Emorroidi


Le emorroidi sono vene varicose nel retto. L'infiammazione del nodo emorroidario è caratterizzata da trombosi, un cambiamento di forma e un'espansione patologica delle vene emorroidali che formano nodi attorno al retto.

Secondo le statistiche, circa il 25% delle persone soffre di emorroidi, che di tanto in tanto peggiorano. E più del 70% delle persone sperimenta almeno occasionalmente vari sintomi di emorroidi, come fastidio all'ano, prurito e dolore durante i movimenti intestinali..

Le emorroidi nelle donne si verificano spesso durante la gravidanza e il parto. Le emorroidi durante la gravidanza devono essere trattate con metodi molto delicati, poiché a una donna incinta non è consigliato assumere alcuni farmaci per le emorroidi, che di solito vengono prescritti. Anche le emorroidi negli uomini sono abbastanza comuni, causate da una serie di altri motivi e fattori, che saranno discussi di seguito..

Quali sono le cause delle emorroidi?

È generalmente accettato che le emorroidi si sviluppino a causa di un aumento del flusso sanguigno o di un deflusso insufficiente di sangue, che porta a processi stagnanti. Le ragioni e i fattori per lo sviluppo delle emorroidi sono:

  • Predisposizione ereditaria alle emorroidi. Questo è il fattore principale nella comparsa delle emorroidi, che deve essere menzionato prima di tutto. E sebbene le emorroidi non siano ereditate, la predisposizione a questa malattia può essere determinata da fattori genetici. L'ereditarietà di alcuni gruppi di geni porta a debolezza congenita o disfunzione dei vasi situati nel retto. Questo è il motivo dell'aumento dell'afflusso e dell'insufficiente deflusso di sangue attraverso le vene cavernose, che porta all'espansione patologica di queste ultime. L'espansione prolungata delle vene cavernose porta ad un assottigliamento delle pareti dei vasi sanguigni, che contribuisce alla comparsa di sanguinamento nelle emorroidi.
  • Lavoro in piedi prolungato e sollevamento pesi. Oltre a uno stile di vita sedentario, anche il sovraccarico fisico contribuisce allo sviluppo delle emorroidi. Prima di tutto, questo vale per le persone che sono costrette a rimanere a lungo in posizione eretta. Questa categoria include insegnanti, docenti, portieri, guardie di sicurezza, parrucchieri e altri. Il sollevamento pesi è un altro motivo per lo sviluppo di emorroidi e il prolasso di emorroidi.
  • Stile di vita sedentario. Questo è un grave fattore negativo, che colpisce principalmente impiegati, conducenti e persone con stili di vita sedentari. Uno stile di vita sedentario contribuisce allo sviluppo delle emorroidi attraverso vari meccanismi. Prima di tutto, questa è una maggiore pressione sui vasi del retto in posizione seduta. Con una seduta prolungata, l'area dell'ano è leggermente riscaldata, il che porta a congestione e vasodilatazione. Inoltre, la mancanza di attività fisica è un modo sicuro per lo sviluppo dell'insufficienza venosa. Questo vale anche per le vene situate nel retto.
  • Costipazione cronica e diarrea. Le persone con stitichezza cronica sono anche inclini a sviluppare emorroidi. Perché sta succedendo? Il fatto è che con la stitichezza, le feci si induriscono, facendo pressione sulle vene nell'intestino inferiore. Ciò porta a un deterioramento dell'afflusso di sangue al cavernoso e alla comparsa di emorroidi. Un ulteriore fattore nella stitichezza è l'abitudine di spingere forte durante i movimenti intestinali, che crea ulteriore pressione sui vasi nel retto.

Oltre alla stitichezza, contribuisce allo sviluppo di emorroidi e diarrea grave (diarrea), che porta a irritazione e infiammazione della mucosa rettale.

  • Gravidanza. Le emorroidi durante la gravidanza e il parto sono frequenti, poiché portare un feto crea pressione sui vasi venosi del retto. E i tentativi faticosi durante il parto non fanno che aggravare il decorso delle emorroidi e contribuiscono alla formazione di nuove emorroidi.
  • Nutrizione impropria, abuso di cibi piccanti e alcol. Un fattore significativo nella comparsa delle emorroidi è la malnutrizione. In particolare, l'abuso di cibi piccanti porta all'irritazione della mucosa intestinale e stimola anche un aumento del flusso sanguigno al retto. E un consumo insufficiente di fibre (alimenti vegetali) peggiora la motilità intestinale. Un fattore provocante nello sviluppo delle emorroidi è l'alcol, che dilata i vasi sanguigni. L'assunzione di bevande alcoliche, anche in piccole quantità, può provocare un'esacerbazione delle emorroidi croniche.

I principali fattori che contribuiscono allo sviluppo delle emorroidi:

  1. Obesità.
  2. Predisposizione ereditaria.
  3. Stile di vita sedentario (inattività fisica) o lavoro associato a scarsa attività fisica.
  4. Attività che comportano un'eccessiva tensione muscolare (attività fisica intensa).
  5. Fatica.
  6. Alterato deflusso di sangue nel retto.
  7. Stipsi frequente.
  8. Processi infiammatori e tumorali nell'intestino e nel fegato.
  9. Infezione.
  10. Fumo.

Interno ed esterno

Nel sito di comparsa delle emorroidi, la malattia è divisa in due tipi principali: emorroidi interne ed esterne.

Con le emorroidi esterne, i nodi si formano nelle immediate vicinanze dell'ano, a questo proposito, la loro superficie sensibile spesso si rompe e il sanguinamento si verifica con sangue scarlatto brillante. Le sensazioni dolorose con emorroidi esterne sono piuttosto acute e forti, ma in termini di autodiagnosi, questo tipo non presenta alcuna difficoltà.

L'aspetto interno delle emorroidi, sebbene comporti una minaccia molto più grave per la salute, è spesso caratterizzato da una completa assenza di dolore (soprattutto nella fase iniziale della malattia). Questo fatto è spiegato dal fatto che le emorroidi si trovano in profondità all'interno e la loro superficie è la stessa membrana mucosa insensibile del retto che la riveste.

Gradi

Di solito ci sono 3 gradi di emorroidi interne:

  • 1 ° grado. Le vene emorroidali si trovano nel canale anale e potrebbero non essere percepite (anche con l'esame rettale). Reclami di infiammazione dell'ano e sanguinamento, dolore "spasmo" dopo la defecazione.
  • 2 ° grado. I nodi sporgono dall'ano quando si sforzano e scompaiono da soli. In linea di principio, qui si osservano gli stessi disturbi come nelle emorroidi di grado 1, tuttavia, piccole rotture della mucosa sono più comuni e l'infiammazione dell'ano è più pronunciata.
  • 3 ° grado. È caratterizzato dal cosiddetto prolasso delle emorroidi, che non può essere regolato da solo. I sintomi possono essere gli stessi del grado 2, ma spesso si sviluppa anche l'incontinenza fecale e gassosa. All'esame, le emorroidi prolassate si distinguono dal prolasso dell'ano per i solchi che si estendono radialmente, la colorazione cianotica e una superficie irregolare..

Sintomi di emorroidi

Segni di emorroidi caratteristici di tutte le fasi dello sviluppo della malattia:

  • disagio nell'ano;
  • dolore durante i movimenti intestinali (all'inizio insignificante, poi - forte);
  • sanguinamento dall'ano;
  • formazione e crescita delle emorroidi.

Le emorroidi (vedi foto) sono una patologia cronica che progredisce nel corso di molti anni. Il tasso di sviluppo della malattia dipende da molti fattori, tra cui dieta, stile di vita.

Lo stadio iniziale della malattia è caratterizzato da un leggero aumento delle vene nell'ano. Di solito un tale segno passa inosservato. In questo caso, il paziente può essere disturbato da una scarica sanguinolenta dal retto che si verifica immediatamente dopo un movimento intestinale. Il sangue può essere facilmente visto sulla carta igienica. Vale la pena ricordare che un tale sintomo è caratteristico dei tumori intestinali maligni, quindi, se si verifica, è necessario consultare un proctologo. L'accesso tempestivo a un medico e la nomina della terapia rallenteranno facilmente lo sviluppo delle emorroidi.

Nella seconda fase dello sviluppo della malattia, il paziente può periodicamente avvertire disagio nell'ano, prurito. Spesso ha una sensazione di corpo estraneo nell'ano. Le emorroidi iniziano a cadere durante i movimenti intestinali e sono ancora facilmente regolate verso l'interno.

Per il terzo stadio delle emorroidi, è caratteristico un aumento dei sintomi già esistenti. I grandi nodi venosi nell'ano rendono difficile lo svuotamento dell'intestino, causano stitichezza, l'atto stesso di defecazione è accompagnato da dolore e sanguinamento. Un forte sanguinamento con le emorroidi è pericoloso, nel tempo può portare allo sviluppo di anemia.

L'ultimo stadio della malattia è caratterizzato da un aumento delle dimensioni delle emorroidi. Non possono essere regolati a mano. La presenza di vene dilatate nell'ano provoca un forte disagio, fa male al paziente sedersi, andare in bagno. È turbato da profuse emorragie durante ogni movimento intestinale. Il quarto stadio di sviluppo delle emorroidi può essere complicato da fenomeni spiacevoli e pericolosi come la trombosi venosa nell'area dell'estremità del retto.

Emorroidi nelle donne in gravidanza

Molto spesso le emorroidi compaiono durante l'ultimo trimestre di gravidanza e il parto. Le cause delle emorroidi sono la costrizione dell'utero allargato delle vene intestinali, che porta a un deterioramento del flusso sanguigno dall'intestino e dal perineo. Le vene aumentano di diametro e cambiano forma. Anche la stitichezza ricorrente nelle donne in gravidanza può provocare il suo aspetto..

Tuttavia, nella maggior parte delle donne, i sintomi delle emorroidi scompaiono dopo il parto, quindi si ritiene che la causa siano i cambiamenti ormonali. Deve essere trattato immediatamente dopo la rilevazione dei suoi primi sintomi. È importante affrontare la stitichezza, ad esempio assumendo farmaci per sciogliere le feci (Forlax, Laminarid, Methylcellulose), osservare le norme igieniche (lavare l'ano dopo un movimento intestinale). I farmaci per le emorroidi (Aurobin, Relief, ecc.) Sono usati principalmente esternamente sotto forma di unguenti e supposte. L'intervento chirurgico viene eseguito solo nei casi gravi.

La prevenzione delle emorroidi dovrebbe essere effettuata fin dai primi giorni di gravidanza: preparare una dieta competente per prevenire la stitichezza, non indossare cinture strette, passare più tempo all'aria aperta, camminare è utile.

Qual è il pericolo?

La progressione della malattia senza un trattamento adeguato porterà a una serie di complicazioni molto spiacevoli..

  1. Anemia (si sviluppa con un decorso prolungato della malattia con sanguinamento abbondante).
  2. Processi infiammatori nei tessuti circostanti, fino allo sviluppo di paraproctite (infiammazione del tessuto attorno al retto). La paraproctite è considerata una complicanza molto grave che richiede un trattamento serio..
  3. Ano screpolato. La causa più comune di forte dolore nelle emorroidi. Le crepe creano condizioni favorevoli per lo sviluppo e la penetrazione di varie infezioni in profondità nei tessuti molli. Questo fatto può portare allo sviluppo di una formidabile complicanza come un ascesso (infiammazione purulenta limitata, che è accompagnata da malessere generale, febbre e sindrome da dolore grave). Questa complicanza richiede un intervento chirurgico obbligatorio..
  4. Prurito. Una complicazione molto spiacevole che agisce non solo come un forte momento psicologico negativo, minando lo stato psico-emotivo del paziente. L'irritazione meccanica costante dell'area anale può aggravare significativamente il decorso della malattia. Inoltre, il danno permanente ai tessuti aumenta il rischio di sviluppare vari processi tumorali..
  5. Insufficienza dello sfintere anale, gas e incontinenza fecale (spesso negli anziani).

Ne consegue che le emorroidi necessitano di una diagnosi precoce e di misure immediate per risolvere questo problema..

Che aspetto hanno le emorroidi: foto

Diagnostica

Di norma, la diagnosi non è associata a difficoltà particolari, l'istituzione della diagnosi avviene nell'ambito dell'intervista al paziente e dell'esecuzione di un esame ambulatoriale iniziale. L'ispezione aiuta a determinare:

  • il grado di prolasso dei nodi dall'ano,
  • valutare la possibilità di invertirli,
  • condizione della pelle,
  • così come la rilevanza e il grado di sanguinamento.

I sintomi delle emorroidi sono simili ad altre condizioni. Pertanto, la diagnosi deve essere approfondita, perché c'è il rischio di prescrivere il trattamento sbagliato. Le emorroidi possono essere confuse con:

  • ragade anale, che è anche accompagnata da sanguinamento minore, dolore durante i movimenti intestinali;
  • cancro del retto (i tumori intestinali maligni si verificano con sanguinamento);
  • prolasso del retto;
  • colite, polipi e condilomi.

Se noti i primi segni della malattia, non posticipare a lungo la visita dal medico. La diagnosi precoce faciliterà il trattamento e aiuterà a evitare non solo complicazioni, ma anche interventi chirurgici.

Come curare le emorroidi?

Trattamento conservativo delle emorroidi:

  1. È fondamentale normalizzare i movimenti intestinali. Le feci dovrebbero essere regolari e morbide. Per normalizzare le feci con le emorroidi, si raccomanda il cibo contenente fibre alimentari, inclusa la crusca di frumento, ma la loro quantità dovrebbe essere aumentata gradualmente nell'arco di 2-3 settimane. (da 5-10 ga 20 g al giorno), che elimina la comparsa di disagio.
  2. Per la stitichezza, puoi consigliare lattulosio fino a 30-40 ml al giorno per ottenere uno sgabello morbido quotidiano e altri mezzi, seguire una dieta e raccomandazioni per la stitichezza.

I preparati locali sono utilizzati nel trattamento: rettale candele da emorroidi e unguenti.

  • Le supposte contenenti piccole dosi di sostanze stupefacenti (ad esempio belladonna, ecc.) Aiutano con il dolore. Puoi prescrivere supposte Anusol, Anestezol, Natalsid, Ichthyol, Proctoglivenol, Ultraproct (supposte, unguento), Proctosedil, a seconda dei sintomi e dello stadio della malattia.
  • Se non c'è sanguinamento, puoi prescrivere supposte o unguento Relief, Hepatrombin-G, Hepazolon, ecc..
  • Per il dolore, oltre alle supposte, puoi usare lozioni fredde, ma non più di 30 secondi.
  • Per aumentare l'efficacia dei farmaci locali, è necessario assumere per via orale agenti che migliorano il tono dei vasi venosi e prevengono la formazione di trombi: Detralex, Phlebodia, Troxevasin.
    • Detralex bere per almeno 2-3 mesi.

    Per le emorroidi croniche: prendi 1 scheda. 2 volte al giorno per 7 giorni. Quindi puoi prendere 2 compresse. una volta al giorno durante i pasti.
    Per le emorroidi acute: entro 4 giorni, prendi 2 tab. 3 volte al giorno, poi entro 3 giorni, 2 tab. 2 volte al giorno durante i pasti.
    Quindi continua a ricevere 1 scheda. 2 volte al giorno.

    • Phlebodia bere 1 compressa. (600 mg) 2 volte al giorno per 7 giorni. Quindi 1 scheda. una volta entro 1-2 mesi.
  • Il prolasso delle emorroidi (prolasso) è la base per la loro legatura.
  • Con la trombosi delle vene emorroidarie, il freddo e la lidocaina (soluzione all'1%) vengono applicati localmente e in futuro è possibile eseguire il bendaggio dei nodi.
  • In caso di recidiva, nonostante il trattamento, si raccomanda l'emorroidectomia (vedi sotto).

I metodi di trattamento farmacologici sono esclusivamente sintomatici, ovvero le emorroidi non curano radicalmente. Tuttavia, ti consentono di affrontare temporaneamente i segni spiacevoli delle emorroidi. Se il paziente, dopo il trattamento farmacologico, segue le raccomandazioni mediche per la prevenzione delle ricadute, il trattamento chirurgico può essere evitato.

Ma non sempre i pazienti possono seguire tutte le raccomandazioni..

Tecniche minimamente invasive

Il trattamento minimamente invasivo consente di eliminare rapidamente e senza lesioni gravi un problema così delicato come le emorroidi. I metodi terapeutici nella maggior parte dei casi attutiscono solo i sintomi della malattia, ritardano il momento in cui è necessario applicare metodi più radicali. Prima di prescrivere una particolare procedura, il medico esamina la storia del paziente, conduce un esame completo, valuta tutti i possibili rischi.

  • Scleroterapia - questo è un trattamento poco traumatico mediante speciali sostanze sclerosanti, che vengono introdotte nel nodo, incollano le sue pareti, grazie alle quali è possibile ottenere la fine della loro nutrizione e morte in futuro La tecnica viene eseguita solo in 1-3 fasi. Non esclude il rischio di recidiva della malattia ed è efficace solo per piccole emorroidi.
  • Elettrocoagulazione effettuato sotto il controllo di un anoscopio. Un elettrodo viene portato alla gamba del nodo ei tessuti vengono coagulati (saldati), dopo di che muoiono rapidamente. In una procedura, è possibile eliminare 1-2 focolai patologici. Dopo l'incollaggio, le emorroidi smettono di nutrirsi e di crescere e dopo un po 'scompaiono completamente.
  • Legatura con anelli in lattice - uno dei metodi più moderni di trattamento minimamente invasivo delle emorroidi interne in stadio 1-3. Attraverso l'anoscopio, una legatura in lattice viene applicata alla gamba del nodo, che porta alla spremitura dei tessuti e alla ridotta circolazione sanguigna in essi. Dopo 8-14 giorni, il nodo emorroidario muore e viene portato fuori insieme a un anello in lattice.
  • Crioterapia - esposizione a breve termine alle emorroidi con azoto liquido. Dopodiché, le emorroidi muoiono e scompaiono. La procedura si svolge in anestesia locale, quindi non ci sono sensazioni dolorose.

Le procedure mininvasive sono controindicate per:

  • esacerbazione del processo infiammatorio nel retto e nell'ano;
  • ragadi anali, lesioni;
  • trombosi delle emorroidi.

I metodi minimamente invasivi per trattare le emorroidi possono essere utilizzati solo negli stadi 1-3 della malattia, sempre senza esacerbazione del processo infiammatorio. Tutte le procedure vengono eseguite dopo l'anestesia locale. Non è necessario utilizzare l'anestesia generale. È possibile rimuovere solo 1-3 nodi in una sessione. A volte il trattamento si svolge in più fasi, a intervalli di diverse settimane.

Chirurgia

Il trattamento chirurgico è il trattamento più efficace nella terza e quarta fase..

L'operazione per rimuovere le emorroidi, proposta già negli anni '30 del secolo scorso, è ancora utilizzata e continua ad essere modificata. Esistono fondamentalmente due tipi di operazioni eseguite nel mondo:

  1. Emorroidectomia chiusa. Utilizzato nelle fasi III e IV della malattia.
  2. Emorroidectomia aperta. Anche negli stadi III e IV, ma complicato da ragade anale o paraproctite.

Sempre nel 1993 fu proposto un nuovo metodo di cura delle emorroidi, fatto dal medico italiano A. Longo, che consiste nell'asportazione circolare dello strato mucoso-sottomucoso del retto utilizzando un apposito apparato.

I pazienti vengono dimessi 3-4 giorni dopo l'operazione, il recupero della capacità lavorativa avviene in 5-7 giorni. C'è anche una piccola percentuale di complicanze postoperatorie..

Alimentazione e dieta dopo l'intervento chirurgico

Nella maggior parte dei casi, i pazienti dopo l'intervento chirurgico per le emorroidi possono iniziare a bere e mangiare poche ore dopo l'intervento.

Ma osserva la tabella dietetica (secondo Pevzner 1a), escludi cibi e piatti che stimolano la secrezione dello stomaco e irritano la sua mucosa. Il cibo deve essere cotto in forma di purea, il cibo è cotto a vapore o bollito in acqua, deve essere assunto in uno stato liquido e pastoso. Escludi: prodotti caldi e freddi, pane e farina, verdure crude, frutta, formaggio, latticini, panna acida, ricotta, spezie, salse, caffè, tè.

Mangiare 6 volte al giorno in piccole porzioni. Il ripristino della normale funzione intestinale di solito avviene il secondo giorno dopo l'operazione, pertanto è possibile passare a una dieta normale. Ma, naturalmente, tutti i piatti piccanti e piccanti dovrebbero essere esclusi e anche l'alcol dovrebbe essere dimenticato. Aderendo a queste raccomandazioni, è possibile ridurre i tempi di recupero dopo l'intervento chirurgico e ridurre il rischio di complicanze..

Trattamento domiciliare

Ci sono alcune cose che puoi fare da solo per alleviare i sintomi delle emorroidi a casa. Tuttavia, vale la pena ricordare che non aiuteranno a sbarazzarsi della malattia:

  • I bagni caldi aiutano bene. Puoi fare un bagno o semplicemente sederti in una bacinella d'acqua. È necessario posizionare l'area dell'ano in acqua calda per 10-15 minuti 2-3 volte al giorno.
  • Igiene accurata della zona anale. Devi fare il bagno o la doccia ogni giorno, lavare accuratamente l'area dell'ano.
  • Non utilizzare sapone o altri prodotti che possono irritare l'ano. Evita di usare salviettine umidificate profumate che contengono alcol.
  • Non usare carta igienica normale. Meglio usare salviettine umidificate, ma niente alcool.
  • Usa freddo. Per alleviare il gonfiore nell'ano, puoi usare pastiglie riscaldanti fredde, impacchi di ghiaccio, un panno imbevuto di acqua fredda.

Inoltre, una dieta per le emorroidi ha due obiettivi: prevenire la stitichezza e l'irritazione nella zona rettale. Raccomandazioni chiave:

  • Bevi molti liquidi. Ciò contribuirà a rendere le feci più morbide, facilitando il passaggio attraverso l'intestino..
  • La tua dieta dovrebbe includere più verdure, frutta e cereali. Contengono fibre vegetali che aiutano a prevenire la stitichezza.
  • Evita alcol, caffè, tè forte.
  • Limita cibi piccanti, spezie.
  • È meglio prendere il cibo in piccole porzioni, 4-5 volte al giorno..
  • Mangia più o meno nello stesso momento.
  • L'attività fisica aiuta anche a normalizzare la funzione intestinale.

Ginnastica

Gli esercizi in palestra hanno lo scopo di prevenire la stitichezza e rafforzare lo sfintere anale. Ad esempio, migliorando il deflusso sanguigno e rafforzando lo strato muscolare della pressa, è possibile normalizzare la funzione intestinale e quindi prevenire la stitichezza:

  • L'esercizio "forbici" viene eseguito sdraiato sulla schiena con le gambe sollevate, che devono essere allevate e incrociate alternativamente;
  • Il "ciclismo" è un esercizio abbastanza noto, che è molto simile al ciclismo, però, sdraiato sulla schiena;
  • Oppure puoi sdraiarti sul pavimento (sulla schiena), unire le gambe dritte, sollevare l'una o l'altra gamba, se possibile, raggiungendo un angolo retto nelle articolazioni dell'anca. Oppure piega le ginocchia e allargale, cercando di strappare il bacino dal pavimento il più possibile.

Una persona è così organizzata che sente il suo "quinto punto" in qualsiasi posizione ed è in grado di guidarlo, quindi la ginnastica per rafforzare l'ano non richiede alcun adattamento e può essere eseguita ovunque, e gli altri difficilmente se ne accorgeranno.

Quindi, esercizi per rafforzare lo sfintere:

  1. Alzati, incrocia le gambe ed esegui il rilassamento ritmico e la tensione dei muscoli glutei;
  2. Scegli la sedia più dura, siediti, inclinandoti un po 'in avanti (puoi farlo facilmente alla scrivania), prova a contrarre e rilassare alternativamente lo sfintere per 10 secondi, cercando di spingere l'ano nel retto. L'esercizio dovrebbe essere assegnato a 20 minuti, che, se lo si desidera, possono sempre essere trovati.

Quale metodo di rimozione delle emorroidi scegliere?

La tattica del trattamento sarà determinata dallo stadio del decorso cronico della malattia. Ci sono 4 fasi in totale.

  1. Per la prima fase, viene mostrato: trattamento conservativo con farmaci vasocostrittori, fotocoagulazione a infrarossi e scleroterapia.
  2. Seconda fase: fotocoagulazione a infrarossi, scleroterapia, legatura di anelli in lattice.
  3. Terza fase: legatura degli anelli in lattice e disarterizzazione delle emorroidi.
  4. Fase quattro: trattamento chirurgico.

Questo approccio al trattamento permette di ottenere buoni risultati nel 98-100% dei pazienti..

Prevenzione

Il miglior rimedio per le emorroidi è la prevenzione. Esistono fattori predisponenti che portano allo sviluppo della malattia:

  • movimenti intestinali irregolari, tendenza alla stitichezza o alla diarrea, l'abitudine di sforzarsi durante i movimenti intestinali o di stare seduti a lungo in bagno con un libro;
  • duro lavoro fisico e, al contrario, mancanza di movimento, seduta prolungata;
  • gravidanza e parto;
  • abuso di alcool.

Ciò significa che gli adattamenti dello stile di vita aiuteranno ad alleviare il decorso della malattia..

  1. Si consiglia di riconsiderare la dieta: rinunciare ai carboidrati semplici (prodotti da forno, dolci) a favore di quelli complessi (verdure, frutta, erbe, pane di grano), invece di tè e caffè, bere acqua, preferibilmente ferma - questo aiuterà a normalizzare le feci.
  2. Evita l'alcol, compresa la birra.
  3. Con le emorroidi, l'equitazione, il sollevamento pesi, il ciclismo sono indesiderabili, ma camminare o nuotare è semplicemente necessario.
  4. È utile per rafforzare i muscoli degli addominali e dei glutei, fare ginnastica di Kegel.
  5. Stare seduti a lungo sul water è una cattiva abitudine. Ma dopo aver visitato il bagno, usare un bidet o una doccia ascendente per lavarsi, al contrario, è molto utile.

Se, nonostante tutte le misure preventive, non è stato possibile evitare l'esacerbazione, non c'è bisogno di farsi prendere dal panico. Si consiglia di cambiare la posizione seduta in posizione sdraiata, applicare impacchi freddi imbevuti di una soluzione debole di permanganato di potassio sul punto dolente o organizzare bagni con camomilla (non calda!), Non dimenticare la dieta e l'igiene personale.

Aggiungerei anche la fotocoagulazione a infrarossi o laser al trattamento. Il metodo è probabilmente il più sicuro di tutti, l'ho provato su me stesso dopo il parto quando ho incontrato per la prima volta le emorroidi.

In OH CLINIC, i nodi sono stati rimossi circa sei mesi fa, ma come ricordo ora che temevo non fosse realistico, ma tutto si è rivelato il più indolore e veloce possibile. Dato che avevo solo pochi nodi, il dottore si occupò subito del mio problema. Pertanto, il mio consiglio a te, se improvvisamente compare una malattia come le emorroidi, allora è meglio non ritardare la visita dal medico o perdere tempo, fatica e denaro in medicine.

La fotocoagulazione dà un effetto molte volte migliore del trattamento conservativo!

Klava

Come ha detto il medico, la stitichezza cronica è la prima cosa che causa le emorroidi, il resto va come cause aggiuntive. Pertanto, è importante affrontare sia il problema iniziale che le sue conseguenze. Mi è stata prescritta una dieta + fibralax per costipazione cronica e sintomi di emorroidi. Ho anche comprato supposte di glicerina e gel per ridurre il dolore all'ano.

Che cosa sono le emorroidi, che aspetto hanno e quale trattamento è necessario?

Cosa sono le emorroidi? Questa domanda sorge nelle persone che hanno sperimentato per la prima volta disagio nell'ano. Le emorroidi sono un ingrandimento dei corpi cavernosi (vasi), accompagnato dal loro assottigliamento, deformazione e formazione di emorroidi. Le persone spesso dicono che la malattia emorroidaria è vene varicose del canale anale. La distruzione della parete intestinale può provocare sanguinamento anale e prolasso dei nodi dall'ano.

Che aspetto ha? Molto spesso è un nodulo infiammato che striscia fuori dall'ano. Possibile sanguinamento e secrezione di muco.

Codice ICD-10
Emorroidi trombizzate interneI84.0
Emorroidi interne con altre complicazioniI84.1
Interno senza complicazioniI84.2
Emorroidi trombizzate esterneI84.3
All'aperto con altre complicazioniI84.4
All'aperto senza complicazioniI84.5
Segni cutanei emorroidali residuiI84.6
Emorroidi trombizzate, non specificateI84.7
Con altre complicazioni, non specificateI84.8
Semplice, non specificatoI84.9
Per origine1.Congenitale (ereditario)
2.Acquisito: primario
3. Secondario (sintomatico)

Fasi della malattia

Nella terminologia medica si distinguono le forme esterne, interne e combinate della malattia. Nel caso di emorroidi combinate, si osserva un danno ai corpi cavernosi emorroidali interni ed esterni.

Le emorroidi sono due diverse strutture vascolari: il plesso emorroidario interno (sottomucoso) e il plesso esterno (sottocutaneo). Il retto è dotato di una rete di vasi che circondano strettamente l'intestino. Questo plesso contribuisce alla sigillatura affidabile dell'ano. Tuttavia, con l'innervazione disturbata, questo sistema vascolare nei punti di curve e nodi inizia ad aumentare, formando la stasi venosa. Il risultato è la comparsa di emorroidi.

Assegni uno stadio asintomatico, una forma affilata e sanguinante senza prolasso di nodi, emorroidi croniche con prolasso di nodi.

Il grado di sviluppo della malattia:

  1. Fase 1: i nodi ingranditi sono visibili attraverso il lume rettale. Potresti provare disagio durante i movimenti intestinali.
  2. Fase 2: durante i movimenti intestinali o lo sforzo, i nodi cadono fuori dall'ano. Possono comparire prurito e secrezione perianale.
  3. Fase 3: le emorroidi cadono casualmente, non si ritraggono da sole. I nodi sono ben percepiti e possono essere visti durante un esame di routine.
  4. Fase 4: emorroidi acute. I nodi cadono abbastanza fortemente, la mucosa rettale è visibile. In questa fase compaiono sintomi come ulcerazione, trombosi, perdite involontarie di gas e feci molli..

Più alto è lo stadio della malattia, più difficile e lungo è eseguire il trattamento.

Perché compare la malattia

I principali fattori provocatori per la manifestazione della malattia sono:

  • Stile di vita sedentario e inattivo.
  • Qualsiasi disturbo della funzione intestinale (diarrea, costipazione).
  • Consumo incontrollato di affumicato, piccante e salato.
  • Gravidanza e parto.
  • Infiammazione pelvica.
  • Praticare sport pesanti.
  • Fumo e abuso di alcol.
  • Eccessiva passione per il sesso anale.

Come possiamo vedere, la maggior parte dei fattori sono inerenti alla vita di una persona moderna. L'uomo è andato contro natura, punendosi con un disturbo così spiacevole come le emorroidi.

Molto spesso, i pazienti cercano aiuto da un proctologo, avendo già diagnosticato se stessi in modo indipendente. Ciò è dovuto al fatto che, da un punto di vista filisteo, qualsiasi sintomatologia anorettale sono le emorroidi. Affinché il medico faccia una diagnosi accurata, non è sufficiente solo per i reclami del paziente, saranno necessari una storia medica completa e metodi diagnostici strumentali.

È importante capire che la diagnosi deve essere fatta dal medico dopo l'esame! Solo lui può prescrivere il trattamento più efficace, dati i sintomi espressi..

Sintomi della malattia

I principali segni della malattia:

  1. Il sanguinamento si verifica durante o immediatamente dopo un movimento intestinale. Molto spesso è sangue scarlatto, meno spesso coaguli e sanguinamento più scuro.
  2. Il dolore è provocato dalla trombosi delle emorroidi, possibilmente con la contemporanea presenza di una ragade anale.
  3. Gonfiore e prolasso (prolasso) delle emorroidi.
  4. Scarico (acquoso o viscido).
  5. Prurito perianale.
  6. Incontinenza fecale.

Tabella: sintomi clinici della malattia emorroidaria

Una sensazione di movimento intestinale incompleto e la presenza di un oggetto estraneo nel canale anale

Tracce di sangue scarlatto su carta igienica, biancheria, nella toiletteBruciore, prurito, gonfiore intorno all'ano

Dolore durante e dopo i movimenti intestinali

Si avvertono morbide protuberanze intorno all'ano

Chi è a rischio

La formazione di emorroidi è facilitata da una predisposizione alla malattia, accompagnata dai fattori negativi sopra descritti.

La terapia per le prime emorroidi è l'uso di supposte rettali. La loro azione è diversa: alleviano il dolore, l'infiammazione e migliorano il normale flusso sanguigno. La medicina tradizionale consiglia di preparare candele di patate e di usarle tra i movimenti intestinali..

Stranamente, le emorroidi possono svilupparsi anche nei bambini. Violazione della microflora intestinale, dieta malsana, provocazione del ristagno delle feci, lunga seduta sul vasino, pianto frequente e prolungato: tutti questi sono fattori che possono provocare questa malattia in un bambino.

Nelle persone anziane, le emorroidi sono più comuni. In questo caso, il suo aspetto è dovuto all'indebolimento della parete venosa, che porta al ristagno del sangue. Per le persone anziane, vengono aggiunti tutti gli altri fattori provocatori: ipertensione, insufficienza cardiaca, sovrappeso, sindrome dell'intestino irritabile.

Qual è il trattamento più efficace

Il trattamento delle emorroidi viene spesso definito come due componenti. Si tratta di trattamento conservativo (farmacologico), tecniche minimamente invasive e intervento chirurgico. La base del trattamento conservativo è normalizzare la funzione intestinale e la defecazione. Per influenzare il volume e la consistenza delle feci, vengono utilizzati metodi di terapia dietetica, preparazioni di paraffina liquida e lattulosio.

Gli alimenti che stimolano la motilità dell'intestino crasso (caffè, tè, alcol) sono esclusi dalla dieta. Viene anche utilizzata la terapia locale: supposte e unguenti antinfiammatori, analgesici. I metodi conservativi sono utilizzati nelle fasi iniziali e nel periodo acuto quando altri metodi di trattamento sono controindicati per il paziente..

Il trattamento della malattia utilizzando tecniche minimamente invasive è abbastanza efficace. Il metodo di trattamento dipende direttamente dal grado di sviluppo delle emorroidi e dal suo stadio. Vengono utilizzati i seguenti metodi: scleroterapia, fotocoagulazione a infrarossi, legatura transanale con anelli in lattice. A 3 e 4 fasi, è possibile solo un'opzione di trattamento: chirurgia (emorroidectomia).

Qualsiasi trattamento per le emorroidi viene eseguito solo dopo una colonscopia per escludere la probabilità di un tumore al colon.

Esistono diversi esercizi fisici che possono essere efficaci sia nella prevenzione che nel trattamento delle emorroidi:

  • Sdraiato sulla schiena, devi concentrarti sui gomiti e sollevare le gambe e il bacino. Devi rimanere in questa posizione per 2-3 minuti. Devi fare l'esercizio più volte al giorno..
  • Esercizio per rafforzare i muscoli del pavimento pelvico. Devi sederti su una sedia, tirare l'ano e tenerlo in questa posizione per 10 secondi, quindi rilassarti.
  • L'esercizio precedente viene eseguito a un ritmo veloce 40-50 volte per 10 minuti al mattino e alla sera.

Il medico ti dirà come trattare le emorroidi durante la gravidanza. È pericoloso assumere farmaci da soli durante questo periodo..

A casa, le malattie vengono trattate con vassoi e piante medicinali. I medici raccomandano di bere decotti alle erbe, fare lozioni.

Ricorda la regola principale! Le emorroidi non vanno via da sole. Se i dolori sono passati e il prurito è scomparso, non esiste una cura. Una malattia insidiosa può disturbare di nuovo in qualsiasi momento. La soluzione migliore sarebbe sottoporsi a un ciclo completo di trattamento conservativo con un medico specializzato..

Tutto quello che volevi sapere sulle emorroidi

Cari amici, ciao!

Come avevo promesso l'ultima volta, oggi vi parlerò delle emorroidi.

Sono state presentate diverse applicazioni contemporaneamente con la richiesta di parlare di questo argomento.

Mi chiedo chi e quando abbia usato per la prima volta la parola "emorroidi" per denotare una situazione spiacevole e protratta?

Sospetto fortemente: questo era quello che conosceva in prima persona questa piaga.

A volte diciamo:

"Hai bisogno di queste emorroidi?"

"Non hai idea di che tipo di emorroidi ottenere un prestito bancario!"

Per noi questo significa una sorta di problema che si allunga, si allunga e non può essere risolto in alcun modo.

Ecco come sono le emorroidi: “si spegnerà, poi si spegnerà”, ma non si ha il coraggio di affrontarle una volta per tutte. Ha scelto un posto per sé antiestetico: ed è scomodo vedere cosa fa male e cosa interferisce, ed è un peccato mostrarlo a qualcun altro. Voglio dire, ovviamente, un medico con un nome serio "proctologo".

Cosa sono le emorroidi? Perché nasce? Come si manifesta? Che succede? Qual è la minaccia? E, soprattutto, cosa fare? Caldo o freddo? Unguento o supposte?

Cetriolo o cavolo?

E cosa consigliare nel complesso?

Che cosa sono le emorroidi?

Molte persone pensano che le emorroidi siano vene varicose del retto..

Ma si scopre che questo non è del tutto vero.

Le emorroidi sono una malattia in cui vi è una violazione della circolazione sanguigna nei plessi coroidi del retto, situata all'uscita dall'ano.

Di conseguenza, aumentano di volume e iniziano a gonfiarsi..

Non molto chiaro? Continua a leggere, ti spiego tutto ora.

Da dove viene questo nome??

Alcuni credono che la parola "emorroidi" derivi dal greco "haemo" - sangue e "rrhaea" - sanguinamento.

Ma qui viene fuori una discrepanza: il sanguinamento con le emorroidi non è l'unico e facoltativo sintomo.

Altri ritengono che questa parola derivi dal nome dell'antica città di Gomorra (ricordate il termine "Sodoma e Gomorra?"), I cui abitanti si distinguevano per un grado estremo di licenziosità, indulgendo a varie passioni, tra cui l'omosessualità. Per questo questa città fu spazzata via dalla faccia della Terra dal Signore.

Vediamo come funziona tutto in questo luogo intimo..

Un po 'di anatomia

Il retto ha una lunghezza di 13-16 cm e la sua parete è composta da tre strati: mucoso, sottomucoso e muscolare.

Riceve cibo dalle arterie rettali superiori, medie e inferiori.

Diversi reparti si distinguono in esso. Ma tu ed io siamo interessati alla sua ultima sezione: il canale anale lungo 4-5 cm, che termina con l'ano.

Nel canale anale, la mucosa viene raccolta in pieghe, che nella parte inferiore si chiudono l'una con l'altra, formando una sorta di tasche.

A causa dell'alternanza di pieghe e tasche 2 cm sopra l'ano, si forma una linea frastagliata.

Un punto importante: non ci sono quasi terminazioni nervose sopra questa linea, quindi tutto ciò che accade LÌ non fa male.

E sotto la linea dentata, la mucosa passa nella pelle che copre l'ano. Ci sono molte terminazioni nervose, quindi, se il processo è localizzato QUI, provoca dolore.

Esistono diversi meccanismi nel canale anale, che, in primo luogo, promuovono il movimento intestinale e, in secondo luogo, trattengono feci e gas.

Questi sono i muscoli del perineo, così come gli sfinteri interni ed esterni dell'ano - i muscoli che lo circondano con un anello.

Quando i muscoli del perineo si contraggono, si apre l'uscita dal retto.

Finché tutto ti è chiaro?

Passando alla cosa più importante.

1-2 cm sopra la linea dentata e sotto di essa, all'uscita dal retto, sono presenti plessi vascolari emorroidali. Quelli sopra sono chiamati interni e quelli sotto sono chiamati esterni.

Sono intrecci di piccoli vasi sanguigni - arteriole e venule e assomigliano a una spugna. Accumulando sangue, la "spugna" aumenta di dimensioni, e se il deflusso del sangue non viene disturbato, viene svuotato altrettanto rapidamente.

I medici chiamano questa spugna "tessuto cavernoso".

Il retto ha diversi plessi interni (il più delle volte 3) e diversi esterni intorno all'ano.

Perché è necessario un dispositivo così complesso??

Il plesso vascolare emorroidario è un altro meccanismo che ci permette di controllare il rilascio di gas e tutto ciò che si è accumulato nell'intestino. Cioè, svolgono il ruolo di "guarnizione", "sigillo" dell'ano.

Non appena il contenuto intestinale si accumula nel retto, i plessi emorroidali si gonfiano e diventano più elastici..

E dopo il rilascio dell'intestino, tornano al loro stato normale..

E un altro punto importante per comprendere il meccanismo di sviluppo delle emorroidi: i plessi emorroidali interni sono tenuti in posizione da uno speciale dispositivo fatto di fibre muscolari e di tessuto connettivo, che forma per loro qualcosa come un'amaca.

Cosa succede con le emorroidi?

Tutto inizia con l'espansione dei vasi del plesso (non solo le vene!), E il sangue inizia a muoversi attraverso di loro in qualche modo.

Diventa stagnante. Il volume dei plessi emorroidali interni aumenta e, come dice la canzone, il nodo si “legherà”. Voglio dire, si sta formando quel bernoccolo.

Questo spiega la sensazione di svuotamento incompleto dell'intestino, la sensazione di qualcosa in più nell'ano.

E se è così, la persona continua a spingere, il ristagno di sangue aumenta, i plessi aumentano di volume e il retto cerca di "spingerli" fuori con la forza delle sue contrazioni muscolari. Ciò provoca l '"allentamento" dell'apparato di sospensione, cioè la stessa "amaca" che tiene in posizione il plesso emorroidario.

Se le feci sono troppo dure, i noduli sono feriti e il sangue appare nelle feci..

Arriva un punto in cui il dispositivo di supporto non può più tenere le emorroidi in posizione. Lentamente ma inesorabilmente iniziano a "scivolare" verso il basso finché non cadono completamente.

L'intero processo non avviene dall'oggi al domani. Durante le emorroidi ci sono 4 fasi:

  1. I nodi non cadono, ma c'è sangue.
  2. I nodi cadono dopo un movimento intestinale, ma poi si adattano da soli.
  3. I nodi cadono dopo un movimento intestinale, ma possono essere regolati solo a mano.
  4. I nodi cadono anche con un piccolo carico e dopo il riposizionamento sono immediatamente di nuovo fuori..

Si trattava di emorroidi interne.

Con le emorroidi esterne, le emorroidi si ingrandiscono lungo il bordo dell'anello anale, creando disagi durante la deambulazione, macerazione, bruciore e prurito. Spesso l'infiammazione (proctite) si sviluppa con tutto il suo "set da gentiluomo":

  • iperemia,
  • edema,
  • dolore,
  • ipertermia locale e forse generale,
  • disfunzione.

In questo caso, ogni viaggio in bagno equivale a un'impresa..

Inoltre. A causa del ristagno di sangue, l'afflusso di sangue al retto viene interrotto. Le sue pareti diventano sottili e fragili o ispessite e ruvide. Tutto questo si chiama "distrofia" della mucosa e della pelle dell'ano e comporta anche prurito e bruciore.

Perché c'è ristagno di sangue nel retto?

Elencherò i motivi più comuni.

  1. Stile di vita sedentario e generalmente inattivo. Meno siamo mobili, più lentamente il sangue si muove nei vasi, compreso il retto..
  2. Costipazione, attività fisica pesante, inclusi sport, stress, tosse debilitante prolungata. In tutte queste condizioni, la pressione intra-addominale aumenta. Lascia che ti ricordi che la vena cava inferiore passa nell'addome, in cui scorrono le vene della parte inferiore del corpo. Se è compresso, il flusso sanguigno è compromesso, anche dal retto.
  3. Gravidanza e parto. Qui, penso, tutto è chiaro: la pressione dell'utero sulla vena cava inferiore, i cambiamenti ormonali che rendono il tessuto connettivo più estensibile, la tensione durante il parto - tutto ciò crea le condizioni per il ristagno del sangue nei plessi del retto.
  4. Eredità. L'insufficienza del tessuto connettivo è ereditata.
  5. Grave diarrea infettiva con tenesmo (falsa voglia di defecare).

Alcol, cibi piccanti, diarrea di qualsiasi origine contribuiscono all'aggravamento delle emorroidi esistenti.

1. L'alcol, ovviamente, dilata i vasi sanguigni.

2. I piatti piccanti aumentano la peristalsi intestinale e il retto inizia a "espellere" più attivamente i nodi interni ingrossati, cosa che prima non dava alcun fastidio.

3. Ebbene, in caso di diarrea, diversi fattori giocano un ruolo nello sviluppo delle emorroidi:

in primo luogo, la stessa peristalsi intestinale aumentata,

in secondo luogo, irritazione frequente da parte delle feci dei plessi emorroidali.

in terzo luogo, i microbi e le loro tossine contenute nelle feci (con diarrea infettiva).

Come si manifestano le emorroidi interne??

Ti ho già detto che la sezione del retto sopra la linea dentata è praticamente priva di terminazioni nervose, quindi le emorroidi interne non causano dolore.

Cosa potrebbe essere?

Disagio, sensazione di corpo estraneo, sensazione di movimento intestinale incompleto, leggero prurito, sangue nelle feci o su carta igienica scarlatta.

Se c'è un forte dolore nell'ano con emorroidi interne, ciò può essere dovuto al prolasso e alla violazione delle emorroidi da parte degli sfinteri dell'ano.

Ciò accade, di regola, in 3-4 stadi di emorroidi, sia dopo essere andati in bagno, sia in altre circostanze (ad esempio, quando si sollevano pesi). In questo caso, il nodo diventa cianotico e i tessuti circostanti - edematosi e iperemici. Possibile aumento della temperatura corporea.

Se il dolore si verifica solo durante i movimenti intestinali ed è di natura trifase (taglio del dolore al momento dello svuotamento, quindi calma e di nuovo un dolore acuto), la causa potrebbe essere una ragade anale. E fa male perché i muscoli si contraggono dopo il rilassamento: cercano di collegare i bordi della ferita.

Come si manifestano le emorroidi esterne??

Se i nodi interni possono crescere e crescere da soli senza causare molta sofferenza, il minimo problema nei nodi esterni provoca prurito, bruciore e disagio. Ricorda, ho detto sopra che si trovano dove ci sono le terminazioni nervose?

La mancanza di igiene personale o l'igiene inadeguata dell'area problematica possono causare infiammazioni. E poi ci saranno tutta una serie di sintomi: dolore, sangue, gonfiore. L'infiammazione porta alla formazione di un essudato infiammatorio, quindi il trasudamento viene aggiunto a tutto il resto e il prurito e il bruciore si intensificano.

Ma la cosa peggiore che può accadere qui (e pericolosa, tra l'altro) è la trombosi delle emorroidi esterne. Il sangue stagnante nei vasi si coagula semplicemente, e se prima il deflusso di sangue era almeno mal eseguito, ora non lo fa. Il nodo aumenta di dimensioni, diventa acutamente doloroso, molto denso e bluastro.

Se lasci tutto così com'è, usando gli unguenti sbagliati e applicando i doni della natura, ad esempio le stesse foglie di cavolo, questo può portare a necrosi dei nodi, infezioni, paraprocititi purulente e persino sepsi. È anche irto di gravi emorragie..

Prevedo la tua domanda: un coagulo di sangue può staccarsi e causare embolia polmonare? No, non può, poiché è formato non in vene a tutti gli effetti, ma in piccole venule strette.

Cosa sono le emorroidi?

In primo luogo, può essere acuto e cronico..

Cronico: queste sono esattamente le 4 fasi che ho menzionato sopra.

Può procedere con esacerbazioni e remissioni. Le esacerbazioni sono causate da vari fattori provocatori.

Acuta è la trombosi del nodo esterno, che richiede un consiglio medico urgente.

In secondo luogo, ci sono emorroidi esterne, interne e combinate.

Puoi sentire tu stesso quello esterno.

Le emorroidi interne possono manifestarsi come mini-sintomi (leggero prurito, disagio, sensazione di corpo estraneo nell'ano) o possono non apparire in alcun modo fino alla caduta dei noduli.

Ma più spesso emorroidi combinate.

Ecco come sembra tutto.

E ora, avvicinandoci al trattamento, pensiamo con te alle seguenti domande:

  1. Ci sono molte ricette su Internet "Come mi sono sbarazzato delle emorroidi in 1-3-7 giorni". È possibile?
  2. Le emorroidi possono essere curate con unguenti e supposte? In caso contrario, perché?
  3. Sono procedure termiche indicate per le emorroidi (bagni seduti, "inalazione" del bottino, ecc.?
  4. Quando dirlo all'acquirente: hai urgentemente bisogno di vedere un medico?
  5. Quale dovrebbe essere una soluzione completa al problema del cliente con questa piaga?

Come curare le emorroidi?

Spero davvero che tu abbia capito la seguente cosa:

Le emorroidi sono come i pantaloni allungati alle ginocchia: non importa quanto le lavi o le stiri, non saranno più le stesse.

Nessuna medicina miracolosa, erbe, unguenti e doni della natura sono in grado di correggere un'anatomia già disturbata.

Per il suo trattamento vengono utilizzati metodi conservativi, chirurgici e minimamente invasivi..

Cominciamo con l'ultimo.

Prima vedi un medico, maggiori sono le possibilità che venga eseguito un intervento minimamente invasivo, che non richiede preparazione, seduto in congedo per malattia e un periodo di guarigione lungo e doloroso.

Questi includono:

  1. Scleroterapia, quando una sostanza sclerosante viene iniettata nel nodo, "sigillando" i vasi dilatati.
  2. Criodistruzione (combustione con azoto liquido).
  3. Cauterizzazione con un laser.
  4. Coagulazione a infrarossi.

L'essenza dei tre metodi di cui sopra si riduce al fatto che sia dal freddo che dalla temperatura elevata il nodo "si restringe", si secca, si forma una crosta, che poi esce dal retto in modo naturale.

  1. La legatura del nodo con un anello in lattice, cioè qualcosa come un "lazo", viene lanciata sopra il nodo e stretto alla sua base. Privo di potere, il nodo "muore" e cade.

Il metodo chirurgico è la classica rimozione delle emorroidi. Liberiamoci di questa piaga per sempre.

Il medico decide quale metodo scegliere in ogni caso. Dipende dal tipo, dallo stadio delle emorroidi, dalle complicazioni, dalle malattie concomitanti del paziente.

Ad esempio, in caso di trombosi delle emorroidi esterne, il trombo viene immediatamente rimosso o l'infiammazione viene prima alleviata con farmaci, quindi viene eseguita un'operazione a tutti gli effetti..

Ma siamo più interessati ai metodi conservativi, sebbene questo sia un trattamento esclusivamente sintomatico.!

Come ora capisci, candele e unguenti da soli non possono essere fatti qui..

Vendita complessa per le emorroidi

Un'offerta completa per l'acquirente include:

Si intendePerché consigliare?
Venotonic per somministrazione oraleAumenta il tono dei vasi rettali, migliora la microcircolazione, riduce la stasi sanguigna
Un farmaco del gruppo FANS per somministrazione orale (per il dolore)Riduci l'infiammazione e allevia il dolore
Agente antiemorroidario locale: unguento per emorroidi esterne o combinate, supposte per interneRiduce il dolore, l'infiammazione, il sanguinamento
Supposte con un anticoagulante, se ci sono segni di trombosi: forte dolore all'ano, si avverte un nodo densoPreviene la formazione di nuovi coaguli di sangue e la crescita di quelli già formati
Farmaco a base di lattulosioNormalizza la consistenza delle feci, elimina la stitichezza
Oppure un farmaco a base di fibre in combinazione con una bevanda abbondante (è meglio consigliarlo "per dopo" quando l'esacerbazione è passata)Migliora la motilità intestinale, previene la stitichezza

Se hai in magazzino un cuscino ortopedico con un foro (per un sedile), allora suggeriscilo anche tu.

È realizzato in schiuma di poliuretano (gommapiuma) di una certa rigidità. Un simile cuscino protegge l'area problematica dal contatto con la superficie dura della sedia, poiché sarà nel foro di questa "ciambella", che riduce il dolore.

Solo i conducenti non dovrebbero raccomandarlo, poiché la stabilità e la reazione rapida sono importanti per loro..

Ma il complesso di cui sopra può ancora essere completato. Di? Come pensi?

Se le emorroidi sono in remissione, la cosa principale qui è prevenire la stitichezza usando lattulosio, fibre e aderendo a una dieta appropriata.

Inoltre esercizi per migliorare la circolazione sanguigna nel retto e mantenere l'apparato di sostegno del plesso emorroidario, scusate la tautologia.

E per farti ricordare meglio cosa è necessario per prevenire le esacerbazioni di questa brutta piaga, ecco una rima per te:

Dimentica la stitichezza,
La severità per non assumere il petto,
In modo da non bere vodka,
Non ho fumato sigarette,
Per dare lo stipendio,
La suocera ha chiamato mia madre.

Fare esercizio al mattino,

E mangia in ordine.
E dalla vita da tale

Le tue emorroidi diminuiranno!

È tutto quello che volevo dirti oggi sulle emorroidi.

No, però. C'è anche qualcosa di molto importante:

Il sangue nelle feci può essere segno di altre malattie del retto (e non solo): polipi, ragade anale, cancro, ecc., Quindi, in questo caso, dovresti assolutamente consultare un medico.

Alla luce di tutto quanto sopra, voglio chiederti:

Quali domande devono essere poste a un acquirente che richiede un rimedio per le emorroidi?

Condividete la vostra esperienza, amici!

In questa delicata questione, la tua esperienza è inestimabile, poiché non solo l'acquirente è imbarazzato a esporre l'intera verità-utero quando si tratta di emorroidi, ma anche il principale spesso non sa quali domande porre al cliente, in modo che, da un lato, non lo imbarazzi, ma un altro, per scoprire tutto ciò che è necessario per selezionare l'insieme ottimale di fondi.

E il terzo, per non metterti in imbarazzo.

Lascia le tue risposte nella casella dei commenti qui sotto.

Ci vediamo di nuovo sul blog "Pharmacy for Man"!

Con affetto a te, Marina Kuznetsova

Miei cari lettori!

Se l'articolo ti è piaciuto, se vuoi chiedere qualcosa, aggiungere qualcosa, condividere la tua esperienza, puoi farlo in un modulo speciale qui sotto.

Per favore, non tacere! I tuoi commenti sono la mia principale motivazione per nuove creazioni per TE.

Ti sarei estremamente grato se condividessi il link a questo articolo con i tuoi amici e colleghi sui social network..

Basta fare clic sui pulsanti social. reti di cui sei membro.

Facendo clic sui pulsanti social reti aumenta la media di controllo, entrate, stipendio, riduce lo zucchero, la pressione sanguigna, il colesterolo, allevia l'osteocondrosi, i piedi piatti, le emorroidi!


Articolo Successivo
Mieloma multiplo