Malattie dei vasi cerebrali: tipi, sintomi e trattamento


Questo articolo descrive le malattie e le condizioni comuni dei vasi cerebrali. I loro sintomi, eziologia, trattamento.

Il cervello ha bisogno di una maggiore quantità di energia per funzionare correttamente. L'ossigeno e le sostanze nutritive nel flusso sanguigno entrano nelle cellule nervose. Con l'aiuto di un buon afflusso di sangue ai grandi vasi, il cervello può funzionare adeguatamente per molto tempo.

Due arterie carotidee e due vertebrali alimentano il cervello, i cui rami si uniscono e formano un cerchio di Willis. Con l'aiuto di questo sistema chiuso, si verificano reazioni compensatorie.

Ma con una compensazione prolungata, i vasi sono meno in grado di svolgere la funzione di un'altra arteria. In questo contesto, si sviluppa un'insufficienza circolatoria cronica. Con l'immediata mancanza di circolazione sanguigna, si sviluppano condizioni acute.

Queste malattie si verificano sia in giovane che in vecchiaia..

Le malattie comuni dei vasi cerebrali includono:

  1. Aterosclerosi.
  2. Encefalopatia.
  3. Ictus.
  4. Distonia vegetovascolare.
  5. Aneurisma.

Vasospasmo cerebrale

Una condizione caratterizzata da un restringimento delle pareti dei vasi del cervello è chiamata spasmo..

L'eziologia di questa condizione è un'intensa contrazione vascolare a lungo termine. Lo spasmo porta a un'emostasi compromessa.

Sintomi di vasospasmo cerebrale

  • Vertigini.
  • Nebbia davanti agli occhi.
  • Rumore nelle orecchie.
  • Mal di testa in diverse parti della testa (frequente, prolungato, può verificarsi quando le condizioni meteorologiche cambiano).
  • Nausea.
  • Compromissione del linguaggio.
  • Coordinazione alterata.
  • Compromissione della memoria.

Cause di vasospasmo cerebrale

  • Mancanza di ossigeno nella stanza.
  • Cattive abitudini.
  • Non riposare e dormire a sufficienza.
  • Sovratensione prolungata.
  • Malattie concomitanti (distonia vegetativa-vascolare, malattie cardiache, disturbi delle ghiandole endocrine, malattie renali, neoplasie cerebrali, osteocondrosi del rachide cervicale).
  • Ipotermia della testa.
  • Situazioni stressanti.
  • Stress emotivo (comprese le emozioni positive).

Fattori predisponenti

  • Situazione ecologica.
  • Condizioni di vita e di lavoro.
  • Età anziana.
  • Nutrizione impropria, ecc..

Trattamento del vasospasmo cerebrale

  • Terapia farmacologica:
  1. Farmaci nootropici per migliorare la circolazione cerebrale (piracetam, nootropin, cortexin, actovegin, microhydrin e altri).
  2. Farmaci vasodilatatori (cinnarizina, betaistina, betaserc, vertran, vestibo, microzero, nimodipina, nicergolina, vazobral e altri).
  3. Farmaci antispastici (papaverina e altri).
  4. Farmaci che migliorano il consumo di ossigeno da parte delle cellule (Solcoseryl, Cerebrolysin, Neo-Cerebron e altri).
  5. Sedativi (estratto di valeriana, darvilol, carditab, cardised e altri).
  6. Statine per uno stato stabile dei vasi sanguigni (lipoford, atomax e altri).
  • Massaggio (tempie, fronte, nuca, con osteocondrosi, massaggio con pomate).
  • Fisioterapia.
  • Aromaterapia (gelsomino, lavanda, olio di menta).
  • Erboristeria (decotto di rosa canina, foglie di timo, agrimonia, pervinca).

Prevenzione del vasospasmo doloroso

  • Nutrizione appropriata.
  • Evitare lo stress.
  • Stile di vita corretto.
  • Attività fisica.
  • Liberarsi delle cattive abitudini.
  • Trattamento di malattie predisponenti.

Costrizione dei vasi sanguigni nel cervello

Una condizione in cui il lume dei vasi cerebrali è significativamente ridotto è chiamata restringimento.

Restringendo i sintomi

  • Nella prima fase: lieve mal di testa, affaticamento, labilità emotiva, distrazione, disturbi della memoria.
  • Nella seconda fase: mal di testa frequenti e forti, coordinazione compromessa, funzionalità renale compromessa, affaticamento, labilità dell'umore.
  • Nella terza fase: grave compromissione della coordinazione dei movimenti, a volte a paralisi, minzione involontaria, disfunzione dei genitali, disturbi della memoria, demenza.

Ragioni restrittive

  • Capacità di pressione sanguigna, a causa della ridotta elasticità dei vasi sanguigni.
  • Aterosclerosi (le placche aterosclerotiche contribuiscono alla vasocostrizione o all'ostruzione).
  • Osteocondrosi (sotto l'azione di dischi intervertebrali deformati, la circolazione sanguigna è compromessa).
  • Mancanza di ossigeno nell'aria.
  • Superlavoro.
  • Fatica.

Fattori predisponenti

  • Stile di vita passivo.
  • Bassa attività fisica.
  • Errori di alimentazione.
  • Mancanza di camminare e stare all'aria aperta.
  • Età anziana.

Trattamento della vasocostrizione

  • Il trattamento medico è lo stesso del vasospasmo, vengono aggiunti solo i seguenti:
  1. Antidolorifici (amidopirina, ketan, analgin e altri).
  2. Tranquillanti (per normalizzare la condizione - gedazepam, fenozepam e altri).
  3. Antidepressivi (per la depressione - imipramina, anafranil, pertofran, befol e altri).
  4. Terapia vitaminica.
  • Trattamento chirurgico:
  1. Angioplastica.
  2. Endarteriectomia.
  • Massaggi, ginnastica curativa.
  • Erboristeria (decotto di biancospino e pigne)

Prevenzione della vasocostrizione nel cervello

  • Nutrizione appropriata.
  • Attività fisica.
  • Indurimento.
  • Trattamento di malattie concomitanti.
  • Osserva i modelli di sonno.
  • Evitare lo stress.
  • Lavora e vivi in ​​condizioni favorevoli.

Aterosclerosi cerebrale

Una malattia pericolosa che colpisce i vasi del cervello con placche aterosclerotiche e porta ai processi biochimici di disturbo del cervello è chiamata aterosclerosi cerebrale. Puoi leggere più in dettaglio cos'è l'aterosclerosi cerebrale in un articolo simile.

In tutti i sistemi, ci sono lesioni dei vasi sanguigni, ma la quantità predominante è la sconfitta delle arterie cerebrali. Questa è una malattia di tutto il corpo.

Le arterie elastiche e muscolo-elastiche sono danneggiate. Sulla parete interna (endotelio) si concentrano aree di depositi di colesterolo (placche), determinando un progressivo restringimento del lume vascolare.

Cause di aterosclerosi:

  • Processi patologici nel fegato (aumento della produzione di colesterolo).
  • Malattie di accompagnamento.
  • Errori dietetici (una grande quantità di carni affumicate, sale, dolci).
  • Fumo.
  • Consumo di alcool.
  • Situazioni stressanti.
  • Obesità.
  • Predisposizione ereditaria.
  • Invecchiamento generale del corpo.
  • Età superiore ai 45 anni.
  • Bassa attività fisica.
  • Disturbi ormonali (diabete mellito, menopausa e altri).
  • Ipertensione arteriosa (quando l'elasticità delle pareti delle arterie diminuisce, la placca si forma e si accumula).
  • Condizioni di lavoro.
  • Situazione ecologica.

Sintomi di aterosclerosi

  1. Compromissione progressiva della memoria. Il paziente potrebbe non accorgersi nemmeno della sua diminuzione, perché si verifica solo dopo una sovratensione. Nel tempo, la memoria si deteriora progressivamente, fino al punto di fallire.
  2. Disturbi mentali avanzati.
  3. Affaticamento rapido durante il lavoro mentale.
  4. Concentrazione ridotta, il paziente non può concentrarsi a lungo sul lavoro svolto.
  5. Cambiamenti emotivi. Spesso hanno paura della propria salute, non sono sicuri delle proprie capacità. Gli attacchi di depressione sono comuni.
  6. Convulsioni.
  7. Respirazione anormale. Sorgono a causa di danni al midollo allungato.
  8. Disturbi del sonno regolari e addormentarsi.
  9. Mal di testa, vertigini dopo aver cambiato la posizione del corpo.
  10. Senestopatia. Manifestato da sensazioni patologiche alla testa, arti inferiori, calore nella regione occipitale.
  11. Discordinazione e imbarazzo dei movimenti.
  12. Vari disturbi del corpo quando sono interessate determinate aree del cervello.
  13. Intolleranza al suono forte, luce intensa.

Distonia vascolare

I disturbi dei cambiamenti nel lume dei vasi sanguigni sono chiamati distonia dei vasi del cervello. Esistono tipi di distonia vascolare, in cui la capacità di aumentare rapidamente il flusso sanguigno con l'aumento del carico è ridotta (tipo ipotonico) o si forma uno spasmo vascolare (tipo ipertensivo).

Sindromi da malattia

  1. Cardiaco (manifestato da dolore al cuore);
  2. Tachicardico (si avvertono palpitazioni);
  3. Bradicardico (disturbi di vertigini, intorpidimento degli arti, battito cardiaco lento, alterazione della coscienza, sonno);
  4. Aritmica (funzione cardiaca aritmica, angina pectoris).;
  5. Disturbi vascolari periferici;
  6. Crisi vegetative.

Ragioni di distonia

  • Situazioni stressanti;
  • Superlavoro;
  • Situazioni emotive eccessive;
  • Condizioni di vita e di lavoro;
  • Focolai cronici di infezione;
  • Trauma cerebrale;
  • Malattie endocrine;
  • Malattie o condizioni ormonali (gravidanza, menopausa, pubertà);
  • Fumo;
  • Alcol;
  • Radiazioni radioattive;
  • Violazioni del regime di riposo e di lavoro;
  • Attività fisica forte o debole;
  • Labilità climatica;
  • Eredità;
  • Inesattezze dietetiche.

Sintomi

  • Difficoltà a fare un respiro profondo o respiri profondi improvvisi;
  • Sensazioni spiacevoli al petto, pesantezza;
  • Capacità della temperatura corporea;
  • Tachicardia;
  • Dolore al cuore, che svanisce;
  • Violazione dell'emostasi;
  • Violazione del tratto gastrointestinale (diarrea, costipazione, nausea);
  • Violazione del sistema urinario;
  • Affaticabilità rapida;
  • Sbalzi d'umore;
  • Mal di testa;
  • Insonnia;
  • Vampate di calore;
  • Rigonfiamento;
  • Tendenza a reazioni allergiche;
  • Arti tremanti;
  • Congelamento nella stagione calda;
  • Ansia.

Segni di un attacco pericoloso e che richiede un'attenzione immediata:

  • Paura della notte, dormi;
  • Panico;
  • Tachicardia;
  • Paura della luce, del suono.

Stenosi vascolare

Una condizione patologica in cui porta a un restringimento o chiusura del lume dei vasi cerebrali. Di conseguenza, l'afflusso di sangue a una certa parte del cervello viene interrotto..

Le ragioni

  • Aterosclerosi;
  • Diabete;
  • Obesità;
  • Ipertensione arteriosa;
  • Eredità;
  • Fumo;
  • Errori di alimentazione.

Sintomi

  • Nella fase iniziale di sviluppo e in un corso lento, si verificano disturbi della memoria, labilità emotiva, coordinazione compromessa.
  • Nella seconda fase si osservano mal di testa, sbalzi d'umore e disturbi del movimento significativi.
  • Il terzo stadio è caratterizzato da disturbi del movimento progressivi (il paziente non può camminare agevolmente, perde l'equilibrio, inciampa), minzione involontaria.
  • Con il restringimento acuto dei vasi cerebrali, si sviluppa un ictus, il cui esito spesso termina con la morte.

Aneurisma cerebrale

La violazione della struttura della parete del vaso, che porta all'espansione della nave, è chiamata aneurisma. La dimensione dell'aneurisma può essere piccola (fino a 2-3 mm) ed enorme (più di 25 mm).

Le ragioni

  • Disturbi congeniti dello strato muscolare delle pareti dei vasi;
  • Danni alle fibre di collagene;
  • Curve e ramificazioni anormali
  • Aterosclerosi; navi;
  • Intreccio di navi;
  • Violazione della membrana elastica;
  • Violazione dell'emodinamica;
  • Malattie infettive;
  • Embolia;
  • Stress eccessivo;
  • Ipertensione arteriosa;
  • Fumo;
  • Alcol;
  • Sostanze stupefacenti;
  • Obesità;
  • Situazioni stressanti;
  • Assunzione di contraccettivi orali;
  • Malattie concomitanti congenite (malattia del rene policistico, coartazione dell'aorta e altre);
  • Predisposizione ereditaria;
  • Trauma alla testa;
  • Neoplasie;
  • Effetto radioattivo sul corpo;
  • Processi infiammatori.

Sintomi

  • I primi sintomi della comparsa di un aneurisma, una persona, di regola, non si sente.
  • Gravi attacchi di mal di testa in un'area specifica.
  • Violazione dell'analizzatore visivo (ptosi, pupilla dilatata, strabismo, restringimento del campo visivo, distorsione del visibile).
  • Compromissione dell'udito (declino unilaterale, acufene forte).
  • Intorpidimento della pelle del viso.
  • Paresi del nervo facciale.
  • Una condizione pericolosa è un aneurisma rotto, che porta alla morte.

I suoi segni:

  1. Vertigini;
  2. Forte mal di testa;
  3. Diminuzione della pressione sanguigna;
  4. Sentire caldo;
  5. Segni cognitivi (memoria alterata, apprendimento, lettura, scrittura, pensiero logico);
  6. Disturbi del sonno;
  7. Capacità dello stato emotivo;
  8. Reazione lenta, paura o aggressività;
  9. Violazione dei processi di selezione;
  10. Rigidità dei muscoli occipitali;
  11. Nausea;
  12. Grande debolezza;
  13. Disfagia;
  14. Percezione alterata del mondo;
  15. Coordinamento alterato;
  16. Paralisi, convulsioni;
  17. Compromissione dello stato di coscienza (fino al coma).

Prevenzione

  1. Attività fisica;
  2. Trattamento di malattie concomitanti;
  3. Evitare lo stress, mangiare troppo, assumere farmaci ormonali.

Placche su navi

La formazione di placche sui vasi è lenta e graduale. Si sviluppano quando si depositano i lipidi (compaiono macchie o strisce di colesterolo sulle pareti), liposclerosi (compaiono depositi di grasso connettivo sulle pareti); aterocalcinosi (la neoplasia diventa densa sotto l'influenza di sali di calcio).

Trattamento con rimedi popolari

La fitoterapia aiuta a rafforzare la parete vascolare, conferendole elasticità. Si consiglia di prendere un infuso di camomilla, boccioli di betulla, immortelle ed erba di San Giovanni con l'aggiunta di miele la sera e la mattina prima dei pasti.

Utilizzato anche una tintura di aglio, una miscela di miele all'aglio. Ma questi fondi devono essere utilizzati in combinazione con il trattamento farmacologico e dopo aver consultato uno specialista.

Vasi cerebrali

La vasocostrizione del cervello non è una malattia, ma un sintomo che accompagna più patologie contemporaneamente. Molto spesso, nelle fasi iniziali, si manifesta come mal di testa e perdita di memoria. Molti pazienti scambiano questi segni per superlavoro e non vanno dal medico. Tuttavia, la progressione delle patologie può portare a ictus o demenza. In presenza di manifestazioni di vasocostrizione del cervello, assicurati di consultare un medico! Prima si inizia il trattamento, migliore è la prognosi..

Fissa un appuntamento al Policlinico Otradnoe in un momento conveniente per te! Medici esperti ti indirizzeranno alla ricerca e, in base ai loro risultati, determineranno le cause del restringimento dei vasi cerebrali nel tuo caso. Inoltre, verrà sviluppato un piano di trattamento individuale, grazie al quale è possibile evitare complicazioni e migliorare la qualità della vita..

Vasi cerebrali

Il nostro cervello deve affrontare quotidianamente carichi enormi. Ha bisogno di molte sostanze nutritive e ossigeno per funzionare correttamente. Vengono consegnati al cervello con flusso sanguigno attraverso 4 arterie principali: 2 arterie carotidi e 2 vertebrali. I rami dei grandi vasi formano una specie di cerchio alla base del cervello. Si chiama Willis dal nome dello scienziato Thomas Willis, che per primo presentò la sua descrizione nel XVII secolo. Questo cerchio consente di compensare la circolazione sanguigna in caso di danneggiamento di uno o più dei grandi vasi. La capacità compensatoria di questo plesso è molto alta. In alcuni casi, anche con processi patologici in 3 delle 4 arterie principali, una persona può provare solo un leggero disagio.

Tuttavia, le possibilità compensative non sono infinite. Pertanto, prima o poi, le lesioni dei vasi cerebrali si manifesteranno in disturbi evidenti..

A riposo, il cervello richiede circa il 15% del volume sanguigno che circola in tutto il corpo per funzionare correttamente. Riceve circa il 25% dell'ossigeno inalato dall'uomo. I vasi del cervello sono sottoposti ogni giorno a un enorme stress. Allo stesso tempo, in uno stato di salute, sono incredibilmente elastici. Tuttavia, con un'esposizione regolare a fattori sfavorevoli, possono restringersi, il che porterà a una mancanza di ossigeno e sostanze nutritive nei tessuti cerebrali, che influirà negativamente sul suo lavoro.

Riferimento! Un insufficiente apporto di sangue al cervello è chiamato encefalopatia discircolatoria..

Classificazione della stenosi cerebrale

Nella forma, il restringimento è:

  • Acuto: questa condizione può portare a un ictus o alla morte.
  • Cronico: si sviluppa gradualmente, lentamente, una persona potrebbe non sospettare nulla sui processi patologici per molto tempo.

La vasocostrizione cronica ha 3 fasi di sviluppo:

  • All'inizio, il paziente avverte lievi mal di testa, sonnolenza, stanchezza cronica, osserva distrazione e una leggera dimenticanza.
  • Nel secondo compaiono forti mal di testa, disturbi dell'andatura, una significativa diminuzione della capacità lavorativa, sbalzi d'umore e malfunzionamenti del sistema urinario.
  • Nella terza fase si sviluppa la demenza (demenza): il paziente perde l'indipendenza e la capacità di self-service, ci sono evidenti problemi con la coordinazione dei movimenti, la minzione involontaria.

Perché si verifica la stenosi cerebrale?

Le principali cause di vasocostrizione nel cervello sono:

  • Aterosclerosi.
  • Malattia ipertonica.
  • Osteocondrosi cervicale.

L'aterosclerosi dei vasi cerebrali è un processo patologico in cui, a causa di una violazione del metabolismo dei lipidi, si formano placche di colesterolo sulle pareti delle arterie. Le placche, in crescita, vengono infine sostituite dal tessuto connettivo. Questo restringe il lume del vaso e riduce la sua pervietà. Le arterie carotidi sono più suscettibili all'aterosclerosi. La placca può bloccare completamente il lume della nave.

L'ipertensione è una patologia cronica in cui è presente ipertensione arteriosa (aumento della pressione), nella maggior parte dei casi per ragioni sconosciute. Fino al 40% delle persone soffre di questa malattia. Le cadute di pressione regolari influenzano l'elasticità dei vasi sanguigni. Il loro tessuto cambia patologicamente, le pareti si ispessiscono, compaiono restringimenti locali. Nel tempo, il lume della nave è in grado di chiudersi completamente.

L'osteocondrosi del rachide cervicale si manifesta con la deformazione dei dischi intervertebrali. Sono in grado di bloccare le arterie vertebrali che trasportano il sangue al cervello..

Il restringimento dei vasi cerebrali può essere osservato in pazienti di qualsiasi età, compresi i bambini. A rischio sono le persone che soffrono di malattie come:

  • Diabete.
  • Patologie cardiovascolari (disturbi del ritmo cardiaco, malattia coronarica, ecc.).
  • Ipercolesterolemia (colesterolo alto).

Inoltre, aumenta la possibilità di restringere i vasi del cervello:

  • Fumo.
  • Abuso di alcool.
  • Stile di vita sedentario.
  • Stress frequente e stress emotivo.
  • Sovraccarico mentale.
  • Rara esposizione all'aria fresca: in caso di mancanza di ossigeno, la pressione sanguigna può aumentare.
  • Peso in eccesso.
  • Predisposizione genetica alle malattie cardiovascolari.

Sintomi di vasocostrizione nel cervello

Nelle fasi iniziali, il restringimento si manifesta con i seguenti sintomi:

  • Diminuzione della memoria (soprattutto spesso in tali situazioni, le persone dimenticano gli eventi che sono accaduti loro di recente).
  • Compromissione dell'apprendimento e della capacità lavorativa.
  • Vertigini.
  • Fatica cronica.
  • Perdita di interesse per ciò che sta accadendo.
  • Stati depressivi.
  • Sbalzi d'umore.
  • Instabilità emotiva.
  • Problemi di concentrazione.
  • Disturbi del sonno: insonnia, disturbi del sonno.

Se il trattamento viene eseguito in questa fase, le violazioni possono essere eliminate e la qualità della vita del paziente ripristinata..

Con la progressione della patologia, si osservano:

  • Disturbi del linguaggio.
  • Rumore nella mia testa.
  • Perdita dell'udito.
  • Stretta di mano.
  • Goffaggine di movimento.
  • Cambiamento dell'andatura.

Complicazioni

I vasi cerebrali ristretti a lungo termine possono causare lo sviluppo di:

  • Demenza.
  • Ictus emorragico - manifestato dalla rottura di una nave con successiva emorragia nel cervello.
  • Ictus ischemico - una violazione dell'afflusso di sangue alle parti del cervello a causa del blocco dei vasi sanguigni.

Diagnostica

La diagnosi di vasocostrizione nel cervello viene eseguita da un neurologo. Per valutare lo stato dei vasi sanguigni e il flusso sanguigno in essi, è prescritto quanto segue:

  • Ecografia Doppler: consente di studiare la velocità del flusso sanguigno e identificare la vasocostrizione.
  • Angiografia: consente di valutare lo stato dei tronchi nervosi dei vasi sanguigni.
  • Scansione duplex: per determinare lo stato delle pareti dei vasi sanguigni, per identificare restringimenti, placche aterosclerotiche e coaguli di sangue.
  • ECG.
  • Valutazione dello stato del fondo - le cellule del fondo sono associate ai neuroni nel cervello e disturbi vascolari e cambiamenti nelle cellule nervose nella regione del fondo possono indicare patologie del cervello.

Trattamento

È necessario eliminare la causa della vasocostrizione, poiché se ciò non viene fatto, la patologia progredirà. Viene eseguito il trattamento dell'ipertensione, dell'aterosclerosi o dell'osteocondrosi cervicale. Per l'ipertensione, nominare:

  • Farmaci antipertensivi (abbassamento della pressione sanguigna).
  • Agenti antipiastrinici - medicinali che prevengono la formazione di coaguli di sangue.
  • Complessi vitaminici contenenti vitamine C, PP e B6.
  • Una dieta con limitato apporto di sale.

Il trattamento dell'aterosclerosi prevede:

  • Statine - abbassando i livelli di colesterolo nel sangue.
  • Dieta limitata ai grassi animali.

Quando viene prescritta l'osteocondrosi cervicale:

  • Indossare un corsetto per mantenere una corretta postura della schiena e del collo.
  • Antidolorifici.
  • Farmaci antinfiammatori.
  • Procedure di fisioterapia.
  • Massaggio.
  • Fisioterapia.

Viene eseguita anche la terapia sintomatica. A seconda dei disturbi causati dalla vasocostrizione, può essere prescritto quanto segue:

  • Farmaci che migliorano i processi metabolici nel cervello - con perdita di memoria.
  • Medicinali che rafforzano i vasi sanguigni - per le vertigini.
  • Esercizi di massaggio e fisioterapia - per disturbi delle funzioni motorie.
  • Antidepressivi e sedativi - per stress emotivo e depressione.

Per prevenire condizioni multi-infarto del cervello, i pazienti assumono anticoagulanti, farmaci che riducono la coagulazione del sangue.

Se il flusso sanguigno è compromesso di oltre il 50%, può essere prescritto un trattamento chirurgico - lo stent. Questa è l'espansione usando uno stent, un telaio installato nel lume della nave. L'operazione consente di espandere la nave e ripristinare il flusso sanguigno in essa.

Prevenzione della vasocostrizione nel cervello

È abbastanza difficile evitare completamente la possibilità di vasocostrizione nel cervello. Tuttavia, alcune misure preventive ridurranno significativamente il rischio di sviluppare patologie. È necessario:

  • Rivedi la tua dieta.
  • Prestare attenzione a un'attività fisica moderata per evitare processi stagnanti.
  • Perdere peso in eccesso, se presente.
  • Rifiutare dalle cattive abitudini.
  • Cerca di essere all'aria aperta più spesso, organizzando il tempo libero attivo.
  • Allena la resistenza allo stress.

La revisione della dieta comporta:

  • Inclusione in esso degli alimenti più ricchi di nutrienti: frutta e verdura fresca, carne magra, pesce, erbe aromatiche.
  • Ridurre l'uso di cibo spazzatura: carni affumicate, cibi grassi e salati.

Anche la prevenzione della vasocostrizione nel cervello è un controllo medico regolare. Se questo viene fatto annualmente, i cambiamenti possono essere identificati nelle prime fasi, quando possono essere facilmente corretti..

Trattamento dei vasi cerebrali: rimedi popolari, medicina tradizionale

In questo articolo troverai informazioni sulle più comuni malattie dei vasi cerebrali, sintomi, trattamenti che possono essere utilizzati per loro..

Le malattie associate a danni al sistema circolatorio del sistema nervoso centrale causano sempre più la morte nei giovani. Il loro sviluppo provoca uno stile di vita improprio, stress, un programma di lavoro intenso, cattive abitudini e l'abuso di cibi grassi.

In questa situazione, il compito prioritario dei medici è la diagnosi precoce della malattia: prima viene fatta la diagnosi e viene avviato il trattamento dei vasi cerebrali, più velocemente il paziente si libererà dall'influenza negativa della patologia..

Sintomi di violazioni nel lavoro dei vasi sanguigni

Segni comuni di malattie del sistema circolatorio del cervello:

  • Forte mal di testa;
  • Vertigini, a volte con nausea;
  • Insonnia, apatia e stanchezza;
  • Vampate di calore o brividi;
  • Intorpidimento di una parte del corpo;
  • Disturbo dell'attenzione;
  • Iper o ipotensione;
  • Svenimento;
  • Compromissione della coordinazione dei movimenti;
  • Tachicardia.

Molte persone credono erroneamente che solo l'ipertensione sia motivo di preoccupazione. Ma non è così: anche la pressione bassa non è la norma, poiché può causare gravi conseguenze. È provocato dall'espansione dei vasi sanguigni, che porta a un rallentamento del flusso sanguigno e a un insufficiente afflusso di sangue alle strutture del cervello..

L'ipotensione per il funzionamento del sistema nervoso centrale è pericolosa perché i neuroni non ricevono più una quantità sufficiente di nutrienti. Successivamente, diventano più deboli e non possono funzionare correttamente. D'altra parte, una diminuzione del flusso sanguigno nelle vene porta al ristagno dei prodotti metabolici nel tessuto nervoso..

Ciò provoca intossicazione cronica del cervello - avvelenamento e accumulo di sostanze nocive. Insieme all'ipossia, questi processi minacciano la distrofia e la necrosi delle cellule funzionali del sistema nervoso centrale, del cuore e di altri organi vitali..

L'ipotensione cronica provoca un indebolimento delle pareti dei vasi sanguigni. Ciò può portare allo sviluppo di edema, poiché il sangue inizia a filtrare attraverso di loro nel tessuto circostante e si accumula in esso..

L'indebolimento delle pareti provoca la comparsa di aneurismi - sporgenze a forma di borsa delle arterie. Il sangue si accumula e ristagna in queste cavità. Un aumento delle dimensioni di un aneurisma provoca il suo aumento in uno stato critico e ciò può provocare rottura e sanguinamento cerebrale. La presenza di un aneurisma è indicata da un generale peggioramento delle condizioni del paziente, attacchi di vertigini, nausea.

Le malattie dei vasi cerebrali provocano problemi con altri organi del corpo umano. Un esempio lampante di questo sono le malattie cardiovascolari: infarto, angina pectoris, tachicardia. L'ipertensione cronica contribuisce al loro aspetto..

Inoltre, questa condizione porta all'ispessimento del sangue e alla formazione di coaguli di sangue - coaguli di sangue. Possono bloccare il flusso sanguigno e causare la rottura del muro, con conseguente emorragia. La causa di una condizione acuta - un ictus - è il blocco del flusso sanguigno da un trombo e il conseguente sanguinamento intracerebrale.

Tipi di farmaci per i vasi cerebrali

Un complesso di farmaci in grado di eliminare la causa della patologia è in grado di stabilizzare il lavoro del sistema nervoso centrale. E i farmaci vascolari per il cervello di una nuova generazione accelereranno il recupero.

Nel trattamento dei vasi colpiti della testa e del collo vengono utilizzati i seguenti gruppi di farmaci:

  1. Alfa 1-bloccanti. Ridurre la pressione sanguigna a causa della rimozione del vasospasmo delle arteriole, promuovere l'espansione dei vasi sanguigni. Usato per l'ipertensione.
  2. Alfa 2-bloccanti. Aumenta la pressione sanguigna stimolando i recettori adrenergici del sistema ipotalamo-ipofisario. Prescritto per l'ipotensione.
  3. Calcio-antagonisti. Hanno un effetto rilassante sulle pareti dei vasi sanguigni, alleviano lo spasmo e favoriscono l'espansione del lume dei capillari e delle arterie. Abbassare la pressione sanguigna bloccando il processo di saturazione dei tessuti con ioni di calcio.
  4. Sostanze vasodilatatrici. Promuove un aumento del lume dei vasi sanguigni, riduce il flusso sanguigno e la pressione sanguigna. Accelera i processi metabolici nei tessuti cerebrali.
  5. Farmaci nootropici. Hanno un effetto benefico sul lavoro del sistema nervoso centrale, possono inibire o stimolare la trasmissione dell'eccitazione nervosa in varie parti del cervello, ridurre o aumentare la sensibilità delle terminazioni nervose.
  6. Antispastici. Rilassa le pareti dei vasi sanguigni.
  7. Agenti antipiastrinici. Interferire con la formazione di coaguli di sangue.

Il metodo di utilizzo dei farmaci dipende dal tipo di patologia e dal suo effetto sul corpo. Inoltre, la scelta del metodo di trattamento è influenzata dalla salute del paziente: ad esempio, nelle malattie del tratto gastrointestinale, le pillole dai vasi del cervello faranno più male che bene. In questo caso vengono prescritti contagocce, iniezioni intramuscolari e endovenose dai vasi del cervello..

La decisione su come curare i vasi del cervello e su come verranno somministrati i farmaci è determinata dal medico curante.

Per vasodilatazione

Prima di trattare i vasi cerebrali, lo specialista determina la causa della patologia. Ciò accade durante il processo di intervista ed esame del paziente. Ad esempio, un aumento della pressione sanguigna diventa una conseguenza del vasospasmo e della stenosi. Provocano una violazione dell'afflusso di sangue al sistema nervoso centrale e una mancanza di fornitura di nutrienti alle cellule cerebrali.

Per risolvere questo problema, i medici prescrivono farmaci che migliorano le caratteristiche fisiologiche dei vasi cerebrali:

  • "Piracetam". Secondo la ricerca, ha un effetto positivo sul funzionamento del cervello, grazie all'attivazione dei processi neurometabolici e della circolazione sanguigna. Stimola le reazioni redox nel corpo: accelera l'eliminazione del glucosio dal corpo, ripristina il flusso sanguigno nelle aree ischemiche del tessuto nervoso. L'assunzione sistematica di "Piracetam" porta ad un aumento della resistenza del cervello alla mancanza di ossigeno e all'intossicazione.
  • "Mexidol". Applicabile solo in Russia. Secondo gli esperti ha effetti antiipossici, antistress, nootropici, antiepilettici e ansiolitici. Utilizzato per migliorare il flusso sanguigno nei vasi cerebrali dopo lesioni FM, encefalopatia e distonia vascolare vegetativa (VSD).
  • "Papaverine". Ha un effetto ipotensivo, cioè riduce il tono e rilassa le pareti dei vasi sanguigni. È un bloccante dell'assorbimento degli ioni calcio da parte dell'organismo.

Con aterosclerosi

La sconfitta delle principali arterie e vene con placche di colesterolo porta ad una diminuzione del lume e ad una diminuzione dell'elasticità delle pareti dei vasi. Ciò porta a un esaurimento del flusso sanguigno e, di conseguenza, a cambiamenti degenerativi nei tessuti. Questa condizione aumenta il rischio di coaguli di sangue..

La terapia dell'aterosclerosi cerebrale si basa sull'utilizzo di farmaci di nuova generazione volti a ridurre i depositi di colesterolo ed eliminare le manifestazioni di patologia:

  • Betaserc. Allevia la sensazione di tinnito, vertigini, allevia gli attacchi di emicrania. Questo farmaco contiene betaistina come principio attivo. Regola la pressione dei fluidi nel labirinto e nella coclea dell'apparecchio acustico. Viene utilizzato in combinazione con altri farmaci nel trattamento dell'aterosclerosi.
  • Lovastatina. Corregge il metabolismo dei lipidi - blocca la loro sintesi nel fegato e accelera l'escrezione dal corpo.

Con vasospasmo

La causa principale della cefalea è solitamente il restringimento delle grandi arterie e la stenosi dei piccoli vasi sanguigni della testa e del collo. I seguenti farmaci aiuteranno a sbarazzarsene:

  • "Euphyllin". Riduce il tono muscolare delle pareti dei vasi sanguigni, migliora l'afflusso di sangue alle strutture del sistema nervoso centrale, normalizza la pressione sanguigna, previene la formazione di coaguli di sangue. Disponibile in compresse e polvere per iniezione e contagocce.
  • "Drotaverin". È un antispasmodico: blocca l'assorbimento degli ioni calcio da parte delle cellule muscolari lisce, abbassa il tono in esse. Non inibisce il sistema nervoso autonomo.
  • "Vitamina PP". Un altro nome è l'acido nicotinico. Espande i vasi del cervello. Normalizza la microcircolazione sanguigna nei tessuti del sistema nervoso centrale, prevenendo così lo sviluppo di alterazioni ischemiche. Viene utilizzato nel trattamento dell'aterosclerosi, poiché riduce la concentrazione di lipidi nel corpo. Ha un debole effetto anticoagulante sulle cellule del sangue, prevenendo così la comparsa di coaguli di sangue.

Per migliorare la circolazione cerebrale

L'attività dell'intero sistema nervoso centrale dipende dall'intensità dei processi neurometabolici. Pertanto, una delle direzioni della terapia è l'attivazione del sistema circolatorio del corpo. In violazione della circolazione cerebrale, i farmaci per i vasi del cervello e del cuore vengono utilizzati come trattamento:

  • Actovegin. Si riferisce agli antiossidanti. Ripristina i processi di saturazione del tessuto cerebrale con microelementi utili, migliora il flusso sanguigno, previene lo sviluppo di ischemia.
  • "Vasobral". Riduce la permeabilità delle pareti dei vasi sanguigni per i nutrienti, ha un pronunciato effetto neurometabolico. Ripristina la circolazione cerebrale. Ha un effetto positivo sulle capacità mentali, migliora la memoria. Elimina gli effetti dell'ipossia e dell'intossicazione.
  • Un contagocce per vasi cerebrali contenente il farmaco "Cavinton" accelera i processi neurometabolici aumentando il consumo di glucosio e ossigeno da parte delle cellule nervose. Aumenta la resistenza dei neuroni all'intossicazione.

Con ischemia cerebrale

La mancanza di nutrienti per le cellule del sistema nervoso centrale è estremamente distruttiva: provoca cambiamenti degenerativi in ​​esse. Questa condizione è pericolosa per l'uomo, poiché porta alla necrosi del tessuto nervoso e, di conseguenza, alla disfunzione dell'organo centrale dell'AN.

Per ottenere un risultato efficace nel trattamento dell'ischemia, i seguenti farmaci vengono utilizzati per i vasi cerebrali:

  • "Nimotop". Previene i disturbi neurologici causati dall'ipossia alleviando lo spasmo dalle pareti dei vasi sanguigni, normalizza il sistema nervoso centrale. Contiene sostanze che bloccano l'assorbimento del calcio.
  • "Courantil". Rallenta l'adesione delle piastrine, migliora la microcircolazione nelle strutture del cervello. È un farmaco vasodilatatore.
  • Enduracin. Il principio attivo è l'acido nicotinico. Accelera i processi neurometabolici, prevenendo così lo sviluppo di cambiamenti degenerativi.

Con un ictus cerebrale

Il disturbo acuto dell'afflusso di sangue alle strutture del sistema nervoso centrale si sviluppa più spesso in base al tipo ischemico (nell'80% dei casi), in un quarto dei casi clinici provoca emorragia, nel 5% - sanguinamento subaracnoideo non traumatico.

In un modo o nell'altro, una nutrizione cerebrale insufficiente porta a disturbi neurologici. Dopo le misure di emergenza per il trattamento del paziente, segue un lungo recupero, durante il quale vengono prescritti i seguenti farmaci:

  • "Clopidogrel". Riduce l'aggregazione delle cellule del sangue.
  • "Prestarium". Normalizza la pressione sanguigna. L'assunzione del farmaco deve essere concordata con il medico curante. Esistono numerose controindicazioni.
  • Semax gocce per il naso. Si riferisce ai nootropi. Promuove il recupero dei neuroni, attiva il cervello. Influenza positivamente le funzioni cognitive del cervello.

Per prevenire la formazione di coaguli di sangue

L'aumentata aggregazione del sangue minaccia la formazione di coaguli di sangue nei vasi sanguigni. Il coagulo di sangue può staccarsi, bloccare il flusso sanguigno e causare sanguinamento cerebrale.

Per la prevenzione dei coaguli di sangue nei vasi del cervello e il trattamento delle malattie vascolari, agli anziani vengono prescritti farmaci per fluidificare il sangue:

  • "Warfarin", "Eparina", "Aspirina".
  • "Pentossifillina". Aumenta la concentrazione di ATP nel cervello, ha un effetto benefico sull'attività del sistema nervoso centrale. Riduce la viscosità del sangue, provoca la distruzione delle piastrine, aumenta l'elasticità dei globuli rossi. Si riferisce a farmaci vascolari che migliorano la microcircolazione sanguigna nelle aree di ridotta circolazione sanguigna nelle strutture del cervello. Allevia i crampi notturni e i dolori muscolari.

Per rafforzare le pareti dei vasi sanguigni

Il normale funzionamento del cervello dipende dall'integrità dei vasi sanguigni. Sfortunatamente, la loro elasticità diminuisce sotto l'influenza di malattie e cambiamenti senili..

Nell'aterosclerosi, comune tra gli anziani, una delle cause dell'ictus è una diminuzione della quantità di collagene nella muscolatura liscia vascolare e la loro fragilità, aggravata dalla presenza di placche di colesterolo.

Pertanto, nel trattamento delle patologie associate al funzionamento del sistema circolatorio, vengono utilizzate anche vitamine per i vasi sanguigni in compresse e integratori alimentari:

  • "Askorutin". Stabilizza la membrana capillare. Contiene rutoside e vitamina C. Riduce la fragilità dei piccoli vasi, ha proprietà antiossidanti.
  • "Glycine forte". Il farmaco ha un effetto neurospecifico su NS, ha un effetto sedativo e antidepressivo. Riduce la gravità delle manifestazioni dei disturbi vegetativo-vascolari e dei disturbi cerebrali nell'ictus e nel trauma cranico, neutralizza l'effetto dell'etanolo sul sistema nervoso centrale.

Metodi tradizionali di trattamento e prevenzione

Prima di trattare i vasi della testa e del collo con rimedi popolari, è necessario porsi un obiettivo per condurre uno stile di vita corretto: seguire diete e rinunciare alle cattive abitudini.

Dovresti limitare l'uso di alcuni alimenti:

  • Carne grassa;
  • Dolci;
  • Cibo piccante;
  • Uova;
  • Tè forte, caffè;
  • Bevande alcoliche;
  • Ingegneri di potenza.

Le sostanze utili che aiuteranno a pulire i vasi della testa e del collo dai depositi di colesterolo sono contenute nei seguenti prodotti:

  • Latte fermentato;
  • Frutti di mare;
  • Carne magra;
  • Semole e legumi: grano saraceno, piselli;
  • Alghe commestibili come le alghe
  • Vegetazione frondosa;
  • Noccioline;
  • Frutta e verdura.

Quando possibile, è preferibile camminare e fare esercizio moderato.

Il trattamento delle malattie vascolari con rimedi popolari dovrebbe avvenire con il consenso del medico curante. Questo metodo di terapia non può essere il principale, ma integra solo il trattamento farmacologico tradizionale..

I rimedi popolari a base di agrumi, aglio, miele e zenzero hanno un buon effetto sul corpo. Questi prodotti contengono sostanze antiossidanti che accelerano il processo di pulizia del corpo dal colesterolo in eccesso e attivano il sistema linfatico..

La miscela terapeutica basata su di essi è la seguente:

  1. Un limone intero viene macinato in una pappa o passato in un tritacarne, aggiungi 2 cucchiai. cucchiai di olio d'oliva e 1 cucchiaio. l. miele. Mescolate bene e lasciate fermentare per un giorno in frigorifero. Usano il farmaco al mattino per 1 cucchiaino. 2-3 mesi.
  2. Preparazione di un rimedio a base di limone e aglio: gli agrumi e l'aglio vengono macinati in una pappa utilizzando un frullatore o un tritacarne e lasciati riposare per 2 giorni in un luogo fresco. Il prodotto risultante dovrebbe essere consumato 3 volte al giorno per 2 cucchiai. l. entro 2 settimane.
  3. Limone allo zenzero. Pelate la radice di zenzero, strofinatela su una grattugia fine e riempitela con acqua calda per 2 ore. L'infuso risultante viene mescolato con agrumi grattugiati e qualche cucchiaio di miele. La miscela viene presa mezz'ora prima dei pasti, 1 cucchiaio..

Quando si trattano i vasi sanguigni con metodi popolari, è possibile utilizzare infusi e tè alle erbe. Queste proprietà sono possedute da:

  • Menta;
  • Ribes;
  • Rosa canina;
  • Motherwort;
  • Valeriana.

Contengono una grande quantità di vitamine che hanno un effetto positivo sui muscoli dei vasi sanguigni. Puoi ottenere un effetto positivo dal trattamento domiciliare bevendo diversi corsi del farmaco, ma puoi farlo solo dopo l'approvazione del medico curante.

Malattie vascolari del cervello e loro diagnosi

Il cervello è l'organo principale del sistema nervoso centrale che controlla l'attività dell'intero corpo. Nei vertebrati, si trova all'interno del cranio e consiste in un numero enorme di reparti, ognuno dei quali è responsabile del lavoro di una certa parte del corpo. La velocità di esecuzione delle funzioni assegnate al cervello dipende in larga misura dalla circolazione sanguigna. Se i vasi responsabili dell'afflusso di sangue sono danneggiati, l'ossigeno e gli elementi necessari per l'attività vitale del corpo penetreranno più lentamente nelle aree designate. La persona inizia ad avere problemi seri.

Circolazione sanguigna nel cervello - arterie e vasi sanguigni

Il cervello ha una struttura anatomica complessa. Il sangue scorre ad esso attraverso quattro arterie accoppiate: la carotide vertebrale e interna. Due arterie vertebrali formano la basilare. Nella cavità cranica, si collega a due assonnati. È così che nasce il circolo arterioso del cervello. Da questo cerchio, le arterie cerebrali anteriori, posteriori e medie si estendono lungo la superficie del cervello e forniscono ossigeno ai suoi emisferi. Le grandi arterie sono costituite da molte piccole, la cui funzione principale è quella di fornire sangue in profondità nei tessuti.

Affinché anche le parti posteriori del cervello non siano prive di sangue, si forma un bacino vertebro-basilare dalle arterie basilari e vertebrali. Un pool carotideo simile, costituito dalle arterie carotidi, alimenta con il sangue le parti centrale e anteriore del cervello. Questo intreccio garantisce che il cervello riceva la quantità di sangue richiesta anche se una delle arterie è danneggiata..

Circa un terzo della quantità totale di plasma passa attraverso il cervello. Se i singoli vasi si restringono, i tessuti iniziano a manifestare carenze nutritive. All'inizio è piccolo, ma aumenta gradualmente, i tessuti si atrofizzano ei vasi sanguigni si assottigliano e perdono la capacità di resistere alle cadute di pressione. Nei casi più gravi, c'è uno sfondamento delle arterie o della cavità vascolare. L'inizio del sanguinamento porta a disturbi del cervello, paralisi e morte.

Le arterie ei vasi sanguigni assottigliati sono estremamente vulnerabili e possono scoppiare anche con un leggero calo di pressione causato da una situazione stressante.

Fattori di rischio

I problemi con i vasi della testa e del collo erano precedentemente sorti esclusivamente nella vecchiaia, ma gli specialisti moderni diagnosticano la loro presenza in persone che hanno appena raggiunto i 30-35 anni. Il gruppo a rischio comprende persone impegnate in un noioso lavoro fisico e mentale, che subiscono un sovraccarico psico-emotivo per molte settimane e persino anni di seguito. Inoltre, i bambini si trovano anche tra i malati. Il desiderio di controllare lo stato del sistema vascolare dovrebbe sorgere negli uomini sopra i 40 anni e nelle donne sopra i 60 anni.

Il rischio di sviluppare malattie associate a una mancanza di afflusso di sangue al cervello aumenta in:

  • persone che abusano di alcol e tabacco;
  • obeso;
  • con una predisposizione all'ipertensione.

Le malattie vascolari possono essere trasmesse di generazione in generazione. Alcuni pazienti conducono uno stile di vita corretto, praticano sport e riposano in modo tempestivo, ma i cattivi geni trasmessi loro dai loro antenati si manifestano improvvisamente e li costringono a prestare più attenzione alla salute del solito.

I fattori che influenzano negativamente il sistema vascolare possono includere anche:

  1. L'ambiente ecologico in cui vive il paziente. Nelle grandi città, la concentrazione di ossigeno è insufficiente per la normale funzione cerebrale, il che influisce negativamente sullo stato dei vasi sanguigni.
  2. Fatica. Quasi il problema principale dell'uomo moderno è lo stress. Con l'età, il numero di emozioni ed esperienze negative aumenta, iniziano i problemi con il cuore e i vasi sanguigni. Allo stesso tempo, le persone che non frenano mai le emozioni soffrono di malattie vascolari più spesso di quelle che percepiscono tutto razionalmente, senza preoccupazioni inutili..
  3. Insonnia. Il cervello deve riposare, altrimenti non è in grado di svolgere tutte le funzioni assegnategli e rispondere ai cambiamenti negativi che si verificano.

Cercando di fare più lavoro del solito, una persona potrebbe non rendersi conto che il suo cervello sta lavorando al limite delle sue capacità. Anche un corpo sano non è in grado di sopportare senza interruzioni uno stress psicofisico prolungato.

Sintomi comuni

Il corpo non segnala immediatamente la violazione della circolazione sanguigna nel cervello a causa di problemi con il sistema vascolare. Se i vasi cerebrali si restringono, i primi sintomi compaiono solo dopo che si presenta una minaccia per la salute e la vita del paziente. I segni comuni della presenza di malattie del sistema vascolare del cervello includono:

  • vertigini;
  • mal di testa tipo emicrania;
  • insonnia;
  • compromissione della memoria;
  • debolezza;
  • perdita della capacità di coordinare i movimenti in corso;
  • intorpidimento delle braccia e delle gambe;
  • svenimento;
  • tinnito, aggravato dall'abbassamento della testa e dallo sforzo fisico;
  • nausea, vomito (osservato con ridotta circolazione sanguigna nelle aree del cervello responsabili dello stomaco);
  • un brusco cambiamento nel carattere e nel comportamento (i pazienti sono eccessivamente permalosi e irritabili a causa della produzione insufficiente di serotonina).

L'intensità della manifestazione dei sintomi sopra descritti dipende dallo stadio della malattia e dallo stato del corpo prima dell'inizio della patologia in questione. Quindi, se la malattia si è sviluppata sullo sfondo di un'altra, malattia non meno pericolosa e non viene trattata (una persona semplicemente non lo sa), si osservano segni più specifici, ma non consentono ancora di stabilire una diagnosi accurata.

Ad esempio, i cambiamenti di andatura in alcuni pazienti. Anche i giovani iniziano a mescolare i piedi quando camminano, tritano. In alcuni casi, c'è un falso bisogno di urinare. Nel tempo, la condizione peggiora, il che porta a interruzioni nel funzionamento degli organi pelvici, problemi di memoria, parola e coordinazione (è difficile per una persona mantenere l'equilibrio, barcolla). La costrizione e il blocco dei vasi cerebrali, i cui sintomi sono stati descritti sopra, sono pericolosi per la vita, vale la pena ricordare.

Malattie comuni

La maggior parte delle malattie vascolari del cervello sono associate a blocco (vasocostrizione), deterioramento della struttura e del tono delle loro pareti. Qualsiasi cambiamento in quest'area porta a una ridotta circolazione sanguigna e alla limitazione della quantità di sangue che entra nel cervello. Le anomalie nel lavoro del sistema vascolare possono essere congenite. Quindi, con un aneurisma arterioso (anomalia congenita), anche un piccolo salto di pressione, verso l'alto, può portare alla rottura delle pareti. Allo stesso tempo, una tale interruzione può verificarsi in qualsiasi momento, molto spesso a causa di un sovraccarico fisico o emotivo..

Aterosclerosi

Una malattia pericolosa, ma facilmente diagnosticabile, dei vasi cerebrali, che si traduce in una riduzione del flusso sanguigno. Si sviluppa in persone con un eccesso del livello di colesterolo nel sangue consentito. Grazie al colesterolo, le placche aterosclerotiche si formano sulle pareti dei vasi del collo e del cervello. L'accumulo di tali placche porta a una significativa vasocostrizione, motivo per cui i pazienti lamentano scarsa memoria e forti mal di testa. Il principale pericolo delle placche è la loro capacità di separarsi dalla parete del vaso e, muovendosi con il sangue, intasare altri vasi. La presenza di placche disintegrate nel sangue può causare la formazione di un coagulo di sangue.

Ipertensione

La malattia si sviluppa sullo sfondo dell'ipertensione. Sia le donne che gli uomini anziani e giovani soffrono di ipertensione. A causa della malattia, la posizione dei capillari e delle arterie cambia, diventano tortuosi. Lo spazio tra le pareti diminuisce, esse stesse diventano più sottili, diventa possibile il blocco completo dei vasi sanguigni.

Osteocondrosi cervicale

Anche una leggera deformità della colonna vertebrale che si verifica con l'osteocondrosi cervicale può causare disturbi circolatori. I cambiamenti nella velocità e nella quantità di sangue che entra nel cervello e nella colonna vertebrale, insieme ai vasi ristretti nel collo e nel cervello, portano a conseguenze negative.

Come accennato in precedenza, non ci sono barriere legate all'età per la maggior parte delle malattie del sistema vascolare del collo e del cervello. L'osteocondrosi cervicale e l'ipertensione possono svilupparsi nei bambini molto piccoli. La ragione per la comparsa di tali malattie nei bambini è il superlavoro o la mancanza di attività fisica. Se un bambino non mangia correttamente ed è spesso nervoso, in futuro dovrà anche affrontare problemi di circolazione sanguigna e vasocostrizione..

Fasi

I vasi del cervello possono restringersi gradualmente o il fenomeno sarà improvviso e acuto. In quest'ultimo caso sono possibili infarto cerebrale e ictus emorragico. Nei casi più gravi, si verifica la morte. Se la malattia è cronica, i primi segni di vasocostrizione non compaiono immediatamente. Nel processo di studio dei principali problemi derivanti dal lavoro del sistema vascolare, sono stati identificati tre stadi (gradi) di lesioni vascolari e disturbi circolatori:

  1. Primo. Non ci sono segni della malattia o sono insignificanti. Il paziente occasionalmente lamenta stanchezza, insonnia e irritazione, ma lo attribuisce al duro lavoro e ai problemi familiari. Nella prima fase della formazione della malattia associata al restringimento dei vasi del cervello e del collo, si osservano mal di testa (nel pomeriggio), vertigini, una leggera perdita della capacità di concentrarsi sul compito o sul problema.
  2. Secondo. Le navi costrette influenzano negativamente il lavoro degli organi interni. Il lavoro dei sistemi genito-urinari e motori è interrotto. Il paziente diventa più irritato, il buon umore diventa raro, a volte il suo cuore fa male. I sintomi della malattia sono ben distinguibili, ma sono di natura a breve termine, motivo per cui i pazienti li attribuiscono a problemi cardiaci e renali, assumono farmaci appropriati e dimenticano la malattia. Molto spesso, i pazienti che cercano assistenza medica si lamentano della comparsa di stelle e mosche negli occhi, intorpidimento dei muscoli delle gambe, delle braccia e del viso, tinnito, debolezza, disturbi del linguaggio e della vista, minzione frequente e mal di testa persistente. La coscienza si confonde, la pelle del viso diventa rossa e la memoria si deteriora. I sintomi descritti durano non più di 24 ore, dopodiché scompaiono.
  3. Terzo. Le navi sono ristrette al limite. Il paziente non è in grado di coordinare i movimenti del proprio corpo, la minzione e la defecazione. A causa della carenza di ossigeno, si sviluppa la demenza, lo stupore e la completa perdita della capacità lavorativa. Nei pazienti tremano mani, testa e mento, gli occhi si muovono indipendentemente dal suo desiderio, il viso assume una forma asimmetrica.

La malattia viene trattata in qualsiasi fase, è pericolosa solo se una persona si auto-medica, assumendo antidolorifici, sedativi e altri farmaci che eliminano i sintomi, ma non combattono la malattia stessa.

Diagnostica e trattamento

Per fare la diagnosi corretta vengono utilizzati diversi metodi di ricerca..

  1. Ultrasuoni. Se si sospetta una malattia cerebrovascolare, si consiglia a una persona di sottoporsi a scansione duplex, ecografia Doppler, ecotomografia o ecografia Doppler transcranica.
  2. CT. Con l'aiuto dei raggi X e di un computer, vengono determinati la natura della lesione, il luogo di concentrazione della patologia, le dimensioni dell'area interessata e lo stato del cervello nel suo insieme.
  3. MRI. Con l'aiuto di un tomografo si ottiene un'immagine del cervello, si studia il flusso sanguigno, il passaggio dei vasi sanguigni, si determina la posizione della lesione, le sue dimensioni e il numero di aree potenzialmente pericolose.
  4. Angiografia. Lo studio viene effettuato utilizzando una radiografia dopo l'introduzione di uno speciale agente di contrasto nel corpo. Il metodo consente di ottenere informazioni sul grado e la sequenza di riempimento dei vasi con il sangue, informazioni sulla presenza di percorsi di bypass per il flusso sanguigno se il vaso principale è bloccato.
  5. Elettroencefalografia. Il metodo consente di ottenere informazioni sul lavoro del cervello, sul sistema circolatorio e sullo stato delle fibre nervose.
  6. Reoencefalografia. Per conoscere lo stato del cervello, viene passato attraverso di esso un debole impulso di corrente ad alta frequenza. Utilizzando questo metodo, viene valutato il grado di elasticità vascolare, vengono diagnosticati tumori e aneurismi..
  7. Neurosonografia. Viene utilizzato esclusivamente per esaminare i bambini che hanno ancora una fontanella. Vengono utilizzati ultrasuoni e un sensore speciale. Il metodo consente di identificare patologie nei tessuti molli, l'assenza o la presenza di danni nell'area della materia molle, per rilevare processi tumorali, aneurismi, per rispondere alla domanda su quanti vasi sono danneggiati.

La diagnosi è indolore e richiede poca o nessuna formazione speciale. Se sospetti un malfunzionamento del sistema vascolare dovuto a vasocostrizione o coaguli di sangue, dovresti contattare immediatamente uno specialista.

Primo soccorso

Quando vengono rilevati i primi segni di malattia vascolare, il paziente ha bisogno di purificare il sangue dalle tossine e dal colesterolo. Per fornire assistenza a casa, vengono utilizzati infusi e decotti medicinali. Alcune erbe medicinali favoriscono la vasodilatazione, rafforzano i muscoli delle pareti.

In caso di intorpidimento degli arti e forte salto di pressione, il paziente deve essere disteso sul letto e chiamare un'ambulanza.

Trattamento farmacologico

Se viene diagnosticato un restringimento e un blocco dei vasi cerebrali, il trattamento viene effettuato con i seguenti farmaci:

  • Lipophora, Atomax, Mekaphora (dilatano i vasi sanguigni, aiutano a stabilire il flusso sanguigno);
  • Spazmalgon, Nootropil, Finoptin, Isoptin (migliorare il flusso sanguigno nel cervello, saturare il sangue con calcio);
  • Piracetam, Sermione, Acetilcolina (migliorano l'assorbimento dell'ossigeno da parte delle cellule);

In alcuni casi vengono prescritti farmaci che aiutano a fluidificare il sangue e ad aumentare la permeabilità dei vasi. L'uso di questi farmaci è individuale. Se la malattia è in una fase iniziale, i farmaci sintetici potrebbero non essere necessari; per un completo recupero, è sufficiente riposarsi e bere tisane. I suddetti prodotti sono assunti su prescrizione, sono disponibili sotto forma di compresse e iniezioni..

Usare rimedi popolari

Per il trattamento di malattie associate alla vasocostrizione del cervello, utilizzare:

  1. Preparati a base di erbe. Una tintura di motherwort, rosa canina, valeriana, anice e achillea aiuterà a normalizzare la circolazione sanguigna. Quando si verifica uno spasmo, diluire 1 cucchiaio. un cucchiaio di raccolta con 2 bicchieri d'acqua, insistere per 2-3 minuti e bere. Dopo che i sintomi spiacevoli scompaiono, l'infusione continua ad essere presa per tutto il giorno successivo..
  2. Decotto di ortica. L'ortica assottiglia il sangue, il che lo fa passare più velocemente attraverso i vasi.
  3. Decotto di rosa canina. I fiori e le foglie di rosa canina sono ricchi di vitamina C, che ha un effetto positivo sulle pareti dei vasi sanguigni e aiuta a rafforzarli.
  4. Tè con timo e aglio. Le foglie di timo e gli spicchi d'aglio schiacciati vengono versati con acqua calda e presi durante il giorno (3-4 volte). Il corso del trattamento è di 2-3 mesi.
  5. Decotto di pervinca minore. 1 cucchiaio. versare un cucchiaio di erbe con 3 bicchieri di acqua calda e insistere per 15-25 minuti a bagnomaria. Prenda l'infusione dopo altri 45 minuti. La durata del ricovero dipende dai sintomi di disturbo. Idealmente, dovresti bere almeno ½ tazza tre volte al giorno..
  6. Tè a base di fiori di viburno o tè di ivan. Versare mezzo bicchiere di fiori con 3 tazze di acqua bollente, lasciare fermentare per 1 ora, prendere 0,5 tazze 4 volte al giorno.
  7. Impacco freddo alle erbe. Per un impacco 2 cucchiai. L'erba di San Giovanni, la radice di tarassaco e la piantaggine vengono versati in 1 litro. acqua calda e raffreddata in frigorifero. Una sciarpa viene immersa in acqua fredda e applicata sulla testa. Comprimere è uno dei rimedi più sicuri per l'emicrania..
  8. Pediluvio freddo. Si può fare un bagno con 1 litro di acqua diluito con 0,5 bicchiere di aceto. L'acqua deve essere fredda.

Se gli spasmi vascolari sono comuni, mantenere una grande scorta di ghiaccio nel congelatore. Al prossimo attacco, il ghiaccio va avvolto in un sottile panno di cotone e applicato dietro la testa. Per migliorare i vasi della testa, puoi prendere 1 cucchiaino di olio di olivello spinoso 3 volte al giorno. È necessario utilizzarlo prima dei pasti, il corso del trattamento è di 21 giorni. Se necessario, il trattamento viene ripetuto 1 mese dopo il completamento del corso.

Intervento chirurgico

L'operazione è una misura estrema nel trattamento delle malattie vascolari. L'intervento chirurgico è indicato se non c'è stato un trattamento terapeutico o non ha portato il risultato atteso. Si distinguono i seguenti metodi di chirurgia operativa:

  • shunt carotideo (un filo speciale è installato tra la placca e la parete del vaso);
  • endoarteriectomia carotidea (la placca che disturba il flusso sanguigno viene rimossa);
  • metodo angioplastico (un catetere dilatante viene inserito nel vaso).

I metodi chirurgici per rimuovere le placche sono molto efficaci, ma c'è sempre il rischio di complicazioni associate a una reazione negativa del corpo alla procedura stessa e a un corpo estraneo.

Prevenzione

Per evitare problemi con il sistema vascolare, è necessario:

  • camminare e correre di più (se possibile, fare jogging ogni giorno);
  • nuotare (nuotare rafforza tutti i muscoli);
  • andare in bicicletta;
  • praticare sport attivi;
  • escludere l'alcol dal consumo (vodka, cognac dilatano i vasi sanguigni, ma l'abuso di essi può avere conseguenze negative);
  • smettere di fumare;
  • mangiare bene (carni affumicate, cibo in scatola, cibi salati e piccanti, i cibi grassi dovrebbero essere esclusi dalla dieta).

Per non avere mal di testa in una persona che già soffre di malattie vascolari, non dovresti bere caffè e tè forte. Dovremo togliere anche i dolci dal menu, sostituendoli con frutta e verdura. La nutrizione dovrebbe essere equilibrata. I carichi, compresi quelli psicologici, dovrebbero essere moderati. Dopo il lavoro, dovresti dedicare 1-2 ore al riposo, trascorrendo questo tempo a guardare le tue serie TV preferite o semplicemente a letto.

Previsione

Le malattie vascolari rilevate tempestivamente, di regola, possono essere curate. Se la malattia non è stata adeguatamente diagnosticata e il paziente è stato lasciato senza trattamento, la prognosi potrebbe essere deludente. Quindi, molte malattie vascolari comportano lo sviluppo di ictus emorragico e ischemico e disturbi circolatori acuti transitori causano attacchi ischemici transistor (precursori dell'ictus ischemico). Nella vecchiaia si osserva demenza senile, la morte è possibile a causa della rottura del coagulo di sangue formato.

Negli adolescenti, la disfunzione del sistema vascolare può essere temporanea. Invecchiando, tutti i cambiamenti negativi scompaiono. Se durante l'infanzia vengono rilevate stenosi, ipertensione o osteocondrosi, un bambino del genere necessita di un trattamento serio. L'interruzione del flusso sanguigno può portare all'atrofia del tessuto cerebrale e alla compromissione delle funzioni di base del cervello. I bambini lasciati incustoditi dal pediatra e dai genitori iniziano a rimanere significativamente indietro nello sviluppo mentale. Le malattie vascolari sono pericolose durante la gravidanza.

I problemi vascolari iniziano in molte persone sopra i 40 anni, ma questo non significa che la malattia non si manifesti in giovane età. I suoi primi segni possono essere invisibili a una persona normale, quindi è necessario visitare un medico almeno 2 volte l'anno, non auto-medicare e utilizzare solo metodi comprovati per affrontare la malattia. In questo caso la percentuale di stagionato è piuttosto alta..


Articolo Successivo
Embolia polmonare (EP)