Perché l'emorragia cerebrale è pericolosa in un neonato?


© Autore: A. Olesya Valerievna, Ph.D., medico praticante, insegnante di un'università di medicina, in particolare per SosudInfo.ru (sugli autori)

La patologia neurologica nei neonati e nei bambini dei primi anni di vita è un problema molto serio e, sfortunatamente, il danno cerebrale nei bambini non è affatto raro. L'IVH è un'emorragia intraventricolare, che è molto caratteristica del periodo neonatale e spesso accompagna il decorso patologico del travaglio..

Emorragie intraventricolari si verificano anche negli adulti, rappresentando una forma di ictus con elevata mortalità. Di norma, il sangue entra nel sistema ventricolare dagli ematomi intracerebrali quando sfondano nella cavità cerebrale..

L'emorragia nei ventricoli del cervello nei bambini è solitamente isolata, non associata a ematomi parenchimali, cioè può essere considerata una malattia separata indipendente.

emorragia intraventricolare in un neonato

Il significato del problema dell'emorragia intraventricolare nei neonati è dovuto non solo alle difficoltà di diagnosticare e trattare la patologia, perché molti farmaci sono controindicati per i bambini e il tessuto nervoso immaturo è estremamente sensibile a qualsiasi circostanza sfavorevole, ma anche a una prognosi, che non può sempre calmare i giovani genitori.

Oltre ai bambini nati con un decorso anormale del periodo di nascita, l'IVH viene diagnosticata nei bambini prematuri, mentre più breve è il periodo di gestazione in cui si è verificato il parto prematuro, maggiore è la probabilità di IVH e più grave è il grado di danno cerebrale ischemico-ipossico.

Nei bambini nati prematuramente, la metà del sanguinamento nei ventricoli si verifica già nel primo giorno di vita, fino al 25% dell'IVH si verifica il secondo giorno dopo la nascita. Più vecchio è il bambino, meno è probabile che abbia disturbi circolatori nel cervello, anche se il corso del travaglio è anormale..

Oggi nell'arsenale dei neonatologi esistono metodi di ricerca altamente informativi che consentono di diagnosticare tempestivamente l'emorragia intraventricolare, ma i problemi con la classificazione, la determinazione dello stadio patologico non sono stati ancora risolti. Non è stata sviluppata una classificazione unificata dell'IVH e nella formulazione degli stadi vengono prese in considerazione le caratteristiche della topografia della lesione piuttosto che la gravità clinica e la prognosi.

Cause di emorragia intraventricolare nei neonati

Le ragioni per lo sviluppo dell'IVH nei bambini piccoli sono fondamentalmente diverse da quelle che causano emorragie negli adulti. Se in quest'ultimo caso i fattori vascolari vengono in primo piano: ipertensione, aterosclerosi, ictus sottostanti e la stessa penetrazione del sangue nei ventricoli è secondaria all'ematoma intracerebrale, nei neonati la situazione è alquanto diversa: l'emorragia si verifica immediatamente all'interno dei ventricoli o sotto il loro rivestimento, e le ragioni sono in qualche modo legate alla gravidanza e al parto:

  • Condizione di prematurità;
  • Lungo periodo di siccità;
  • Grave ipossia durante il travaglio;
  • Lesione con benefici ostetrici (rara);
  • Peso alla nascita inferiore a 1000 g;
  • Disturbi congeniti della coagulazione del sangue e della struttura vascolare.

Nei neonati prematuri, la principale causa di emorragia intraventricolare è la presenza della cosiddetta germinale (matrice embrionale), che dovrebbe gradualmente scomparire con la maturazione del cervello fetale e del sistema vascolare. Se il parto è avvenuto in anticipo, la presenza di questa struttura crea i prerequisiti per l'IVH.

La matrice germinale è una regione del tessuto neurale attorno ai ventricoli laterali che contiene cellule immature che si spostano nel cervello e diventano neuroni o cellule di neuroglia quando maturano. Oltre alle cellule, questa matrice trasporta vasi acerbi di tipo capillare, le cui pareti sono monostrato, quindi sono molto fragili e possono rompersi.

L'emorragia nella matrice germinale non è ancora IVH, ma molto spesso porta alla penetrazione del sangue nei ventricoli del cervello. Un ematoma nel tessuto nervoso adiacente alla parete del ventricolo sfonda il suo rivestimento e il sangue scorre nel lume. Dalla comparsa anche di un volume sanguigno minimo nel ventricolo del cervello, possiamo parlare dell'insorgenza di una malattia indipendente: emorragia intraventricolare.

La determinazione degli stadi IVH è necessaria per valutare la gravità della malattia in un particolare paziente, nonché per determinare la prognosi in futuro, che dipende dalla quantità di sangue che è entrata nei ventricoli e dalla direzione della sua distribuzione verso il tessuto nervoso.

I radiologi basano la determinazione dello stadio IVH sui risultati della tomografia computerizzata. Si distinguono:

  • Grado IVH 1 - subependimale - il sangue si accumula sotto il rivestimento dei ventricoli del cervello, senza distruggerlo e non entrare nel ventricolo. In realtà, questo fenomeno non può essere considerato un tipico IVH, ma in qualsiasi momento il sangue può penetrare nei ventricoli..
  • L'IVH di 2 ° grado è una tipica emorragia intraventricolare senza espansione della sua cavità, quando c'è un rilascio di sangue dallo spazio subependimale. All'ecografia, questa fase è caratterizzata come IVH con riempimento di sangue inferiore alla metà del volume del ventricolo.
  • Grado IVH 3: il sangue continua a fluire nel ventricolo, riempiendo più della metà del suo volume ed espandendo il lume, che può essere tracciato con TC e ultrasuoni.
  • L'IVH di 4 ° grado è il più grave, accompagnato non solo dal riempimento dei ventricoli del cervello di sangue, ma anche dalla sua ulteriore diffusione nel tessuto nervoso. La TC mostra segni di IVH di uno dei primi tre gradi insieme alla formazione di focolai di emorragia intracerebrale parenchimale.

Sulla base dei cambiamenti strutturali nel cervello e nelle sue cavità, si distinguono tre fasi dell'IVH:

  1. Nella prima fase, i ventricoli non sono completamente pieni di contenuto di sangue, non dilatati, possibilmente cessazione spontanea del sanguinamento e conservazione delle normali dinamiche del liquido cerebrospinale.
  2. Continuazione del riempimento dei ventricoli laterali con la loro possibile espansione, quando almeno uno dei ventricoli è riempito di sangue per oltre il 50% e il sangue si diffonde al 3 ° e 4 ° ventricolo del cervello nel secondo stadio.
  3. Il terzo stadio è accompagnato dalla progressione della malattia, il sangue che passa sotto la coroide del cervelletto, del midollo allungato e del midollo spinale. Alta probabilità di complicazioni fatali.

La gravità dell'IVH e le sue manifestazioni dipenderanno dalla velocità con cui il sangue è penetrato nel tessuto cerebrale e nella sua cavità, nonché dal suo volume. L'emorragia si diffonde sempre lungo il flusso del liquido cerebrospinale. Nei bambini gravemente prematuri, così come in quelli che hanno subito un'ipossia profonda, si verificano violazioni del sistema di coagulazione del sangue, quindi i coaguli nelle cavità cerebrali non compaiono per molto tempo e il sangue liquido "si diffonde" liberamente attraverso le parti del cervello.

Al centro del disturbo circolatorio del liquido cerebrospinale e del conseguente aumento dell'idrocefalo c'è la penetrazione del sangue nel ventricolo, dove si mescola con il liquido cerebrospinale, ma non si piega immediatamente. Parte del sangue liquido penetra in altre cavità cerebrali, ma mentre coagula, i coaguli iniziano a sovrapporsi a zone strette attraverso le quali circola il liquido cerebrospinale. La sovrapposizione di una qualsiasi delle aperture del cervello comporta il blocco del percorso del liquido cerebrospinale, l'espansione dei ventricoli e l'idrocefalo con sintomi caratteristici.

Manifestazioni IVH nei bambini piccoli

Fino al 90% di tutte le emorragie nel sistema ventricolare si verificano nei primi tre giorni di vita di un bambino e minore è il suo peso, maggiore è la probabilità di patologia. Dopo la prima settimana di vita di un bambino, il rischio di emorragia è significativamente ridotto, il che è associato all'adattamento del sistema vascolare a nuove condizioni e alla maturazione delle strutture della matrice delle cellule germinali. Se il bambino è nato prematuramente, i primi giorni dovrebbe essere sotto la stretta supervisione di neonatologi - per 2-3 giorni, la condizione può peggiorare bruscamente a causa dell'inizio dell'IVH.

Emorragie subependimali minori e IVH di grado 1 possono essere asintomatici. Se la malattia non progredisce, le condizioni del neonato rimarranno stabili e non si verificheranno nemmeno sintomi neurologici. Con più emorragie sotto l'ependimo, i segni di danno cerebrale appariranno più vicino all'anno con i fenomeni di leucomalacia.

La tipica emorragia intracerebrale si manifesta con sintomi quali:

  • Diminuzione del tono muscolare;
  • Riflessi tendinei flaccidi
  • Disturbi respiratori fino all'arresto (apnea);
  • Convulsioni;
  • Sintomi neurologici focali;
  • Coma.

La gravità della patologia e le caratteristiche dei sintomi sono associate al volume di sangue che è entrato nel sistema ventricolare e alla velocità di aumento della pressione nella cavità cranica. L'IVH minimo, che non causa l'ostruzione del liquido cerebrospinale e cambiamenti nel volume dei ventricoli, sarà accompagnato da un decorso asintomatico e può essere sospettato da una diminuzione dell'ematocrito nel sangue del bambino.

Si osserva una corrente improvvisa con IVH moderato e sottomassivo, che sono caratterizzati da:

  1. Depressione di coscienza;
  2. Paresi o debolezza muscolare;
  3. Disturbi oculomotori (istagmo, strabismo);
  4. Disturbi respiratori.

I sintomi in un decorso spasmodico sono espressi per diversi giorni, dopo di che diminuiscono gradualmente. È possibile sia un completo recupero dell'attività cerebrale che piccole deviazioni, ma la prognosi è generalmente favorevole.

Il decorso catastrofico dell'IVH è associato a gravi disturbi del cervello e degli organi vitali. Sono caratteristici coma, arresto respiratorio, convulsioni generalizzate, cianosi della pelle, bradicardia, diminuzione della pressione sanguigna e alterata termoregolazione. L'ipertensione intracranica è evidenziata dal rigonfiamento della grande fontanella, chiaramente visibile nei neonati..

Oltre ai segni clinici di ridotta attività nervosa, ci saranno cambiamenti nei parametri di laboratorio. Un calo dell'ematocrito, una diminuzione del calcio, fluttuazioni dello zucchero nel sangue, frequenti disturbi del gas nel sangue (ipossiemia), disturbi elettrolitici (acidosi) possono indicare la presenza di IVH nei neonati..

Le complicanze dell'IVH includono il blocco del liquido cerebrospinale da parte di coaguli di sangue con lo sviluppo di idrocefalo occlusivo acuto, atrofia della corteccia cerebrale e sviluppo psicomotorio compromesso. La violazione della circolazione del liquido cerebrospinale porta ad un aumento delle dimensioni dei ventricoli, un aumento della pressione intracranica e della compressione della corteccia cerebrale, che già soffre di ipossia. Il risultato è una sindrome convulsiva, depressione della coscienza e coma, arresto cardiaco e arresto respiratorio.

La progressione del sanguinamento porta alla diffusione del sangue dai ventricoli nelle cisterne del cervello e del tessuto nervoso. Gli ematomi intracerebrali parenchimali sono accompagnati da sintomi focali grossolani sotto forma di paresi e paralisi, sensibilità ridotta, convulsioni convulsive generalizzate. Quando l'IVH è associata a un'emorragia intracerebrale, il rischio di un esito sfavorevole è estremamente alto.

Tra le conseguenze a lungo termine dell'IVH, si notano il danno ischemico-ipossico e cambiamenti residui nel cervello sotto forma di cisti, leucomalacia periventricolare, gliosi della sostanza bianca e atrofia della corteccia. Entro circa un anno, il ritardo nello sviluppo diventa evidente, le capacità motorie soffrono, il bambino non può camminare ed eseguire movimenti corretti degli arti a tempo debito, non parla, è in ritardo nello sviluppo mentale.

La diagnosi di IVH nei bambini si basa su una valutazione dei sintomi e sui dati dell'esame. Il più informativo è la TC, la neurosonografia e l'ecografia. La TC è accompagnata da radiazioni, quindi è preferibile che i neonati prematuri e neonati nei primi giorni di vita si sottopongano a ecografia.

IVH in un'immagine diagnostica

Trattamento e prognosi

Neurochirurghi e neonatologi sono coinvolti nel trattamento dei bambini con IVH. La terapia conservativa ha lo scopo di ripristinare il funzionamento degli organi vitali e dei parametri del sangue. Se il bambino non ha ricevuto vitamina K alla nascita, allora deve essere somministrato. La carenza di fattori di coagulazione e piastrine viene reintegrata dalla trasfusione di componenti plasmatici. Quando la respirazione si interrompe, viene eseguita la ventilazione artificiale dei polmoni, ma è meglio stabilirla come previsto, se esiste il rischio di disturbi respiratori.

La terapia farmacologica include:

  • Normalizzazione della pressione sanguigna per prevenire una forte diminuzione o picchi che aggravano l'ipossia e il danno al tessuto nervoso;
  • Ossigenoterapia;
  • Anticonvulsivanti;
  • Controllo della coagulazione del sangue.

Per ridurre la pressione intracranica, l'introduzione di solfato di magnesio viene mostrata per via endovenosa o intramuscolare, diacarbo, furosemide, veroshpiron vengono utilizzati per i neonati a termine. La terapia anticonvulsivante consiste nella nomina di diazepam, preparati di acido valproico. Per alleviare i sintomi di intossicazione, viene eseguita la terapia infusionale, l'acidosi (acidificazione del sangue) viene eliminata mediante soluzione di bicarbonato di sodio per via endovenosa.

Oltre ai farmaci, viene eseguito il trattamento chirurgico dell'IVH: evacuazione del sangue dai ventricoli del cervello attraverso la loro puntura sotto il controllo degli ultrasuoni, introduzione di agenti fibrinolitici nel lume dei ventricoli (actelize) per prevenire la trombosi e l'idrocefalo occlusivo. Possibile combinazione di puntura con l'introduzione di farmaci fibrinolitici.

Al fine di rimuovere i prodotti di decomposizione dei tessuti ed eliminare i sintomi di intossicazione, vengono mostrati la filtrazione del liquido cerebrospinale, l'assorbimento del liquido cerebrospinale e il lavaggio intraventricolare con preparati di liquido cerebrospinale artificiale.

Con il blocco del liquido cerebrospinale e la sindrome idrocefalica, viene stabilito il drenaggio temporaneo dei ventricoli con l'evacuazione di sangue e coaguli fino al momento in cui il liquido cerebrospinale viene eliminato e l'ostruzione delle sue vie di deflusso viene eliminata. In alcuni casi, vengono utilizzate punture lombari e ventricolari ripetute, drenaggio ventricolare esterno o drenaggio interno temporaneo con impianto di drenaggio artificiale sotto la pelle.

inserimento del catetere di drenaggio ventricolare

Se l'idrocefalo ha acquisito un carattere persistente e irreversibile e non vi è alcun effetto dalla terapia fibrinolitica, i neurochirurghi forniscono un drenaggio continuo chirurgicamente:

  1. Installazione di shunt permanenti con deflusso del liquido cerebrospinale nella cavità addominale (un tubo di silicone passa sotto la pelle dalla testa alla cavità addominale, lo shunt può essere rimosso solo se le condizioni del bambino sono stabilizzate e l'idrocefalo non progredisce);
  2. Anastomosi endoscopiche tra i ventricoli del cervello e la cisterna basale.

Il drenaggio ventricoloperitoneale è considerato il trattamento chirurgico più comune per l'idrocefalo occlusivo associato a IVH. È conveniente, consente l'iniezione di farmaci nei ventricoli, ha una bassa probabilità di infezione, può essere eseguito a lungo, mentre la cura di un bambino non è accompagnata da difficoltà. L'uso di alteplase, che accelera la dissoluzione dei coaguli di sangue nei ventricoli, consente di ridurre la mortalità e massimizzare la funzione cerebrale..

La prognosi dell'IVH è determinata dallo stadio della malattia, dal volume dell'emorragia e dalla posizione del danno al tessuto cerebrale. Ai primi due gradi di IVH, i coaguli di sangue vengono assorbiti da soli o sotto l'azione del trattamento, senza causare disturbi neurologici significativi, quindi, con emorragie minori, il bambino può svilupparsi normalmente.

Massicce emorragie intraventricolari, soprattutto se accompagnate da danni al tessuto cerebrale, in breve tempo possono portare alla morte del neonato e, se il paziente sopravvive, è problematico evitare deficit neurologici e gravi disturbi dello sviluppo psicomotorio..

Tutti i bambini con emorragie intracraniche sono soggetti a stretta osservazione in terapia intensiva e trattamento chirurgico tempestivo. Dopo aver installato uno shunt permanente, il gruppo di disabilità viene determinato e il bambino deve essere regolarmente mostrato a un neurologo.

Per evitare i gravi cambiamenti descritti, è importante osservare le misure per prevenire danni cerebrali nei neonati e nei neonati molto prematuri. Le future mamme devono sottoporsi tempestivamente alle necessarie visite ed esami preventivi e, con la minaccia di parto prematuro, il compito delle ostetriche-ginecologhe è di prolungare il più possibile la gravidanza con i farmaci fino a quando il rischio di emorragia diventa minimo.

Se tuttavia il bambino nasce prematuramente, viene posto nell'unità di terapia intensiva per l'osservazione e il trattamento. I moderni metodi di diagnostica e terapia dell'IVH non solo possono salvare la vita dei bambini, ma anche migliorare significativamente la loro qualità, anche se ciò richiede un'operazione chirurgica.

IVH 1-2-3 gradi nei neonati. Che cos'è, foto, trattamento, conseguenze

IVH sta per emorragia intraventricolare. Questa è una condizione patologica caratterizzata da danni ai piccoli vasi sanguigni nei ventricoli del cervello e dalla loro emorragia. Il ventricolo è una cavità del cervello piena di liquido cerebrospinale. Tutti i ventricoli sono interconnessi.

L'IVH nei neonati è classificato in 1, 2, 3, 4 gradi di gravità: questa è una diagnosi frequente con un'età gestazionale breve, ciò è dovuto alle caratteristiche fisiologiche del bambino alla nascita in una fase molto precoce.

Insieme al fatto che 1 e 2 gradi potrebbero non avere segni pronunciati e vengono diagnosticati solo con ecografia o TC, 4 gradi sono i più pericolosi, poiché l'emorragia è accompagnata dall'espansione del ventricolo e da ulteriori danni al parenchima cerebrale. Tutto ciò porta a complicazioni neurologiche e morte..

Il sanguinamento intraventricolare si verifica nel 60-90% dei casi nei bambini prematuri. Minore è l'età gestazionale e il peso del bambino, maggiore è il rischio di patologia grave. Recentemente, la Repubblica Democratica del Congo sta guadagnando dimensioni, il problema richiede un'attenzione speciale.

Le emorragie intracerebrali provocano la comparsa di ematomi.

A seconda della localizzazione del focus, sono suddivisi in diversi tipi:

  1. Epidurale. La localizzazione dell'ematoma è tra il tessuto osseo superficiale e la dura madre. Non avere sintomi coerenti. Un miglioramento immaginario può verificarsi per 6 ore, ma dopo di che il bambino diventa lunatico, ciò è dovuto alla progressione della compressione del cervello. Il giorno dopo, appare la probabilità di sviluppare un coma. La condizione può essere determinata dai seguenti segni: soffocamento, pressione sanguigna bassa, polso debole e poco frequente, convulsioni, pupille dilatate, paralisi degli arti su un lato del corpo.
  2. Subdurale. Di regola, appare come risultato dell'uso del forcipe durante il travaglio difficile. La patologia è rara e principalmente nei neonati di grandi dimensioni. Un ematoma si forma nell'area della corona o dell'occipite. Di conseguenza, si verifica lo spostamento delle placche ossee. I sintomi compaiono lentamente (1-3 settimane dopo la nascita). La diagnosi tardiva porta a gravi conseguenze.
  3. Emorragia cerebellare. Come risultato della formazione di un ematoma, il tronco cerebrale viene compresso. I sintomi sono luminosi e complessi, la funzione del sistema nervoso centrale è interrotta. Identificare un problema nelle prime fasi offre un'alta probabilità di un risultato favorevole.
  4. Subaracnoide. C'è una rottura dei vasi meningei. I sintomi compaiono immediatamente dopo il parto o dopo 2-3 giorni. Una lieve rottura vascolare non è accompagnata da segni meningei, lo stadio moderato o grave si manifesta con idrocefalo, ipertensione intracranica e sintomi meningei.
  5. Intraventricolare. Rottura di piccoli vasi sanguigni nei ventricoli del cervello. I sintomi sono ondulatori o intermittenti. Le condizioni del bambino a volte migliorano, a volte peggiorano. Un'emorragia estesa si fa sentire già il secondo giorno di vita del bambino. Compare l'anemia, la fontanella si infiamma e si espande, il tono muscolare diminuisce, l'attività fisica viene soppressa e l'appetito viene perso. Inoltre, puoi osservare soffocamento, movimenti oculari anormali, pressione sanguigna bassa, polso rapido..

La nascita di una nuova vita è un processo complesso e i medici se ne assumono la responsabilità. Ma non sempre tutto è in potere degli operatori sanitari, a volte un bambino nasce con un infortunio. Le conseguenze possono essere le più gravi dalla disfunzione del sistema nervoso centrale al coma e alla morte..

Fasi e gradi

Secondo le statistiche, minore è l'età gestazionale del bambino e il suo peso corporeo, maggiore è il rischio di IVH..

I dati non sono incoraggianti:

  • con un peso corporeo di 1500 g, la probabilità di IVH di 1 ° e 2 ° grado nei neonati è del 45%;
  • con un peso di 1000 g - 80%.

La classificazione dell'IVH si basa sui dati di studi di tomografia computerizzata. Il grado di danno dipende dalla localizzazione del fuoco dell'emorragia e dalle dimensioni del ventricolo. Oggi viene utilizzata la classificazione papile.

Gradi IVH nei neonati

Il grado di emorragia nei ventricoli del cervello:

EnergiaDescrizione
1 ° gradoVersamento subependimale di sangue su uno o due lati. Si estende alla matrice germinale.
2 ° gradoLe emorragie coinvolgono le pareti dei ventricoli, possono diffondersi nella cavità dei ventricoli senza la loro espansione.
3 ° gradoVersamento di sangue alle pareti e alla cavità dei ventricoli, si nota la loro espansione.
4 ° gradoIl sangue riempie i ventricoli e il parenchima periventricolare.

L'IVH di 1 grado nei neonati è caratterizzato dal passaggio del sangue solo alle pareti dei ventricoli, senza riempire lo spazio dei ventricoli stessi. Maggiore è il grado di danno, più estesa è l'emorragia e peggiore è la condizione del neonato.

Sintomi

Il quadro clinico delle emorragie non sempre compare subito dopo la nascita del bambino, nei primi giorni di vita il problema potrebbe non manifestarsi in alcun modo. In questo caso, i segni dipendono dalla posizione e dal grado delle lesioni vascolari..

Nel quadro generale, i sintomi saranno i seguenti:

  • l'ipereccitabilità del bambino viene bruscamente sostituita dalla depressione;
  • fontanella tesa e gonfia;
  • pianto e pianto in un neonato aumenta;
  • impulso veloce;
  • rigurgito frequente;
  • mancanza di appetito;
  • aumento della formazione di gas;
  • cessazione dei movimenti respiratori;
  • mancanza di respiro, soffocamento;
  • anemia;
  • aumento del contenuto di corpi chetonici nel sangue e bilirubina, che provoca intossicazione del corpo;
  • debolezza muscolare;
  • moderato ribaltamento della testa;
  • paralisi su uno o due lati dei muscoli oculomotori;
  • l'inizio dello sviluppo dell'insufficienza renale e cardiovascolare;
  • l'aggiunta di un'infezione secondaria a seguito della comparsa di sepsi, polmonite o meningite.

In alcuni casi, il quadro clinico cambierà, dipende dalla forma dell'emorragia e dal grado di distribuzione. Una diagnosi accurata può essere fatta solo dopo la neurosonografia.

Il quadro clinico con varie forme di emorragia intracranica:

  1. DRC. Al 1 ° e 2 ° grado, i sintomi potrebbero non apparire, la situazione potrebbe non essere aggravata da disturbi neurologici. Se viene diagnosticata IVH di 3 ° o 4 ° grado, ci sono chiari segni di edema della fontanella, convulsioni, ridotta funzionalità respiratoria e insufficienza del sistema cardiovascolare. Nel processo di sviluppo del problema (a causa di un aumento del volume del fluido e della spremitura dei centri nervosi), appare la letargia, la funzione riflessa viene soppressa e la dimensione della testa aumenta. La penetrazione del sangue dalle pareti dei ventricoli nel tessuto cerebrale porta all'emorragia parenchimale.
  2. Emorragia subdurale ed epidurale. Il sangue si accumula tra il tessuto osseo del cranio e la dura madre, si forma una sacca con liquido accumulato, che successivamente si trasforma in un ematoma. Il problema sorge a causa della compressione meccanica della testa durante il parto. I sintomi hanno 2 fasi. Al primo compaiono convulsioni, la capacità riflessa diminuisce, è possibile svenire. Nella seconda fase appare un'illuminazione immaginaria.
  3. Emorragia subaracnoidea. Il quadro clinico è ondulato. Nei primi 2-3 giorni, il bambino non ha segni visibili. Poi c'è depressione o eccitazione. Le convulsioni che ne derivano possono essere sostituite da un benessere immaginario. La prognosi per la vita dipende dal grado di danno e dalla tempestività del trattamento.

Quando si effettua una diagnosi e si prescrive un trattamento, il medico si concentra sui risultati di TC, risonanza magnetica, ecografia, radiografia e neurosonografia. Solo allora possiamo parlare di ulteriori previsioni..

Ragioni per l'aspetto

Come abbiamo già notato, i bambini con una piccola età gestazionale sono a rischio di emorragia intraventricolare e anche i neonati a termine con ritardo della crescita intrauterina sono a rischio..

La causa principale e principale è l'ipossia fetale cronica nel terzo trimestre di gravidanza. Durante questo periodo, con ossigeno insufficiente, si forma un'emorragia e sotto l'influenza della pressione meccanica durante il parto, la situazione è aggravata, il che porta a IVH di 1 ° o 2 ° grado..

Anche altri fattori contribuiscono allo sviluppo dell'IVH nei neonati:

  • carenza di vitamina K e fattori dipendenti da K;
  • problemi di coagulazione del sangue (coagulazione);
  • condizioni patologiche che sono apparse sullo sfondo dell'ipossia: acidosi, bassa pressione sanguigna, alta attivazione della perossidazione dei grassi;
  • sviluppo intrauterino di infezioni virali e micoplasmi;
  • la storia di una madre di una diagnosi di diabete mellito;
  • cattive abitudini di una donna incinta (fumo, alcolismo, tossicodipendenza);
  • trauma meccanico durante il parto a causa del bacino stretto della madre o della testa grande del bambino, anche con parto rapido o taglio cesareo;
  • uso di pinze ostetriche o aspirapolvere durante il parto;
  • errori ostetrici.

Diagnostica

È impossibile fare una diagnosi accurata sulla base dei soli segni; nei casi con emorragie, viene prestata particolare attenzione ai risultati dell'esame.

Misure diagnostiche per identificare la patologia:

  1. Analisi del sangue generale. Mostra un aumento dei corpi chetonici e della bilirubina, che indica un'intossicazione del corpo.
  2. CT. Permetterà di determinare l'entità della penetrazione del sangue e la localizzazione dell'ematoma.
  3. Neurosonografia. Metodo sicuro, veloce ed efficace. Attraverso la grande fontanella si riconosce lo stato delle strutture sopratentoriali, laterali e ventricolari.
  4. Coagulogramma. L'analisi determina il grado di coagulazione del sangue.
  5. Ricerca sul liquido cerebrospinale. L'analisi viene eseguita 3 giorni consecutivi. Viene determinato lo stato del liquido cerebrospinale (liquido cerebrospinale), che colpisce direttamente le parti del sistema nervoso centrale.

Inoltre, possono essere prescritti raggi X o ultrasuoni, tuttavia, rispetto alla TC o alla RM, queste tecniche non sono così efficaci. In base ai risultati dell'esame, viene prescritto un trattamento appropriato. Nei casi più gravi, quando la terapia conservativa non dà dinamiche positive, viene determinata la necessità di un intervento chirurgico (viene utilizzato il metodo di bypass).

Quando vedere un dottore

Dato che i neonati prematuri sono a rischio di IVH, la loro condizione viene monitorata in terapia intensiva subito dopo la nascita e durante i primi giorni.

A causa del peso ridotto e della debolezza del corpo di questi bambini, tutte le manipolazioni mediche vengono eseguite contemporaneamente in modo da non toccare di nuovo il bambino, perché anche il normale controllo del peso per tali bambini è molto stress, a causa del quale può apparire IVH. Il personale medico tratta i neonati prematuri con cura e attenzione.

Prima di dimettere una madre e un bambino a casa, i medici devono assicurarsi che non ci sia IVH eseguendo una serie di misure diagnostiche e valutando le condizioni del bambino. Quando viene rilevata una condizione patologica, il trattamento viene prescritto in base ai risultati della diagnosi.

È molto importante monitorare la circonferenza della testa nei bambini prematuri. Se il suo volume aumenta di oltre 10 mm in 7 giorni, diventa necessario controllare il volume dei ventricoli cerebrali usando la neurosonografia.

Prevenzione

Misure preventive per prevenire la nascita prematura o la rottura prematura delle membrane amniotiche, nonché per eliminare il rischio di coriamnionite, aiuteranno a ridurre l'incidenza di IVH.

Molto spesso, l'IVH è causata dall'uso di pinze o estrazione a vuoto. In questo caso, viene risolta la questione della pressante necessità di utilizzare dispositivi medici..

Lo sviluppo di una condizione patologica può essere prevenuto sia postnatale che prenatale. Nel primo caso, a rischio di problemi, vengono prescritti emostatici, pancuronio, vitamina K, fenobarbital, indometacina.

La profilassi prenatale include l'assunzione di glucocorticoidi. Secondo la ricerca medica, l'assunzione di queste forme di dosaggio riduce significativamente la probabilità di IVH nei neonati..

Metodi di trattamento

Neurochirurghi e neonatologi stanno curando i neonati con diagnosi di IVH. La terapia è principalmente finalizzata all'eliminazione delle conseguenze del problema, nonché al ripristino delle funzioni vitali, della qualità e dei parametri del sangue.

In caso di coagulazione insufficiente e presenza di piastrine, viene eseguita la trasfusione dei componenti del plasma. Se il bambino presenta chiari segni di ridotta funzionalità respiratoria, il bambino in terapia intensiva viene posto sotto un dispositivo di ventilazione polmonare artificiale.

Farmaci

La terapia conservativa dell'IVH di 1 ° o 2 ° grado include:

  • controllo e normalizzazione della pressione sanguigna (ai bambini prematuri viene prescritta la somministrazione endovenosa o intramuscolare di acido solforico, bambini a termine - Diacarb, Veroshpiron, Furosemide);
  • assunzione di farmaci anticonvulsivanti (Diazepam, preparati di acido valproico);
  • prendendo ossigeno;
  • controllo e normalizzazione della coagulazione del sangue;
  • eliminazione dei segni di intossicazione (terapia infusionale);
  • prevenzione dell'acidosi (somministrazione endovenosa di soluzione di bicarbonato di sodio).

Il trattamento farmacologico è efficace solo per l'emorragia intraventricolare di grado 1 o 2. In casi frequenti, il problema scompare senza lasciare traccia, senza causare complicazioni. Se viene rilevato un IVH di 3 ° o 4 ° grado, il trattamento richiede un intervento chirurgico.

Tutti i medicinali e il loro dosaggio sono prescritti da un medico, un problema come l'emorragia intracranica comporta un alto pericolo per la vita.

Metodi tradizionali

L'IVH di 1 grado nei neonati non è una malattia in quanto tale, è una condizione patologica causata da determinati fattori (pressione intracranica, parto prematuro, parto improprio, uso di pinze ostetriche, ecc.). In questo caso, è impossibile parlare di metodi di trattamento tradizionali, poiché la patologia richiede un'attenzione particolare di neurochirurghi e neonatologi..

Come misura preventiva, durante la gravidanza, si può consigliare alla futura mamma di assumere decotti sedativi a base di erbe. Sono preparati sulla base di menta, melissa, camomilla, rosa canina. Tali decotti non aiuteranno a risolvere il problema, ma uno stato calmo ed equilibrato di una donna incinta può prevenire il rischio di parto prematuro..

Altri metodi

L'IVH di grado 3 nei neonati spesso diventa irreversibile e, se non vi è alcun risultato della terapia conservativa, i neurochirurghi determinano la necessità di un trattamento chirurgico.

Esso:

  1. Intervento chirurgico di bypass con deflusso del liquido cerebrospinale nella cavità addominale. Un tubo di silicone viene posizionato sotto il cuoio capelluto e il sudore verso l'addome. Lo shunt viene rimosso quando la salute del bambino è stabilizzata e non c'è progressione dell'IVH.
  2. Ventricolostomia endoscopica. È effettuato dall'installazione di anastomosi che passano tra il ventricolo e il mezhpruzhkovy cisterna. L'obiettivo è garantire un deflusso libero del liquido cerebrospinale.
  3. Shunt ventricolo-peritoneale. Questo metodo consente di somministrare farmaci e controllare la velocità di deflusso del liquido cerebrospinale. Un bordo dello scarico è installato nella cavità del ventricolo e l'altro è posto in un contenitore in cui si accumula il liquido cerebrospinale. Questo metodo viene eseguito a lungo e non interferisce con la cura dei bambini..

Alcuni specialisti usano anche un tale metodo come una puntura lombare. Ma l'efficacia di questo metodo non è stata dimostrata..

Possibili complicazioni

Le complicanze dell'IVH dipendono dalla gravità della condizione patologica. Con la tempestività e l'adeguatezza delle azioni mediche con il 1 ° e 2 ° grado di gravità IVH, le conseguenze possono aggirare il neonato.

Le complicanze dell'emorragia intraventricolare possono essere le seguenti:

  1. L'IVH di 1 ° e 2 ° grado a volte non richiede alcuna terapia, tuttavia, tali bambini necessitano di un monitoraggio costante durante il primo mese di vita. La probabilità della comparsa di disturbi neurologici è ancora presente. Si verificano casi fatali in queste fasi della condizione patologica, ma sono estremamente rari.
  2. Con IVH di grado 3 nei neonati, quando il sangue riempie più del 50% della cavità ventricolare, c'è un alto rischio di idrocefalo (55% di tutti i casi). La comparsa di anomalie neurologiche (35% dei casi) e morte (5% dei casi) non è esclusa. In genere, in tali situazioni, i medici determinano la necessità di un intervento chirurgico. Si fanno previsioni favorevoli se l'IVH è esteso a un solo lobo frontale.
  3. L'IVH di 4 ° grado è il più pericoloso, le previsioni in questo caso sono deludenti. Senza intervento chirurgico, il problema non può essere eliminato ei rischi di mortalità sono piuttosto alti. Nel 50% dei casi si verifica la morte, nell'80% dei casi si sviluppa l'idrocefalo, nel 90% dei casi - gravi disturbi neurologici.

Il grado 3 di IVH nei neonati senza un trattamento appropriato può portare alle conseguenze più imprevedibili e gravi: coma e persino morte.

È difficile prevedere il risultato finale della patologia, poiché dipende dalla gravità e dalla tempestività del trattamento. La prognosi è anche influenzata dall'età gestazionale e dal peso del bambino..

La difficoltà di prevedere l'ulteriore stato del neonato è che anche dopo un'adeguata terapia per l'IVH di 3 ° grado, le anomalie neurologiche non possono essere rilevate. Ciò è dovuto al fatto che nel primo anno di vita non ci sono requisiti speciali per lo sviluppo psicomotorio del bambino..

Design dell'articolo: Vladimir il Grande

Video sull'emorragia cerebrale

Malysheva sull'ictus emorragico:

Emorragia intraventricolare (IVH) nei neonati: che cos'è, cause, trattamento, prognosi || Birra di grado 1 in un neonato

La nascita dei bambini è un processo piuttosto imprevisto e, spesso, di conseguenza, lo stato di salute del bambino ne risente. I difetti cerebrali derivanti dall'asfissia e dall'ipossia durante il periodo di attesa del bambino rappresentano una minaccia particolare per il benessere del bambino. Questa patologia può causare la comparsa di IVH appena nato (emorragia intraventricolare). La minaccia di una tale complicazione attende principalmente un bambino apparso prematuramente. Il motivo è l'immaturità dei vasi sanguigni e le caratteristiche distintive della struttura del cervello nella categoria dei neonati presentata..

Questi bambini hanno una struttura speciale nel loro cervello chiamata matrice germinale, le cui cellule successivamente formano lo scheletro del cervello, migrando verso la corteccia. L'emorragia intraventricolare nei neonati appare a causa della rottura dei vasi della matrice e dell'ingresso di sangue nei ventricoli laterali. A causa dell'IVH, la migrazione cellulare si verifica con violazioni, che influiscono negativamente sullo sviluppo del bambino, iniziando il suo ritardo. Ma anche una gravidanza prolungata non è meno pericolosa. Maggiori informazioni su questo ulteriore.

Per questo motivo questa malattia colpisce principalmente solo i bambini prematuri

I bambini prematuri hanno caratteristiche specifiche della struttura dei ventricoli laterali e delle sfere periventricolari: le arterie in essi sono in uno stato germinale e hanno una struttura semplice. Queste arterie sono chiamate "matrice germinale subependimale". Sono molto fragili e possono essere facilmente feriti. Un posto importante è la complicazione della diminuzione del sangue venoso da queste aree, la patologia della costanza dell'ambiente interno del corpo. L'impatto di disturbi concomitanti sul sistema di coagulazione del sangue non è escluso. Può essere sia congenito che transitorio, in altre parole, temporaneo (di solito a causa dell'influenza di alcuni farmaci). Tuttavia, l'IVH non si verifica in tutti i bambini prematuri. Nella maggior parte dei casi, ciò accade anche quando la madre sta trasportando il bambino. Questo fattore influisce negativamente sulla salute del bambino. E quindi, è necessario assicurarsi che non vi sia alcun prolungamento della gravidanza..

Vengono evidenziate condizioni specifiche che contribuiscono alla comparsa dell'IVH nei bambini. La maggior parte di loro sono denominati di seguito:

  1. La nascita di un bambino fondamentalmente prematuro.
  2. Momenti critici di ipossia (mancanza di aria per i tessuti del corpo).
  3. Alta pressione nel letto venoso (durante il parto o durante la ventilazione sintetica).
  4. Aumento della pressione sanguigna, che aumenta il sanguinamento nel cervello.
  5. Cambiamenti nella saturazione del flusso sanguigno al cervello.
  6. Difficoltà del sistema di coagulazione del sangue.
  7. Processi infettivi e altri processi infiammatori in una madre prima del parto o nei bambini dopo di loro.
  8. Fornito con difetti o cure di rianimazione iniziale prematura.
  9. Attacchi regolari di arresto respiratorio e patologie respiratorie, tipiche dei bambini prematuri e post-termine.
  10. L'introduzione di elettroliti in una vena, la concentrazione di elementi in cui supera i loro valori consentiti (questo è chiamato iperosmolarità).

Come puoi vedere, ci sono molte cause di IVH nei neonati. Il compito dei genitori è eliminarli il più possibile.

Chi è a rischio?

L'emorragia nel cervello dei neonati può essere associata sia a danni al cranio stesso che a mancanza di ossigeno.
Prerequisiti per DRC:

  1. Sovrappeso o, al contrario, disidratazione. I bambini prematuri sono particolarmente suscettibili alle emorragie intracraniche, poiché i loro vasi immaturi non hanno ancora un supporto sufficiente nei tessuti. Nei bambini nati tardi, le ossa si induriscono e la testa non è in grado di configurarsi durante il parto. L'IVH, secondo le statistiche, si verifica in ogni quinto bambino prematuro e ogni decimo bambino dopo il termine.
  2. Le dimensioni della testa fetale non corrispondono alle dimensioni del canale del parto. In questo caso, il parto naturale è controindicato, perché è irto di lesioni e ipossia per un neonato..
  3. Gravidanza grave (ipossia fetale, infezione intrauterina con varie infezioni).
  4. Lavoro difficile (prolungato o rapido), presentazione podalica.
  5. Azioni sbagliate degli ostetrici durante il parto.

Sulla base di quanto sopra, è possibile distinguere diversi gruppi di rischio.

Il rischio di emorragia cerebrale in un bambino aumenta con:

  • Prematurità;
  • basso peso alla nascita (meno di 1,5 kg);
  • carenza di ossigeno (ipossia);
  • trauma cranico durante il parto;
  • difficoltà a respirare durante il parto;
  • infezioni che portano a disturbi emorragici.

Se il bambino appartiene ad almeno uno di questi gruppi, è necessario scoprire se ha sintomi di emorragia intracranica.

Gradi IVH

Esistono quattro livelli di gravità della malattia. Vale la pena familiarizzare con ciascuno di essi in modo più dettagliato:

  1. IVH di 1 ° grado nei neonati: l'emorragia viene tagliata dal muro dei ventricoli, non diffondendosi nel loro approfondimento.
  2. IVH di 2 ° grado - cade nell'approfondimento dei ventricoli.
  3. IVH di 3 ° grado - patologie nella circolazione del liquido cerebrospinale, iniziando l'idrocefalo.
  4. IVH di 4 ° grado: l'emorragia si diffonde al tessuto cerebrale.

Gli IVH del primo e del secondo livello di gravità nei neonati differiscono, di regola, in un decorso asintomatico e possono essere rilevati solo durante l'esame con metodi aggiuntivi.

Cause di emorragia intraventricolare nei neonati

Le ragioni per lo sviluppo dell'IVH nei bambini piccoli sono fondamentalmente diverse da quelle che causano emorragie negli adulti. Se in quest'ultimo caso i fattori vascolari vengono in primo piano: ipertensione, aterosclerosi, ictus sottostanti e la stessa penetrazione del sangue nei ventricoli è secondaria all'ematoma intracerebrale, nei neonati la situazione è alquanto diversa: l'emorragia si verifica immediatamente all'interno dei ventricoli o sotto il loro rivestimento, e le ragioni sono in qualche modo legate alla gravidanza e al parto:

  • Condizione di prematurità;
  • Lungo periodo di siccità;
  • Grave ipossia durante il travaglio;
  • Lesione con benefici ostetrici (rara);
  • Peso alla nascita inferiore a 1000 g;
  • Disturbi congeniti della coagulazione del sangue e della struttura vascolare.

La matrice germinale è una regione del tessuto neurale attorno ai ventricoli laterali che contiene cellule immature che si spostano nel cervello e diventano neuroni o cellule di neuroglia quando maturano. Oltre alle cellule, questa matrice trasporta vasi acerbi di tipo capillare, le cui pareti sono monostrato, quindi sono molto fragili e possono rompersi.

L'emorragia nella matrice germinale non è ancora IVH, ma molto spesso porta alla penetrazione del sangue nei ventricoli del cervello. Un ematoma nel tessuto nervoso adiacente alla parete del ventricolo sfonda il suo rivestimento e il sangue scorre nel lume. Dalla comparsa anche di un volume sanguigno minimo nel ventricolo del cervello, possiamo parlare dell'insorgenza di una malattia indipendente: emorragia intraventricolare.

La determinazione degli stadi IVH è necessaria per valutare la gravità della malattia in un particolare paziente, nonché per determinare la prognosi in futuro, che dipende dalla quantità di sangue che è entrata nei ventricoli e dalla direzione della sua distribuzione verso il tessuto nervoso.

I radiologi basano la determinazione dello stadio IVH sui risultati della tomografia computerizzata. Si distinguono:

  • Grado IVH 1 - subependimale - il sangue si accumula sotto il rivestimento dei ventricoli del cervello, senza distruggerlo e non entrare nel ventricolo. In realtà, questo fenomeno non può essere considerato un tipico IVH, ma in qualsiasi momento il sangue può penetrare nei ventricoli..
  • L'IVH di 2 ° grado è una tipica emorragia intraventricolare senza espansione della sua cavità, quando c'è un rilascio di sangue dallo spazio subependimale. All'ecografia, questa fase è caratterizzata come IVH con riempimento di sangue inferiore alla metà del volume del ventricolo.
  • Grado IVH 3: il sangue continua a fluire nel ventricolo, riempiendo più della metà del suo volume ed espandendo il lume, che può essere tracciato con TC e ultrasuoni.
  • L'IVH di 4 ° grado è il più grave, accompagnato non solo dal riempimento dei ventricoli del cervello di sangue, ma anche dalla sua ulteriore diffusione nel tessuto nervoso. La TC mostra segni di IVH di uno dei primi tre gradi insieme alla formazione di focolai di emorragia intracerebrale parenchimale.

Sulla base dei cambiamenti strutturali nel cervello e nelle sue cavità, si distinguono tre fasi dell'IVH:

  1. Nella prima fase, i ventricoli non sono completamente pieni di contenuto di sangue, non dilatati, possibilmente cessazione spontanea del sanguinamento e conservazione delle normali dinamiche del liquido cerebrospinale.
  2. Continuazione del riempimento dei ventricoli laterali con la loro possibile espansione, quando almeno uno dei ventricoli è riempito di sangue per oltre il 50% e il sangue si diffonde al 3 ° e 4 ° ventricolo del cervello nel secondo stadio.
  3. Il terzo stadio è accompagnato dalla progressione della malattia, il sangue che passa sotto la coroide del cervelletto, del midollo allungato e del midollo spinale. Alta probabilità di complicazioni fatali.

La gravità dell'IVH e le sue manifestazioni dipenderanno dalla velocità con cui il sangue è penetrato nel tessuto cerebrale e nella sua cavità, nonché dal suo volume. L'emorragia si diffonde sempre lungo il flusso del liquido cerebrospinale. Nei bambini gravemente prematuri, così come in quelli che hanno subito un'ipossia profonda, si verificano violazioni del sistema di coagulazione del sangue, quindi i coaguli nelle cavità cerebrali non compaiono per molto tempo e il sangue liquido "si diffonde" liberamente attraverso le parti del cervello.

Al centro del disturbo circolatorio del liquido cerebrospinale e del conseguente aumento dell'idrocefalo c'è la penetrazione del sangue nel ventricolo, dove si mescola con il liquido cerebrospinale, ma non si piega immediatamente. Parte del sangue liquido penetra in altre cavità cerebrali, ma mentre coagula, i coaguli iniziano a sovrapporsi a zone strette attraverso le quali circola il liquido cerebrospinale. La sovrapposizione di una qualsiasi delle aperture del cervello comporta il blocco del percorso del liquido cerebrospinale, l'espansione dei ventricoli e l'idrocefalo con sintomi caratteristici.

Diagnostica

La diagnosi medica dei difetti cerebrali, in particolare nei bambini fondamentalmente prematuri, è molto difficile. Ciò è dovuto alla completa immaturità di organi e tessuti, cattive condizioni di salute dovute a patologie somatiche, nonché problemi di esame nell'incubatrice e durante la permanenza in ventilazione artificiale. Si consiglia alle madri che hanno portato un bambino di consultare un medico per un esame. Dopotutto, il problema potrebbe non essere visto nelle fasi iniziali ad occhio nudo. Diagnostica la patologia utilizzando i seguenti metodi.

Neurosonografia

La neuroimaging è di primaria importanza nella diagnosi precoce dell'IVH e di altri difetti intracranici. Gli ovvi vantaggi di NSG sono considerati sicurezza, velocità, non invasività, affidabilità, convenienza, nessuna necessità di sedazione ed esposizione alle radiazioni, probabilità di ripetuti studi intravascolari. Transrobital NSH è considerato il metodo principale per la diagnosi di IVH nei neonati. In questo caso, il riconoscimento attraverso la fontanella si concentra principalmente sulla valutazione dello stato delle strutture sopratentoriali, inclusi il lato e i ventricoli. Riconoscimento più informativo - frontale, a livello dei fori di Monroe; e parasagittale, a livello della tacca talamocaudale. Per la migliore visualizzazione delle strutture della fossa cranica posteriore, è necessario uno studio aggiuntivo attraverso la fontanella mastoidea. Con NSH, si formano zone iperecogene nell'area della matrice, si possono rilevare coaguli di sangue nei ventricoli e ventricolomegalia.

Possibilità della medicina moderna

Se un bambino ha un'emorragia nei ventricoli del cervello, dovrebbe essere sotto la supervisione vigile del personale medico. Il bambino viene monitorato per assicurarsi che sia stabile.

Fondamentalmente, la terapia per IVH ha lo scopo di eliminare complicazioni e conseguenze. Se si verificano malattie a seguito di emorragia, viene prescritto un trattamento appropriato..

A volte (se troppi liquidi si accumulano nel cervello), vengono prese le seguenti misure:

  1. Puntura ventricolare (attraverso la fontanella) o lombare (attraverso la parte bassa della schiena).
  2. Shunt ventricolo-peritoneale, quando uno speciale tubo di drenaggio viene inserito nei ventricoli. Si estende sotto la pelle fino all'addome del paziente, dove viene assorbito il liquido cerebrospinale in eccesso. Il sistema di drenaggio deve essere costantemente nel corpo e il tubo viene sostituito se necessario.

Va notato che per la maggior parte dei pazienti (con 1 e 2 gradi di IVH), qualsiasi terapia non è affatto richiesta, puoi contare su un esito favorevole.

Attenzione, video dell'operazione! Fare clic per aprire

Ecografia e TC

La diagnosi di HP nei bambini viene stabilita sulla base di anamnesi, quadro clinico generale, informazioni tramite ecografia spinale o TC, determinazione delle condizioni di rischio associate al peso alla nascita.

Le emorragie subdurali nei neonati post termine, il cui volume della testa non corrisponde ai parametri del bacino della madre, vengono spesso diagnosticate tardivamente, all'età di circa un mese, se il graduale accumulo di essudato subdurale porta ad un aumento della circonferenza della testa, fronte sporgente, protrusione della grande fontanella, convulsioni e anemia... L'esordio tardivo è spesso indicativo di un comportamento violento con il neonato.

Le emorragie subaracnoidee spesso danno luogo a convulsioni a breve termine sullo sfondo di una condizione relativamente lieve. Sebbene nei neonati prematuri, intense emorragie intraventricolari diano rapidamente manifestazioni cliniche colorate: shock, colore marmorizzato della pelle, anemia, coma, rigonfiamento della grande fontanella, numerosi segni sono assenti o non considerati caratteristici.

L'ecografia ripetuta del cervello nei neonati consente di riconoscere l'atrofia della corteccia cerebrale, la porencefalia che si forma successivamente; parlare della gravità, dell'aumento o della diminuzione dell'idrocefalo post-emorragico. La risonanza magnetica pesata in diffusione ha notevolmente facilitato la diagnosi precoce ed è spesso prescritta per i casi gravi.

Manifestazioni IVH nei bambini piccoli

Fino al 90% di tutte le emorragie nel sistema ventricolare si verificano nei primi tre giorni di vita di un bambino e minore è il suo peso, maggiore è la probabilità di patologia. Dopo la prima settimana di vita di un bambino, il rischio di emorragia è significativamente ridotto, il che è associato all'adattamento del sistema vascolare a nuove condizioni e alla maturazione delle strutture della matrice delle cellule germinali. Se il bambino è nato prematuramente, i primi giorni dovrebbe essere sotto la stretta supervisione di neonatologi - per 2-3 giorni, la condizione può peggiorare bruscamente a causa dell'inizio dell'IVH.

Emorragie subependimali minori e IVH di grado 1 possono essere asintomatici. Se la malattia non progredisce, le condizioni del neonato rimarranno stabili e non si verificheranno nemmeno sintomi neurologici. Con più emorragie sotto l'ependimo, i segni di danno cerebrale appariranno più vicino all'anno con i fenomeni di leucomalacia.

La tipica emorragia intracerebrale si manifesta con sintomi quali:

  • Diminuzione del tono muscolare;
  • Riflessi tendinei flaccidi
  • Disturbi respiratori fino all'arresto (apnea);
  • Convulsioni;
  • Sintomi neurologici focali;
  • Coma.

La gravità della patologia e le caratteristiche dei sintomi sono associate al volume di sangue che è entrato nel sistema ventricolare e alla velocità di aumento della pressione nella cavità cranica. L'IVH minimo, che non causa l'ostruzione del liquido cerebrospinale e cambiamenti nel volume dei ventricoli, sarà accompagnato da un decorso asintomatico e può essere sospettato da una diminuzione dell'ematocrito nel sangue del bambino.

Si osserva una corrente improvvisa con IVH moderato e sottomassivo, che sono caratterizzati da:

  1. Depressione di coscienza;
  2. Paresi o debolezza muscolare;
  3. Disturbi oculomotori (istagmo, strabismo);
  4. Disturbi respiratori.

I sintomi in un decorso spasmodico sono espressi per diversi giorni, dopo di che diminuiscono gradualmente. È possibile sia un completo recupero dell'attività cerebrale che piccole deviazioni, ma la prognosi è generalmente favorevole.

Il decorso catastrofico dell'IVH è associato a gravi disturbi del cervello e degli organi vitali. Sono caratteristici coma, arresto respiratorio, convulsioni generalizzate, cianosi della pelle, bradicardia, diminuzione della pressione sanguigna e alterata termoregolazione. L'ipertensione intracranica è evidenziata dal rigonfiamento della grande fontanella, chiaramente visibile nei neonati..

Oltre ai segni clinici di ridotta attività nervosa, ci saranno cambiamenti nei parametri di laboratorio. Un calo dell'ematocrito, una diminuzione del calcio, fluttuazioni dello zucchero nel sangue, frequenti disturbi del gas nel sangue (ipossiemia), disturbi elettrolitici (acidosi) possono indicare la presenza di IVH nei neonati..

Le complicanze dell'IVH includono il blocco del liquido cerebrospinale da parte di coaguli di sangue con lo sviluppo di idrocefalo occlusivo acuto, atrofia della corteccia cerebrale e sviluppo psicomotorio compromesso. La violazione della circolazione del liquido cerebrospinale porta ad un aumento delle dimensioni dei ventricoli, un aumento della pressione intracranica e della compressione della corteccia cerebrale, che già soffre di ipossia. Il risultato è una sindrome convulsiva, depressione della coscienza e coma, arresto cardiaco e arresto respiratorio.

La progressione del sanguinamento porta alla diffusione del sangue dai ventricoli nelle cisterne del cervello e del tessuto nervoso. Gli ematomi intracerebrali parenchimali sono accompagnati da sintomi focali grossolani sotto forma di paresi e paralisi, sensibilità ridotta, convulsioni convulsive generalizzate. Quando l'IVH è associata a un'emorragia intracerebrale, il rischio di un esito sfavorevole è estremamente alto.

Questo è interessante: come funziona una maschera per il viso alla carota?

Tra le conseguenze a lungo termine dell'IVH, si notano il danno ischemico-ipossico e cambiamenti residui nel cervello sotto forma di cisti, leucomalacia periventricolare, gliosi della sostanza bianca e atrofia della corteccia. Entro circa un anno, il ritardo nello sviluppo diventa evidente, le capacità motorie soffrono, il bambino non può camminare ed eseguire movimenti corretti degli arti a tempo debito, non parla, è in ritardo nello sviluppo mentale.

La diagnosi di IVH nei bambini si basa su una valutazione dei sintomi e sui dati dell'esame. Il più informativo è la TC, la neurosonografia e l'ecografia. La TC è accompagnata da radiazioni, quindi è preferibile che i neonati prematuri e neonati nei primi giorni di vita si sottopongano a ecografia.

IVH in un'immagine diagnostica

Monitoraggio e trattamento dei bambini con IVH

Tenendo conto del fatto che le emorragie intraventricolari sono considerate il lotto dei bambini prematuri, il loro monitoraggio viene eseguito nell'unità di terapia intensiva neonatale, e quindi nell'unità infermieristica per i bambini piccoli nati prematuramente. Il rispetto del regime corretto nel dipartimento è molto importante. La maggior parte delle manipolazioni di medici e infermieri tendono a coincidere con un tempo costante, in modo da non disturbare inutilmente i bambini. In effetti, anche misurare il peso di bambini prematuri in profondità fuori dalle pareti dell'incubatrice è considerato un enorme stress per loro e può causare IVH. Il personale della clinica si prende cura dei bambini prematuri con molta attenzione..

Va tenuto presente che oltre a questa patologia, il bambino ha molti altri problemi concomitanti: immaturità dei polmoni e problemi respiratori, la frequenza respiratoria nei neonati è disturbata, patologie cardiovascolari, difficoltà nell'assimilare la miscela o il latte materno, frequente stratificazione del processo infettivo, ecc. Per questo motivo, i sintomi dell'emorragia si mescolano ai sintomi di altri problemi. Ciò richiederà un'attenta osservazione dei bambini prematuri, l'esecuzione di un numero significativo di test e l'esecuzione di metodi di ricerca aggiuntivi..

Circonferenza della testa del bambino

Nei neonati prematuri, è importante osservare la circonferenza della testa. Quando cresce di dimensioni di oltre 10 millimetri a settimana, è necessario di volta in volta controllare i volumi dei ventricoli utilizzando il metodo NSH. Per quanto riguarda la cura diretta dell'IVH, dipende in gran parte dal livello di emorragia e dalle sue complicanze. Lo stesso vale per un bambino dopo il termine, grande, con il sospetto di un problema del genere..

Prognosi a seconda del grado di emorragia

Le conseguenze dipenderanno dal grado di IVH e dall'adeguatezza delle azioni del personale medico:

  1. Le emorragie di grado 1 e 2 spesso non richiedono alcun trattamento. Questi bambini devono essere monitorati, la probabilità che si verifichino anomalie neurologiche è bassa. I casi di sviluppo di idrocefalo e morte a 1 e anche 2 gradi di compromissione sono estremamente rari.
  2. 3 gradi. Con un'emorragia ventricolare rivoluzionaria, aumenta la probabilità di sviluppare l'idrocefalo; può verificarsi in circa il 55% dei casi. Anomalie neurologiche sono osservate nel 35%. Il tasso di mortalità è in media ogni cinque figli. I pazienti sono indicati per l'intervento chirurgico e il risultato dipende dall'entità del danno cerebrale, dalla posizione (la prognosi è più favorevole se l'IVH è presente all'interno di un solo lobo, specialmente solo nel lobo frontale).
  3. 4 gradi. Purtroppo, le previsioni per una patologia così grave sono deludenti. L'intervento chirurgico in questo caso è inevitabile, mentre i rischi di morte rimangono alti: circa la metà dei bambini con IVH di grado 4 muore. Nell'80% dei casi si sviluppa l'idrocefalo, nel 90% - anomalie neurologiche.

Quali previsioni?

È difficile determinare tutte le conseguenze dell'IVH per un bambino, poiché le molte difficoltà dei bambini completamente prematuri sono spiegate da altre comorbidità. Vale la pena dire che ci sono ancora alcune informazioni statistiche sulle conseguenze. Gravi differenze neurologiche (convulsioni, paralisi cerebrale infantile, ritardo mentale) compaiono nel 7% dei casi dopo il grado I di IVH, nel 17% dei casi dopo il grado II. Un bambino su tre in età prescolare soffre di gravi difficoltà neurologiche dopo il III grado IVH e il 93% dei bambini dopo l'ultima fase. Indubbiamente, i risultati neurologici meno gravi dopo un'emorragia intraventricolare sono molto comuni..


Articolo Successivo
Quanto tempo vivono le persone dopo l'inserimento di stent nei vasi cardiaci o perché la vita dopo l'intervento chirurgico non è una frase