Meningoencefalite


Il processo infiammatorio che inizia nel cervello ha un decorso piuttosto acuto e molte conseguenze. Tra le varietà di questo gruppo di malattie, si può distinguere l'infiammazione delle meningi aracnoidi (aracnoidite). Questo tipo di malattia appartiene al gruppo dei processi infiammatori sierosi ed è caratterizzato da ridotta circolazione sanguigna e indebolimento delle pareti dei capillari. Questo fenomeno porta al fatto che la linfa penetra dai vasi nei tessuti molli e in essi si verifica il ristagno. L'edema si sviluppa gradualmente, la febbre aumenta e si verificano altri sintomi meningei.

Caratteristiche della patologia

La membrana aracnoidea (aracnoide) è uno dei 3 tessuti che ricoprono il cervello e il midollo spinale. Nel suo aspetto assomiglia a una ragnatela ed è costituito principalmente da fibre connettive. Il tessuto aracnoideo si trova tra il guscio duro e quello molle, ma è anche separato dal secondo strato dallo spazio subaracnoideo. È un deposito di liquido cerebrospinale (liquido cerebrospinale) e vasi che forniscono cibo.

L'infiammazione della pia madre e dell'aracnoide è spesso interconnessa e viene chiamata leptomeningite. I medici escludono danni locali, poiché la particolarità della posizione e della struttura non consente tale opzione.

Se la lesione è abbastanza estesa e il colpevole del processo patologico entra in quest'area attraverso tessuti molli o duri.

Il rivestimento infiammato del cervello si gonfia e diventa torbido. Nella zona interessata compaiono aderenze che interrompono la circolazione del liquido cerebrospinale. A poco a poco, questo processo porta alla formazione di una cisti spinale del midollo spinale o del cervello..

Sintomi

L'aracnoidite si manifesta principalmente con i seguenti sintomi:

  • Irritabilità;
  • Memoria indebolita;
  • Aumento della temperatura;
  • Paresi e paralisi di alcuni gruppi muscolari;
  • Violazione della sensibilità;
  • Caduta dell'udito e dell'acuità visiva;
  • Costantemente inquietante sensazione di ansia;
  • Mal di testa;
  • Convulsioni;
  • Nausea fino al vomito;
  • Insufficienza del ritmo del sonno;
  • Debolezza generale;
  • Mal di testa aggravato da stimoli esterni.

A seconda della posizione della lesione principale, possono prevalere alcuni sintomi:

  • Superficie esterna (convessitale). La violazione della funzionalità dei sistemi corporei in questo caso si manifesta in modo insignificante. I sintomi principali sono le convulsioni;
  • La parte occipitale. Questa forma della malattia è caratterizzata da disturbi della vista e dell'udito;
  • Ponte ad angolo cerebellare. I principali segni di infiammazione in quest'area sono dolore al collo, tinnito e vertigini;
  • Cisterna occipitale. Con la sua infiammazione in una persona, i nervi facciali soffrono e la temperatura aumenta;
  • Infiammazione del midollo spinale. Di solito questa forma della malattia è accompagnata da sintomi di sciatica, disturbi sensoriali e vari disturbi degli organi pelvici. È diviso in diversi tipi:
    • Aracnoidite limitata del midollo spinale. Questa sottospecie è caratterizzata da un decorso asintomatico;
    • Aracnoidite acuta e subacuta del midollo spinale. Sono spesso associati all'infiammazione delle membrane cerebrali. Questa forma di patologia è caratterizzata da febbre alta e alterazioni infiammatorie nel liquido cerebrospinale e nel sangue;
    • Aracnoidite cronica del midollo spinale. Procede piuttosto lentamente e spesso questo processo è accompagnato da una violazione nella circolazione del liquido cerebrospinale.

Nel suo corso, l'infiammazione delle meningi è divisa in 3 forme e ognuna di esse ha le sue caratteristiche di manifestazione:

  • Acuto. Riguarda principalmente l'infiammazione della cisterna magna e il più delle volte passa senza conseguenze. Allo stesso tempo, la temperatura del paziente aumenta e il vomito si verifica sullo sfondo di un mal di testa;
  • Subacuto. È caratterizzato da una combinazione di sintomi di disturbi cerebrali e manifestazioni focali, ad esempio diminuzione dell'udito e dell'acuità visiva, debolezza generale, squilibrio, vertigini e insonnia. Questa forma si verifica nella maggior parte dei casi;
  • Cronico. La malattia si trasforma in questa forma in assenza di un tempestivo corso di terapia. Diventa pigro, ma con progressione graduale dei sintomi.

Le ragioni

L'infiammazione, localizzata nello strato esterno del cervello e del midollo spinale, è una conseguenza di tali fattori:

  • Infezione;
  • Intossicazione cronica, ad esempio, avvelenamento da alcol;
  • Colonna vertebrale e lesioni alla testa;
  • Interruzioni del sistema ormonale.

Funzionalità di localizzazione

Secondo la sua localizzazione, l'aracnoidite ha caratteristiche:

  • Aracnoidite cerebrale (infiammazione del cervello). Copre principalmente la fossa cranica posteriore, nonché la base e la superficie:
    • Convezionale. Con l'infiammazione, vengono toccati il ​​giro e la superficie esterna degli emisferi. Il tipo confettivo di patologia porta a fallimenti motori e sensoriali, nonché a convulsioni;
    • Adesivo. È estremamente difficile rilevarlo a causa della mancanza di una localizzazione specifica. Questo tipo di malattia è caratterizzato da sintomi generali caratteristici di molti processi patologici;
    • Ottico-chiasmale. In questo caso, l'infiammazione è basale, cioè si trova alla base. Il segno principale di un tale focus di localizzazione è la disabilità visiva;
    • Fossa cranica posteriore. Di solito, a causa di questa posizione del processo infiammatorio, il paziente perde la coordinazione dei movimenti e aumenta la pressione endovenosa.
  • Aracnoidite spinale (infiammazione del midollo spinale). Ha le seguenti funzioni di localizzazione:
    • Adesivo. Un tale focus di infiammazione è caratterizzato da un decorso latente con segni caratteristici di sciatica, nevralgia, ecc..
    • Cistica. Questo tipo di infiammazione è caratterizzato da forti dolori e difficoltà di movimento. Entrambi i lati della schiena vengono gradualmente coperti;
    • Adesivo cistico. Di solito questo tipo di malattia procede senza sintomi speciali, ma nel tempo compaiono problemi di movimento e la sensibilità è ridotta..

Diagnostica

I pazienti non cercano di vedere un medico, poiché attribuiscono le manifestazioni di base della malattia a raffreddore, affaticamento, ecc. Gli attacchi acuti della malattia si verificano 3-4 volte al mese e solo dopo le crisi più gravi, le persone vengono mandate in ospedale per un esame. In una situazione del genere, si rivolgono a un neurologo che dovrà intervistare il paziente, fare un esame e condurre un esame strumentale. I seguenti metodi di ricerca sono comunemente usati:

  • Risonanza magnetica. Questo metodo di esame è il più accurato e consente di determinare la lesione e differenziare l'aracnoidite tra altre patologie con segni simili (ascesso, tumore, ecc.);
  • Raggi X. Viene utilizzato per rilevare una maggiore sensibilità intracranica (iperestesia);
  • Analisi. Sono parte integrante dell'esame, in quanto consentono di determinare la presenza di infezione o infiammazione (nel sangue, nelle urine e nel liquido cerebrospinale).
  • Esame da parte di un oftalmologo. In alcuni casi, ad esempio, con l'infiammazione ottico-chiasmale delle meningi, un tale elemento di diagnosi è estremamente importante. A volte, con aracnoidite della fossa cranica posteriore, può esserci ristagno nell'area delle fibre del nervo ottico e in tale situazione sarà anche necessario sottoporsi ad un esame da parte di un oftalmologo.

Il corso della terapia

L'eliminazione dell'infiammazione della membrana aracnoidea avviene passo dopo passo:

  • Primo stadio. La malattia sottostante viene trattata inizialmente. Per questo, i farmaci vengono utilizzati per eliminare la causa della malattia. Di solito il medico prescrive antibiotici e farmaci antiallergici (difenidramina, diazolina);
  • Seconda fase. Dopo aver eliminato la causa della patologia, il medico regolerà il trattamento per ridurre la pressione all'interno del cranio e normalizzare la circolazione del sangue e del liquido cerebrospinale. Di solito vengono utilizzati stimolanti e medicinali a base di iodio (ioduro di potassio, Lidaza)..

Sullo sfondo del corso principale della terapia, il medico curante prescriverà diuretici e farmaci anti-occhi (Frusemide, Glicerina) per ridurre la quantità di liquido accumulato nel cervello. Se il paziente ha convulsioni, i farmaci antiepilettici vengono aggiunti al regime di trattamento.

Con l'aracnoidite spinale, la chirurgia viene talvolta utilizzata per tagliare aderenze e cisti. Un metodo di terapia così radicale è richiesto principalmente per il tipo di malattia cistica e cistica-adesiva..

L'infiammazione del rivestimento del cervello è un grave processo patologico, caratterizzato da vari sintomi meningei. La gravità della manifestazione della malattia dipende direttamente dalla sua forma e dalla localizzazione del focus dell'infiammazione. Tuttavia, è curabile, soprattutto nelle prime fasi, quindi è consigliabile non ritardare la visita dal medico per sottoporsi tempestivamente a un corso di terapia.

Infiammazione del cervello e dei suoi tessuti -Portale medico

Quello che devi sapere sull'aracnoidite spinale

Aracnoidite spinale: sintomi della malattia
È una malattia caratterizzata da bruciore e altri sintomi neurologici. L'aracnoidite spinale è un processo infiammatorio nelle meningi che circondano il midollo spinale. L'infiammazione provoca irritazione costante, formazione di un processo adesivo cicatriziale e porta alla compressione delle radici e dei vasi sanguigni. Il sintomo principale dell'aracnoidite è il dolore cronico alla colonna lombare e ai fianchi. Oltre a ciò, il paziente può essere disturbato da:

  • formicolio, intorpidimento o debolezza alle gambe;
  • Strane sensazioni come punture di zanzara o la sensazione di acqua che scorre lungo le gambe
  • forte dolore lancinante (simile a scosse elettriche);
  • spasmi muscolari, crampi e spasmi spontanei alle gambe;
  • disfunzione degli organi pelvici e diminuzione della potenza.

Con il progredire della malattia, i sintomi possono diventare più gravi e persistenti. Il processo è più spesso osservato a livello del midollo spinale toracico, lombare e della cauda equina. La maggior parte dei pazienti con aracnoidite spinale non è in grado di lavorare e condurre una vita normale.

Tre cause di aracnoidite spinale

Ci sono tre principali cause di aracnoidite spinale:

  • Trauma o intervento chirurgico. L'aracnoidite può essere una complicanza molto rara della chirurgia spinale (specialmente se ce ne sono state diverse o se l'operazione è stata molto ampia), oppure può essere il risultato di una lesione spinale. Inoltre, l'aracnoidite può svilupparsi dopo numerosi blocchi della colonna lombare, con forme gravi di stenosi (restringimento) del canale spinale o malattia degenerativa cronica dei dischi intervertebrali.
  • Sostanze chimiche. Recentemente, la mielografia è stata considerata come una possibile causa di aracnoidite spinale. La mielografia è un test diagnostico in cui un mezzo di contrasto viene iniettato nello spazio che circonda il midollo spinale e i nervi. È generalmente accettato che vi sia una probabilità di sviluppare aracnoidite con l'introduzione del contrasto, specialmente nei casi in cui sono state eseguite più forature.
  • Infezione. L'aracnoidite può anche essere causata da un processo infettivo che colpisce la colonna vertebrale: meningite virale e fungina o tubercolosi.

Trattamenti per aracnoidite spinale

Sfortunatamente, non esiste un trattamento specifico per l'aracnoidite spinale. Le misure terapeutiche sono principalmente finalizzate alla riduzione del dolore, per il quale vengono utilizzati farmaci antinfiammatori non steroidei, miorilassanti e corticosteroidi. L'introduzione di farmaci può essere effettuata utilizzando una pompa intratecale, che viene impiantata (inserita) sotto la pelle, ei farmaci vengono iniettati direttamente nel midollo spinale. Per il trattamento vengono utilizzati anche fisioterapia e stimolazione elettrica transdermica del midollo spinale, per il quale viene utilizzato un dispositivo che trasmette un segnale elettrico al midollo spinale per ridurre il dolore. Il trattamento chirurgico dell'aracnoidite, di regola, non viene eseguito, poiché può solo causare uno sviluppo ancora maggiore del processo adesivo cicatriziale. Basato sull'articolo "Aracnoidite".

Aracnoidite

L'aracnoide è una delle tre membrane del midollo spinale e del cervello. È coinvolta nella produzione e circolazione del liquido cerebrospinale.
L'aracnoidite del cervello è una malattia autoimmune o secondaria che colpisce la membrana aracnoidea del cervello, che porta alla formazione di cisti, neoplasie e aderenze nel cervello. Nella maggior parte dei casi, questa malattia colpisce adolescenti e adulti sotto i 40 anni. Si noti che gli uomini si ammalano 2 volte più spesso delle donne.

Le ragioni

In quanto malattia autoimmune indipendente, l'aracnoidite si verifica in circa il 5% dei casi. Spesso si presenta come una malattia secondaria dopo precedenti infezioni: meningite, encefalite, morbillo, influenza, tonsillite, sinusite. C'è anche aracnoidite post-traumatica che si verifica dopo una lesione cerebrale traumatica: emorragia subaracnoidea, commozione cerebrale, contusione e molte altre lesioni cerebrali.

Ci sono anche fattori predisponenti: abuso di alcol, superlavoro cronico, frequenti infezioni respiratorie, frequenti lesioni alla testa, condizioni sfavorevoli (paesi caldi, alta pressione atmosferica). Ciò porta ad un aumento della pressione intracranica. Sotto l'influenza di questi fattori, la membrana aracnoidea inizia a produrre anticorpi, il che porta a un processo infiammatorio. Questo processo porta alla compattazione e all'opacità della membrana aracnoidea. Iniziano a formarsi aderenze, che portano a una violazione del deflusso del liquido cerebrospinale. Questo porta a idrocefalo (fluido nel cervello) e sintomi cerebrali. Il processo adesivo risultante preme sui centri cerebrali adiacenti, il che porta alla comparsa di sintomi focali.

Classificazione

Per natura del corso si distinguono aracnoidite acuta, subacuta e cronica.

  • L'aracnoidite cistica è un processo infiammatorio che è accompagnato dalla formazione di cavità (cisti).
  • Aracnoidite adesiva - infiammazione della membrana aracnoidea caratterizzata dalla formazione di pus tra le aderenze.
  • Aracnoidite convessitale - caratterizzata da sintomi diffusi. Porta allo sviluppo di convulsioni, sia focali che generalizzate con perdita di coscienza.
  • L'aracnoidite spinale è un'infiammazione del rivestimento del midollo spinale. Spesso causato da lesioni.

Aracnoidite: sintomi

Segni di aracnoidite si verificano qualche tempo dopo l'esposizione al fattore. Ciò è dovuto al fattore che ha causato l'aracnoidite. Ad esempio, dopo l'influenza, l'aracnoidite può verificarsi da 3 a 12 mesi. Dopo aver subito una lesione cerebrale, l'aracnoidite può svilupparsi in 1-3 anni.

Ma spesso l'aracnoidite ha uno sviluppo graduale dei sintomi, che sono caratteristici dell'astenia o della nevrastenia: debolezza, affaticamento, irritabilità, sbalzi d'umore. È anche possibile sviluppare crisi epilettiche, che possono trasformarsi in stato epilettico (convulsioni spesso ripetute in un breve periodo di tempo).

Sintomi cerebrali generali

Come già accennato, sono causati da una violazione del deflusso del liquido cerebrospinale e dal suo movimento lungo i ventricoli del cervello. Il sintomo più comune e frequente è un forte mal di testa. Non è alleviato dall'assunzione di antidolorifici, aumenta durante lo sforzo fisico, la tosse.

Questi sintomi possono includere anche nausea e vomito di origine centrale, tinnito, vertigini, eccessiva eccitabilità sensoriale, comparsa di sintomi di distonia vascolare.

Per le violazioni del deflusso del liquido cerebrospinale, i disturbi del liquido cerebrospinale e le crisi del liquido cerebrospinale sono caratteristici. Questi ultimi sono caratterizzati da un aumento del mal di testa, nausea e vertigini. Le crisi sono:

  • Frequente: più di 4 volte al mese. Una tale crisi può durare più di 2 giorni, ha sintomi pronunciati.
  • Crisi di media frequenza - 3-4 volte al mese.
  • Crisi rare - 1-2 volte al mese.

I sintomi focali hanno una clinica di danni all'una o all'altra parte del cervello. Ad esempio, l'aracnoidite basilare ha una clinica di danni ai nervi olfattivo (I), oculomotore (III) e blocco (IV). Nella clinica, questo si chiama aracnoidite ottico-chiasmale. Può essere accompagnato da danni alla ghiandola pituitaria e portare alla formazione di un adenoma ipofisario.

Diagnostica

L'aracnoidite è difficile da diagnosticare, nonostante l'enorme numero di metodi diagnostici. La diagnosi può essere fatta da un neurologo, dopo aver intervistato il paziente, raccogliendo un'anamnesi di vita e malattie. Il medico esegue un esame neurologico, che può rivelare eventuali cambiamenti o anomalie nel sistema nervoso centrale.

Un metodo diagnostico aggiuntivo è Echo-EG, che mostrerà la natura dell'idrocefalo. Un elettroencefalogramma mostrerà la presenza di lesioni focali ed epilessia e potrà anche registrare l'attacco stesso. Le scansioni MRI e TC del cervello mostreranno il grado di idrocefalo, la presenza di lesioni della membrana aracnoidea (cisti, aderenze), caratteristiche dell'aracnoidite e mostreranno anche la presenza di neoplasie cerebrali (tumori, ascessi, ematomi).

Assicurati di condurre uno studio sul liquido cerebrospinale e di eseguire una puntura lombare. Ciò consentirà di determinare la presenza di una maggiore pressione intracranica, la presenza di proteine ​​nel liquido cerebrospinale e neurotrasmettitori, che aiuteranno a distinguere l'aracnoidite da altre possibili lesioni cerebrali..

Un ulteriore esame viene eseguito da un oftalmologo, che identificherà la congestione nella testa del nervo ottico. Questo accade nel 50% dei pazienti. L'esame conduce anche ORL, che può rivelare la perdita dell'udito, che è anche presente con l'aracnoidite, il suo tipo e grado.

Analisi del sangue generali e biochimiche, esame da parte di specialisti correlati per la diagnosi differenziale.

Aracnoidite cerebrale: trattamento

Viene eseguito rigorosamente nel reparto di degenza. Dipende dal grado e dalla causa principale dello sviluppo della patologia. Il trattamento conservativo include:

  • Farmaci antinfiammatori non steroidei: desametasone, prednisolone.
  • Assorbente - Pirogenico, Jodbismut Quinin.
  • Farmaci antiepilettici: clonazepam, diazepam, fenitoina, acido valproico.
  • Diuretici (per il deflusso di liquidi) - Furosemide, mannitolo.
  • Farmaci neuroprotettivi (migliorano i processi metabolici nel cervello) - Piracetam, Thiocetam, Mannitol.

Il trattamento farmacologico comprende il trattamento di focolai di infezione cronici.

Il trattamento chirurgico è indicato per la grave aracnoidite ottico-chiasmale, quando progredisce una diminuzione della vista, che può portare alla sua perdita. In questo caso, la rimozione delle cisti, le aderenze hanno dimostrato di migliorare il deflusso del liquido cerebrospinale. Con l'idrocefalo progressivo, è indicato uno shunt, che porta a un rapido rilascio di liquido dal cervello.

Aracnoidite: conseguenze

Le complicazioni che si verificano dopo l'aracnoidite trasferita sono gravi, poiché sono associate al cervello. Si distinguono le seguenti complicazioni:

  • Convulsioni che richiedono farmaci anticonvulsivanti per tutta la vita.
  • La vista si deteriora.
  • L'idrocefalo ricorrente può essere persistente. La morte è possibile se non viene intrapresa alcuna azione.

L'aracnoidite è una malattia infiammatoria del rivestimento aracnoide (aracnoide) del cervello. La stessa parola "aracnoidite" deriva dalla lingua greca: aracne - ragnatela, eidos - specie. Il nome della malattia fu proposto da A.T. Tarasenkov nel 1845. Sinonimi: meningopatia adesiva delimitata, leptomeningite fibrosante cronica.

L'aracnoidite è un tipo speciale di meningite sierosa. Quando si verifica, gli spazi per il deflusso del liquido cerebrospinale si uniscono, il che interferisce con la normale circolazione del liquido cerebrospinale: inizia ad accumularsi all'interno del cranio e stringe il cervello, causando una condizione pericolosa come l'idrocefalo, aumento della pressione intracranica.

Sintomi

Uno dei sintomi più comuni dell'aracnoidite è il mal di testa, che può manifestarsi in molti modi diversi. Molto spesso, ci sono dolori acuti e acuti che si verificano con un aumento della pressione intracranica. Possono anche scoppiare. In rari casi, è impossibile per il paziente determinare la posizione del dolore, quando sembra che l'intera testa faccia male.

Durante il giorno, il mal di testa può cambiare carattere, ad esempio, al mattino il dolore è più forte e la sera si indebolisce in modo significativo. Può anche diminuire dopo un cambiamento nella posizione del corpo. Il mal di testa è spesso peggiore durante lo sforzo fisico o il sovraffaticamento. Il picco di sensazioni dolorose in alcuni casi è accompagnato da vomito, nausea.

Inoltre, i pazienti di solito lamentano vertigini regolari, che sono irregolari e compaiono in assenza di varie sensazioni di dolore, così come quando il tempo cambia o dopo uno sforzo fisico..

I sintomi della malattia compaiono a seconda del grado di danno al tessuto cerebrale. I principali sintomi dell'aracnoidite includono:

  1. Debolezza generale. I pazienti non desiderano comunicare nemmeno con i parenti, svolgere compiti professionali, poiché non c'è abbastanza forza per questo. Nel tempo, si ritirano in se stessi, diventano irritabili e cedono facilmente all'apatia..
  2. Disturbi del sonno. L'insonnia accompagna spesso una persona con aracnoidite. Ma in alcuni casi, i pazienti si addormentano bene, ma hanno incubi..
  3. Aumento della temperatura corporea. Può essere insignificante, a seconda dello stadio del processo infiammatorio.
  4. Diminuzione della concentrazione, disturbi della memoria. Si osserva quando il processo patologico colpisce le parti del cervello responsabili del pensiero e della memoria. Spesso tali pazienti non ricordano eventi accaduti diverse ore fa..
  5. Acrocianosi. Lo strato superiore dell'epidermide inizia ad acquisire un'insolita tinta bluastra.
  6. Minzione frequente.
  7. Convulsioni In determinate circostanze, può svilupparsi in convulsioni, quando una persona perde conoscenza.
  8. Problema uditivo.
  9. Perdita di odore. Può essere completo o parziale.
  10. Dolore lombare prolungato e frequente.
  11. Intorpidimento degli arti, paralisi temporanea.
  12. Diminuzione della potenza.

I sintomi della malattia compaiono a seconda dell'entità della diffusione del processo patologico. Se si verificano sintomi, è necessario contattare uno specialista che, sulla base dei dati diagnostici, determinerà la diagnosi e prescriverà un regime di trattamento.

Trattamento

Il trattamento viene effettuato in modo permanente. È molto importante eseguire la diagnosi corretta e stabilire la vera causa della malattia. Inoltre, è prescritto un trattamento conservativo con farmaci:

  • Prednisolone - 60 mg / giorno per 2 settimane.
  • Farmaci per ridurre la pressione intracranica.
  • Antistaminici.
  • Analgesici - per forti mal di testa.
  • Farmaci per stimolare il cervello - Cerebrolysin, ecc..
  • Farmaci per il trattamento dei disturbi mentali - antidepressivi, tranquillanti.
  • Se si osservano crisi epilettiche, devono anche essere trattate con farmaci antiepilettici.

I farmaci vengono selezionati individualmente per ciascun paziente, a seconda del tipo di aracnoidite e del focus della sua localizzazione. L'aracnoidite adesiva viene trattata con molto successo con metodi conservativi e per quelli cistici la chirurgia è più efficace. La chirurgia è generalmente indicata quando il trattamento farmacologico è inefficace.

Con un trattamento tempestivo, la prognosi è favorevole. L'aracnoidite più difficile da trattare della fossa cranica posteriore, soprattutto se la formazione di idropisia del cervello. Dopo l'operazione, ai pazienti viene assegnata la disabilità (il gruppo di disabilità dipende dalle complicanze della malattia). Ai pazienti è vietato svolgere attività fisica pesante, trovarsi in stanze rumorose, guidare i mezzi pubblici. È possibile eseguire lavori semplici al di fuori dei capannoni di produzione, senza lunghi soggiorni in strada o in quota.

Classificazione e sintomi della malattia

Esistono diversi tipi di aracnoidite:

  1. Vero. La causa di questa patologia è un processo autoimmune o una reazione allergica. Di solito, questa forma di aracnoidite è considerata comune, poiché può colpire lo strato cellulare superiore della corteccia cerebrale. Questa lesione è piuttosto rara, solo nel 5% dei casi di tutte le malattie delle meningi.
  2. L'aracnoidite residua è innescata da un trauma o da un'infezione che colpisce il sistema nervoso. Il risultato di questa patologia è la comparsa di aderenze e cisti piene di liquido cerebrospinale..

La malattia può anche essere classificata in base ai cambiamenti prevalenti nello spazio subaracnoideo:

  1. Aracnoidite cistica. I tessuti fibrosi crescono tra le membrane, provocando la formazione di cavità piene di liquore.
  2. Adesivo. In questo caso, si forma un versamento, a seguito del quale si sviluppano aderenze sciolte. Interferiscono con la circolazione del liquido cerebrospinale.
  3. Misto. Questa è una combinazione di sintomi e caratteristiche del decorso dei due precedenti tipi di aracnoidite.

Se prendiamo la localizzazione della patologia come base per la classificazione, allora succede:

  1. Diffuso (esteso). Viene diagnosticato nella maggior parte dei casi, poiché il processo infiammatorio si estende a quasi l'intera membrana e colpisce anche i tessuti adiacenti. I sintomi non sono espressi chiaramente. Ci sono segni cerebrali provocati da una ridotta circolazione del liquido cerebrospinale.
  2. Limitato. Tale aracnoidite è rara, perché la membrana aracnoidea non ha confini chiari, quindi l'infiammazione colpisce la maggior parte di essa.
  3. Convesso. L'aracnoidite si diffonde alla parte delle membrane che si trova sulla superficie esterna del cervello. Il suo corso è considerato più facile. Tuttavia, è accompagnato da crisi epilettiche, disturbi emotivi, paralisi e paresi..
  4. Basale. È localizzato alla base del cranio e colpisce il tronco cerebrale, i nervi e il cervelletto. Qui la vista è compromessa e da entrambi i lati. Innanzitutto, il campo visivo cambia in alcuni colori (rosso e verde). Inoltre, appare un intenso mal di testa, le funzioni dei nervi oculomotori sono compromesse. Quando si esamina il fondo, su di esso è visibile l'atrofia del nervo ottico.
  5. Fossa cranica posteriore. Qui la varietà di sintomi è eccezionale. Con danni ai nervi del cranio, sono possibili danni all'udito, danni al nervo trigemino. Se l'infiammazione colpisce il cervelletto, allora c'è un disturbo della coordinazione e delle capacità motorie dei movimenti. Il paziente ha anche una grave sindrome ipertensiva.

L'ultimo parametro di classificazione è il tasso di sviluppo del processo patologico. I seguenti tipi possono essere distinti qui:

  1. Acuto. Se l'aracnoidite si sviluppa molto rapidamente, la temperatura del paziente aumenta notevolmente e compare il vomito abbondante. Tuttavia, questa forma di patologia può essere curata rapidamente, senza gravi conseguenze..
  2. Subacuto. La patologia è in costante progresso, ora esacerbando, poi svanendo. Con l'aracnoidite del cervello, i sintomi aumentano lentamente. In primo luogo, appare l'astenia, grave debolezza e affaticamento, mal di testa moderato, problemi con il background emotivo, aumento dell'irritabilità.
  3. Cronico. Nel tempo, il processo infiammatorio progredisce e la persona mostra segni focali e cerebrali. Ad esempio, il mal di testa si intensifica, si notano nausea e vomito, gli occhi iniziano a ferire. Il paziente sviluppa l'acufene, le punte delle dita diventano blu. Ha costantemente sete, c'è un'alta sensibilità alla luce intensa e ai suoni forti.

Il paziente ha spesso disturbi del sonno e della memoria, appare l'ansia. Altri sintomi sono: sensibilità ai cambiamenti climatici, sudorazione eccessiva, minzione eccessiva, perdita dell'olfatto (completa o parziale).

Chirurgia

L'uso di farmaci non sempre aiuta ad eliminare una malattia come l'aracnoidite cerebrale. In alcuni casi, viene prescritto un trattamento chirurgico. Le indicazioni per l'intervento chirurgico sono:

  • mancanza di miglioramento dopo la terapia farmacologica;
  • un aumento dell'ipertensione intracranica;
  • un aumento dei sintomi focali;
  • la presenza di aracnoidite ottico-chiasmale, che è caratterizzata da un costante deterioramento della vista.

Ad esempio, un'operazione neurochirurgica può essere eseguita con lo sviluppo di un processo adesivo con formazione di aderenze o un processo cistico in una malattia come l'aracnoidite cerebrale del cervello. Un trattamento di questo tipo aiuterà a sbarazzarsi degli ostacoli che interrompono la normale circolazione del liquido cerebrospinale..

Diagnosi della malattia

Affinché il trattamento abbia successo ed efficacia, è molto importante diagnosticare l'aracnoidite in tempo. Per fare la diagnosi corretta, il medico deve condurre uno studio completo delle condizioni della persona, valutare le manifestazioni cliniche della malattia e la storia generale

Pertanto, ci vuole sempre del tempo per determinare la diagnosi corretta..

Prima di tutto, uno specialista dovrebbe escludere la presenza di un tumore al cervello in una persona, perché i segni di queste malattie sono simili. Le tattiche di trattamento di queste malattie sono significativamente diverse e in nessun caso dovresti esitare ad iniziare la terapia.

Per diagnosticare l'aracnoidite vengono utilizzati diversi metodi. Molto spesso, i segni della malattia vengono utilizzati come base. Se il paziente lamenta mal di testa, nella maggior parte dei casi gli viene prescritta una tomografia del cervello. Con l'aiuto di questo tipo di studio, è possibile identificare cambiamenti focali, ingrandimenti di alcune parti del cervello e, in alcuni casi, cisti. Va notato che l'affidabilità di questo tipo di ricerca è di circa il 99%.

Inoltre, il modo in cui è iniziata la malattia è molto importante per determinare la diagnosi corretta. Molto spesso, l'aracnoidite non inizia all'improvviso. Questa malattia è solitamente preceduta da processi infettivi, ad esempio sinusite o otite media purulenta.

Successivamente, la persona sviluppa nausea, che è spesso accompagnata da vomito. All'inizio, gli attacchi sono di natura ondulata, ma con il progredire della malattia diventano permanenti. Nel caso in cui il trattamento dell'aracnoidite non venga avviato tempestivamente, l'uso di farmaci per eliminare la nausea è assolutamente inefficace. Il secondo giorno dopo la nausea, si verifica un mal di testa. Devo dire che la sua intensità aumenta con il progredire della malattia..

Clinica

I sintomi patologici dell'aracnoidite possono essere condizionatamente suddivisi in focali e cerebrali. Questi ultimi sono presenti in tutti i pazienti con aracnoidite in vari gradi di gravità. Questo è un mal di testa, vertigini, pesantezza alla testa, nausea. Sono caratteristici debolezza generale, riduzione delle prestazioni, disturbi del sonno, diminuzione della memoria e dell'attenzione. I pazienti sono irritabili, emotivamente instabili. Spesso con l'aracnoidite, il plesso coroideo del cervello è coinvolto nel processo patologico e si sviluppa la corioependimite. Questo è un complesso di sintomi, che è causato da una ridotta produzione, circolazione e deflusso del liquido cerebrospinale e si manifesta come ipertensione del liquido cerebrospinale. In questo caso, il mal di testa è accompagnato da una fobia della luce e del suono, ha un carattere esplosivo, è più pronunciato di notte e al mattino e peggiora quando si cammina e durante la guida. I sintomi focali dipendono dalla localizzazione predominante del processo.

Aracnoidite convessitale

In questa malattia, le meningi negli emisferi cerebrali sono colpite. L'aracnoidite convessitale è caratterizzata dalla presenza di convulsioni convulsive generali, epilessia jacksoniana, sintomi autonomici, sindrome astenica.

Aracnoidite basale

Con la lesione del chiasma ottico nei pazienti, un restringimento dei campi visivi, una diminuzione asimmetrica dell'acuità visiva, disturbi oculomotori (visione doppia, difficoltà a muovere gli occhi verso l'alto o di lato, vaghezza degli oggetti, ecc.), Si rivelano disturbi del sonno. L'aracnoidite basale della regione inter-pettorale si manifesta con la disfunzione dei nervi oculomotori, in alcuni casi, e di altri nervi cranici. Con l'aracnoidite con danni alla cisterna laterale, i pazienti sono preoccupati per un mal di testa che si irradia ai bulbi oculari, dietro la regione dell'orecchio. Successivamente, compaiono capogiri sistemici, tinnito, perdita dell'udito, nistagmo (movimenti oculari oscillatori rapidi involontari). Allo stesso tempo, i nervi uditivo, facciale e trigemino sono coinvolti nel processo patologico..

Aracnoidite della fossa cranica posteriore

Questo tipo di aracnoidite è caratterizzato da mal di testa nella regione occipitale, nausea, sintomi meningei, disturbi mentali. Nel fondo vengono determinati i dischi stagnanti dei nervi ottici con segni della loro atrofia.

Aracnoidite dell'angolo cerebellopontino

La malattia è caratterizzata da mal di testa persistente e vertigini. Quando cammina, il paziente barcolla e cade da un lato all'altro. Possono comparire nistagmo, disturbi piramidali (paresi, paralisi, riflessi patologici). A volte sono colpiti i nervi cranici (uditivo, trigemino, adducente, facciale).

Con l'aracnoidite diffusa, domina la sindrome del liquido cerebrospinale.

Prevenzione della comparsa di aracnoidite

La diagnosi tempestiva di aracnoidite ai primi sintomi di anomalie neurologiche previene lo sviluppo della malattia. Esame dopo malattie infettive, lesioni cerebrali devono essere eseguite se il mal di testa si manifesta nel tempo. I focolai di infezione, soprattutto quelli purulenti, devono essere trattati fino al completo recupero, prevenendone la cronicità.

L'aracnoidite appartiene alla categoria dell'infiammazione sierosa, accompagnata da un rallentamento del deflusso sanguigno e da un aumento della permeabilità delle pareti dei capillari. Come risultato di tale infiammazione, la parte liquida del sangue penetra attraverso le pareti nei tessuti molli circostanti e ristagna in essi..

L'edema provoca un leggero dolore e un leggero aumento della temperatura, influisce moderatamente sulle funzioni dell'organo infiammato.

Il pericolo maggiore è una proliferazione significativa e persistente del tessuto connettivo quando la malattia viene ignorata o non trattata. Quest'ultimo è la causa di gravi violazioni nel lavoro degli organi..

Aracnoidite cerebrale: guarigione dalla malattia

L'aracnoidite è una patologia basata sul danno alle meningi e sulla formazione di aderenze e cisti tra l'aracnoide e la pia madre, nonché i ventricoli del cervello, che impedisce la circolazione del liquido cerebrospinale e ha un effetto irritante sulla sostanza cerebrale. L'aracnoidite cerebrale è una malattia rara del sistema nervoso. Il processo patologico può svilupparsi a seguito di una reazione autoimmune, quando nel corpo si formano anticorpi contro le membrane del cervello. Questa è la cosiddetta vera aracnoidite. In altri casi, la malattia procede sotto forma di effetti residui dopo neuroinfezioni, lesioni alla testa.

Aracnoidite o perché il rivestimento del cervello è infiammato

Aracnoidite: quando si verifica l'infiammazione

Non sorprenderai nessuno con il mal di testa. Accompagna molte malattie. Influenza, emicrania, osteocondrosi cervicale, malattie del sistema cardiovascolare, intossicazione da alcol, farmaci, malattie endocrine e così via. Tuttavia, l'aracnoidite spicca tra le malattie caratterizzate dal mal di testa. Il fatto è che con l'aracnoidite la testa fa male quasi costantemente. Solo la gravità del mal di testa varia: diventa più forte, quindi più debole, intensificandosi sotto l'influenza di sovraccarico fisico e mentale, ipotermia e altri motivi. Cos'è l'aracnoidite? Il nome di questa malattia deriva dalla parola greca "arachne" - ragno. L'aracnoidite è un'infiammazione della membrana aracnoidea del cervello, una sottile rete di vasi sanguigni e formazioni di tessuto connettivo che ricoprono l'esterno del cervello. Normalmente, il cervello sembra galleggiare in "laghi di liquido cerebrospinale", cioè liquido cerebrospinale. Tuttavia, se c'è un processo infiammatorio, la circolazione del liquido cerebrospinale è disturbata, il suo deflusso dalla testa al midollo spinale è difficile e i nervi cranici si infiammano. Pertanto, la causa principale dell'aracnoidite è la penetrazione dell'infezione. Ciò accade a seguito di complicazioni in infezioni comuni come influenza, polmonite, morbillo e altri. Anche i punti focali dell'infezione focale sono pericolosi: sinusite, tonsillite, otite media. L'aracnoidite può anche verificarsi a seguito di un'infiammazione asettica che non è associata a danno microbico. Ciò si verifica, in particolare, con lesioni cerebrali traumatiche. A volte l'aracnoidite si sviluppa in pazienti con encefalite.

Segni e forme di aracnoidite

L'aracnoidite differisce in diverse forme di localizzazione, tuttavia, indipendentemente da ciò, ha una serie di caratteristiche comuni:

  • si verifica 10-12 giorni dopo una malattia infettiva;
  • mal di testa di un personaggio che scoppia o incalza. Il vomito è possibile all'altezza del mal di testa;
  • disturbi del sonno;
  • diminuzione delle prestazioni, debolezza, affaticamento;
  • deterioramento della vista;
  • instabilità emotiva.

Esistono tre forme principali di aracnoidite, ognuna delle quali ha le sue caratteristiche:

  • optochiasmale, o aracnoidite della fossa cranica anteriore (una conseguenza dell'infiammazione nei seni paranasali). È caratterizzato da disabilità visiva, che può svilupparsi lentamente o, al contrario, rapidamente. Nel fondo sono possibili ristagno o neurite, atrofia dei dischi del nervo ottico, atrofia del nervo ottico. Può verificarsi una doppia visione. A volte si sviluppano disturbi metabolici: diabete insipido, obesità e così via.
  • aracnoidite della fossa cranica posteriore (il più delle volte una conseguenza di una malattia dell'orecchio medio). Si manifesta come un intenso mal di testa che si intensifica periodicamente con nausea e vomito e può svilupparsi l'idrocefalo. Spesso la malattia assomiglia a un tumore al cervello.
  • aracnoidite convessitale. Caratterizzato da convulsioni, che a volte causano perdita di coscienza.

Più spesso le donne si ammalano di aracnoidite.

Difficoltà nella diagnosi dell'aracnoidite

La diagnosi di aracnoidite è molto difficile. Anche l'uso di metodi di ricerca moderni non garantisce un risultato accurato. Tuttavia, è abbastanza comune. È la sua prevalenza che alcuni medici spiegano un gran numero di pazienti con ipocondria e disturbi astenonurotici.

Trattamento e prevenzione dell'aracnoidite

Se ci sono focolai infettivi batterici, il medico prescrive antibiotici, sulfonamidi. In tutti i casi di aracnoidite sono indicati preparati di iodio, biostimolanti, diuretici, analgesici. La prognosi per la vita e il lavoro è favorevole. Tuttavia, è quasi impossibile riprendersi completamente dall'aracnoidite, è una malattia cronica. Pertanto, è così importante prevenire il verificarsi di questa malattia. Come profilassi dell'aracnoidite, è possibile utilizzare la prevenzione, la diagnosi precoce e il trattamento tempestivo di malattie infettive acute, focolai di infezione focale e trauma craniocerebrale. Basato sull'articolo "Aracnoidite - infiammazione della membrana aracnoide del cervello".

Trattamento con rimedi popolari

In una fase iniziale dello sviluppo della malattia, è possibile utilizzare rimedi popolari.

Va notato che i metodi della medicina tradizionale sono solo un'aggiunta al trattamento principale. È impossibile riprendersi completamente dall'aracnoidite senza l'uso di farmaci e senza ricevere cure mediche altamente qualificate.

Come rimedi popolari per alleviare i sintomi, usa:

  1. Agrimonia. Le radici della pianta vengono accuratamente macinate in polvere e asciugate per un po '. È necessario prendere agrimonia 3 volte al giorno 20 minuti prima dei pasti.
  2. Bardana. La foglia della pianta viene lavata, impastata e applicata su un punto dolente sulla testa.
  3. La sequenza. La pianta viene essiccata e bollita con acqua bollente in un rapporto di 1 cucchiaio. l. giri per 1 litro d'acqua. L'infuso va tenuto per 30 minuti e poi bevuto come tè durante la giornata.

Con un trattamento adeguato e tempestivo, la prognosi è favorevole. Indipendentemente dalla gravità della malattia, al momento del recupero, al paziente viene rilasciato un certificato di disabilità. Ai pazienti vengono prescritte raccomandazioni, tra cui la limitazione dell'attività fisica, la limitazione delle visite in luoghi rumorosi, la prevenzione regolare delle malattie virali stagionali.

Le ragioni principali per lo sviluppo

Esistono due tipi principali di aracnoidite cerebrale. Il primo si chiama vero. Si verifica quando ci sono malattie autoimmuni nel corpo. Il secondo tipo è residuo. È caratterizzato dallo sviluppo di cambiamenti fibrotici nello strato aracnoideo del cervello e si sviluppa dopo gravi traumi craniocerebrali o processi infettivi nei tessuti del cervello..

La vera forma è caratterizzata da un rapido sviluppo e dalla presenza di cambiamenti diffusi nell'organo. Ma questo accade in una piccola percentuale di pazienti. Il resto ha manifestazioni locali che non si sviluppano.

L'aracnoidite cerebrale può svilupparsi per ragioni abbastanza semplici. Più della metà dei casi è associata a malattie infettive. Il processo patologico nello strato aracnoideo del cervello si sviluppa più spesso dopo meningite, varicella, influenza, meningoencefalite, morbillo, infezione da citomegalovirus e molti altri.

Non ultimo ruolo in questo è giocato da focolai cronici di lesioni purulente situate al centro del cranio. Questo accade con sinusite, tonsillite, otite media, mastoidite, parodontite.

Circa il trenta percento dei pazienti con aracnoidite ha precedentemente subito una lesione cerebrale traumatica, accompagnata da sanguinamento nello strato aracnoideo del cervello e nei tessuti vicini.

La gravità della lesione non influisce sullo sviluppo della malattia. Il processo patologico può verificarsi anche con lesioni lievi. In alcuni casi, non è possibile stabilire la causa dello sviluppo della malattia..

Ma gli esperti sono riusciti a identificare i fattori sotto l'influenza di cui aumenta il rischio di un processo infiammatorio. Questi includono:

  • sovraccarico costante, forte stress fisico ed emotivo;
  • stress e depressione frequenti;
  • avvelenamento da droghe, abuso di alcol, intossicazione da microrganismi patogeni;
  • vivere in aree con una cattiva situazione ambientale;
  • lavorare in industrie pericolose;
  • frequenti lesioni alla testa;
  • frequente incidenza di infezioni virali respiratorie acute.

Lo strato aracnoideo si trova nel mezzo tra le membrane molli e dure del cervello. Non si connette con loro, ma è molto vicina. Fattori sfavorevoli portano al fatto che gli anticorpi iniziano a essere sintetizzati nel corpo, il che influisce negativamente su questo particolare strato. Agiscono su questi tessuti in modo tale da sviluppare processi autoimmuni e infiammatori.

Ciò porta ad ispessimento, ispessimento e annebbiamento dello strato, sviluppo di neoplasie cistiche e aderenze del tessuto connettivo in esso. Questo processo termina con lo sviluppo dell'idropisia cerebrale e della crisi ipertensiva-CSF.

Cause di patologia

Le vere cause dell'aracnoidite cerebrale non possono sempre essere determinate, il che complica notevolmente il processo di trattamento. Secondo le statistiche, nel 10-15% dei casi, gli specialisti non riescono a scoprire cosa sia diventato l'agente eziologico dell'infiammazione.

Per la causa principale dell'evento, l'aracnoidite cerebrale è divisa in due forme:

  • Vero. Le interruzioni autoimmuni e le allergie sono spesso la causa della vera aracnoidite. A causa di disturbi nel funzionamento del sistema immunitario, il corpo inizia a produrre attivamente anticorpi, il cui scopo è combattere il proprio strato aracnoideo. L'influenza aggressiva da parte loro innesca il processo infiammatorio. In forma grave, la vera aracnoidite acquisisce proprietà diffuse, motivo per cui c'è un danno diffuso ai tessuti della membrana aracnoidea. È accompagnato da disturbi mentali, spasmi muscolari e crampi, disturbi della vista e dell'udito.
  • Residuo. Se l'infiammazione dello strato aracnoideo è una conseguenza di una lesione o dell'esposizione a una malattia infettiva, si parla di residuo. Numerose aderenze, cisti e cicatrici indicano la presenza di questa particolare forma di patologia. In tal caso, l'aracnoidite può essere causata da malfunzionamenti del sistema immunitario, virus, contusioni e commozioni cerebrali, disturbi endocrini, grave intossicazione del corpo, che implica sia la comparsa di sostanze ed elementi potenzialmente letali nel sangue, sia l'assunzione regolare di droghe, incluso l'alcol.

Diagnosi di aracnoidite cerebrale

Nella maggior parte dei casi, chiari segni di aracnoidite del cervello, che possono essere chiamati capogiri, frequenti mal di testa con nausea e vomito regolari, non destano sospetti nel paziente. Nella fase iniziale, compaiono più volte durante il mese e solo quando la malattia diventa cronica si verificano abbastanza spesso e durano a lungo, quindi costringono una persona a cercare aiuto medico.

La difficoltà sta nel fatto che i sintomi dello sviluppo di aracnoidite sono caratteristici di un gran numero di disturbi, quindi il trattamento è spesso ritardato. Per fare una diagnosi accurata, il medico dovrà condurre una serie di esami:

  1. Esame oftalmologico. Il tipo più comune di malattia è l'aracnoidite ottico-chiasmale. Circa la metà dei pazienti presenta segni di lesioni della fossa cranica posteriore.
  2. Risonanza magnetica. Questo metodo di ricerca consente di stabilire la presenza di infiammazione nel cervello nel 99% dei casi. L'esame rivela la presenza di cisti e infiammazioni nella membrana aracnoidea del cervello. Consente inoltre di escludere altre patologie che hanno le stesse manifestazioni (ascesso, tumore, ecc.).

Accumulo di liquido cerebrospinale nello spazio convessitale. Aracnoidite cerebrale alla risonanza magnetica in modalità T2

  1. Un esame del sangue clinico consente di determinare il processo infiammatorio nel corpo e la presenza di infezioni in esso. Puoi anche identificare uno stato di immunodeficienza, cioè trovare le ragioni principali per lo sviluppo della malattia.
  2. La radiografia consente di diagnosticare l'ipertensione intracranica.
  3. La consultazione con un otorinolaringoiatra è indicata per le persone con manifestazioni di perdita dell'udito.
  4. La puntura lombare consente di determinare il livello di pressione intracranica. In caso di sviluppo di aracnoidite cerebrale, è possibile rilevare una maggiore quantità di proteine ​​e neurotrasmettitori nel liquido cerebrospinale.

Solo dopo un esame completo e una diagnosi accurata, il medico sarà in grado di prescrivere il trattamento corretto.

Diagnostica

La diagnosi di aracnoidite cerebrale richiede la partecipazione di uno specialista altamente qualificato. Solo un neurologo esperto è in grado di stabilire le vere cause della patologia. L'esame inizia con una raccolta approfondita dell'anamnesi del paziente, dopo di che vengono assegnati studi strumentali dettagliati. Sono necessari per la diagnosi completa dell'aracnoidite..

Pertanto, il medico prescrive:

  • Radiografia del cranio.
  • Ecoencefalografia.
  • Elettroencefalografia.
  • Risonanza magnetica.
  • Tomografia computerizzata.
  • Puntura lombare.

Dopo l'esame sarà possibile fare i primi pronostici. La diagnostica in neurologia con aracnoidite ha lo scopo di valutare le condizioni del paziente, localizzare focolai infiammatori, determinare la durata della malattia e la pressione intracranica.

Tipi di aracnoidite

L'aracnoidite è un processo infiammatorio nella membrana aracnoide (aracnoide), che porta conseguenze dannose per il corpo. Il termine stesso solleva molte domande, poiché implica un decorso isolato della malattia, il che è impossibile. La ragione di ciò è l'assenza del sistema vascolare all'interno dello strato aracnoideo. Dopo numerosi studi si è deciso di attribuire i segni dell'aracnoidite alla meningite sierosa, concetto più ampio.

Il decorso della malattia è molto vario, quindi ha una classificazione abbastanza ampia. Esistono diverse categorie di malattia, a seconda della posizione dei focolai di infiammazione, del grado di deformazione dello spazio sotto la membrana aracnoidea e dell'agente patogeno primario.

L'aracnoidite non si diffonde esclusivamente all'interno del cranio. Esistono due forme principali della malattia nel luogo in cui si verifica:

  • Cerebrale.
  • Spinale.

Aracnoidite cerebrale

Questo tipo di aracnoidite è giustamente considerata la sua forma più comune ed è determinata dal verificarsi di infiammazione primaria all'interno della membrana aracnoidea del cervello.

Una localizzazione più accurata del processo patologico implica l'esistenza di diversi scenari per lo sviluppo della malattia:

Diffondere. In questi casi, la maggior parte della superficie del cervello viene catturata dal processo infiammatorio. I suoi fuochi si trovano ovunque, in diverse aree della membrana aracnoidea. La forma diffusa è la più rara, poiché solitamente la malattia è localizzata all'interno di zone specifiche.

Basilare. Il verificarsi di focolai di infiammazione nella cavità cranica anteriore o media indica una forma basilare

Nel tempo, la patologia progressiva porta ad un aumento della pressione intracranica, ridotta attenzione e memoria, altre funzioni cognitive del cervello.

Aracnoidite convessitale. Caratterizzato da danni ai tessuti alla superficie convessa del cervello

I segni di malattia includono convulsioni, spasmi muscolari, perdita sistematica di coscienza.

Scenario basale. Include molte altre forme di malattia. L'infiammazione può essere riscontrata nella regione chiasmale del cervello, all'interno della fossa posteriore o dell'angolo cerebellare-pontino. Queste forme sono determinate da danni al nervo uditivo, visione, disfunzione dell'apparato vestibolare e successivo vomito.

Infiammazione del rivestimento del midollo spinale

La forma spinale dell'aracnoidite comporta l'infiammazione della membrana aracnoidea del midollo spinale. La sua insorgenza è spesso dovuta alla complicazione di infezioni preesistenti, in particolare tubercolosi, tifo e meningite. È anche possibile l'influenza di altri fattori, tra cui intossicazione, ipotermia o lesioni fisiche. Con la malattia compaiono:

  • Malessere generale.
  • Convulsioni e tremori degli arti.
  • Problemi con il funzionamento degli organi del sistema genito-urinario.
  • Forte dolore alla schiena.

Non esiste un trattamento definito per tale aracnoidite, pertanto le misure di benessere sono generalmente volte a ridurre il livello di disagio e sintomi. Ai primi accenni di aracnoidite, è necessario eseguire immediatamente uno studio completo del midollo spinale..

Aracnoidite cistica, aderente e mista

Con lo sviluppo dell'aracnoidite del cervello, si verifica la deformazione di alcune aree sotto l'aracnoide. La natura della loro sconfitta si distingue in altre tre forme di malattia:

  • Forma cistica. Secondo il suo nome, questa specie comporta lo sviluppo di ingrossamenti cistici, che riempiono il liquido cerebrospinale. La deformazione dei tessuti è dovuta alla loro crescita nell'area tra le membrane a causa dell'influenza del processo infiammatorio.
  • Aracnoidite adesiva. È caratterizzato da formazioni purulente sullo strato aracnoideo. Inoltre, compaiono numerose aderenze tra le membrane, che interferiscono con il normale flusso del liquido cerebrospinale. Di conseguenza, una persona affronta mal di testa cronici..
  • Misto. È considerata una delle forme più rare di patologia. L'infiammazione estesa con focolai purulenti e cisti porta all'adesione delle membrane del cervello. Le aree più colpite si uniscono, che è accompagnata da attacchi di forte mal di testa, convulsioni, convulsioni, contrazioni involontarie degli arti.

Patogenesi della malattia

Per capire cos'è l'aracnoidite, è necessario comprendere il processo del suo sviluppo. Il tessuto connettivo si trova tra il guscio duro e quello molle del cervello, che sembra una ragnatela. È separato dal guscio molle dallo spazio subaracnoideo, in cui circola il liquido cerebrospinale e si trovano i vasi sanguigni, il cui compito è nutrire il cervello.


La figura mostra le membrane del cervello

Come risultato dell'infezione, si verifica un processo infiammatorio, che porta ad un annebbiamento della membrana e alla comparsa di foche in essa. Pertanto, compaiono aderenze tra la membrana aracnoidea e i vasi sanguigni, che interferiscono con la circolazione del fluido. A poco a poco, le cisti compaiono qui.

L'infiammazione della membrana aracnoidea porta al fatto che la pressione intracranica aumenta a causa di:

  1. Disturbi del deflusso di liquidi.
  2. Disturbi dell'assorbimento del liquido cerebrospinale attraverso il rivestimento esterno del cervello.

Con una malattia autoimmune, è possibile la produzione di anticorpi, che hanno un effetto deprimente sul tessuto della membrana aracnoidea. In questo caso, il processo infiammatorio può verificarsi solo in questo guscio. Questa condizione è chiamata vera aracnoidite..

L'immunologo della clinica medica di Mosca Ermakov Georgy Alexandrovich ti dirà di più sulla patologia, i suoi sintomi, i gruppi a rischio ei metodi di terapia:

Se la malattia si è manifestata dopo un infortunio o un'infezione, questa condizione è chiamata residua. La maggior parte dei pazienti sono giovani di età inferiore ai 40 anni. Sono a rischio anche i bambini, le persone con un'immunità indebolita, disturbi metabolici e che soffrono di dipendenza da alcol o droghe. Inoltre, gli uomini sono suscettibili alle malattie 2 volte più spesso delle donne.

Sintomi dell'aracnoidite

La violazione della circolazione del liquido cerebrospinale è accompagnata dal suo accumulo nei ventricoli e dalla formazione di cisti. Di conseguenza, il deflusso del liquido cerebrospinale diventa difficile, si verifica un aumento della pressione intracranica, che è accompagnato da sintomi caratteristici. I principali sintomi dell'aracnoidite:

  1. Mal di testa, vertigini.
  2. Rumore, ronzio nelle orecchie.
  3. Attacchi di nausea accompagnati da vomito.
  4. Violazioni del sistema nervoso autonomo - violazione dell'attività contrattile del muscolo cardiaco, respirazione rapida e irregolare, aumento della sudorazione, disturbo della termoregolazione.
  5. Disfunzione visiva.
  6. Affaticamento eccessivo.
  7. Sindrome convulsiva.

I sintomi della malattia possono comparire diversi mesi dopo aver provocato fattori.

Segni cerebrali generali

Il quadro clinico nelle prime fasi assomiglia al decorso dell'astenia o della nevrastenia, con una forma acuta e rapidamente progressiva - il decorso della meningite. La temperatura corporea del paziente aumenta, compaiono i sintomi meningei caratteristici - reazioni riflesse che si verificano quando le meningi sono irritate. Tra loro:

  • Rigidità (testardaggine, durezza) dei muscoli occipitali.
  • Il sintomo di Brudzinsky (superiore e inferiore). Flessione riflessa degli arti inferiori nell'articolazione del ginocchio e dell'anca, causata dalla pressione sull'articolazione pubica o dal tentativo di portare il mento del paziente al torace in posizione supina.
  • Il sintomo di Kernig. Contrazione riflessa dei muscoli flessori dell'articolazione del ginocchio quando si cerca di raddrizzare le gambe all'altezza del ginocchio. Il reflex test viene eseguito in posizione supina con gli arti inferiori piegati all'articolazione dell'anca (angolo 90 °).

I sintomi meningei dell'aracnoidite acuta che si verificano nel cervello sono meno pronunciati rispetto alla meningite. La forma cronica della malattia procede con sintomi simili ai segni della formazione di tumori nei tessuti del midollo, manifestati dalla sindrome pseudotumorosa.

Durante l'esame radiografico, il paziente presenta ipertensione cerebrale, accompagnata da nausea, vomito, disturbi della coscienza e convulsioni. L'esame oftalmologico rivela la congestione dei dischi del nervo ottico.

A differenza dei processi tumorali, questi sintomi non progrediscono nell'aracnoidite cronica, si osservano periodi di remissione e un'esacerbazione dei sintomi è associata a malattie infettive ripetute. L'aracnoidite cerebrale diffusa non è accompagnata da sintomi focali distinti.

Ci sono disturbi cerebrali generali: dolore nella zona della testa, che sono persistenti o parossistici, nausea, vertigini, disturbi psico-emotivi, fallimenti nel sistema nervoso autonomo. La violazione del movimento del liquido cerebrospinale provoca crisi, aumento dei sintomi.

Manifestazioni focali

I sintomi focali dipendono dalla localizzazione del processo infiammatorio. Quando il fuoco dell'infiammazione è localizzato nella regione dell'angolo cerebellopontino, c'è una violazione della sensibilità della pelle e del gusto, trisma (tensione dei muscoli masticatori), disfunzione uditiva e visiva (strabismo, visione doppia), emiplegia (paralisi muscolare in un lato del corpo), paralisi dei muscoli facciali. La forma basale è accompagnata dalla perdita dei campi visivi.

Sintomi di patologia

I segni con cui un medico può sospettare una malattia sono un insieme di sintomi di un disturbo cerebrale generale. Tuttavia, ci sono sintomi caratteristici dell'aracnoidite:

  1. Mal di testa in alcuni casi accompagnato da nausea e persino vomito. Per lo più preoccupa il paziente al mattino. Il dolore è di natura locale. Dopo ogni sforzo (movimento improvviso, sforzo, ecc.), Le sue manifestazioni si intensificano.
  2. Vertigini.

Maggiori informazioni sulle cause delle vertigini. Ti diremo cosa ti fa girare la testa.

  1. Debolezza generale del corpo.
  2. Disturbi del sonno.
  3. Compromissione della memoria.
  4. Irritabilità aumentata.

Il dottor Myasnikov Alexander Leonidovich nel programma "Sulla cosa più importante" parlerà delle cause cliniche più allarmanti di un mal di testa acuto e grave:

Di norma, durante la malattia, l'intera superficie della membrana aracnoidea si infiamma. In caso di aracnoidite limitata, le violazioni si verificano in un'area separata. A seconda di dove si trova il focus della malattia, sono possibili i seguenti sintomi:

  • Il tipo convesso di aracnoidite si manifesta con l'irritazione del cervello. In questo caso, il paziente può avere convulsioni simili all'epilettico.
  • Se l'edema è più sviluppato nella regione occipitale, si verificano problemi di udito e vista. Il paziente nota una perdita del campo visivo e durante l'esame del fondo, il medico può notare neurite ottica.
  • Il paziente reagisce bruscamente al cambiamento del tempo. Allo stesso tempo, sviluppa sudorazione eccessiva o brividi. In alcuni casi, una persona lamenta una costante sensazione di sete. A volte si nota un aumento del peso corporeo.
  • Quando l'angolo cerebellare è influenzato, il dolore si manifesta nella parte posteriore della testa, vertigini e tinnito. Si verifica uno squilibrio.


La figura mostra le cisterne più grandi dello spazio subaracnoideo. A seconda della localizzazione dell'infiammazione, il paziente ha diverse manifestazioni cliniche della malattia.

  • L'aracnoidite cistica può avere varie manifestazioni associate alla natura delle aderenze. Se non porta ad un aumento dell'ICP, la malattia potrebbe non essere rilevata per diversi anni. Durante questo periodo, l'equilibrio si deteriora gradualmente e la sincronizzazione viene persa..
  • Con danni ai lobi anteriori del cervello, la memoria diminuisce, lo stato psicologico del paziente è disturbato, compaiono convulsioni e varie deviazioni mentali..
  • È molto difficile identificare l'aracnoidite cerebrale adesiva, poiché non è caratterizzata dalla localizzazione delle manifestazioni ei sintomi sono simili a quelli di molte malattie.
  • Se l'aracnoidite ha colpito le cisterne occipitali, allora ci sono segni di danni al nervo facciale. La temperatura corporea del paziente aumenta.

Leggi le principali cause della paralisi di Bell (infiammazione del nervo facciale) in un articolo dettagliato.

Va notato che l'aracnoidite cerebrale non si sviluppa spontaneamente. Dal momento della malattia infettiva trasferita alla comparsa dei primi sintomi, possono essere necessari almeno diversi mesi o anche 1 anno. In caso di lesioni, la malattia può manifestarsi solo 2 anni dopo il danno cerebrale. Le fasi di esacerbazione della malattia sono sempre sostituite da periodi di remissione.

L'inizio della patologia è subacuto. Il paziente lamenta irritabilità, mal di testa o vertigini, debolezza costante e affaticamento. Nel tempo, quando il processo infiammatorio progredisce, sviluppa segni focali o cerebrali della malattia..

Il neurologo Mikhail Moiseevich Shperling parla dei sintomi dell'aumento della pressione intracranica:

In questa malattia, la formazione di aderenze e la fusione delle membrane del cervello sono caratteristiche, di conseguenza, il deflusso del liquido cerebrospinale è necessariamente interrotto. Con l'accumulo di liquido cerebrospinale nello spazio subaracnoideo o nelle cisti, ciò porta all'espansione delle cavità cerebrali. Pertanto, aumenta la pressione intracranica, che è considerata uno dei principali sintomi della malattia..

Trattamento

Le misure terapeutiche mirano a sopprimere l'infezione, normalizzare la pressione intracranica, migliorare la circolazione sanguigna e il metabolismo del tessuto cerebrale. I pazienti sono ricoverati in un ospedale neurologico, dovrebbero essere forniti di pace, buona alimentazione e sonno. Per ottenere buoni risultati, il trattamento deve essere completo e a lungo termine..

I principali medicinali usati per trattare l'aracnoidite sono:

  • antibiotici (cefalosporine, macrolidi);
  • antistaminici (tavegil, suprastin, cetirizina);
  • riassorbibile (lidasi, pirogenico);
  • iodio (ioduro di potassio, bilochinolo);
  • corticosteroidi (prednisone);
  • diuretici (diacarb, mannitolo, furosemide);
  • anticonvulsivanti (seduxen);
  • metabolico (cerebrolysin, acido glutammico);
  • sedativi e tranquillanti.

Se, dopo un ciclo di trattamento farmacologico, non si verifica alcun miglioramento, i sintomi focali continuano ad aumentare e la pressione intracranica aumenta, viene eseguita la chirurgia. Può essere utilizzato per scollegare le aderenze, rimuovere le cisti, migliorare il deflusso del liquido cerebrospinale, ecc..

Funzionalità diagnostiche

Prima di iniziare il trattamento per l'aracnoidite, il paziente deve essere attentamente esaminato al fine di determinare con precisione il tipo di processo patologico. Per fare ciò, è necessario condurre i seguenti studi:

  • Radiografia della testa (consente di determinare la pressione intracranica, ma non è considerata un metodo altamente efficace);
  • elettroencefalografia;
  • ecoencefalografia;
  • MRI o TC (l'affidabilità di questi metodi è molto alta, perché consentono non solo di determinare la presenza e la localizzazione delle cisti, ma anche la loro struttura);
  • puntura lombare (consente di determinare il livello di pressione del liquido cerebrospinale);
  • esame del sangue (rivela la presenza di un processo infiammatorio nel corpo).

Il paziente avrà anche bisogno di consultare un otorinolaringoiatra e un oftalmologo. Il medico curante è obbligato a raccogliere una storia completa, che dovrebbe indicare se il paziente ha avuto lesioni nel recente passato, quali patologie croniche ha. La diagnostica dovrebbe essere differenziale, perché i sintomi presentati sopra possono dare anche altre malattie (tumori cerebrali).

Conseguenze dell'aracnoidite

Alcuni medici ritengono che l'aracnoidite sia completamente curabile se inizi a usare i farmaci in tempo. Altri credono che come risultato del processo autoimmune, i ritmi sistemici del corpo vengano interrotti, che non possono più essere ripristinati, ma possono essere mantenuti con la terapia. L'intervento chirurgico evita conseguenze come cecità, morte prematura, epilessia, disabilità.

La chirurgia fornisce un ritardo per un trattamento complesso. La terapia farmacologica consente di alleviare l'infiammazione e il gonfiore, fermare la formazione di cisti e aderenze. Nel tempo, le normali funzioni dei ventricoli per la riproduzione del liquido cerebrospinale vengono ripristinate e la membrana aracnoide riacquista la capacità di drenare il liquido cerebrospinale dalla cavità cerebrale.


Cercare aiuto in anticipo è la chiave per un risultato favorevole

L'aracnoidite del cervello o del midollo spinale è una malattia autoimmune causata da una malattia infettiva o da un trauma. Il periodo di sviluppo varia da 1 a 6 anni. I sintomi iniziali si riducono a mal di testa, malessere, disturbi del sonno, nausea e vomito e restringimento dei campi visivi. La patologia provoca la comparsa di aderenze e formazioni cistiche nelle cavità dello spazio subaracnoideo. Il gonfiore della membrana aracnoidea e la sua infiammazione rendono impossibile il deflusso del liquido cerebrospinale. La malattia viene trattata con farmaci con intervento chirurgico se necessario.

Sintomi: come si manifesta la meningite

I sintomi, ovviamente, sono molto diversi e soggettivi, ma possiamo elencare i sintomi che si manifestano più spesso in un paziente e sulla base dei quali il medico fa la prima diagnosi:

  • Nausea, spesso accompagnata da vomito.
  • Fotofobia (maggiore sensibilità alla luce).
  • Mal di testa - è un sintomo tipico della meningite acuta, soprattutto batterica.
  • Dolore muscolare.
  • Febbre, molto alta.
  • Perdita di conoscenza.
  • Epilessia.

Articolo Successivo
Unguenti per il trattamento delle emorroidi nelle donne in gravidanza