Trombosi emorroidaria: trattamento e prevenzione


Quasi tutte le malattie in assenza di terapia danno complicazioni. Questa affermazione vale anche per la malattia emorroidaria. La trombosi delle emorroidi può diventare una complicanza comune della malattia..

trombosi delle emorroidi, foto della manifestazione esterna

In qualsiasi vaso sanguigno è possibile il ristagno. I coaguli di sangue risultanti sono anche chiamati coaguli di sangue. Dopo averli trovati in un paziente, il medico diagnostica la "trombosi" e indica esattamente dove si è formato il coagulo di sangue.

La trombosi delle emorroidi è la formazione di coaguli nelle formazioni cavernose del retto. Può essere indoor o outdoor.

La trombosi delle emorroidi esterne si manifesta sempre con l'infiammazione. Nella fase iniziale, i farmaci anticoagulanti aiutano bene. La patologia della manifestazione interna può essere eliminata con speciali supposte rettali..

Tipi di trombosi

La maggior parte dei medici considera la formazione di coaguli di sangue nei nodi il principale segno di esacerbazione delle emorroidi croniche..

A seconda dei fenomeni di accompagnamento, ci sono tre gradi del decorso acuto della malattia:

  1. Coaguli di sangue in assenza di processi infiammatori;
  2. Trombosi più infiammazione delle emorroidi (sia interne che esterne);
  3. Patologia estesa, che è accompagnata da infiammazione non solo dei nodi, ma anche del tessuto sottocutaneo.

La trombosi acuta del nodo emorroidario deve essere immediatamente eliminata!

Le emorroidi trombizzate sono molto pericolose. La protrazione prolungata del processo infiammatorio porta a gravi complicazioni.

Le ragioni

La stitichezza frequente può causare patologie

La malattia provoca uno stile di vita sedentario, alcol, fumo, duro lavoro fisico, stitichezza frequente.

Gli esperti notano che la manifestazione esterna della malattia emorroidaria è complicata dalla trombosi molto più spesso che interna.

Anche in assenza di infiammazione, la comparsa di coaguli di sangue nelle emorroidi esterne si trasforma in dolore tangibile per una persona. La sua intensità è individuale ed è determinata dall'entità della complicanza e dalla soglia del dolore di una persona. L'inconveniente di stare seduti riduce significativamente il tenore di vita di una persona.

Sintomi di patologia

La trombosi del nodo interno può essere nascosta, senza sintomi. Allo stadio 1 della malattia, si avvertono solo lievi dolori durante il movimento intestinale. Più spesso, le persone attribuiscono tali sintomi a feci grandi o crampi. Nel frattempo, la malattia sta progredendo. Arriva il giorno in cui le emorroidi cadono dal canale anale.

È quasi impossibile correggere un tale nodo, poiché la sindrome del dolore può svilupparsi molto rapidamente. Inoltre, nelle fasi successive della malattia proctologica, i nodi caduti vengono spesso violati, poiché il normale funzionamento dello sfintere anale potrebbe già essere interrotto. Infine, la riduzione "amatoriale" è semplicemente pericolosa! I nodi trombizzati sono facilmente danneggiati e questo può provocare sanguinamento, infiammazione, penetrazione di infezioni.

Un altro sintomo comune di trombosi nelle emorroidi è l'aumento della temperatura corporea..

Come si gonfia la patologia

Il medico, all'esame, scopre formazioni dense, spesso viola o blu scuro.

Trattamento della malattia

In caso di comparsa dei primi sintomi che indicano trombosi del nodo emorroidario, il trattamento deve iniziare immediatamente. Il primo passo verso il successo inizia con una consultazione con un proctologo.

È importante informare il medico di tutti i sintomi e le possibili cause dello sviluppo delle emorroidi..

Primo soccorso

Cosa puoi fare a casa? Con emorroidi acute, lozioni e impacchi con permanganato di potassio disciolto aiutano bene. È necessario applicarli sulla zona interessata ogni 20 minuti per un'ora, almeno 3 volte al giorno.

Se non ci sono controindicazioni, l'irudoterapia può dare un effetto positivo. L'applicazione del metodo, così come la determinazione del numero e della durata delle sedute, è possibile solo sotto controllo medico professionale..

I rimedi popolari per le emorroidi complicate sono inefficaci. Soprattutto se la malattia è passata al terzo o quarto stadio.

Farmaco

I proctologi per la trombosi prescrivono spesso anticoagulanti ai loro pazienti. Ad esempio, unguento troxeruton. Per eliminare i coaguli di sangue, vengono utilizzati unguento eparinico e supposte rettali con eparina. Puoi combinare le candele con il gel Lyoton.

Tra i rimedi locali, il più noto è l'epatrombina G. Questo farmaco ha un effetto complesso. Riduce la viscosità del sangue, aumenta il flusso sanguigno, allevia il dolore, il gonfiore e l'infiammazione. Inoltre, il medico può raccomandare un agente orale, ad esempio il flavonoide Detralex. Queste compresse hanno un effetto benefico sul sistema circolatorio nel suo complesso. Il deflusso di sangue dalla parte inferiore del corpo migliora e i nodi si riducono di dimensioni.

Se la trombosi colpisce la pelle e l'infiammazione si diffonde ai tessuti molli circostanti, è meglio scegliere un farmaco dagli effetti complessi e combinati. Lo strumento dovrebbe alleviare l'infiammazione, alleviare il dolore e avere un effetto trombolitico. Farmaci noti: Proctosedil, Proctosan, Troxerutin, Phlebodia-600, Cyclo-3-forte, Venarus, Detralex, Ginkor Forte.

La scelta finale dei farmaci, la durata della terapia e l'uso di tecniche ausiliarie è compito del proctologo.

Il trattamento della trombosi dei nodi esterni deve essere monitorato da uno specialista, anche se la terapia viene eseguita a casa.

Quanto velocemente scompare la malattia? Dipende dai metodi di trattamento e dalla gravità della patologia. In media, se non ci sono complicazioni: 1-2 mesi.

Operazione

Come sbarazzarsi rapidamente del problema?
In caso di dolore acuto e infiammazione significativa, i medici devono applicare urgentemente metodi chirurgici.

Manipolazioni operative di base:

  • Trombectomia. Il metodo consiste nella rimozione di un coagulo di sangue attraverso una piccola incisione (0,5 cm). Anestesia - locale, non è necessario il ricovero in ospedale, la guarigione della cicatrice avviene entro pochi giorni.
  • Escissione del nodo. In caso di trombosi esterna complicata, il medico può decidere di rimuovere completamente il problema delle emorroidi.

La rimozione della trombosi emorroidaria richiede tempo per la riabilitazione. Il medico curante deve descrivere lo schema di prevenzione e trattamento dopo l'intervento chirurgico..

Prevenzione delle malattie

Come prevenire la formazione di coaguli di sangue nelle emorroidi? La principale misura preventiva è il trattamento corretto e coscienzioso delle emorroidi. Ciò è particolarmente vero per le future mamme. La trombosi durante la gravidanza e dopo il parto è la patologia più comune!

Per evitare complicazioni è necessario:

  1. Quando si lavora sedentari (seduti o in piedi) fare pause regolari con un po 'di riscaldamento.
  2. Mangia in modo che non ci siano difficoltà a defecare. Mangia verdure, prodotti a base di latte fermentato, abbastanza liquido.
  3. Presta attenzione alla sensazione di gonfiore dopo le feci, macchie di sangue su carta igienica e biancheria intima, feci.
  4. Essere in un gruppo a rischio, per professione o eredità, sottoporsi a esami preventivi da parte di un proctologo;
  5. Dopo ogni movimento intestinale, lavare la zona anale con acqua fredda se possibile.

Queste misure consentono, se non di evitare le emorroidi, almeno di prevenire le esacerbazioni della malattia e gravi complicazioni. La trombosi acuta del nodo esterno è più spesso la ragione dell'operazione chirurgica..

È importante capire che il trattamento della trombosi emorroidaria è una misura complessa che include metodi conservativi e preventivi per affrontare la malattia. Il rinvio tempestivo a un medico esperto può ridurre al minimo tutte le difficoltà..

CI SONO CONTROINDICAZIONI
CONSULTAZIONE NECESSARIA DEL MEDICO ASSISTENTE

Autore dell'articolo Egorov Alexey Alexandrovich, proctologo

Quanto velocemente passa la trombosi emorroidaria

Trombosi emorroidaria: sintomi, foto, trattamento, recensioni

Le emorroidi sono facilmente curabili nelle fasi iniziali. Ma, sfortunatamente, molte persone trascurano l'aiuto dei medici, a seguito dei quali si sviluppano complicazioni tipiche della malattia. Una di queste complicazioni è la trombosi emorroidaria..

Le statistiche mostrano che in oltre l'80% dei casi la trombosi è una conseguenza dell'esacerbazione delle emorroidi croniche e solo in rari casi si verifica in modo acuto. In ogni caso, questa condizione richiede un trattamento immediato, poiché può svilupparsi in paraproctite purulenta o sepsi.

Che aspetto ha la trombosi emorroidaria: foto

Ragioni per lo sviluppo di emorroidi trombizzate

Non ci sono così tante ragioni che causano la trombosi emorroidaria. Esso:

  1. Un forte aumento della pressione nella cavità addominale. Di solito è causato da uno sforzo eccessivo durante disturbi delle feci o esercizio fisico, durante la gravidanza o il parto..
  2. Lesione al tessuto intorno all'ano.
  3. Ipotermia.

Sotto l'influenza dei suddetti fattori, la parete interna del nodo viene danneggiata e il sangue ristagna in essa. Le piastrine nel sito di lesione al nodo si uniscono e la fibrina (proteina del sangue) cade. Di conseguenza, si forma un coagulo di sangue che riempie il lume del nodo..

A seconda della localizzazione del trombo, la trombosi è classificata come esterna, interna e anche combinata, quando il processo cattura entrambi i lati del nodo. La trombosi più comune delle emorroidi esterne.

La malattia nella maggior parte dei casi procede con una sindrome da dolore grave, a volte accompagnata da sanguinamento dai nodi. Uno o più nodi possono presentare trombi.

Succede anche che la trombosi del nodo emorroidario passi da sola - a causa della morte del muro del nodo e del prolasso di un coagulo di sangue attraverso il foro formato. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, questa condizione richiede cure mediche immediate..

La gravità della trombosi

I medici suddividono la trombosi delle emorroidi in 3 fasi, a seconda della gravità:

  1. Nella prima fase, il sangue venoso si accumula, formando coaguli di sangue. C'è una violazione della microcircolazione del sangue nei nodi. Come risultato della formazione di un trombo, il nodo diventa molto doloroso, tuttavia non sono state ancora osservate reazioni infiammatorie. Già in questo, nella fase iniziale della malattia, si consiglia di iniziare il trattamento, poiché, nonostante il dolore sia moderato, il paziente soffre di una sensazione di disagio, c'è una sensazione di bruciore e prurito nella regione anorettale.
  2. La fase 2 è caratterizzata dall'insorgenza del processo infiammatorio. I nodi aumentano di dimensioni, diventano fortemente dolorosi. A causa dell'infiammazione, è possibile un aumento della temperatura corporea. In questa fase, si possono osservare edema pronunciato e iperemia della pelle, nonché spasmo dello sfintere anale.
  3. L'ultimo, 3 ° grado di gravità della trombosi, significa che l'infiammazione si è diffusa ai tessuti circostanti e ha catturato l'intera area inguinale e il tessuto sottocutaneo. Questa fase è pericolosa perché può iniziare la necrosi delle emorroidi stesse.

Sintomi di emorroidi trombizzate

La trombosi delle emorroidi è sempre accompagnata da sintomi gravi. Le manifestazioni cliniche della malattia sono visibili ad occhio nudo.

Il primo sintomo della trombosi emorroidaria è il dolore, che si manifesta sempre all'improvviso. Ad esempio, durante il passaggio attraverso l'ano, le feci danneggiano le vene, si verifica uno spasmo dello sfintere anale, i nodi cadono e non possono essere riposizionati. L'intero processo è accompagnato da dolore acuto..

Lo sfintere pizzica i nodi, interrompendo la circolazione sanguigna, di conseguenza, si gonfiano e acquisiscono una tonalità rosso scuro. Va notato che il dolore è localizzato direttamente nella zona anale..

Inoltre, se il dolore con le emorroidi si verifica periodicamente, ad esempio durante i movimenti intestinali o uno sforzo fisico intenso, con la trombosi delle emorroidi, è permanente. Di conseguenza, ciò porta al fatto che il paziente non è in grado di andare in bagno. La costipazione risultante aggrava ulteriormente la situazione..

Sanguinamento dall'ano

Molto spesso si verifica a seguito di danni meccanici ai componenti interni o esterni. Questo rende le vene dure ed estremamente dolorose al tatto..

Il sanguinamento si osserva anche nella trombosi allo stadio 3. In questo caso segnala l'inizio della necrosi dei tessuti. La superficie dei nodi si copre di piccole ulcere e sanguina.

Ingrandimento del nodo in termini di dimensioni ed edema

Questo sintomo è caratteristico della trombosi esterna. Se in precedenza il nodo era quasi invisibile, quindi con la formazione di un coagulo di sangue, aumenta rapidamente e provoca forti dolori.

Questo fenomeno è accompagnato da edema dei tessuti della regione anorettale, che può successivamente catturare l'intera area inguinale, provocando gravi sofferenze nel paziente..

Possibili complicazioni

Le complicanze della trombosi emorroidaria sono principalmente la necrosi, parziale o completa, dei nodi trombizzati e infiammati. Molto spesso, la necrosi si verifica con la violazione dell'anello anale o il prolasso dei nodi sottomucosi con una base sulla parete del retto. A poco a poco, i nodi necrotizzanti vengono rifiutati e al loro posto compaiono piccole ulcere.

Questa condizione richiede un trattamento urgente, altrimenti la necrosi si espanderà e può causare paraproctite purulenta, una condizione che rappresenta una minaccia immediata per la vita umana.

Diagnostica della trombosi

In considerazione dei sintomi acuti e pronunciati, la trombosi emorroidaria viene diagnosticata abbastanza facilmente e rapidamente. A tale scopo vengono utilizzati tre tipi di ricerca: visiva, finger e strumentale.

All'ispezione visiva, puoi vedere i nodi esterni ingranditi che hanno un colore viola o bluastro, spesso ricoperti da una fioritura biancastra. Se il medico ha notato aree nere, questo indica necrosi delle emorroidi - necrosi dei tessuti. L'area intorno ai nodi trombizzati è gonfia e arrossata, si può osservare sanguinamento.

Con un esame digitale, il medico esamina la densità dei nodi. Di regola, i noduli trombizzati sono solidi al tatto e non collassano quando vengono premuti su di essi. Con la trombosi interna, il sangue rimane sul guanto dopo l'esame delle dita. Si osserva un aumento del tono dello sfintere.

Quando i nodi trombizzati cadono, un esame delle dita può essere eseguito solo con anestesia, poiché la procedura è dolorosa per il paziente e lo spasmo dello sfintere non consente al medico di esaminare completamente l'area interessata.

L'ultima fase della diagnosi è l'esame strumentale (rettoscopia). Viene eseguito utilizzando un rettoscopio (specchio rettale). La diagnostica strumentale offre al medico l'opportunità di differenziare la patologia.

Con la sindrome del dolore grave, la rettoscopia viene eseguita anche in anestesia locale.

Caratteristiche del trattamento

Quando la diagnosi è confermata, viene selezionato il regime terapeutico ottimale. Il criterio principale nella scelta di un regime di trattamento è lo stadio della malattia e la gravità della lesione..

In realtà, ci sono due metodi per trattare questa condizione: farmaci e chirurgici.

Trattamento farmacologico

Il trattamento farmacologico è indicato per la trombosi di stadio 1 e 2 e il suo obiettivo principale è il seguente:

  • rimuovere il processo infiammatorio;
  • eliminare il dolore e alleviare il gonfiore;
  • rilassare lo sfintere del retto;
  • sciogliere un coagulo di sangue e prevenire la formazione di un nuovo.

Per fare ciò, al paziente vengono prescritti agenti trombolitici che promuovono il riassorbimento del coagulo di sangue e aiutano ad alleviare il dolore. Con la trombosi esterna, vengono applicati unguenti all'ano: eparina, gepatrombina e gepatrombina G, Gepazolon, Ultraproct, Aurobin, Proktosedil, Troxevasin, levosina e Levomekol. Per uso interno vengono utilizzate candele che hanno un effetto simile, oltre a: Anestezol, Posterisan, Nigepan.

Il blocco alcol-novocaina aiuta bene: 70% di alcol 1 ml + 1% di novocaina 6 ml. Questa soluzione viene iniettata nel tessuto circostante. Il corso è di 3-4 iniezioni al giorno ogni 3-4 giorni. Il trattamento è combinato con unguenti e supposte.

Il trattamento locale è solitamente integrato con farmaci venotonici - farmaci che stimolano la circolazione sanguigna, aumentano il tono della parete venosa e alleviano il gonfiore nel nodo. Questi medicinali includono, ad esempio, Detralex, Aescin.

Chirurgia

Se il trattamento conservativo non porta l'effetto terapeutico atteso o la malattia è in 3 fasi, vengono utilizzati metodi chirurgici. In alcuni casi, come il sanguinamento grave, la chirurgia viene eseguita come emergenza.

Per la trombosi emorroidaria, vengono utilizzati i seguenti tipi di operazioni:

  1. Trombectomia: rimozione di un coagulo di sangue venoso (trombo). L'operazione viene eseguita in presenza di grandi nodi che impediscono al paziente di vivere pienamente e il trattamento conservativo non ha portato l'effetto atteso. La trombectomia viene eseguita in regime ambulatoriale in anestesia locale. Il nodo trombizzato viene aperto e il chirurgo rimuove il trombo. Dopo l'intervento, c'è un significativo sollievo delle condizioni del paziente..
  2. Resezione delle emorroidi esterne. Questa operazione consente di eliminare direttamente la causa della malattia - il nodo esterno, quindi è preferibile, poiché consente di evitare ricadute in futuro. L'operazione viene eseguita in anestesia locale e non necessita di ricovero.

Misure preventive

Come sapete, è meglio prevenire una malattia che curarla in seguito. La prevenzione della trombosi serve principalmente a prevenire lo sviluppo di emorroidi. Se una persona soffre di una forma cronica della malattia, dovrebbe prestare grande attenzione al suo stile di vita e alla sua dieta..

È importante normalizzare la funzione intestinale ed evitare disturbi delle feci, e per questo, l'uso di cibi affumicati, speziati e piccanti dovrebbe essere ridotto al minimo e anche non abusare di alcol, poiché possono provocare un'esacerbazione delle emorroidi. E, naturalmente, non dimenticare l'attività fisica regolare e moderata..

Come trattare la trombosi emorroidaria esterna?

Una delle complicanze più comuni delle emorroidi è la trombosi delle emorroidi esterne. E se nelle fasi iniziali le emorroidi sono facilmente curabili, nei casi avanzati, con lo sviluppo della trombosi, è necessario un approccio serio e competente al trattamento. L'assistenza professionale in questi casi è fornita da un proctologo.

La trombosi, o le cosiddette emorroidi acute, si sviluppa in circa il 10% della popolazione adulta. Allo stesso tempo, si forma un trombo nel nodo emorroidario esterno, la malattia progredisce, dando al paziente molti inconvenienti e dolore costante..

Fasi della trombosi

Primo grado. Le emorroidi sono piccole, hanno una consistenza elastica stretta. I dolori sono costanti e moderati, accompagnati da prurito, bruciore e fastidio. I sintomi peggiorano con errori dietetici (alcol, cibi piccanti, grassi) o con una seduta prolungata.

Secondo grado. C'è un edema iperemico piuttosto pronunciato nella zona anale, spasmo dello sfintere e forte dolore durante l'esame digitale rettale.

Terzo grado. L'intera circonferenza dell'ano è iperemica ed edematosa. All'esame visivo si osservano emorroidi viola-cianotiche che sporgono dall'ano. I nodi densi e schiacciati non possono essere regolati nell'ano. Se non trattate, possono sanguinare abbondantemente. L'esame rettale in questo caso è impossibile a causa di dolori acuti e forte spasmo dello sfintere.

Cause e fattori provocatori che portano allo sviluppo della trombosi emorroidaria

I proctologi esperti considerano la ragione principale di questa condizione come una disfunzione dei vasi del retto. Con l'aumento del flusso di sangue arterioso nell'intestino e l'ostruzione del deflusso venoso, le vene si espandono. Le vene sovraffollate e dilatate formano nodi nel tempo. Con un'esacerbazione della malattia, questi nodi possono cadere dall'ano e dal trombo.

Inoltre, i seguenti fattori provocatori contribuiscono allo sviluppo di complicanze delle emorroidi:

  • Lavoro a lungo termine in posizione seduta e uno stile di vita in cui la persona si muove poco. In questo caso, la circolazione sanguigna nell'area pelvica è disturbata, il sangue ristagna, causando lo sviluppo di insufficienza venosa.
  • Attività fisica a lungo termine. Il lavoro fisico pesante e prolungato o il lavoro costante in posizione "eretta" porta alla congestione, le pareti dei vasi sanguigni perdono elasticità, il che contribuisce al verificarsi di emorroidi.
  • Disturbi del tratto digerente. Con la stitichezza, le feci si induriscono, questo impedisce il normale deflusso di sangue attraverso le vene. Inoltre, i pazienti con stitichezza cronica sono costretti a spingere forte, il che equivale a sollevare pesi. Con la diarrea, l'ano e il retto sono influenzati negativamente, sono molto irritati e infiammati..
  • Errori nella dieta e abuso di tabacco e alcol. Sotto l'influenza dell'alcol, i vasi sanguigni si espandono, il sangue si accumula e ristagna in essi. I cibi piccanti, salati e grassi irritano la mucosa intestinale.
  • Tumori e processi infiammatori nella zona pelvica. Le formazioni tumorali contribuiscono al flusso di sangue, il cui deflusso le vene non possono far fronte, si verifica una congestione. I processi infiammatori portano allo spasmo dello sfintere, a seguito del quale le vene vengono compresse e ferite.
  • Gravidanza e parto. Durante la gravidanza, l'utero cresce e stringe i vasi che vanno al retto e gli sforzi durante il parto contribuiscono allo stiramento delle pareti intestinali e allo sviluppo della malattia.

Sintomi e manifestazioni di trombosi

La trombosi esterna delle emorroidi è accompagnata da un forte dolore costante nell'ano. Può verificarsi all'improvviso e, a differenza del dolore che si manifesta con una ragade anale, non è associato all'atto di defecazione. Il dolore può peggiorare dopo un movimento intestinale per la stitichezza.

Qualsiasi tensione che provoca il flusso di sangue all'area pelvica può causare la rottura del vaso e la trombosi. In questo caso, il trombo formato dall'interno preme sulle pareti del vaso, agendo sulle terminazioni nervose e provocando un dolore insopportabile quando si cammina e si è seduti. A questo proposito, i medici notano l'apparizione nel paziente di una sorta di "andatura anatra".

Insieme alla sindrome del dolore, si osserva gonfiore doloroso nell'ano. Ci possono essere bruciore e prurito nella regione anale, sensazione di corpo estraneo, sanguinamento. La forza delle sensazioni dolorose non è correlata alle dimensioni delle emorroidi e anche con una leggera trombosi, può essere pronunciata.

Diagnosi della malattia

La diagnosi di trombosi esterna è abbastanza semplice e viene effettuata sulla base di un semplice esame visivo della regione perianale. Dall'anamnesi, il medico può scoprire i dettagli sullo sviluppo delle emorroidi e le sue esacerbazioni. L'esame rivela un edema grave che può mascherare la trombosi. Allo stesso tempo, differisce dai nodi a discesa. Occasionalmente, in caso di trombosi postpartum, potrebbe esserci un gonfiore esteso intorno al canale anale. L'esame del dito e la proctoscopia non vengono utilizzati in questi casi a causa del forte dolore. Di solito l'esito della trombosi delle emorroidi esterne è abbastanza favorevole. Un nodo trombizzato può necrotizzare o un trombo si manifesta da solo. In questo caso, inizia il sanguinamento, ma le condizioni del paziente sono caratterizzate da un rapido sollievo. Il dolore si ferma, il gonfiore gradualmente scompare e si attenua.

La trombosi esterna prolungata può lasciare tracce sulla pelle sotto forma di frange emorroidali, che si formano a causa dello stiramento della pelle nella zona anale. In futuro, possono causare prurito e interferire con le procedure igieniche, quindi è meglio rimuoverli in anestesia locale..

[vc_icon color = "custom" size = "md" link = " external = "0 ″ icon_fontawesome =" fa fa-user-md "custom_color =" # 34b5b1 ″]

Trattamento della trombosi

In caso di trombosi esterna delle emorroidi, il trattamento deve essere iniziato il prima possibile. Questa può essere una terapia conservativa o un intervento chirurgico..

In caso di trombosi acuta è richiesto il ricovero in un reparto di proctologia specializzato. I tentativi indipendenti di correggere il nodo trombizzato sono inaccettabili. Questo può danneggiare la mucosa, causare sanguinamento e complicazioni pericolose per la vita..

Al paziente viene prescritto riposo a letto, semicupi caldi in cui viene sciolto il permanganato di potassio, lozioni fredde con acetato di piombo ogni mezz'ora. Prescrivere l'assunzione di anticoagulanti e una dieta a base di latte, l'olio di vaselina viene assunto internamente (un cucchiaio tre volte al giorno).

Possono essere prescritti farmaci flebotropici sicuri ed efficaci come Detralex. Rafforzano i vasi sanguigni e alleviano l'infiammazione. Inoltre, gli unguenti multicomponenti (eparina, troxevasin, epatrombina G) hanno un buon effetto locale. Le supposte con trombosi del nodo esterno non aiutano.

Il trattamento conservativo viene utilizzato principalmente per piccole trombosi non troppo dolorose. Dopo aver interrotto la fase acuta del processo infiammatorio, è possibile l'intervento chirurgico. Il metodo più veloce ed efficace di intervento chirurgico per la trombosi dei nodi esterni è la trombectomia.

Operazione di trombectomia del nodo emorroidario esterno

La procedura viene eseguita in anestesia locale. Durante l'operazione, le emorroidi vengono aperte e il coagulo di sangue viene rimosso. Viene eseguita un'incisione chirurgica lunga fino a 0,5 cm e vengono rimossi i coaguli trombizzati. Il nodo si attenua immediatamente e il dolore si ferma, l'operazione è di breve durata, bastano pochi minuti.

Dopo questa procedura, il paziente riceve le raccomandazioni necessarie e torna a casa lo stesso giorno. Nella sede del coagulo di sangue rimane una piccola ferita, che guarisce in pochi giorni. Spesso i chirurghi suggeriscono di rimuovere completamente il nodo trombizzato. Questa opzione è preferibile, in quanto esclude ulteriori ricadute della malattia e la formazione di frange emorroidali.

In alcuni casi, quando si verifica un'esacerbazione sullo sfondo di emorroidi avanzate, viene eseguita un'operazione radicale per motivi urgenti. Dopo un tale intervento chirurgico, il paziente è completamente guarito dalle manifestazioni di trombosi dei nodi..

Attualmente, per il trattamento della trombosi dei nodi esterni, hanno iniziato a essere utilizzati metodi moderni e minimamente invasivi come il trattamento laser, la legatura dei nodi, la coagulazione a infrarossi e la scleroterapia. Diamo uno sguardo più da vicino a questi metodi..

La trombectomia laser è indicata per la rimozione di grandi nodi esterni. L'operazione viene eseguita in anestesia locale e dura circa un'ora. Il laser agisce in modo incruento ed efficace, il dolore scompare subito dopo l'intervento, l'ano non si deforma e mantiene il suo aspetto naturale. Immediatamente dopo la rimozione dei coaguli di sangue, il paziente può tornare alla vita normale.

Legatura delle emorroidi esterne. L'essenza del metodo consiste nel bloccare le emorroidi utilizzando anelli in lattice e viene eseguita in pazienti con emorroidi in stadio 2-3. Durante l'operazione, il chirurgo utilizza un dispositivo speciale: un anoscopio, con il quale trova l'accesso ai nodi. Quindi gli anelli di lattice vengono applicati con un legatore, che pizzica il nodo, privandolo della nutrizione. Nel tempo, muore e scompare se stesso durante i movimenti intestinali..

Coagulazione a infrarossi. Viene utilizzato un apparecchio speciale: un coagulatore, che agisce con un potente raggio di raggi infrarossi. L'energia termica brucia la mucosa vicino al nodo, formando una piccola cicatrice. Questa cicatrice impedirà al sangue di fluire nelle emorroidi e presto si esaurirà e scomparirà..

Scleroterapia dei nodi

Le sessioni di scleroterapia si riducono al fatto che il paziente viene iniettato con una siringa nell'area in cui le emorroidi vengono attivamente rifornite di sangue. Pertanto, l'afflusso di sangue al nodo viene interrotto, nel tempo diminuisce significativamente di dimensioni e diventa sclerosato, l'infiammazione e l'edema scompaiono, l'emorragia si ferma.

[vc_icon color = "custom" size = "md" link = " external = "0 ″ icon_fontawesome =" fa fa-leaf "custom_color =" # 34b5b1 ″]

Trattamento della trombosi delle emorroidi esterne a casa

Ci sono molti rimedi popolari usati nel trattamento delle emorroidi acute. Ma vale la pena ricordare che tutti loro non sono abbastanza efficaci per le complicanze e possono essere utilizzati solo nella fase iniziale della malattia. Con lo sviluppo della trombosi, non si può fare affidamento solo su erbe e lozioni; qui sono necessari metodi di trattamento più radicali. Pertanto, con esacerbazioni di emorroidi, è meglio cercare urgentemente un aiuto medico..

In casi non complicati, puoi usare i seguenti rimedi popolari:

Brodo di betulla. Per la preparazione del brodo 100 gr. le foglie di betulla vengono versate con 2 litri di acqua bollente e insistono. Il brodo pronto viene utilizzato per fare semicupi.

Trattamento con le sanguisughe. Le sanguisughe della farmacia vengono acquistate per il trattamento. Viene piantata una sanguisuga per ogni nodulo di emorroidi. Succhia il sangue, poi cade da solo e il nodo infiammato diminuisce e si asciuga.

Catrame di betulla. È considerato un trattamento molto efficace per l'infiammazione. I coni esterni sono lubrificati con catrame di betulla o inseriti nell'ano con un tampone.

Erba dei reni. L'erba viene prodotta come il tè e bevuta tre volte al giorno. Questo tè aiuta a ridurre i sintomi dell'infiammazione e ad alleviare il prurito..

Per ammorbidire le feci ed eliminare la stitichezza, la medicina tradizionale consiglia di utilizzare barbabietole, carote, meloni, uva, crauti sottaceto, zucca cruda. Come lassativo e antidolorifico, si consiglia di prendere un decotto di uva spina o un infuso di semi di aneto. Come agenti antinfiammatori e astringenti, i decotti di mela cotogna, fiori di melograno, foglie di fragola o mora aiutano bene.

Tutti questi fondi possono essere utilizzati in combinazione con i farmaci, dopo aver consultato il medico. Con manifestazioni di emorroidi acute, è ancora meglio non auto-medicare, ma il prima possibile cercare l'aiuto di un proctologo. Lo specialista selezionerà il metodo di trattamento appropriato e aiuterà a far fronte alla malattia.

Perché è importante identificare i sintomi della trombosi del nodo emorroidario esterno e iniziare immediatamente il trattamento

Le emorroidi sono una malattia caratterizzata dall'espansione dei vasi venosi del retto, con conseguente formazione di tre emorroidi interne principali sulle pareti del canale anale..

La trombosi del nodo esterno è una forma aggravata di emorroidi croniche. Nasce dal fatto che il paziente non è andato in ospedale in tempo per chiedere aiuto, poiché è abbastanza facile curare le emorroidi in una fase precoce.

Cause della malattia

La trombosi si verifica a causa della formazione di coaguli di sangue nell'area del plesso emorroidario esterno.

Di norma, le ragioni del suo aspetto sono i seguenti fattori:

  1. Tendendo durante i movimenti intestinali - si forma edema di emorroidi prolassate, che è aggravato dallo spasmo dello sfintere rettale. In questo caso, c'è ristagno di sangue nel plesso inferiore del retto..
  2. Diarrea: si verificano irritazione e infiammazione dell'ano.
  3. Ipotermia.
  4. Abuso di bevande alcoliche o cibi piccanti - il primo contribuisce all'espansione dei vasi del tratto gastrointestinale, da cui si verifica un accumulo e ristagno di sangue; il secondo fattore provoca irritazione delle mucose.
  5. Gravidanza o parto: durante il trasporto di un feto, il retto viene bloccato dall'utero in crescita e spingere durante il parto aumenta la pressione intra-addominale.
  6. Sollevamento pesi, lavoro in piedi: la ritenzione di sangue si verifica nelle vene, le pareti dei vasi perdono elasticità e compaiono i sintomi della malattia.
  7. Lavoro sedentario: a causa del ristagno di sangue nella piccola pelvi, si sviluppa un'insufficienza venosa, la temperatura tra il corpo e il sedile aumenta e viene creato un impacco di calore.
  8. Sovraccarico durante l'attività sportiva (sollevamento pesi, ciclismo, equitazione).
  9. Eredità: se le pareti dei vasi del retto sono indebolite.

Sintomi e segni di patologia

I sintomi più caratteristici della trombosi delle emorroidi esterne includono quanto segue:

  • Nelle prime fasi, si avverte prurito e bruciore dell'ano, può apparire una secrezione da esso.
  • A volte il sanguinamento si verifica durante lo svuotamento, dapprima scarso e raro, quindi più regolare.
  • Nel tempo, appare un dolore acuto improvviso nella zona anale, non associato al processo di defecazione. Potrebbe peggiorare dopo la diarrea o la stitichezza.
  • C'è una perdita di nodi che non possono essere riposizionati. Nel tempo, si ingrandiscono, si gonfiano e diventano rosso scuro..
  • Quando si forma un coagulo di sangue nel nodo, si verifica il gonfiore della pelle nell'ano, che nel tempo può coprire l'intera area inguinale, causando un forte dolore.
  • Anche a riposo con trombosi, il dolore non si ferma, si verifica la stitichezza.
  • Nella terza fase, l'infiammazione prende il sopravvento su un territorio crescente, la pelle fa male con un tocco normale, per non parlare dell'uso di un esame digitale del retto. La necrosi può iniziare sui nodi, il loro colore diventa viola. In caso di ritardo nel trattamento, progredirà il processo di estinzione della pelle, che può causare paraproctite purulenta.

Classificazione delle forme della malattia

La trombosi esterna delle emorroidi può essere classificata secondo i seguenti criteri:

- per gravità:

  1. Il primo grado si distingue per le piccole dimensioni dei nodi, che rispondono con dolore al tatto, sensazione di prurito e bruciore nell'ano. I sintomi sono particolarmente evidenti quando si beve alcolici, si marinate o si rimane seduti a lungo..
  2. Secondo grado: il gonfiore della maggior parte della regione perianale è evidente, si verifica iperemia, spasmo dello sfintere e durante l'esame dell'ano appare un dolore acuto.
  3. Terzo grado: l'edema cattura l'intera circonferenza dell'ano, sono visibili emorroidi interne viola che sporgono dall'ano. Reagiscono al tatto con dolore acuto e intenso. Può verificarsi necrosi, aumento della temperatura corporea e il processo di defecazione è accompagnato da un forte dolore. Può svilupparsi paraproctite e sepsi (avvelenamento del sangue).

- per tipo si distinguono:

  • trombosi interna: l'edema colpisce le emorroidi interne;
  • esterno - danno al plesso esterno;
  • combinato - c'è gonfiore dei nodi interni ed esterni.

Diagnosi della malattia

Per diagnosticare una trombosi esterna del nodo emorroidario, il proctologo ha bisogno di:

  • conduci un sondaggio: da esso il medico scoprirà se hai avuto precedenti attacchi di emorroidi;
  • fare un esame della zona interessata;
  • se possibile, palpare, ma spesso questo non è possibile a causa del dolore acuto;
  • - prescrivere la rettoscopia: un esame strumentale del retto, che aiuterà a determinare con precisione la presenza di trombosi. Viene eseguito con l'uso di un anestetico;
  • - scriverà un rinvio per un esame del sangue per determinare l'anemia;
  • - prescriverà un test di coagulazione del sangue.

Procedure di guarigione

Se viene rilevata una trombosi del plesso emorroidario, si consiglia al paziente di eliminare l'attività fisica per un po ', aderire a una dieta speciale e rimuovere cibi piccanti e alcol dalla sua dieta.

In generale, ci sono tre tipi di trattamento per la trombosi emorroidaria esterna:

Quali sono i gravi problemi della trombosi emorroidaria e cosa fare?


Le emorroidi nelle prime fasi nella maggior parte dei casi sono curabili senza troppe difficoltà. Tuttavia, molte persone che hanno già le emorroidi, mentre le loro condizioni generali non ne risentono, tendono a trascurare l'assistenza medica. Di conseguenza, si sviluppano complicazioni della malattia, rallentandone il trattamento. La trombosi emorroidaria, soprattutto se questo nodo è esterno, è una delle complicanze più comuni delle emorroidi. Il suo trattamento deve essere iniziato immediatamente, altrimenti può causare complicazioni ancora più formidabili, come embolia polmonare o accidente cerebrovascolare.

Classificazione della trombosi emorroidaria

La trombosi acuta, che può anche essere causata da normale stitichezza o sollevamento di carichi pesanti, si manifesterà immediatamente come un forte dolore e il resto dei sintomi non tarderà ad arrivare. A seconda della gravità delle manifestazioni cliniche, questa patologia è divisa in tre gradi di gravità, ognuno dei quali ha le proprie caratteristiche di tattiche di trattamento.

1 ° grado

C'è un accumulo di sangue venoso nei nodi e la formazione di coaguli di sangue in essi - trombi. I sintomi sono moderati. I nodi diventano più dolorosi del solito. La pelle nella regione perianale diventa rossa a causa di disturbi del microcircolo. La trombosi emorroidaria esterna è anche caratterizzata dal fatto che il nodo esterno è ricoperto da depositi di fibrina, che hanno un aspetto biancastro.

2 ° grado

Se il trattamento non viene avviato immediatamente, la trombosi può causare un processo infiammatorio acuto nell'area dei nodi esterni o interni. In questo caso, diventano ancora più dolorosi, la temperatura corporea aumenta. La dimensione delle emorroidi trombizzate aumenta, l'area dell'iperemia cutanea si espande e compare l'edema dei tessuti molli. Inoltre, lo sfintere anale è spesso spasmodico, il che può provocare una violazione delle emorroidi esterne.

Livello 3

I sintomi diventano ancora più pronunciati e un processo infiammatorio acuto dalle emorroidi si diffonde ai tessuti vicini, catturando il tessuto sottocutaneo e la regione perineale. L'edema aumenta e l'iperemia della pelle aumenta. Può anche svilupparsi la necrosi delle emorroidi, specialmente se è esterna e violata.

Sintomi di trombosi

La trombosi asintomatica non procede mai. Oltre alle manifestazioni che accompagnano le emorroidi non complicate, un processo acuto in questa condizione si manifesta con sintomi caratteristici, che sono immediatamente evidenti anche ad occhio nudo..


I primi sintomi compaiono all'improvviso, all'improvviso. Ad esempio, quando si sforzano durante un movimento intestinale, un paziente con emorroidi ha un dolore molto forte nell'ano e i nodi che cadono a causa dello spasmo dello sfintere anale non possono essere riposizionati. Lo sfintere comprime il nodo esterno trombizzato, interrompendo la circolazione sanguigna in esso, aumenta di dimensioni e si gonfia, diventa denso, mentre acquisisce una tinta rosso scuro.
Al terzo stadio, a causa della necrosi, che complica ulteriormente la trombosi, la superficie delle emorroidi sanguina. Il colore della sua superficie, come si vede nella foto, cambia in cremisi. Se il trattamento non viene avviato con urgenza, la necrosi delle emorroidi si espanderà e potrebbe persino causare paraproctite purulenta.

Trattamento conservativo della trombosi emorroidaria

La complessa terapia conservativa di questa condizione, che complica le emorroidi, consiste in un trattamento generale e locale. Se le misure necessarie vengono prese in modo tempestivo, è possibile interrompere l'esacerbazione dell'infiammazione emorroidaria ed eliminare la trombosi acuta del nodo esterno entro pochi giorni. In altri casi, il trattamento può richiedere molto tempo e le emorroidi esterne trombizzate peggioreranno ancora e ancora..
È anche necessario eliminare questa complicanza il prima possibile perché la trombosi acuta non consente l'uso di molti metodi non chirurgici di terapia conservativa, con cui è possibile trattare con successo le emorroidi.
Se la trombosi è complicata dall'infiammazione, sono efficaci i farmaci combinati contenenti componenti analgesici, trombolitici e antinfiammatori. Con la posizione interna del nodo, tali farmaci sono più convenienti da usare sotto forma di supposta e quando il nodo esterno è trombizzato, le forme di unguento o gel sono più adatte. Questi farmaci contengono eparina e allantoina, che legano i fattori della coagulazione plasmatica, determinando un effetto inibitorio sulla coagulazione e provocando un effetto trombolitico. Inoltre contengono pantenolo, che stimola il metabolismo dei tessuti, migliorando così i processi di granulazione ed epitelizzazione. E a causa del polidocanolo, viene fornito un effetto analgesico.

Sono efficaci anche gli unguenti idrosolubili con potenti effetti antinfiammatori e antibatterici, che contengono cloramfenicolo, metiluracile, sulfadimetossina e la componente analgesica trimecaina. Sono particolarmente desiderabili nei casi in cui le emorroidi sono accompagnate da una ragade anale..
Per alleviare il dolore, di solito vengono prescritti analgesici non narcotici generali e farmaci antinfiammatori non steroidei, come diclofenac, ibuprofene e indometacina. La trombosi acuta del nodo esterno è spesso accompagnata dalla sua violazione, che porta ad un aumento della sindrome del dolore già pronunciata. Pertanto, per il sollievo dal dolore, è indicato l'uso sia di analgesici generali che di agenti ad azione locale..
Inoltre, il trattamento locale nei casi in cui si osserva una trombosi acuta del nodo esterno, comporta l'uso di gel e unguenti che hanno un effetto venotonico, grazie al quale la dimensione del nodo diminuisce e la circolazione del sangue venoso è normalizzata. La trombosi comporta quasi sempre la nomina di farmaci che tonificano e rafforzano la parete vascolare.
Un nodo trombizzato richiede l'uso di anticoagulanti, preferibilmente un'azione locale. Tali farmaci sono unguenti con eparina e troxerutina, che sono anche usati per trattare le emorroidi non complicate, poiché il loro trattamento migliora la circolazione sanguigna locale..
Oltre ai medicinali, le erbe medicinali vengono utilizzate anche sotto forma di decotti per semicupi o impacchi di uso locale.

Conclusione

Va notato che il trattamento conservativo complesso per la trombosi provoca solo un sollievo temporaneo del processo infiammatorio e la normalizzazione del funzionamento degli shunt artero-venosi nella regione rettale. Può essere considerata una misura palliativa che ha un effetto positivo solo per un po '. Tuttavia, tale trattamento può migliorare significativamente la qualità della vita del paziente e, in alcuni casi, può posticipare l'intervento chirurgico o addirittura rifiutarlo..

Trombectomia emorroidaria

Una delle complicazioni più spiacevoli, dolorose e dolorose delle emorroidi è la trombosi dei nodi esterni. Nella maggior parte dei casi, la chirurgia, chiamata trombectomia, è l'unica soluzione. Consideriamo in dettaglio come si presentano le emorroidi trombizzate, cosa costituisce un'operazione per rimuovere i coaguli di sangue e quali sono la prognosi postoperatoria per i pazienti.

Come si verifica la trombosi dei nodi esterni??

La trombosi delle emorroidi si verifica, di regola, con le emorroidi del 3 ° o 4 ° grado di gravità, quando i nodi infiammati iniziano a cadere dall'ano. Nei casi avanzati, la perdita dei nodi può verificarsi in qualsiasi momento, con il minimo sforzo fisico. Lo sviluppo della trombosi inizia con il pizzicamento del nodo prolasso da parte dei muscoli dello sfintere. In questo caso, i muscoli dello sfintere si contraggono involontariamente e fortemente e bloccano il vaso sanguigno che alimenta il nodo caduto.

Come risultato del flusso sanguigno alterato all'interno del nodo, si forma un coagulo di sangue venoso (trombo). Il paziente in questo momento avverte un dolore acuto e insopportabile. Lo spasmo dello sfintere non permette ai coaguli di sangue di dissolversi, c'è un forte processo infiammatorio ed edema che si diffonde a tutta la regione perianale.

Il pericolo di trombosi delle emorroidi esterne è che, se non trattata, può causare danni ai tessuti necrotici e avvelenamento del sangue. E questa è già una minaccia diretta per la vita del paziente, che richiede un ricovero urgente..

Quali sono i sintomi della trombosi del nodo?

  • Dolore acuto e insopportabile nell'ano. Il paziente non riesce a sedersi e ha difficoltà a camminare
  • Oscurando il nodo caduto, acquista un colore dal viola scuro al nero.
  • Rossore e gonfiore della zona anale
  • La comparsa di secrezione mucosa dal canale anale con un odore sgradevole
  • Forte dolore quando si cerca di svuotare l'intestino. L'atto di defecazione diventa impossibile, il passaggio del gas dall'intestino è molto difficile
  • Con lo sviluppo del processo infiammatorio, i sintomi di intossicazione del corpo aumentano (temperatura, brividi, forte dolore)

Se, quando si verificano tali sintomi, il trattamento non viene avviato in tempo, la probabilità di complicanze purulente e necrosi dei tessuti aumenta in modo significativo..

Indicazioni per la trombectomia

Le emorroidi trombizzate spengono letteralmente il paziente dalla sua vita abituale, portandogli una sofferenza fisica atroce. Pertanto, in una tale situazione, il paziente necessita di cure mediche di emergenza. Esistono due modi per risolvere il problema:

  1. medicinale,
  2. chirurgico.

L'obiettivo principale della terapia farmacologica è alleviare il dolore e alleviare i sintomi dell'infiammazione. Ma spesso il trattamento è inefficace, inoltre, ci vuole molto tempo. A volte il corso della terapia dura fino a quattro settimane.

Se i dolori che tormentano il paziente diventano insopportabili, la migliore e radicale via d'uscita da questa situazione sarà l'operazione di trombectomia delle emorroidi.

Inoltre, molti pazienti in questa situazione insistono sul trattamento chirurgico, non volendo o non potendo sottoporsi a un lungo ciclo di terapia farmacologica. Pertanto, le indicazioni per l'intervento chirurgico sono:

  • Sintomi di emorroidi acute, accompagnati dalla comparsa di un nodo trombizzato
  • Dolore grave e intollerabile che non può essere alleviato dagli analgesici
  • Inefficacia della terapia farmacologica in corso
  • Il desiderio del paziente di ottenere un risultato efficace e rapido dal trattamento e di alleviare la condizione
  • L'incapacità o riluttanza del paziente a effettuare una terapia farmacologica a lungo termine

Preparazione per la chirurgia

Come con qualsiasi manipolazione proctologica, è necessaria la pulizia dell'intestino. Ma in questa situazione, la preparazione è complicata da forti sensazioni dolorose, accompagnate da edema e infiammazione dei tessuti. Pertanto, in ogni caso specifico, il proctologo decide questo problema su base individuale..

Il colon viene solitamente pulito in due modi: con lassativi o clisteri purificanti. Si consiglia di mettere i clisteri tre o quattro ore prima dell'inizio dell'operazione. Di solito sono sufficienti due clisteri, che vengono somministrati a un intervallo di 45 minuti..

Come viene eseguita la trombectomia delle emorroidi??

L'essenza dell'operazione è rimuovere i coaguli di sangue venoso - trombi dal nodo. L'operazione è semplice, eseguita in regime ambulatoriale, in anestesia locale. Non necessita di strumentazione chirurgica complessa, la tecnica dell'intervento è semplice..

  • Nella prima fase vengono somministrati antidolorifici al paziente.
  • Quindi il chirurgo esegue una piccola incisione sul nodo trombizzato, non superiore a 0,5 cm
  • Un coagulo di sangue venoso viene rimosso attraverso un'incisione. Per rendere il processo senza complicazioni, i medici iniettano una soluzione salina nella ferita, che ammorbidisce il trombo e consente di rimuoverlo completamente dal vaso.
  • Quindi il chirurgo ripristina l'integrità della nave e sutura la ferita

L'operazione richiede solo pochi minuti, dopo il suo completamento il paziente può tornare a casa in 15 minuti. La capacità del paziente di lavorare rimane, può condurre una vita normale. Pertanto, la trombectomia è considerata una delle procedure chirurgiche meno traumatiche..

Il sollievo dalle condizioni del paziente si verifica quasi immediatamente. I suoi dolori insopportabili scompaiono, l'edema si attenua e presto i fenomeni infiammatori scompaiono completamente. La guarigione completa della ferita postoperatoria avviene in tre o quattro giorni. Entro una settimana, si raccomanda al paziente di curare accuratamente la zona anale dopo il movimento intestinale e l'applicazione di una medicazione sterile asciutta sulla ferita postoperatoria.

Dopo l'operazione

La tromboectomia, a differenza di altri tipi di intervento chirurgico, si distingue per la semplicità della tecnica di esecuzione, che esclude il verificarsi di gravi complicanze.

In rari casi, a causa della scarsa igiene, possono verificarsi complicazioni infettive o sanguinamento. A volte la ferita stessa nei primi giorni dopo l'intervento può provocare spasmi e dolore nella zona anale. In questo caso, al paziente vengono prescritti farmaci antidolorifici..

Controindicazioni

L'operazione di trombectomia è un metodo di trattamento minimamente invasivo, quindi non ci sono praticamente controindicazioni per la procedura..

Misure preventive

Va notato che la trombectomia delle emorroidi non è una misura radicale per eliminare la malattia e non consente di sbarazzarsi per sempre delle emorroidi. L'operazione è progettata per alleviare le condizioni del paziente durante un periodo di gravi complicazioni. La rimozione di un coagulo di sangue non elimina le cause dello sviluppo delle emorroidi, quindi sono possibili ricadute della malattia in futuro. E se la trombosi non si verifica mai nel luogo in cui è stata eseguita l'operazione, i nodi trombizzati possono successivamente comparire in un'altra parte della regione perianale..

Per evitare ciò, il paziente deve escludere dalla sua vita fattori sfavorevoli che possono portare allo sviluppo di emorroidi. Devono essere prese misure per prevenire la malattia:

  1. condurre uno stile di vita attivo e sano,
  2. mangiare correttamente,
  3. seguire rigorosamente le raccomandazioni del medico curante.
  4. Il paziente ha bisogno di riconsiderare completamente le sue abitudini, rinunciare all'alcol e al fumo e aderire a una dieta speciale..

Si basa sull'utilizzo di alimenti ricchi di vitamine e fibre (verdura, frutta), prodotti a base di acido lattico, cereali, carne magra, passati di minestre. Non è consigliabile includere cibi in scatola, in salamoia, affumicati, piccanti, legumi, pane di segale, bevande gassate nella dieta. È meglio rifiutare fast food, cibi fritti. È preferibile cucinare piatti al vapore, in umido o bolliti.

Il paziente deve condurre uno stile di vita attivo, muoversi di più, camminare, non trascurare l'attività fisica praticabile. Tutte queste misure prevengono l'ulteriore sviluppo della malattia e il verificarsi di ripetute esacerbazioni di emorroidi. Dovresti prestare attenzione alla tua salute e, se compaiono sintomi allarmanti, consultare immediatamente un medico.

Prezzi medi per trombectomia di una emorroidi nelle cliniche private

Mosca - da 5000 rubli.

San Pietroburgo - da 3000 rubli.

Kazan - da 3.500 rubli.

Recensioni per la chirurgia della trombectomia emorroidaria

Rivedi il numero 1

Recentemente ha avuto una trombectomia. Prima di allora, soffriva di emorroidi per molti anni. Di recente, si è intensificato più spesso. Il nodo infiammato ha iniziato a cadere. In un momento tutt'altro che perfetto, dopo aver lavorato in giardino, mi sono contorto. Apparve un dolore acuto e insopportabile. Non potevo sedermi, andare in bagno, riuscivo a malapena a muovermi. Nessun analgesico ha aiutato. Ho sofferto per due giorni, non mi piace andare dal dottore e il terzo giorno, anche senza la persuasione di mia moglie, sono andato io stesso a vedere un proctologo. I dolori erano infernali, accetterei qualsiasi cosa.

Dopo l'esame, il medico ha suggerito una trombectomia. Tutto è stato fatto bene in clinica, non è andato in ospedale. Mi hanno iniettato un anestetico e mi hanno messo sul tavolo operatorio. Non ho sentito nulla, letteralmente in tre minuti il ​​chirurgo ha terminato le manipolazioni. Ha spiegato di aver rimosso il coagulo di sangue formatosi nel nodo ed eliminato la causa del dolore.

In 20 minuti sono già tornato a casa. Dopo che l'iniezione di anestetico iniziò a ritirarsi, apparve un leggero dolore tirante, ma non poteva essere paragonato al terribile dolore che ho sopportato. La sera mi sono dimenticato di lei, sono stato in grado di sedermi di nuovo normalmente e tornare alla vita normale. Ora seguo le raccomandazioni del medico e se compaiono di nuovo alcuni sintomi spiacevoli, non tarderò, ma vado immediatamente all'appuntamento del proctologo.

Konstantin, 46 anni - Mosca

Rivedi il numero 2

Recentemente ho avuto una grave complicanza delle emorroidi - trombosi del nodo. Ho le emorroidi da molto tempo, periodicamente durante le esacerbazioni, sono state trattate con candele e unguenti. Il nodo emorroide era grande, recentemente ha iniziato a cadere spesso dall'intestino e ha dovuto essere aggiustato. Un forte dolore è iniziato improvvisamente dopo aver portato a casa una pesante borsa della spesa.

Ho provato a prendere un forte antidolorifico - non ha aiutato. Era molto doloroso camminare, non potevo sedermi, stavo solo appoggiato a una sedia. Nell'area dell'ano, tutto si è infiammato, sono comparsi arrossamenti e gonfiori e il nodo che è caduto è diventato rosso cremisi.

Alla reception, il proctologo ha detto che avevo una trombosi. E ha offerto due opzioni: trattamento farmacologico a lungo termine o intervento chirurgico di trombectomia. Ha accettato un intervento per sbarazzarsi rapidamente di un dolore insopportabile. L'operazione è stata rapida, in anestesia locale.

Il medico ha praticato un'incisione e rimosso un coagulo di sangue dal nodo. Mi sono sentito subito sollevato dopo la procedura. I dolori sono passati, sono tornato a casa da solo, la ferita operatoria quasi non mi ha fatto male. Cinque giorni dopo si è trascinata completamente, ora va tutto bene, niente dà fastidio. Non ci sono state complicazioni, devi solo seguire le raccomandazioni del medico, eseguire attentamente l'igiene personale, applicare sulla ferita e indossare una benda asciutta nei primi giorni.


Articolo Successivo
Leucociti elevati nel sangue