Rigurgito


Un margine iniziale di forza e resistenza insito nelle formazioni cardiache determina la possibilità di un'attività funzionale prolungata e normale.

A volte il cuore può non funzionare correttamente. Data l'importanza dell'organo muscolare, sono fatali in circa un quarto dei casi. In altre situazioni, potenzialmente fatale.

Alcuni processi patologici sono congeniti, altri vengono acquisiti. La classe delle deviazioni organiche del piano anatomico è chiamata difetti. Questo è un nome generico che ha molte opzioni..

Il rigurgito mitralico è un flusso inverso di sangue dal ventricolo sinistro all'atrio e una riduzione del volume del tessuto connettivo fluido espulso nella sistole. A rigor di termini, questa non è una malattia, ma una sindrome e un complesso di sintomi di natura oggettiva. A livello di benessere, il paziente non percepisce nulla fino alle ultime (3-4) fasi.

I cardiologi sono responsabili della diagnosi o della valutazione del processo. Identificare la causa principale e risolvere il problema può richiedere l'assistenza di un chirurgo specializzato.

Meccanismo di sviluppo

L'identificazione precoce dei fattori di formazione del rigurgito mitralico è necessaria, da un lato, per comprendere la natura dei cambiamenti e lo sviluppo della parte teorica del problema, dall'altro, per trovare modi per eliminare il fenomeno.

Per capire meglio cosa sta succedendo, è necessario fare riferimento ai dati anatomici e fisiologici..

La valvola mitrale è una piccola apertura da 4 a 7 centimetri cubi tra le strutture cardiache.

Grazie ad esso il sangue scorre liberamente dagli atri ai ventricoli dell'organo, quindi una tale "finestra" si chiude, la pressione sale, il tessuto connettivo liquido viene gettato nelle arterie principali e poi, grazie ad un dato impulso, viene inviato in tutto il corpo.

Il processo di circolazione del sangue è strettamente unilaterale, dagli atri ai ventricoli. I reflussi non dovrebbero essere normali.

Il rigurgito è determinato dal flusso inverso, poiché la quantità di fluido espulso è significativamente ridotta. Il tasso di cambio scende.

In base alla gravità del fenomeno, ci sono due opzioni:

  • Rigurgito emodinamicamente insignificante. Il volume del sangue che ritorna indietro è trascurabile. Pertanto, in questa fase, il problema è praticamente invisibile. Non ci sono sintomi, ma il trattamento è già necessario per prevenire cambiamenti patologici in futuro.
  • Rigurgito disfunzionale. È più comune. Provoca una ridotta circolazione sanguigna in tutto il corpo.

L'incidenza del rigurgito è di circa il 2% per popolazione. Questa è la seconda deviazione più comune. Più spesso è di origine acquisita, e nel 12-15% delle situazioni è congenita.

Gradi di rigurgito mitralico

A seconda del volume del sangue di ritorno, vengono chiamate 4 fasi del processo patologico:

  • Primo stadio (minore). La variante clinica più semplice, insignificante per il paziente, tuttavia, il problema esiste già. Nel tempo peggiorerà e prima o poi arriverà alla fase terminale. Questo è il momento preferito per iniziare la terapia. Il volume di reflusso è minimo e non supera i 5 centimetri quadrati.
  • Grado 2 di rigurgito mitralico (moderato). La quantità di tessuto connettivo liquido è di 6-8 cm ed è accompagnata da sintomi lievi, ma non ancora nella misura in cui il paziente consulta un medico.
  • Fase 3 (pronunciata). Gli atri sono pieni di sangue, circa la metà. Lo stato di salute è influenzato da significativi disturbi emodinamici. Sono possibili perdita di coscienza, sincope, demenza vascolare e psicosi organiche transitorie.
  • Fase 4 (difficile). Fase terminale. Il trattamento è difficile. Il sangue raggiunge le vene, sono possibili infarti e ictus. La probabilità di complicazioni fatali è quasi del 70% ed è difficile dire quanto presto arriverà l'emergenza. In un giorno, due, un mese, un anno.
Attenzione:

Il rigurgito della valvola mitrale di grado 1 non viene rilevato soggettivamente, ma durante la diagnosi è necessaria l'ecocardiografia. Questo è l'unico modo per identificare tempestivamente il problema..

Le ragioni

I fattori nello sviluppo del processo patologico sono sempre associati a determinate malattie. Meno spesso con altri momenti.

Dobbiamo considerarli in modo più dettagliato:

  • Malformazioni congenite. Il periodo intrauterino è considerato il più responsabile. L'organo primario, ma non ancora un cuore a tutti gli effetti, si forma già a 3 settimane di gestazione.

I processi del suo cambiamento possono essere accompagnati da varie deviazioni..

Le sindromi genetiche sono fatali nel 100% dei casi, in altre situazioni, se il corpo della madre non consente al feto di formarsi adeguatamente, sono probabili opzioni che non sono fatali a breve termine.

Il lieve rigurgito mitralico, che si verifica nelle prime fasi della vita di un bambino, non si manifesta fino a quando il processo non si aggrava.

L'età approssimativa per identificare il problema è di 3-6 anni. Ci sono anche “detentori del record” che vivono nell'oscurità fino alle 10-15 e anche di più. In casi particolarmente difficili, l'individuazione del problema viene effettuata dopo il fatto, quando il paziente è deceduto.

  • Malattia coronarica. Interruzione della normale alimentazione del miocardio. L'IHD è raramente un processo primario, più spesso è secondario sulla base di una diagnosi.

Sorge un circolo vizioso: il rigurgito provoca l'aggravamento dell'atrofia, i disturbi nutrizionali causano un flusso inverso di sangue.

Il restauro viene eseguito con metodi chirurgici. Al di fuori dell'assistenza medica competente, lo sviluppo dell'infarto miocardico è probabile in futuro per diversi mesi, nella migliore delle ipotesi - anni.

  • Disturbi circolatori acuti nelle strutture cardiache (attacco di cuore). È accompagnato da sintomi gravi.

Il periodo di recupero è lungo. Anche con il trattamento completo, rimane un difetto: la cardiosclerosi postinfartuale.

Il tessuto morto viene sostituito da tessuto connettivo o cicatriziale, che non è in grado di eccitarsi. Anche la contrazione non si verifica. La parte interessata è esclusa dal funzionamento. Il rigurgito è il risultato di un fenomeno simile..

  • Reumatismi. Cambiamenti autoimmuni nelle strutture cardiache. Si verifica in pazienti di tutte le età. Senza un trattamento adeguato, in futuro, 3-7 anni terminano con malattie cardiache acquisite.

La terapia è complicata dall'attuale processo ricorrente. Il ripristino dell'attività funzionale dell'organo viene effettuato chirurgicamente.

In questo caso, stiamo parlando di eliminare le conseguenze. Il trattamento della causa sottostante è il farmaco, spesso per tutta la vita.

  • Artrite reumatoide. Da non confondere con lo stato precedente. In questo caso, la lesione ha anche un carattere immunitario, ma il coinvolgimento del cuore si verifica di conseguenza, sullo sfondo di un'infiammazione prolungata delle articolazioni. Il processo procede più lentamente: per 5 o più anni, se non parliamo di una forma aggressiva generalizzata. Il rigurgito risulta essere una complicazione.
  • Stenosi della valvola mitrale. Paradossalmente, raramente finisce con il rigurgito (flusso sanguigno inverso). L'essenza del processo è la crescita eccessiva o il restringimento della struttura anatomica. È possibile che il paziente non vivrà abbastanza da vedere la complicazione..
  • Miocardite. Un fenomeno infiammatorio nelle strutture muscolari. Provoca rigurgito acuto della valvola mitrale, in breve tempo porta alla distruzione di formazioni cardiache, atri. Terapia chirurgica. Nella prima fase, farmaci. Destinato ad eliminare un fenomeno infettivo o immunitario.
  • Aterosclerosi. Raramente. Deposizione di strutture lipidiche sulle pareti valvolari, radialmente.
  • Calcificazione e altre lesioni metaboliche. In questo caso, la deposizione di sali inorganici sulle pareti delle strutture di fornitura di sangue. Le conseguenze sono le stesse dell'aterosclerosi, solo che è più difficile far fronte al fenomeno..
  • Prolasso della valvola mitrale.
  • Ipertensione arteriosa A lungo termine, il tipo più pronunciato. Più alto è il numero, più probabili sono le violazioni organiche. I pazienti esperti sono un tesoro per un cardiologo. Oltre al rigurgito, si possono riscontrare molti altri problemi.
  • Diabete. Forma generalizzata di danno al sistema endocrino. Consiste in una violazione della sintesi o della sensibilità dei tessuti all'insulina. Da qui la disfunzione totale. L'unica malattia non cardiaca nel gruppo di fattori considerato.

In tutti i casi descritti, il rigurgito mitralico di 1 ° grado è la prima fase della malattia. La tempistica della progressione dipende dal tipo di processo sottostante. La miocardite e l'infarto sono particolarmente aggressivi.

Sintomi tipici

Nelle prime fasi, non ce ne sono affatto. Anche i metodi oggettivi non danno una risposta esatta alla domanda. I metodi di routine per identificare il processo patologico non funzioneranno.

La diagnostica avanzata continua è richiesta come parte dello screening. Altrimenti, la malattia verrà identificata in una fase successiva, quando nulla può essere fatto con metodi conservativi..

Un quadro clinico approssimativo è il seguente:

  • Intenso dolore al petto. Assomigliano a quelli con angina pectoris, ma non lo è. La durata della manifestazione varia da pochi secondi a un paio d'ore. Il fenomeno non è pericoloso, di regola. Ma il paziente dovrebbe essere cauto. Il corpo dà il segnale.
  • Palpitazioni Tachicardia. Può essere accompagnato da aritmia, quando l'organo batte in modo errato, gli intervalli tra i battiti non sono uniformi. Extrasistole o fibrillazione atriale. Queste condizioni sono già pericolose per la vita. Hanno la sensazione di saltare le contrazioni, tremori al petto, pesantezza spiacevole.
  • Dispnea. È causato dall'ipossia tissutale secondaria. Lo scambio di gas non avviene in un volume adeguato. Questo è un meccanismo compensatorio, ma inizialmente non è in grado di ripristinare il ripristino della saturazione. Nelle fasi iniziali, i disturbi respiratori si osservano con uno sforzo fisico intenso. Man mano che il processo procede, anche in uno stato di completo riposo, si verifica una deviazione.

I fenomeni precedenti spiegano prestazioni ridotte, debolezza e sonnolenza.

Manifestazioni comuni

I pazienti diventano apatici e pensano che la produttività diminuisca. Possibile deterioramento cognitivo.

Senza un trattamento adeguato, l'atrio si allunga, provocando un accumulo di pressione nella vena polmonare e quindi nell'arteria.

L'insufficienza cardiaca cronica si manifesta, è accompagnata da una massa di fenomeni. Dall'ascite, all'accumulo di liquidi nella cavità addominale, all'ingrossamento del fegato, alla disfunzione generalizzata delle strutture cerebrali.

Edema ed emottisi coronano il quadro. Necessaria diagnosi differenziale. Di solito nella fase di insorgenza di tali sintomi, non è difficile..

Se si verifica almeno un sintomo, è necessario consultare un medico per chiedere aiuto.

In caso di paralisi, paresi o intorpidimento degli arti, di un lato del corpo, problemi di vista, udito, linguaggio, distorsioni facciali, forti mal di testa, vertigini, disorientamento nello spazio, svenimento, è necessario chiamare un'ambulanza. Probabilmente un'emergenza medica come un infarto o un ictus.

Diagnostica

I cardiologi sono coinvolti nell'esame di pazienti con problemi di questo tipo. Quando il processo è in esecuzione, viene mostrata una consultazione con un chirurgo specializzato.

Schema approssimativo delle attività:

  • Intervistare un paziente per problemi di salute. Può essere effettuato utilizzando un questionario standard, questo velocizzerà le attività dei medici.
  • Prendendo l'anamnesi. Lo stile di vita, la storia familiare, le malattie somatiche e altri processi sono soggetti a registrazione obbligatoria. Ciò fornisce un vettore per ulteriori diagnosi..
  • Ascoltando il suono del cuore. Il primo tono è attutito, il secondo è diviso, si osserva anche un soffio sinusale (sistolico) a causa del flusso sanguigno inverso.
  • La diagnosi viene verificata mediante ecocardiografia. Poiché questa tecnica di imaging ha lo scopo di identificare le malformazioni del cuore, non ci sono molte alternative ad essa..
  • Elettrocardiografia. Consente di identificare i disturbi funzionali delle strutture cardiache. Richiede grandi qualifiche da parte dei medici, poiché sono possibili errori.
  • Monitoraggio giornaliero. È necessario per lo studio delle deviazioni dal sistema cardiovascolare nel suo insieme. Mostrato su base ambulatoriale, non c'è modo di creare un ambiente naturale in ospedale.
  • Misurazione della pressione sanguigna. La causa del difetto acquisito in alcuni casi è l'ipertensione.
  • MRI. Per maggiori dettagli sulle strutture cardiache.

Le tecniche di laboratorio non vengono utilizzate a causa dell'inefficienza. Sarà richiesta la consulenza di un endocrinologo. Questo è un evento raro, il trattamento viene effettuato sullo sfondo di un sospetto diabete mellito.

Metodi di trattamento

Terapia chirurgica. Questo è l'unico modo per ripristinare il normale stato del cuore, i difetti non vengono eliminati dai farmaci.

Tuttavia, non un solo medico sano di mente prescriverà subito un'operazione. Abbiamo bisogno di una fase preparatoria. Si tratta solo di assumere farmaci per la stabilizzazione parziale o completa della condizione..

Tra i gruppi farmaceutici:

  • Anticoagulanti. Sono adatti l'aspirina Cardio ei suoi analoghi a base di acido acetilsalicilico. Previene lo sviluppo di coaguli di sangue, migliora le proprietà reologiche del sangue.
  • Nitrati. Per garantire la normale contrattilità miocardica. È importante non abusarne, nella maggior parte dei casi si tratta di rimedi di emergenza. Il classico andrà bene
  • Nitroglicerina.
  • Glicosidi. Normalizza il ritmo, allevia la fibrillazione patologica e l'extrasistole.
  • Diuretici Per rimuovere il liquido in eccesso dal corpo del paziente. Previene lo sviluppo dell'edema, riduce il carico sui reni e sulle vie escretorie in generale.
  • ACE inibitori, calcio antagonisti e beta bloccanti. I nomi sono selezionati da uno specialista.

L'accettazione dei fondi viene effettuata in un complesso. L'effetto si ottiene nei futuri 3-6 mesi, quindi puoi già pianificare l'operazione.

Nei casi acuti, il trattamento chirurgico è indicato con urgenza, i rischi in questa situazione sono molto più alti.

La natura dell'intervento è sempre protesica. La valvola mitrale è sostituita da meccanica o naturale.

In assenza di anomalie patologiche di tipo pronunciato, quando non ci sono sintomi, è indicata l'osservazione dinamica sotto la supervisione di un cardiologo. Nessun trattamento urgente richiesto.

Devi capire che il medico farà del suo meglio per ritardare l'operazione e questo non è un capriccio, ma un desiderio di proteggere il paziente da possibili complicazioni. Se uno specialista consiglia immediatamente di sdraiarsi sotto i ferri, non dovresti ricontattarlo.

Cambiare il tuo stile di vita non ha senso, così come l'uso di ricette popolari.

Possibili complicazioni

Le probabili conseguenze sono:

  • Insufficienza cardiaca. È considerato il leader in frequenza. La causa della morte dei pazienti con rigurgito mitralico nell'80% dei casi è una sospensione acuta del lavoro di un organo muscolare..
  • Infarto miocardico. Come risultato della malnutrizione delle strutture cardiache. Con un processo corrente a lungo termine, ma non raggiungendo una massa critica, è probabile il fallimento, il disturbo disfunzionale.
  • Malattia coronarica (CHD).
  • Ictus. Deviazione acuta dell'afflusso di sangue alle strutture del cervello.
  • Aritmie di vario genere. Fibrillazione, extrasistoli accoppiati o di gruppo.

Stime predittive

Le previsioni variano da un caso all'altro. Il tasso di sopravvivenza a cinque anni è del 45% e negli uomini è quasi una volta e mezza inferiore a quello dovuto - non si sa con certezza.

I giovani affrontano meglio il processo patologico. Sullo sfondo del trattamento, si osserva un recupero in ogni terza persona, circa la metà dei trattati ha una qualità di vita sufficiente.

Solo il 3-8% rimane in condizioni gravi o diventa profondamente disabile. La varietà ischemica viene trattata più facilmente con i reumatoidi.

Il rigurgito della valvola mitrale è un flusso inverso di sangue dal ventricolo sinistro all'atrio sinistro, a causa della chiusura incompleta delle sue valvole. La condizione è potenzialmente fatale. Trattamento chirurgico, urgente o di routine. Medico specializzato - cardiologo.


Articolo Successivo
Elevate piastrine nel sangue nelle donne. Cause e trattamento, cosa significa