Test di tolleranza al glucosio (esteso)


Il test di tolleranza al glucosio orale (esteso) consiste nel determinare il livello di glucosio nel plasma sanguigno a stomaco vuoto e ogni 30 minuti (30, 60, 90, 120 minuti) dopo il carico di carboidrati al fine di diagnosticare vari disturbi del metabolismo dei carboidrati (diabete mellito, ridotta tolleranza al glucosio, glicemia a digiuno).

I risultati della ricerca vengono forniti con il commento di un medico gratuito.

Test di tolleranza al glucosio orale (OGTT), test di tolleranza al glucosio, test del glucosio da 75 grammi.

Sinonimi inglesi

Test di tolleranza al glucosio (GTT), test di tolleranza al glucosio orale (Informazioni su GTT).

Metodo UV enzimatico (esochinasi).

Mmol / L (millimol per litro).

Quale biomateriale può essere utilizzato per la ricerca?

Come prepararsi adeguatamente per lo studio?

  • Un test di tolleranza al glucosio orale deve essere eseguito al mattino con almeno 3 giorni di cibo illimitato (più di 150 g di carboidrati al giorno) e normale attività fisica. Il test dovrebbe essere preceduto da un digiuno notturno per 8-14 ore (puoi bere acqua).
  • L'ultimo pasto serale dovrebbe contenere 30-50 grammi di carboidrati.
  • Non bere alcolici 10-15 ore prima del test.
  • Non fumare la sera prima del test e fino a dopo.

Informazioni generali sullo studio

Un test di tolleranza al glucosio orale deve essere eseguito al mattino con almeno 3 giorni di cibo illimitato (più di 150 g di carboidrati al giorno) e normale attività fisica. Il test dovrebbe essere preceduto da un digiuno notturno per 8-14 ore (puoi bere acqua). L'ultimo pasto serale dovrebbe contenere 30-50 grammi di carboidrati. Non fumare la sera prima e fino alla fine del test. Dopo aver prelevato il sangue a stomaco vuoto, il soggetto non deve superare i 5 minuti. bere 75 g di glucosio anidro o 82,5 g di glucosio monoidrato sciolto in 250-300 ml di acqua. Per i bambini, il carico è di 1,75 g di glucosio anidro (o 1,925 g di glucosio monoidrato) per kg di peso corporeo, ma non più di 75 g (82,5 g), con un bambino di peso pari o superiore a 43 kg, viene somministrata la dose abituale (75 g). Il fumo e l'attività fisica attiva non sono consentiti durante il test. Il prelievo di sangue viene eseguito ogni 30 minuti (30, 60, 90, 120 minuti) con la determinazione del coefficiente iperglicemico e postglicemico.

Va ricordato che se il livello di glucosio nel sangue a digiuno supera 7,0 mmol / L, il test di tolleranza al glucosio orale non viene eseguito, poiché tale livello di glucosio nel sangue stesso è uno dei criteri per diagnosticare il diabete mellito.

Un test di tolleranza al glucosio orale consente di diagnosticare vari disturbi del metabolismo dei carboidrati, come diabete mellito, ridotta tolleranza al glucosio, glicemia a digiuno, ma non può consentire di chiarire il tipo e le cause del diabete mellito, e quindi, dopo aver ricevuto un qualsiasi risultato di un test di tolleranza al glucosio orale, è consigliabile effettuare un consulto obbligatorio endocrinologo.

Una caratteristica distintiva del [06-071] Test di tolleranza al glucosio (esteso) dal 06-258 Test di tolleranza al glucosio (standard) è la sua prestazione non a due, ma a cinque punti (a stomaco vuoto e ogni 30 minuti: 30, 60, 90, 120 minuti) con la definizione coefficiente iperglicemico e postglicemico.

A cosa serve la ricerca?

  • diabete mellito;
  • ridotta tolleranza al glucosio,
  • ridotta glicemia a digiuno.

Quando è programmato lo studio?

  • In caso di valori glicemici dubbi, per chiarire lo stato del metabolismo dei carboidrati;
  • quando si esaminano pazienti con fattori di rischio per lo sviluppo del diabete:
    • oltre 45 anni;
    • BMI superiore a 25 kg / m 2;
    • storia familiare di diabete mellito (genitori o fratelli con diabete di tipo 2);
    • attività fisica abitualmente bassa;
    • una storia di glicemia a digiuno o ridotta tolleranza al glucosio;
    • diabete mellito gestazionale o nascita di un feto con più di 4,5 kg di storia;
    • ipertensione arteriosa (di qualsiasi eziologia);
    • violazione del metabolismo lipidico (livello di HDL inferiore a 0,9 mmol / le / o livello di trigliceridi superiore a 2,82 mmol / l);
    • la presenza di qualsiasi malattia del sistema cardiovascolare.

Quando è opportuno eseguire un test di tolleranza al glucosio orale per lo screening dei disturbi metabolici dei carboidrati

Tecnica per eseguire e interpretare i risultati del test di tolleranza al glucosio

In questo articolo imparerai:

Secondo gli ultimi dati della ricerca, il numero di casi di diabete mellito nel mondo è raddoppiato negli ultimi 10 anni. Un così rapido aumento dell'incidenza del diabete è stata la ragione per l'adozione della Risoluzione delle Nazioni Unite sul diabete mellito con una raccomandazione a tutti gli stati di sviluppare standard per la diagnosi e il trattamento. Il test di tolleranza al glucosio è incluso negli standard per la diagnosi del diabete mellito. Secondo questo indicatore, parlano della presenza o dell'assenza di una malattia in una persona..

Il test di tolleranza al glucosio può essere eseguito per via orale (bevendo la soluzione di glucosio direttamente dal paziente) e per via endovenosa. Il secondo metodo è usato raramente. Il test orale è onnipresente.

È noto che l'ormone insulina lega il glucosio nel sangue e lo consegna a ogni cellula del corpo, in base al fabbisogno energetico di un particolare organo. Se una persona secerne una quantità insufficiente di insulina (diabete mellito di tipo 1), o viene prodotta normalmente, ma la sua suscettibilità al glucosio è ridotta (diabete mellito di tipo 2), il test di tolleranza rifletterà i valori sovrastimati di zucchero nel sangue.

Azione dell'insulina sulla cellula

La facilità di implementazione, così come la disponibilità generale, consente a tutti coloro che sospettano una violazione del metabolismo dei carboidrati di affrontarla in un istituto medico.

Indicazioni per eseguire un test di tolleranza

Il test di tolleranza al glucosio viene eseguito in misura maggiore per rilevare il prediabete. Per confermare il diabete mellito, non è sempre necessario eseguire un test da sforzo; è sufficiente un valore di glicemia elevato registrato in condizioni di laboratorio.

Ci sono un certo numero di casi in cui è necessario prescrivere un test di tolleranza al glucosio a una persona:

  • ci sono sintomi di diabete mellito, ma i test di laboratorio di routine non confermano la diagnosi;
  • l'eredità per il diabete mellito è gravata (la madre o il padre ha questa malattia);
  • i valori di glicemia a digiuno sono leggermente aumentati rispetto alla norma, ma non ci sono sintomi caratteristici del diabete mellito;
  • glucosuria (la presenza di glucosio nelle urine);
  • sovrappeso;
  • l'analisi della tolleranza al glucosio viene effettuata nei bambini se esiste una predisposizione alla malattia e alla nascita il bambino aveva un peso superiore a 4,5 kg e ha anche un aumento del peso corporeo nel processo di crescita;
  • nelle donne in gravidanza, viene effettuato nel secondo trimestre, con glicemia a digiuno sovrastimata;
  • infezioni frequenti e ricorrenti sulla pelle, nella bocca o prolungata mancata guarigione delle ferite sulla pelle.

Controindicazioni per l'analisi

Controindicazioni specifiche per le quali non è possibile eseguire il test di tolleranza al glucosio:

  • condizioni di emergenza (ictus, infarto), traumi o interventi chirurgici;
  • diabete mellito pronunciato;
  • malattie acute (pancreatite, gastrite in fase acuta, colite, infezioni respiratorie acute e altre);
  • assumere farmaci che modificano i livelli di glucosio nel sangue.

Preparazione per il test di tolleranza al glucosio

È importante sapere che prima di fare un test di tolleranza al glucosio, è necessaria una preparazione semplice ma obbligatoria. Devono essere rispettate le seguenti condizioni:

  1. il test di tolleranza al glucosio viene eseguito solo sullo sfondo di uno stato di salute di una persona;
  2. il sangue viene donato a stomaco vuoto (l'ultimo pasto prima dell'analisi dovrebbe essere di almeno 8-10 ore);
  3. non è desiderabile lavarsi i denti e usare la gomma da masticare prima dell'analisi (la gomma da masticare e il dentifricio possono contenere una piccola quantità di zucchero, che inizia ad essere assorbita già nella cavità orale, pertanto i risultati potrebbero essere falsamente sovrastimati);
  4. alla vigilia del test, il consumo di alcol è indesiderabile ed è escluso il fumo di tabacco;
  5. prima del test, è necessario condurre la normale vita quotidiana, attività fisica eccessiva, stress o altri disturbi psico-emotivi non sono desiderabili;
  6. è vietato eseguire questo test durante l'assunzione di farmaci (i farmaci possono modificare i risultati del test).

Procedura di prova

Questa analisi viene eseguita in un ospedale sotto la supervisione di personale medico e si compone di quanto segue:

  • al mattino, rigorosamente a stomaco vuoto, il paziente viene prelevato sangue da una vena e viene determinato il livello di glucosio in esso contenuto;
  • al paziente viene offerto di bere 75 grammi di glucosio anidro sciolto in 300 ml di acqua pura (per i bambini, il glucosio viene sciolto al ritmo di 1,75 grammi per 1 kg di peso corporeo);
  • 2 ore dopo la soluzione di glucosio bevuto, viene determinato il livello di glucosio nel sangue;
  • valutare la dinamica dei cambiamenti nella glicemia in base ai risultati del test.

È importante che per un risultato privo di errori, il livello di glucosio sia determinato immediatamente nel sangue prelevato. Non è consentito il congelamento, il trasporto a lungo termine o la permanenza a lungo termine a temperatura ambiente.

Valutazione dei risultati del test dello zucchero

Valutare i risultati ottenuti con valori normali che dovrebbero essere in una persona sana.

Una ridotta tolleranza al glucosio e una ridotta glicemia a digiuno sono prediabete. In questo caso, solo un test di tolleranza al glucosio può aiutare a identificare una predisposizione al diabete..

Test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza

Il test del carico di glucosio è un importante segno diagnostico dello sviluppo del diabete mellito in una donna incinta (diabete mellito gestazionale). Nella maggior parte delle cliniche prenatali, è stato incluso nell'elenco obbligatorio delle misure diagnostiche ed è indicato per tutte le donne in gravidanza, insieme alla consueta determinazione della glicemia a digiuno. Ma, molto spesso, viene eseguito per le stesse indicazioni delle donne non gravide..

A causa dei cambiamenti nel lavoro delle ghiandole endocrine e dei cambiamenti nei livelli ormonali, le donne incinte sono a rischio di sviluppare il diabete mellito. La minaccia di questa condizione appare non solo per la madre stessa, ma anche per il nascituro..

Se il sangue di una donna ha un alto livello di glucosio, allora entrerà sicuramente nel feto. Una quantità eccessiva di glucosio porta alla nascita di un bambino grande (oltre 4-4,5 kg), tendenza al diabete e danni al sistema nervoso. Molto raramente, ci sono casi isolati in cui la gravidanza può terminare con un parto prematuro o un aborto spontaneo.

Di seguito viene presentata l'interpretazione dei valori di prova ottenuti..

Conclusione

Il test di tolleranza al glucosio è stato incluso negli standard per la fornitura di cure mediche specialistiche ai pazienti con diabete mellito. Ciò consente a tutti i pazienti predisposti al diabete mellito o sospettati di prediabete di sottoporlo gratuitamente a una polizza di assicurazione sanitaria obbligatoria in un policlinico.

Il valore informativo del metodo consente di stabilire una diagnosi nella fase iniziale dello sviluppo della malattia e iniziare a prevenirla in tempo. Il diabete mellito è uno stile di vita da adottare. L'aspettativa di vita con questa diagnosi ora dipende completamente dal paziente stesso, dalla sua disciplina e dalla corretta attuazione delle raccomandazioni degli specialisti.

Come viene eseguito un test di tolleranza al glucosio - indicazioni per la ricerca e l'interpretazione dei risultati

La conseguenza della malnutrizione, sia nelle donne che negli uomini, può essere una violazione della produzione di insulina, che è irta dello sviluppo del diabete mellito, quindi è importante prelevare periodicamente sangue da una vena per condurre un test di tolleranza al glucosio. Dopo aver decodificato gli indicatori, mettono o confutano il sospetto di una diagnosi di diabete mellito o diabete gestazionale nelle donne in gravidanza. Acquisire familiarità con la procedura per la preparazione per l'analisi, il processo di conduzione di un campione, la decodifica degli indicatori.

Test di tolleranza al glucosio

Il test di tolleranza al glucosio (GTT) o test di tolleranza al glucosio si riferisce a metodi di esame specifici che aiutano a identificare l'atteggiamento del corpo nei confronti dello zucchero. Con il suo aiuto, viene determinata la tendenza al diabete mellito, i sospetti di una malattia latente. Sulla base degli indicatori, puoi intervenire sulla situazione in tempo ed eliminare le minacce. Esistono due tipi di test:

  1. Tolleranza al glucosio orale o orale: il carico di zucchero viene effettuato pochi minuti dopo il primo prelievo di sangue, al paziente viene chiesto di bere acqua zuccherata.
  2. Endovenosa: se è impossibile consumare autonomamente l'acqua, viene somministrata per via endovenosa. Questo metodo è utilizzato per le donne in gravidanza con grave tossicosi, pazienti con disturbi gastrointestinali.

Indicazioni per

I pazienti con i seguenti fattori possono ottenere un rinvio da un terapista, ginecologo, endocrinologo per un test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza o sospetto di diabete mellito:

  • sospetto di diabete mellito di tipo 2;
  • presenza effettiva di diabete;
  • per la selezione e l'adeguamento del trattamento;
  • se sospetta o soffre di diabete gestazionale;
  • prediabete;
  • sindrome metabolica;
  • malfunzionamenti del pancreas, ghiandole surrenali, ghiandola pituitaria, fegato;
  • ridotta tolleranza al glucosio;
  • obesità, malattie endocrine;
  • autogestione del diabete.

Come eseguire un test di tolleranza al glucosio

Se il medico sospetta una delle condizioni di cui sopra, ti indirizzerà per un test di tolleranza al glucosio. Questo metodo di esame è specifico, sensibile e "capriccioso". Vale la pena prepararsi con attenzione per non ottenere risultati falsi e quindi, insieme a un medico, scegliere un trattamento per eliminare i rischi e le possibili minacce, complicazioni nel corso del diabete.

Preparazione per la procedura

Preparati con cura prima del test. Le misure di preparazione includono:

  • divieto di assunzione di alcol per diversi giorni;
  • non fumare il giorno del test;
  • informi il medico del livello di attività fisica;
  • non mangiare cibi dolci al giorno, non bere molta acqua il giorno del test, osservare la dieta corretta;
  • prendere in considerazione lo stress;
  • non fare un test per malattie infettive, condizioni postoperatorie;
  • interrompere l'assunzione di farmaci in tre giorni: ipoglicemico, ormonale, stimolante del metabolismo, deprimente la psiche.
  • Malattia adesiva della cavità addominale - prevenzione e trattamento. Sintomi di malattia adesiva addominale, dieta
  • Sintomi di un tumore al cervello nelle prime fasi
  • Come nutrire le fragole

Prelievo di sangue a digiuno

Il test della glicemia richiede due ore, perché durante questo periodo è possibile raccogliere informazioni ottimali sul livello di glicemia nel sangue. Il primo passo del test è il prelievo di sangue, che dovrebbe essere fatto a stomaco vuoto. Il digiuno dura 8-12 ore, ma non più di 14, altrimenti c'è il rischio di ottenere risultati GTT inaffidabili. Vengono testati la mattina presto in modo che sia possibile controllare l'aumento o la diminuzione dei risultati.

Carico di glucosio

La seconda fase è l'assunzione di glucosio. Il paziente beve lo sciroppo dolce o gli viene somministrato per via endovenosa. Nel secondo caso, una speciale soluzione di glucosio al 50% viene iniettata lentamente nell'arco di 2-4 minuti. Per la preparazione viene utilizzata una soluzione acquosa con 25 g di glucosio; per i bambini, la soluzione viene preparata alla velocità di 0,5 g per chilogrammo di peso corporeo, normale, ma non superiore a 75 g. Quindi donare il sangue.

Con una prova orale, una persona beve 250-300 ml di acqua calda dolce con 75 g di glucosio in cinque minuti. Per le donne incinte, 75-100 grammi vengono sciolti nella stessa quantità. Per gli asmatici, i pazienti con angina pectoris, ictus o infarto, si consiglia di assumere solo 20 g. Il carico di carboidrati non viene effettuato da solo, sebbene la polvere di glucosio sia venduta in farmacia senza prescrizione medica.

Ripetuti prelievi di sangue

Nell'ultima fase vengono eseguiti diversi esami del sangue ripetuti. Nel corso di un'ora, il sangue viene prelevato più volte da una vena per verificare le fluttuazioni dei livelli di glucosio. Secondo i loro dati, le conclusioni sono già state tratte, è in corso una diagnosi. Il test richiede sempre un nuovo controllo, soprattutto se risulta positivo e la curva dello zucchero mostra le fasi del diabete. È necessario eseguire i test come prescritto da un medico.

  • Osteopata: chi è e cosa fa. Recensioni di trattamento con un osteopata
  • Quale coperta è meglio scegliere
  • Insalata di fagioli e crostini: ricette

Risultati del test di tolleranza al glucosio

Sulla base dei risultati del superamento del test dello zucchero, viene determinata una curva dello zucchero, che mostra lo stato del metabolismo dei carboidrati. La norma è 5,5-6 mmol per litro di sangue capillare e 6,1-7 sangue venoso. Le letture dello zucchero sopra indicano prediabete e possibile funzione di tolleranza al glucosio compromessa, malfunzionamento del pancreas. Con indicatori di 7,8-11,1 da un dito e oltre 8,6 mmol per litro da una vena, viene diagnosticato il diabete mellito. Se dopo il primo prelievo di sangue i numeri sono superiori a 7,8 da un dito e 11,1 da una vena, il test è vietato a causa dello sviluppo di coma iperglicemico.

Motivi per indicatori errati

Un risultato falso positivo (alto in una persona sana) è possibile se si osserva il riposo a letto o dopo un digiuno prolungato. Le ragioni delle false indicazioni negative (il livello di zucchero del paziente è normale) sono:

  • alterato assorbimento del glucosio;
  • dieta ipocalorica: restrizione dei carboidrati o del cibo prima del test;
  • aumento dell'attività fisica.

Controindicazioni

Non è sempre consentito condurre un test di tolleranza al glucosio. Le controindicazioni per il superamento del test sono:

  • intolleranza individuale allo zucchero;
  • malattie del tratto gastrointestinale, esacerbazione della pancreatite cronica;
  • malattia infiammatoria o infettiva acuta;
  • tossicosi grave;
  • periodo postoperatorio;
  • rispetto del riposo a letto standard.

Test del glucosio durante la gravidanza

Durante la gestazione, il corpo di una donna incinta è esposto a un forte stress, mancano oligoelementi, minerali, vitamine. Le donne incinte seguono una dieta, ma alcune possono consumare maggiori quantità di cibo, soprattutto carboidrati, che possono portare al diabete gestazionale (iperglicemia prolungata). Il test di sensibilità al glucosio viene eseguito anche per rilevarlo e prevenirlo. Pur mantenendo un livello elevato di glucosio nel sangue nella seconda fase, la curva dello zucchero indica lo sviluppo del diabete.

Gli indicatori indicano la malattia: il livello di zucchero a stomaco vuoto è superiore a 5,3 mmol / l, un'ora dopo l'ingestione è superiore a 10, dopo due ore 8.6. Dopo aver rilevato una condizione gestazionale, il medico prescrive alla donna un'analisi ripetuta per confermare o negare la diagnosi. Alla conferma, il trattamento viene prescritto a seconda della durata della gravidanza, il parto viene effettuato a 38 settimane. 1,5 mesi dopo la nascita del bambino, viene ripetuta l'analisi per la tolleranza al glucosio del corpo.

Cause di ridotta tolleranza al glucosio. Come eseguire un test di tolleranza al glucosio?

Quando il corpo fallisce nel metabolismo dei carboidrati, il consumo e l'assorbimento di zucchero diminuiscono. Di conseguenza, può verificarsi una ridotta tolleranza al glucosio (IGT). Se non vengono prese misure adeguate, ciò minaccia lo sviluppo di una malattia così grave come il diabete. Uno dei metodi per rilevare questa malattia è il test di tolleranza al glucosio (GTT).

Diagnostica biochimica dei disturbi del metabolismo dei carboidrati

È necessario un test di tolleranza al glucosio per monitorare i livelli di zucchero nel sangue. Viene eseguito senza sforzo con un minimo di fondi. Questa analisi è importante per i diabetici, le persone sane e le future mamme in un secondo momento..

La violazione della tolleranza al glucosio, se necessario, può essere rilevata anche a casa. Lo studio è condotto sia su adulti che su ragazzi di età superiore ai 14 anni. Il rispetto delle regole necessarie consente di renderlo più accurato.

Esistono due tipi di GTT:

  • orale (orale),
  • endovenosa.

Le opzioni di analisi differiscono in base al metodo di introduzione dei carboidrati. Il test di tolleranza al glucosio orale è considerato un metodo di prova semplice. Hai solo bisogno di bere acqua zuccherata un paio di minuti dopo il primo prelievo di sangue.

Il secondo metodo per il test di tolleranza al glucosio viene eseguito somministrando la soluzione per via endovenosa. Questo metodo viene utilizzato quando il paziente non è in grado di bere la soluzione dolce da solo. Ad esempio, un test di tolleranza al glucosio per via endovenosa è indicato per la tossicosi grave delle donne in gravidanza..

I risultati dell'analisi del sangue vengono valutati due ore dopo l'assunzione di zucchero nel corpo. Il punto di partenza è il momento del primo prelievo di sangue.

Il test per la tolleranza al glucosio si basa sullo studio della reazione dell'apparato insulare al suo ingresso nel sangue. La biochimica del metabolismo dei carboidrati ha le sue caratteristiche. Affinché il glucosio venga assorbito correttamente, è necessaria l'insulina per regolarne il livello. L'insufficienza dell'apparato insulare provoca iperglicemia - eccesso della norma del monosaccaride nel siero del sangue.

Quali sono le indicazioni per l'analisi?

Una tale diagnosi, con il sospetto di un medico, consente di distinguere tra diabete mellito e ridotta tolleranza al glucosio (stato pre-diabete). Nella classificazione internazionale delle malattie, la RTN ha un proprio numero (codice ICD 10 - R73.0).

Assegna un'analisi della curva dello zucchero nelle seguenti situazioni:

  • diabete mellito di tipo 1, nonché per l'autocontrollo,
  • sospetto diabete di tipo 2. Viene prescritto anche un test di tolleranza al glucosio per selezionare e regolare la terapia,
  • condizione pre-diabete,
  • sospetto dello sviluppo del diabete gestazionale in una donna incinta o della sua presenza,
  • insufficienza metabolica,
  • rottura del pancreas, ghiandole surrenali, ghiandola pituitaria, fegato,
  • obesità.

Il sangue può essere testato per una curva dello zucchero anche con un'iperglicemia registrata una volta durante lo stress sperimentato. Queste condizioni includono infarto, ictus, polmonite, ecc..

Vale la pena sapere che i test diagnostici che i pazienti eseguono da soli utilizzando un glucometro non sono adatti per fare una diagnosi. Le ragioni di ciò sono nascoste nei risultati imprecisi restituiti. L'allungamento può raggiungere 1 mmol / lo più.

Controindicazioni a GTT

Il test di tolleranza al glucosio è la diagnosi del diabete mellito e della condizione pre-diabete eseguendo test di stress. Dopo aver caricato le cellule beta del pancreas con i carboidrati, sono esaurite. Pertanto, un test non può essere eseguito a meno che non sia assolutamente necessario. Inoltre, la determinazione della tolleranza al glucosio nel diabete mellito diagnosticato può causare shock glicemico al paziente..

Esistono anche una serie di controindicazioni a GTT:

  • intolleranza al glucosio individuale,
  • malattie gastrointestinali,
  • infiammazione o infezione nella fase acuta (il glucosio alto aumenta la suppurazione),
  • manifestazioni pronunciate di tossicosi,
  • periodo postoperatorio,
  • dolore addominale acuto e altri sintomi che richiedono intervento chirurgico e trattamento,
  • una serie di malattie endocrine (acromegalia, feocromocitoma, morbo di Cushing, ipertiroidismo),
  • assunzione di farmaci che provocano cambiamenti nei livelli di zucchero nel sangue,
  • potassio e magnesio insufficienti (aumentano l'effetto dell'insulina).

Cause e sintomi

Quando il metabolismo dei carboidrati fallisce, la tolleranza al glucosio è ridotta. Cos'è? La NTG è accompagnata da un aumento della glicemia al di sopra della norma, non superiore però alla soglia diabetica. Questi concetti si riferiscono ai criteri principali per la diagnosi dei disturbi metabolici, compreso il diabete di tipo 2.

È interessante notare che oggi NTG può essere rilevato anche in un bambino. Ciò è dovuto al problema acutamente espresso della società: l'obesità, che causa gravi danni al corpo del bambino. Se il diabete mellito precedente in giovane età si presentava a causa dell'eredità, ora questa malattia sta diventando sempre più il risultato di uno stile di vita improprio.

È generalmente accettato che vari fattori possano provocare questa condizione. Questi includono predisposizione genetica, resistenza all'insulina, problemi al pancreas, alcune malattie, obesità, mancanza di esercizio.

La particolarità della violazione è asintomatica. I segni allarmanti compaiono con il diabete di tipo 1 e 2. Di conseguenza, il paziente è in ritardo con il trattamento, ignaro dei problemi di salute..

A volte, con lo sviluppo di NTG, compaiono i sintomi tipici del diabete: sete intensa, sensazione di bocca secca, bere molti liquidi e minzione frequente. Tuttavia, tali segni non fungono da base al cento per cento per confermare la diagnosi..

Cosa significano gli indicatori ricevuti??

Quando si esegue un test di tolleranza al glucosio orale, è necessario tenere in considerazione una caratteristica. Il sangue di una vena in condizioni normali contiene una quantità leggermente superiore di monosaccaride rispetto al sangue capillare prelevato da un dito.

La decifrazione di un test di tolleranza al glucosio nel sangue orale viene valutata in base ai seguenti punti:

  • Il valore normale di GTT è il livello di glucosio nel sangue 2 ore dopo la somministrazione della soluzione dolce non supera 6,1 mmol / L (7,8 mmol / L quando si prende sangue venoso).
  • Tolleranza ridotta: un indicatore superiore a 7,8 mmol / l, ma inferiore a 11 mmol / l.
  • Diabete mellito pre-diagnosticato: tassi elevati, vale a dire oltre 11 mmol / l.

Un singolo campione di classificazione ha lo svantaggio che il calo nella curva dello zucchero può essere saltato. Pertanto, dati più affidabili si ottengono misurando il contenuto di zucchero 5 volte in 3 ore o 4 volte ogni mezz'ora. La curva dello zucchero, la cui norma non dovrebbe superare 6,7 mmol / l al picco, nei diabetici si blocca a numeri elevati. In questo caso, si osserva una curva di zucchero piatta. Mentre le persone sane mostrano rapidamente un minimo.

Fase preparatoria dello studio

Come eseguire correttamente un test di tolleranza al glucosio? La preparazione per l'analisi gioca un ruolo importante nell'accuratezza dei risultati. La durata dello studio è di due ore, ciò è dovuto al livello incoerente di glucosio nel sangue. La diagnosi finale dipende dalla capacità del pancreas di regolare questo indicatore..

Nella prima fase del test, il sangue viene prelevato da un dito o da una vena a stomaco vuoto, preferibilmente al mattino presto.

Quindi il paziente beve una soluzione di glucosio, che si basa su una speciale polvere contenente zucchero. Per fare uno sciroppo di pasta, deve essere diluito in una certa proporzione. Quindi, un adulto viene dato da bere 250-300 ml di acqua, con glucosio diluito in un volume di 75 g.Il dosaggio per i bambini è di 1,75 g / kg di peso corporeo. Se il paziente vomita (tossicosi nelle donne in gravidanza), il monosaccaride viene somministrato per via endovenosa. Quindi il sangue viene prelevato più volte. Questo viene fatto per ottenere i dati più accurati..

È importante prepararsi in anticipo per un test di tolleranza al glucosio nel sangue. Si consiglia di includere alimenti ricchi di carboidrati (oltre 150 g) nel menu 3 giorni prima dello studio. È sbagliato mangiare cibi a basso contenuto calorico prima dell'analisi: la diagnosi di iperglicemia sarà errata, poiché i risultati saranno sottostimati.

Dovresti anche smettere di prendere diuretici, glucocorticosteroidi e contraccettivi orali 2-3 giorni prima del test. Non puoi mangiare 8 ore prima del test, bere caffè e bere alcolici 10-14 ore prima del test.

Molte persone sono interessate a sapere se è possibile lavarsi i denti prima di donare il sangue? Questo non dovrebbe essere fatto perché i dentifrici contengono dolcificanti. Puoi lavarti i denti 10-12 ore prima del test.

Caratteristiche della lotta contro NVT

Dopo che è stata identificata una violazione della tolleranza al glucosio, il trattamento deve essere tempestivo. Combattere l'NTH è molto più facile che combattere il diabete. Qual è la prima cosa da fare? Si consiglia di consultare un endocrinologo.

Una delle condizioni principali per una terapia di successo è cambiare il solito modo di vivere. Un posto speciale è occupato da una dieta a basso contenuto di carboidrati con ridotta tolleranza al glucosio. Si basa sulla nutrizione secondo il sistema Pevzner.

Si consiglia l'esercizio anaerobico. È anche importante controllare il peso corporeo. Se la perdita di peso non ha successo, il medico può prescrivere alcuni farmaci, come la metformina. Tuttavia, in questo caso, devi essere preparato al fatto che appariranno gravi effetti collaterali..

Un ruolo importante è svolto dalla prevenzione della RTN, che consiste nell'autotest. Le misure preventive sono particolarmente importanti per le persone a rischio: casi di diabete in famiglia, sovrappeso, età dopo i 50 anni.

Perché viene determinata la tolleranza al glucosio?

Il test di tolleranza al glucosio misura il modo in cui il corpo assorbe i carboidrati dal cibo. Per fare ciò, il paziente prende una soluzione di glucosio e quindi viene misurato il suo livello sanguigno. L'analisi aiuta a identificare la forma latente del diabete mellito e la probabilità del suo sviluppo in futuro. Ulteriori informazioni sulle regole per la preparazione e la donazione del sangue, nonché su come normalizzare gli indicatori, impara da questo articolo.

Quando misurare la tolleranza al glucosio

Una caratteristica del decorso del diabete mellito di tipo 2 è un periodo di latenza piuttosto lungo. In questo momento, esiste già una resistenza dei tessuti all'insulina prodotta, ma non ci sono ancora segni classici (sete, minzione abbondante, grave debolezza, attacchi di fame).

Per determinare i disturbi del metabolismo dei carboidrati, un test della glicemia di routine non è sufficiente, poiché spesso mostra la norma.

Il primo gruppo di persone che necessitano di un test di tolleranza al glucosio sono pazienti con sintomi aspecifici, possono anche essere affetti da diabete mellito:

  • eruzione pustolosa sulla pelle, foruncolosi ricorrente, prurito;
  • violazione dell'acuità visiva, punti tremolanti davanti agli occhi;
  • mughetto, prurito nel perineo;
  • aumento della stanchezza, sonnolenza, aggravato dopo aver mangiato;
  • disfunzioni sessuali - impotenza, irregolarità mestruali, diminuzione della libido, infertilità;
  • fragilità di capelli e unghie, calvizie, pelle secca, guarigione delle ferite a lungo termine;
  • formicolio e intorpidimento degli arti, contrazioni muscolari notturne;
  • sudorazione, mani e piedi freddi;
  • obesità con deposito di grasso predominante intorno alla vita;
  • gengive sanguinanti, denti sciolti.

Il secondo gruppo comprende pazienti a rischio di sviluppare diabete mellito con o senza sintomi. Questi includono:

  • hanno compiuto 45 anni;
  • avere diabetici in famiglia (tra parenti di sangue);
  • pazienti con ipertensione arteriosa, angina pectoris, encefalopatia discircolatoria, aterosclerosi periferica delle estremità, ovaio policistico;
  • soffre di sovrappeso (indice di massa corporea superiore a 27 kg / m2), sindrome metabolica;
  • condurre uno stile di vita inattivo, fumatori, alcolisti;
  • mangiare dolci, cibi grassi, fast food;
  • se viene rilevato un alto contenuto di colesterolo nel sangue, acido urico (gotta), insulina, aggregazione piastrinica accelerata;
  • persone con malattie renali ed epatiche croniche;
  • pazienti con malattia parodontale, foruncolosi;
  • prendendo farmaci ormonali.

Per un gruppo a rischio di diabete mellito, l'analisi deve essere effettuata almeno una volta all'anno; per escludere un errore, si consiglia di eseguirla due volte con un intervallo di 10 giorni. In caso di malattie dell'apparato digerente o in casi dubbi, il glucosio non viene somministrato per via orale (in una bevanda), ma per via endovenosa.

E qui c'è di più sulle analisi per l'ipertensione.

Controindicazioni all'analisi

Poiché questo esame è un onere per il corpo, non è raccomandato in tali situazioni:

  • processo infiammatorio acuto (può portare a progressione, suppurazione);
  • ulcera peptica, alterato assorbimento del cibo o funzione motoria dell'apparato digerente a causa della resezione dello stomaco;
  • segni di "addome acuto", la necessità di un intervento chirurgico urgente;
  • condizione grave con infarto miocardico, ictus, edema cerebrale o emorragia;
  • violazione dell'equilibrio elettrolitico o acido del sangue;
  • malattie delle ghiandole surrenali, della ghiandola tiroidea, della ghiandola pituitaria con aumento della glicemia;
  • l'uso di diuretici tiazidici, ormoni, contraccettivi, beta-bloccanti, anticonvulsivanti;
  • mestruazioni, parto;
  • cirrosi epatica;
  • vomito, diarrea.

Alcune di queste condizioni possono essere corrette e quindi eseguito un test di tolleranza al glucosio orale. Quando viene diagnosticato un diabete mellito o un livello di zucchero nel sangue alto a stomaco vuoto per altri motivi, non ha senso condurre un test.

Tale risultato è considerato falso positivo, ma significa che il paziente ha ancora la tendenza a compromettere il metabolismo dei carboidrati. Queste persone hanno necessariamente bisogno di cambiamenti nello stile di vita e di una corretta alimentazione per prevenire il diabete..

Perché durante la gravidanza

Durante il periodo di gravidanza, anche in una donna sana, sullo sfondo dei cambiamenti ormonali, il metabolismo dei carboidrati può essere disturbato. Il segno principale del diabete gestazionale è un aumento della glicemia dopo un pasto e a stomaco vuoto l'indicatore può essere completamente entro i limiti normali..

La tolleranza al glucosio durante la gravidanza viene testata se:

  • il precedente era con diabete gestazionale;
  • il peso del bambino alla nascita superava i 4,5 kg;
  • c'erano nati morti, aborti spontanei, nascite premature, polidramnios;
  • età della madre prima dei 18 anni o dopo i 30 anni;
  • è stato riscontrato che il neonato aveva anomalie dello sviluppo;
  • aveva una malattia dell'ovaio policistico prima della gravidanza;
  • c'è l'obesità;
  • la donna fuma, usa alcol, droghe.

I primi segni di diabete nelle donne in gravidanza compaiono dal secondo o terzo trimestre e persistono fino al parto, quindi gli indicatori tornano alla normalità. La violazione del metabolismo dei carboidrati è estremamente pericolosa, in quanto è un fattore di rischio per la formazione impropria degli organi.

Come sostenere una prova orale

Lo zucchero nel sangue è soggetto a fluttuazioni. Cambia a seconda dell'ora del giorno, dello stato del sistema nervoso, della dieta, delle comorbidità, dell'attività fisica. Pertanto, per superare il test, è estremamente importante seguire esattamente i consigli di preparazione:

  • tre giorni prima della diagnosi, non apportare cambiamenti radicali alle abitudini alimentari;
  • fornire almeno 1,5 litri di acqua pulita al giorno;
  • non rinunciare completamente ai carboidrati, poiché il pancreas riduce gradualmente la sintesi di insulina e la glicemia aumenterà con l'esercizio;
  • l'attività fisica dovrebbe rimanere standard;
  • la pausa tra i pasti è di un minimo di 8 e un massimo di 14 ore. Anche l'alcol e la nicotina sono completamente esclusi in questo intervallo;
  • durante la diagnosi (ci vorranno circa 2 ore), va osservato il riposo motorio ed emotivo, è severamente vietato fumare, mangiare e bere (tranne una piccola quantità di acqua potabile);
  • se al paziente vengono prescritti farmaci, la loro eventuale cancellazione viene concordata in anticipo. Ciò è particolarmente vero per gli ormoni, i diuretici, i farmaci psicotropi;
  • lo studio viene effettuato la mattina prima di eventuali procedure diagnostiche e terapeutiche.

Conduzione di test di tolleranza al glucosio

Durante la diagnosi, il sangue viene prelevato più volte dal paziente per il glucosio. Inizialmente, questo è il livello di digiuno iniziale. Quindi, con la versione estesa (completa) del test, ogni mezz'ora per 2 ore dopo il caricamento. Per uno studio standard, vengono registrati solo i valori di base e dopo 2 ore.

Come soluzione di carboidrati, 75 g di glucosio vengono utilizzati in un bicchiere d'acqua. Deve essere bevuto in 3 - 5 minuti. Questo campione simula l'assunzione di cibo. In risposta all'ingresso di zucchero nel sangue, l'insulina viene rilasciata dal pancreas. Sotto la sua influenza, il glucosio dal sangue inizia a penetrare nelle cellule e la sua concentrazione diminuisce. Il tasso di questo calo viene valutato anche dal test di tolleranza al glucosio.

Sulla base dei dati ottenuti, viene costruito un grafico delle modifiche. L'aumento del livello dopo l'esercizio è chiamato fase iperglicemica e la diminuzione è chiamata fase ipoglicemica. Il tasso di questi cambiamenti è caratterizzato dagli indici corrispondenti.

Guarda il video sul test di tolleranza al glucosio:

Tasso di test di tolleranza al glucosio

Il metabolismo dei carboidrati può essere considerato normale se, durante l'analisi del sangue, vengono rilevati tali cambiamenti nella concentrazione di glucosio in mmol / l:

  • a stomaco vuoto - 4,1 - 5,8;
  • 30 minuti dopo l'esercizio - 6.1 - 9.4;
  • un'ora dopo - 6,7 - 9,4;
  • dopo 1,5 ore - 5,6 - 7,8;
  • alla fine della seconda ora - 4.1 - 6.7.

Per le donne in gravidanza, la tolleranza al glucosio è normale se la glicemia a digiuno non è superiore a 6,6 mmol / L e dopo l'esercizio in qualsiasi momento, il suo livello non deve superare 11 mmol / L.

Violazione della tolleranza

I criteri in base ai quali viene fatta la conclusione sulla ridotta resistenza al glucosio sono i seguenti:

  • lo zucchero a digiuno è normale (a volte leggermente aumentato a 6 mmol / l);
  • dopo 2 ore, glicemia nell'intervallo da 7,8 a 11,1 mmol / l (maggiore - diabete).

Questa condizione viene definita prediabete. Il pancreas in questi pazienti può produrre abbastanza insulina, ma i recettori delle cellule perdono la loro sensibilità (resistenza all'insulina). Per questo motivo, per molto tempo dopo un pasto, la glicemia rimane elevata..

Curve dello zucchero durante il test di tolleranza al glucosio

Anche in assenza di segni di diabete, un'elevata concentrazione di glucosio ha un effetto distruttivo sui vasi sanguigni, che porta ad una precoce e più diffusa alterazione aterosclerotica nelle arterie, alla progressione di ipertensione, angina pectoris, disturbi della circolazione cerebrale e periferica.

La ridotta tolleranza al glucosio è uno stato di transizione in cui sono possibili due percorsi di sviluppo: il recupero alla normalità o il passaggio al diabete di tipo 2.

Cosa fare in caso di scostamenti dalla norma

Come per il diabete mellito, il metodo più importante per normalizzare il metabolismo dei carboidrati è la nutrizione. Nessuno dei farmaci può prevenire brusche fluttuazioni della glicemia, un livello sufficientemente alto di molecole danneggia la parete vascolare. Pertanto, gli alimenti che causano un forte aumento dello zucchero sono categoricamente controindicati:

  • prodotti a base di farina bianca;
  • uva, banane, miele, fichi, uvetta, datteri;
  • zucchero, dolci, gelati, cagliata dolce;
  • semolino, riso sbucciato;
  • tutti i succhi pronti, le salse, le bevande gassate.

Limitano anche le carni grasse, i brodi, i cibi fritti e piccanti. Verdure (patate, carote e barbabietole in quantità limitate), frutta non zuccherata, bacche possono essere una fonte di carboidrati. Invece dello zucchero, puoi usare sostituti, preferibilmente naturali: fruttosio, stevia.

L'opinione sulla sicurezza dei prodotti dolciari pronti per i diabetici è errata. Sono solo leggermente migliori di quelli con lo zucchero e possono essere consumati in quantità molto piccole..

Per prevenire disturbi vascolari e il passaggio del prediabete alla forma classica della malattia, è necessario dedicare almeno 30 minuti al giorno a esercizi fisici, fare passeggiate, smettere di fumare e alcol, normalizzare il peso corporeo.

E qui c'è di più sui farmaci per la prevenzione dell'ictus.

La violazione della tolleranza al glucosio si verifica nel corso latente del diabete. Il rilevamento richiede un test di tolleranza al glucosio. È importante prepararsi adeguatamente e tenere conto di tutti i limiti della condotta. In base ai risultati ottenuti è possibile escludere o confermare un insufficiente assorbimento del glucosio da parte delle cellule, minaccia nel prossimo futuro di cardiopatie, vasi sanguigni, patologie metaboliche. Se vengono rilevate deviazioni, si consiglia l'alimentazione dietetica e la correzione dello stile di vita.

Test di tolleranza al glucosio: cosa mostra ea cosa serve? Preparazione e implementazione, norme e interpretazione dei risultati. Test di gravidanza. Dove viene effettuata la ricerca?

Il sito fornisce informazioni di base solo a scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È necessaria una consulenza specialistica!

Il test di tolleranza al glucosio è un test di laboratorio progettato per rilevare disturbi nascosti del metabolismo dei carboidrati, come il prediabete, le prime fasi del diabete.

Panoramica del test di tolleranza al glucosio

Nomi dei test di tolleranza al glucosio (test di tolleranza al glucosio orale, test del glucosio da 75 g, test di tolleranza al glucosio)

Attualmente, il nome del metodo "test di tolleranza al glucosio (GTT)" è generalmente accettato in Russia. Tuttavia, in pratica, vengono utilizzati anche altri nomi per fare riferimento allo stesso metodo diagnostico di laboratorio, che sono intrinsecamente sinonimo del termine "test di tolleranza al glucosio". Tali sinonimi per il termine GTT sono i seguenti: test di tolleranza al glucosio orale (OGTT), test di tolleranza al glucosio orale (OGTT), test di tolleranza al glucosio (TSH), nonché test del glucosio da 75 g, test di carico dello zucchero e curve dello zucchero. In inglese, il nome di questo metodo di laboratorio è indicato dai termini test di tolleranza al glucosio (GTT), test di tolleranza al glucosio orale (ОGTT).

Cosa mostra e perché è necessario un test di tolleranza al glucosio?

Quindi, il test di tolleranza al glucosio è la determinazione del livello di zucchero (glucosio) nel sangue a stomaco vuoto e due ore dopo aver preso una soluzione di 75 g di glucosio sciolta in un bicchiere d'acqua. In alcuni casi, viene eseguito un test di tolleranza al glucosio esteso, in cui il livello di zucchero nel sangue viene determinato a stomaco vuoto, 30, 60, 90 e 120 minuti dopo aver consumato una soluzione di 75 g di glucosio.

Normalmente, la glicemia a digiuno dovrebbe oscillare tra 3,3 - 5,5 mmol / L per il sangue delle dita e 4,0 - 6,1 mmol / L per il sangue da una vena. Un'ora dopo che una persona beve 200 ml di liquido a stomaco vuoto, in cui si sciolgono 75 g di glucosio, il livello di zucchero nel sangue sale al livello massimo (8-10 mmol / l). Quindi, quando il glucosio in ingresso viene elaborato e assorbito, il livello di zucchero nel sangue diminuisce e 2 ore dopo aver assunto 75 g di glucosio, torna quasi alla normalità ed è inferiore a 7,8 mmol / L per il sangue da un dito e una vena.

Se, due ore dopo aver assunto 75 g di glucosio, il livello di zucchero nel sangue è superiore a 7,8 mmol / l, ma inferiore a 11,1 mmol / l, ciò indica una violazione latente del metabolismo dei carboidrati. Cioè, il fatto che i carboidrati nel corpo umano siano assimilati ai disturbi, troppo lentamente, ma finora questi disturbi vengono compensati e procedono segretamente, senza sintomi clinici visibili. Infatti, un livello di zucchero nel sangue anormale due ore dopo l'assunzione di 75 g di glucosio significa che una persona sta già sviluppando attivamente il diabete mellito, ma non ha ancora acquisito la classica forma espansa con tutti i sintomi caratteristici. In altre parole, la persona è già malata, ma lo stadio della patologia è precoce e quindi non ci sono ancora sintomi.

Pertanto, è ovvio che il valore del test di tolleranza al glucosio è enorme, poiché questa semplice analisi consente di rilevare la patologia del metabolismo dei carboidrati (diabete mellito) in una fase iniziale, quando non sono ancora presenti sintomi clinici caratteristici, ma è possibile effettuare il trattamento e prevenire la formazione del diabete classico. E se i disturbi nascosti del metabolismo dei carboidrati, che vengono rilevati utilizzando un test di tolleranza al glucosio, possono essere corretti, invertiti e prevenuti dallo sviluppo della malattia, allora nella fase del diabete, quando la patologia è già completamente formata, non è più possibile curare la malattia, ma è possibile solo mantenere artificialmente un normale livello di zucchero con i farmaci nel sangue, ritardando la comparsa di complicanze.

Va ricordato che il test di tolleranza al glucosio consente di rilevare disturbi latenti del metabolismo dei carboidrati in una fase precoce, ma non consente di distinguere tra il primo e il secondo tipo di diabete mellito, nonché le cause dello sviluppo della patologia.

Data la significatività e il contenuto informativo diagnostico del test di tolleranza al glucosio, questa analisi è giustificata per essere eseguita quando si sospetta la presenza di un disturbo latente del metabolismo dei carboidrati. I segni di un tale disturbo latente del metabolismo dei carboidrati sono i seguenti:

  • Il livello di zucchero nel sangue è superiore al normale, ma inferiore a 6,1 mmol / L per il sangue prelevato dal polpastrello e 7,0 mmol / L per il sangue da una vena;
  • La comparsa periodica di glucosio nelle urine sullo sfondo di normali livelli di zucchero nel sangue;
  • Sete intensa, minzione frequente e abbondante, nonché aumento dell'appetito sullo sfondo di normali livelli di zucchero nel sangue;
  • La presenza di glucosio nelle urine durante la gravidanza, tireotossicosi, malattie del fegato o malattie infettive croniche;
  • Neuropatia (funzione nervosa ridotta) o retinopatia (disfunzione retinica) senza una causa chiara.

Se una persona ha segni di disturbi latenti del metabolismo dei carboidrati, si consiglia di eseguire un test di tolleranza al glucosio per assicurarsi della presenza o dell'assenza di uno stadio iniziale della patologia.

Le persone assolutamente sane, che hanno normali livelli di zucchero nel sangue e non hanno segni di disturbi latenti del metabolismo dei carboidrati, non hanno bisogno di fare un test di tolleranza al glucosio, poiché è completamente inutile. Inoltre, non è necessario eseguire un test di tolleranza al glucosio per coloro il cui livello di zucchero nel sangue a digiuno corrisponde già al diabete mellito (più di 6,1 mmol / L per il sangue di un dito e più di 7,0 per il sangue di una vena), poiché le loro violazioni sono abbastanza evidenti, non nascosto.

Indicazioni per eseguire un test di tolleranza al glucosio

Quindi, il test di tolleranza al glucosio è necessariamente indicato per l'esecuzione nei seguenti casi:

  • Risultati discutibili della determinazione del livello di glucosio a digiuno (inferiore a 7,0 mmol / l, ma superiore a 6,1 mmol / l);
  • Un aumento accidentale dei livelli di glucosio nel sangue durante lo stress;
  • Presenza accidentale di glucosio nelle urine sullo sfondo di normali livelli di zucchero nel sangue e assenza di sintomi di diabete mellito (aumento della sete e dell'appetito, minzione frequente e abbondante);
  • La presenza di segni di diabete mellito sullo sfondo di normali livelli di zucchero nel sangue;
  • Gravidanza (per rilevare il diabete mellito gestazionale);
  • La presenza di glucosio nelle urine sullo sfondo di tireotossicosi, malattie del fegato, retinopatia o neuropatia.

Se una persona si trova in una delle situazioni di cui sopra, dovrebbe assolutamente superare un test di tolleranza al glucosio, poiché esiste un rischio molto elevato di decorso latente del diabete mellito. Ed è proprio per confermare o smentire tale diabete mellito latente in tali casi che viene eseguito il test di tolleranza al glucosio, che permette di "rivelare" una impercettibile violazione del metabolismo dei carboidrati nell'organismo.

Oltre alle indicazioni obbligatorie di cui sopra, ci sono una serie di situazioni in cui è auspicabile che le persone donino regolarmente il sangue per un test di tolleranza al glucosio, poiché hanno un alto rischio di sviluppare il diabete mellito. Tali situazioni non sono indicazioni obbligatorie per superare un test di tolleranza al glucosio, ma in esse è altamente desiderabile eseguire periodicamente questa analisi al fine di identificare tempestivamente il prediabete o il diabete latente in una fase precoce..

Situazioni simili, in cui si consiglia di eseguire periodicamente un test di tolleranza al glucosio, includono la presenza delle seguenti malattie o condizioni in una persona:

  • Età superiore a 45 anni;
  • Indice di massa corporea superiore a 25 kg / cm 2;
  • La presenza di diabete mellito nei genitori o fratelli e sorelle di sangue;
  • Stile di vita sedentario;
  • Diabete mellito gestazionale nelle gravidanze precedenti;
  • La nascita di un bambino di peso superiore a 4,5 kg;
  • Parto prematuro, natimortalità, aborti passati;
  • Ipertensione arteriosa;
  • Livelli di HDL inferiori a 0,9 mmol / L e / o trigliceridi superiori a 2,82 mmol / L;
  • Qualsiasi patologia del sistema cardiovascolare (aterosclerosi, cardiopatia ischemica, ecc.);
  • Malattia dell'ovaio policistico;
  • Gotta;
  • Malattia parodontale cronica o foruncolosi;
  • Assunzione di diuretici, ormoni glucocorticoidi ed estrogeni sintetici (anche come parte di contraccettivi orali combinati) per un lungo periodo di tempo.

Se una persona non ha nessuna delle condizioni o malattie di cui sopra, ma la sua età ha più di 45 anni, si consiglia di fare un test di tolleranza al glucosio una volta ogni tre anni.

Se una persona ha almeno due delle condizioni o malattie di cui sopra, si consiglia di fare un test di tolleranza al glucosio senza fallo. Se allo stesso tempo il valore del test risulta essere normale, deve essere preso come parte di un esame preventivo ogni tre anni. Ma quando i risultati del test non sono normali, è necessario eseguire il trattamento prescritto dal medico e fare il test una volta all'anno per monitorare le condizioni e la progressione della malattia.

Controindicazioni al test di tolleranza al glucosio

Il test di tolleranza al glucosio è assolutamente controindicato per coloro che soffrono di diabete mellito precedentemente diagnosticato e quando il livello di zucchero nel sangue a digiuno è di 11,1 mmol / lo superiore! In una tale situazione, la GTT non viene mai eseguita, poiché il carico di glucosio può provocare lo sviluppo di coma iperglicemico..

Inoltre, un test di tolleranza al glucosio è controindicato nei casi in cui vi siano fattori che possono influenzarne il risultato e renderlo impreciso, cioè falso positivo o falso negativo. Ma in questi casi, la controindicazione è solitamente temporanea, che agisce fino a quando il fattore che influenza il risultato del test scompare.

Quindi, il test di tolleranza al glucosio non viene eseguito nei seguenti casi:

  • Periodo acuto di qualsiasi malattia, anche infettiva (ad esempio ARVI, esacerbazione dell'ulcera gastrica, disturbi intestinali, ecc.);
  • Infarto miocardico, trasferito meno di un mese fa;
  • Il periodo di forte stress in cui si trova la persona;
  • Trauma, parto o intervento chirurgico di età inferiore a 2 o 3 mesi;
  • Cirrosi alcolica del fegato;
  • Epatite;
  • Il periodo delle mestruazioni nelle donne;
  • Il periodo di gravidanza è superiore a 32 settimane;
  • Assunzione di farmaci che aumentano la glicemia (adrenalina, caffeina, rifampicina, ormoni glucocorticoidi, ormoni tiroidei, diuretici, contraccettivi orali, antidepressivi, farmaci psicotropi, beta-bloccanti (atenololo, bisoprololo, ecc.)). Prima di eseguire il test di tolleranza al glucosio, è necessario interrompere l'assunzione di tali farmaci per almeno tre giorni.

Quale medico può prescrivere un test di tolleranza al glucosio?

Condurre un test di tolleranza al glucosio

Preparazione per il test di tolleranza al glucosio

Come eseguire un test di tolleranza al glucosio?

Il paziente viene al laboratorio, dove gli viene prelevato il sangue a digiuno da un dito o da una vena per determinare il livello di glucosio a digiuno (affamato). Successivamente, viene preparata una soluzione di glucosio e lasciata bere per cinque minuti a piccoli sorsi. Se la soluzione soggettivamente sembra zuccherina dolce e eccessivamente sgradevole, aggiungi un po 'di acido citrico o succo di limone appena spremuto.

Dopo che la soluzione di glucosio è stata bevuta, l'ora viene annotata e il paziente è seduto in una posizione comoda e gli viene chiesto di sedere in silenzio nella struttura medica per le due ore successive, senza svolgere alcun lavoro attivo. Si consiglia di leggere solo il tuo libro preferito per queste due ore. Per due ore dopo aver assunto la soluzione di glucosio, non devi mangiare, bere, fumare, consumare alcol ed energia, fare esercizio fisico, essere nervoso.

Due ore dopo aver preso la soluzione di glucosio, il sangue viene nuovamente prelevato da una vena o da un dito e viene determinata la concentrazione di zucchero nel sangue. È il valore di zucchero nel sangue due ore dopo l'assunzione della soluzione di glucosio che è il risultato del test di tolleranza al glucosio.

In alcuni casi, viene eseguito un test di tolleranza al glucosio esteso, in cui viene prelevato il sangue da un dito o da una vena 30, 60, 90 e 120 minuti dopo l'assunzione di una soluzione di glucosio. Ogni volta che viene determinato il livello di zucchero nel sangue, i valori risultanti vengono tracciati su un grafico in cui l'asse X è il tempo e l'asse Y è la concentrazione di zucchero nel sangue. Di conseguenza, si ottiene un grafico in cui il livello di zucchero nel sangue normale è al massimo 30 minuti dopo l'assunzione della soluzione di glucosio, e dopo 60 e 90 minuti i livelli di zucchero nel sangue diminuiscono costantemente, raggiungendo un livello di zucchero quasi magro entro il 120 ° minuto..

Quando il sangue viene prelevato dal dito due ore dopo aver assunto la soluzione di glucosio, lo studio è considerato completo. Dopodiché, puoi andartene e fare quello che fai durante il giorno..

La soluzione di glucosio per il test di tolleranza al glucosio viene preparata allo stesso modo: una certa quantità di glucosio viene sciolta in un bicchiere d'acqua. Ma la quantità di glucosio può essere diversa e dipende dall'età e dal peso corporeo della persona..

Quindi, per gli adulti di fisico normale con peso corporeo normale, 75 g di glucosio vengono sciolti in 200 ml di acqua. Per gli adulti molto obesi, la dose di glucosio viene calcolata individualmente dal rapporto di 1 g di glucosio per 1 kg di peso, ma non più di 100 g. Ad esempio, se una persona pesa 95 kg, la dose di glucosio per lui è 95 * 1 = 95 g. Ed è 95 g che viene sciolto in 200 ml d'acqua e dare da bere. Se una persona pesa 105 kg, la dose stimata di glucosio per lui è di 105 g, ma per il test è consentito un massimo di 100 g. Quindi, per un paziente con un peso corporeo di 105 kg, la dose di glucosio è di 100 g, che vengono sciolti in un bicchiere d'acqua e lasciati bere.

Per i bambini, il cui peso corporeo è inferiore a 43 kg, la dose di glucosio viene calcolata anche individualmente, in base al rapporto di 1,75 g per 1 kg di peso corporeo. Ad esempio, un bambino pesa 20 kg, il che significa che la dose di glucosio per lui è 20 * 1,75 g = 35 g. Pertanto, per un bambino che pesa 20 kg, 35 g di glucosio vengono sciolti in un bicchiere d'acqua. Ai bambini di peso superiore a 43 kg viene somministrata la solita dose di glucosio per adulti, ovvero 75 g per bicchiere d'acqua.

Dopo il test di tolleranza al glucosio

Quando il test di tolleranza al glucosio è completato, puoi mangiare quello che vuoi, bere e anche tornare a fumare e bere alcolici. In generale, il carico di glucosio di solito non causa un deterioramento del benessere e non influisce negativamente sullo stato della velocità delle reazioni e quindi, dopo un test di tolleranza al glucosio, puoi svolgere qualsiasi tua attività, incluso il lavoro, guidare un'auto, studiare, ecc..

Risultati del test di tolleranza al glucosio

Il risultato del test di tolleranza al glucosio è due numeri: uno è il livello di zucchero nel sangue a digiuno e il secondo è il valore di zucchero nel sangue due ore dopo aver assunto la soluzione di glucosio.

Se è stato eseguito un test di tolleranza al glucosio esteso, il risultato è di cinque cifre. Il primo numero è il valore di zucchero nel sangue a digiuno. La seconda cifra è il livello di zucchero nel sangue 30 minuti dopo aver preso la soluzione di glucosio, la terza cifra è il livello di zucchero un'ora dopo aver preso la soluzione di glucosio, la quarta cifra è lo zucchero nel sangue dopo 1,5 ore e la quinta cifra è lo zucchero nel sangue dopo 2 ore..

I valori di zucchero nel sangue ottenuti a stomaco vuoto e dopo aver assunto una soluzione di glucosio vengono confrontati con quelli normali e si conclude sulla presenza o assenza di una patologia del metabolismo dei carboidrati.

Tasso di test di tolleranza al glucosio

I normali livelli di glucosio nel sangue a digiuno sono 3,3 - 5,5 mmol / L per il sangue dal polpastrello e 4,0 - 6,1 mmol / L per il sangue delle vene.

Il livello di zucchero nel sangue due ore dopo l'assunzione della soluzione di glucosio è normalmente inferiore a 7,8 mmol / L.

Il livello di zucchero nel sangue mezz'ora dopo l'assunzione della soluzione di glucosio deve essere inferiore a un'ora dopo, ma superiore a quello a stomaco vuoto, ed essere di circa 7-8 mmol / l.

Il livello di zucchero nel sangue un'ora dopo l'assunzione della soluzione di glucosio dovrebbe essere al massimo, circa 8-10 mmol / L.

Il livello di zucchero dopo 1,5 ore dall'assunzione della soluzione di glucosio dovrebbe essere lo stesso di dopo mezz'ora, cioè circa 7-8 mmol / l.

Decodifica del test di tolleranza al glucosio

In base ai risultati del test di tolleranza al glucosio, il medico può fare tre opzioni per la conclusione: la norma, il prediabete (ridotta tolleranza al glucosio) e il diabete mellito. La tabella seguente mostra la glicemia a digiuno e due ore dopo l'assunzione della soluzione di glucosio corrispondente a ciascuna delle tre conclusioni..

La natura del metabolismo dei carboidratiZucchero nel sangue a digiunoLivello di zucchero nel sangue due ore dopo l'assunzione della soluzione di glucosio
Norma3,3 - 5,5 mmol / L per il sangue da un dito
4,0 - 6,1 mmol / L per il sangue da una vena
4,1 - 7,8 mmol / L per il sangue da un dito e una vena
Prediabete (ridotta tolleranza al glucosio)Meno di 6,1 mmol / L per sangue da polpastrello
Meno di 7,0 mmol / L per il sangue da una vena
6,7 - 10,0 mmol / L per il sangue da un dito
7,8 - 11,1 mmol / L per il sangue da una vena
DiabetePiù di 6,1 mmol / L per il sangue da un dito
Più di 7,0 mmol / L per il sangue da una vena
Più di 10,0 mmol / L per il sangue di un dito
Più di 11,1 mmol / L per il sangue da una vena

Per capire quale risultato ha ricevuto una determinata persona in base al test di tolleranza al glucosio, è necessario esaminare in quale intervallo di livelli di zucchero rientrano le sue analisi. Quindi, guarda quale (normale, prediabete o diabete) è l'intervallo di zucchero entro il quale rientrano le tue analisi.

Test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza

Informazione Generale

Il test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza non è diverso da quello eseguito nelle donne al di fuori della gravidanza e viene eseguito per diagnosticare il diabete mellito gestazionale. Il fatto è che nelle donne durante la gravidanza, in alcuni casi, si sviluppa il diabete, che di solito scompare dopo il parto. È con l'obiettivo di identificare tale diabete che viene eseguito un test di tolleranza al glucosio per le donne in gravidanza..

Durante la gravidanza, un test di tolleranza al glucosio è obbligatorio in qualsiasi fase della gravidanza se una donna ha risultati discutibili per determinare lo zucchero a digiuno.

In altri casi, alle donne sane viene prescritto un test di tolleranza al glucosio tra le 24 e le 28 settimane di gestazione per rilevare il diabete gestazionale latente..

La consegna di un test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza dovrebbe avvenire dopo una determinata preparazione seguente:

  • Una dieta ricca di carboidrati dovrebbe essere seguita per tre giorni (la quantità di carboidrati dovrebbe essere di almeno 150 g al giorno).
  • Il giorno prima di fare il test, dovresti escludere un eccessivo stress fisico e psico-emotivo, non fumare, non bere alcolici.
  • È necessario rifiutare il cibo per 8-12 ore prima di eseguire il test, durante le quali è consentito bere acqua pulita senza gas.
  • L'analisi viene eseguita rigorosamente al mattino a stomaco vuoto.
  • Tre giorni prima del test, interrompere l'assunzione di ormoni glucocorticoidi, ormoni tiroidei, diuretici, beta-bloccanti e altri farmaci che aumentano o abbassano i livelli di zucchero nel sangue.

Non è possibile eseguire un test di tolleranza al glucosio sullo sfondo di una malattia acuta, inclusa una infettiva (ad esempio, influenza, esacerbazione della pielonefrite, ecc.), Con un'età gestazionale superiore a 32 settimane.

Un test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza viene eseguito secondo il seguente metodo, vale a dire: una donna viene in laboratorio, le viene prelevato del sangue per determinare il livello di zucchero nel sangue a digiuno. Quindi danno la soluzione di glucosio da bere a sorsi lenti, dopo di che chiedono di sedersi o sdraiarsi per due ore. Durante queste due ore non puoi fare sport, fumare, mangiare, bere acqua dolce, essere nervoso. Dopo un'ora e due ore, il sangue viene nuovamente prelevato dalla donna per determinare la concentrazione di zucchero, ea questo il test è considerato completo.

Il risultato sono tre cifre: zucchero nel sangue a digiuno, zucchero nel sangue un'ora e due ore dopo l'assunzione della soluzione di glucosio. Queste cifre vengono confrontate con le norme e si conclude che la presenza o l'assenza di diabete mellito gestazionale.

Il tasso di test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza

Normalmente, la glicemia a digiuno di una donna incinta dovrebbe essere inferiore a 5,1 mmol / L. Il livello di zucchero nel sangue 1 ora dopo l'assunzione della soluzione di glucosio è normalmente inferiore a 10,0 mmol / L e dopo 2 ore - inferiore a 8,5 mmol / L.

Il diabete mellito gestazionale viene impostato se i valori dei parametri della tesa tollerante al glucosio in una donna incinta sono i seguenti:

  • Zucchero nel sangue a digiuno - più di 5,1 mmol / l, ma meno di 7,0 mmol / l;
  • Livello di zucchero nel sangue un'ora dopo l'assunzione della soluzione di glucosio - più di 10,0 mmol / l;
  • Livello di zucchero nel sangue due ore dopo l'assunzione della soluzione di glucosio: superiore a 8,5 mmol / L, ma inferiore a 11,1 mmol / L.

Dov'è il prezzo di un test di tolleranza al glucosio eseguito

Iscriviti per la ricerca

Per fissare un appuntamento con un medico o un diagnostico, è sufficiente chiamare un unico numero di telefono
+7495488-20-52 a Mosca

+7812416-38-96 a San Pietroburgo

L'operatore ti ascolterà e reindirizzerà la chiamata alla clinica necessaria, oppure prenderà un ordine per un appuntamento con lo specialista di cui hai bisogno.

Dove viene eseguito il test di tolleranza al glucosio??

Il test di tolleranza al glucosio viene eseguito in quasi tutti i laboratori privati ​​e nei laboratori di comuni ospedali e cliniche pubbliche. Pertanto, è facile fare questa ricerca: basta contattare il laboratorio di una clinica pubblica o privata. Tuttavia, i laboratori governativi spesso non hanno il glucosio per i test e, in questo caso, dovrai acquistare tu stesso il glucosio in polvere dalla farmacia, portarlo con te e il personale dell'istituto medico realizzerà una soluzione ed eseguirà il test. La polvere di glucosio viene solitamente venduta nelle farmacie pubbliche che hanno un reparto di prescrizione, ma nelle catene di farmacie private praticamente non lo è..

Prezzo del test di tolleranza al glucosio

Attualmente, il costo di un test di tolleranza al glucosio in varie istituzioni mediche pubbliche e private varia da 50 a 1400 rubli.

13 primi segni di diabete da non perdere - video

Glicemia e diabete. Segni, cause e sintomi del diabete, abitudini alimentari, farmaci - video

Come abbassare lo zucchero nel sangue senza pillole - video

Diabete mellito e visione. La struttura della retina. Retinopatia diabetica: sintomi - video

Autore: Nasedkina A.K. Specialista di ricerca biomedica.


Articolo Successivo
Prolasso della valvola mitrale: pericoloso o sicuro?