Cause, sintomi e trattamento dell'angiopatia retinica



La retina dell'organo della vista è lo strato responsabile della percezione ottica dell'ambiente. Le malattie di questo elemento sono gravate da un grande pericolo per la salute umana, una delle conseguenze più gravi è la cecità. Le anomalie retiniche richiedono un'attenta diagnosi e un trattamento tempestivo.

Caratteristiche delle patologie

Non esiste una categoria di età specifica a rischio di disturbi della retina. I problemi possono essere affrontati sia dagli anziani che dai neonati. Tuttavia, in alcuni pazienti, il rischio di sviluppare processi patologici è maggiore, tra cui diabetici e miopatici. L'identificazione della malattia nella fase iniziale consente di iniziare la terapia in modo tempestivo ed evitare gravi conseguenze.

Ci sono un numero enorme di ragioni per cui si sviluppano disturbi della retina. In alcuni casi, non è possibile rilevare un'anomalia in una fase iniziale. I processi distruttivi interessano le seguenti aree:

  • Zona centrale. Contiene il nervo ottico e il sistema vascolare;
  • Parte periferica. Ecco i fotorecettori costituiti da coni e bastoncelli..
La medicina moderna combatte con successo le principali anomalie della retina, grazie alla disponibilità di apparecchiature di ultima generazione e all'utilizzo di tecnologie innovative.

Le ragioni per lo sviluppo della malattia

Esistono diversi fattori che influenzano la comparsa dell'una o dell'altra anomalia che colpisce la retina dell'occhio. Sono tutti divisi in tre categorie.

Reematogeno

Questo gruppo include i seguenti motivi:

  • Miopia media o alta;
  • Distrofia retinica periferica;
  • Complicazioni dopo l'intervento di cataratta;
  • Processi infiammatori o infettivi nella parte posteriore dell'apparato visivo;
  • Patologie ereditarie (ad esempio, sindrome di Stickler);
  • Liquefazione del corpo vitreo.

Trazione

Il distacco della retina si osserva a causa della formazione di aderenze dense. Si formano in presenza di alcune patologie:

  • Aumento del livello di emoglobina nel sangue;
  • Trauma visivo;
  • Anemia falciforme.

Essudativo

I fattori in questa categoria includono:

  • Formazione di un tumore maligno;
  • Complicazioni dopo l'intervento chirurgico agli occhi;
  • Fallimento nel funzionamento dei reni;
  • Patologie infettive (ad esempio, tubercolosi);
  • Processi infiammatori (sclerite, colite ulcerosa, ecc.);
  • Anomalie congenite (colombo del nervo ottico, vitreoretinopatia, ecc.);
  • Anomalie sistemiche.

Malattie retiniche

Tutte le patologie che colpiscono questo elemento dell'apparato visivo sono pericolose per la salute. Nel 90% dei casi, in assenza di cure adeguate, portano alla cecità. Pertanto, è estremamente importante rilevarli in anticipo. Sfortunatamente, una serie di disturbi vengono "mascherati" con successo e si manifestano quando la malattia diventa grave.
Torna al sommario

Distrofia retinica del bulbo oculare

Questo disturbo è accompagnato da un'interruzione del funzionamento del sistema vascolare dell'occhio. Molto spesso, una malattia simile della retina degli occhi viene diagnosticata negli anziani. Aumenta il rischio di sviluppare la distrofia e un alto grado di miopia. Poiché l'anomalia è caratterizzata da un aumento delle dimensioni dell'apparato visivo. Seguendolo, anche la retina cambia i suoi parametri, l'elemento si allunga e diventa più sottile.

  • Problemi di vista in condizioni di scarsa illuminazione;
  • Acuità oculare cadente;
  • Difficoltà con la visione periferica.

Per bloccare la progressione della malattia, è necessario un intervento chirurgico urgente. Di solito viene utilizzato un laser per la procedura.

Con il suo aiuto, il medico "salda" la membrana al sistema vascolare per eliminare il rischio di rottura. L'operazione è sicura e non accompagnata da gravi complicazioni.

Tumore retinico

La malattia è divisa in due tipi: neoplasie maligne e benigne. La patologia è ereditaria e nella maggior parte dei casi (circa il 70%) si manifesta nei bambini di età inferiore a un anno. Spesso l'anomalia colpisce entrambi gli occhi.

Nella prima fase, il tumore non appare in alcun modo, può essere rilevato solo mediante esame ecografico. In assenza di un trattamento adeguato, il tumore si diffonde in tutta l'orbita. Per eliminare completamente la malattia, è importante iniziare la terapia immediatamente dopo il rilevamento di una neoplasia. I principali "strumenti" per combattere la malattia sono la fotocoagulazione e le tecniche di congelamento.

Emorragia

La violazione dell'integrità del sistema vascolare può provocare perdita della vista, distrofia retinica, formazione di glaucoma e distacco della retina. La ragione per lo sviluppo di processi patologici risiede nel blocco delle arterie e nei problemi con i dotti sanguigni..

L'anomalia può essere una conseguenza del diabete mellito, lesioni agli occhi o malfunzionamento dei muscoli cardiaci. La prima sintomatologia della malattia è la comparsa di macchie davanti all'organo della vista, problemi di percezione. Per la terapia vengono utilizzati farmaci e interventi chirurgici.

Patologia vascolare

Ciò include malattie che causano processi distruttivi nei vasi. Tali anomalie sono al primo posto tra tutti i disturbi che provocano la cecità. Le patologie portano a un malfunzionamento nel metabolismo del bulbo oculare, di conseguenza, il funzionamento dei fotorecettori viene interrotto. La malattia vascolare aumenta il rischio di coaguli di sangue.

Degenerazione retinica periferica

L'anomalia è caratterizzata dalla formazione di aree assottigliate, in cui compaiono gradualmente delle lacune. Una patologia grave può portare al distacco della retina e alla perdita della visione ottica. L'oftalmologia moderna combatte con successo la malattia e ferma la distruzione.

Il gruppo a rischio comprende pazienti affetti da miopia. Il bulbo oculare ingrandito rallenta il processo di flusso sanguigno ai vasi, la retina non riceve sostanze nutritive. La struttura dell'elemento cambia, diventa sciolta ed eterogenea. Il primo sintomo pericoloso della malattia è la comparsa di fulmini e lampi davanti agli occhi.

L'anomalia è ereditaria. Stress regolare, cattive condizioni ambientali, malattie infettive, attività fisica eccessiva, tutto questo influisce negativamente sulla salute degli occhi e può portare alla degenerazione della retina.

Disinserimento della retina

Una delle patologie più pericolose che richiedono un intervento chirurgico immediato. L'essenza della malattia risiede nella separazione della retina dalla membrana, che consiste in numerosi vasi. Di conseguenza, il processo di circolazione sanguigna dell'apparato visivo viene interrotto e i fotorecettori muoiono. Ritardare l'intervento chirurgico può portare alla cecità.

Le aree esterne della retina sono strettamente collegate all'umor vitreo. Il processo di invecchiamento del corpo non aggira l'apparato visivo, di conseguenza, la dimensione della TC diminuisce. Quando viene staccato dalla retina, si forma un'area di rottura, dove si accumula il liquido intraoculare. I seguenti fattori possono provocare la malattia:

  • Trauma cranico;
  • Danni all'organo della vista;
  • Le conseguenze dell'intervento chirurgico;
  • Distrofia dell'occhio;
  • Miopia.

Rottura della retina

La malattia viene spesso diagnosticata nelle persone con miopia, poiché colpisce l'intera struttura del bulbo oculare. Manifestazioni tipiche della patologia: comparsa di lampi e macchie nere davanti all'organo della vista. Nella fase iniziale, si osserva la delaminazione dei bordi nell'area di rottura, con la progressione della malattia, la retina "scompare" completamente.

Per eliminare la malattia in una fase precoce, viene utilizzato un laser, con l'aiuto della coagulazione, i pezzi esfoliati vengono saldati indietro. Come risultato della formazione di tali aderenze tra la retina e il sistema vascolare, si forma una forte connessione.

Degenerazione maculare

La macula è un elemento a forma di sfera dell'apparato visivo. Contiene innumerevoli recettori. Macula svolge uno dei ruoli centrali nei processi ottici che si verificano quando una persona cerca di concentrare lo sguardo su un oggetto situato nelle vicinanze. Con la degenerazione dell'elemento, la qualità della percezione diminuisce in modo significativo.

Il quadro clinico della malattia è il seguente:

  • La comparsa di nebbia nell'area visiva;
  • Problemi di lettura quando le lettere cadono;
  • Diminuzione della luminosità della percezione;
  • Curvare il contorno degli oggetti.
La malattia è divisa in una forma umida e secca. Il secondo tipo di anomalia è accompagnato da un lento tasso di sviluppo di processi patologici che iniziano con la comparsa di problemi di circolazione sanguigna.

Il tipo di degenerazione umida danneggia principalmente il sistema vascolare. Il corpo forma vasi difettosi con pareti molto sottili. L'umidità penetra facilmente attraverso di loro nella retina, provocando gonfiore ed emorragia. Con una forma grave della malattia, si osservano piccole cicatrici che interrompono la percezione centrale..

La terapia per la degenerazione maculare si basa principalmente su iniezioni che vengono iniettate nell'umore vitreo. Il farmaco ha proprietà bloccanti e arresta la crescita dei vasi sanguigni danneggiati.

Retinite

La patologia retinica è unilaterale o bilaterale. L'infiammazione è di origine infettiva o allergica. La ragione per la comparsa della patologia è la sifilide, l'AIDS, i disturbi purulenti.

La sintomatologia della malattia dipende dalla posizione del focus dell'infiammazione. Le principali manifestazioni sono un calo dell'acuità oculare e la formazione di "punti ciechi" nel campo visivo. In casi eccezionali, la malattia si concentra su piccole aree, quindi si diffonde in tutta la retina. L'individuazione della patologia in una fase avanzata può provocare la cecità.

Angiopatia

La malattia danneggia il sistema vascolare dell'apparato visivo. Molto spesso, l'anomalia diventa una conseguenza dello sviluppo del diabete mellito o dell'ipertensione. La malattia è accompagnata da spasmi e dolore agli occhi.

Retinite pigmentosa

Questa è un'anomalia ereditaria che è progressiva e si manifesta in tenera età. È accompagnato da danni agli strati epiteliali e fotorecettori. I processi patologici si riflettono principalmente nel fondo: compaiono focolai pigmentati, le arteriole diventano più sottili. L'acuità visiva del paziente diminuisce, viene diagnosticato l'edema maculare.

Per il trattamento della malattia, viene prescritto un farmaco di rafforzamento generale o il medico decide di un'operazione.
Torna al sommario

Degenerazione maculare

Danno distrofico alla retina nella regione maculare. Il gruppo di rischio comprende le donne che hanno superato la soglia dei quarant'anni. C'è anche un alto rischio di sviluppare la degenerazione maculare nei pazienti con diabete mellito, sovrappeso, livelli di colesterolo alto. La malattia è accompagnata da una diminuzione del lume tra i vasi e dal verificarsi di problemi con la consegna di sostanze nutritive ai tessuti dell'organo della vista.

Per il trattamento, viene utilizzato un laser che rimuove le drusen formate. Inoltre, viene eseguita la coagulazione delle neoplasie nei vasi.

Malattie infiammatorie

La causa di un ascesso nell'organo della vista è spesso nascosta in anomalie di origine virale, ad esempio l'herpes. Gli agenti causali della malattia possono essere stafilococchi, adenovirus, streptococchi, ecc..

Nella fase iniziale, la malattia praticamente non si manifesta in alcun modo. Con il progredire della malattia, si verifica un lento calo dell'acuità visiva. Quando la regione maculare è interessata, la parte centrale soffre per prima. Se l'infiammazione è localizzata nelle aree periferiche, il paziente nota "visione a tunnel".

Il pericolo principale di tali processi è che, anche con una terapia efficace, lasciano cicatrici che portano alla perdita della vista persistente e talvolta irreversibile. Inoltre, i pazienti devono spesso affrontare distacco di retina ed emorragie multiple..
Se non bloccata, l'infiammazione può causare gravi anomalie che richiedono la rimozione dell'occhio..

Degenerazione maculare legata all'età

La malattia viene diagnosticata nei pazienti anziani. In assenza di una terapia adeguata, porta alla completa perdita della vista. La ragione dello sviluppo della malattia è associata alla formazione di depositi di sostanze nocive nella macula, all'accumulo di umidità intraoculare sotto di essa e alla comparsa di piccoli focolai di infiammazione.

La malattia è divisa in una forma umida e secca. Nel primo caso, si formano vasi con pareti sottili nella parte centrale della retina, attraverso la quale penetra l'umidità. Nella forma secca, drusen, si formano depositi tossici nell'epitelio del pigmento, che influenzano la composizione cellulare dell'occhio.

Corioretinopatia sierosa centrale (CSHRP)

Fino alla fine, non è stato rivelato cosa attivi esattamente lo sviluppo della malattia. Ma il "pulsante di avvio" è considerato uno stato psico-emotivo instabile. L'anomalia è più spesso rilevata nei giovani impegnati in attività intellettuali.

Con lo sviluppo di CSHRP, le pareti dei vasi diventano più sottili, di conseguenza, c'è un accumulo di liquido nel tessuto nervoso. Tali processi portano alla comparsa di aree microscopiche di distacco della retina. La malattia è caratterizzata da un forte calo dell'acuità visiva senza una ragione apparente. Se la macula è coinvolta nel processo distruttivo, i pazienti lamentano una distorsione dei contorni degli oggetti.

La patologia non rappresenta un pericolo per la funzione visiva, i sintomi scompaiono da soli dopo pochi giorni, non è richiesto un trattamento aggiuntivo.

Distrofia retinica ereditaria

La malattia è direttamente correlata alla genetica del paziente. Il quadro clinico compare nei primi mesi di vita di un bambino ed è accompagnato da un calo dell'acuità visiva, soprattutto di notte. Alcuni pazienti lamentano lampi davanti ai loro occhi.

Retinopatia diabetica

L'anomalia viene diagnosticata nelle persone con alti livelli di zucchero nel sangue che ignorano la malattia e non adottano misure per stabilizzare gli indicatori. L'iperglicemia provoca una violazione dell'integrità delle pareti dei vasi sanguigni nelle piccole arterie, che si trovano in gran numero nella retina. Di conseguenza, si formano focolai di emorragia, si osservano la formazione di nuovi vasi e la graduale distruzione della materia nervosa..

La retinopatia diabetica si manifesta in tre fasi:

  • Non proliferativo. Si verifica edema della retina, si formano microaneurismi nelle pareti dei vasi;
  • Preproliferativo. Danni alle vene, assottigliamento delle loro pareti. I focolai infiammatori si formano sul fondo;
  • Proliferativo. Un gran numero di vasi con pareti molto sottili si formano sulla retina e sul disco ottico. Ci sono numerose emorragie in quasi tutte le parti dell'organo della vista. Possibile aumento della pressione intraoculare.

La gravità del quadro clinico della malattia dipende dallo stadio della malattia. In una fase iniziale, il paziente non avverte disagio e non conosce nemmeno lo sviluppo di processi patologici. In una fase successiva, c'è un calo dell'acuità visiva.
Torna al sommario

Trombosi venosa o arteriosa

La malattia si attiva quando la pervietà della vena centrale o dei suoi rami è compromessa. La patologia si sviluppa più spesso sullo sfondo di malattie sistemiche, ad esempio l'ipertensione arteriosa. La sintomatologia si manifesta rapidamente, l'acutezza dell'occhio cade sul lato danneggiato. Nel fondo oculare sono chiaramente visibili emorragie ed edema retinico.

La trombosi arteriosa si sviluppa in modo simile. Entrambe le anomalie portano alla morte del tessuto sensibile della retina.

Sintomi

Il quadro clinico è direttamente correlato al tipo di malattia. Ma si possono distinguere una serie di segni caratteristici di quasi tutte le patologie:

  • Diminuzione dell'acuità visiva;
  • Distorsione del contorno del soggetto;
  • La comparsa di macchie scure davanti agli occhi;
  • Le immagini diventano sfocate;
  • Problemi di vista in condizioni di scarsa illuminazione;
  • Perdita parziale o completa della visione periferica.

Diagnostica

Un esame dettagliato aiuterà a identificare la malattia e lo stadio della malattia:

  • Test utilizzando la griglia di Amsler;
  • Tomografia a coerenza visiva. Viene utilizzato per analizzare lo stato della macula, per determinare il grado della sua degenerazione legata all'età;
  • Angiografia a fluorescenza. Utilizzando un colorante unico, viene visualizzato il sistema vascolare;
  • Ecografia. Aiuta a identificare le aree danneggiate;
  • Risonanza magnetica. Sono usati estremamente raramente. Principalmente con sospetti di oncologia.

Il medico controlla anche l'acutezza degli occhi e determina i confini della visione periferica.

Metodi di trattamento

Le malattie della retina richiedono una terapia competente e tempestiva, altrimenti la maggior parte di esse porterà alla cecità. Lo scopo principale del trattamento:

  • Stabilizzazione delle condizioni del paziente;
  • Rafforzare la muscolatura dell'occhio e dei vasi sanguigni;
  • Normalizzazione del metabolismo nell'apparato visivo;
  • Prolungamento della remissione.

Esistono diverse opzioni di trattamento, in alcuni casi è consentito utilizzare la medicina tradizionale, ma solo previa consultazione con un medico.

Coagulazione laser

Questo metodo aiuta a preservare la vista e prevenire la comparsa di gravi complicanze di una particolare patologia. Con l'aiuto di un raggio laser, il medico ha un effetto puntuale sull'area danneggiata, mentre il tessuto sano non è interessato. Durante l'operazione, le aree interessate vengono cauterizzate agli elementi necessari a una certa profondità.

Molto spesso, la tecnica viene utilizzata per la distrofia e il distacco parziale della retina..
Torna al sommario

Chirurgia

Dopo un esame approfondito, il medico decide se fare a meno dell'intervento o meno. Di solito, l'intervento viene eseguito se il disturbo viene rilevato in una fase avanzata, quando non ha senso sperare in un'iniezione.

Per normalizzare il metabolismo e l'afflusso di sangue, vengono eseguite operazioni di tipo vasocostruttivo. Se viene rilevata una forma umida di degenerazione maculare, l'intervento aiuterà ad evitare l'accumulo di umidità nei tessuti. Per escludere un'ulteriore distruzione della retina, viene utilizzato uno dei due tipi di intervento chirurgico:

  • Vasorecostruzione (impianto di innesti);
  • Ravascolarizzazione (consente di espandere il lume tra i vasi).

Fisioterapia

Un'opzione simile viene utilizzata nel trattamento delle patologie nelle prime fasi, le procedure rafforzano la muscolatura dell'organo della vista e della retina. In pratica, i medici usano più spesso le seguenti tecniche:

  • Ultrasuoni;
  • Fonoforesi;
  • Elettroforesi;
  • Esposizione a microonde;
  • Irradiazione laser del sangue (somministrato per via endovenosa).

Trattamento farmacologico

I farmaci sono efficaci solo nelle prime fasi della malattia. Nelle forme gravi, non porteranno il risultato atteso. Di farmaci, i pazienti vengono solitamente prescritti:

  • Vitamine E e A;
  • Preparazioni dal gruppo di corticosteroidi;
  • Medicinali contenenti luteina;
  • Mezzi per rafforzare le pareti dei vasi sanguigni;
  • Antiossidanti
  • Vasodilatatori generali e locali;
  • Angioprotettori.

Trattamento con ricette popolari

Sono utilizzati solo come terapia aggiuntiva, come una delle misure volte a rafforzare il corpo in generale e l'apparato visivo in particolare..

Prepara l'acqua di conifere. Per fare questo, prendi un litro d'acqua, quattro cucchiaini di bacche di rosa canina tritate e bucce di cipolla, dieci cucchiaini di aghi di pino. Unire tutti gli ingredienti e coprire con acqua tiepida. Mettilo a fuoco basso per dieci minuti. Raffredda il brodo e filtra. Distribuire l'infuso in parti uguali e assumere durante la giornata. Durata del trattamento - un mese.

Prendi un litro di vodka e un chilogrammo di aglio. Versare la bevanda alcolica nel barattolo e riavvitare saldamente il coperchio. Mettere in un luogo caldo per quattordici giorni, mescolare di tanto in tanto. Filtrare l'infuso e assumere tredici gocce tre volte al giorno prima dei pasti. La durata della terapia è di due mesi, quindi è necessario fare una pausa per una settimana e mezza e ripetere il corso.

Prendi un paio di cucchiaini d'acqua e la stessa quantità di siero di latte di capra. Unisci gli ingredienti. Introdurre una goccia in ogni occhio, bendare con un panno spesso e sdraiarsi per mezz'ora senza muoversi. Il corso del trattamento è di una settimana.

Complicazioni

Ulteriori problemi di salute si verificano più spesso quando la patologia viene rilevata nelle fasi successive o quando il metodo di terapia viene scelto in modo errato. Molto spesso, i pazienti possono affrontare le seguenti complicazioni:

  • Rottura delle membrane adiacenti alla retina. Porta alla comparsa di una massa di malattie oftalmiche, dalla diastasi allo strabismo;
  • La formazione di emorragie (emorragie);
  • Un calo significativo del grado di permeabilità della cornea, che porta alla formazione di erosione;
  • Rallentamento o arresto completo della circolazione sanguigna nell'arteria principale, responsabile dell'alimentazione della retina;
  • Cecità, diagnosticata nelle fasi terminali del distacco dei proiettili.

Prevenzione

Per evitare problemi alla vista e ridurre al minimo il rischio di diagnosticare disturbi a carico della retina, è necessario:

  • Trascorri il minor tempo possibile alla luce diretta del sole;
  • Esegui regolarmente una serie di esercizi per gli occhi;
  • Condurre uno stile di vita sano, abbandonare le cattive abitudini;
  • Per rafforzare il corpo, bevi un complesso vitaminico e minerale;
  • Bilanciare lavoro e riposo;
  • Non affaticare eccessivamente i tuoi occhi;
  • Prendersi cura di un'illuminazione sufficiente dell'area di lavoro;
  • Evita un'attività fisica eccessiva;
  • Visita regolarmente il tuo oftalmologo per un controllo di routine.

Conclusione

Le malattie della retina possono colpire chiunque, indipendentemente dall'età, dal sesso e dal tipo di attività. Pertanto, in caso di minima deviazione nel funzionamento dell'apparato visivo, comparsa di lampi o macchie, contattare immediatamente la clinica. Dopo una diagnosi dettagliata, il medico sarà in grado di emettere un verdetto sulla salute dei tuoi occhi e, se necessario, selezionare il corso ottimale di trattamento.

Guardando il video, otterrai maggiori informazioni sulle patologie della retina.

Malattie retiniche

Il bulbo oculare è costituito da diverse membrane. Il suo guscio più interno, che riveste la cavità dell'occhio dall'interno, è chiamato retina o retina. All'esterno, la coroide, o coroide, è adiacente ad essa; dall'interno, la retina è delimitata dal corpo vitreo. Lo strato più sottile di tessuto retinico contiene cellule fotosensibili (fotorecettori) responsabili della percezione dell'immagine. I processi di queste cellule, piegandosi in fibre nervose, conducono le informazioni sull'immagine alle parti corrispondenti della corteccia cerebrale..

Le malattie della retina possono verificarsi sia con danni diretti alle sue strutture, sia come conseguenza di malattie sistemiche del corpo. Le alterazioni retiniche vengono diagnosticate in pazienti con diabete mellito, ipertensione, patologie renali e surrenali, dopo traumi craniocerebrali e in alcune malattie infettive. Le principali patologie retiniche includono:

  • Lesioni distrofiche e vascolari (angiopatia, retinopatia, maculopatia, emorragia)
  • Lacrime e distacchi retinici
  • I suoi cambiamenti infiammatori (retinite)
  • Tumori della retina

Ci sono gruppi di pazienti che hanno un aumentato rischio di sviluppare malattie della retina. Questi includono persone con miopia da moderata ad alta, pazienti anziani con diabete mellito e ipertensione, donne in gravidanza.

Nelle prime fasi, molte malattie della retina potrebbero non causare alcun disagio. Pertanto, se tu oi tuoi parenti siete a rischio, non ignorare l'esame annuale da parte di un oftalmologo qualificato..

Emorragia retinica

Le emorragie nell'area retinica possono verificarsi a seguito di traumi al bulbo oculare, patologie vascolari o malattie degenerative della retina. Le emorragie nella retina si trovano nel diabete mellito, trombosi della vena retinica centrale, difetti del sistema cardiovascolare, malattie del sangue, ustioni.

Il sangue nella cavità del bulbo oculare ha un effetto tossico sulle strutture interne dell'occhio, modifica la struttura del corpo vitreo e riduce la trasparenza del supporto ottico dell'occhio, che è accompagnato da un deterioramento della qualità della vista. Gravi complicanze dell'emorragia retinica sono aumento della pressione intraoculare e glaucoma secondario, distacco di retina, alterazioni distrofiche della retina, ecc..

Per il trattamento delle emorragie retiniche vengono utilizzati metodi conservativi (iniezioni di farmaci che accelerano il riassorbimento delle emorragie), trattamento laser (vitreolisi laser, coagulazione laser), tecniche chirurgiche (vitrectomia con sostituzione del corpo vitreo opaco).

Infiammazione della retina

L'infiammazione della retina del bulbo oculare (retinite) può verificarsi come processo unilaterale o bilaterale. Le ragioni che causano la comparsa della retinite sono molteplici: malattie infettive di natura batterica e virale (tra cui tubercolosi, sifilide, AIDS, herpes), lesioni oculari tossiche in altre patologie, malattie di natura allergica, malattie cardiache e renali croniche.

Le manifestazioni della retinite possono essere diverse e dipendono da quali parti della retina è localizzato il processo patologico. I sintomi comuni in qualsiasi forma di retinite includono cambiamenti nei campi visivi (scotomi) e una diminuzione della sua gravità. Gli scotomi sono una perdita focale dei campi visivi, la loro dimensione e localizzazione dipende direttamente dalla localizzazione e dalle dimensioni del fuoco infiammatorio. In caso di trattamento prematuro o incompleto della retinite, si verifica un danno visivo persistente, che è particolarmente evidente in condizioni di scarsa illuminazione.

Il trattamento della retinite dovrebbe essere mirato a identificare ed eliminare la causa dell'infiammazione retinica. Il più efficace è un approccio integrato, comprendente trattamento farmacologico, iniezioni di farmaci antinfiammatori e antibatterici, coagulazione laser dei vasi retinici.

Distacco (distacco) della retina

È una separazione dello strato retinico e dei tessuti sottostanti della coroide. In caso di lacerazioni o rotture della retina, il fluido intraoculare filtra tra essa e la coroide, portando a un'interruzione della normale nutrizione delle cellule dei fotorecettori. Se si sospetta un distacco di retina, è necessario contattare urgentemente un oftalmologo per fornire assistenza qualificata. La capacità di mantenere l'acuità visiva del paziente dipenderà direttamente dalla rapidità e dalla piena assistenza fornita per il distacco della retina. Il ritardo in questo caso minaccia di perdita irreversibile della vista e cecità.!

Quando viene rilevato un distacco di retina, vengono utilizzati metodi chirurgici di trattamento: riempimento extrasclerale, coagulazione laser dei tessuti attorno alla zona di distacco del tessuto, vitrectomia (sostituzione del corpo vitreo dell'occhio) per rimuovere il sangue dalla cavità del bulbo oculare e ripristinare la trasparenza del supporto ottico dell'occhio.

Tumori della retina

Le neoplasie retiniche possono essere benigne e maligne, colpire uno o entrambi gli occhi ed essere rilevate in giovane età (di solito bambini) e in età matura. In espansione graduale, la formazione volumetrica della retina occupa la maggior parte dell'occhio, in relazione al quale il paziente ha una sporgenza asimmetrica del bulbo oculare evidente ad occhio nudo. La vista nell'occhio colpito è persa, l'occhio perde la sua mobilità.

Per la tempestiva individuazione e cura delle patologie retiniche rivolgersi al "Centro per la retina dell'occhio". I nostri specialisti eseguiranno una visita oculistica qualificata utilizzando moderne apparecchiature diagnostiche e determineranno con precisione se è necessario un trattamento oculare. Se il medico consiglia un intervento chirurgico, non rimandare a lungo la decisione, questo aiuterà ad evitare la progressione della malattia e preservare la vista.

Il trattamento dei tumori della retina viene effettuato in istituzioni mediche specializzate, il ritardo nella ricerca di un aiuto qualificato può portare a conseguenze irreversibili.

Distrofie retiniche

La causa della comparsa di alterazioni degenerative nella retina è solitamente una violazione del sistema vascolare dell'occhio. Molto spesso, le distrofie si trovano nei pazienti anziani, così come nella miopia moderata e alta. L'occhio miope è solitamente esteso nella direzione antero-posteriore, la conseguente iperestensione delle parti posteriori del bulbo oculare, accompagnata dalla comparsa di alterazioni degenerative nel fondo. Le distrofie retiniche possono anche verificarsi con varie malattie vascolari e infiammatorie dell'occhio..

Il metodo principale di trattamento per le distrofie retiniche è la fotocoagulazione dei tessuti alterati utilizzando un laser ad argon per rafforzare le aree assottigliate della retina e delimitare l'area di distacco, se presente..

Degenerazione maculare senile (AMD)

La malattia viene rilevata più spesso nelle persone di età superiore ai 50 anni, è la causa principale di disabilità visiva irreversibile. Il rischio di malattia aumenta con una predisposizione genetica, così come nei pazienti con diabete mellito, ipertensione, aterosclerosi. I sintomi della malattia sono associati a danni all'area maculare (macula) della retina.

Le manifestazioni iniziali dell'AMD non hanno manifestazioni cliniche e possono essere rilevate solo durante l'esame da un oftalmologo. Con il progredire della malattia, compaiono sintomi come contorni distorti degli oggetti, visione offuscata e alterata..

La forma secca di AMD non richiede un trattamento speciale. Per il trattamento della forma umida della degenerazione maculare legata all'età vengono utilizzate iniezioni intravitreali (iniezioni nella cavità vitreale) di farmaci che bloccano la crescita dei vasi difettosi sotto la retina (farmaci anti-VEGF). Inoltre, vengono mostrate la terapia fotodinamica e la fotocoagulazione della retina con un laser..

Angiopatia retinica

Sono caratterizzati da cambiamenti nei vasi sanguigni degli occhi, molto spesso ciò si verifica in malattie generali (ipertensione, diabete mellito, malattie sistemiche del tessuto connettivo, VSD).

Retinopatia diabetica

I cambiamenti oculari nel diabete mellito causano un ridotto apporto di ossigeno alla retina e portano allo sviluppo della retinopatia diabetica. La malattia non si sviluppa immediatamente, ma 5-10 anni dopo l'inizio del diabete.

A seconda della forma della malattia (diabete di tipo 1 o di tipo 2), le lesioni retiniche saranno diverse. Un paziente con diabete di tipo 2 presenta spesso segni di maculopatia diabetica, con conseguente diminuzione dell'acuità visiva. Nel diabete insulino-dipendente, i cambiamenti nella retina sono molto più pronunciati e si manifestano con cambiamenti proliferativi: la crescita di nuovi vasi difettosi (neovascolarizzazione retinica), emorragie e cicatrici della retina, edema maculare.

Per il trattamento della retinopatia diabetica, vengono utilizzate la coagulazione laser retinica, le iniezioni intravitreali di farmaci anti-VEGF e nei casi più gravi il trattamento chirurgico (operazione di vitrectomia).

Prezzi per il trattamento delle malattie della retina

Il costo del trattamento delle malattie della retina dipende dal tipo di manipolazione (farmaco, laser, chirurgico) e dalla quantità di intervento, dalla necessità di materiali di consumo aggiuntivi e dall'anestesia generale. Pertanto, il costo esatto del trattamento può essere annunciato solo dopo una consultazione di persona con uno specialista. Puoi scoprire il costo delle procedure e delle operazioni di base nella sezione PREZZI.

Angiopatia retinica

Informazione Generale

L'angiopatia è un processo patologico nei vasi macro / microcircolatori, che è una manifestazione di varie malattie, accompagnata da danni e tono alterato dei vasi sanguigni e un disturbo della regolazione nervosa. L'angiopatia retinica è un cambiamento nei vasi microcircolatori del fondo, manifestato da una ridotta circolazione sanguigna nei tessuti retinici, che si sviluppa sotto l'influenza di un processo patologico primario. Di conseguenza, si verificano il loro restringimento, tortuosità o espansione, emorragie nel corpo vitreo / spazio sottoretinico, formazione di microaneurismi, formazione di placche aterosclerotiche e trombosi dell'arteria retinica, che porta a un cambiamento nella velocità del flusso sanguigno e alterata regolazione nervosa..

Pertanto, l'angiopatia è una condizione secondaria che può essere causata da fattori sia oftalmici che generali. Se non trattato, porta a cambiamenti irreversibili nella retina a causa del suo insufficiente apporto di sangue, che può portare a ipossia dei tessuti oculari e alterazioni distrofiche nella retina, atrofia del nervo ottico, diminuzione della qualità della vista o sua perdita completa / parziale. Si manifesta principalmente negli adulti, ma può verificarsi anche nei bambini in risposta a un'esacerbazione di rinosinusite cronica o infezione respiratoria, dovuta alla stretta connessione anatomica dell'orbita (innervazione comune, sistema linfatico / circolatorio) e dei seni paranasali. È anche possibile la tortuosità vascolare congenita in un bambino. Poiché l'angiopatia della retina non è una forma nosologica indipendente, non esiste un codice separato per l'angiopatia della retina secondo μb-10.

Patogenesi

La patogenesi dell'angiopatia è determinata da uno specifico fattore eziologico.

  • Angiopatia ipertensiva: la pressione sanguigna stabilmente elevata influisce negativamente sia sull'emodinamica generale che sull'endotelio dei vasi retinici della retina. L'alta pressione sui vasi porta al loro restringimento patologico (ipertonicità) delle arteriole retiniche e all'espansione delle vene retiniche, calibro irregolare e tortuosità dei vasi retinici, distruzione dello strato interno (compattazione e rotture), causando disfunzione vascolare locale e sviluppo graduale di disturbi della retina venosa (arteriosa / ) e la formazione di coaguli di sangue.
  • Angiopatia ipotonica: il tono dei vasi sanguigni diminuisce, provocando la loro ramificazione e la formazione di coaguli di sangue, rende permeabili le pareti dei microvasi e influisce negativamente sulla velocità del flusso sanguigno.
  • Angiopatia retinica diabetica - iperglicemia cronica, attivazione del sistema renina-angiotensina aldosterone, ridotta sintesi di glicosaminoglicani sono i principali legami patogenetici dell'angiopatia diabetica. Lo sviluppo di cambiamenti morfologici / emodinamici nei vasi della microvascolarizzazione è dovuto a cambiamenti distrofici negli endoteliociti e successiva compromissione della permeabilità della parete dei microvasi per le proteine ​​del plasma sanguigno, attivazione dei periciti, perdita di elasticità, emorragie e neoplasia dei vasi incompetenti.
  • Angiopatia traumatica: la base del suo sviluppo è un pronunciato aumento della pressione intracranica causata da lesioni dei bulbi oculari, cranio, colonna cervicale, compressione prolungata del torace, che provoca rotture delle pareti dei microvasi ed emorragie nella retina.

Classificazione

Il fattore principale nella classificazione dell'angiopatia retinica sono varie malattie che sono le cause della sua insorgenza, in base alle quali distinguono:

  • Angiopatia diabetica - si verifica con il diabete mellito.
  • Ipertensivo (tipo ipertensivo) - a causa di ipertensione prolungata e sostenuta. L'angiopatia ipertensiva della retina di entrambi gli occhi è più comune.
  • Ipotonico (tipo ipotonico) - causato da ipotensione.
  • Traumatico: si verifica con trauma craniocerebrale, danni al rachide cervicale, compressione prolungata del torace.
  • Giovanile (Gioventù).
  • Angiopatia di tipo misto: si verifica quando diverse forme di angiopatia sono stratificate.

Cause di angiopatia retinica

Il principale fattore eziologico dell'angiopatia vascolare retinica sono varie malattie:

  • Malattia ipertonica.
  • Aterosclerosi.
  • Diabete.
  • Disfunzione renale.
  • Reumatismi.
  • Difetti ematologici.
  • Interruzione della ghiandola tiroidea.
  • Sindromi vascolari (Burger, Raynaud, periflebite, periarterite).

Le condizioni fisiologiche che contribuiscono allo sviluppo dell'angiopatia includono: gravidanza (tossicosi precoce / tardiva) e vecchiaia.

Cause esclusivamente "oculari" di angiopatia sono vari disturbi acuti della circolazione retinica (embolia, trombosi), condizioni ipotoniche prolungate dell'arteria retinica centrale. L'angiopatia vascolare retinica può svilupparsi con frequente abuso di alcol, fumo di tabacco, esposizione radioattiva al corpo, lavoro in industrie pericolose.

Sintomi

Di norma, nella fase iniziale dello sviluppo dell'angiopatia retinica, non ci sono praticamente sintomi e i pazienti cercano aiuto medico solo quando sorgono problemi di vista. I principali sintomi dell'angiopatia retinica:

  • visione offuscata (sfocata);
  • diminuzione dell'acuità visiva e restringimento dei campi visivi;
  • ridotta sensibilità al colore / diminuito adattamento al buio;
  • la comparsa di "mosche" galleggianti negli occhi;
  • dolore, palpitazioni e pressione negli occhi;
  • la comparsa di punti ciechi neri;
  • frequente scoppio dei vasi sanguigni negli occhi.

Analisi e diagnostica

La diagnosi di angiopatia si basa sui dati dell'oftalmoscopia. Se necessario, vengono eseguiti metodi diagnostici aggiuntivi (risonanza magnetica, TC, ecografia Doppler dei vasi retinici, radiografia utilizzando un mezzo di contrasto).

Trattamento dell'angiopatia retinica

Se consideriamo il trattamento dell'angiopatia nel suo insieme, dovrebbe essere mirato a migliorare la microcircolazione nei vasi sanguigni e migliorare il metabolismo nelle strutture dell'occhio.

Vengono utilizzati i seguenti gruppi di farmaci che influenzano l'afflusso di sangue alla retina:

  • Vasodilatatore.
  • Antiaggreganti piastrinici e anticoagulanti (Magnikor, Trombonet, Aspirin cardio, Dipyridamole, Ticlopidine).
  • Quelli che migliorano il metabolismo nei tessuti dell'occhio sono antiossidanti, vitamine, antiossidanti, preparati di aminoacidi. Tra i farmaci, si possono citare Cocarboxylase, ATP, Riboxin (un precursore dell'ATP), Anthocyanin Forte, Lutein complex, Neuroubin, Mildronat, Perfek Vision, Milgamma, Nutrof Total, Perfect Eyes, Ocuwaite complet, Super Vision, vitamine B, C, E, A acido nicotinico. Le vitamine complesse per gli occhi contengono antiossidanti del gruppo dei carotenoidi luteina e zeaxantina, resveratrolo, vitamine, oligoelementi e acidi grassi essenziali. La tiotriazolina, oltre al suo effetto antiossidante, migliora il flusso sanguigno.
  • Miglioramento della microcircolazione (Actovegin, Solcoseryl, Cavinton).
  • Ridurre la permeabilità della parete vascolare (Doxy-Hem, Ginkgo biloba, Parmidin, Prodectin, Dicinon, Doxium).
  • Venotonico (Phlebodia, Normoven, Venolek, Vasoket) se necessario.

Dai vasodilatatori si possono distinguere Xanthinol nicotinate e Pentoxifylline (farmaci Trental, Agapurin, Pentoxifylline-Teva, Pentilin, Arbiflex, Pentokifyllin-Acri, Vazonit). La pentossifillina può essere definita un farmaco ad azione complessa che combina l'azione di un vasodilatatore, un angioprotettore e un agente antipiastrinico. Questi farmaci sono ampiamente utilizzati per angiopatie di varia origine. Iniziano a prendere pentossifillina con 100-200 mg tre volte al giorno per le prime due o tre settimane, quindi passano a una dose due volte di 100 mg per un mese.

Dai farmaci ad azione locale (gocce nell'occhio) che migliorano il metabolismo, vengono prescritti Taufon, Emoxy-optic (il principio attivo emoxipina, che, insieme ad un effetto antiossidante, ha un effetto angioprotettivo e anticoagulante).

Sul fondo possono essere rilevati spasmi vascolari e processi ischemici, congestione venosa o alterazioni aterosclerotiche. A seconda di ciò, il trattamento viene adattato. Con la predominanza dei processi ischemici nei vasi retinici, viene prescritto Sermion (ha un effetto vasodilatatore principalmente sui vasi del cervello), gocce Emoxy-ottiche. Il trattamento include anche un complesso vitaminico e minerale in un corso mensile. In caso di deflusso venoso alterato e stasi venosa, vengono prescritti farmaci venotonici (Phlebodia, Venolek, Vasoket). Oltre all'azione venotonica, hanno anche un effetto angioprotettivo e migliorano il drenaggio linfatico. È molto importante trattare la malattia sottostante, contro la quale si è sviluppata l'angiopatia..

Il trattamento per l'angiografia e la retinopatia diabetica comprende:

  • Prima di tutto, è importante monitorare costantemente i livelli di zucchero nel sangue: i pazienti devono assumere un farmaco ipoglicemico consigliato da un medico e seguire una dieta a basso contenuto di carboidrati. Ai pazienti viene mostrata un'attività fisica moderata, che contribuisce a un consumo più razionale di glucosio da parte dei muscoli..
  • Gli aspetti chiave del controllo dell'angiopatia retinica diabetica sono il controllo della pressione sanguigna e dei lipidi (statine e fibrati).
  • Con uno scopo ipotensivo nel diabete mellito, è meglio usare farmaci del gruppo degli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina (Enalapril, Lisinopril, Perindopril Teva, Prineva, Ramipril), che consentono non solo di controllare la pressione, ma anche di rallentare l'insorgenza e la progressione dell'insufficienza renale - anche un'importante complicanza del diabete mellito angiopatie. Questi farmaci prevengono la comparsa della proteinuria con la dieta zuccherina e, quando compare, prevengono lo sviluppo di insufficienza renale cronica..
  • L'uso di antiossidanti - alte dosi di tocoferolo (1200 mg al giorno), vitamine C, Probucol, acido α-lipoico (Alfa Lipon, Berlition, Espalipon), Emoxipina, Mexidol, complesso luteina-zeaxantina e l'integratore alimentare Eikonol contenente acidi grassi polinsaturi... I preparati di acido alfa-lipoico sono importanti nel diabete mellito, poiché hanno un effetto complesso: anti-sclerotico, antiossidante e regolano lo zucchero nel sangue. Si consiglia anche Ocuwaite-Reti-Nat forte, che contiene olio di pesce, vitamina E..
  • Con il diabete mellito, la fragilità dei vasi sanguigni aumenta e una frequente complicazione del fondo è la comparsa di emorragie. Con l'uso prolungato di Doxium (calcio dobesilato) per 4-8 mesi, le emorragie si risolvono e le nuove non compaiono.

Si raccomanda a tutti i pazienti, indipendentemente dal grado di compensazione del diabete, di eseguire tali cicli di trattamento due volte l'anno..

Il trattamento dell'angiopatia ipertensiva dei vasi retinici si basa sul trattamento dell'ipertensione. Vengono utilizzati vari gruppi di farmaci che un cardiologo può raccomandare. È importante monitorare il livello dei lipidi nel sangue. Tra i farmaci del gruppo delle statine, la rosuvastatina è controindicata in caso di grave insufficienza renale e, con una moderata diminuzione della funzionalità renale, la dose di rosuvastatina non deve superare i 40 mg. Atorvastatina non ha tali restrizioni, quindi il suo uso è sicuro in pazienti con patologia renale. Ciò è particolarmente importante per i pazienti con diabete mellito, che spesso hanno danni ai reni a causa di una malattia sottostante..

Nelle lesioni reumatiche della retina si presta attenzione al trattamento della patologia sottostante. Con cambiamenti pronunciati nel fondo, oltre al trattamento prescritto da un reumatologo, viene eseguito un ciclo di iniezioni para- o retrobulbari di glucocorticoidi. Per il riassorbimento di essudati ed emorragie, viene prescritta la terapia tissutale (estratto di aloe, Biosed, FIBS, Torfot, Bumisol, vitreo), iniezioni di lidasi o chimotripsina, elettroforesi di lidasi.

L'angiopatia traumatica si sviluppa dopo gravi lesioni generali accompagnate da shock: compressione, riproduzione, fratture delle estremità e della base del cranio, trauma cerebrale. Il trattamento tempestivo e il trattamento dello shock riducono il rischio di angiopatie gravi.

Un altro meccanismo di angiopatia traumatica è associato alla compressione dei tessuti del torace, del collo e della testa, che è accompagnata da un aumento della pressione intracranica e da gravi cambiamenti nel tono vascolare retinico. Il trattamento viene effettuato per abbassare la pressione intracranica e migliorare la circolazione sanguigna nei vasi del cervello e della retina.


Articolo Successivo
Ricerca su PTI e INR: chi è consigliato e cosa mostra un simile esame del sangue