Vena porta del fegato


La vena porta (portale) del fegato è normale e anormale. Malattie comuni. Metodi per rilevare patologie e metodi del loro trattamento.

  1. Appuntamento per la vena porta
  2. Disfunzione della vena porta
  3. Trombosi
  4. Cavernome
  5. Ipertensione portale
  6. Vena porta Qatar
  7. Metodi per rilevare e investigare patologie del sistema venoso portale
  8. Trattamento e prevenzione delle malattie del sistema venoso portale

Il nome di questa vena deriva dalla parola "cancello". Combina il sangue dal tubo digerente e lo consegna al fegato. Lì il sangue viene purificato e restituito al flusso sanguigno..

Appuntamento per la vena porta

La vena porta, insieme agli stessi vasi del tratto gastrointestinale, costituiscono il sistema portale. Può essere chiamato il terzo cerchio della circolazione sanguigna. Cancella il plasma dalle tossine e dai prodotti di degradazione.

Due vasi entrano nel cancello del fegato: un'arteria e una vena. Il sangue di questi vasi entra nel tessuto epatico, che funge da filtro, quindi le sue vene ritornano di nuovo.

Il sistema della vena porta impedisce la diffusione di sostanze nocive attraverso il flusso sanguigno. Se questo sistema non esistesse, il corpo sarebbe gravemente avvelenato dalle tossine..

Disfunzione della vena porta

La dimensione di una vena porta sana: lunghezza 6-8 cm, diametro - 1,5 cm La discrepanza tra i parametri della nave e questi indicatori indica lo sviluppo della patologia.

Le principali patologie della vena porta sono:

  1. Trombosi
  2. Cavernome
  3. Ipertensione
  4. Infiammazione (catarro) di una vena

Trombosi

La trombosi si verifica a causa di:

  • danno alla vena;
  • infiammazione della cavità peritoneale;
  • scarsa coagulazione del sangue;
  • cirrosi epatica;
  • oncologia;
  • infezioni.

Inoltre, questa malattia può essere ereditata..

La trombosi costante contribuisce all'accumulo di liquido nel peritoneo, all'allargamento della milza e all'espansione delle sue vene. Può causare emorragie interne.

  • vomito;
  • disturbi intestinali;
  • colica acuta;
  • milza ingrossata.

Cavernome

Cavernoma - trasformazione cavernosa della vena porta. Questo è un sacco di piccole navi intrecciate l'una con l'altra. Compensano leggermente il flusso sanguigno in quest'area..

Di norma, se una tale trasformazione della vena porta si trova in un bambino, è associata a difetti alla nascita.

Il cavernoma negli adulti provoca malattie del fegato.

Ipertensione portale

L'ipertensione portale si verifica a causa dell'ipertensione nel sistema della vena porta. Può essere attivato da coaguli di sangue o da gravi malattie del fegato.

Sintomi dell'ipertensione del sistema della vena porta:

  • disordini gastrointestinali;
  • pesantezza nell'ipocondrio destro;
  • la pelle e le mucose sono gialle;
  • ingrossamento della milza;
  • vene varicose dell'esofago;
  • perdita di peso e debolezza.

Vena porta Qatar

La vena porta può infiammarsi, ad esempio, durante l'appendicite acuta. Questa suppurazione è chiamata pylephlebitis. Durante la pylephlebitis, la pressione nei vasi aumenta.

C'è una minaccia di sanguinamento intracavitario. Se un'infezione penetra nel tessuto epatico, può svilupparsi ittero..

Non ci sono segni speciali di questa malattia, quindi è piuttosto difficile rilevarlo..

I principali segni di infiammazione sono:

  • dolore;
  • febbre e brividi;
  • alta sudorazione;
  • segni di avvelenamento.

Metodi per rilevare e investigare patologie del sistema venoso portale

Il modo più semplice per rilevare patologie della vena porta è l'ecografia (ultrasuoni). Questo è un metodo popolare e sicuro che non richiede costi significativi..

L'ecografia Doppler consente di vedere una vena in un'immagine volumetrica, di valutare il diametro del suo lume e l'intensità del sangue che la attraversa.

Il doppler colorato aiuterà a identificare il cavernoma.

Utilizzando la risonanza magnetica, vengono determinate le cause delle trasformazioni e dei disturbi nel sistema portale. Inoltre, studiano i tessuti e le dimensioni degli organi.

Trattamento e prevenzione delle malattie del sistema venoso portale

Per il trattamento della trombosi e delle vene varicose viene utilizzata la terapia farmacologica con farmaci che riducono l'intensità della coagulazione del sangue.

Gli antibiotici sono usati per i processi infiammatori.

Le iniezioni endovenose sono spesso usate per trattare queste condizioni..

Per le forme più gravi e avanzate di malattie, viene utilizzato l'intervento chirurgico.

Le malattie del sistema portale portano a gravi complicazioni e alla morte di una persona. Pertanto, è molto importante consultare uno specialista in tempo e seguire esattamente il trattamento prescritto..

È anche importante non dimenticare la prevenzione delle malattie del sistema portale: alimentazione equilibrata, esercizio fisico e assenza di cattive abitudini.

Dimensioni normali per l'ecografia del fegato negli adulti: una tabella di indicatori

Cosa sappiamo del fegato? Finché non causa preoccupazione, nessuno pensa alle sue condizioni, nel frattempo, l'attenzione preventiva a questo organo aiuterà ad evitare molti problemi. Quali sono le sue caratteristiche e quali metodi diagnostici aiuteranno a mantenere la salute dell'apparato digerente?

Il fegato ha una struttura ghiandolare ed è uno degli organi più significativi, sia per dimensioni che per importanza delle sue funzioni. In termini percentuali, la sua quota è di circa il 2,5% del peso corporeo totale. Questa ghiandola più grande si trova a destra, appena sotto le costole. Fisiologicamente, l'organo non sporge da sotto le arcate costali, poiché è trattenuto dalla pressione della parete addominale.

Struttura e funzione del fegato

La struttura della ghiandola è densa, ma morbida, il colore è rosso scuro. Nella composizione dell'organo si distinguono un lobo destro grande e uno sinistro più piccolo, ognuno di essi è diviso in settori. A loro volta, sono segmentati..

La vita senza fegato è impossibile, perché l'organo svolge diverse funzioni serie nel corpo umano:

  1. Partecipa attivamente alla digestione del cibo, per il quale produce il volume richiesto di bile.
  2. Neutralizza sostanze tossiche, microbi, batteri e virus che entrano nel sangue.
  3. È il principale "fornitore" di glicogeno, che costituisce una riserva di glucosio nell'organismo.
  4. Svolge un ruolo significativo nei processi metabolici.

È questa tecnica che ti consente di studiare la struttura e le dimensioni del fegato, nonché di valutarne le condizioni.

Quando viene prescritto uno studio?

Molto probabilmente il medico consiglierà un'ecografia se:

  • ci sono lamentele di dolore a destra, nell'ipocondrio, e la sua intensificazione dopo aver bevuto alcolici, cibi grassi e pesanti o dopo l'esercizio;
  • la comparsa di ematomi interni;
  • l'emergere di una rete vascolare;
  • colore insolito delle feci;
  • la pelle e le mucose del paziente hanno una tinta notevolmente gialla o non compaiono eruzioni cutanee, preoccupazioni pruriginose;
  • c'erano ferite all'addome;
  • il paziente deve scegliere correttamente un contraccettivo ormonale;
  • ci sono malattie croniche dell'apparato digerente o escretore che richiedono controllo medico;
  • il paziente soffre di alcolismo;
  • c'è il rischio di tumori o diffusione di metastasi.

video

Nel video presentato, lo specialista parla delle indicazioni per le quali è prescritta un'ecografia del fegato.

Decodifica

Tabella 1. Ecografia epatica: valori normali negli adulti.

Lobo sinistroLobo destro
Lunghezza, cm

Spessore, cm

Prima delle 18

Per il fegato nel suo insieme, la lunghezza normale è considerata di 14-18 cm, la norma della sezione trasversale è da 20 a 22,5 cm, la dimensione sul piano sagittale va da 9 a 12 cm Il peso totale di un organo sano è in media di un chilogrammo e mezzo, la trama del tessuto non deve essere granulosa, morbido, senza guarnizioni. Il contorno sul monitor è chiaro e uniforme.

Il tessuto di un organo normale ha un'ecogenicità media, che appare come un'uniformità di colore sullo schermo di una macchina ad ultrasuoni. Le aree con oscuramento o, al contrario, un tono più chiaro rispetto al resto, indicano un cambiamento di ecogenicità in questo segmento della ghiandola, che indica un processo doloroso.

Rifornimento di sangue al fegato

I vasi principali di questo sistema sono la propria arteria epatica e l'arteria comune..

Il sangue scorre al fegato e lo lascia attraverso il sistema venoso, in cui la vena porta svolge un ruolo speciale. Si divide in tanti vasi in cui il sangue viene convertito prima di essere inviato ad altre parti del corpo:

  • d vena porta - fino a 1,5 cm;
  • d arteria epatica - fino a 0,6 cm.

La cistifellea e i suoi dotti

Piccoli capillari biliari si combinano per formare i dotti biliari. Anche questi condotti si uniscono, formando grandi rami, sinistro e destro, che trasportano la bile dai lobi corrispondenti dell'organo. Successivamente si combinano con il dotto biliare dalla cistifellea. Pertanto, il lavoro del fegato e della cistifellea è interconnesso.

La descrizione del fiele è spesso uno dei punti di conclusione quando si esamina il fegato..

Cos'è il "cambiamento diffuso"?

La frase "cambiamenti diffusi" può essere ascoltata molto spesso durante un esame ecografico di un paziente adulto. Cosa significa in relazione all'ecografia del fegato? I cambiamenti diffusi non sono una diagnosi indipendente, non sono nemmeno un sintomo della malattia. Implicano semplicemente alcuni cambiamenti nel tessuto epatico e possono essere correlati a:

  • con una diminuzione del volume del tessuto epatico o del suo aumento;
  • con edema tissutale;
  • con violazione dei processi metabolici intracellulari;
  • con proliferazione dei tessuti o sostituzione del tessuto connettivo normale.

Se nella conclusione si parla di cambiamenti diffusi nel fegato, questo è un motivo per prestare attenzione alla salute dell'organo. È meglio scoprire perché questi cambiamenti si sono verificati prima che diventassero l'inizio di patologie più gravi..

Cosa dicono le deviazioni??

L'allargamento della ghiandola, rivelato dai risultati dello studio, è la patologia più comune rilevata dai medici diagnostici. Cosa dice questo segno? Ci possono essere molte ragioni per l'aumento:

  • epatite;
  • cirrosi;
  • processo tumorale;
  • ipertensione portale.

Si verifica anche una diminuzione delle dimensioni del fegato, questo è un segnale allarmante che segnala l'insufficienza epatica e la perdita delle sue funzioni da parte dell'organo..

Conclusione

Oggi, insieme a un complesso di test specifici, l'esame ecografico consente di ottenere un quadro completo del fegato e di redigere un piano di trattamento competente se si riscontrano processi patologici.

Decodifica dell'ecografia del fegato: norma e patologia

Il fegato, per le sue caratteristiche anatomiche, è spesso affetto da malattie batteriche o parassitarie della cavità addominale. Questa è l'unica formazione nel corpo che ha un doppio apporto di sangue: i vasi dal sistema della vena porta (portale) e dall'arteria epatica sono adatti a questo. Ciò rende possibile che l'infezione passi al fegato da altri organi: l'appendice, il colon, lo stomaco, il pancreas e così via. Inoltre, possono verificarsi disturbi strutturali dovuti a difetti congeniti, esposizione a sostanze tossiche (alcol, metalli pesanti, disturbi metabolici (malattia di Wilson-Konovalov) o virus specifici (epatite A, B, C e così via).

Per rilevare tempestivamente i segni di queste malattie, è necessario un metodo di screening, che consentirà di studiare la struttura del fegato in modo sufficientemente dettagliato. In conformità con il MES (standard medici di cura), l'ecografia è il metodo ottimale di diagnosi primaria. È conveniente, sicuro e non richiede molto tempo per essere completato..

Indicazioni

L'ecografia del fegato viene necessariamente eseguita durante l'esame degli organi addominali. Inoltre, nelle raccomandazioni cliniche del professor Zubarev, vengono evidenziate le indicazioni quando è necessario studiare la struttura di questo organo utilizzando gli ultrasuoni:

  • qualsiasi sospetto di un tumore (adenoma o cancro) del fegato;
  • la presenza di sintomi o dati di laboratorio (aumento di ALT e AST), che indicano la sconfitta di questo organo;
  • determinazione di un aumento delle dimensioni del fegato durante la palpazione (palpazione);
  • controllo su interventi minimamente invasivi (puntura epatica con biopsia, drenaggio percutaneo di un ascesso e così via);
  • la necessità di tracciare le dinamiche della malattia epatica (ad esempio, conferma dell'eliminazione di un ascesso, scomparsa dell'ipertensione portale).

Attualmente, l'ecografia nella popolazione lavorativa adulta viene eseguita ai fini di esami preventivi.

Preparazione per l'ecografia del fegato

Per la migliore qualità dell'esame, è necessario eliminare tutti gli ostacoli al passaggio dell'onda ultrasonica attraverso il corpo. L'ostacolo più comune sono i gas intestinali, che si formano a seguito dei processi metabolici nella normale microflora. Dato questo fatto, la preparazione per l'ecografia del fegato viene eseguita come segue:

Intervallo di tempoRaccomandazioni per i pazienti
2 giorni prima della proceduraRispetto di una dieta povera di fibre (esclusi alimenti vegetali, pane di segale, latte, succhi)
8 ore prima della proceduraEscludere l'assunzione di cibo. Anche per gli adulti fumare e bere alcolici è controindicato.

Se il paziente ha seguito tutte le raccomandazioni, i risultati dell'ecografia saranno il più affidabili possibile. Per decifrare correttamente gli indicatori, è necessario consultare un medico qualificato, poiché un gran numero di sfumature e opzioni normali per le dimensioni del fegato possono portare il paziente a conclusioni sbagliate.

Decodifica ecografia del fegato

Esistono due gruppi principali di segni che determinano le condizioni del fegato. Il primo caratterizza il proprio tessuto (parenchima), il secondo - i vasi sanguigni che prendono parte all'apporto di sangue all'organo. Di regola, i disturbi strutturali sono sempre osservati in entrambi i gruppi contemporaneamente (ad esempio, espansione della vena porta nella cirrosi epatica). Solo nelle prime fasi della malattia possono esserci segni isolati di danno a uno di essi. Questo è di grande valore diagnostico quando si decodificano i risultati..

Le linee guida cliniche indicano indicatori che meritano attenzione quando si studia il parenchima epatico degli adulti. Sono mostrati nella tabella seguente:

L'indicatore indagatoCaratteristiche normaliSegni patologici
Ecogenicità del parenchima (capacità di trasmettere ultrasuoni)· Omogeneo - trasmette le onde ultrasoniche in modo uniforme su tutta la superficie;
· In un fegato sano, l'ecogenicità è sempre minore che nella milza;
Uguale / leggermente superiore all'ecogenicità del pancreas.
Un'immagine ecografica disomogenea del fegato indica un cambiamento nel suo tessuto. Questo è un segno indiretto di epatosi grassa o cirrosi..
Lunghezza del fegato (cm)Quota giusta - non più di 15;
Lobo sinistro - non più di 12.
Un aumento delle dimensioni del fegato indica un qualche tipo di malattia cronica (epatite, cirrosi, epatosi e così via).
Una significativa diminuzione delle dimensioni degli organi è un segno di uno stadio avanzato della cirrosi.
Granularità del tessuto epaticoA grana fineLa comparsa di noduli o noduli di tessuto connettivo indica la presenza di cirrosi epatica.
La presenza di masseAssenteDi regola, si tratta di cisti o ascessi che si verificano con lesioni batteriche degli organi addominali o sepsi.

La decifrazione degli indicatori ecografici non termina con una valutazione dello stato del tessuto epatico. È anche necessario determinare la presenza o l'assenza di patologia dei vasi sanguigni coinvolti nel suo apporto di sangue. Questi includono:

  • Vena porta (portale): la sua dimensione trasversale normale non deve superare i 13 mm. Va notato che dipende dalla fase respiratoria (inspirazione / espirazione), pertanto si consiglia al paziente di respirare con calma e in modo uniforme. Il flusso sanguigno deve essere diretto al fegato, a questo deve essere prestata attenzione quando si decodifica un'ecografia. Se si muove nella direzione opposta, questo è un segno di ipertensione portale. Per misurare la velocità del flusso sanguigno, al paziente viene chiesto di trattenere il respiro durante l'espirazione. Normalmente non supera i 24 cm / sec;
  • Arteria epatica: la normale struttura della nave implica la sua divisione in rami destro e sinistro. La dimensione non supera i 6 mm e la velocità del flusso sanguigno è di 80 cm / sec;
  • Vene epatiche: ci sono due varianti della struttura normale, che sono determinate dagli ultrasuoni. Questo è un tipo "sciolto", quando i vasi e i loro rami sono numerosi (più di 10) e assomigliano alle radici di un albero. La seconda opzione è la presenza di tre rami principali (destro, sinistro e intermedio). La dimensione delle vene epatiche sane è normalmente di 0,6-1 cm;
  • Vena cavale inferiore (cava): per valutare le sue condizioni, il diametro è della massima importanza. L'indicatore normale va da 2 cm a 2,5 cm.

Per condurre un esame ecografico di questi vasi, viene inoltre utilizzato il metodo Doppler. Il paziente non sentirà la differenza nella tecnica della procedura, tuttavia, per il medico avrà un grande valore diagnostico, poiché caratterizza il flusso sanguigno.

L'ecografia epatica è un metodo diagnostico veloce ed economico che fornisce risultati "sul posto". La loro corretta decodifica dovrà essere effettuata da un medico qualificato che valuterà i dati ottenuti nel complesso e assumerà la presenza o meno di eventuali patologie.

Vena porta o porta del fegato: norme e patologie

La vena porta (vena porta o BB) è un grande tronco vascolare che raccoglie il sangue dallo stomaco, dalla milza, dall'intestino e quindi lo trasporta al fegato. Lì il sangue viene purificato e torna di nuovo al letto ematocircolatorio..

L'anatomia del vaso è piuttosto complessa: il tronco principale si dirama in venule e altri vasi sanguigni di diverso diametro. Grazie alla vena porta (PV), il fegato è saturo di ossigeno, vitamine e minerali. Questo vaso è molto importante per la normale digestione e la disintossicazione del sangue. In caso di violazione degli esplosivi, compaiono gravi patologie.

Sistema della vena porta

Come accennato in precedenza, la vena porta del fegato è complessa. Il sistema portale è una sorta di cerchio aggiuntivo del flusso sanguigno, il cui compito principale è quello di purificare il plasma dalle tossine e dai prodotti di decomposizione.


Il sistema del portale ha una struttura complessa

In assenza di un sistema venoso portale (SVS), le sostanze nocive entrerebbero immediatamente nella vena cava inferiore (IVC), nel cuore, nella circolazione polmonare e nella parte arteriosa di quella maggiore. Una violazione simile si verifica con un cambiamento diffuso e un indurimento del parenchima epatico, che si manifesta, ad esempio, nella cirrosi. A causa del fatto che non esiste un "filtro" sul percorso del sangue venoso, aumenta la probabilità di un grave avvelenamento del corpo da parte dei metaboliti.

È noto dal corso dell'anatomia che molti organi includono arterie, che le saturano di sostanze utili. E da esse escono vene, che trasportano il sangue dopo l'elaborazione al lato destro del cuore, i polmoni.

Il PS è organizzato in modo leggermente diverso: un'arteria e una vena entrano nella cosiddetta porta del fegato, il sangue da cui passa il parenchima e entra di nuovo nelle vene dell'organo. Cioè, si forma un circolo ausiliario della circolazione sanguigna, che influisce sulla funzionalità del corpo..

La formazione di SVV si verifica a causa dei grandi tronchi delle vene, che sono uniti accanto al fegato. Le vene mesenteriche trasportano il sangue dall'intestino, il vaso della milza lascia l'organo omonimo e riceve il fluido nutriente (sangue) dallo stomaco e dal pancreas. Dietro l'ultimo organo si uniscono grandi vene che danno origine a SVV.

Tra il legamento panecretoduodenale e il PT si trovano le vene gastriche, periombelicali, prepiloriche. In questa sezione, il PT si trova dietro l'arteria epatica e il dotto biliare comune, insieme al quale segue la porta del fegato.

Vicino alla porta dell'organo, il tronco venoso è diviso nei rami destro e sinistro della IV, che passano tra i lobi epatici e si diramano in venule. Piccole vene coprono il lobulo epatico all'esterno e all'interno e, dopo che il sangue entra in contatto con le cellule del fegato (epatociti), si spostano verso le vene centrali che emergono dal centro di ciascun lobulo. I vasi venosi centrali sono collegati a quelli più grandi, dopo di che formano le vene del fegato, che fluiscono nell'IVC.

Se la dimensione dell'IV cambia, ciò può indicare cirrosi, trombosi dell'IV, malattie della milza e altre patologie. Normalmente, la lunghezza del PV va da 6 a 8 cm e il diametro è di circa 1,5 cm.

La dimensione del lobo destro del fegato sugli ultrasuoni

All'ecografia, la dimensione del lobo destro del fegato viene misurata lungo la linea medioclavicolare; il rene destro non deve entrare nel taglio. Vengono valutate le dimensioni cranio-caudale (CC), antero-posteriore (PZ), verticale obliqua (CWR), nonché l'angolo del bordo inferiore.

Ti suggeriamo di familiarizzare con Perché i lividi rimangono dopo lo shugaring e come sbarazzartene

Il lobo caudato del fegato è un segmento funzionalmente autonomo. Viene fornito di sangue dalle vene portali destra e sinistra e c'è anche un drenaggio venoso diretto nella vena cava inferiore. Nelle malattie del fegato, il lobo caudato è colpito meno di altre aree. Il rapporto tra il caudato e il lobo destro del fegato (CD / PD) è un marker specifico per la cirrosi epatica (Harbin et al, 1980).

Immagine. Il rapporto tra il lobo caudato e il lobo destro del fegato: linea 1 - perpendicolare dal bordo destro della vena cava inferiore al tronco della vena porta ("testa di Topolino"); la linea 2 indica il bordo sinistro del lobo caudato; linea 3 - perpendicolare dal bordo laterale del lobo destro alle linee 1 e 2; PD - la larghezza del lobo destro;

Pool della vena porta

Il sistema portale del fegato non è isolato da altri sistemi. Passano fianco a fianco, in modo che in caso di ridotta circolazione sanguigna in quest'area, sarebbe possibile scaricare il sangue "in eccesso" in altri vasi venosi. Pertanto, le condizioni del paziente vengono temporaneamente compensate con gravi patologie del parenchima epatico o trombosi IV, ma aumenta la probabilità di emorragie..


BB è collegato alle vene dello stomaco, dell'esofago, dell'intestino, ecc..

Il PT e altri collettori venosi sono collegati tramite anastomosi (connessioni). La loro posizione è ben nota ai chirurghi che spesso interrompono il sanguinamento dai siti di anastomosi..

Le connessioni del portale e dei vasi venosi cavi non sono pronunciate, poiché non trasportano un carico speciale. Con una rottura della funzionalità del BB, quando il flusso sanguigno al fegato è impedito, il vaso portale si espande, la pressione in esso aumenta, di conseguenza, il sangue viene scaricato in anastomosi. Cioè, il sangue che avrebbe dovuto entrare nel PV riempie la vena cava attraverso le anastomosi portocavali (sistema di anastomosi).

Le anastomosi IV più significative:

  • Collegamenti tra le vene dello stomaco e dell'esofago.
  • Anastomosi tra i vasi venosi del retto.
  • Anastomosi delle vene della parete addominale anteriore.
  • Collegamenti delle vene degli organi digestivi con i vasi dello spazio retroperitoneale.

La più importante è la giunzione delle vene tra lo stomaco e l'esofago. Quando il flusso sanguigno nel PT viene interrotto, si espande, la pressione aumenta, quindi il sangue riempie le vene dello stomaco. Le vene gastriche hanno collaterali (percorsi di bypass del flusso sanguigno) con l'esofago, dove scorre il sangue, che non è entrato nel fegato.

Come accennato in precedenza, la possibilità di espulsione del sangue in un vaso cavo attraverso i vasi esofagei è limitata, quindi si dilatano a causa del sovraccarico, aumenta la probabilità di emorragie pericolose. I vasi del terzo inferiore e medio dell'esofago non collassano, poiché sono posizionati longitudinalmente, ma c'è il rischio di danneggiarli durante il mangiare, il vomito, il reflusso. Spesso emorragia dalle vene varicose dell'esofago, lo stomaco è osservato con cirrosi.

Dalle vene del retto, il sangue scorre verso il PS e l'IVC. Quando la pressione nell'area BB aumenta, si verifica un processo stagnante nei vasi della parte superiore del fegato, da cui il fluido entra nella vena media della parte inferiore del colon attraverso i collaterali. Di conseguenza, compaiono le emorroidi.

Il terzo punto in cui i 2 bacini venosi si fondono è la parete addominale anteriore, dove i vasi della zona ombelicale ricevono sangue "in eccesso", espandendosi più vicino alla periferia. Questo fenomeno è chiamato "testa di medusa".

Le connessioni tra le vene dello spazio retroperitoneale e il PV non sono così pronunciate come descritto sopra. Non funzionerà per identificarli da sintomi esterni e non sono soggetti a emorragia.

Malattie

Ipertensione portale

Una sindrome manifestata da un eccesso di pressione nella vena superiore a 10 mm Hg. Arte. Le cause di questa patologia includono:

  • trombosi;
  • Epatite virale;
  • neoplasia maligna;
  • emocromatosi;
  • cirrosi;
  • amiloidosi;
  • insufficienza cardiaca.

Il pericolo di questa patologia sta nella rapida trasformazione in insufficienza epatica, interruzione del tratto gastrointestinale e milza. Quando si esamina la parete addominale, sono visibili vene dilatate, chiamate "testa di medusa", poiché l'ascite si sviluppa in parallelo - l'accumulo di liquido nel peritoneo. Inoltre, c'è un ingrossamento patologico della milza, disturbi dispeptici. Se l'aiuto non viene fornito in tempo, può svilupparsi un'encefalopatia epatica..

Trombosi del vaso portale

I fattori eziologici della formazione di trombi possono essere disturbi della coagulazione del sangue, processi infiammatori, cancro della testa pancreatica, traumi meccanici durante le operazioni. In questo caso, c'è un blocco totale o parziale del vaso da un trombo e questo rende impossibile un ulteriore flusso sanguigno. Di conseguenza, c'è un'espansione della vena porta con lo sviluppo della sindrome da ipertensione portale. Con la chiusura parziale del lume, si verifica una forma cronica di trombosi quando i sintomi aumentano gradualmente.

Pylephlebitis

Questa è una malattia con un carattere infiammatorio del vaso portale del fegato. I microrganismi patologici penetrano nel cancello a causa della formazione di ascessi di appendicite acuta. Il problema della diagnosi è la non specificità delle manifestazioni della patologia. C'è una temperatura corporea elevata, febbre, brividi, ittero, nausea e vomito, sindrome del dolore. Per fare una diagnosi, è necessario condurre studi complessi: risonanza magnetica, TC, angiografia.

Altre malattie

Tali malattie sono meno comuni:

  • patologie congenite della parete venosa;
  • aneurisma;
  • trasformazione cavernosa;
  • anomalie della nave.

Quando si esegue la diagnostica ecografica del fegato, la dimensione della vena porta viene sempre determinata, poiché i sintomi dei disturbi circolatori sono raramente specifici.

Trombosi BB

La trombosi della vena porta (PVT) è una patologia caratterizzata dal rallentamento o dal blocco del flusso sanguigno nel PT da parte dei trombi. I coaguli impediscono il movimento del sangue al fegato, a seguito del quale si verifica l'ipertensione nei vasi.


TVV provoca varie malattie e procedure mediche

Cause di trombosi della vena porta epatica:

  • Cirrosi.
  • Tumore all'intestino.
  • Lesione infiammatoria della vena ombelicale durante il cateterismo in un neonato.
  • Malattie infiammatorie dell'apparato digerente (infiammazione della cistifellea, intestino, ulcera, ecc.).
  • Lesioni, operazioni (intervento chirurgico di bypass, splenectomia, colecistectomia, trapianto di fegato).
  • Disturbi della coagulazione (malattia di Vakez, tumore pancreatico).
  • Alcune malattie infettive (tubercolosi del linfonodo portale, infezione da citomegalovirus).

Meno spesso, la trombosi provoca una gravidanza, così come i contraccettivi orali, che una donna assume da molto tempo. Ciò è particolarmente vero per i pazienti di età superiore ai 40 anni..

Con PVT, una persona avverte disagio, dolore addominale, nausea, vomito e disturbi delle feci. Inoltre, c'è la possibilità di febbre, sanguinamento rettale.

Con la trombosi progressiva (cronica), il flusso sanguigno nel PT è parzialmente preservato. Quindi i sintomi dell'ipertensione portale (PH) diventano più pronunciati:

  • fluido nell'addome;
  • ingrossamento della milza;
  • sensazione di pesantezza e dolore a sinistra sotto le costole;
  • allargamento delle vene dell'esofago, che aumenta la probabilità di pericolose emorragie.

Se il paziente sta rapidamente perdendo peso, soffre di sudorazione eccessiva (di notte), è necessario condurre una diagnosi di alta qualità. Se ha un linfonodo ingrossato vicino al cancello del fegato e all'organo stesso, non puoi fare a meno di una terapia competente. Pertanto, si manifesta la linfoadenopatia, che è un segno di cancro..

L'ecografia aiuterà a identificare la trombosi IV; nella foto, un trombo nella vena porta sembra una formazione con un'alta densità di onde ultrasoniche. Il coagulo di sangue riempie il BB, così come i suoi rami. L'ecografia Doppler mostrerà che non c'è flusso sanguigno nell'area danneggiata. Le piccole vene si dilatano, di conseguenza, si osserva una degenerazione vascolare cavernosa.

Un'ecografia endo, una tomografia computerizzata o una risonanza magnetica possono aiutare a identificare piccoli coaguli di sangue. Inoltre, con l'aiuto di questi studi, è possibile identificare le cause della trombosi, le sue complicanze.

Cause di dilatazione delle vene epatiche

L'anatomia di questa malattia è la seguente: nella vena porta, un certo fattore (o anche più di uno) aumenta significativamente la pressione. Il tasso di impatto sulle pareti della nave aumenta in modo significativo e semplicemente non possono sopportare il carico. Se la pressione è normale, l'indicatore viene indicato entro dieci millimetri di mercurio. Un aumento dell'indicatore anche di un paio di unità è già una patologia.

Quindi la dimensione della vena aumenta, compaiono tubercoli e nodi. Questa è l'ipertensione portale. Una specie di vene varicose. Ma se le vene varicose si verificano sulle vene degli arti inferiori, l'ipertensione portale tocca la vena porta.

I motivi per cui la dimensione della nave aumenta e si verifica l'ipertensione:

  1. L'ipertensione può derivare da trombosi venosa (sia epatica che vasi di altri visceri).
  2. La dimensione della nave aumenta a causa di gravi diagnosi epatiche: infiammazione, epatite di varie classi, cirrosi.
  3. Fallimento nel metabolismo.
  4. Inoltre, le dimensioni del vaso epatico possono essere influenzate da patologie cardiache, sia acquisite che congenite..

Ipertensione portale

L'ipertensione portale (PH) è una condizione che si manifesta con un aumento della pressione nella PS. La patologia spesso accompagna un trombo della IV, gravi malattie sistemiche (il più delle volte del fegato).


Con l'ipertensione portale, la pressione nel PV aumenta

Il PG viene rilevato quando la circolazione sanguigna è bloccata, il che aumenta la pressione nella SVV. Il blocco può verificarsi a livello della IV (PG preepatico), davanti ai capillari sinusoidali (PG epatico), nella vena cava inferiore (PG sopraepatico).

In una persona sana, la pressione nel PV è di circa 10 mm Hg. Art., Se questo valore aumenta di 2 unità, allora questo è un chiaro segno di GHG. In questo caso, le fistole vengono gradualmente comprese tra gli afflussi degli esplosivi, così come gli afflussi della vena cava superiore, inferiore. Quindi le vene varicose influenzano i collaterali (bypassano le vie del flusso sanguigno).

Fattori di sviluppo dei GHG:

  • Cirrosi.
  • Trombosi della vena epatica.
  • Diversi tipi di epatite.
  • Cambiamenti congeniti o acquisiti nelle strutture del cuore.
  • Disturbi metabolici (p. Es., Cirrosi pigmentata).
  • Trombosi della vena splenica.
  • Trombosi PV.

Il PG si manifesta con dispepsia (flatulenza, disturbi della defecazione, nausea, ecc.), Pesantezza a destra sotto le costole, colorazione della pelle, mucose gialle, perdita di peso, debolezza. Con un aumento della pressione nella SVV, si manifesta la splenomegalia (milza ingrossata). Ciò è dovuto al fatto che la milza soffre maggiormente di stasi venosa, poiché il sangue non può lasciare la vena con lo stesso nome. Inoltre, appare l'ascite (liquido nell'addome) e le vene varicose dell'esofago inferiore (dopo un intervento di bypass). A volte il paziente ha linfonodi ingrossati alle porte del fegato.

Un esame ecografico degli organi addominali può rivelare cambiamenti nelle dimensioni del fegato, della milza e del liquido nell'addome. Il doppler aiuterà a valutare il diametro della nave, la velocità del movimento del sangue. Di regola, con PG, il portale, le vene mesenteriche superiori e spleniche vengono ingrandite.

La dimensione del fegato nei bambini, a seconda della crescita secondo Pykov - per la stampa

Durante l'esame del fegato, uno specialista presta attenzione a varie strutture anatomiche e ai loro parametri. È particolarmente interessato alla vena porta sugli ultrasuoni. Il suo aumento può essere l'unico segno ecografico dell'ipertensione portale, una condizione pericolosa che spesso accompagna le patologie epatiche croniche..

Ma quale ruolo gioca la vena porta, in che modo differisce dagli altri vasi, perché i suoi cambiamenti hanno un grande valore diagnostico? Daremo risposte a queste domande nell'articolo.

Il fegato è un organo speciale. Ha due sistemi circolatori venosi paralleli. Il primo è tipico di tutte le strutture anatomiche del corpo umano. Attraverso i vasi epatici, il sangue povero di ossigeno scorre dall'organo alla vena cava inferiore e quindi al cuore destro.

Il secondo sistema è unico. La vena porta è un grande vaso che si forma quando le vene mesenteriche e spleniche superiori e inferiori si incontrano. Qui il sangue venoso proviene da tutti gli organi non accoppiati della cavità addominale (stomaco, intestino, pancreas, milza). Il vaso formato entra attraverso la "porta del fegato" - una formazione anatomica, dove si trovano i vasi più grandi dell'organo.

La vena porta collega anche la milza al fegato. Questi organi sono uniti dal loro ruolo nella formazione e distruzione dei globuli sanguigni e delle cellule di difesa immunitaria. Pertanto, in molte malattie (con danni al sistema immunitario), si osserva epatosplenomegalia - un aumento simultaneo della milza e del fegato.

Nei bambini, la dimensione del fegato dipende dall'altezza e dal peso. Si noti che in astenia, cranio caudale e iperstenia, la dimensione antero-posteriore può andare oltre i limiti normali, ma la quantità non dovrebbe. Il rapporto tra la dimensione antero-posteriore dei lobi sinistro e caudato nei bambini non supera il 30%.

Cavernoma della vena porta

Quando a un paziente viene diagnosticata una "trasformazione cavernosa della vena porta", non tutti capiscono cosa significa. Il cavernoma può essere una malformazione congenita delle vene epatiche o una conseguenza di una malattia del fegato. Con l'ipertensione portale o la trombosi IV, a volte si trovano molti piccoli vasi vicino al suo tronco, che si intrecciano tra loro e compensano la circolazione sanguigna in quest'area. Il cavernoma esternamente sembra una neoplasia, motivo per cui si chiama così. Quando le lesioni sono differenziate, è importante iniziare il trattamento (intervento chirurgico).


Il cavernoma è una massa vascolare nel fegato

Nei pazienti più giovani, la trasformazione cavernosa indica patologie congenite e negli adulti - ipertensione portale, cirrosi, epatite.

Valori di riferimento per gli ultrasuoni

I valori di riferimento della vena porta mediante ultrasuoni saranno diversi per adulti e bambini..

Valori di riferimento degli ultrasuoni negli adulti

La vena porta del fegato ha la seguente frequenza di ultrasuoni:

  1. il tronco della vena è formato collegando tre vasi che si estendono dagli organi addominali;
  2. le pareti della nave sono piane, non si osservano curvature;
  3. la circolazione sanguigna è normale, non ci sono coaguli;
  4. i valori di riferimento della dimensione del tronco - 13 mm, lume - 15 mm indicano ipertensione portale;
  5. i rami del tronco nel fegato si diramano ad angolo retto o perpendicolarmente;
  6. i vasi che collegano il portale e la parte inferiore del tronco non sono visibili agli ultrasuoni se non è presente una condizione patologica della vena.

Valori di riferimento degli ultrasuoni nei bambini

Per valutare lo stato della vena porta nei bambini, sono guidati dalle dimensioni del tronco. Ogni età ha i propri valori di riferimento per il diametro del vaso, che sono riportati nella tabella sottostante..

Tabella 1. La norma della vena porta mediante ultrasuoni nei bambini:

Età del bambinoDiametro della vena, mm
12 mesi - 2 anni2.8-5.8
3-4 anni3.4-7.0
5-6 anni4.2-7.5
7-8 anni4.4-8.6
9-10 anni4.8-9.5
11-12 anni5.0-10.1
13-14 anni5.5-10.2
15-16 anni5.4-10.8

La norma del fegato portale mediante ultrasuoni per i bambini sarà anche la seguente:

  1. Mancanza di sottosviluppo;
  2. Nessuna rastremazione tagliente;
  3. Mancanza di grandi vasi che si collegano al tronco cavo inferiore o superiore.

Se lo studio mostra deviazioni da queste norme, viene prescritto un intervento chirurgico urgente.

Pylephlebitis

La lesione infiammatoria purulenta della vena porta e dei suoi rami è chiamata pylephlebitis, che spesso si trasforma in TVV. Spesso la malattia provoca un'appendicite acuta, termina con un'infiammazione necrotica purulenta del tessuto epatico e la morte.


La pylephlebitis è una lesione purulenta del BB

La pieflebite non ha sintomi caratteristici, quindi è abbastanza difficile identificarla. Non molto tempo fa, una tale diagnosi è stata data ai pazienti dopo la loro morte. Ora, grazie alle nuove tecnologie (MRI), la malattia può essere rilevata durante la vita.

L'infiammazione purulenta si manifesta con febbre, brividi, grave avvelenamento e dolore addominale. A volte c'è un'emorragia dalle vene dell'esofago o dello stomaco. Quando il parenchima epatico è infetto, si sviluppano processi purulenti, che si manifestano con ittero.

Dopo studi di laboratorio, si saprà che la velocità di sedimentazione degli eritrociti è aumentata, la concentrazione di leucociti è aumentata, il che indica un'infiammazione purulenta acuta. Ma per stabilire la diagnosi "pieflebite" è possibile solo dopo ecografia, TC, risonanza magnetica.

Misure diagnostiche

Molto spesso, l'ecografia viene utilizzata per rilevare i cambiamenti nella vena porta. È un metodo diagnostico economico, conveniente e sicuro. La procedura è indolore, adatta a pazienti di diverse fasce d'età.


Le patologie IV vengono rilevate mediante ultrasuoni e risonanza magnetica

L'ecografia Doppler consente di valutare la natura del flusso sanguigno, la vena porta è visibile al cancello del fegato, dove è divisa in 2 rami. Il sangue si muove verso il fegato. Con l'aiuto degli ultrasuoni 3-D / 4-D, è possibile ottenere un'immagine volumetrica del vaso. La larghezza normale del lume IV durante gli ultrasuoni è di circa 13 mm. La pervietà della nave è di grande importanza nella diagnosi.

Inoltre, questo metodo consente di identificare il contenuto ipoecogeno (densità acustica ridotta) o iperecogeno (densità aumentata) nella vena porta. Tali focolai indicano malattie pericolose (PVT, cirrosi, ascesso, carcinoma, cancro al fegato).

Con l'ipertensione portale, l'ecografia mostrerà che il diametro dei vasi è aumentato (questo vale anche per le dimensioni del fegato) e il liquido si è accumulato nella cavità addominale. Con l'aiuto del color Doppler, è possibile rivelare che la circolazione sanguigna è rallentata, sono comparsi cambiamenti cavernosi (un sintomo indiretto dell'ipertensione portale).

La risonanza magnetica è utile per aiutare a determinare la causa dei cambiamenti nel sistema della vena porta. Viene eseguito un esame del parenchima epatico, dei linfonodi e delle formazioni circostanti. La risonanza magnetica mostrerà che normalmente la dimensione verticale massima del lobo destro del fegato è di 15 cm, quella di sinistra è di 5 cm, la dimensione del bilobare all'ingresso del fegato è di 21 cm In caso di deviazioni, questi valori cambiano.

Uno dei metodi più efficaci per diagnosticare la PVT è l'angiografia. Con PG devono essere eseguite fibrogastroduodenoscopia, esofagoscopia, radiografie con l'utilizzo di mezzo di contrasto per l'esame dell'esofago o dello stomaco.

Oltre agli studi strumentali vengono effettuati anche test di laboratorio. Con il loro aiuto, vengono rilevate deviazioni dalla norma (un eccesso di leucociti, un aumento degli enzimi epatici, il siero del sangue contiene una grande quantità di bilirubina, ecc.).

Diagnostica

La ghiandola esocrina è un organo senza il quale il corpo umano non può esistere. Non può lavorare in modo fisiologico, normalmente se la sua circolazione sanguigna è disturbata. La vena porta e la sua norma determinano la completa purificazione del sangue venoso dalle tossine e dai composti tossici. Non solo le malattie sono riconosciute come una ragione affidabile per la comparsa di patologie.

Una persona può arrivare a patologie IV abusando di composti tossici: etanolo, farmaci, composti medicinali. Per prevenire lo sviluppo di uno scenario fatale, viene eseguito un esame pianificato del fegato per l'ecografia e, se non ci sono dati sufficienti per la diagnosi, è possibile prescrivere la risonanza magnetica per immagini, l'ecografia Doppler vascolare.

Lo stato normale della vena porta è determinato da un tecnico ecografico che ha un livello sufficiente di conoscenza professionale ed esperienza pratica. Un esame ecografico normalmente mostra:

  1. Conformità dell'organo ai criteri dimensionali e sua corretta collocazione. La deviazione dalla dimensione, totale o segmentale, lo spostamento dalla posizione abituale è un fattore importante che indica la presenza di patologia. Piccole deviazioni possono essere dovute alla struttura individuale, al sesso o all'età.
  2. Superficie superiore normale, spigoli vivi e contorni netti. La comparsa di protuberanze, bordi arrotondati, - una chiara dimostrazione del processo patologico.
  3. I vasi possono essere esaminati mediante angiografia, risonanza magnetica o imaging Doppler. Quest'ultimo metodo consente di rilevare l'assenza di flusso sanguigno e l'espansione del lume vascolare. L'iperecogenicità agli ultrasuoni indica trombosi, diminuzione del flusso sanguigno e letto vascolare dilatato su Doppler - ipertensione portale.

Offriamo di familiarizzare con le vene varicose del trattamento dei vasi uterini

La norma della vena porta è il suo stato fisiologico: assenza di anastomosi impreviste, spessore normale della parete vascolare, buon flusso sanguigno, il diametro del vaso è di 1,5 cm, la sua lunghezza non è superiore a 8. Qualsiasi norma è un concetto condizionale, ma i valori di riferimento non devono deviare nella direzione della diminuzione o dell'aumento di indicatori significativi. Se viene rilevato un tale fenomeno, significa che è necessario consultare un medico e iniziare il trattamento..

La vena porta (porta del fegato) è una sorta di tronco vascolare che raccoglie il sangue da vari organi del tratto gastrointestinale e lo consegna al fegato. Questo articolo fornisce informazioni dettagliate sulla vena portale.

Sistema della nave

Il fegato è un organo interno con due sistemi circolatori. Il primo non è diverso dal sistema di qualsiasi altro sistema corporeo.

Il secondo è più interessante. Include la vena porta, una grande nave formata quando i vasi mesenterici e splenici si uniscono. Qui viene trasportato il sangue di tutti gli organi non accoppiati. La vena porta esce attraverso il fegato, dove si trovano i vasi più grandi. Collega anche il fegato e la milza.

Il sistema della vena porta interagisce con i vasi di altri organi. Ciò significa che le condizioni patologiche dello stelo influenzeranno negativamente l'intero corpo, poiché il sangue contaminato verrà fornito ad altri sistemi. Per questo motivo, è importante sottoporsi regolarmente a esami che consentano di valutare lo stato della nave e trattare tempestivamente le malattie.

Probabili patologie

Esistono diverse condizioni patologiche che coinvolgono la vena porta.

Trombosi

Questa è la formazione di coaguli di sangue all'interno del vaso, a causa dei quali viene impedita la circolazione sanguigna. A causa di questa patologia, la pressione sanguigna aumenta. La malattia è mortale perché può essere fatale. I coaguli di sangue nella vena più grande del fegato si sviluppano per i seguenti motivi:

  • Patologie oncologiche in forma maligna;
  • Cirrosi;
  • Malattie della cistifellea, del pancreas e del tratto gastrointestinale, tra cui pancreatite, colite ulcerosa e colecistite;
  • Patologie, il cui aspetto è stato provocato da infezioni;
  • Coagulazione del sangue troppo rapida;
  • Ferite interne.

La trombosi della vena porta è caratterizzata dai seguenti sintomi:

  • Dolore all'addome, localizzato sul lato destro;
  • nausea con vomito;
  • Disordini gastrointestinali;
  • Un aumento delle dimensioni della milza.

Se la patologia diventa cronica, c'è una minaccia di emorragia interna, il liquido in eccesso si accumula nella cavità addominale, le dimensioni delle vene della milza aumentano.

La trombosi viene diagnosticata utilizzando i seguenti test:

  1. Ultrasuoni. Aiuta a rilevare i coaguli di sangue e la localizzazione della formazione. L'esame endoscopico rivela anche un piccolo coagulo di sangue.
  2. MRI. Aiuta a identificare le cause dei coaguli di sangue e a rilevare le complicanze.

Cavernoma

La trasformazione cavernosa della vena porta è una malformazione congenita o il risultato finale di trombosi post-partum con successiva ricanalizzazione e formazione di nuovi vasi. Sembra un tumore. Il cavernoma può essere diagnosticato negli adulti e nei bambini.

Trattamento e prognosi

Per il trattamento delle patologie della vena porta sono necessari una terapia farmacologica complessa e un intervento chirurgico. Al paziente vengono solitamente prescritti anticoagulanti (eparina, pelentan), farmaci trombolitici (streptochinasi, urocinasi). Il primo tipo di farmaco è necessario per prevenire la formazione di trombi, ripristinare la pervietà della vena e il secondo distrugge il coagulo di sangue stesso, che blocca il lume IV. Per prevenire la trombosi della vena porta, vengono utilizzati beta-bloccanti non selettivi (Obzidan, Timolol). Questi sono i farmaci più efficaci per il trattamento e la prevenzione della PVT.


Le patologie IV vengono trattate con farmaci e interventi chirurgici

Se i farmaci sono inefficaci, il medico prescrive l'angioplastica transepatica o la terapia trombolitica con shunt portosistemico nel fegato. La principale complicanza della trombosi IV è l'emorragia dalle vene dell'esofago e l'ischemia intestinale. È solo necessario trattare queste pericolose patologie con un metodo chirurgico..

La prognosi per le patologie della vena porta dipende dal grado di danno che hanno provocato. Se la terapia trombolitica nel trattamento della trombosi acuta si è rivelata non del tutto efficace, non è possibile rinunciare a un'operazione. La trombosi cronica minaccia di complicazioni pericolose, quindi il paziente deve prima ricevere il primo soccorso. Altrimenti, aumenta il rischio di morte..

Pertanto, la vena porta è un vaso importante che raccoglie il sangue dallo stomaco, milza, pancreas, intestino e lo trasporta al fegato. Dopo la filtrazione, ritorna nel letto venoso. Le patologie VV non passano senza lasciare traccia e minacciano complicazioni pericolose, fino alla morte, quindi è importante identificare la malattia in tempo ed eseguire una terapia competente.

Fegato e analisi

Durante l'esame del fegato, uno specialista presta attenzione a varie strutture anatomiche e ai loro parametri. È particolarmente interessato alla vena porta sugli ultrasuoni. Il suo aumento può essere l'unico segno ecografico dell'ipertensione portale, una condizione pericolosa che spesso accompagna le patologie epatiche croniche..

Ma quale ruolo gioca la vena porta, in che modo differisce dagli altri vasi, perché i suoi cambiamenti hanno un grande valore diagnostico? Daremo risposte a queste domande nell'articolo.

Caratteristiche anatomiche della circolazione sanguigna e ruolo fisiologico

Il fegato è un organo speciale. Ha due sistemi circolatori venosi paralleli. Il primo è tipico di tutte le strutture anatomiche del corpo umano. Attraverso i vasi epatici, il sangue povero di ossigeno scorre dall'organo alla vena cava inferiore e quindi al cuore destro.

Il secondo sistema è unico. La vena porta è un grande vaso che si forma quando le vene mesenteriche e spleniche superiori e inferiori si incontrano. Qui il sangue venoso proviene da tutti gli organi non accoppiati della cavità addominale (stomaco, intestino, pancreas, milza). Il vaso formato entra attraverso la "porta del fegato" - una formazione anatomica, dove si trovano i vasi più grandi dell'organo.

La vena porta collega anche la milza al fegato. Questi organi sono uniti dal loro ruolo nella formazione e distruzione dei globuli sanguigni e delle cellule di difesa immunitaria. Pertanto, in molte malattie (con danni al sistema immunitario), si osserva epatosplenomegalia - un aumento simultaneo della milza e del fegato.

Metodi per diagnosticare la patologia

Tecnica ad ultrasuoni

Il metodo più semplice per diagnosticare le patologie della vena porta è un esame ecografico. Il suo utilizzo consente una visualizzazione indolore e di alta qualità del vaso e delle strutture circostanti. L'uso dell'effetto Doppler aumenta la precisione della misura diagnostica, consente di rilevare aree di stasi sanguigna o trombosi. Di solito, la diagnosi delle patologie della vena porta viene effettuata nel complesso di esame degli organi addominali.

Per un buon contenuto informativo dello studio, si consiglia di eseguire un'ecografia a stomaco vuoto. Se hai tendenza alla stitichezza o alla flatulenza, è pre-prescritta una dieta speciale che ti permetta di scaricare l'intestino.

L'indubbio vantaggio della tecnica ad ultrasuoni è la sua disponibilità. Oggi, la macchina ad ultrasuoni è disponibile non solo nei centri regionali, ma anche in piccoli ospedali o policlinici nelle regioni..

Lo studio può essere condotto su pazienti di qualsiasi età, e in realtà non ha controindicazioni. Poiché gli ultrasuoni non danneggiano lo sviluppo del feto e non riducono la produzione di latte materno, la diagnostica può essere eseguita anche durante la gravidanza o l'allattamento..

Altre possibilità

Allo stesso tempo, tutti i tipi di patologie della vena porta (anomalie dello sviluppo, ipertensione portale, trombosi) sono chiaramente visibili. Tuttavia, la TC con mezzo di contrasto ha numerose controindicazioni. Non può essere eseguito durante la gravidanza, in presenza di insufficienza renale o malattie della tiroide, che sono accompagnate da tireotossicosi..

La seconda opzione è eseguire la risonanza magnetica (MRI). Questa tecnica utilizza il fenomeno della risonanza dei singoli nuclei atomici, che viene registrato da speciali sensori. Ciò consente di creare un'immagine dell'anatomia degli organi interni umani con grande precisione..

La risonanza magnetica è controindicata nei pazienti con elementi ferromagnetici impiantati (pacemaker, pompe per insulina, piastre), claustrofobia e con peso superiore a 120 kg. Inoltre, lo svantaggio della tecnica è il suo costo maggiore rispetto agli ultrasuoni e la minore disponibilità. Pertanto, viene utilizzato se, dopo l'esame ecografico, ci sono problemi irrisolti..

Caratteristiche ecografiche normali negli adulti

In un esame ecografico, una nave in pazienti adulti viene esaminata esaminando la cavità addominale. La vena porta del fegato, la norma per gli ultrasuoni è la seguente:

  1. Il vaso è formato dalla fusione di 3 vasi che partono dagli organi addominali.
  2. Parete - uniforme, senza rigonfiamenti o deformazioni.
  3. Il flusso sanguigno nella cavità del vaso è uniforme, non ci sono coaguli di sangue (vicino alle pareti).
  4. Il diametro viene valutato nell'area del cancello. Viene misurata perpendicolarmente al decorso della vena nel punto più largo. In un paziente sano, la norma per la dimensione della vena porta epatica non supera i 13 mm e valori del lume superiori a 15 mm indicano la presenza di ipertensione portale..
  5. I rami della nave nel parenchima epatico dovrebbero partire perpendicolarmente o ad angolo acuto (

Caratteristiche ecografiche normali nei bambini

La principale differenza tra la norma delle caratteristiche della vena porta mediante ultrasuoni nei bambini è la loro dimensione, i cui indicatori variano notevolmente nelle diverse fasce d'età:

Età del bambino, anniDiametro vaso, mm
1-22.8-5.8
3-43.4-7.0
5-64.2-7.5
7-84.4-8.6
9-104.8-9.5
11-125.0-10.1
13-145.5-10.2
15-165.4-10.8

Nella prima infanzia, viene prestata particolare attenzione alle malformazioni congenite. Normalmente, non dovrebbero esserci atresia (sottosviluppo), stenosi (restringimento acuto), anastomosi portocavale (grandi vasi che si collegano con la vena cava inferiore o superiore). Quindi c'è un forte aumento delle dimensioni della vena porta del fegato.

Il rilevamento di queste violazioni è un'indicazione diretta per un intervento chirurgico urgente..

Video utile

Qual è la vena porta del fegato può essere appresa da questo video.

A cos'altro prestano attenzione

Nella diagnostica ecografica, spesso una deviazione dalla norma della vena porta non è sufficiente.

Per confermare la diagnosi, prestare attenzione a:

  • condizione del cordone ombelicale;
  • dimensione, uniformità e struttura del parenchima epatico;
  • caratteristiche della milza e dei suoi vasi;
  • presenza / assenza di liquido libero nella cavità addominale;
  • la condizione dei dotti biliari, la presenza di calcoli in essi.

La vena porta del fegato è un grande vaso responsabile del trasporto del sangue nel corpo. Quando si verificano patologie, si verificano disturbi nel suo funzionamento, così come nel lavoro di altre vene vicine. Il paziente può sviluppare ipertensione portale, trombosi, infiammazione purulenta e trasformazione cavernosa..

La diagnostica dello stato della vena porta del fegato viene eseguita utilizzando ultrasuoni e altri metodi strumentali. La prognosi delle malattie dipende dallo stadio del loro sviluppo. Quando compaiono i primi sintomi di patologia, è necessario contattare un terapista per chiedere aiuto.

La vena porta del fegato è un grande tronco vascolare. Il vaso è formato dalla giunzione delle vene mesenteriche e spleniche superiori e inferiori.

La vena porta è un grosso tronco che entra nel fegato. A causa della parete spessa, la nave può sopportare pressioni diverse volte superiori al normale.

Nell'anatomia umana, forma un ulteriore cerchio di circolazione venosa, che svolge la funzione di purificare il plasma sanguigno dalle tossine. La sua importanza nel corpo è dovuta al fatto che raccoglie il sangue dagli organi addominali. Il fegato, oltre all'arteria, comprende un vaso venoso, il sangue dal quale entra nelle vene epatiche, passando attraverso il tessuto dell'organo.

In alcune persone, la vena mesenterica inferiore entra nella vena splenica e la giunzione delle vene splenica e mesenterica superiore forma il tronco portale.

Normalmente, le dimensioni della vena porta del fegato sono: lunghezza - 6-8 cm e diametro - fino a 1,5 cm.

Sistema della vena porta

Nel sistema circolatorio, il sistema portale è formato da grandi tronchi di vene che si fondono tra loro. Le vene mesenteriche svolgono la funzione di trasportare il sangue dall'intestino e le vene spleniche lo ricevono dalle vene dello stomaco e del pancreas. Al cancello del fegato, c'è una divisione nei rami destro e sinistro della vena porta, che si disintegrano ulteriormente in piccoli vasi venosi. Raggiungendo il lobulo epatico, lo intrecciano dall'esterno ed entrano all'interno.

Esistono quattro tipi di patologie della vena porta:

  • trombosi;
  • ipertensione portale;
  • trasformazione cavernosa;
  • processo infiammatorio purulento.

La trombosi (pilettrombosi) è la formazione di un coagulo di sangue nelle vene epatiche fino a quando il lume del vaso non è completamente bloccato. La patologia ha un decorso progressivo.

In caso di trombosi della vena porta nei pazienti, in base ai risultati degli ultrasuoni, il diametro del vaso aumenta a 13 mm.

Nei bambini, questa patologia è associata a un'infezione nel cordone ombelicale. In età avanzata, il suo sviluppo è associato all'appendicite acuta. Negli adulti, nel 50% dei casi, la causa della trombosi della vena porta rimane poco chiara..

I fattori per lo sviluppo della malattia includono:

  • operazioni sul peritoneo;
  • trauma alle pareti della vena;
  • tumori del pancreas;
  • cirrosi;
  • lesioni infettive;
  • insufficienza cardiaca;
  • gravidanza multipla;
  • complicazioni della gravidanza e del parto.

Per localizzazione, si distinguono diversi tipi di coaguli di sangue:

VisualizzaCaratteristica
RadicolareFormato in una vena dello stomaco, milza ed entra nella vena porta
TroncareSi sviluppa nel tronco della vena
IntraepaticoFormato all'interno del fegato

Ci sono pilettrombosi acuta e cronica. La prima forma si sviluppa bruscamente, è rara e porta alla morte entro due giorni sullo sfondo della morte delle cellule dello stomaco, del pancreas, dell'intestino, del fegato e della milza. Il cronico è lento, caratterizzato da una parziale sovrapposizione del lume del vaso.

Nella forma acuta, i pazienti lamentano un dolore acuto e inaspettato all'addome. Il gonfiore è notato con l'ascite (accumulo di liquido nella cavità addominale). Spesso c'è un'espansione della rete venosa sottocutanea.

I pazienti hanno costantemente vomito con coaguli di sangue. Si osservano sanguinamento rettale e ittero. Si sviluppa gonfiore delle gambe.

Nella forma cronica, c'è una sensazione di debolezza, perdita di peso, diminuzione o assenza di appetito e dolore addominale. A volte c'è un aumento della temperatura corporea, un aumento del numero di leucociti nel sangue, mentre il fegato è ingrandito.

La piletrombosi ha quattro fasi di sviluppo:

PalcoscenicoManifestazioni
Il primoLa sconfitta colpisce non più della metà della nave e il coagulo di sangue si trova sopra la zona di transizione della vena porta nella milza
Il secondoIl trombo raggiunge la vena mesenterica superiore
TerzoTutte le vene del peritoneo sono interessate e il deflusso di sangue è parzialmente preservato
Il quartoSi sviluppa una lesione senza flusso sanguigno

Possibili complicazioni della malattia:

  • sanguinamento intestinale e gastrico;
  • peritonite (infiammazione nell'addome).

La malattia si sviluppa sullo sfondo di un deflusso sanguigno alterato e di una maggiore pressione nel bacino della vena porta. La ragione principale per lo sviluppo di questa condizione patologica è il danno epatico nell'epatite, nella cirrosi e nei tumori degli organi. A volte questa malattia si verifica quando si avvelena con droghe, funghi, vari veleni. Nelle persone che soffrono di questa patologia, la pressione sale a 250-600 mm di acqua. st.

Lo sviluppo dell'ipertensione portale è causato da:

  • trombosi;
  • cirrosi;
  • operazioni;
  • trauma;
  • ustioni;
  • risposta infiammatoria alla patologia infettiva;
  • dipendenza da alcol;
  • emorragie;
  • prendendo tranquillanti e diuretici.

I medici associano lo sviluppo di questa malattia alla formazione di una barriera meccanica che impedisce il normale flusso sanguigno. Il volume di sangue che passa attraverso il fegato diminuisce di 4-5 volte.

Ci sono ipertensione portale totale e segmentaria. Nella prima forma, l'intera rete vascolare è danneggiata e nella seconda c'è una violazione del flusso sanguigno nella vena splenica mantenendo il normale flusso sanguigno e la pressione nella porta e nel mesenterico.

Ci sono quattro fasi della malattia:

PalcoscenicoSegni
Prima iniziale)Compaiono malfunzionamenti di organi e sistemi
Secondo (compensato)C'è un leggero aumento della milza e l'espansione delle vene dell'esofago. Niente ascite
Terzo (scompensato)Si osservano splenomegalia e ascite. Appare il sanguinamento
Il quartoSi sviluppa insufficienza epatica, peritonite. Il sanguinamento dalle vene dell'esofago, dello stomaco e del retto si apre

Inizialmente, i pazienti iniziano a lamentarsi di flatulenza, problemi alle feci e nausea. C'è un deterioramento dell'appetito, ci sono dolori all'addome e all'ipocondrio destro. Compaiono debolezza e stanchezza, la concentrazione dell'attenzione diminuisce. Spesso si sviluppa ittero, accompagnato da ingiallimento della pelle e della sclera. Si verifica una perdita di peso.

Il primo segno dello sviluppo di questa malattia può essere la splenomegalia (ingrossamento della milza). Con l'ascite, c'è un aumento del volume dell'addome, gonfiore delle caviglie. Le emorragie sono abbondanti e si sviluppano improvvisamente sullo sfondo di lesioni della mucosa, aumento della pressione intra-addominale e disturbi della coagulazione del sangue. Se il paziente sanguina dall'esofago e dallo stomaco, appare il vomito sanguinante.

Il paziente può avere una trasformazione cavernosa. È caratterizzato dalla presenza di un gran numero di vasi intrecciati che compensano parzialmente il difetto della circolazione sanguigna nel sistema portale..

La vena porta (porta del fegato) è una sorta di tronco vascolare che raccoglie il sangue da vari organi del tratto gastrointestinale e lo consegna al fegato. Questo articolo fornisce informazioni dettagliate sulla vena portale.

Qual è la vena porta

La vena porta è un grande vaso in cui il sangue viene fornito da organi non accoppiati, che includono la milza e il tratto gastrointestinale. Il fluido viene quindi trasportato al fegato. Qui, il sangue viene filtrato, eliminando le impurità dannose, dopo di che viene trasferito nel flusso sanguigno generale. Il medico presta attenzione alla vena porta quando esegue un'ecografia del fegato. Un aumento delle dimensioni della nave può indicare un aumento della pressione all'interno del tronco, provocato da una violazione del flusso sanguigno nei vasi corrispondenti. Questa condizione di solito si verifica sullo sfondo di patologie epatiche croniche. È stata stabilita una certa norma per l'ecografia della vena porta di questo organo interno. La deviazione dai valori di riferimento si verifica per ragioni patologiche.

Sistema della nave

Il fegato è un organo interno con due sistemi circolatori. Il primo non è diverso dal sistema di qualsiasi altro sistema corporeo.

Il secondo è più interessante. Include la vena porta, una grande nave formata quando i vasi mesenterici e splenici si uniscono. Qui viene trasportato il sangue di tutti gli organi non accoppiati. La vena porta esce attraverso il fegato, dove si trovano i vasi più grandi. Collega anche il fegato e la milza.

Il sistema della vena porta interagisce con i vasi di altri organi. Ciò significa che le condizioni patologiche dello stelo influenzeranno negativamente l'intero corpo, poiché il sangue contaminato verrà fornito ad altri sistemi. Per questo motivo, è importante sottoporsi regolarmente a esami che consentano di valutare lo stato della nave e trattare tempestivamente le malattie.

Probabili patologie

Esistono diverse condizioni patologiche che coinvolgono la vena porta.

Trombosi

Questa è la formazione di coaguli di sangue all'interno del vaso, a causa dei quali viene impedita la circolazione sanguigna. A causa di questa patologia, la pressione sanguigna aumenta. La malattia è mortale perché può essere fatale. I coaguli di sangue nella vena più grande del fegato si sviluppano per i seguenti motivi:

  • Patologie oncologiche in forma maligna;
  • Cirrosi;
  • Malattie della cistifellea, del pancreas e del tratto gastrointestinale, tra cui pancreatite, colite ulcerosa e colecistite;
  • Patologie, il cui aspetto è stato provocato da infezioni;
  • Coagulazione del sangue troppo rapida;
  • Ferite interne.

La trombosi della vena porta è caratterizzata dai seguenti sintomi:

  • Dolore all'addome, localizzato sul lato destro;
  • nausea con vomito;
  • Disordini gastrointestinali;
  • Un aumento delle dimensioni della milza.

Se la patologia diventa cronica, c'è una minaccia di emorragia interna, il liquido in eccesso si accumula nella cavità addominale, le dimensioni delle vene della milza aumentano.

La trombosi viene diagnosticata utilizzando i seguenti test:

  1. Ultrasuoni. Aiuta a rilevare i coaguli di sangue e la localizzazione della formazione. L'esame endoscopico rivela anche un piccolo coagulo di sangue.
  2. MRI. Aiuta a identificare le cause dei coaguli di sangue e a rilevare le complicanze.

Cavernoma

La trasformazione cavernosa della vena porta è una malformazione congenita o il risultato finale di trombosi post-partum con successiva ricanalizzazione e formazione di nuovi vasi. Sembra un tumore. Il cavernoma può essere diagnosticato negli adulti e nei bambini.

Ipertensione portale

Questo è un aumento sostenuto della pressione portale. Come risultato della patologia, la circolazione sanguigna nei vasi viene interrotta e l'afflusso di sangue alla vena viene interrotto. Questo può portare a coaguli di sangue nel flusso sanguigno e gravi malattie dell'organo interno corrispondente..

La pressione venosa sostenuta nel vaso portale si verifica per i seguenti motivi:

  1. La presenza di coaguli di sangue nel tronco;
  2. Vari tipi di epatite;
  3. Cirrosi;
  4. Interruzione del metabolismo, con conseguenti lesioni ai tessuti molli del fegato;
  5. Patologie cardiache, in particolare, un difetto di questo organo.
  • Mancanza di appetito;
  • Drastica perdita di peso;
  • Dolore all'addome con localizzazione nell'ipocondrio destro;
  • L'epidermide cambia colore in giallo;
  • Problemi digestivi.

Per diagnosticare la patologia, il medico prescrive un'ecografia. Lo studio mostra un aumento delle dimensioni del fegato e della milza, nonché lo stato del lume dei vasi corrispondenti.

Pylephlebitis

Questa è un'infiammazione purulenta della vena porta. Questa condizione patologica di solito si verifica sullo sfondo dell'appendicite. Se non fornisci assistenza medica al paziente in modo tempestivo, si verificherà la necrotizzazione del fegato, che porterà alla morte..

Questa patologia è caratterizzata dai seguenti sintomi:

  • Febbre;
  • Brividi;
  • Aumento della sudorazione;
  • Forte dolore nella parte destra più vicino alle costole;
  • Nausea con vomito;
  • Disturbo delle feci.

Se l'infiammazione è accompagnata da un processo purulento, la pressione nei vasi aumenta. Questo può portare a emorragia venosa dagli organi digestivi. Se questa infezione invade il fegato, porterà all'ittero..

I seguenti studi aiutano a rilevare il processo infiammatorio nel fegato portale:

  1. Un esame del sangue per il livello di leucociti e ESR;
  2. Ultrasuoni;
  3. MRI.

Metodi diagnostici

Il metodo principale che aiuta a diagnosticare patologie della vena porta del fegato è l'ecografia. È prescritto ai pazienti, indipendentemente dall'età. La ricerca aiuta:

  • Rileva i cambiamenti nella struttura della vena;
  • Diagnosticare correttamente le patologie;
  • Definisci metodi terapeutici.

Per determinare lo stato della vena porta, vengono prescritti anche i seguenti studi:

  • MRI. Durante lo studio, è possibile valutare le condizioni del fegato e dei linfonodi. La risonanza magnetica può anche determinare patologie epatiche.
  • Angiografia. Questo è un esame a raggi X dei vasi sanguigni con un metodo di contrasto. Aiuta a diagnosticare la trombosi.
  • Analisi del sangue. Mostra la concentrazione di leucociti, ALT, AST e bilirubina. Secondo lo stato di questi indicatori, è possibile trarre una conclusione sullo stato del fegato e della cistifellea..

Valori di riferimento per gli ultrasuoni

I valori di riferimento della vena porta mediante ultrasuoni saranno diversi per adulti e bambini..

Valori di riferimento degli ultrasuoni negli adulti

La vena porta del fegato ha la seguente frequenza di ultrasuoni:

  1. il tronco della vena è formato collegando tre vasi che si estendono dagli organi addominali;
  2. le pareti della nave sono piane, non si osservano curvature;
  3. la circolazione sanguigna è normale, non ci sono coaguli;
  4. i valori di riferimento della dimensione del tronco - 13 mm, lume - 15 mm indicano ipertensione portale;
  5. i rami del tronco nel fegato si diramano ad angolo retto o perpendicolarmente;
  6. i vasi che collegano il portale e la parte inferiore del tronco non sono visibili agli ultrasuoni se non è presente una condizione patologica della vena.

Valori di riferimento degli ultrasuoni nei bambini

Per valutare lo stato della vena porta nei bambini, sono guidati dalle dimensioni del tronco. Ogni età ha i propri valori di riferimento per il diametro del vaso, che sono riportati nella tabella sottostante..

Tabella 1. La norma della vena porta mediante ultrasuoni nei bambini:

Età del bambinoDiametro della vena, mm
12 mesi - 2 anni2.8-5.8
3-4 anni3.4-7.0
5-6 anni4.2-7.5
7-8 anni4.4-8.6
9-10 anni4.8-9.5
11-12 anni5.0-10.1
13-14 anni5.5-10.2
15-16 anni5.4-10.8

La norma del fegato portale mediante ultrasuoni per i bambini sarà anche la seguente:

  1. Mancanza di sottosviluppo;
  2. Nessuna rastremazione tagliente;
  3. Mancanza di grandi vasi che si collegano al tronco cavo inferiore o superiore.

Se lo studio mostra deviazioni da queste norme, viene prescritto un intervento chirurgico urgente.

Terapia della malattia

La terapia della vena porta epatica dipende dalla patologia:

  • In caso di trombosi vengono prescritti anticoagulanti;
  • Gli antibiotici sono prescritti per alleviare l'infiammazione e interrompere il processo purulento;
  • Per il trattamento dell'espansione venosa sono prescritti sondaggi e terapia conservativa.

Solo un medico può scegliere il metodo di trattamento. Misure indipendenti provocano complicazioni.

La vena porta del fegato è un grande vaso che raccoglie il sangue da organi non accoppiati e lo consegna al fegato. Se si sviluppa la patologia del tronco, ciò influisce negativamente sullo stato di tutti i sistemi corporei. Per non avere conseguenze indesiderabili, è importante monitorare lo stato di questa nave ed eseguire una terapia tempestiva se vengono rilevate anomalie.


Articolo Successivo
Rigurgito della valvola tricuspide