Flutter atriale: tipologie e sintomi, pronto soccorso, trattamento e valutazioni prognostiche


Il riscaldamento degli atri è una violazione del normale ritmo cardiaco dovuto alla generazione di un impulso anormale al di fuori del nodo del seno o ripetuti loop lungo il percorso patologico.

Di conseguenza, si verificano contrazioni spontanee ma ritmiche del miocardio. La condizione è simile a un'altra, la fibrillazione. Tuttavia, in quest'ultimo caso, si verificano movimenti caotici, errati. Questa condizione è molto più pericolosa. Al contrario, il flutter è meno pericoloso per la salute e la vita..

Allo stesso tempo, nessuno garantisce che senza trattamento non ci sarà transizione del processo alla fibrillazione atriale. Le forme pericolose di aritmia hanno una prognosi grave per la vita del paziente, pertanto il trattamento della condizione sottostante non può essere ritardato.

Lo schema di aiuto è stato elaborato, non ci sono problemi con l'eliminazione nelle prime fasi. Se il processo dura da molto tempo, si osservano difetti cardiaci organici, di natura irreversibile. Il recupero è quasi impossibile o molto difficile.

Il meccanismo di sviluppo della patologia

Normalmente, il cuore batte a una certa frequenza in due fasi. Il primo è la sistole. Massima tensione delle strutture cardiache. Il secondo è diastole. Rilassamento, riposo temporaneo dei tessuti.

La generazione di un segnale che fornisce lavoro muscolare avviene nel nodo del seno. Questo è un piccolo accumulo di cardiomiociti. Più avanti lungo i fasci di His il segnale si sposta verso altre strutture simili e viene condotto ai ventricoli.

In caso di flutter atriale, viene generato un impulso elettrico negli atri. Da qui le contrazioni extra al di fuori del ritmo normale.

L'intensità dei segnali, tuttavia, è bassa, il che garantisce il relativo corretto funzionamento del miocardio. Questo è un fenomeno temporaneo, con una probabilità del 60% di fibrillazione entro 2-3 anni e, in futuro, la morte.

C'è un altro meccanismo: movimento anormale dell'impulso nell'atrio destro. Si sviluppa a causa di violazioni del sistema di conduzione (fascio di His, Bachmann). Il segnale gira e si muove in cerchio, provocando la riattivazione del tessuto muscolare.

Forme di svolazzare

Nella pratica clinica si distinguono due tipi di flutter..

La forma tipica è caratterizzata dal normale movimento dell'impulso nel miocardio dell'atrio destro. Di solito in senso antiorario. Possibile sviluppo inverso dello stato, in senso orario.

La direzione non gioca un ruolo importante, sebbene possa confondere il giovane medico. La frequenza cardiaca è limitata a 150-300 battiti al minuto. Sono difettosi, quindi quasi non si sentono.

I rischi di complicanze sono minimi, ma questo è temporaneo. Esiste una possibilità di aggravamento del processo patologico.

La forma atipica è caratterizzata da un movimento anormale dell'impulso elettrico. Colpisce anche l'atrio sinistro, così come l'istmo della bocca venosa.

La frequenza cardiaca è alta ed è determinata dalla cifra di 300-450 battiti al minuto. Anche i sintomi sono minimi, tali movimenti del miocardio non sono percepiti come completi.

Classificazione in base alla natura del flusso

Una classificazione clinica più importante è il corso del processo patologico. Sulla base di questo criterio, chiamano:

  • Flutter atriale primario. Si verifica spontaneamente, in precedenza, di regola, gli episodi non sono stati osservati, quindi è impossibile determinare l'eziologia, nonché prevedere l'ulteriore progressione del processo. Richiesto ricovero ospedaliero e follow-up ambulatoriale a lungo termine.
  • Forma parossistica. Il più comune. Il parossismo del flutter atriale dura da 10 minuti a parecchie ore. È caratterizzato da sintomi intensi da parte delle strutture cardiache, il benessere generale del paziente è disturbato. Con un episodio prolungato, viene eseguita una stimolazione elettrica transesofagea di emergenza, che arresta l'attacco.
  • Tipo persistente. È caratterizzato da un ritmo cardiaco anormale su base regolare. A differenza delle forme precedenti, gli episodi possono durare diversi giorni. Tali parossismi prolungati richiedono un aiuto urgente, c'è il rischio di arresto cardiaco.
  • Forma permanente. La stabilizzazione dello stato in un decorso patologico richiede diversi anni di sviluppo. In altri casi, tutto avviene più velocemente. Il recupero viene effettuato in un ospedale. I metodi conservativi non sempre danno un effetto, più spesso è richiesto un aiuto radicale.

Un ruolo importante è giocato non dalla durata dell'attacco, ma dalla gravità con cui procede. I principali fattori di valutazione sono la frequenza delle contrazioni, il benessere generale del paziente, la presenza di manifestazioni concomitanti dalle strutture cardiache, dal sistema nervoso.

Cause della forma primaria di TP

I fattori nello sviluppo del processo patologico non sono sempre cardiaci. A seconda del punto principale che provoca l'insorgenza di aritmia, si distinguono forme primarie e secondarie (non cardiache).

  • Sindrome SVC. Cardiopatia congenita. È caratterizzato dalla formazione di un fascio conduttivo extra (fascio di Kent), che fornisce un'eccitazione eccessiva delle strutture cardiache.

È accompagnato da sintomi gravi. Il flutter atriale è un'opzione, ma non la più comune. Secondo le statistiche, la frequenza di questa forma è dello 0,3-0,5%, la fibrillazione, che è anche probabile, è determinata in quasi il 4% dei casi..

  • Lesioni infettive-infiammatorie o autoimmuni del muscolo cardiaco, pericardio. Anche i sintomi sono pronunciati, il che non ti permetterà di ignorare la condizione. Il trattamento viene effettuato in un ospedale con antibiotici, corticosteroidi e, se necessario, immunosoppressori a dosaggi minimi.

Il processo acuto provoca la distruzione degli atri a breve termine. Il recupero in una tale situazione è chirurgico senza garanzie di successo. La stessa conseguenza di un processo cronico a lungo termine con frequenti ricadute.

  • Cardiomiopatia. Violazione dello sviluppo del muscolo cardiaco. Esistono diverse forme. Tutti sono simili in una cosa: il tono normale dei muscoli diminuisce, il suo volume aumenta o diminuisce, a seconda del tipo di processo. È possibile l'espansione di camere di strutture cardiache. Il trattamento ha senso solo nelle prime fasi. Quindi - un effetto sintomatico, combatte con l'effetto, non con la causa.
  • Difetti cardiaci congeniti e acquisiti. Le violazioni più comuni dell'attività funzionale e lo sviluppo anatomico delle valvole (aortica, mitrale). La correzione è strettamente chirurgica, in breve tempo. Secondo le indicazioni. Stendersi, come si suol dire, sotto i ferri senza una ragione sufficiente non è una buona idea..
  • Attacco di cuore e successiva cardiosclerosi. Dal punto di vista delle complicazioni pericolose, la minaccia non è tanto la morte acuta delle cellule cardiache stesse, quanto la successiva cicatrizzazione delle zone colpite.

Si sviluppano aree di tessuto connettivo grossolano. Non si contraggono, non hanno elasticità, non conducono un segnale.

Quindi, la violazione della normale attività funzionale delle strutture cardiache. Lo stesso effetto è provocato da miocardite, altre patologie infiammatorie, malattia ischemica, insufficienza coronarica.

Cause della forma secondaria di TP

Si trovano anche fattori extracardiaci, la loro quota nella massa totale delle cause arriva fino al 40%. Queste sono forme secondarie di flutter atriale:

  • Extrasistole. Non di origine cardiaca. L'emergere di contrazioni miocardiche spontanee di eziologia incerta. Nel tempo, provoca cambiamenti terziari nel ritmo.
  • Ipertiroidismo. Eccessiva sintesi di ormoni tiroidei. Intensifica il lavoro di tutti i sistemi del corpo. Anche cardiovascolare. Il recupero viene effettuato sotto la supervisione di un endocrinologo. La terapia dura da 3 mesi a un anno o più. È anche necessario influenzare la causa principale della condizione.
  • Diabete.
  • Insufficienza respiratoria nella fase di sottocompensazione o processo completamente incontrollato. È accompagnato da ipossia. Le diagnosi sono variabili: asma, BPCO, enfisema, altre condizioni.
  • Problemi metabolici. Sono caratterizzati da una deviazione nello scambio di potassio, magnesio, sodio (in misura minore).

Fattori di rischio

Un ruolo importante è giocato da fattori che non possono essere rigorosamente classificati come patologici, ma aumentano il grado di pericolo:

  • Fumo a lungo termine. I consumatori di tabacco esperti corrono un rischio maggiore. In questo caso, non solo la durata è importante, ma anche la resistenza del corpo. Si presume che sia geneticamente determinato.
  • Età senile. Da 60 anni in su.
  • Appartenente al sesso maschile. Secondo varie stime, la probabilità di flutter atriale è 6-8 volte superiore rispetto alle donne.

Fattori trigger

L'inizio di un attacco può essere spontaneo o innescato da:

  • Consumo di caffè, tè, bevanda alcolica (non dipende dalla quantità).
  • Fumo.
  • Stress intenso.
  • Sovraccarico fisico.
  • Temperatura dell'aria elevata, umidità, condizioni climatiche sfavorevoli. Soprattutto durante i mesi estivi. I core sono incoraggiati a uscire il meno possibile.
  • Liquido in eccesso il giorno prima. Soprattutto sullo sfondo di patologie renali disfunzionali, quando l'evacuazione delle urine è compromessa.
  • Dipendenza da droghe, droghe psicoattive, uso di droghe del gruppo glucocorticoide e altri.

Sintomi

Il quadro clinico non è specifico. Secondo le manifestazioni, è impossibile dire sulla natura del processo, sulla sua origine. Tuttavia, le convulsioni segnalano chiaramente problemi di salute e motivano a consultare un medico..

  • Disturbo del ritmo cardiaco. Soggettivamente, è sentito come un colpo acuto, battito errato, troppo frequente, omissione di contrazioni. Sullo sfondo del corso di processi misti, l'intensità dei sintomi può aumentare.
  • Dolore al petto. Bruciare o premere. Non forte. Con lo sviluppo dell'insufficienza coronarica acuta, la sensazione è più pronunciata. La coppettazione viene eseguita con analgesici.
  • Tachicardia. Accelerazione dell'attività cardiaca. La frequenza cardiaca raggiunge 110-120 battiti o più.
  • Dispnea. Improvviso, esclude qualsiasi attività fisica. Fuori dall'attacco, la manifestazione è assente da tempo. A poco a poco acquisisce un carattere persistente e accompagna costantemente il paziente.
  • Abbassamento della pressione sanguigna. Inessenziale. Da 90 a 70 circa.
  • Mal di testa, vertigini, disorientamento nello spazio.
  • Debolezza, sonnolenza, diminuzione dell'attività.

In alcuni casi, i sintomi sono completamente assenti. L'intensità delle manifestazioni è dovuta al coinvolgimento dei ventricoli nel processo. Se inalterati, i sintomi sono generalmente minimi..

Pronto soccorso per il parossismo

Viene eseguito a casa o in ospedale. Allo stesso tempo, indipendentemente, nella fase preospedaliera, è possibile rimuovere un attacco solo nelle prime fasi, quando non ci sono difetti organici. Con patologie concomitanti, le possibilità di fermarsi sono minime.

L'algoritmo in ogni caso è il seguente:

  • Chiama un'ambulanza.
  • Misura la pressione sanguigna. Frequenza del battito cardiaco.
  • Aprire una presa d'aria o una finestra per garantire un'adeguata ventilazione della stanza.
  • Prendi i farmaci prescritti. Se non hai ancora consultato un cardiologo, puoi usare Anaprilin (mezza compressa). Ma questo è un caso estremo. Nient'altro può essere preso per evitare complicazioni.
  • Prendi una posizione reclinata, metti un rullo fatto di materiali di scarto sotto la schiena.
  • Respirare ritmicamente (5 secondi per ogni movimento).
  • Calmati. In caso di attacco di panico acuto, assumere un sedativo a base di ingredienti vegetali: motherwort o compresse di valeriana. Solo non una tintura alcolica.
  • Attendere l'arrivo degli specialisti, non fare movimenti bruschi e generalmente muoversi di meno.

All'arrivo della brigata, raccontare le condizioni. Il ricovero in ospedale è possibile, non è consigliabile rifiutarlo.

È importante tenere a mente:

Pronto soccorso - pronto soccorso. Non è finalizzato alla guarigione totale. Il suo compito è stabilizzare la condizione prima dell'arrivo dei medici, al fine di evitare complicazioni.

Diagnostica

Eseguito da un cardiologo. Con un'origine controversa del processo, viene mostrato il coinvolgimento di specialisti di terze parti: neurologi e altri.

  • Interrogatorio orale del paziente per reclami, raccolta di anamnesi. Entrambi i metodi svolgono un ruolo enorme, in quanto ti consentono di navigare nella situazione..
  • Misurazione della pressione sanguigna, frequenza cardiaca.
  • Auscultazione. Ascolto del suono creato durante le contrazioni e il rilassamento delle strutture cardiache.

I metodi di routine non forniscono informazioni complete. Sono necessari per determinare il vettore di ulteriori diagnosi..

  • Elettrocardiografia. Identificazione delle deviazioni funzionali. Il metodo principale di esame dei pazienti con flutter atriale.
  • Ecocardiografia. Mirato a identificare complicazioni, difetti organici.
  • Monitoraggio giornaliero. Misurazione della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca per 24 ore in dinamica, tenendo conto dei ritmi circadiani, dell'attività del paziente.

Come parte della diagnostica estesa: esami del sangue, esami delle urine, valutazione dello stato neurologico, elettroencefalografia, risonanza magnetica, scintigrafia tiroidea, curva dello zucchero.

Segni ECG

Caratteristiche tipiche del flutter sul cardiogramma:

  • Complessi ventricolari normali (a meno che queste camere non siano interessate).
  • Onde P mancanti.
  • La presenza di picchi F.
  • Accelerazione della frequenza cardiaca fino a 200-450 battiti al minuto.
  • Metodi di trattamento QRS

La terapia si svolge in tre fasi:

  • Sollievo da una condizione acuta.
  • Eliminando la causa principale.
  • Effetti sintomatici.

Gli ultimi due vengono eseguiti in parallelo.

Risolvere il problema di far uscire il paziente dal parossismo:

  • L'uso di medicinali. I beta-bloccanti (Anaprilina, Carvedilolo hanno un'elevata attività terapeutica, altri, come il Metoprololo, sono anche efficaci, ma danno più effetti collaterali), i calcio-antagonisti (Diltiazem come il principale). Anche antiaritmico (Amiodarone o Hindine) in dosaggi rigorosamente regolati.
  • Se inefficace - elettrocardioversione. Eliminazione del parossismo per conduzione esterna della corrente. L'efficacia varia.
  • È anche possibile la stimolazione transesofagea (TEE). L'essenza rimane la stessa. La tecnica ha un effetto maggiore a causa dell'invasività.

Poi c'è tempo per la diagnostica avanzata. Terapia sintomatica con glicosidi cardiaci antiaritmici in cicli brevi.

Sullo sfondo della mancanza di azione, viene mostrata una tecnica operativa radicale. La principale è l'ablazione a radiofrequenza - cauterizzazione della lesione che genera un segnale anormale o eliminazione del percorso che conduce l'impulso in un cerchio.

Il trattamento medico del flutter atriale è la misura primaria, la chirurgia viene utilizzata in casi estremi a causa della presenza di rischi.

Prognosi di vita e possibili complicazioni

Il risultato è favorevole nell'80% delle situazioni. Il tasso di sopravvivenza nelle prime fasi è quasi del 100%. Molto dipende dalla diagnosi sottostante (causa principale).

Solo un medico può dire qualcosa di specifico dopo un certo periodo di follow-up (circa 1-3 mesi).

  • Fibrillazione atriale o ventricolare.
  • Fermare il lavoro dell'organo muscolare.
  • Tromboembolia.
  • Attacco di cuore.
  • Ictus.
  • La morte finirà.

Il flutter atriale è un tipo di tachicardia sopraventricolare, quando gli atri si contraggono troppo rapidamente, ma queste non sono contrazioni complete, ma piccole contrazioni delle fibre muscolari, quindi il ritmo cardiaco rimane in ordine.

Trattamento sotto la supervisione di un cardiologo. La prognosi è favorevole nella maggior parte dei casi, a parte gravi difetti cardiaci. Anche allora sono presenti le possibilità di una cura completa.

Fibrillazione atriale: diagnosi e caratteristiche del trattamento

Le malattie del sistema cardiovascolare occupano una posizione di leadership rispetto ad altre patologie. Molti pazienti hanno fibrillazione atriale o flutter atriale. Sono i principali rappresentanti del gruppo aritmie. Quando una persona conosce le loro manifestazioni, può cercare aiuto in modo indipendente durante.

Come e perché si verifica la fibrillazione atriale?

La fibrillazione miocardica e il flutter atriale hanno meccanismi di insorgenza simili, ma anche una serie di differenze. Il primo termine è inteso come un tipo di tachiaritmie di tipo sopraventricolare. A questo punto, i battiti cardiaci diventano caotici e la frequenza di conteggio raggiunge 350-750 battiti al minuto. La caratteristica presentata esclude la possibilità di un lavoro ritmico degli atri durante la fibrillazione atriale.

Fibrillazione atriale

A seconda della classificazione, la fibrillazione è suddivisa in diverse forme. I meccanismi di sviluppo possono presentare alcune differenze l'uno dall'altro. Questi includono quanto segue:

  • provocato da una certa malattia;
  • fibrillazione atriale a riposo, forma costante;
  • iperadrenergico;
  • carente di potassio;
  • emodinamica.

La forma permanente di fibrillazione atriale (o parossistica) diventa una manifestazione di numerose malattie. In molti pazienti si riscontrano più spesso stenosi mitralica, tireotossicosi o aterosclerosi. La cerchia dei pazienti con aritmia con un processo distrofico nel miocardio di natura alcolica, diabete mellito e squilibrio ormonale si sta espandendo.

L'aritmia parossistica si verifica nei pazienti che si trovano in posizione orizzontale. Durante il sonno, si svegliano spesso da sintomi spiacevoli. Può apparire con una brusca svolta del corpo quando una persona sta mentendo. Il meccanismo di insorgenza di tali disturbi è associato a pronunciati effetti riflessi sul miocardio del nervo vago..

Sotto la loro influenza, la conduzione degli impulsi nervosi negli atri rallenta. Per questo motivo, la fibrillazione inizia con loro. La forma descritta di disturbi del ritmo cardiaco è in grado di normalizzarsi da sola. Ciò è dovuto alla diminuzione nel tempo dell'effetto del nervo sul muscolo.

I parossismi iperadrenergici sono più comuni di quelli sopra descritti. Compaiono al mattino e durante lo stress fisico ed emotivo. L'ultima variante cronica dell'aritmia è chiamata emodinamica.

È classificato come una forma stagnante di patologia, che è associata alla presenza di un ostacolo alla normale contrazione del miocardio. A poco a poco, gli atri iniziano ad espandersi. I motivi principali sono i seguenti:

  • debolezza della parete del ventricolo sinistro;
  • restringimento del lume dei fori tra le cavità del cuore;
  • funzione insufficiente dell'apparato valvolare;
  • flusso di sangue inverso (rigurgito) negli atri;
  • formazioni simili a tumori nelle cavità;
  • formazione di trombi;
  • lesione al torace.

In molti casi, la fibrillazione diventa una manifestazione della malattia. Per questo motivo, prima di iniziare il trattamento, è necessario stabilirne l'origine..

Flutter è caratterizzato da battiti cardiaci fino a 350 al minuto. Questa forma è chiamata sopraventricolare o "flutter" del miocardio atriale. La tachiaritmia differisce da quella sopra descritta per la presenza del ritmo corretto nella maggior parte dei pazienti.

Ci sono persone con le peculiarità di questa malattia. Hanno normali contrazioni sinusali alternate a episodi di flutter. Il ritmo è chiamato permanente. Questa variante della patologia cardiaca ha la seguente eziologia (ragioni):

  • Cardiopatia ischemica (malattia coronarica);
  • vizi di origine reumatica;
  • pericardite;
  • miocardite;
  • ipertensione arteriosa;
  • dopo l'intervento chirurgico per difetti o intervento chirurgico di bypass;
  • enfisema polmonare.

Un ritmo tachisistolico si verifica in pazienti con diabete mellito, livelli di potassio nel sangue insufficienti e intossicazione da droghe e alcol. La base della patogenesi (meccanismo di sviluppo) è l'eccitazione ripetuta nel miocardio. Il parossismo è spiegato dalla circolazione di tali impulsi un gran numero di volte.

I fattori provocatori includono episodi di sfarfallio ed extrasistoli. La frequenza atriale aumenta a 350 battiti al minuto.

A differenza di loro, i ventricoli non possono. Ciò è dovuto alla mancanza di possibilità per il pacemaker di raggiungere un throughput elevato. Per questo motivo si riducono di non più di 150 al minuto. La fibrillazione atriale permanente è caratterizzata da blocchi, il che spiega tali differenze tra le cavità del cuore..

Manifestazioni di flutter atriale

Il flutter atriale e la fibrillazione atriale non sono sempre causati dagli stessi fattori. Lo stress, l'attività fisica e un brusco cambiamento del tempo possono peggiorare lo stato di salute. I sintomi sono i seguenti:

  • dolore nella regione del cuore o fastidio in quest'area;
  • vertigini;
  • debolezza che non scompare dopo il riposo;
  • palpitazioni;
  • dispnea;
  • bassa pressione sanguigna;
  • una sensazione di interruzione nella zona del cuore.

Disturbi transitori possono verificarsi più volte all'anno o più spesso quando il ritmo normosistolico viene sostituito dal flutter. In giovane età, appaiono sotto l'influenza di fattori provocatori. Le persone anziane sono preoccupate per i segni di aritmia a riposo.

Il decorso asintomatico è considerato il più pericoloso. Il paziente non è preoccupato per nulla, il che aumenta il rischio di complicanze: ictus, infarto miocardico, formazione di trombi e insufficienza cardiaca.

Diagnostica

Il trattamento di una forma permanente di fibrillazione atriale viene effettuato sulla base dei dati ottenuti dopo una diagnosi completa. La causa esatta viene stabilita utilizzando studi clinici, di laboratorio e strumentali. Il segno principale che aiuta a sospettare una malattia è una pulsazione frequente e ritmica nelle vene del collo..

Corrisponde alle contrazioni atriali del miocardio, ma supera la frequenza nelle arterie periferiche. C'è una notevole differenza tra i dati ottenuti durante l'esame. Altri metodi includono quanto segue:

  • analisi del sangue per biochimica;
  • Livello INR (rapporto internazionale normalizzato);
  • ECG (elettrocardiografia);
  • monitoraggio ECG giornaliero;
  • campioni;
  • esame ecografico del cuore (ecografia);
  • ecocardiografia transesofagea.

Per stabilire una diagnosi, a differenza di altre patologie, sono sufficienti diversi metodi diagnostici dall'elenco indicato. In casi difficili, può essere richiesto un esame più dettagliato..

Chimica del sangue

L'indicatore principale che viene determinato con un ritmo parossistico è il livello di lipidi nel plasma sanguigno. Appartiene a uno dei fattori predisponenti dell'aterosclerosi. I seguenti dati sono importanti:

  • creatinina;
  • enzimi epatici - ALT, AST, LDH, CPK;
  • elettroliti plasmatici - magnesio, sodio e potassio.

Devono essere presi in considerazione prima di prescrivere un trattamento per un paziente. Se necessario, lo studio viene ripetuto.

Questo indicatore è molto importante per la diagnostica. Riflette lo stato del sistema di coagulazione del sangue. Se è necessaria la nomina di "Warfarin", deve essere eseguita. Durante il trattamento della fibrillazione atriale o del flutter atriale, il livello di INR deve essere monitorato regolarmente.

ECG (elettrocardiografia)

Con la fibrillazione atriale o il flutter atriale, anche in assenza di una clinica della malattia, vengono rilevati cambiamenti sulla pellicola dell'elettrocardiogramma. Invece delle onde P, i denti del piloroide appaiono nelle derivazioni I, III e avf. La frequenza delle onde raggiunge i 300 al minuto. Ci sono pazienti che hanno una forma permanente di aritmia atipica atipica. In questa situazione, tali denti sul film saranno positivi..

Lo studio rivela un ritmo irregolare, che è associato a una ridotta conduzione degli impulsi attraverso il nodo atrioventricolare. C'è anche la situazione opposta, quando si osserva la norma. Il polso di queste persone è costantemente entro un intervallo accettabile..

In un certo numero di casi, sulla pellicola dell'elettrocardiogramma si trovano blocchi atriventricolari. Sono disponibili diverse opzioni per le modifiche:

  • 1 grado;
  • 2 gradi (include altri 2 tipi);
  • Livello 3.

Con un rallentamento nella conduzione degli impulsi nervosi attraverso il pacemaker, l'intervallo PR si allunga. Tali cambiamenti sono tipici per il blocco di 1 grado. Appare in pazienti con trattamento costante con determinati farmaci, danni al sistema di conduzione miocardico o aumento del tono parasimpatico.

Dividi il 2 ° grado di violazioni in 2 tipi. Innanzitutto, il tipo Mobitz è caratterizzato da un intervallo P-R esteso. In alcuni casi, la conduzione dell'impulso ai ventricoli non si verifica. Quando si esamina il film dell'elettrocardiogramma, viene rilevata una perdita del complesso QRS.

Il tipo 2 è comune con un'improvvisa assenza del complesso QRS. Non viene rilevato alcun allungamento dell'intervallo P-R. Con un blocco di 3 gradi, non ci sono segni di impulsi nervosi ai ventricoli. Il ritmo rallenta fino a 50 battiti al minuto.

Monitoraggio ECG 24 ore su 24

Questo metodo per la fibrillazione atriale o flutter atriale è indicato come il principale strumentale. Con il suo aiuto, puoi tracciare quali cambiamenti si verificano durante il lavoro del miocardio in varie situazioni. Durante il giorno vengono rilevati tachisistole, blocco e altre violazioni.

Lo studio si basa sulla registrazione dell'attività elettrica nel processo dell'attività cardiaca. Tutti i dati vengono trasmessi a un dispositivo portatile, che li elabora in informazioni sotto forma di una curva grafica. L'elettrocardiogramma viene salvato sul supporto del dispositivo.

In alcuni pazienti, quando lampeggia, viene applicato un bracciale aggiuntivo all'area della spalla. Ciò consente di controllare elettronicamente il livello di pressione sanguigna in dinamica..

Campioni

Un test da sforzo (test del tapis roulant) o l'ergometria della bicicletta è indicato per il paziente per determinare i disturbi del sistema cardiovascolare. La durata dello studio può variare. Quando compaiono sintomi spiacevoli, viene interrotto e i dati ottenuti vengono valutati.

Esame ecografico del cuore (ecografia)

I segni di cambiamenti patologici nel cuore vengono rilevati utilizzando gli ultrasuoni. Vengono valutati lo stato del flusso sanguigno, la pressione, l'apparato valvolare, la presenza di coaguli di sangue.

Ecocardiografia transesofagea

Un sensore speciale viene inserito nell'esofago per ricevere i dati. Quando un paziente ha una forma persistente di fibrillazione atriale, flutter atriale, il trattamento dovrebbe durare circa 2 giorni. Per questo motivo, la raccomandazione principale è di sottoporsi alla terapia fino al ripristino del ritmo normale. Lo scopo della ricerca strumentale è rilevare i coaguli di sangue e valutare lo stato dell'atrio sinistro.

Trattamento per flutter atriale

Di grande difficoltà è il trattamento della fibrillazione atriale negli anziani, e soprattutto la forma cronica. Il flutter atriale viene quasi sempre corretto con i farmaci. Dopo la diagnosi, viene avviata la terapia farmacologica.

Terapia farmacologica

Il trattamento inizia con un approccio integrato, per questo includono più di un rimedio. La terapia conservativa comprende i seguenti gruppi di farmaci:

  • beta-bloccanti;
  • glicosidi cardiaci;
  • bloccanti degli ioni di calcio - "Verapamil";
  • preparati di potassio;
  • anticoagulanti - "Eparina", "Warfarin";
  • farmaci antiaritmici - "Ibutilide", "Amiodarone".

Insieme ai farmaci antiaritmici, nello schema sono inclusi beta-bloccanti, calcio-antagonisti e glicosidi. Questo viene fatto per prevenire la tachicardia nei ventricoli. Può essere innescato da un miglioramento nella conduzione degli impulsi nervosi nel pacemaker.

In presenza di anomalie congenite, i fondi elencati non vengono utilizzati nei giovani e negli anziani. Normalmente, è necessario prescrivere anticoaculanti e farmaci per eliminare le aritmie. Se non ci sono controindicazioni ai metodi di trattamento tradizionali, puoi assumere rimedi erboristici. Prima di questo, il paziente deve ottenere il consenso a riceverli dal proprio medico..

Primo soccorso

Con una forte comparsa di segni di flutter o fibrillazione in combinazione con ipotensione, ischemia cerebrale, è indicata la cardioversione. Viene eseguito con una corrente elettrica a bassa tensione. Allo stesso tempo, i farmaci antiaritmici vengono iniettati nella vena. Aumentano l'efficacia della terapia.

Se esiste il rischio di complicazioni, è necessario l'amiodarone sotto forma di soluzione. In assenza di dinamiche, sono necessari glicosidi cardiaci. La stimolazione elettrica è indicata quando il ritmo sinusale non viene ripristinato seguendo tutte le fasi dello schema di gestione del paziente.

Esiste una tattica separata per la gestione dei pazienti con convulsioni, la cui durata richiede 2 giorni. Quando continua a persistere, vengono visualizzati "Amiodarone", "Cordaron", "Verapamil", "Disopyramid". Per ripristinare il ritmo sinusale, viene prescritta la stimolazione miocardica transesofagea. Quando l'aritmia dura più di 2 giorni, gli anticoagulanti vengono somministrati prima della cardioversione.

Trattamento operativo

In assenza di efficacia, l'ablazione è prescritta per la terapia farmacologica. Altre indicazioni sono ricadute frequenti e aritmie persistenti. La prognosi dopo il trattamento è favorevole alla vita del paziente.

È necessario un approccio speciale per identificare la sindrome di Frederick. Nella storia, è stato descritto per la prima volta nel 1904. La malattia è rara, ma rappresenta un grande pericolo. Include cambiamenti clinici ed elettrocardiografici nel blocco completo in combinazione con la fibrillazione cardiaca (o flutter atriale).

La differenza nella patologia non è solo nelle sue manifestazioni. Il trattamento farmacologico non dà una risposta positiva. L'unica via d'uscita è stabilire un pacemaker artificiale. Genererà un impulso di elettricità quando necessario.

Quando compaiono segni di aritmia, è importante una diagnosi tempestiva. Nei pazienti, è possibile normalizzare il lavoro del cuore con i farmaci. Lo stadio avanzato e il decorso cronico della patologia è considerato un'indicazione per la chirurgia.

Flutter atriale: motivi per cercare aiuto, trattamenti

Il cuore è un muscolo che pompa il sangue in tutto il corpo..

  • Ogni battito cardiaco è una serie molto veloce di due battiti.
  • La prima contrazione si verifica nelle camere superiori, gli atri; la seconda contrazione si verifica nelle camere inferiori, ventricoli.
  • Negli atri, il sangue ritorna al cuore ed entra nei ventricoli; l'aorta inizia dal ventricolo sinistro, che fornisce sangue a tutti i vasi sanguigni del corpo.

La frequenza cardiaca è controllata da impulsi elettrici.

  • In circostanze normali, questi impulsi sono generati dal "pacemaker naturale" del cuore, il nodo senoatriale (SA) o sinusale situato nell'atrio destro..
  • L'impulso viaggia attraverso gli atri, creando una contrazione.
  • Si ferma molto rapidamente al nodo atrioventricolare (AV), che si trova nella parte superiore della parete muscolare tra i due ventricoli. Questo ritardo consente al sangue di fluire dagli atri ai ventricoli..
  • L'impulso viaggia quindi verso il basso e attraverso i ventricoli, generando una seconda contrazione ventricolare che rimuove il sangue dai ventricoli..

Il flutter atriale si verifica quando un processo di conduzione anormale si sviluppa all'interno dell'atrio destro, facendo battere troppo velocemente gli atri, circa 250-300 battiti al minuto.

Queste contrazioni rapide rallentano quando raggiungono il nodo AV, ma sono ancora troppo rapide (in genere circa 150 battiti al minuto).

Questo tipo di ritmo è chiamato tachicardia. Poiché il flutter atriale ha origine dagli atri, la condizione è chiamata tachicardia sopraventricolare..

Il pericolo principale del flutter atriale è che il cuore è troppo veloce per pompare bene il sangue..

Potrebbe non esserci abbastanza sangue per fornire organi vitali come il muscolo cardiaco e il cervello. Cosa può portare a varie violazioni.

Ad esempio, può portare a insufficienza cardiaca congestizia, infarto e ictus..

Il flutter atriale può verificarsi nelle convulsioni, che è chiamata una forma parossistica di flutter atriale. Un attacco di flutter atriale di solito dura diverse ore o giorni. Il flutter atriale più o meno regolare è chiamato flutter atriale persistente..

Se adeguatamente trattato, il flutter atriale è raramente pericoloso per la vita. Le complicanze del flutter atriale possono essere pericolose, ma di solito possono essere prevenute con il trattamento.

Le ragioni

Il flutter atriale può essere causato da un malfunzionamento del cuore o da malattie cardiache, malattie in altre parti del corpo che colpiscono il cuore o l'uso di sostanze che modificano il modo in cui gli impulsi elettrici vengono trasmessi attraverso il cuore. In alcune persone, la causa alla base della malattia non può essere identificata.

Le malattie cardiache o le condizioni che possono causare flutter atriale includono quanto segue:

  • Diminuzione del flusso sanguigno al cuore (ischemia) a seguito di malattia coronarica, aterosclerosi o coagulo di sangue;
  • Alta pressione sanguigna (ipertensione);
  • Malattia del muscolo cardiaco (cardiomiopatia);
  • Patologia della valvola cardiaca (in particolare la valvola mitrale);
  • Camere cardiache ingrandite (ipertrofia);
  • Disturbi derivanti da un intervento chirurgico a cuore aperto.

Altre malattie (in altre parti del corpo) che possono colpire il cuore:

  • Ipertiroidismo della tiroide;
  • Un coagulo di sangue in un vaso sanguigno nei polmoni (embolia polmonare)
  • Malattia polmonare ostruttiva cronica (BPCO), che abbassa i livelli di ossigeno nel sangue.

Sostanze che possono contribuire allo sviluppo del flutter atriale:

  • Alcol (vino, birra o liquori)
  • Stimolanti come efedrina, cocaina, anfetamine, pillole dimagranti e persino caffeina;

Il flutter atriale è strettamente correlato a un altro tipo di aritmia chiamata fibrillazione atriale. Questi due tipi di aritmie a volte si alternano tra loro..

Sintomi

Alcune persone con flutter atriale non hanno sintomi. Altri hanno i seguenti sintomi:

  • Palpitazioni (battito cardiaco accelerato o sensazione di martellamento al petto);
  • Sensazione di "svolazzare" o tremare al petto;
  • Mancanza di respiro, mancanza di respiro;
  • Ansia;

Le persone con malattie cardiache o polmonari che sviluppano flutter atriale possono avere altri sintomi più gravi:

  • Angina (dolore al petto o al cuore);
  • Debolezza;
  • Capogiri, svenimenti (perdita di coscienza).

Quando cercare aiuto medico?

Se si verifica uno dei sintomi del flutter atriale, consultare il medico. Se stai assumendo farmaci per trattare il flutter atriale e manifesti uno dei segni e dei sintomi sopra descritti, consulta il tuo medico..

Se ti è stato diagnosticato un flutter atriale e se manifesti uno dei seguenti sintomi, consulta immediatamente un medico di emergenza:

  • Forte dolore al petto
  • Sensazione di debolezza
  • Stordimento

Diagnostica

Poiché altre malattie possono causare sintomi simili, la diagnosi sarà inizialmente mirata ad escludere le patologie più pericolose. Fortunatamente, c'è un semplice studio che può dire molto su ciò che accade al cuore: un elettrocardiogramma (ECG).

L'ECG misura e registra gli impulsi elettrici che controllano il battito cardiaco. L'ECG rileva anomalie in questi impulsi e anomalie nel cuore.

Nelle aritmie, un test ECG può determinare il tipo di aritmia e dove si manifesta il disturbo nel cuore.

L'ECG rileva anche i segni di un attacco di cuore, malattia coronarica, disturbi della conduzione, un cuore ingrossato (ipertrofia) e persino alcune anomalie chimiche nel tessuto cardiaco, come l'aumento delle concentrazioni di potassio e calcio.

Un ECG ambulatoriale comporta l'uso di un dispositivo di monitoraggio per diversi giorni durante le attività quotidiane.

Monitoraggio ECG giornaliero. Questo metodo diagnostico prevede l'uso di un dispositivo chiamato monitor Holter, che di solito viene indossato intorno al collo. Gli elettrodi ECG vengono applicati all'area del torace. In genere, il dispositivo registra la frequenza cardiaca continuamente per 24-72 ore.

Cardiorecorder di eventi (registratore). Questo dispositivo è stato utilizzato per un tempo più lungo, con registrazione periodica della frequenza cardiaca. Il registratore di eventi può essere attivato quando senti qualcosa di innaturale. Meno comunemente, il registratore di eventi viene impiantato sotto la pelle e indossato per settimane o mesi.

Qualsiasi metodo diagnostico è efficace quando si implementano le raccomandazioni. È importante ottenere dati ECG sulla propria aritmia.

Questo test viene eseguito per verificare la presenza di problemi alle valvole cardiache, controllare la funzione ventricolare e verificare la presenza di coaguli di sangue negli atri..

L'esame utilizza lo stesso metodo utilizzato per controllare il feto durante la gravidanza. Questo test non viene sempre eseguito al pronto soccorso.

Occasionalmente, il flutter atriale si riscontra in persone asintomatiche quando esaminate da un medico per un'altra condizione. Il medico può notare un insolito soffio cardiaco o un polso accelerato durante un esame generale e può ordinare un ECG.

Trattamento

Gli obiettivi del trattamento per il flutter atriale sono controllare la frequenza cardiaca, ripristinare il normale ritmo sinusale, prevenire futuri episodi di malattia e prevenire l'ictus..

La normalizzazione della frequenza cardiaca è il primo obiettivo del trattamento

Se si verificano sintomi gravi, come dolore toracico o insufficienza cardiaca congestizia, causati da una frequenza ventricolare accelerata, il medico dovrebbe adottare misure per abbassare rapidamente la frequenza cardiaca con farmaci, cardioversione o defibrillazione..

Se non si osservano sintomi gravi, il medico può prescrivere farmaci per via orale. In alcuni casi, potrebbe essere necessario utilizzare una combinazione di farmaci orali per controllare la frequenza cardiaca.

La chirurgia può essere eseguita per controllare la frequenza cardiaca o il ritmo, ma raramente.

Ripristino e mantenimento del ritmo sinusale normale: in alcune persone con nuova diagnosi di flutter atriale, il ritmo sinusale ritorna normale entro 24-48 ore. L'obiettivo del trattamento è convertire il flutter atriale in ritmo sinusale normale e prevenire il flutter atriale ricorrente.

Non tutti i pazienti con flutter atriale richiedono farmaci antiaritmici.

La frequenza cardiaca nelle aritmie ei sintomi del singolo paziente che essa provoca determineranno in parte se verranno prescritti farmaci antiaritmici.

I medici adattano attentamente i farmaci antiaritmici a ciascuna persona affetta per ottenere l'effetto desiderato senza creare effetti collaterali indesiderati (alcuni dei quali potenzialmente fatali).

Prevenire episodi futuri: questo di solito viene fatto con farmaci quotidiani per mantenere il cuore che lavora in un ritmo sicuro e confortevole.

Prevenire l'ictus

L'ictus è una grave complicanza del flutter atriale. Si verifica quando un coagulo di sangue che si forma nel cuore si rompe e viaggia verso il cervello, dove blocca il flusso sanguigno..

Condizioni come l'insufficienza cardiaca congestizia e la malattia della valvola mitrale aumentano significativamente il rischio di ictus.

Le persone con flutter atriale cronico devono assumere un farmaco "fluidificante" chiamato warfarin per ridurre il rischio di questa complicanza. Il warfarin blocca un certo fattore nel sangue che promuove la coagulazione del sangue. Altri fluidificanti del sangue includono Pradaxa (Dabigatran etexilat), Eliquis (apixaban) e Xarelto (rivaroxaban) e sono approvati per la prevenzione dell'ictus in pazienti con fibrillazione atriale..

Ai pazienti con un basso rischio di ictus e coloro che non possono assumere warfarin per qualsiasi motivo può essere prescritta l'aspirina. L'aspirina ha anche effetti collaterali propri, tra cui sanguinamento ventricolare e ulcere gastriche.

Cura atriale

La maggior parte delle persone con una diagnosi di flutter atriale deve assumere il farmaco prescritto. Evita di assumere stimolanti e consulta il tuo medico prima di assumere nuovi farmaci o integratori alimentari.

Defibrillazione

Questo metodo utilizza una corrente elettrica per "colpire" il cuore, che permette al cuore di "resettarsi" in un modo che lo riporta al suo normale ritmo sinusale. Questo metodo è talvolta chiamato anche "cardioversione DC".

Questa procedura viene eseguita utilizzando un dispositivo chiamato defibrillatore esterno collegato con elettrodi al torace del paziente..

Quando la procedura viene eseguita in un ospedale, di solito viene prescritto un lieve anestetico generale perché le scosse elettriche sono dolorose.

La cardioversione è molto efficace; più del 90% dei pazienti riesce a tornare al normale ritmo sinusale. Tuttavia, per alcuni pazienti, la procedura non allevia la causa del disturbo e l'aritmia ritorna..

La cardioversione aumenta il rischio di ictus e, quindi, se il tempo lo consente per prepararsi alla defibrillazione, è necessario il pretrattamento dei farmaci per fluidificare il sangue. Il farmaco continua per circa un mese dopo la cardioversione.

Ablazione transcatetere con radiofrequenza

Il termine "ablazione" significa rimozione. Questo metodo disattiva le vie di conduzione patologiche nell'atrio destro. Quando vengono rilevati percorsi aritmici (punti), un catetere viene posizionato in questo punto del sistema di conduzione.

Una volta posizionato correttamente, il catetere fornisce energia RF che brucia parte del percorso di conduzione elettrica anormale. Ciò disattiva il percorso aritmico per consentire una trasmissione più costante degli impulsi elettrici..

Questo metodo di trattamento è efficace e aiuta la maggior parte dei pazienti come terapia per l'aritmia. Presenta alcune complicazioni e richiede un breve tempo di recupero..

Farmaci

La scelta del farmaco dipende dalla frequenza del flutter atriale, dalla malattia sottostante, da altri disturbi e dallo stato di salute generale, nonché dagli altri farmaci che la persona sta assumendo..

Classi di farmaci utilizzati nel trattamento del flutter atriale:

Farmaci antiaritmici: questi farmaci vengono utilizzati per convertire il flutter atriale in un ritmo sinusale normale, ridurre la frequenza e la durata degli episodi di flutter atriale e prevenire episodi futuri mediante esposizione chimica. Sono spesso presi per prevenire il ripetersi del flutter atriale dopo la cardioversione. Esempi di farmaci antiaritmici sono amiodarone, sotalolo, ibutilide, propafenone e flecainide.

Digossina (lanoxina): questo farmaco riduce la conduzione degli impulsi elettrici attraverso i nodi CA e AB, rallentando la frequenza cardiaca.

Beta bloccanti: questi farmaci abbassano la frequenza cardiaca rallentando la conduzione attraverso il nodo AV e hanno anche un effetto antiaritmico diretto sugli atri.

Calcio-antagonisti: rallentano anche la frequenza cardiaca rallentando la conduzione attraverso il nodo AV.

Anticoagulanti: riducono la capacità di coagulazione del sangue, riducendo così il rischio di formazione di un coagulo sanguigno indesiderato nel cuore o nel vaso sanguigno. Il flutter atriale aumenta il rischio di questi coaguli di sangue. Questi farmaci sono fondamentali per la prevenzione dell'ictus.

L'insufficienza cardiaca è un'altra grave complicanza del flutter atriale..

Un battito cardiaco accelerato per lungo tempo può indebolire il muscolo cardiaco. Ciò compromette ulteriormente la sua capacità di pompare il sangue..

L'insufficienza cardiaca è una condizione in cui il cuore non può pompare abbastanza sangue per rifornire il corpo.

Trattamento della fibrillazione atriale e del flutter

Quali sono le raccomandazioni per la terapia antitrombotica? Come scegliere un farmaco per la terapia antiaritmica preventiva? La fibrillazione atriale (FA) è una delle tachiaritmie più comuni nella pratica clinica, la sua prevalenza

Quali sono le raccomandazioni per la terapia antitrombotica?
Come scegliere un farmaco per la terapia antiaritmica preventiva?

La fibrillazione atriale (FA) è una delle tachiaritmie più comuni nella pratica clinica, la sua prevalenza nella popolazione generale varia dallo 0,3 allo 0,4% [1]. Il rilevamento della FA aumenta con l'età. Quindi, tra le persone di età inferiore ai 60 anni, è circa l'1% dei casi e nella fascia di età superiore agli 80 anni - oltre il 6%. Circa il 50% dei pazienti con fibrillazione atriale negli Stati Uniti ha più di 70 anni e più del 30% di quelli ricoverati per aritmie cardiache sono pazienti con questa aritmia [2]. Il flutter atriale (AT) è un'aritmia significativamente meno comune rispetto alla FA. Nella maggior parte dei paesi, FA e AT sono considerati disturbi del ritmo diversi e non sono indicati collettivamente come fibrillazione atriale. A nostro avviso, questo approccio dovrebbe essere riconosciuto corretto per molte ragioni..

Prevenzione delle complicanze tromboemboliche e delle recidive di fibrillazione atriale e flutter atriale

La fibrillazione e il flutter atriale peggiorano l'emodinamica, aggravano il decorso della malattia sottostante e portano ad un aumento della mortalità di 1,5-2 volte nei pazienti con cardiopatia organica. La FA non valvolare (non reumatica) aumenta il rischio di ictus ischemico di 2-7 volte rispetto al gruppo di controllo (pazienti senza FA) e la malattia mitralica reumatica e la FA cronica - 15-17 volte [3]. L'incidenza dell'ictus ischemico nella fibrillazione atriale non reumatica è in media di circa il 5% dei casi all'anno e aumenta con l'età. L'embolia cerebrale si ripresenta nel 30-70% dei pazienti. Il rischio di un secondo ictus è più alto durante il primo anno. Il basso rischio di ictus nei pazienti con FA idiopatica di età inferiore ai 60 anni (1% all'anno), leggermente superiore (2% all'anno) - all'età di 60-70 anni. A questo proposito, nella maggior parte dei pazienti con parossismi frequenti e / oa lungo termine di fibrillazione atriale, nonché con la sua forma permanente, deve essere effettuata la prevenzione delle complicanze tromboemboliche. Una meta-analisi di tutti gli studi sulla prevenzione primaria e secondaria dell'ictus ha dimostrato che il rischio di sviluppare quest'ultimo è ridotto dagli anticoagulanti indiretti del 47-79% (in media del 61%) e dall'aspirina - di poco più del 20%. Va notato che con l'uso dell'aspirina, una diminuzione statisticamente significativa dell'incidenza di ictus ischemico e altre embolie sistemiche è possibile solo a una dose piuttosto elevata del farmaco (325 mg / die) [4]. Allo stesso tempo, nello studio AFASAK di Copenaghen [5], il numero di complicanze tromboemboliche nei gruppi di pazienti trattati con aspirina 75 mg / die e placebo non differiva in modo significativo.

A questo proposito, ai pazienti con FA, appartenenti al gruppo ad alto rischio di complicanze tromboemboliche: insufficienza cardiaca, EF 35% o inferiore, ipertensione arteriosa, ictus ischemico o attacco ischemico transitorio nella storia, ecc., Dovrebbero essere prescritti anticoagulanti indiretti (mantenimento dell'International Normalized relazioni - INR - in media al livello di 2,0-3,0). Si consiglia ai pazienti con fibrillazione atriale non valvolare (non reumatica), non appartenenti al gruppo ad alto rischio, di assumere aspirina continuamente (325 mg / die). Si ritiene che nei pazienti di età inferiore ai 60 anni con FA idiopatica, in cui il rischio di complicanze tromboemboliche è molto basso (quasi lo stesso delle persone senza disturbi del ritmo), la terapia profilattica possa essere omessa. La terapia antitrombotica nei pazienti con fibrillazione atriale dovrebbe ovviamente essere basata sulla considerazione degli stessi fattori di rischio della FA, poiché vi è evidenza che il rischio di complicanze tromboemboliche nell'AT è maggiore che nel ritmo sinusale, ma leggermente inferiore rispetto alla FA [ 6].

Esperti internazionali offrono le seguenti raccomandazioni specifiche per la terapia antitrombotica per vari gruppi di pazienti con fibrillazione atriale, a seconda del livello di rischio di complicanze tromboemboliche [7]:

  • età inferiore a 60 anni (nessuna malattia cardiaca - AF solitario) - aspirina 325 mg / giorno o nessun trattamento;
  • età inferiore a 60 anni (c'è una malattia cardiaca, ma non ci sono fattori di rischio come insufficienza cardiaca congestizia, EF 35% o meno, ipertensione arteriosa) - aspirina 325 mg / die;
  • dai 60 anni in su (diabete mellito o cardiopatia ischemica) - anticoagulanti orali (INR 2.0-3.0);
  • dai 75 anni in su (soprattutto donne) - anticoagulanti orali (INR fino a 2,0);
  • insufficienza cardiaca - anticoagulanti orali (INR 2.0-3.0);
  • LVEF 35% o inferiore - anticoagulanti orali (INR 2.0-3.0);
  • tireotossicosi - anticoagulanti orali (INR 2.0-3.0);
  • ipertensione arteriosa - anticoagulanti orali (INR 2.0-3.0);
  • cardiopatia reumatica (stenosi mitralica) - anticoagulanti orali (INR 2,5-3,5 o più);
  • valvole cardiache artificiali - anticoagulanti orali (INR 2,5-3,5 o più);
  • una storia di tromboembolia - anticoagulanti orali (INR 2,5-3,5 o più);
  • la presenza di un trombo nell'atrio, secondo TPEchoCG, - anticoagulanti orali (INR 2,5-3,5 o più).

Il rapporto internazionale normalizzato deve essere monitorato con anticoagulanti indiretti all'inizio della terapia almeno una volta alla settimana e poi mensilmente..

Nella maggior parte dei casi, i pazienti con fibrillazione atriale parossistica ricorrente e persistente in assenza di sintomi clinici di aritmia o di gravità insignificante non hanno bisogno di prescrivere farmaci antiaritmici. In questi pazienti si prevengono le complicanze tromboemboliche (aspirina o anticoagulanti indiretti) e si controlla la frequenza cardiaca. Se i sintomi clinici sono espressi, è necessaria la terapia anti-ricaduta e l'interruzione della terapia, combinata con il controllo della frequenza cardiaca e il trattamento antitrombotico.

Con frequenti attacchi di fibrillazione atriale e flutter atriale, l'efficacia degli antiaritmici o delle loro combinazioni viene valutata clinicamente, per attacchi rari a questo scopo, CPES o VEM viene eseguito dopo 3-5 giorni dall'assunzione del farmaco e quando si utilizza l'amiodarone - dopo la saturazione con esso. I farmaci antiaritmici 1A, 1C e 3 classi sono utilizzati per prevenire la recidiva di FA / TP in pazienti senza danno cardiaco organico. Pazienti con disfunzione ventricolare sinistra asintomatica o insufficienza cardiaca sintomatica, nonché, probabilmente, con significativa ipertrofia miocardica, la terapia con antiaritmici di classe 1 è controindicata a causa del rischio di peggioramento della prognosi di vita.

Per la prevenzione dei parossismi della fibrillazione atriale e del flutter atriale, vengono utilizzati i seguenti antiaritmici: chinidina (chinilentina, chinidina durule, ecc.) - 750-1500 mg / giorno; disopiramide - 400-800 mg / giorno; propafenone - 450-900 mg / giorno; allapinina - 75-150 mg / giorno; etacizin - 150-200 mg / giorno; flecainide - 200-300 mg / giorno; amiodarone (dose di mantenimento) - 100-400 mg / giorno; sotalolo - 160-320 mg / giorno; dofetilide - 500-1000 mcg / giorno. Verapamil, diltiazem e glicosidi cardiaci non devono essere usati per la terapia anti-recidiva di FA e AT nei pazienti con sindrome di Wolff-Parkinson-White (WPW), poiché questi farmaci riducono la refrattarietà della via aggiuntiva della conduzione atrioventricolare e possono causare un aumento nel corso dell'aritmia.

Nei pazienti con sindrome del seno malato e parossismi di fibrillazione atriale e flutter atriale (sindrome bradicardia-tachicardia), ci sono indicazioni estese per l'impianto di un pacemaker (pacemaker). La stimolazione continua è indicata in tali pazienti sia per il trattamento della bradiaritmia sintomatica sia per la conduzione sicura della terapia antiaritmica profilattica e / o soppressiva. Gli antiaritmici di classe 1A con azione anticolinergica (disopiramide, novocainamide, chinidina) possono essere utilizzati per prevenire e alleviare gli attacchi di fibrillazione atriale e TP in pazienti senza pacemaker. Nella cardiomiopatia ipertrofica, l'amiodarone viene prescritto per la prevenzione dei parossismi della tachiaritmia e vengono prescritti beta-bloccanti o calcio antagonisti (verapamil, diltiazem) per ridurre la frequenza delle contrazioni ventricolari.

Di norma, il trattamento con antiaritmici richiede il monitoraggio dell'ampiezza del complesso QRS (soprattutto quando vengono utilizzati antiaritmici di classe 1C) e della durata dell'intervallo QT (durante la terapia con antiaritmici di classe 1A e classe 3). La larghezza del complesso QRS non deve aumentare di oltre il 150% del livello iniziale e l'intervallo QT corretto non deve superare i 500 ms. L'amiodarone ha il massimo effetto nella prevenzione dell'aritmia [14, 15, 16, 17]. Una meta-analisi dei risultati pubblicati di studi controllati con placebo, che hanno coinvolto 1465 pazienti, ha mostrato che l'uso di basse dosi di mantenimento di amiodarone (meno di 400 mg / die) non ha aumentato i danni ai polmoni e al fegato rispetto al gruppo placebo [8]. Alcuni studi clinici hanno dimostrato una maggiore efficacia profilattica dei farmaci di classe 1C (propafenone, flecainide) rispetto agli antiaritmici di classe 1A (chinidina, disopiramide). Secondo i nostri dati, l'efficacia del propafenone è del 65%, dell'etazizina - 61% [9, 10].

La scelta di un farmaco per la terapia antiaritmica profilattica della fibrillazione atriale parossistica e persistente e del flutter atriale

Siamo d'accordo con l'opinione espressa nelle raccomandazioni internazionali per la gestione dei pazienti con fibrillazione atriale [7], secondo cui la terapia anti-recidiva in pazienti senza patologia cardiaca o con minime modifiche strutturali dovrebbe essere iniziata con antiaritmici di classe 1C (propafenone, flecainide). Aggiungiamo a loro preparazioni domestiche della stessa classe (allapinin ed etacizin), così come il sotalolo; sono abbastanza efficaci e privi di effetti collaterali extracardiaci pronunciati. Se gli antiaritmici elencati non prevengono il ripetersi di FA / TP o il loro uso è accompagnato da effetti collaterali, è necessario passare alla nomina di amiodarone e dofetilide. Quindi, se necessario, vengono utilizzati farmaci di classe 1A (disopiramide, chinidina) o metodi di trattamento non farmacologici. Probabilmente, nei pazienti con la cosiddetta FA "adrenergica", ci si può aspettare un effetto maggiore dalla terapia con amiodarone o sotalolo, e nella FA "vagale" è consigliabile iniziare il trattamento con disopiramide.

La cardiopatia ischemica, specialmente in presenza di cardiosclerosi postinfartuale, e l'insufficienza cardiaca aumentano il rischio di proprietà aritmogeniche dei farmaci antiaritmici. Pertanto, il trattamento della fibrillazione atriale e del flutter atriale nei pazienti con insufficienza cardiaca congestizia è solitamente limitato all'uso di amiodarone e dofetilide. Mentre l'elevata efficacia e sicurezza dell'amiodarone nell'insufficienza cardiaca e nella malattia coronarica (compreso IM) è stata dimostrata per lungo tempo, risultati simili in relazione alla dofetilide sono stati ottenuti nei recenti studi controllati con placebo DIAMOND CHF e DIAMOND MI [11].

Per i pazienti con malattia coronarica, la sequenza raccomandata per la prescrizione di antiaritmici è la seguente: sotalolo; amiodarone, dofetilide; disopiramide, novocainamide, chinidina.

L'ipertensione arteriosa, che porta all'ipertrofia del miocardio ventricolare sinistro, aumenta il rischio di sviluppare la tachicardia ventricolare polimorfa "torsione di punta". A questo proposito, per prevenire il ripetersi di FA / TP nei pazienti con pressione alta, sono preferiti i farmaci antiaritmici, che non influenzano in modo significativo la durata della ripolarizzazione e l'intervallo QT (classe 1C), così come l'amiodarone, sebbene lo prolunghi, ma estremamente raramente causa tachicardia ventricolare.... Pertanto, l'algoritmo per la farmacoterapia di questo disturbo del ritmo nell'ipertensione arteriosa è il seguente: ipertrofia miocardica LV 1,4 cm o più - utilizzare solo amiodarone; non c'è ipertrofia miocardica ventricolare sinistra o è inferiore a 1,4 cm - iniziare il trattamento con propafenone, flecainide (tenere presente la possibilità di utilizzare antiaritmici domestici 1C della classe allapinina ed etacizina) e, se sono inefficaci, utilizzare amiodarone, dofetilide, sotalolo. Nella fase successiva del trattamento (inefficacia o comparsa di effetti collaterali nei suddetti farmaci), vengono prescritti disopiramide, novocainamide, chinidina [7].

È possibile che con l'emergere di nuovi risultati di studi controllati sull'efficacia e la sicurezza dei farmaci antiaritmici in pazienti con varie malattie del sistema cardiovascolare, le raccomandazioni di cui sopra per la prevenzione delle recidive di FA parossistica e persistente saranno modificate, poiché attualmente non ci sono abbastanza informazioni rilevanti..

In assenza dell'effetto della monoterapia, vengono utilizzate combinazioni di farmaci antiaritmici, iniziando con mezze dosi. Un'aggiunta, e in alcuni casi un'alternativa alla terapia profilattica, come menzionato sopra, può essere la prescrizione di farmaci che peggiorano la conduzione AV e riducono la frequenza delle contrazioni ventricolari durante il parossismo FA / AT. L'uso di farmaci che compromettono la conduzione nella giunzione AV è giustificato anche in assenza di un effetto dalla terapia antiaritmica profilattica. Quando li si utilizza, è necessario assicurarsi che la frequenza cardiaca a riposo sia compresa tra 60 e 80 al minuto e con un'attività fisica moderata - non più di 100-110 al minuto. I glicosidi cardiaci sono inefficaci per controllare la frequenza cardiaca nei pazienti che conducono uno stile di vita attivo, poiché in questi casi il meccanismo principale per ridurre la frequenza delle contrazioni ventricolari è un aumento del tono parasimpatico. È quindi ovvio che i glicosidi cardiaci possono essere selezionati solo in due situazioni cliniche: se il paziente soffre di insufficienza cardiaca o ha una bassa attività fisica. In tutti gli altri casi, la preferenza deve essere data ai calcio antagonisti (verapamil, diltiazem) o ai beta-bloccanti. Con attacchi prolungati di fibrillazione atriale o flutter atriale, nonché con la loro forma costante, è possibile utilizzare combinazioni dei suddetti farmaci per rallentare la frequenza cardiaca.

Sollievo dai parossismi della fibrillazione atriale e del flutter atriale

Il compito principale in un attacco della forma tachisistolica di AF / TP è diminuire la frequenza cardiaca e quindi, se il parossismo non si ferma da solo, fermarlo. Il controllo della frequenza della contrazione ventricolare (diminuzione fino a 70-90 al minuto) viene effettuato mediante somministrazione endovenosa o orale di verapamil, diltiazem, beta-bloccanti, somministrazione endovenosa di glicosidi cardiaci (è preferibile la digossina), amiodarone. Nei pazienti con ridotta funzione contrattile del ventricolo sinistro (insufficienza cardiaca congestizia o EF inferiore al 40%), la riduzione della frequenza cardiaca viene eseguita solo con glicosidi cardiaci o amiodarone. Prima di interrompere le forme tachisistoliche di fibrillazione atriale e flutter atriale (in particolare flutter atriale) con antiaritmici di classe 1A (disopiramide, novocainamide, chinidina), il blocco della conduzione nel nodo AV è obbligatorio, poiché i suddetti farmaci antiaritmici hanno un effetto anticolinergico (più pronunciato) e possono aumentare significativamente la frequenza della disopiramide contrazioni ventricolari.

Dato il rischio di tromboembolia nel parossismo di FA prolungato, il problema del suo sollievo dovrebbe essere risolto entro 48 ore, poiché se la durata di un attacco di FA supera i due giorni, è necessario prescrivere anticoagulanti indiretti (mantenendo l'INR a 2.0-3.0) per 3-4 settimane prima e dopo la cardioversione elettrica o medica. Attualmente, gli anticoagulanti indiretti più utilizzati, che sono derivati ​​cumarinici: warfarin e sincumar. Se la durata della FA non è nota, è necessario anche l'uso di anticoagulanti indiretti prima e dopo la cardioversione. Una simile prevenzione delle complicanze tromboemboliche dovrebbe essere eseguita con flutter atriale..

Per la cardioversione farmacologica vengono utilizzati i seguenti antiaritmici:

  • amiodarone 5-7 mg / kg - infusione endovenosa per 30-60 minuti (15 mg / min);
  • ibutilide 1 mg - iniezione endovenosa in 10 minuti (se necessario, somministrazione ripetuta di 1 mg);
  • novocainamide 1-1,5 g (fino a 15-17 mg / kg) - infusione endovenosa a una velocità di 30-50 mg / min;
  • propafenone 1,5-2 mg / kg - iniezione endovenosa per 10-20 minuti;
  • flecainide 1,5-3 mg / kg - iniezione endovenosa per 10-20 minuti.

Nelle raccomandazioni internazionali per la rianimazione cardiopolmonare e l'assistenza cardiaca di emergenza [12] e le raccomandazioni ACC / AHA / ESC per il trattamento dei pazienti con fibrillazione atriale [7], si osserva che il sollievo dal parossismo nei pazienti con insufficienza cardiaca o EF inferiore al 40% è consigliabile per eseguire principalmente amiodarone. L'uso di altri antiaritmici dovrebbe essere limitato a causa del rischio piuttosto elevato di sviluppare effetti aritmogeni e dell'effetto negativo di questi farmaci sull'emodinamica.

L'uso di verapamil e glicosidi cardiaci è controindicato nei pazienti con FA / TP e sindrome di Wolff-Parkinson-White. In presenza di quest'ultimo, la FA / TP viene interrotta con farmaci che ne compromettono la conduzione lungo il fascio di Kent: amiodarone, novocainamide, propafenone, flecainide, ecc..

Possibile sollievo orale della fibrillazione atriale e flutter atriale con chinidina, novocainamide, propafenone, flecainide, dofetilide, ecc..

Il flutter atriale (tipo 1) può essere arrestato o tradotto in FA da frequenti pacemaker atriali transesofagei o endocardici. La stimolazione è prescritta per 10-30 secondi con una frequenza del polso superiore del 15-20% rispetto alla frequenza atriale, ovvero 300-350 (400) impulsi al minuto.

Quando la FA / TP è accompagnata da grave insufficienza cardiaca (asma cardiaco, edema polmonare), ipotensione (pressione sistolica inferiore a 90 mmHg), aumento della sindrome del dolore e / o peggioramento dell'ischemia miocardica, è indicata la terapia con impulsi elettrici immediati (EIT).

Nella fibrillazione atriale, l'EIT inizia con una scarica di 200 J; per la corrente bifasica, l'energia della prima scarica è inferiore. Se risulta inefficace, vengono successivamente applicate scariche di potenza maggiore (300-360 J). Il flutter atriale è spesso controllato da una scarica a bassa energia (50-100 J).

La terapia elettro-impulso può anche essere selezionata per il ripristino programmato del ritmo sinusale in pazienti con parossismi prolungati di FA / AT. La cardioversione medica è raccomandata se l'EIT è impossibile, indesiderabile o non riesce a ripristinare il ritmo sinusale. Con un attacco di FA / TP che dura più di 48 ore, gli anticoagulanti indiretti prima della cardioversione possono non essere utilizzati per lungo tempo se la presenza di trombi negli atri viene esclusa con l'aiuto dell'ecocardiografia transesofagea (TPEchoCG) (nel 95% dei casi sono localizzati nell'appendice atriale sinistra). Questa è la cosiddetta cardioversione precoce: somministrazione endovenosa di eparina (aumento dell'APTT di 1,5-2 volte rispetto al valore di controllo) o assunzione a breve termine di un anticoagulante indiretto (portando l'INR a 2,0-3,0) prima della cardioversione e assunzione di quattro settimane di anticoagulanti dopo il ripristino del ritmo sinusale. Secondo i dati preliminari dello studio multicentrico ACUTE [13], l'incidenza di complicanze tromboemboliche è significativamente inferiore quando si utilizza TPEchoCG e brevi cicli di terapia profilattica con eparina o warfarin (in assenza di un trombo) o somministrazione a lungo termine di un anticoagulante indiretto (se un trombo viene nuovamente rilevato dopo tre settimane di trattamento con warfarin) prima dell'EIT. rispetto alla terapia tradizionale, condotta "alla cieca" con anticoagulanti indiretti per 3-4 settimane prima e dopo la cardioversione elettrica, ed è rispettivamente dell'1,2% e del 2,9%. Nei pazienti che non ricevono anticoagulanti prima della cardioversione, le complicanze tromboemboliche si sviluppano nell'1-6% dei casi.

Nei parossismi gravi di FA e TP, refrattari al trattamento farmacologico, vengono utilizzati metodi di trattamento non farmacologici: distruzione della connessione AV con l'impianto di un pacemaker, "modifica" della connessione AV, impianto di un defibrillatore atriale o di pacemaker speciali, sorgenti di cateteri a radiofrequenza nel percorso corretto e distruzione degli impulsi impulsi ectopici in pazienti con fibrillazione atriale focale, operazioni "corridoio" e "labirinto".

Letteratura

1. Kastor J. A. Arrhithmias. Philadelphia: W. B. Saunders company 1994. P.25-124.
2. Bialy D., Lehmann M. N., Schumacher D. N. et al. Ospedalizzazione per arrhithmias negli Stati Uniti: importanza della fibrillazione atriale (abstr) // J. Am. Coll. Cardiol. 1992; 19: 41A.
3. Wolf P. A., Dawber T. R., Thomas H. E., Kannel W. B. Valutazione epidemiologica di fibrillazione atriale cronica e rischio di ictus: lo studio di Framingham // Neurology. 1978; 28: 973-77.
4. The Stroke Prevention in Atrial Fibrillation Study Group Investigators. Prevenzione dell'ictus nello studio di fibrillazione atriale: risultati finali // Circolazione. 1991; 84: 527-539.
5. Petersen P., Boysen G., Godtfredsen J. et al. Studio randomizzato controllato con placebo di warfarin e aspirina per la prevenzione delle complicanze tromboemboliche nella fibrillazione atriale cronica. Lo studio AFASAK di Copenhagen // Lancet. 1989; 1: 175-179.
6. Biblo L. A., Ynan Z., Quan K. J. et al. Rischio di ictus in pazienti con flutter atriale // Am. J. Cardiol. 2000; 87: 346-349.
7. Linee guida ACC / AHA / ESC per direzione di pazienti con fibrillazione atriale // Circolazione. 2001; 104: 2118-2150.
8. Vorperian V. R., Havighurst T. C., Miller S., Janyary C. T. Effetto avverso di amiodarone a basso dosaggio: una meta-analisi // JACC. 1997; 30: 791-798.
9. Bunin Yu. A., Fedyakina LF, Bayroshevsky PA, Kazankov Yu. N. Terapia antiaritmica profilattica combinata con etacizin e propranololo di fibrillazione parossistica e flutter atriale. Materiali del VII Congresso Nazionale Russo "L'uomo e la medicina". Mosca, 2000.S.124.
10. Semykin VN, Bunin Yu. A., Fedyakina LF Efficacia comparativa della terapia antiaritmica combinata con propafenone, verapamil e diltiazem della fibrillazione parossistica e flutter atriale. Materiali del VII Congresso Nazionale Russo "L'uomo e la medicina". Mosca, 2000.S. 123-124.
11. Sager P. T. Nuovi progressi nella terapia farmacologica antiaritmica di classe III. Curr. Opin. Cardiol. 2000; 15: 41-53.
12. Linee guida 2000 per rianimazione cardiopolmonare e cure cardiovascolari di emergenza // Circolazione. 2000; 102 (suppl I): I-158-165.
13. Progettazione di una sperimentazione clinica per la valutazione della cardiversione usando l'ecocardiografia transesofagea (lo studio multicentrico ACUTO) // Am. J. Cardiol. 1998; 81: 877-883.
14. Bunin Yu. A., Firstova MI, Enukashvili RR Terapia antiaritmica di supporto dopo il ripristino del ritmo sinusale in pazienti con fibrillazione atriale costante. Materiali del 5 ° Congresso panrusso dei cardiologi. Chelyabinsk, 1996.S.28.
15. Bunin Y., Fediakina L. Basse dosi di amiodarone nella prevenzione della fibrillazione atriale parossistica e del flutter. Accademia internazionale di cardiologia. 2 ° congresso internazionale sulle malattie cardiache. Libro astratto del congresso, Washington, USA, 2001.
16. Gold R. L., Haffajec C. I. Charoz G. et al. Amiodarone per fibrillazione atriale refrattaria // Am. J. Cardiol. 1986; 57: 124-127.
17. Miller J. M., Zipes D. P. Gestione del paziente con aritmie cardiache. In Braunwald E., Zipes D., Libby P. (a cura di). Cardiopatia. Un libro di testo di medicina cardiovascolare. Philadelphia: azienda W. B. Saunders. 2001. P. 731-736.


Articolo Successivo
Non rettilineità del corso delle arterie vertebrali