazione dell'autoregolazione della circolazione sanguigna. La labilità della pressione sanguigna nella sindrome dei disturbi vegetativo-vascolari è accompagnata dalla labilità della frequenza cardiaca e della frequenza cardiaca.

Il numero di battiti cardiaci varia di minuto in minuto nell'intervallo del 5-10%. A differenza delle tachicardie associate a disturbi della conduzione cardiaca, non ci sono onde R e T corrispondenti sull'ECG e stabilità rigida degli intervalli R - R. Un aumento della pressione intracranica può essere accompagnato da bradicardia persistente. A volte queste aritmie cardiache nelle encefalopatie perinatali sono accompagnate da cambiamenti metabolici nel miocardio (secondo i dati ECG), soffi sistolico-diastolici (in assenza di comunicazioni fetali persistenti).

Gli indicatori più informativi dello stato dello stato vegetativo del bambino sono: le condizioni della pelle, la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna sulla mano destra e sinistra, la frequenza respiratoria

I disturbi respiratori nella sindrome delle disfunzioni vegetativo-viscerali sono solitamente combinati con disturbi cardiovascolari (attacchi di bradipnea e apnea periodica, o tachicardia e tachipnea, rispettivamente) e con labilità del tono vascolare. Ciò è dovuto ai meccanismi generali di disturbo della regolazione neuroendocrina nell'ipotalamo - ipofisi - ghiandole surrenali "e nel sistema tiroideo. Le forme gravi di disturbi respiratori [sindrome da distress respiratorio (SDS) di genesi centrale], di regola, non sono classificate come disturbi vegetativo-viscerali. Questi ultimi includono cambiamenti funzionali più leggeri che non sono accompagnati da gravi disturbi dell'omeostasi. Nei bambini prematuri, l'apnea di 10-12 secondi in combinazione con periodi di bradicardia può essere dovuta all'immaturità generale.

Strettamente associata alle violazioni del tono vascolare è una tale manifestazione della sindrome vegetativa-viscerale come una violazione della termoregolazione. Nei bambini a termine, può manifestarsi sotto forma di una condizione subfebrilare prolungata, perversione della natura della curva della temperatura (la mattina è più alta della sera); nei bambini prematuri nelle incubatrici - più spesso sotto forma di tendenza al surriscaldamento. Sono possibili anche ipotermia locale (estremità fredde a temperatura corporea normale o elevata) e asimmetria della temperatura cutanea (Fig.1).

Figura 1. Indicatori della temperatura cutanea (° C) nei neonati prematuri

Una delle manifestazioni più comuni della sindrome delle disfunzioni vegetative-viscerali sono varie discinesie del tratto gastrointestinale. A seconda della lesione predominante delle parti simpatica e parasimpatica del sistema nervoso autonomo, possono esserci discinesia intestinale di tipo iper e ipomotorio, varie disfunzioni degli sfinteri (deiscenza o spasmo).

Spesso ci sono forme di disfunzione gastrointestinale, come vomito persistente e rigurgito (ostruzione funzionale), che possono essere causate dalla chalasia del cardias e dalla discordinazione dello sfintere esofageo-gastrico. L'espansione persistente dello sfintere cardiaco porta a reflusso gastroesofageo ed esofagite. A sua volta, l'esofagite può causare insufficienza cardiovascolare, poiché aumenta la simpaticotonia insita nei neonati e provoca riflessi viscero-viscerali, che riducono il flusso sanguigno coronarico.

Vomito e rigurgito nell'encefalopatia perinatale possono anche essere dovuti alla mancanza di inibizione della motilità gastrica durante e immediatamente dopo l'alimentazione, come dimostrato dall'ecografia e dall'elettrogastrografia. Una pericolosa complicazione del rigurgito e del vomito è la sindrome da aspirazione con il successivo sviluppo di polmonite da aspirazione. Il pilorospasmo può anche portare a una sindrome di rigurgito e vomito, meno spesso - duodenospasmo; di regola, questi tipi di discinesie del tratto gastrointestinale sono accompagnati da ritenzione di feci.

Con l'irritazione delle divisioni parasimpatiche, è possibile aumentare la frequenza delle feci, aumentare la peristalsi intestinale; per le lesioni spinali, la flatulenza e l'indebolimento della peristalsi sono più caratteristici. Di norma, con disturbi vegetativo-viscerali pronunciati, i cambiamenti nel tratto gastrointestinale perdono rapidamente la loro natura puramente funzionale: disbiosi, insufficienza enzimatica secondaria, malassorbimento e disturbi nutrizionali sono stratificati. Tutti i suddetti disturbi sistemici nell'encefalopatia perinatale possono essere osservati sia in un complesso che in isolamento..

Il quadro clinico corrispondente e l'esclusione della patologia d'organo (stenosi pilorica con sindrome da rigurgito; cardiopatie - con disturbi cardiovascolari, ecc.) Sono di primaria importanza nello stabilire la diagnosi della sindrome dei disturbi vegetativo-viscerali della genesi cerebrale. Tuttavia, in neonatologia, possono essere utilizzati metodi aggiuntivi di diagnosi e valutazione della gravità delle disfunzioni del sistema nervoso autonomo..

Gli indicatori più informativi dello stato dello stato vegetativo del bambino sono: la condizione della pelle, la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna sulla mano destra e sinistra, la frequenza respiratoria (RR). I test aiutano a identificare le caratteristiche dei disturbi vegetativi: ortostatico, epigastrico, occhio-cardiaco (test Aschner).

Le forme più gravi di encefalopatia sono accompagnate da un'asimmetria più pronunciata della temperatura cutanea (sia nella zona centrale che in quella periferica, mentre nelle forme più lievi - solo nella metà superiore del corpo). I cambiamenti più persistenti e pronunciati nei test funzionali sono stati notati nei bambini meno maturi (profondamente prematuri)..

Per valutare la natura delle disfunzioni autonome, selezionare la terapia e prevedere la patologia a distanza, è consigliabile il monitoraggio a lungo termine dei parametri emodinamici, il monitoraggio ecografico della dinamica del flusso sanguigno cerebrale, in particolare nel bacino delle arterie cerebrali medie e posteriori (studio Doppler). A causa dell'uso diffuso degli ultrasuoni nei neonati, lo studio REG passa in secondo piano, sebbene il REG possa essere utilizzato per valutare la reazione del bambino al test ortostatico.

Le osservazioni di follow-up nell'encefalopatia grave hanno mostrato che i disturbi autonomici possono persistere per diversi anni, pur essendo combinati con vari disturbi motori, condizioni astenonurotiche e disfunzioni cerebrali minime (MMD). Questi disturbi sono caratterizzati il ​​più delle volte da distonia vegetativa-vascolare di tipo ipertensivo (meno spesso ipotonico), termoneurosi, reazioni perverse ai test funzionali. Quasi tutti i bambini hanno un'asimmetria a lungo termine della temperatura cutanea; alcuni hanno aritmie cardiache persistenti, un soffio sistolico ruvido. La maggior parte di questi bambini appartiene al gruppo delle infezioni virali respiratorie acute frequenti ea lungo termine..

I bambini prematuri nati da madri affette da VSD e che hanno una forte "marmorizzazione" della pelle durante il periodo neonatale, all'età di 6-14 anni, hanno un'alta probabilità di sviluppare sindromi ipotalamiche funzionali, accompagnate da disturbi emotivo-volitivi e neuroendocrini (disfunzione tiroidea, obesità, pubertà ritardata eccetera.).

Nel trattamento delle disfunzioni vegetativo-viscerali dei neonati, vengono combinati due approcci: patogenetico e post-sindromico. Il primo include influenze volte a correggere disturbi metabolici, disturbi del flusso sanguigno cerebrale e migliorare le proprietà reologiche del sangue. In lesioni gravi con pronunciati cambiamenti nel metabolismo, disturbi respiratori e cardiovascolari, viene eseguita una terapia intensiva, tra cui ossigenazione, terapia antiossidante, infusione di farmaci antiemorragici e antiipossici, ormoni e antibiotici, miscele vitaminico-energetiche.

Il posto principale nella terapia patogenetica appartiene agli effetti non farmacologici. Vari tipi di massaggio terapeutico, esercizi in acqua e immersione a secco hanno un complesso effetto regolatore sui meccanismi di regolazione neuroendocrina e sui centri vegetativi..

Tra i metodi fisioterapici tradizionali di trattamento, viene utilizzata l'elettroforesi (con magnesia, eufillina, vitamine), più spesso sulla zona cervicale ("colletto").

Condizionalmente, i metodi fisici di esposizione possono includere aeroionoterapia (lampada Chizhevsky), aromaterapia, è possibile utilizzare la musicoterapia, la cui scelta è determinata dalla predominanza della depressione nel bambino (in particolare, con respirazione aritmica) o dall'eccitazione (ad esempio, con sindrome da rigurgito). Nel primo caso, viene utilizzato un programma di attivazione della musica (Mozart, la prima parte di "Little Night Serenade", Schubert, ecc.), Nel secondo - un programma rilassante (ninne nanne, alcune opere di Bach, ecc.). Con l'alternanza di letargia ed eccitazione, è stata stabilita l'efficacia del programma di V.V. Kiryushin (alternanza di esercizi di lancio di diversa natura).

La terapia sindromica di alcuni disturbi vegetativo-viscerali prevede l'uso di vari farmaci. Quindi, con la sindrome della discinesia del tratto gastrointestinale, vengono utilizzati agenti che influenzano le strutture diencefaliche e i recettori periferici: cerucale, bimorale, no-shpa, nouspasm, pipolfen, clorpromazina. Con il tipo ipomotorio della discinesia dello stomaco e dell'intestino, a volte viene utilizzata la proserina. Per la correzione della disbiosi concomitante vengono utilizzati preparati eubiotici ed enzimi. Con una combinazione del rallentamento del flusso sanguigno cerebrale, secondo gli ultrasuoni, e la labilità del tono vascolare generale ("marmorizzazione" della pelle), vengono utilizzati cavinton o vinpocetine, piracetam. Tuttavia, va notato che la terapia farmacologica è raramente il cardine. Per la correzione di lievi disturbi vegetativo-viscerali, a volte è sufficiente normalizzare le condizioni ambientali (regime, alimentazione, passeggiate, atmosfera tranquilla).

Cos'è la sindrome vegetativa-viscerale nei neonati: cause, sintomi e trattamento. Suggerimenti per le mamme

La sindrome vegeto-viscerale è una disfunzione persistente di organi e sistemi interni, che si verifica sullo sfondo di processi patologici che si sviluppano nel sistema nervoso centrale di un bambino.

Tali violazioni influenzano negativamente il lavoro, di regola, dei sistemi cardiovascolare, digestivo e termoregolatore..

Il disturbo vegeto-viscerale si riferisce al grado medio di danno al sistema nervoso centrale di un bambino. Sarà utile per le future mamme conoscere i motivi per cui tale disfunzione può svilupparsi, quali sono le sue manifestazioni cliniche, come vengono trattati pazienti così piccoli e anche ottenere alcuni consigli utili da specialisti.

Tali violazioni influenzano negativamente il lavoro, di regola, dei sistemi cardiovascolare, digestivo e termoregolatore..

Il disturbo vegeto-viscerale si riferisce al grado medio di danno al sistema nervoso centrale di un bambino. Sarà utile per le future mamme conoscere i motivi per cui tale disfunzione può svilupparsi, quali sono le sue manifestazioni cliniche, come vengono trattati pazienti così piccoli e anche ottenere alcuni consigli utili da specialisti.

Cause di occorrenza

Gli esperti identificano i seguenti gruppi di fattori che possono provocare danni al sistema nervoso centrale dei neonati, portando alla sindrome di cui sopra:

  1. Lesioni ipossiche causate dalla carenza di ossigeno durante lo sviluppo intrauterino.
  2. Lesioni traumatiche provocate da traumi meccanici alle cellule del cervello e del midollo spinale durante il travaglio e nelle prime ore di vita del bambino.
  3. Fattori tossico-metabolici e dismetabolici, in cui il ruolo chiave è giocato dalla violazione dei processi metabolici nel corpo di un neonato, nonché dai danni causati dall'assunzione di farmaci, bevande alcoliche e droghe durante il processo di trasporto di un bambino.
  4. Disfunzione del sistema nervoso centrale causata da infezioni come virus, batteri, ecc..

Sintomi

Se parliamo dei segni manifestati durante lo sviluppo della sindrome indicata, allora in questo caso dovrebbe essere evidenziato:

  1. Il sintomo più comune nei neonati è il rigurgito. Una condizione simile è tipica, di regola, dei bambini sani. Tuttavia, se è accompagnato da tassi insufficienti di aumento di peso, ritmo respiratorio alterato, elevata eccitabilità, disturbi psicomotori e disturbi del sonno, allora molto probabilmente stiamo parlando di questa malattia.
  2. La colica intestinale nei neonati può anche essere considerata uno dei sintomi della sindrome vegetativo-viscerale. In queste circostanze, il bambino ha attacchi di pianto, in cui il bambino tira le gambe verso la parete addominale, la sua pancia si gonfia, che in alcuni casi si verifica sullo sfondo dei gas di scarico e dell'atto di defecazione. Queste crisi possono durare da 10 minuti a 2 ore..
  3. Ritmo respiratorio disturbato e ostruzione bronchiale.
  4. Una termoregolazione compromessa porta al fatto che il bambino si raffredda facilmente o si surriscalda, il che contribuisce al frequente sviluppo di patologie respiratorie, nonché al difficile recupero del corpo.
  5. Nei bambini con la sindrome indicata, spesso si manifesta un pattern vascolare sulla pelle, che si intensifica in caso di ansia del bambino o l'influenza di valori di bassa temperatura.
  6. I bambini con sindrome vegetativa-viscerale si addormentano piuttosto duramente e molto spesso si svegliano di notte.

Trattamento

Gli esperti identificano i seguenti gruppi di fattori che possono provocare danni al sistema nervoso centrale dei neonati, portando alla sindrome di cui sopra:

  1. Lesioni ipossiche causate dalla mancanza di ossigeno durante lo sviluppo intrauterino.
  2. Lesioni traumatiche provocate da traumi meccanici alle cellule del cervello e del midollo spinale durante il travaglio e nelle prime ore di vita del bambino.
  3. Fattori tossico-metabolici e dismetabolici, in cui il ruolo chiave è giocato dalla violazione dei processi metabolici nel corpo del neonato, nonché dai danni causati dall'assunzione di medicinali, bevande alcoliche e droghe durante il processo di trasporto di un bambino.
  4. Disfunzione del sistema nervoso centrale causata da infezioni come virus, batteri, ecc..

Sintomi

Se parliamo dei segni manifestati durante lo sviluppo della sindrome indicata, allora in questo caso dovrebbe essere evidenziato:

  1. Il sintomo più comune nei neonati è il rigurgito. Una condizione simile è tipica, di regola, dei bambini sani. Tuttavia, se è accompagnato da tassi insufficienti di aumento di peso, ritmo respiratorio alterato, elevata eccitabilità, disturbi psicomotori e disturbi del sonno, allora molto probabilmente stiamo parlando di questa malattia.
  2. La colica intestinale nei neonati può anche essere considerata uno dei sintomi della sindrome vegetativo-viscerale. In queste circostanze, il bambino ha attacchi di pianto, in cui il bambino tira le gambe verso la parete addominale, la sua pancia si gonfia, che in alcuni casi si verifica sullo sfondo dei gas di scarico e dell'atto di defecazione. Queste crisi possono durare da 10 minuti a 2 ore..
  3. Ritmo respiratorio disturbato e ostruzione bronchiale.
  4. Una termoregolazione compromessa porta al fatto che il bambino si raffredda facilmente o si surriscalda, il che contribuisce al frequente sviluppo di patologie respiratorie, nonché al difficile recupero del corpo.
  5. Nei bambini con la sindrome indicata, spesso si manifesta un pattern vascolare sulla pelle, che si intensifica in caso di ansia del bambino o l'influenza di valori di bassa temperatura.
  6. I bambini con sindrome vegetativa-viscerale si addormentano piuttosto duramente e molto spesso si svegliano di notte.

Trattamento

Oggi, le possibilità della diagnostica medica sono così grandi da poter identificare eventuali deviazioni in una fase molto precoce. Ciò consente di effettuare le cure necessarie nei primi mesi di vita di un bambino, quando il processo patologico è ancora reversibile..

Ciò è dovuto al fatto che la capacità del corpo del bambino di riprendersi in questa fase della vita è molto alta.

È durante questo periodo che le cellule nervose del cervello possono ancora maturare e sostituire quelle che sono state colpite dall'ipossia. E anche le più piccole manifestazioni della sindrome vegetativa-viscerale richiedono un trattamento appropriato, che impedirà lo sviluppo di complicazioni per la salute del neonato in futuro..

L'assistenza medica ai bambini con disturbi simili viene fornita in tre fasi:

  • Nella prima fase, vengono eseguite misure mediche nell'ospedale di maternità. In questo caso, stiamo parlando del ripristino e del mantenimento delle funzioni degli organi vitali, della normalizzazione dei processi metabolici, nonché del trattamento delle sindromi che indicano danni al sistema nervoso centrale, ad esempio convulsioni.
  • Nella seconda fase, i bambini vengono trasferiti al dipartimento di patologie nei neonati e nei bambini prematuri o al dipartimento di neurologia dei bambini, al termine del trattamento in cui viene effettuato il passaggio alla terza fase.
  • Nella terza fase, il bambino viene dimesso con un piano di osservazione individuale durante il primo anno di vita. In questa fase, i metodi di riabilitazione non medici sono di grande importanza, inclusi massaggi, correnti di impulso, esercizi terapeutici, ecc..

Importante! Se il bambino è stato dimesso a casa e ci sono forme lievi di lesioni del sistema nervoso centrale, i genitori dovrebbero fornire al bambino un regime terapeutico e di risparmio durante il periodo di esacerbazione della patologia. Altrettanto importante è una corretta alimentazione, che può essere un potente impulso per ripristinare la salute di un bambino..

Raccomandazioni per le mamme

I medici danno le seguenti raccomandazioni riguardo al comportamento delle madri quando si manifestano alcuni sintomi della malattia:

  1. Per quanto riguarda il rigurgito, si consiglia di lasciarlo fare al bambino subito dopo aver mangiato. Per fare ciò, tieni il bambino in posizione verticale per mezz'ora subito dopo aver mangiato. Si consiglia inoltre di nutrire il bambino frequentemente e in piccole porzioni. Tutte queste azioni ridurranno la frequenza del rigurgito nelle briciole..
  2. Ad esempio, l'acqua di aneto può aiutare a far fronte alle coliche..
  3. Il massaggio terapeutico e il rinvio a un neurologo aiuteranno a far fronte ai disturbi respiratori.
  4. In caso di disturbi della termoregolazione, le procedure di rinvenimento, il nuoto e il massaggio benessere possono fornire un aiuto significativo.
  5. Se hai problemi con la pelle, puoi affrontarli osservando le regole di igiene personale, indurimento e temperatura adeguata.


Pertanto, prendersi cura di un bambino con sindrome vegetativa-viscerale identificata richiede pazienza e sforzi enormi da parte dei genitori. Solo in questo caso ci sono tutte le possibilità per riportare al massimo la salute del bambino..

Sindrome da disturbo vegeto-viscerale

Trattamento del mal di schiena a San Pietroburgo

Malattie del sistema muscolo-scheletrico

  • Mal di schiena
  • Mialgia
  • Miosite
  • Osteoporosi

Malattie delle articolazioni Malattie della colonna vertebrale Malattie dei nervi Altre malattie

Sotto l'influenza di fattori avversi nella colonna vertebrale, si verificano processi degenerativi-distrofici.

Questo è un disturbo circolatorio, disidratazione, artrosi di piccole articolazioni, escrescenze ossee, prolasso dei dischi (ernie intervertebrali.) In violazione dell'innervazione autonomica degli organi interni, a causa della compressione di varie formazioni anatomiche, ci sono i cosiddetti. visceropatia vertebrale (disfunzione degli organi interni).

Clinicamente, tali condizioni si manifestano non solo con la sindrome del dolore radicolare.

Possono essere accompagnati da una sindrome di disfunzioni autonomico-viscerali (disfunzione degli organi interni). La sindrome delle disfunzioni autonomo-viscerali significa una varietà di disfunzioni degli organi interni, a causa di una violazione dell'influenza regolatrice del sistema nervoso autonomo..

Disfunzione vegetativa-viscerale (disfunzione degli organi interni) nella patologia della colonna vertebrale.
Neurologo presso la Clinica del Dr. Vojta N. Dubovskaya.

L'osteocondrosi è una malattia della colonna vertebrale associata a lesioni degenerative - distrofiche dei corpi vertebrali, dei processi, dei dischi intervertebrali, dei muscoli e dei legamenti delle vertebre. Le cause della malattia spinale sono molteplici..

I principali sono: postura scorretta, inattività fisica, trasporto di pesi, lesioni, malattie somatiche ed endocrine, cambiamenti legati all'età, ecc..

Questo è un disturbo circolatorio, disidratazione, artrosi di piccole articolazioni, escrescenze ossee, prolasso dei dischi (ernie intervertebrali.) In violazione dell'innervazione autonomica degli organi interni, a causa della compressione di varie formazioni anatomiche, ci sono i cosiddetti. visceropatia vertebrale (disfunzione degli organi interni).

Clinicamente, tali condizioni si manifestano non solo con la sindrome del dolore radicolare.

Possono essere accompagnati da una sindrome di disfunzioni autonomico-viscerali (disfunzione degli organi interni). La sindrome delle disfunzioni autonomo-viscerali significa una varietà di disfunzioni degli organi interni, a causa di una violazione dell'influenza regolatrice del sistema nervoso autonomo..

L'innervazione degli organi garantisce il normale funzionamento di tutti i sistemi viscerali (organi interni). Pertanto, il danno alla fibra nervosa porta all'interruzione del normale funzionamento degli organi interni e allo sviluppo di visceropatie vertebrogeniche (disfunzione negli organi interni).

Questa sindrome è raramente isolata, di regola è combinata con qualsiasi sintomo caratteristico della patologia spinale. Le violazioni degli organi interni possono essere molto diverse e dipendono dalla posizione del focus patologico nella colonna vertebrale. Tra le manifestazioni cliniche della sindrome possono prevalere disturbi del tratto gastrointestinale, attività cardiaca, respirazione e termoregolazione. La sindrome della disfunzione autonomico-viscerale è raramente isolata e può essere combinata con qualsiasi altra sindrome. I disturbi vegetativo-viscerali occupano un posto significativo tra le manifestazioni cliniche dell'osteocondrosi e della malattia erniaria della colonna vertebrale.

Classificazione

Le disfunzioni vegetative-viscerali (disfunzione degli organi interni) differiscono nella natura delle manifestazioni cliniche, la localizzazione dei disturbi può essere: dolore nella regione di un particolare organo, disturbi secretori, movimento o disturbi trofici.

Esistono tre gruppi principali di sindrome vegetativa-viscerale.

1. Visceralgico (doloroso) - caratterizzato da dolore nell'area di un determinato organo ed è associato all'irritazione delle radici, una violazione della regolazione autonomica degli organi interni. A seconda della localizzazione, cardialgie vertebrogeniche (dolore al cuore), gastralgie (dolore allo stomaco), ecc..

Il dolore può essere associato all'irritazione della radice, si verificano nell'organo stesso, a seguito di una violazione della sua funzione vegetativa. Il dolore non è localizzato chiaramente, può essere di intensità variabile, da lievemente opaco ad acuto. 2. Viscero-disfunzionale - una disfunzione di un organo, senza lesioni organiche pronunciate dell'organo.

Questi possono essere secretori, movimento e altri disturbi. Dipendono dalle funzioni svolte dall'organo interessato. Quindi, ad esempio: con la patologia del rachide cervicale, la sindrome viscero-disfunzionale può manifestarsi come una violazione del ritmo cardiaco.

La sconfitta della colonna vertebrale toracica e lombare può portare a disfunzioni degli organi interni del torace, della cavità addominale e degli organi pelvici.

3. La sindrome viscero-distrofica (grave malnutrizione di organi e tessuti adiacenti) si verifica a seguito di una violazione della funzione neurotrofica del sistema nervoso autonomo. È la lesione vertebrale più grave (associata a una malattia della colonna vertebrale).

Questa sindrome è la fase iniziale della formazione di una malattia somatica. Questa sindrome non è isolata. La disfunzione dell'organo porta a dolore e cambiamenti distrofici.

Il che, a sua volta, porta all'ulteriore sviluppo del processo patologico, che interrompe ulteriormente la funzione dell'organo. In presenza di altri fattori patogeni e del loro effetto combinato, si verifica una malattia somatica.

Sotto l'influenza di lesioni vertebrali, la patologia somatica acuta può diventare cronica e mantenere un decorso lento e prolungato della malattia.

Le malattie degenerative-distrofiche della colonna vertebrale portano a disturbi sfaccettati della regolazione nervosa e della nutrizione di vari organi interni e possono diventare una causa di malattie somatiche, fungere da fattore scatenante per lo sviluppo di malattie degli organi interni, segmentalmente associate alla colonna vertebrale colpita.

L'innervazione vegetativa degli organi interni è multisegmentale.

Le violazioni degli organi interni possono essere molto diverse e dipendono dalla posizione del focus patologico in una particolare parte della colonna vertebrale.

Con l'osteocondrosi, un'esacerbazione di una malattia cronica si verifica più spesso, le malattie degli organi interni possono procedere atipicamente, cancellate ed essere combinate con radicolari, riflessi, muscoli e altri sintomi.

Signore e signori! Se provi dolore o disagio, non dovresti auto-medicare. La causa della tua cattiva salute può essere una varietà di malattie e solo uno specialista esperto può valutare adeguatamente le tue condizioni.

La clinica del Dr. Vojt è un centro medico multidisciplinare. Qui lavorano medici esperti di varie specialità. Se necessario, per chiarire la diagnosi, ti verrà consigliato un esame aggiuntivo, è possibile condurre consultazioni mediche.

I medici della clinica Dr. Vojta ti aiuteranno a ripristinare la tua salute.

Sull'articolo "Disfunzione vegetativa-viscerale":

Iscriviti per un appuntamento con il medico

Nella clinica del dottor Vojta,...

Nella vita, ogni persona ha incontrato persone che soffrono...

L'articolo è in preparazione per la pubblicazione...

Se i dolori al petto, la colonna vertebrale si irradia all'area della scapola,...

La nevralgia è chiamata dolore che si manifesta lungo la fibra nervosa,...

Sindrome vegeto-viscerale nei neonati: sintomi e trattamento della malattia

La sindrome vegeto-viscerale è una disfunzione persistente di organi e sistemi interni, che si verifica sullo sfondo di processi patologici che si sviluppano nel sistema nervoso centrale di un bambino.

Tali violazioni influenzano negativamente il lavoro, di regola, dei sistemi cardiovascolare, digestivo e termoregolatore..

Il disturbo vegeto-viscerale si riferisce al grado medio di danno al sistema nervoso centrale di un bambino. Sarà utile per le future mamme conoscere i motivi per cui tale disfunzione può svilupparsi, quali sono le sue manifestazioni cliniche, come vengono trattati pazienti così piccoli e anche ottenere alcuni consigli utili da specialisti.

  • 1 Cause di occorrenza
  • 2 sintomi
  • 3 Trattamento
  • 4 Raccomandazioni per le mamme

Cause di occorrenza

Gli esperti identificano i seguenti gruppi di fattori che possono provocare danni al sistema nervoso centrale dei neonati, portando alla sindrome di cui sopra:

  1. Lesioni ipossiche causate dalla mancanza di ossigeno durante lo sviluppo intrauterino.
  2. Lesioni traumatiche provocate da traumi meccanici alle cellule del cervello e del midollo spinale durante il travaglio e nelle prime ore di vita del bambino.
  3. Fattori tossico-metabolici e dismetabolici, in cui il ruolo chiave è giocato dalla violazione dei processi metabolici nel corpo del neonato, nonché dai danni causati dall'assunzione di medicinali, bevande alcoliche e droghe durante il processo di trasporto di un bambino.
  4. Disfunzione del sistema nervoso centrale causata da infezioni come virus, batteri, ecc..

Sintomi

Se parliamo dei segni manifestati durante lo sviluppo della sindrome indicata, allora in questo caso dovrebbe essere evidenziato:

  1. Il sintomo più comune nei neonati è il rigurgito. Una condizione simile è tipica, di regola, dei bambini sani. Tuttavia, se è accompagnato da tassi insufficienti di aumento di peso, ritmo respiratorio alterato, elevata eccitabilità, disturbi psicomotori e disturbi del sonno, allora molto probabilmente stiamo parlando di questa malattia.
  2. La colica intestinale nei neonati può anche essere considerata uno dei sintomi della sindrome vegetativo-viscerale. In queste circostanze, il bambino ha attacchi di pianto, in cui il bambino tira le gambe verso la parete addominale, la sua pancia si gonfia, che in alcuni casi si verifica sullo sfondo dei gas di scarico e dell'atto di defecazione. Queste crisi possono durare da 10 minuti a 2 ore..
  3. Ritmo respiratorio disturbato e ostruzione bronchiale.
  4. Una termoregolazione compromessa porta al fatto che il bambino si raffredda facilmente o si surriscalda, il che contribuisce al frequente sviluppo di patologie respiratorie, nonché al difficile recupero del corpo.
  5. Nei bambini con la sindrome indicata, spesso si manifesta un pattern vascolare sulla pelle, che si intensifica in caso di ansia del bambino o l'influenza di valori di bassa temperatura.
  6. I bambini con sindrome vegetativa-viscerale si addormentano piuttosto duramente e molto spesso si svegliano di notte.

Presta attenzione ad altri articoli sul sito con i sintomi dei bambini: sindrome da movimento ossessivo-compulsivo nei bambini, astenia nei bambini, nevrosi isterica nei bambini

Trattamento

Oggi, le possibilità della diagnostica medica sono così grandi da poter identificare eventuali deviazioni in una fase molto precoce. Ciò consente di effettuare le cure necessarie nei primi mesi di vita di un bambino, quando il processo patologico è ancora reversibile..

Ciò è dovuto al fatto che la capacità del corpo del bambino di riprendersi in questa fase della vita è molto alta.

È durante questo periodo che le cellule nervose del cervello possono ancora maturare e sostituire quelle che sono state colpite dall'ipossia. E anche le più piccole manifestazioni della sindrome vegetativa-viscerale richiedono un trattamento appropriato, che impedirà lo sviluppo di complicazioni per la salute del neonato in futuro..

L'assistenza medica ai bambini con disturbi simili viene fornita in tre fasi:

  • Nella prima fase, vengono eseguite misure mediche nell'ospedale di maternità. In questo caso, stiamo parlando del ripristino e del mantenimento delle funzioni degli organi vitali, della normalizzazione dei processi metabolici, nonché del trattamento delle sindromi che indicano danni al sistema nervoso centrale, ad esempio convulsioni.
  • Nella seconda fase, i bambini vengono trasferiti al dipartimento di patologie nei neonati e nei bambini prematuri o al dipartimento di neurologia dei bambini, al termine del trattamento in cui viene effettuato il passaggio alla terza fase.
  • Nella terza fase, il bambino viene dimesso con un piano di osservazione individuale durante il primo anno di vita. In questa fase, i metodi di riabilitazione non medici sono di grande importanza, inclusi massaggi, correnti di impulso, esercizi terapeutici, ecc..

Importante! Se il bambino è stato dimesso a casa e ci sono forme lievi di lesioni del sistema nervoso centrale, i genitori dovrebbero fornire al bambino un regime terapeutico e di risparmio durante il periodo di esacerbazione della patologia. Altrettanto importante è una corretta alimentazione, che può essere un potente impulso per ripristinare la salute di un bambino..

Raccomandazioni per le mamme

I medici danno le seguenti raccomandazioni riguardo al comportamento delle madri quando si manifestano alcuni sintomi della malattia:

  1. Per quanto riguarda il rigurgito, si consiglia di lasciarlo fare al bambino subito dopo aver mangiato. Per fare ciò, tieni il bambino in posizione verticale per mezz'ora subito dopo aver mangiato. Si consiglia inoltre di nutrire il bambino frequentemente e in piccole porzioni. Tutte queste azioni ridurranno la frequenza del rigurgito nelle briciole..
  2. Ad esempio, l'acqua di aneto può aiutare a far fronte alle coliche..
  3. Il massaggio terapeutico e il rinvio a un neurologo aiuteranno a far fronte ai disturbi respiratori.
  4. In caso di disturbi della termoregolazione, le procedure di rinvenimento, il nuoto e il massaggio benessere possono fornire un aiuto significativo.
  5. Se hai problemi con la pelle, puoi affrontarli osservando le regole di igiene personale, indurimento e temperatura adeguata.

Pertanto, prendersi cura di un bambino con sindrome vegetativa-viscerale identificata richiede pazienza e sforzi enormi da parte dei genitori. Solo in questo caso ci sono tutte le possibilità per riportare al massimo la salute del bambino..

Sindrome di disfunzioni vegetative-viscerali

Cm disfunzioni vegetativo-viscerali

Siamo stati ieri da un neurologo, abbiamo esaminato e messo S. (a quanto ho capito la sindrome) di disfunzioni vegeto-viscerali. Sulla base del fatto che abbiamo “marmorizzazione della pelle” e mi sono lamentato di rigurgiti frequenti.

Che tipo di sindrome è questa? Secondo il neurologo, va bene, ha consigliato di seguire la tecnica di alimentazione, metterlo sullo stomaco e indossarlo in una colonna, più il massaggio generale stesso, oppure puoi fare un corso con un massaggiatore, più alcune gocce, il cui nome ora non riesco a distinguere (((In generale, secondo il suo reazioni, ho capito che queste sono sciocchezze... Continua a leggere →

A causa del nostro terribile sonno notturno, del nervosismo generale e dei grandi problemi di addormentamento, su consiglio del nostro ped, abbiamo superato tutti i test e siamo andati da un altro neurologo. Grazie a Dio, tutti i buoni test sono arrivati ​​dal neurologo quasi subito con molto successo a quello buono e per la metà del prezzo a zia piaceva più di tutti i neurologi che ci avevano guardato prima. In futuro ho concordato con lei in privato in modo che venisse a casa nostra se necessario, così ci ha diagnosticato una sindrome da disfunzioni vegetativo-viscerali, disturbi del sonno e dell'appetito... Leggi di più →

Un ottimo articolo su SPITCHING.

Il motivo per cui ho scritto l'articolo erano molte domande sul rigurgito nei bambini del primo anno di vita. I neonati ei bambini piccoli spesso sputano dopo aver mangiato.

Ciò causa molti problemi alla mamma appena coniata, che spesso semplicemente non sa come gestire un bambino che rigurgita costantemente e sputa ciò che è stato appena mangiato. Il reflusso gastroesofageo causa al bambino molti disagi, lo rende lunatico e irritabile.

Circa due terzi dei bambini di età inferiore a 3 mesi lo fanno almeno una volta al giorno. E tre quarti dei bambini nella prima metà dell'anno hanno questo... Continua a leggere →

e ancora lui, pantogam.

Un neurologo ci ha scritto e lei l'ha scritto senza commenti, ma in qualche modo non ho pensato di chiedere: dopo una notte insonne ero generalmente inadeguato (ora soffro, dare / non dare.

Nella scheda abbiamo una diagnosi di 2 cisti subepindimali. ipossia durante il parto, sindrome da disfunzioni vegetative-viscerali. E ora mi siedo e mi chiedo da cosa sia stato nominato esattamente questo pantogam.....

Continua a leggere →

Calendario dello sviluppo del bambino

Vi racconteremo le storie vere delle nostre mamme che hanno vissuto questo o stanno attraversando proprio ora.!

PEP, SDN, SVD, ecc..

Encefalopatia perinatale (PEP) (peri- + latino natus - "nascita" + encefalo greco - "cervello" + patia greca - "violazione") Read more →

Diagnosi di bambini da DD.

L'ho estratto da un altro sito. A mio parere, questa è un'informazione molto importante, a dimostrazione che non tutto è così spaventoso come potrebbe sembrare. Continua a leggere →

Discuti il ​​tuo argomento nella community, scopri l'opinione degli utenti attivi di Babiblog

Vai alla community

Nifiga te stesso, siamo già più di un mese !! Come quando? È stato il mese più veloce della mia vita) Stiamo lentamente crescendo, anche ingrassando. Sebbene l'orrore sia accaduto di recente, Zhenya ha soffocato (((Sputò e soffocò. Non ha respirato per 20 secondi, ha solo goggled. Era orribile quanto spaventoso.

È arrivata un'ambulanza e ha detto che era tutto in ordine, ma dovevamo andare a informarsi sul rigurgito. E ci ha portato al secondo ospedale pediatrico. Questo è un posto inquietante. Il vecchio regime è così. I bambini giacciono separatamente, hanno cercato di dar loro da mangiare a ore ed è meglio non allattare, ma da...

Continua a leggere →

Che bestia di SVVD (da un neuropatologo).

Siamo andati da un neurologo, ha scritto qualcosa lì nella scheda e ha dato un sacco di rinvii. “Motore S-m. nar., SVVD, bocca. un leone. curva. " Bene, per il torcicollo sinistro è comprensibile - le ho detto io stesso, altrimenti non me ne sarei accorto.

E cos'è VVD e come si manifesta? Non rigurgitiamo, ma c'è una marmorizzazione della pelle e tiriamo costantemente avanti e indietro le nostre penne, una compagna molto attiva. Ci ha prescritto di bere cinnarizina, 1/4 di tonnellata a notte (che cos'è, eprst?), Nelle istruzioni...

Continua a leggere →

Disfunzione viscerale di Vegeto!

Ciao! In 1 mese. erano dal neurologo! Ha detto che il bambino reagirà al tempo (sì, ora la metà dei bambini reagisce). Glicina ed elkar prescritti. L'ho letto nella scheda “Di: LP, sindrome da disfunzione vegetativo-viscerale.

"Ho letto tutti i tipi di orrori su Internet. Hanno realizzato un NSG in 2 mesi. A destra, formazione anecoica di 5,7 * 5,0 mm nel corno posteriore, moderata espansione dei corpi BZ, pseudocisti subenindemale della CC BZ.

Dannazione cos'è e che paura! Andrò dal neurologo tra 1,5 mesi, andrò alla somma durante questo periodo. Continua a leggere →


Articolo Successivo
Noduli dopo un intervento chirurgico alle vene