Conseguenze di una cisti cerebrale


Una cisti è una neoplasia piena di liquido cerebrospinale e circondata da una capsula densa. Appare nel sito di danno al tessuto cerebrale o nell'area in cui le meningi non sono cresciute insieme. Le cisti spesso procedono in modo latente, tuttavia, con un aumento, la malattia si manifesta come un quadro clinico di sindrome ipertensiva e sintomi neurologici focali.

Cos'è

Una cisti è una neoplasia benigna. Una cisti maligna del cervello è un termine improprio: la formazione non è maligna (non si trasforma in un processo maligno). Quanto tempo vivono: l'aspettativa di vita dipende dalle dinamiche, dalle dimensioni e dalla posizione della cisti. Se la formazione è, ad esempio, di 4 mm di dimensione, una persona potrebbe non sapere nemmeno di avere una neoplasia alla testa e morire di morte naturale in vecchiaia. Se la cisti è di 2 cm o più, c'è la possibilità di danni alle strutture cerebrali e accorciamento della vita.

Secondo le statistiche, nelle donne, la malattia appare 4 volte meno spesso rispetto agli uomini.

La cisti può dissolversi da sola: se la cisti è piccola, può. Le cisti grandi non sono soggette al riassorbimento.

Quale dimensione della neoplasia è considerata grande: la formazione è considerata grande se le sue dimensioni superano i 10-15 mm. Le dimensioni pericolose delle cisti cerebrali sono considerate come tali quando le loro dimensioni superano i 20 mm.

Le conseguenze di una cisti congenita del cervello in un adulto iniziano già dall'infanzia. Quindi, in un bambino, lo sviluppo psicomotorio è inibito a causa delle sue grandi dimensioni. Successivamente, per un adulto, ciò influisce su una diminuzione delle capacità lavorative e intellettuali. Inoltre, lo sviluppo psicomotorio ritardato complica l'adattamento sociale..

Esercito

La questione se siano portati nell'esercito dipende dal quadro clinico della cisti. L'articolo 23 del programma delle malattie afferma che il servizio è controindicato se ci sono tre tipi di manifestazioni della malattia:

  1. Aumento della pressione intracranica (sindrome da aumento della pressione intracranica) e gravi sintomi di deficit neurologico. Questa è una controindicazione assoluta al servizio. Il coscritto non è idoneo al servizio.
  2. Il quadro clinico è moderatamente pronunciato, la pressione intracranica non ti consente di fare un duro lavoro.
  3. Avere complicazioni da una cisti, come perdita di sensibilità o diminuzione della forza muscolare.

Se una potenziale recluta ha 2 e 3 punti, gli viene concesso un ritardo di sei mesi o un anno. Durante questo periodo, deve sottoporsi a un ciclo di trattamento. Se c'era un effetto terapeutico, il giovane era idoneo al servizio. Se l'effetto del trattamento non appare, il coscritto è inutilizzabile.

Daranno disabilità

La questione della concessione di una disabilità dipende da fattori aggravanti. Con una malattia che non si manifesta clinicamente, la disabilità non viene data. La disabilità viene rilasciata in questi casi:

  • a seguito dell'esposizione a una ciste, l'accuratezza della vista o dell'udito è diminuita;
  • a causa di una ciste in un bambino, sviluppo psicomotorio ritardato;
  • i sintomi del quadro clinico riducono l'adattamento sociale del paziente o ha difficoltà nella cura di sé.

Sport con una ciste

Una cisti cerebrale benigna esclude i seguenti sport:

  1. Tutti i tipi di boxe.
  2. Tutti i tipi di lotta.

Con una cisti, gli sport a percussione sono generalmente controindicati. Qualsiasi danno meccanico al cranio e al cervello provoca complicazioni (emorragia cerebrale) e aggrava il quadro clinico

Con una ciste, puoi fare carichi leggeri:

  • Atletica;
  • allenamento in palestra senza esercizi di ponderazione;
  • nuoto, canottaggio;
  • arrampicata;
  • ginnastica e altri sport in cui tutte le parti del corpo sono coinvolte senza forti sollecitazioni su di esse.

Psicosomatica delle malattie cistiche

La psicosomatica è una scienza che è emersa all'intersezione tra psicologia e medicina. Considera la domanda chiave: in che modo la sfera mentale di una persona influisce sulla sua salute fisica.

Ci sono tali ipotesi di rappresentanti della psicosomatica sull'origine della cisti nel cervello:

  1. Una cisti è un simbolo della testardaggine e della concentrazione del paziente su precedenti lamentele. Questi risentimenti e atteggiamenti negativi, se non risolti, si rivelano sotto forma di una neoplasia.
  2. Una cisti è un segno di un profondo pensiero conservatore. Secondo i sostenitori dell'origine psicosomatica di una neoplasia, una cisti si manifesta nel caso in cui una persona ostinatamente non vuole cambiare la situazione e la sua vita in generale, quando è bloccata in una posizione di vita e la considera come l'unica corretta.

Classificazione

La prima classificazione si basa sulla dinamica della malattia. Tipi di cisti cerebrali:

  • Progressivo. Tale malattia tende ad aumentare di dimensioni, a causa della quale il quadro clinico aumenta gradualmente e riduce la qualità della vita del paziente. L'educazione progressiva necessita di un trattamento chirurgico e conservativo.
  • Congelamento. La malattia è caratterizzata da dinamiche positive: non cresce e procede latente, cioè non si manifesta clinicamente. L'operazione e la terapia conservativa non sono prescritte. Tuttavia, il paziente deve sottoporsi a un follow-up diagnostico annuale per prevedere il comportamento della cisti..

La seconda classificazione si basa sul motivo:

  • Formazione cerebrale primaria, congenita o vera. Questa neoplasia appare a causa di malformazioni congenite del feto o malattie della madre. Le cause delle cisti primarie:
    • intossicazione materna da alcol, droghe, veleni domestici, fumo, avvelenamento industriale con elementi chimici;
    • lesioni meccaniche all'addome della madre;
    • infezioni passate, in particolare toxoplasmosi;
    • mangiare cibi di bassa qualità, fame.
      Questo include anche:

    • cisti porencefalica del cervello. La porencefalia è una malattia congenita della struttura del cervello, in cui si formano più cavità cistiche a causa di disturbi circolatori;
    • cisti periventricolare del cervello. Questa cisti si verifica a causa dell'ipossia cerebrale fetale
  • Cisti secondaria acquisita. Si forma a causa di fattori di vita negativi che influenzano indirettamente o direttamente la struttura organica o il lavoro funzionale del cervello.
  • Varietà di formazioni, a seconda della causa:

    1. Cisti post-traumatica del cervello. Formato dopo una lesione cerebrale traumatica. Le neoplasie post-traumatiche sono suddivise in subaracnoide (cisti post-emorragica del cervello) e intracerebrale (cisti post-ischemica del cervello). Queste cisti sono più comuni nei bambini. Come risultato dell'emorragia, si forma una "cisti arrugginita". Il nome deriva dal colore del contenuto: l'emosiderina è un pigmento giallo scuro che ricorda la ruggine.
    2. Cisti cerebrale post-ictus. Si formano dopo un disturbo acuto dell'afflusso di sangue al cervello a causa di aterosclerosi o ipertensione. Ciò include anche le cisti ischemiche del cervello come complicanza e conseguenza dell'ictus ischemico..
    3. Cisti echinococcica del cervello. L'echinococco è un parassita che può vivere e svilupparsi nelle cavità del cervello. L'echinococco, penetrando nel sistema nervoso centrale, si deposita nella sostanza cerebrale ed è ricoperto da una capsula in cui vive.

    Altri motivi per cui può apparire una cisti:

    • neuroinfezioni: meningite, encefalite, meningoencefalite, sclerosi multipla di natura infettiva;
    • ascesso;
    • teniasi;
    • precedente intervento chirurgico al cervello.

    Classificazione per struttura tissutale della neoplasia:

    1. Cisti dermoide del cervello. Si sviluppa a seguito di una violazione del movimento di elementi della pelle embrionale. Quindi, all'interno della cisti dermoide, si trovano strutture della pelle, ad esempio epidermide cheratinizzata, elementi delle ghiandole sudoripare e follicoli piliferi. Inoltre, all'interno della neoplasia, si trovano calcificazioni: un accumulo di sali di calcio. Un altro nome è una cisti della linea mediana del cervello.
    2. Cisti epidermoide del cervello. Circondato da una sottile capsula. Le pareti sono composte da uno strato di epitelio squamoso. La cisti contiene una sostanza cerosa composta da derivati ​​della cheratina e cristalli di colesterolo.
    3. Cisti colloide del cervello. Le pareti della neoplasia sono composte da tessuto connettivo. All'interno: una massa che sembra gelatina verde, originata dalla secrezione della parete della cisti.
    4. Cisti del CSF aracnoide. Le pareti sono composte da tessuti di conchiglie di ragnatela. All'interno contiene liquido cerebrospinale.
    5. Cisti neuroenterica. Le pareti della neoplasia provengono da tessuti localizzati negli organi del tratto gastrointestinale e dell'apparato respiratorio.

    La seguente classificazione si basa sulla localizzazione:

    Cisti nelle cavità del cervello. Tali cisti si trovano nel sistema di cavità del cervello: nei ventricoli e nelle cisterne. Ciò include tali cisti:

    • Orlo del cervello: questa neoplasia è localizzata nella cavità del setto trasparente; un altro nome è neoplasia interventricolare del cervello.
    • 3 ventricoli del cervello.
    • Cisti coroidale - situata nel plesso coroideo.
    • Ventricolo laterale - situato nel primo ventricolo sotto il corpo calloso, lontano dalla linea mediale.
    • Una vela intermedia è un'espansione volumetrica nel serbatoio della vela intermedia.

    Cisti della fossa cranica anteriore:

    1. Lobi frontali destro e sinistro del cervello.
    2. Neoplasia del solco silvestre sinistro e destro (fessura).

    Processi volumetrici della fossa cranica media:

    • Nella parte temporale sinistra del cervello.
    • Nella regione temporale destra.

    Cisti della fossa cranica posteriore del cervello (PCF):

    1. Cervelletto del cervello. Di solito si trova tra la parete posteriore del cervelletto e la parete della fossa posteriore (cisti cerebellare del cervello).
    2. Parte occipitale del cervello.
    3. Lobo parietale sinistro del cervello.
    4. Lobo parietale destro.

    Cisti del gruppo di strutture profonde del cervello:

    • Seno sfenoidale. Questa è una rara forma di neoplasia. Espande la fistola del seno, il guscio raggiunge uno spessore di 2 mm.
    • Corpo calloso. Questa struttura unisce gli emisferi sinistro e destro.
    • Area pineale. La neoplasia è localizzata nell'area della ghiandola pineale. Di tutti i processi volumetrici cistici, la cisti della ghiandola pineale è del 5%. La dimensione non supera 1 cm All'interno contiene un liquido con impurità proteiche. Gli integratori di sangue sono meno comuni lì..
    • Ciste Rathke. Formato nella quarta settimana di sviluppo fetale. All'interno è rivestito di epitelio, simile all'epitelio della cavità orale.
    • Sella turca. Situato nella ghiandola pituitaria.
    • Neoplasie dei nuclei basali. I nuclei basali sono gruppi di nervi situati intorno al talamo. Sono responsabili del funzionamento del sistema nervoso autonomo e della sfera motoria..

    Classificazione per localizzazione nell'endbrain:

    1. Cisti nell'emisfero sinistro (emisfero sinistro).
    2. Cisti nell'emisfero destro (emisfero destro).

    La cisti è più comune nell'emisfero sinistro che in quello destro.

    Sintomi

    Il quadro clinico della neoplasia è costituito da diverse sindromi:

    Ipertensione intracranica

    La sindrome da aumento della pressione intracranica si verifica a seguito del processo volumetrico. Pertanto, una cisti con un diametro di diversi centimetri spreme il tessuto cerebrale adiacente, che si precipita nel cranio. Le ossa di quest'ultimo non consentono la fuoriuscita del tessuto cerebrale, quindi poggiano contro le pareti interne del cranio.

    Il mal di testa cistico è il sintomo più comune e comune. La cefalea è caratterizzata da mal di testa doloranti e scoppiettanti, aggravati da un cambiamento nella posizione della testa. La cefalea peggiora anche quando il corpo è in posizione verticale e quando si tossisce, si starnutisce, si urina o si defeca. Con il decorso maligno della sindrome, si verificano convulsioni.

    I disturbi mentali non sono specifici. Si manifestano con ridotta coscienza, stupore, sonnolenza, labilità emotiva, irascibilità, disturbi del sonno. Anche la memoria diminuisce e l'attenzione è turbata..

    Il dolore, come una sorta di sensazione, sorge in risposta all'irritazione dei nocicettori nelle meningi, a seguito dell'espansione dei ventricoli e della compressione delle grandi arterie e vene.

    Il mal di testa con una ciste di solito ha una dinamica crescente. Può svegliare il paziente in un sogno, provocare nausea e vomito. Quest'ultimo si verifica al culmine del dolore ed è causato dall'irritazione del centro del vomito. Le vertigini risultanti sono causate dalla congestione nelle strutture dell'apparato vestibolare.

    Oggettivamente, la sindrome intracranica si manifesta con la congestione dei dischi ottici. Il processo porta all'atrofia delle fibre nervose, di cui il paziente lamenta: una diminuzione dell'accuratezza della vista, mosche e nebbia compaiono davanti agli occhi.

    I segni della sindrome intracranica includono anche crisi epilettiche. Sorgono a causa dell'irritazione della cisti delle strutture cerebrali. Il quadro clinico in questo caso è integrato da crisi convulsive locali e generalizzate..

    Altri sintomi della sindrome intracranica:

    • diminuzione dell'appetito;
    • maggiore distrazione;
    • affaticamento, affaticamento rapido da lavoro semplice;
    • difficoltà a svegliarsi la mattina.

    Un aumento della pressione intracranica può portare a una complicazione: sindrome da lussazione. La patologia acuta consiste nel fatto che sotto la pressione della cisti, le strutture cerebrali vengono spostate rispetto all'asse. Il pericolo maggiore per la vita del corpo è lo spostamento delle strutture staminali, dove si trova il centro della respirazione e dell'attività cardiovascolare..

    Deficit neurologico focale

    La seconda sindrome è i sintomi del deficit neurologico focale. È dovuto alla localizzazione della neoplasia. Segni di una cisti cerebrale negli adulti, a seconda della loro posizione:

    1. Lobo frontale I primi sintomi si manifestano con mal di testa unilaterale, convulsioni, disorientamento nello spazio, comportamento strano (spesso le azioni dei pazienti non corrispondono alla situazione), sciocca giocosità, labilità del comportamento e diminuzione dell'attività volitiva. Successivamente, il quadro clinico è integrato dalla sindrome apatoabulica. Questo complesso di sintomi denota una diminuzione della voglia di agire e una mancanza di motivazione..
    2. Lobo temporale Segni focali di impatto sul lobo temporale: allucinazioni olfattive, gustative, uditive, visive e convulsioni epilettiche. Le allucinazioni sono prevalentemente elementari. Le allucinazioni visive elementari sono chiamate fotopsie: si ha la sensazione che lampi, scintille appaiano davanti agli occhi o semplicemente "si è visto qualcosa". Allucinazioni uditive elementari - acasmi: rumore, suoni semplici, chiamate casuali o suoni di uno sparo. Quando la neoplasia è localizzata nel lobo temporale sinistro, il paziente sviluppa afasia sensoriale. Questa è una condizione in cui una persona non comprende il discorso a lui rivolto
    3. Lobo parietale. Una cisti che si localizza qui provoca disturbi della sensibilità generale. La percezione del proprio modello corporeo è spesso compromessa. Quando sono localizzati sul lato sinistro del lobo parietale, ci sono violazioni di scrittura, conteggio, lettura. Se la regione inferiore della corteccia parietale è danneggiata, compare la sindrome di Gerstmann: lettura, conteggio aritmetico, scrittura sono sconvolti.
    4. Lobo occipitale. Il disturbo principale è la patologia della vista. Esistono allucinazioni visive elementari (fotopsie) e disturbi visivi più complessi: emianopsia, alterata percezione del colore, illusioni visive, in cui la percezione di oggetti reali è perversa. Ad esempio, un oggetto (monumento) sembra al paziente insolitamente grande o troppo piccolo, o con un cambiamento in alcune parti dell'oggetto.
    5. Terzo ventricolo. La manifestazione classica è la sindrome ipertensiva-idrocefalica. Caratterizzato da dolore intenso, nausea, vomito, diminuzione dell'acuità visiva ed emianopsia bitemporale.
    6. Cervelletto. Il primo sintomo di una cisti cerebellare è il mal di testa, che è accompagnato da vomito. Successivamente, si uniscono disturbi di coordinazione, diminuzione del tono muscolare e nistagmo. Di solito il quadro clinico con lesione cerebellare è simmetrico.
    7. Quarto ventricolo. La clinica inizia con segni di ipertensione intracranica. La cefalea è parossistica, spesso finisce con il vomito ed è accompagnata da vertigini. Combina con patologie cerebellari: l'andatura e la precisione dei movimenti sono sconvolte.

    Diagnostica

    La diagnosi di una cisti cerebrale si basa sul quadro clinico e sui metodi di ricerca strumentali.

    All'esame, il neurologo tiene conto del momento della comparsa dei primi sintomi, della loro dinamica e gravità. Studia le sfere motorie, sensibili e in parte mentali con l'ausilio di mezzi improvvisati sotto forma di martello neurologico, ago e test di forza muscolare..

    Tuttavia, la diagnosi finale viene effettuata solo dopo che sono state eseguite le tecniche di neuroimaging. Il metodo più informativo è la risonanza magnetica.

    Una cisti cerebrale alla risonanza magnetica non è specifica. Il segnale RM dipende dal contenuto della neoplasia, dalla sua densità. Con una cisti aracnoidea, ad esempio, il segnale ha un'intensità del liquido cerebrospinale.

    • Le cisti epidermoidi sulle immagini MRI sono grasse. Queste escrescenze sono chiamate colesteatomi, come evidenziato da un segnale ad alta intensità sulle scansioni MRI pesate in T1. Sulle immagini pesate in T2, l'intensità del segnale è inferiore a quella della cisti del CSF.
    • Le cisti dermoidi su un tomogramma magnetico si manifestano con l'eterogeneità delle strutture. Sulle immagini pesate in T1, sono luminose a causa del contenuto della componente grassa.
    • Cisti ependimali. Avere contorni chiari, segnale del liquore e struttura omogenea.
    • Neoplasia colloidale. Di solito si trova nel terzo ventricolo. Ha contorni chiari e forma arrotondata, ma contenuto incoerente. Se all'interno è presente una componente proteica, il segnale sarà iperintenso sui disegni T1 e ipointenso su T2..
    • La cisti tascabile di Rathke. Alla risonanza magnetica si trova se ha una tonalità chiara nell'immagine T1. Le pareti della neoplasia con contrasto a volte hanno un segnale potenziato.
    • Una neoplasia nella ghiandola pineale. Contiene proteine ​​all'interno, il che significa che sarà leggero sulla risonanza magnetica T1. Alla periferia, il processo volumetrico è contrastato.

    Ai bambini di età inferiore a un anno viene assegnata la neurosonografia. Il suo vantaggio: i segnali ultrasonici penetrano nelle ossa molli, non ancora ossificate del cranio. Inoltre, il metodo può essere utilizzato per le donne incinte. Può aiutare a identificare una cisti in un feto nell'utero. Dopo il primo anno, al bambino viene mostrata una risonanza magnetica o computerizzata.

    La diagnostica aggiuntiva include:

    Se viene rilevata una neoplasia, il paziente si sottopone a visita medica e si sottopone annualmente a un esame di controllo.

    Trattamento

    La scelta delle tattiche di trattamento dipende dalla gravità del quadro clinico. Una neoplasia con dinamica positiva e senza segni clinici non richiede trattamento. Il paziente, tuttavia, deve essere monitorato annualmente mediante risonanza magnetica o tomografia computerizzata..

    Come curare una cisti nel cervello con dinamiche negative: vengono utilizzati il ​​trattamento farmacologico e la rimozione di una cisti cerebrale.

    La terapia conservativa dipende dalla sindrome dominante. Di regola, si tratta di idrocefalo e sindrome intracranica. Questo quadro clinico viene eliminato con l'aiuto dei diuretici. Rimuovono il fluido dal corpo e quindi riducono la pressione intracranica e rimuovono il CSF in eccesso dal sistema ventricolare.

    Che tipo di medico tratta una cisti cerebrale: questo è ciò che fa un neurochirurgo. La sua competenza include operazioni sul cervello. Il costo dell'operazione varia da 2 a 10mila euro. Il costo della rimozione di una ciste per il turismo medico (cure in Israele e in altri paesi medici) tende a 10mila euro.

    L'operazione viene eseguita con le seguenti indicazioni:

    • Il quadro clinico è espresso dall'insufficienza neurologica.
    • Sindrome da pressione intracranica alta.
    • La ciste è in costante crescita e rappresenta un potenziale pericolo per la salute e la vita del paziente.

    Dimensioni per la chirurgia: qualsiasi cisti che appare clinicamente deve essere rimossa. Di solito il quadro clinico è provocato da una cisti di 2 cm di diametro o più.

    L'operazione non è prescritta per lo scompenso di malattie croniche che sono accompagnate da insufficienza cardiaca o respiratoria. Inoltre, l'operazione è controindicata nella meningite e nell'encefalite..

    Metodi di rimozione delle neoplasie:

    1. Drenaggio e smistamento della cavità cistica mediante ago di aspirazione. Durante l'intervento, i chirurghi praticano un buco e lo drenano. Il tubo è fissato con un manicotto e nel drenaggio stesso viene praticato un foro attraverso il quale il fluido intracistico viene rilasciato nello spazio subaracnoideo.
    2. Endoscopia con un laser. Un sottile raggio laser è diretto verso la proiezione del tumore e lo rimuove con energia. L'endoscopia laser appartiene ai metodi poco traumatici e minimamente invasivi della moderna neurochirurgia.

    Possibili conseguenze negative dell'operazione:

    • liquorrea: il liquido cerebrospinale scorre attraverso aperture artificiali o naturali;
    • necrosi della ferita chirurgica;
    • complicazioni intraoperatorie infettive.

    La correzione chirurgica dell'idrocefalo può essere applicata prima della rimozione della cisti. Questo metodo è indicato per l'edema dei dischi del nervo ottico, disturbi della coscienza ed edema cerebrale..

    L'idrocefalo viene trattato utilizzando due metodi:

    1. operazione di shunt del liquore;
    2. drenaggio ventricolare esterno (ventricolare).

    Dopo l'operazione, viene prescritto un farmaco di supporto. Il paziente viene monitorato nei primi giorni. L'essenza della terapia conservativa è normalizzare l'attività cerebrale e i processi metabolici nel corpo. Questo viene fatto utilizzando i seguenti metodi:

    • Stabilizzazione dell'attività cerebrale. Viene eseguito con l'aiuto di farmaci nootropici, ad esempio Mexidol.
    • Ripristino dell'afflusso di sangue al cervello.
    • Ripristino dell'equilibrio del sale marino.

    Dopo l'intervento chirurgico, viene prescritta una dieta terapeutica. Il suo compito è reintegrare la carenza di nutrienti ed eliminare lo stress psicofisiologico dopo l'intervento chirurgico..

    Il trattamento di una cisti cerebrale senza intervento chirurgico non porta l'effetto desiderato. Quindi, guidato dai principi della terapia conservativa e fermando solo i sintomi, la causa della malattia non viene eliminata. L'applicazione di diuretici elimina temporaneamente il quadro clinico dell'ipertensione intracranica e dell'idropisia, ma in seguito i sintomi continueranno a presentarsi.

    Anche il trattamento con rimedi popolari - metodi di medicina alternativa - non porterà l'effetto previsto. Con l'aiuto di tinture ed erbe, è teoricamente possibile abbassare la pressione intracranica. Tuttavia, la causa del quadro clinico rimarrà.

    Dopo l'operazione, il paziente va all'osservazione del dispensario. Negli adulti e nei bambini, è osservato da un neurochirurgo, oftalmologo, psicologo medico, neurologo, pediatra e neurofisiologo.

    La riabilitazione dopo la rimozione di una cisti si pone i seguenti compiti:

    1. Adattare il paziente alle conseguenze del trattamento chirurgico e prepararsi per un ulteriore funzionamento.
    2. Ripristina parzialmente o completamente i deficit neurologici.
    3. Insegna al paziente le abilità perse.

    La riabilitazione si basa su:

    • Fisioterapia. Vengono applicati stimolazione delle fibre muscolari, magnetoterapia, terapia laser, massaggio.
    • Fisioterapia. I metodi di terapia fisica mirano a ripristinare il tono muscolare e il volume dei muscoli, dei sistemi respiratorio e cardiovascolare. Al paziente vengono assegnate sessioni di ginnastica respiratoria e fisica. La difficoltà degli esercizi aumenta ogni giorno fino al completo ripristino del tono muscolare..

    Cisti cerebrale (cisti cerebrale)

    Una cisti del cervello è una formazione intracranica volumetrica, che è una cavità piena di liquido. Spesso ha un decorso subclinico latente senza un aumento delle dimensioni. Si manifesta principalmente con sintomi di ipertensione intracranica e parossismi epilettici. Possibili sintomi focali corrispondenti alla posizione della cisti. Viene diagnosticato dai risultati della risonanza magnetica e della TC del cervello, nei neonati - mediante neurosonografia. Il trattamento viene effettuato con la crescita progressiva della cisti e lo sviluppo di complicanze, consiste nella rimozione chirurgica o nell'aspirazione della cisti.

    ICD-10

    • Classificazione delle cisti cerebrali
    • Cause di una cisti cerebrale
    • Sintomi della cisti cerebrale
    • Complicazioni
    • Alcuni tipi di cisti cerebrali
    • Diagnostica
    • Trattamento delle cisti cerebrali
    • Previsione
    • Prevenzione
    • Prezzi del trattamento

    Informazione Generale

    Una cisti cerebrale è un accumulo locale di liquido nelle membrane o sostanza del cervello. Una cisti di piccolo volume, di regola, ha un decorso subclinico, viene rilevata per caso durante un esame di neuroimaging del cervello. Una grande cisti a causa dello spazio intracranico limitato (intracranico) porta a ipertensione intracranica e compressione delle strutture cerebrali circostanti. La dimensione clinicamente significativa delle cisti varia notevolmente a seconda della loro posizione e delle capacità compensatorie. Quindi, nei bambini piccoli, a causa della compliance delle ossa del cranio, si osserva spesso un lungo decorso latente di cisti senza segni di ipertensione cerebrale pronunciata..

    Una cisti cerebrale può essere trovata in diversi periodi di età, dal neonato alla vecchiaia. Va notato che le cisti congenite compaiono più spesso nella mezza età (di solito 30-50 anni) che durante l'infanzia. Secondo la pratica generalmente accettata in neurologia clinica, le tattiche di gestione dell'aspettativa osservazionale vengono utilizzate per le cisti congelate oa progressione lenta di piccolo volume..

    Classificazione delle cisti cerebrali

    A seconda della posizione, viene isolata una cisti aracnoidea e intracerebrale (cerebrale). Il primo è localizzato nelle meningi e si forma a causa dell'accumulo di liquido cerebrospinale nei luoghi della loro duplicazione congenita o aderenze formate a seguito di vari processi infiammatori. Il secondo si trova nelle strutture interne del cervello e si forma sul sito del tessuto cerebrale che è morto a seguito di vari processi patologici. Anche la cisti pineale, la cisti del plesso coroideo, le cisti colloide e dermoide sono isolate separatamente..

    Tutte le cisti cerebrali in base alla loro genesi sono classificate in congenite e acquisite. Le cisti dermoide e colloide del cervello sono esclusivamente congenite. In accordo con l'eziologia, tra cisti acquisite, post-traumatiche, post-infettive, echinococciche, post-ictus.

    Cause di una cisti cerebrale

    I fattori che provocano la formazione di una cisti cerebrale congenita sono eventuali effetti negativi sul feto nel periodo prenatale. Questi includono insufficienza fetoplacentare, infezioni intrauterine, assunzione di farmaci con effetto teratogeno da parte di una donna incinta, conflitto rhesus, ipossia fetale. Cisti congenite e altre anomalie nello sviluppo del cervello possono verificarsi se lo sviluppo del feto si verifica in condizioni di intossicazione intrauterina con tossicodipendenza, alcolismo, dipendenza da nicotina della futura mamma, nonché se ha malattie croniche scompensate.

    Una cisti acquisita si forma a seguito di trauma cranico, trauma alla nascita di un neonato, malattie infiammatorie (meningite, aracnoidite, ascesso cerebrale, encefalite), accidenti cerebrovascolari acuti (ictus ischemico ed emorragico, emorragia subaracnoidea). Può avere un'eziologia parassitaria, ad esempio, con echinococcosi, forma cerebrale di teniasi, paragonimiasi.La cisti di origine iatrogena può formarsi come complicanza di operazioni sul cervello. In alcuni casi, vari processi distrofici e degenerativi nel cervello sono anche accompagnati dalla sostituzione dei tessuti cerebrali con una cisti.

    Un gruppo separato è costituito da fattori che possono provocare un aumento delle dimensioni di una formazione cistica intracranica esistente. Tali fattori scatenanti possono essere lesioni alla testa, neuroinfezioni, processi intracranici infiammatori, disturbi vascolari (ictus, ostruzione del deflusso venoso dalla cavità cranica), idrocefalo.

    Sintomi della cisti cerebrale

    La manifestazione più tipica di una cisti cerebrale con sintomi di ipertensione endocranica. I pazienti lamentano cefalea quasi costante, sensazione di nausea non associata al cibo, sensazione di pressione sui bulbi oculari e riduzione delle prestazioni. Possono verificarsi disturbi del sonno, rumore o sensazione di pulsazioni alla testa, disturbi visivi (calo dell'acuità visiva, visione doppia, restringimento dei campi visivi, comparsa di fotopsie o allucinazioni visive), lieve perdita dell'udito, atassia (vertigini, instabilità, discordanza dei movimenti), tremore superficiale, svenimento. Con alta ipertensione intracranica, si verificano ripetuti vomiti.

    In un certo numero di casi, una cisti cerebrale fa il suo debutto con un parossismo epilettico di nuova insorgenza, seguito da ripetute crisi epilettiche. I parossismi possono essere di natura primaria generalizzata, avere la forma di assenze o epilessia Jacksoniana focale. I sintomi focali sono osservati molto meno spesso delle manifestazioni cerebrali generali. In accordo con la localizzazione della formazione cistica, include emi- e monoparesi, disturbi sensoriali, atassia cerebellare, sintomi staminali (disturbi oculomotori, disturbi della deglutizione, disartria, ecc.).

    Complicazioni

    Una complicazione di una cisti può essere la sua rottura, l'idrocefalo occlusivo, la compressione del cervello, la rottura di una nave con emorragia nella cisti, la formazione di un focolaio epilettogeno persistente. Nei bambini, le cisti accompagnate da grave ipertensione endocranica o episindroma possono causare ritardo mentale con formazione di oligofrenia.

    Alcuni tipi di cisti cerebrali

    La cisti aracnoidea è più spesso di natura congenita o post-traumatica. Situato nelle meningi sulla superficie del cervello. Pieno di liquido cerebrospinale. Secondo alcuni rapporti, fino al 4% della popolazione ha cisti aracnoidee del cervello. Tuttavia, le manifestazioni cliniche si osservano solo nel caso di un grande accumulo di liquido nella cisti, che può essere associato alla produzione di liquido cerebrospinale da parte delle cellule che rivestono la cavità cistica. Un forte aumento delle dimensioni della cisti minaccia la sua rottura, portando alla morte.

    La cisti pineale (cisti pineale) è una formazione cistica della ghiandola pineale. Alcuni dati indicano che fino al 10% delle persone ha piccole cisti pineali asintomatiche. Le cisti con un diametro superiore a 1 cm sono molto meno comuni e possono mostrare sintomi clinici. Quando raggiunge una dimensione significativa, la cisti pineale è in grado di bloccare l'ingresso dell'acquedotto del cervello e bloccare la circolazione del liquido cerebrospinale, provocando l'idrocefalo occlusivo.

    La cisti colloide costituisce circa il 15-20% delle formazioni intraventricolari. Nella maggior parte dei casi, si trova nella regione anteriore del terzo ventricolo, sopra il foro di Monroe; in alcuni casi - nell'IV ventricolo e nell'area del setto trasparente. Il riempimento di una cisti colloidale è altamente viscoso. La base delle manifestazioni cliniche sono i sintomi dell'idrocefalo con crescita parossistica della cefalea in alcune posizioni della testa. Possibili disturbi comportamentali, perdita di memoria. Sono stati segnalati casi di debolezza degli arti.

    La cisti del plesso coroideo si forma quando lo spazio tra i singoli vasi del plesso è pieno di liquido cerebrospinale. Viene diagnosticato in età diverse. Raramente si manifesta clinicamente, in alcuni casi può dare sintomi di ipertensione endocranica o epilessia. Spesso, le cisti del plesso vascolare vengono rilevate secondo l'ecografia ostetrica alla 20a settimana di gravidanza, quindi si risolvono da sole e intorno alla 28a settimana di sviluppo intrauterino non vengono più rilevate dagli ultrasuoni.

    Una cisti dermoide (epidermoide) è un'anomalia dello sviluppo embrionale in cui le cellule che danno origine alla pelle e le sue appendici (capelli, unghie) rimangono all'interno del cervello. Il contenuto della cisti, insieme al fluido, è rappresentato da elementi dell'ectoderma (follicoli piliferi, ghiandole sebacee, ecc.). Differisce in un rapido aumento delle dimensioni che si verifica dopo la nascita e quindi deve essere rimosso.

    Diagnostica

    I sintomi clinici ei dati sullo stato neurologico consentono al neurologo di sospettare la presenza di una massa intracranica. Per controllare l'udito e la vista, il paziente viene indirizzato a un consulto con un otorinolaringoiatra e un oftalmologo; Vengono eseguite audiometria, visiometria, perimetria e oftalmoscopia, su cui si notano dischi ottici congestizi con idrocefalo grave. L'aumento della pressione intracranica può essere diagnosticato utilizzando l'eco-encefalografia. La presenza di parossismi epilettici è un'indicazione per l'elettroencefalografia. Tuttavia, sulla base solo dei dati clinici, è impossibile verificare una cisti da un ematoma, ascesso o tumore al cervello. Pertanto, se si sospetta una grande massa cerebrale, è necessario utilizzare metodi diagnostici di neuroimaging..

    L'utilizzo degli ultrasuoni ci permette di identificare alcune cisti congenite anche durante lo sviluppo intrauterino, dopo la nascita di un bambino e prima della chiusura della sua grande fontanella, la diagnosi è possibile tramite neurosonografia. In futuro, la cisti può essere visualizzata utilizzando la TC o la risonanza magnetica del cervello. Per differenziare una formazione cistica da un tumore al cervello, questi studi vengono eseguiti con contrasto, poiché, a differenza di un tumore, una cisti non accumula un mezzo di contrasto. Per una migliore visualizzazione della cavità cistica, è possibile introdurre contrasto in essa mediante puntura della cisti. A differenza della risonanza magnetica, la TC del cervello consente di giudicare la viscosità del contenuto della cisti dalla densità della sua immagine, che viene presa in considerazione durante la pianificazione del trattamento chirurgico. Di fondamentale importanza è non solo l'istituzione della diagnosi, ma anche il monitoraggio continuo della formazione cistica per valutare le variazioni del suo volume nel tempo. In caso di genesi post-ictus, le cisti ricorrono inoltre a esami vascolari: scansione duplex, ecografia, TC o RM di vasi cerebrali.

    Trattamento delle cisti cerebrali

    La terapia conservativa è inefficace. Il trattamento è possibile solo chirurgicamente. Tuttavia, la maggior parte delle cisti non ha bisogno di un trattamento attivo perché sono piccole e non progrediscono di dimensioni. Il follow-up regolare viene effettuato in relazione a loro utilizzando il controllo MRI o TC. Le cisti sono soggette a trattamento neurochirurgico, manifestando clinicamente sintomi di idrocefalo, aumentando progressivamente di dimensioni, complicate da rottura, sanguinamento e compressione del cervello. La scelta del metodo di funzionamento e dell'approccio chirurgico viene effettuata in consultazione con un neurochirurgo.

    In caso di una condizione grave di un paziente con un disturbo della coscienza (stupore, coma), il drenaggio ventricolare esterno è urgentemente indicato per ridurre la pressione intracranica e la compressione del cervello. In caso di complicazioni sotto forma di rottura di una cisti o emorragia, nonché con eziologia parassitaria di una cisti, l'intervento chirurgico viene eseguito con l'obiettivo di escissione radicale della formazione cistica; l'accesso chirurgico è la craniotomia.

    In altri casi, l'operazione è pianificata ed eseguita principalmente con il metodo endoscopico. Il vantaggio di quest'ultimo è un trauma basso e un periodo di recupero più breve. Per la sua implementazione, è necessario solo un foro di fresatura nel cranio, attraverso il quale viene aspirato il contenuto della cisti. Al fine di prevenire l'accumulo ripetuto di liquido nella cavità cistica, vengono praticati numerosi fori che lo collegano agli spazi del liquido cerebrospinale o viene eseguito uno shunt cistoperitoneale. Quest'ultimo prevede l'impianto di uno speciale shunt attraverso il quale il fluido della cisti entra nella cavità addominale.

    Nel periodo postoperatorio viene eseguita una complessa terapia riabilitativa, alla quale, se necessario, prendono parte un neuropsicologo, un medico di terapia fisica, un massaggiatore, un riflessologo. La componente farmacologica comprende agenti di riassorbimento, farmaci che migliorano l'afflusso di sangue e il metabolismo cerebrale, decongestionanti e farmaci sintomatici. Parallelamente, al fine di ripristinare la forza muscolare e la funzione sensoriale, adattare il paziente all'attività fisica, vengono eseguiti fisioterapia, terapia fisica, massaggi, riflessologia.

    Previsione

    Una cisti cerebrale congelata clinicamente insignificante nella maggior parte dei casi mantiene il suo stato non progressivo e non infastidisce in alcun modo il paziente per tutta la vita. Il trattamento chirurgico tempestivo e adeguatamente eseguito delle cisti clinicamente significative determina il loro esito relativamente favorevole. Possibile sindrome da liquido cerebrospinale-ipertensiva moderatamente pronunciata. In caso di formazione di un deficit neurologico focale, può avere un carattere residuo persistente e persistere dopo il trattamento. Le crisi epilettiche spesso scompaiono dopo la rimozione della cisti, ma poi spesso si ripresentano, a causa della formazione di aderenze e altri cambiamenti nell'area operata del cervello. Inoltre, l'epilessia secondaria è caratterizzata dalla resistenza alla terapia anticonvulsivante..

    Prevenzione

    Poiché la cisti cerebrale acquisita è spesso una delle opzioni per risolvere i processi intracranici infettivi, vascolari, infiammatori e post-traumatici, la sua prevenzione è il trattamento tempestivo e corretto di queste malattie con l'uso della terapia neuroprotettiva e riassorbente. Per quanto riguarda le cisti congenite, la prevenzione è la protezione della donna incinta e del feto dall'influenza di vari fattori dannosi, la corretta gestione della gravidanza e del parto.

    Ciò che minaccia una cisti alla testa

    Una cisti è una formazione benigna che colpisce il cervello. È in grado di non mostrarsi per molto tempo. Se la dimensione è piccola, viene diagnosticata in modo casuale. Il trattamento è prescritto in base al volume della neoplasia.

    Soddisfare
    1. Cos'è una cisti cerebrale
    2. Classificazione
      1. Aracnoide
      2. Colloidale
      3. Dermoidal
      4. Epidermoidale
      5. Pineale
    3. Le ragioni
    4. Quadro clinico
    5. Diagnostica
      1. Doppler
      2. Analisi del sangue di laboratorio
      3. ECG
      4. RM o TC
    6. Qual è la differenza tra un tumore e una cisti
    7. Trattamento
      1. Terapia farmacologica
      2. Intervento operativo
        1. Bypass
        2. Endoscopia
        3. Trepanazione cranica
    8. Qual è la dimensione della cisti è l'operazione
    9. Una cisti può trasformarsi in cancro?
    10. Cosa non fare con una cisti cerebrale
    11. Possibili complicazioni
    12. Quanti vivono
    13. Misure preventive

    Cos'è una cisti cerebrale

    Le cisti che colpiscono le strutture cerebrali sono tipi di neoplasie benigne. Sono cavità di varie dimensioni riempite di contenuti liquidi.

    Su questo argomento
      • sistema nervoso centrale

    Come fa male una testa con un tumore al cervello

    • Natalia Gennadievna Butsyk
    • 3 dicembre 2019.

    Installato indipendentemente dall'età e dal sesso con la stessa frequenza. La cisti può essere localizzata in diverse parti del cervello. Con un danno al lobo frontale, la neoplasia può svilupparsi in ipertensione arteriosa.

    La neoplasia si trova nell'emisfero destro o sinistro, il che determina il quadro clinico generale della malattia. Esistono diversi tipi di tali formazioni, a seconda delle loro caratteristiche..

    Classificazione

    Le neoplasie delle strutture cerebrali di natura benigna, localizzate all'interno delle meningi del cervello, si dividono in due tipi, a seconda della loro posizione:

    1. Intracerebrale. Colpisce lo spessore del tessuto cerebrale dell'emisfero destro o sinistro.
    2. Aracnoide. Formato tra i gusci.

    In medicina si distinguono anche congenito e acquisito. Il primo tipo inizia a formarsi a seguito di cambiamenti nello sviluppo del feto. Pericoloso in quanto possono provocare la morte del tessuto cerebrale.

    Il secondo tipo di cisti si forma a seguito di lesioni precedentemente ricevute, infiammazioni e gravi emorragie interne.

    A seconda del tipo di tessuto da cui è formato, si distinguono diversi tipi. Hanno una serie di caratteristiche specifiche..

    Aracnoide

    In apparenza assomiglia a una formazione sferica di piccole dimensioni, all'interno della quale si trova il liquido cerebrospinale.

    Questo tipo di neoplasia è stabilita più spesso negli uomini che nelle pazienti di sesso femminile. Se la neoplasia non cresce, la chirurgia non viene eseguita. Il paziente deve visitare il medico curante per monitorare possibili cambiamenti.

    Colloidale

    Si riferisce a formazioni benigne. La cisti inizia la sua comparsa nei tessuti del sistema nervoso centrale..

    Nelle prime fasi dello sviluppo, non è accompagnato da sintomi. Dopo aver raggiunto una dimensione significativa, si verifica una violazione del deflusso di liquido attraverso il cervello, che provoca il verificarsi di idrocefalo.

    Il trattamento viene effettuato con un intervento chirurgico.

    Dermoidal

    Chiamato anche dermoide. È il risultato di uno sviluppo anormale delle strutture cerebrali, quando le cellule necessarie per costruire la parte temporale e frontale dell'organo rimangono tra il cervello e il midollo spinale.

    Il trattamento viene effettuato anche con l'aiuto di un intervento chirurgico, il cui scopo è resecare la formazione..

    Epidermoidale

    In medicina, una cisti di questo tipo è chiamata epidermoide. La sua caratteristica distintiva è che è formato da capelli, unghie o cellule della pelle..

    È impossibile sbarazzarsene con l'aiuto di droghe. La rimozione della cisti viene eseguita solo con l'aiuto dell'intervento chirurgico.

    Pineale

    Una cisti che colpisce le strutture cerebrali può essere di varie dimensioni ed è una formazione pineale. Installato nel 4% dei casi.

    La malattia è accompagnata da un mal di testa acuto e intenso, che si manifesta quando si alzano gli occhi. Ma molto spesso la malattia non è accompagnata da sintomi fino a quando non raggiunge una grande dimensione..

    Ci sono anche cisti postoperatorie che si formano dopo l'intervento chirurgico..

    Le ragioni

    Le ragioni esatte per lo sviluppo di una cisti che colpisce le strutture cerebrali non sono state stabilite. Gli esperti identificano una serie di fattori predisponenti.

    Su questo argomento
      • sistema nervoso centrale

    Ciò che minaccia una cisti porencefalica del cervello

    • Olga Vladimirovna Khazova
    • 27 maggio 2019.

    Lesioni infettive, l'assunzione di determinati gruppi di farmaci durante la gravidanza può provocare la formazione di una cisti congenita.

    Secondo gli esperti, i fattori di formazione della malattia sono lesioni ricevute durante il travaglio, disturbi della crescita intrauterina, ipossia, conflitto Rh, insufficienza placentare.

    Una cisti cerebrale di tipo congenito nei bambini e negli adulti si instaura anche nei casi in cui una donna ha bevuto alcol o fumato durante la gravidanza.

    L'acquisizione ha altri fattori di sviluppo. La sua formazione può essere provocata da traumi al cranio di diversa natura, malattie infiammatorie, quando il processo patologico colpisce l'area del cervello.

    Secondo la ricerca, è stato stabilito che una cisti si forma anche a seguito di emorragia, ischemia, infarto e complicazioni dopo un ictus..

    In alcuni casi, la malattia si verifica sullo sfondo di un'infezione parassitaria del corpo.

    Quadro clinico

    Nelle prime fasi dello sviluppo, una cisti che colpisce le strutture cerebrali non mostra sintomi. Man mano che cresce e aumenta di dimensioni, si verificano mal di testa, attacchi di vertigini.

    I pazienti lamentano mal di testa costante e pulsante, localizzato a destra oa sinistra. C'è una sensazione di pressione e scoppio, la coordinazione dei movimenti è disturbata, la vista è ridotta.

    Come risultato dello sviluppo della patologia, compare l'acufene, l'udito si deteriora e compaiono allucinazioni. Anche la sensibilità della pelle è compromessa.

    Su questo argomento
      • sistema nervoso centrale

    Tutto quello che devi sapere sull'adenoma ipofisario

    • Olga Vladimirovna Khazova
    • 28 febbraio 2019.

    Nei casi più gravi è possibile la paresi o la paralisi degli arti. Una cisti cerebrale può manifestarsi come sclerosi multipla.

    Nel tempo, i pazienti sperimentano frequenti perdite di coscienza, attacchi di nausea, comparsa di crisi epilettiche, tremori alle mani.

    La gravità dei sintomi dipende dalle dimensioni della neoplasia e dalla presenza di malattie concomitanti.

    Diagnostica

    Nelle prime fasi, la malattia non mostra sintomi. Ecco perché una cisti viene rilevata durante un esame a raggi X..

    Per stabilire le caratteristiche del decorso della patologia, lo specialista prescrive una serie di misure diagnostiche.

    Doppler

    La procedura consente di determinare la violazione della circolazione sanguigna. Prima dell'esame a raggi X, al paziente viene iniettata una sostanza speciale che consente di vedere i cambiamenti nell'immagine.

    La scansione è sicura per il corpo umano. La controindicazione è una reazione allergica a una sostanza contenente iodio.

    Analisi del sangue di laboratorio

    Il paziente ha bisogno di donare il sangue per stabilire la coagulabilità, la quantità di colesterolo, lo zucchero.

    Inoltre, lo studio consente di identificare la presenza di una lesione infettiva..

    L'elettrocardiografia è prescritta per rilevare le violazioni del muscolo cardiaco.

    Il paziente riceve i risultati dello studio immediatamente dopo la procedura. I dati vengono decifrati da un cardiologo.

    RM o TC

    La risonanza magnetica o la tomografia computerizzata del cervello possono determinare le dimensioni, il numero e la posizione della cisti. Grazie alla possibilità di scansione strato per strato, lo specialista è in grado di stabilire il tipo di neoplasia e la sua struttura.

    La risonanza magnetica e la TC sono metodi di ricerca abbastanza istruttivi e accurati in presenza di vari tumori e cisti, compresi quelli formati nel cervello.

    Qual è la differenza tra un tumore e una cisti

    Dopo la diagnosi di una cisti cerebrale, molti pazienti ritengono che si sia formato un tumore, che richiede un trattamento urgente. Ma questi tipi di neoplasie presentano diverse differenze..

    Prima di tutto, un tumore è formato da cellule alterate patologicamente. Una formazione solida cistica è formata dai tessuti delle meningi. È una cavità piena di liquido.

    I tumori possono essere maligni o benigni. Nel primo caso, crescono rapidamente e diventano la causa della diffusione di lesioni metastatiche agli organi vicini o distanti. Questo è molto spesso fatale.

    La cisti appartiene a formazioni benigne e non è in grado di metastatizzare. La prognosi dopo il trattamento è spesso favorevole..

    Trattamento

    Nei casi in cui la cisti colpisce le strutture cerebrali, non aumenta di dimensioni, i medici usano tattiche in attesa. Il paziente deve visitare regolarmente uno specialista per monitorare.

    Ma con la crescita della formazione cistica, il trattamento viene effettuato con l'aiuto di farmaci o interventi chirurgici.

    Terapia farmacologica

    Gli specialisti prescrivono farmaci per sciogliere le aderenze, ripristinare la circolazione sanguigna, abbassare i livelli di colesterolo nel sangue o normalizzare la pressione sanguigna.

    I farmaci nootropici vengono utilizzati per fornire al cervello ossigeno e glucosio sufficienti. Gli antiossidanti vengono utilizzati per aumentare la resistenza delle cellule degli organi alla pressione intracranica.

    In alcuni casi vengono prescritti farmaci immunomodulanti, antivirali e antibatterici.

    Il farmaco deve essere assunto da un mese a un anno, a seconda del tipo e delle dimensioni del tumore. I fondi sono prescritti solo da un medico che stabilisce la durata della terapia e il dosaggio. L'automedicazione provoca gravi conseguenze..

    Intervento operativo

    La rimozione della cisti del lobo temporale del cervello, dell'emisfero destro o sinistro viene eseguita con diversi metodi. Il metodo di resezione è determinato dal medico curante.

    Bypass

    La procedura viene eseguita utilizzando uno speciale tubo di drenaggio. Attraverso di esso, il contenuto della cisti viene rimosso dalla cavità.

    Lo svantaggio di questo metodo è l'alta probabilità di sviluppare una lesione infettiva, soprattutto nel caso in cui lo shunt fosse nel cranio per molto tempo.

    Il vantaggio della chirurgia di bypass è la riabilitazione a breve termine.

    Endoscopia

    La rimozione della formazione cistica viene eseguita attraverso punture. L'operazione si svolge più spesso senza complicazioni, i pazienti tollerano abbastanza bene la procedura.

    Su questo argomento
      • sistema nervoso centrale

    Cause e conseguenze della formazione di cisti nella testa nei bambini

    • Olga Vladimirovna Khazova
    • 28 febbraio 2019.

    La rimozione endoscopica è leggermente traumatica. Ma la procedura ha una serie di controindicazioni. Non viene eseguita in caso di disabilità visiva, presenza di insufficienza cardiaca.

    Il metodo non può essere utilizzato per tutti i tipi di cisti..

    Trepanazione cranica

    La procedura è prescritta per rimuovere grandi formazioni cistiche. Il metodo consiste nell'aprire il cranio. L'operazione è abbastanza efficace.

    Gli svantaggi della trapanazione sono considerati un alto rischio di danni cerebrali e un lungo periodo di riabilitazione..

    La scelta di un metodo per rimuovere una cisti viene effettuata dal medico curante in base ai risultati delle misure diagnostiche, alla presenza di controindicazioni, indicazioni e malattie concomitanti.

    Qual è la dimensione della cisti è l'operazione

    L'intervento chirurgico per l'istituzione di una cisti cerebrale non viene eseguito in tutti i casi. Le indicazioni per l'operazione sono la dimensione della neoplasia superiore a 10 mm.

    Su questo argomento
      • sistema nervoso centrale

    Perché una cisti retrocerebellare è pericolosa?

    • Olga Vladimirovna Khazova
    • 28 febbraio 2019.

    Inoltre, la rimozione viene eseguita nei casi in cui è presente un blocco dei vasi sanguigni e una violazione del flusso del liquido cerebrale.

    In altri casi, vengono prescritti farmaci o tattiche di attesa..

    Una cisti può trasformarsi in cancro?

    La formazione cistica è benigna. Ma nel caso di un'influenza negativa di alcuni fattori, è in grado di degenerare in un tumore canceroso..

    Lesioni, lesioni infettive, predisposizione genetica possono essere fattori provocatori. Il processo di mutazione della neoplasia è notato in rari casi.

    Cosa non fare con una cisti cerebrale

    Una cisti alla testa è una condizione grave. Ma l'istruzione non viene sempre rimossa. I pazienti dovrebbero usare una certa cautela quando usano la gestione delle aspettative..

    Quando viene rilevata una cisti che colpisce la struttura del cervello, è vietato:

    1. Consuma bevande alcoliche.
    2. Fumare.
    3. Ferisci il cranio.
    4. Consentire un aumento degli indicatori di pressione intracranica.

    Inoltre, i pazienti dovrebbero evitare situazioni stressanti, nevrosi, bruschi cambiamenti della pressione sanguigna, ipotermia.

    È importante essere testati ogni anno, per prestare attenzione ai cambiamenti nel comportamento. Eventuali modifiche dovrebbero consultare un medico.

    In caso di formazione cistica, l'attività fisica dovrebbe essere moderata. È possibile praticare sport quando si stabilisce una tale diagnosi solo dopo aver consultato un medico.

    Possibili complicazioni

    In assenza di terapia o mancato rispetto delle raccomandazioni del medico curante, la malattia diventa causa di gravi conseguenze potenzialmente letali.

    Prima di tutto, i pazienti sperimentano cambiamenti nel comportamento, come l'emergere di aggressività, pianto, apatia. Si manifesta una compromissione della coordinazione del movimento, l'attività motoria peggiora, l'udito, la vista diminuisce.

    L'encefalite e l'idrocefalo diventano pericolose conseguenze della malattia, quando il liquido cerebrospinale si accumula nei ventricoli del cervello..

    In alcuni casi, la morte si verifica a causa di complicazioni e prestazioni cerebrali compromesse.

    Ecco perché, quando si stabilisce la presenza di una ciste o la comparsa dei sintomi della malattia, è importante non posticipare il trattamento. Se lo specialista utilizza una tattica di attesa e visione, è necessario seguire tutte le raccomandazioni.

    Quanti vivono

    Con una piccola dimensione dell'istruzione, se non cresce e la chirurgia non viene eseguita, l'aspettativa di vita dipende da molte caratteristiche dell'organismo.

    Su questo argomento
      • sistema nervoso centrale

    Ciò che minaccia una cisti in un neonato nella testa

    • Olga Vladimirovna Khazova
    • 28 febbraio 2019.

    In medicina, ci sono casi in cui le cisti congenite sono state rilevate già in età avanzata. Pertanto, una persona potrebbe non essere a conoscenza della presenza di una malattia in tutta la sua vita..

    Nei casi in cui aumenta, viene eseguita la chirurgia. In questo caso, l'aspettativa di vita dipenderà dalle caratteristiche della malattia, dal corpo del paziente, dalla presenza di patologie concomitanti. Spesso, con un trattamento tempestivo, viene stabilita una prognosi favorevole..

    Misure preventive

    Poiché gli esperti non hanno stabilito le cause esatte delle formazioni cistiche, non esistono misure preventive speciali. I medici raccomandano le seguenti regole generali:

    1. Evita stress, stati depressivi, nevrosi.
    2. Elimina lesioni alla testa, commozioni cerebrali.
    3. Evita l'ipotermia. In inverno, non dovresti uscire senza un copricapo..
    4. Conduci uno stile di vita sano. Si consigliano passeggiate quotidiane, esercizi mattutini, alimentazione equilibrata.
    5. Smetti di bere e fumare.
    6. Elimina gli effetti di veleni, tossine, sostanze chimiche sul corpo.
    7. Sottoponiti annualmente a esami preventivi.

    È importante che le donne incinte monitorino la propria salute, visitino regolarmente un ginecologo, eseguano i test in modo tempestivo e mangino correttamente ed eliminino l'influenza di fattori negativi.

    Il rispetto delle misure preventive ridurrà significativamente il rischio di sviluppare patologie.

    Una ciste che colpisce il rivestimento del cervello non è sempre pericolosa per la vita e la salute umana. In alcuni casi, non richiede terapia farmacologica o resezione.

    Il paziente deve seguire solo le raccomandazioni del medico. Ma con la crescita della neoplasia, è necessaria un'operazione. La mancanza di cure porta a gravi conseguenze.


    Articolo Successivo
    Motivi e trattamento delle palpitazioni cardiache, cosa prendere