Pericoli e conseguenze del fluido nel cuore


Liquido nel cuore, il suo accumulo indica un'infiammazione della membrana cardiaca. I medici in questo caso diagnosticano la pericardite - una malattia piuttosto grave. Quando si passa a una forma cronica, provoca lo sviluppo di insufficienza cardiaca..

Il fluido nel pericardio può accumularsi in brevissimo tempo, questo è chiamato "tamponamento". È una minaccia per la vita umana, poiché aiuta a fermare l'attività del cuore. Il paziente necessita di cure mediche urgenti.

Il pericardio è il tessuto connettivo che circonda il cuore. Questo guscio lo protegge, riduce l'attrito durante il funzionamento dell'organo. Gli scienziati suggeriscono la presenza di altre funzioni del pericardio. C'è una sensazione sul rilascio di sostanze biologicamente attive che regolano l'attività del muscolo cardiaco.

La membrana cardiaca ha due strati, uno dei quali aderisce strettamente al tessuto cardiaco. Tra questi strati c'è un liquido, trasparente e incolore. Il suo scopo è garantire un facile scorrimento dei teli pericardici, senza attriti. La quantità ottimale di liquido nella sacca cardiaca è di 30 ml, il superamento di questa cifra indica un processo infiammatorio.

Varietà di pericardite

Nella maggior parte dei casi, la pericardite si sviluppa sullo sfondo di un'altra malattia. Questa diagnosi può essere chiamata concomitante alla principale.

Le ragioni dell'accumulo di liquido in eccesso nel cuore sono diverse, a seconda di esse, è stata sviluppata la seguente classificazione:

  1. Pericardite infettiva. È provocato da parassiti, batteri, funghi, virus.
  2. Una conseguenza delle malattie autoimmuni sistemiche. Si sviluppa con dermatomiosite, lupus eritematoso sistemico, sclerodermia, artrite reumatoide.
  3. In caso di guasti nei processi metabolici. Accompagna gotta, diabete mellito, mixedema, morbo di Addison.
  4. Una delle complicazioni delle malattie degli organi vicini. Qui le ragioni sono le seguenti: malattia polmonare, aneurisma aortico, infarto miocardico transmurale.
  5. Aspetto neoplastico. Provocato da metastasi o tumori pericardici.
  6. Traumatico. Si verifica a seguito di una ferita penetrante nel petto.
  7. Pericardite idiopatica. Le ragioni della scienza sono sconosciute.

Il fluido nella cavità pericardica può comportarsi in modi diversi. Esistono tre tipi di pericardite:

  1. Asciutto. Una diminuzione della quantità di liquido nel rivestimento del cuore o il suo ristagno.
  2. Fibrinoso. Leggera aggiunta di liquido con simultaneo aumento della concentrazione di proteine ​​in esso contenute.
  3. Essudativo. L'accumulo di una grande quantità di fluido sieroso nella cavità tra i fogli del pericardio.

In base alle fasi e alla durata della malattia, può essere suddiviso in due forme:

  • Acuto. La malattia si sviluppa non più di due mesi.
  • Cronico. La malattia si protrae per sei mesi.

Senza un trattamento adeguato, l'infiammazione tra gli strati del pericardio inizierà ad accumulare proteine ​​e calcificazioni. In questo caso vengono fornite conseguenze negative: il guscio del cuore si attaccherà semplicemente, poiché le funzioni protettive e lubrificanti cesseranno di essere eseguite. Ciò significa che il pericardio diventerà un limitatore per il muscolo cardiaco quando si contrae, quindi l'insufficienza cardiaca si svilupperà rapidamente. Per eliminarlo, dovrai ricorrere a un intervento chirurgico al cuore.

Sintomi della malattia

L'infiammazione del rivestimento del cuore ha spesso un carattere di accompagnamento, quindi il suo aspetto è facile da perdere. La gravità dei sintomi dipende dalla gravità della malattia sottostante, dal riempimento del pericardio con liquido e dalla velocità della sua permanenza. Le manifestazioni di pericardite in tutti i casi sono prevalentemente simili. Il paziente di solito descrive la seguente immagine durante i suoi reclami:

  • debolezza;
  • febbre;
  • dolore al petto;
  • rumori di attrito pericardico;
  • dolore muscolare;
  • fiato corto;
  • mal di testa;
  • ritmo disturbato del battito cardiaco;
  • tosse secca.

Con la natura non infettiva della malattia, questi segni possono essere lievi o del tutto assenti. Nella maggior parte dei casi, una persona non attribuisce importanza a questi sintomi o diagnostica erroneamente la causa del problema. E anche misure sintomatiche possono essere prese semplicemente: contro la tosse - sciroppo, dalla febbre - antipiretico, dal dolore - antidolorifico, ecc. La malattia spesso viene trascurata e solo allora il paziente raggiunge il medico.

L'abbondanza di liquido espande la membrana, comprimendo così il cuore. Questo motivo è sufficiente per la comparsa di tosse, mancanza di respiro e dolore al petto. Il dolore nella parte sinistra del torace si irradia spesso alla scapola, al braccio o al collo. L'esercizio non fa che peggiorare il dolore.

Con il rapido riempimento del pericardio con liquido, si verifica un tamponamento cardiaco. Il cuore, compresso dalla membrana, non può contrarsi. Le sensazioni dolorose al petto diventano molto forti, la mancanza di respiro appare in uno stato calmo, una sensazione di mancanza d'aria, ansia. La persona non può mettersi in una posizione adatta al suo corpo per alleviare la sofferenza. È necessaria l'assistenza medica di emergenza qui, poiché è possibile l'arresto cardiaco.

Diagnostica e trattamento della pericardite

Durante l'esame del paziente, il cardiologo sente chiaramente il rumore di attrito del guscio contro il muscolo cardiaco, questo segno può essere assente nelle prime fasi della malattia. Per chiarire la diagnosi, viene prescritto un esame, il cui programma include le seguenti procedure:

  • elettrocardiogramma;
  • ecocardiogramma;
  • radiografia del torace.

Inoltre, a un tale paziente viene mostrato un esame del sangue clinico, che determina il grado di infiammazione. L'esame esterno valuta principalmente le condizioni delle vene del collo e il gonfiore delle gambe. Durante lo studio, uno specialista rileva i cambiamenti nel muscolo cardiaco e nel pericardio, nonché i disturbi nel lavoro del sistema cardiovascolare che accompagnano questa malattia. I cambiamenti nella forma e nelle dimensioni del cuore possono essere osservati con una radiografia.

Il cardiovisor sarà uno strumento molto utile ed efficace nella diagnosi e nel monitoraggio della pericardite. Questo dispositivo rileva anche i più piccoli cambiamenti nel miocardio. Quindi, il trattamento successivo procederà senza particolari difficoltà..

Ogni tecnica volta a liberare il paziente dalla malattia dipende direttamente dallo stadio di sviluppo della malattia. La forma acuta prevede il ricovero immediato, quindi sarà prevenuto l'insorgenza del tamponamento. La chirurgia d'urgenza eliminerà il rischio per la vita, salvando il paziente.

Per quanto riguarda il trattamento, oltre all'intervento chirurgico nei casi più urgenti, qui è consigliabile un trattamento conservativo. I farmaci sono selezionati in base alle caratteristiche individuali del corpo, alla presenza di reazioni avverse, allergie, abbandono della pericardite. I seguenti farmaci sono più richiesti per questo tipo di malattia:

  1. Antibiotici I farmaci potenti sono prescritti per un lungo corso, sopprimono l'attività dell'agente eziologico dell'infezione che ha provocato l'accumulo di liquidi nel cuore (penicilline moderne protette, "Vancomicina", cefalosporine di quarta generazione, farmaci tienamici, fluorochinoloni di terza e quarta generazione).
  2. Medicinali antinfiammatori non steroidei - "Ibuprofene", "Indometacina" - in combinazione con gastroprotettori - preparati a base di bismuto.
  3. Glucocorticosteroidi sistemici - "Desametasone", "Prednisolone".
  4. Farmaci antiaritmici - "Amiodarone", ecc..
  5. Gli anticoagulanti indiretti prevengono la formazione di coaguli di sangue.

Durante l'intervento chirurgico, la cavità pericardica viene aperta per rimuovere il liquido in eccesso. In presenza di formazioni adesive è diffuso l'intervento laser, metodo abbastanza efficace. E se l'effetto, per qualche motivo, è ancora impossibile da ottenere, allora è meglio preferire il cardinale a tutti i metodi descritti: pericardiectomia, rimozione della membrana cardiaca. Dopo l'operazione, al paziente viene mostrato il completo riposo in un ambiente silenzioso: il cuore deve abituarsi a lavorare senza sacca di lubrificante.

Pericardite da bambini

I bambini sono anche soggetti a infiammazione pericardica. Questo fenomeno è dovuto principalmente a una natura infettiva: stafilococco, streptococco, mal di gola, ecc. La terapia principale qui è progettata non solo per eliminare i sintomi, ma la causa stessa dello squilibrio del liquido cardiaco. Già un bambino più grande può rilevare segni di pericardite con, ancora una volta, un'infezione virale e se gli viene diagnosticata artrosi, artrite e altri disturbi della struttura del tessuto connettivo.

Tra le ragioni per lo sviluppo dell'infiammazione della sacca del cuore ci sono le seguenti:

  • carenza di vitamine;
  • malattie del sangue, ridotta formazione del sangue;
  • malfunzionamento della ghiandola tiroidea;
  • fattori ereditari;
  • disturbi ormonali;
  • tumori della cavità cardiaca, pericardio;
  • trattamento farmacologico.

Esiste la possibilità di sviluppare forme rare di patologie causate dalla nefrite. Questo processo è ulteriormente aggravato dall'indebolimento delle funzioni protettive del corpo. La pericardite pediatrica è più difficile da diagnosticare rispetto agli adulti. A tal fine, è consigliabile utilizzare un cardiovisor per la diagnostica e il riconoscimento della massima qualità della causa dello sviluppo della patologia cardiaca..

La terapia farmacologica per i bambini si riduce alla nomina di antibiotici e farmaci antinfiammatori, tenendo conto di una specifica fascia di età. La durata del trattamento dipende dalla gravità della malattia e dalla sua forma, dai sintomi e dalle condizioni fisiche del bambino..

Cause e trattamento del fluido nel cuore

Il fluido nel cuore è un sintomo pericoloso che rappresenta una minaccia per la vita umana. Con questa patologia è necessaria un'assistenza medica urgente. Molti sono interessati a cos'è la pericardite: è una specie di borsa, il cuore si trova in essa. C'è del liquido tra l'organo e la membrana. Se ce n'è più del necessario, l'organo inizia a funzionare con interruzioni. C'è il rischio di gravi complicazioni e persino la morte.

Varietà di patologia

I medici rispondono alla domanda, cos'è l'idropericardio: questa è una patologia accompagnata da versamento di versamento, un prodotto di un processo infiammatorio o infettivo, nel sacco pericardico. Esistono diversi tipi di stati:

  • Fibrinoso (acuto), più spesso manifestato nei giovani. È caratterizzato da dolore al cuore, leggera febbre, rumore di attrito.
  • Una malattia infettiva acuta si sviluppa rapidamente. A volte secco, quando nel cuore premendo il dolore, aggravato dal movimento ed essudativo con grave mancanza di respiro.
  • Pericardite essudativa (versamento), con esso il fluido nella cavità della pericardite non è così terribile, ma la velocità del suo accumulo. Se è veloce - grave infiammazione. Il cuore è spezzato. ritmo, il paziente lamenta una grave mancanza di respiro, si sente respiro sibilante, la pelle assume una tinta bluastra, si gonfia.
  • Purulenti, causati da batteri piogeni, entrano nel flusso sanguigno. Se la pericardite ha un carattere purulento, si ritiene che il cuore sia compresso, compaiano aritmia, mancanza di respiro e l'intossicazione inizia rapidamente. In questo caso viene mostrato solo un intervento tempestivo..
  • L'emorragia si verifica in oncologia del muscolo cardiaco. L'essudato contiene impurità del sangue.
  • La pericardite tubercolare si sviluppa lentamente, è abbastanza difficile identificarla a causa della mancanza di sintomi pronunciati nelle fasi iniziali.

Da dove vengono il liquido nel cuore e le complicazioni?

Ci sono molti fattori a causa dei quali il fluido si accumula nella pericardite:

  • Tubercolosi;
  • Microrganismi patogeni (virus, batteri, parassiti, funghi) che entrano nel cuore attraverso il sangue;
  • Malattie autoimmuni (sclerodermia, granulomatosi, artrite reumatoide, lupus eritematoso);
  • Grave insufficienza cardiaca, ad esempio, infarto miocardico, cuore. fallimento, oncologia o operazioni rinviate;
  • Reni, insufficienza epatica, gotta, problemi alla tiroide;
  • Malattie del sangue;
  • Effetti delle radiazioni, esposizione ai raggi X..

A volte il fluido nella zona della pericardite si osserva in un bambino nell'utero. Questo minaccia il pieno sviluppo del feto..

Se nel cuore, più precisamente nella pericardite, il liquido è stato rilevato troppo tardi o è stato prescritto un trattamento sbagliato, è probabile che si sviluppino le seguenti complicazioni:

  • Tamponamento cardiaco causato da un'immensa pressione del fluido. Tutti i tessuti soffrono di mancanza di ossigeno, la pressione sanguigna si abbassa notevolmente, le vene cervicali si gonfiano, il polso accelera, il paziente perde conoscenza, può morire per arresto cardiaco.
  • La formazione di un cuore del carapace, quando le membrane si ispessiscono, la loro elasticità si perde e si formano aderenze. A causa della deposizione di sali di calcio del pericardio, la borsa sembra un guscio, non può essere allungata.
  • Compaiono aritmia, necrosi del muscolo cardiaco, ischemia, shock cardiogeno.
  • Il processo di deglutizione, la respirazione è interrotto.
  • Gonfiore di tutto il corpo, cuore compreso.

La conseguenza più pericolosa dell'accumulo di essudato nella pericardite è l'arresto cardiaco e la morte..

Trattamento

Il trattamento di una patologia come la pericardite dipende dalla causa che l'ha causata. Il paziente viene ricoverato in ospedale. Le principali manipolazioni mirano ad eliminare l'infiammazione. Con il tamponamento, è indicata un'operazione urgente: pericardiocentesi, quando il torace viene perforato e il fluido viene prelevato dall'area interessata. Con un decorso più lieve della malattia, sono prescritti:

  • Antibiotici, eliminando i microrganismi che hanno portato a una condizione patologica;
  • Corticosteroidi;
  • Farmaci diuretici;
  • Pillole antiaritmiche;
  • Farmaci antinfiammatori non steroidei con effetto analgesico.

Quando la malattia si ripresenta spesso, il campionamento ripetuto del fluido dal pericardio non è efficace, viene prescritta la pericardiectomia - rimozione della pericardite, grazie alla quale il cuore viene sollevato dalla compressione. Per evitare tali problemi, è necessario sapere cos'è la pericardite, come si accumula il liquido nel cuore, cosa causa questa condizione e quale trattamento.

Fluido nella cavità pericardica: cosa significa, norme consentite

Tutti i contenuti di iLive vengono esaminati da esperti medici per garantire che siano il più accurati e concreti possibile.

Abbiamo linee guida rigorose per la selezione delle fonti di informazione e ci colleghiamo solo a siti Web affidabili, istituti di ricerca accademica e, ove possibile, comprovata ricerca medica. Tieni presente che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili a tali studi.

Se ritieni che uno dei nostri contenuti sia inaccurato, obsoleto o altrimenti discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

  • Epidemiologia
  • Le ragioni
  • Fattori di rischio
  • Patogenesi
  • Sintomi
  • Complicazioni e conseguenze
  • Diagnostica
  • Diagnosi differenziale
  • Trattamento
  • Prevenzione
  • Previsione

Il cuore è il motore della nostra vita, il cui lavoro dipende da molti fattori, inclusi i processi interni biologici. A volte la causa del dolore e del disagio nell'area del cuore è il fluido nel pericardio, che circonda il cuore da tutti i lati. E la causa del malessere è la spremitura del cuore con fluido o un processo infiammatorio con localizzazione nei tessuti del miocardio o del pericardio.

Epidemiologia

Secondo le statistiche, circa il 45% di tutte le pericarditi ha un virus nel pyroda, nel trattamento del quale viene in primo piano un aumento dell'immunità (vitamine, immunostimolanti), mentre i batteri, per combattere quali antibiotici vengono utilizzati, causano processi infiammatori nel pericardio solo nel 15% episodi di malattia. I tipi più rari di patologia sono considerati pericardite fungina e parassitaria..

Cause del liquido pericardico

Proviamo a capire nello specifico quali condizioni e patologie possono provocare un aumento del volume del fluido nel pericardio, che ora è considerato non come un lubrificante durante l'attrito del cuore, ma come un fattore di pericolo di vita.

Il motivo più comune per l'accumulo di liquido non infiammatorio nel pericardio è la sindrome edematosa. Questa non è una malattia, ma un sintomo che può accompagnare i seguenti processi patologici e non patologici:

  • diverticolite congenita del ventricolo cardiaco sinistro,
  • insufficienza cardiaca,
  • patologia del sistema escretore, e in particolare dei reni,
  • un disturbo in cui vi è una comunicazione diretta tra i due fogli del pericardio,
  • condizioni di carenza come l'anemia,
  • stato di esaurimento,
  • tumori del mediastino, mixedema,
  • disordini metabolici nei tessuti del corpo,
  • varie patologie infiammatorie,
  • lesioni accompagnate da edema tissutale,
  • reazioni allergiche.

A volte lo sviluppo di idropericardio può essere considerato una conseguenza dell'assunzione di vasodilatatori (vasodilatatori) o una complicazione della radioterapia.

Fattori di rischio

La gravidanza e la vecchiaia possono essere considerate fattori di rischio per lo sviluppo della patologia..

Le cause più comuni del processo infiammatorio nel pericardio (pericardite) sono danni agli organi tubercolari e reumatici. Stiamo parlando di una reazione allergica infettiva, a seguito della quale si forma una grande quantità di essudato..

I fattori di rischio in questo caso possono essere considerati:

  • malattie batteriche, virali e fungine: scarlattina, ARVI, HIV, polmonite, pleurite, endocardite, candidosi, ecc..,
  • la presenza di parassiti nel corpo (infezione da echinococco, toxoplasmosi, ecc.),
  • patologie allergiche, comprese le allergie alimentari e farmacologiche,
  • malattie autoimmuni (artrite reumatoide, lupus eritematoso, sclerodermia sistemica, dermatomiosite, ecc.),
  • processi autoimmuni (febbre reumatica, ecc.),
  • insufficienza cardiaca cronica,
  • malattie infiammatorie delle membrane cardiache (miocardite, endocardite),
  • qualsiasi trauma al cuore (penetrante e non penetrante),
  • tumori e radioterapia,
  • patologie congenite e acquisite dello sviluppo del pericardio (presenza di cisti e diverticoli in esso),
  • violazione dell'emodinamica, sindrome edematosa,
  • malattie del sistema endocrino e disturbi metabolici (obesità del cuore, metabolismo del glucosio alterato e diabete mellito, ipotiroidismo).

Come abbiamo già detto, il liquido nel pericardio può accumularsi a seguito di ferite da puntura nel cuore, ma la stessa situazione può essere osservata dopo un intervento chirurgico d'organo, a seguito di una complicanza postoperatoria (infiammazione).

Una sorta di trauma per il cuore è l'infarto del miocardio, che può verificarsi anche con complicanze infiammatorie e provocare un aumento del livello del liquido nel sacco pericardico. Lo stesso si può dire dei cambiamenti ischemici (necrotici) nel miocardio del cuore..

Se guardi da vicino, puoi vedere molte coincidenze nelle cause dello sviluppo di pericardite e idropericardio. In teoria, la seconda patologia è una sorta di pericardite non infettiva, poiché la congestione nel pericardio provoca comunque processi patologici in esso come infiammatori.

Patogenesi

Si sa anche dal corso scolastico di biologia che il nostro cuore nasce in una "camicia". Il nome di questa "camicia" è il pericardio, è costituita da densi tessuti fisiologici e svolge una funzione protettiva.

Il pericardio è anche chiamato sacco pericardico, all'interno del quale il cuore si sente a suo agio e può lavorare senza interruzioni. Il sacco pericardico è costituito da due strati (foglie): viscerale o esterno e pariente (interno), che possono essere spostati l'uno rispetto all'altro.

Il cuore, in quanto organo muscolare mobile, è in costante movimento (le sue pareti si contraggono e pompano il sangue come una pompa). In tali condizioni, se non ci fosse il pericardio intorno, potrebbe muoversi, il che porterebbe alla flessione dei vasi sanguigni e ad una ridotta circolazione sanguigna.

Inoltre, il pericardio protegge il cuore dalla dilatazione sotto carichi pesanti sull'organo. Si ritiene che sia anche una barriera protettiva che impedisce alle infezioni di penetrare nei tessuti del cuore durante l'infiammazione degli organi interni..

Ma una funzione altrettanto importante del pericardio è considerata la prevenzione dell'attrito di un cuore altamente mobile contro le vicine strutture immobili del torace. E in modo che il cuore non subisca attrito contro il pericardio stesso e gli organi vicini tra i suoi fogli c'è una piccola quantità di fluido.

Quindi, c'è sempre del fluido nel pericardio, ma normalmente la sua quantità, secondo varie fonti, non dovrebbe superare i 20-80 ml. Di solito questa cifra è limitata a 30-50 ml e un aumento del volume di versamento pericardico a 60-80 ml è considerato una patologia. Ma se con una tale quantità di liquido libero di un colore leggermente giallastro, una persona si sente in buona salute e non sviluppa alcun sintomo sospetto, non c'è motivo di preoccuparsi..

È un'altra questione se il fluido nel pericardio si accumula in quantità moderate e grandi. Può essere 100-300 ml o 800-900 ml. Quando l'indicatore è molto alto e raggiunge 1 litro, stiamo parlando di una condizione molto pericolosa per la vita chiamata tamponamento cardiaco (compressione del cuore da parte del fluido che si accumula nel pericardio).

Ma da dove viene il liquido in eccesso nel pericardio? È chiaro che questo è impossibile sullo sfondo della salute assoluta. Il fluido nel sacco pericardico si rinnova costantemente, essendo assorbito dalle foglie pericardiche, e la sua quantità rimane approssimativamente costante. Un aumento del suo volume è possibile solo in due casi:

  • in violazione dei processi metabolici nei tessuti del pericardio, a seguito del quale l'assorbimento del trasudato diminuisce,
  • l'aggiunta di essudato infiammatorio non infiammatorio al fluido esistente.

Nel primo caso, stiamo parlando di malattie associate a una violazione dell'emodinamica, allo sviluppo di sindrome edematosa o emorragica, processi tumorali, a seguito dei quali un liquido chiaro si accumula nella cavità pericardica, che contiene tracce di cellule epiteliali, proteine ​​e particelle di sangue. Questa condizione patologica è solitamente chiamata idropericardio..

La comparsa di un essudato infiammatorio è più spesso associata alla penetrazione dell'infezione nel pericardio attraverso il sangue e la linfa, se il corpo aveva già un focolaio di infiammazione purulenta. In questo caso parliamo di una patologia infettiva e infiammatoria chiamata "pericardite", che presenta diverse forme.

Ma l'infiammazione nel pericardio può anche essere non infettiva. Questo si osserva nei processi tumorali con metastasi al cuore, quando il processo si diffonde dai tessuti vicini (ad esempio, con miocardite), disturbi metabolici nei tessuti del pericardio, lesioni al pericardio (colpo al cuore, ferita, trauma da puntura).

Sintomi del liquido pericardico

Il quadro clinico della pericardite, in cui è presente un accumulo di liquido in eccesso nel pericardio, può variare a seconda della causa che le ha provocate e della quantità di trasudato / essudato. La pericardite non si manifesta da sola. Agisce come una complicazione di patologie o lesioni già esistenti nel corpo, quindi non è necessario parlare di sintomi specifici specifici.

Molto spesso il paziente non sospetta nemmeno che il liquido si stia accumulando nel suo pericardio, ad es. non pensa a una tale ragione per il deterioramento della salute, sospettando patologie cardiovascolari, raffreddori e malattie dell'apparato respiratorio, malattie renali. È con questi problemi che si rivolgono al terapeuta, ma gli studi diagnostici mostrano che i sintomi che sono comparsi sono già manifestazioni tardive di malattie, ad es. la loro complicazione.

Quindi, con quali lamentele un paziente può venire da un medico il cui volume di liquido nel pericardio è aumentato:

  • mancanza di respiro sia a riposo che sotto sforzo,
  • disagio dietro lo sterno, che si avverte particolarmente chiaramente quando una persona si piega in avanti,
  • dolore nella regione del cuore di varia intensità associato alla pressione sull'organo, il dolore può essere dato alla schiena, alla spalla, alla regione cervicale, al braccio sinistro,
  • oppressione al petto, sensazione di oppressione,
  • insufficienza respiratoria, attacchi d'asma, sensazione di fiato corto,
  • sindrome edematosa, che è particolarmente evidente sul viso, arti superiori e inferiori,
  • diminuzione della pressione sistolica e aumento della pressione venosa, gonfiore delle vene del collo,
  • sintomi di tachicardia, aritmie,
  • tosse che abbaia improduttiva che non porta sollievo,
  • voce rauca,
  • aumento della sudorazione, soprattutto sullo sfondo della tubercolosi,
  • ingrossamento del fegato e dolore nell'ipocondrio destro,
  • problemi con il passaggio del cibo attraverso l'esofago a causa della spremitura da parte di un pericardio ingrossato,
  • singhiozzi frequenti a causa della compressione del nervo frenico,
  • pelle blu pallido a causa di disturbi circolatori (la compressione del cuore da versamento pericardico ed essudato porta a una violazione della sua funzione contrattile),
  • diminuzione dell'appetito e perdita di peso associata.

È chiaro che i pazienti possono lamentare un deterioramento delle loro condizioni generali, debolezza, mal di testa e dolori muscolari, ma solo una frazione di pazienti manifesta tali sintomi. Ma la febbre causata da un aumento della temperatura corporea dovuto all'infiammazione è presente nella maggior parte dei casi di cure mediche con disagio associato all'accumulo di liquido nel pericardio, soprattutto con una lesione infettiva. Questi disturbi possono essere considerati come primi segni aspecifici di infiammazione, che successivamente causano traboccamento del liquido pericardico..

Ma mancanza di respiro, dolore al cuore, fluttuazioni del polso e della pressione sanguigna possono indicare direttamente che il fluido nel pericardio interferisce con il lavoro del cuore..

Devi capire che la pericardite può essere non solo infettiva o non infettiva, acuta o cronica, ma ha diverse varietà che differiscono nel loro corso e nella quantità di liquido nel pericardio.

In una forma acuta, può verificarsi pericardite secca (nota anche come fibrinosa) ed essudativa. Nel primo caso, la fibrina dalla membrana sierosa del cuore suda nella cavità pericardica, che è causata dal suo trabocco di sangue. In questo caso, nel pericardio si trovano solo tracce di liquido. Con la pericardite essudativa, il fluido libero nel pericardio è in grandi quantità.

Il versamento pericardico può consistere in un essudato semiliquido in processi infiammatori e disturbi emodinamici, fluido sanguinante (pericardio emorragico) nelle ferite, tubercolosi o aneurisma rotto, fluido con una miscela di pus in caso di infezione.

Il versamento pericardico può richiedere molto tempo, dopo 6 mesi diventa cronico. Una piccola quantità di liquido nel pericardio (80-150 ml) potrebbe non causare sintomi gravi della malattia e il paziente potrebbe pensare di essersi già ripreso. Ma dopo un po ', il processo infiammatorio sotto l'influenza di vari fattori può intensificarsi e un aumento del livello di liquido nel pericardio causerà sintomi spiacevoli, anch'essi completamente pericolosi..

Se molto liquido si è accumulato nel pericardio, che inizia a spremere fortemente il cuore, a causa del quale il suo lavoro viene interrotto, si parla di tamponamento cardiaco. In questo caso, le camere del cuore non si rilassano sufficientemente e non possono far fronte al pompaggio del volume di sangue richiesto. Tutto ciò porta alla comparsa di sintomi di insufficienza cardiaca acuta:

  • grave debolezza, calo della pressione sanguigna (collasso, perdita di coscienza),
  • iperidrosi (intenso sudore freddo),
  • forte pressione e pesantezza al petto,
  • polso rapido,
  • grave mancanza di respiro,
  • alta pressione venosa, manifestata da un aumento della vena giugulare,
  • eccitazione mentale e fisica eccessiva,
  • la respirazione è frequente, ma superficiale, incapacità di fare un respiro profondo,
  • la comparsa di ansia, paura di morire.

Dopo aver ascoltato il paziente con uno stetoscopio, il medico nota suoni cardiaci deboli e attutiti, comparsa di scricchiolii e mormorii nel cuore (osservati in una certa posizione del corpo del paziente), che è caratteristico della pericardite, procedendo con o senza tamponamento cardiaco.

Liquido pericardico nei bambini

Stranamente suona, ma un liquido extra nel pericardio può apparire anche in un nascituro. Un piccolo accumulo di versamento pericardico, come manifestazione di una reazione ipercinetica del sistema cardiovascolare, può indicare lo sviluppo di anemia da lieve a moderata. Nell'anemia grave, la quantità di trasudato può superare significativamente i livelli normali, che è un sintomo che minaccia la vita del bambino.

Ma il fluido nel pericardio del feto può anche essere formato a causa di disturbi nello sviluppo dei tessuti del ventricolo sinistro del cuore. In questo caso, nella parte superiore del cuore dal ventricolo sinistro, c'è una sporgenza delle pareti - un diverticolo, che interrompe il deflusso del versamento pericardico (idropericardio). Il trasudato si accumula tra i fogli del pericardio e dopo un po 'può portare allo sviluppo di tamponamento cardiaco.

Le patologie dello sviluppo del cuore nel feto e l'aspetto di una grande quantità di liquido intorno ad esso possono essere rilevate durante un esame ecografico da una donna incinta.

La pericardite in un bambino può essere diagnosticata anche nella prima infanzia. Molto spesso, la malattia si verifica sullo sfondo di infezioni virali passate, sullo sfondo di reumatismi e malattie diffuse (comuni) del tessuto connettivo. Ma sono anche del tutto possibili forme non specifiche di pericardite, causate da infezione fungina, intossicazione del corpo a causa di malattie renali, carenza di vitamine, terapia ormonale, ecc. Nei neonati, la patologia si sviluppa spesso sullo sfondo di un'infezione batterica (stafilococchi, streptococchi, meningococchi, pneumococchi e altri tipi di agenti patogeni).

È molto difficile riconoscere la malattia nei neonati, specialmente quando si tratta della forma secca della pericardite. La pericardite acuta inizia sempre con un aumento della temperatura corporea, che non è un sintomo specifico, un aumento della frequenza cardiaca e del dolore, che può essere appreso dai frequenti episodi di ansia e urla nel bambino.

I bambini più grandi con una piccola quantità di liquido nel pericardio lamentano dolore al petto a sinistra, che peggiora quando il bambino cerca di fare un respiro profondo. Il dolore può peggiorare quando si cambia la posizione del corpo, ad esempio quando ci si piega. Spesso il dolore si irradia alla spalla sinistra, quindi i reclami possono sembrare così.

Particolarmente pericolosa è la pericardite essudativa (versamento), in cui la quantità di liquido nel pericardio aumenta rapidamente e può raggiungere livelli critici con lo sviluppo del tamponamento cardiaco. In un bambino, i sintomi della patologia possono essere considerati:

  • aumento della pressione intracranica,
  • significativo riempimento delle vene della mano, del gomito e del collo, che diventano chiaramente visibili e palpabili, che è escluso in tenera età,
  • vomito,
  • debolezza muscolare nella parte posteriore della testa,
  • fontanella sporgente.

Questi sintomi non possono essere definiti specifici, ma sono importanti per riconoscere un problema di salute in un bambino che non è ancora in grado di raccontare altri sintomi della malattia..

Lo stadio acuto della pericardite da versamento in un bambino più grande procede con mancanza di respiro, dolore sordo nell'area del cuore, deterioramento delle condizioni generali. Con attacchi dolorosi, il bambino cerca di sedersi e piegarsi, inclinando la testa verso il petto.

La comparsa di tali sintomi è possibile: tosse che abbaia, raucedine, abbassamento della pressione sanguigna, nausea con vomito, singhiozzo, dolore addominale. Caratterizzato dalla comparsa di un polso paradossale con un ridotto riempimento delle vene all'ingresso.

Se parliamo di tamponamento cardiaco, c'è un aumento della mancanza di respiro, la comparsa di una sensazione di mancanza d'aria e paura, la pelle del bambino diventa molto pallida, su di loro appare il sudore freddo. In questo caso, c'è una maggiore eccitabilità psicomotoria. Se non viene intrapresa un'azione urgente, il bambino potrebbe morire di insufficienza cardiaca acuta..

La pericardite da versamento cronico di qualsiasi eziologia in un bambino è caratterizzata da un deterioramento delle condizioni generali e da una debolezza costante. Il bambino si stanca rapidamente, ha mancanza di respiro e fastidio al petto, soprattutto quando si muove, si esercita, fa sport.

Cause ed effetti del fluido nel cuore

La prevalenza di patologie cardiache nel mondo oggi indica una mancanza di consapevolezza tra le persone sui loro pericoli e sui modi per prevenirli. Quindi, una violazione frequente è l'eccessiva formazione di liquido nella cavità dell'organo, che si verifica a seguito di processi infiammatori di varia origine. Questa è una violazione estremamente pericolosa su cui vale la pena saperne di più..

Specificità e meccanismo di sviluppo del disturbo

Il cuore umano è racchiuso in una speciale “sacca” chiusa a due strati chiamata pericardio (dal greco peri - vicino e kardia - cuore).

Scopo del sacco pericardico:

  • proteggere il corpo da sovratensioni improvvise a qualsiasi tipo di carico;
  • ridurre l'attrito tra il cuore e gli organi circostanti;
  • ostacolare il movimento dell'organo e la flessione dei grandi vasi;
  • fungono da barriera protettiva contro varie infezioni che possono entrare negli organi della cavità pleurica e dei polmoni.

Il pericardio stesso all'esterno è lo strato fibroso (pericardio fibroso) e all'interno è lo strato sieroso. I grandi vasi sanguigni emanano dallo strato fibroso esterno del pericardio. La struttura dello strato sieroso interno del pericardio è rappresentata da due fogli: parietale e viscerale (epicardio).

Una cavità pericardica simile a un taglio è definita tra loro. Contiene una certa quantità di fluido sieroso, che è simile nella composizione al plasma. Il suo compito è bagnare i piani delle foglie sierose e ridurne l'attrito. In un minuto, si verificano da 60 a 80 battiti cardiaci, durante i quali l'organo cambia forma e volume, quindi la forza di attrito è molto grande.

Durante la diagnosi del fluido nel cuore, molti pazienti non capiscono cosa sia e da dove provenga. Questo è il nome del fluido sieroso, che riempie lo spazio della regione pericardica. La sua quantità nelle persone sane è insignificante..

Normalmente, la cavità pericardica dovrebbe contenere da 15 a 50 millilitri di liquido. Nel processo di pericardite (infiammazione del sacco pericardico), a seguito di un aumento dei processi essudativi, la quantità di liquido sieroso nella cavità pericardica inizia ad aumentare in modo significativo

La cavità pericardica viene riempita, una grande quantità di essudato esercita una pressione eccessiva sull'organo. La contrazione delle camere e il riempimento diastolico dei ventricoli sono difficili. L'organo non può funzionare normalmente (diminuzione critica del volume di espulsione).

Tali cambiamenti portano allo sviluppo di disturbi emodinamici e del microcircolo, che a loro volta possono provocare insufficienza cardiaca e, in alcuni casi, arresto cardiaco completo. Se lo sviluppo di una tale sindrome si verifica rapidamente, la clinica si sta sviluppando rapidamente. Di conseguenza, il risultato è imprevedibile.

Sintomi della malattia

Non esiste un quadro specifico e caratteristico della patologia. Nelle fasi iniziali, la clinica è simile alla clinica dell'insufficienza cardiaca. In molti modi, i sintomi dipendono dalla forma della patologia, dallo stadio del processo infiammatorio, dalla forma dell'essudato e dallo stato delle aderenze.

I sintomi della malattia sono simili a un attacco di angina pectoris, infarto miocardico, pleurite e alcune altre malattie:

  • il paziente lamenta debolezza improvvisa generale, dolore al cuore e al petto;
  • si verificano mancanza di respiro e attacchi di tosse secca;
  • compare la febbre;
  • c'è un rumore di attrito tra essudato e organo;
  • con auscultazione, suoni cardiaci attutiti;
  • polso cambiato (frequenza aumentata o irregolarità);
  • in rari casi compare emottisi, aumento della circonferenza addominale, dolore nell'ipocondrio destro;
  • è caratteristico che il dolore in questa malattia può aumentare durante la respirazione profonda, durante la deglutizione, la tosse. Quando la posizione del corpo cambia, cambiano anche le sensazioni dolorose: diminuiscono nella posizione seduta del paziente, aumentano nella posizione supina, sulla schiena;
  • la respirazione è frequente, superficiale;
  • nelle fasi più gravi, è possibile la spremitura dell'esofago e la difficoltà nel passaggio del cibo (disfagia);
  • il singhiozzo appare come risultato della compressione del nervo frenico;
  • la pelle è pallida, con cianosi;
  • gonfiore del viso e del torace;
  • vene del collo gonfie;
  • possibile gonfiore delle estremità, aumento delle dimensioni del fegato, ascite.

Cause e tipi

A seconda della causa della malattia, la pericardite può essere classificata come segue:

    Patologie causate dall'esposizione ad un agente infettivo (batterico, tubercolare, streptococcico, virale, da clamidia, dissenteria, tifo, sifilitico, fungino, parassitario, ecc.). Si presentano sotto l'influenza di tossine di agenti patogeni, causando l'infiammazione del pericardio.
  • allergico;
  • derivanti da patologie sistemiche (reumatismi, lupus sistemico, sclerodermia e altri);
  • traumatico;
  • dopo la scossa elettrica;
  • autoimmune (post-infarto, post-traumatico e altri);
  • derivanti da malattie del sangue, lesioni da radiazioni, dopo emodialisi, in malattie con disturbi metabolici profondi.
  • Versamenti non infiammatori: idropericardio, emopericardio, pneumopericardio e pneumoidropericardio (spesso si verificano con rotture e durante manipolazioni mediche), chilopericardio.
  • Diagnostica

    La diagnosi di pericardite viene effettuata sulla base del quadro clinico, dei dati degli esami del sangue biochimici, dei dati degli elettro- ed ecocardiogrammi e dell'esame a raggi X. In casi più complessi, viene effettuato uno studio utilizzando una risonanza magnetica o computerizzata del cuore. I dati più affidabili si ottengono utilizzando un ecocardiogramma sia in fase di diagnosi sia per valutare le dinamiche durante il trattamento.

    L'immagine del sangue è caratteristica del processo infiammatorio:

    • aumento della velocità di reazione dei globuli rossi;
    • leucocitosi;
    • proteine ​​reattive e altri.

    Lo screening della troponina è appropriato. La presenza di troponina nel sangue può indicare la distruzione muscolare. Se necessario, ricorrere alla puntura della cavità pericardica. Questa procedura viene eseguita per scopi diagnostici. Con il suo aiuto, si ottengono campioni del contenuto della cavità, che consente di rilevare l'agente eziologico del processo. La procedura è efficace anche nel trattamento pianificato.

    Attività di guarigione

    Il trattamento durante la diagnosi del fluido nella cavità dell'organo comprende due direzioni: sollievo dei sintomi negativi e terapia della patologia sottostante, nonché prevenzione delle complicanze.

    Vengono utilizzati i seguenti metodi:

    • Per ridurre la quantità di essudato essudato, vengono prescritti diuretici (Furosemide, Veroshpiron).
    • I farmaci antinfiammatori non steroidei sono usati come agenti per alleviare i sintomi dell'infiammazione. Ad esempio, l'ibuprofene. Nei casi gravi e protratti, viene utilizzata la colchicina. Questi farmaci vengono assunti contemporaneamente a probiotici e farmaci che normalizzano la funzionalità renale ed epatica (Hilak-forte, Essentiale).
    • Se l'agente eziologico è un'infezione, vengono utilizzati antibiotici (Ceftriaxone, Amoxicillina) o farmaci antivirali Groprinosin, Interferon). Se necessario, aggiungere agenti antiparassitari e antifungini (Nistatina, Pirantel).
    • Se il motivo è patologie autoimmuni, vengono utilizzati glucocorticosteroidi (prednisolone, desametasone) e citostatici (cisplatino). Il prednisolone a piccole dosi è indicato solo per alleviare gli attacchi d'asma, perché crea dipendenza.
    • Con la minaccia del tamponamento, il sospetto di un processo purulento, l'assenza di riassorbimento dell'essudato, viene eseguita una puntura della cavità pericardica per rimuovere meccanicamente il fluido. Questa procedura viene utilizzata anche per stabilire l'eziologia del disturbo..
    • In situazioni più difficili, ricorrono alla pericardiotomia. Questo è un intervento chirurgico, il cui scopo è rimuovere parte del pericardio patologico..

    Previsioni e conseguenze

    Come tutte le malattie gravi, con questo disturbo, la cosa più importante è chiedere l'aiuto di uno specialista qualificato il prima possibile. La prognosi con diagnosi tempestiva e terapia competente è positiva nella maggior parte dei casi. Dipende dalla natura della patologia:

    1. In un decorso acuto, dopo sei settimane, il paziente ritorna alla sua vita abituale. Tra le restrizioni, di regola, è prescritta solo un'attività fisica eccessiva..
    2. La forma cronica può portare alla disabilità del paziente.

    Come prevenzione delle esacerbazioni della pericardite, saranno appropriate le seguenti misure:

    • prevenzione e trattamento tempestivo delle patologie croniche (visitando il medico curante almeno due volte l'anno);
    • trattamento qualificato di eventuali infezioni, funghi e altre malattie (igiene dei focolai di infiammazione e infezione);
    • prevenzione degli infortuni;
    • mangiare sano e rinunciare alle cattive abitudini;
    • visite mediche periodiche (esame fluorografico dell'OCP almeno una volta all'anno).

    La comparsa di un eccesso di essudato nella cavità cardiaca è un segno di gravi disturbi nel corpo e non dovrebbe essere ignorata. Un trattamento tempestivo e adeguato consente di fermare la violazione e prevenire la progressione della patologia, nei casi in cui viene avviato il processo, la prognosi è infausta.

    Come sbarazzarsi del liquido nel pericardio nella pericardite acuta

    Il pericardio è una membrana morbida del cuore, che contiene una piccola quantità di liquido, la norma è di 20 ml. La funzione principale del pericardio è prevenire lo stiramento eccessivo del muscolo cardiaco. Quando questo guscio è riempito con un volume in eccesso di liquido, questa condizione è già considerata patologica. Il liquido pericardico è un sintomo grave che dice che nel cuore si stanno verificando processi infiammatori o distrofici.

    Una varietà di batteri, virus e altri microrganismi patogeni può servire da impulso per la comparsa di tale condizione. Il trattamento di questa malattia può avvenire con farmaci o interventi chirurgici..

    1. Cause di occorrenza
    2. Sintomi e diagnostica per la pericardite
    3. Trattamento
    4. Misure preventive
    5. Cosa fare quando inizia un attacco di pericardite?

    Cause di occorrenza

    L'accumulo di liquido nella cavità pericardica si sviluppa per vari motivi. È il fluido accumulato che impedisce al cuore di funzionare normalmente. In un cuore sano, il pericardio è costituito da due strati: sieroso e fibroso. Lo strato sieroso è lo strato interno della membrana pericardica e lo strato fibroso è quello esterno. Normalmente, tra questi strati, un volume minimo di liquido impedisce semplicemente l'attrito di queste due membrane durante le sistole.

    Quando batteri o virus patogeni entrano nel corpo, possono provocare l'accumulo di liquido nel pericardio. Più fluido si accumula, più difficile è la contrazione del cuore..

    Le cause della patologia:

    • ingestione di virus influenzali e del morbillo,
    • angina,
    • tubercolosi,
    • sepsi,
    • riproduzione di funghi patogeni,
    • complicazioni dopo polmonite, endocardite o pleurite,
    • infarto miocardico,
    • neoplasie oncologiche,
    • disordini metabolici,
    • conseguenze della chirurgia cardiaca,
    • squilibrio ormonale.

    I cardiologi notano due caratteristiche della pericardite. Il primo è l'accumulo di liquido e il secondo è la comparsa di aderenze e infiammazioni del muscolo cardiaco. In caso di aderenze, il cuore non può muoversi liberamente all'interno del pericardio, il che interrompe il suo normale funzionamento. Le cicatrici emergenti richiedono già un intervento chirurgico

    Quando il volume del fluido aumenta da 200 ml a 1000 ml, il muscolo cardiaco può essere esposto a batteri putrefattivi, processi infiammatori purulenti, fibrosi o sierosi. Tutto ciò si sviluppa a causa dell'accumulo di pus, sangue e linfa.

    Ci sono casi in cui il fluido si accumula a lungo, quindi gli strati pericardici crescono insieme. Ciò porta al fatto che il fluido si trasforma in uno strato continuo di coaguli che ricoprono il cuore con uno strato denso. Questa condizione è chiamata cuore "corazzato".

    Sintomi e diagnostica per la pericardite

    Nelle prime fasi dello sviluppo di questa malattia, la presenza di liquido nel pericardio può essere notata dai sintomi corrispondenti. È più facile trattare la pericardite in questa fase, ma nei casi avanzati il ​​processo può essere irreversibile.

    La forma acuta di pericardite è considerata la più suscettibile al trattamento farmacologico. Un'ecografia del cuore e un ECG aiutano i medici a identificarlo. Procede sullo sfondo dell'infiammazione acuta nel corpo. A volte si verifica dopo un intervento chirurgico o una lesione cardiaca.

    Sintomi di pericardite acuta:

    • dolore prolungato dietro lo sterno (più di due ore), aggravato da un respiro profondo, starnuti e persino deglutizione,
    • aumento della temperatura corporea,
    • nausea,
    • sudorazione eccessiva,
    • dispnea.

    Il medico determina questa malattia dal rumore del pericardio. Quando due strati del guscio si sfregano l'uno contro l'altro, appare un suono simile allo scricchiolio della neve. Se la quantità di liquido aumenta rapidamente, può comprimere fortemente il cuore, motivo per cui non è in grado di raddrizzarsi al momento della diastole, quindi il sangue quasi smette di fluire nella cavità. Questa condizione è chiamata tamponamento, spesso finisce con la morte del paziente..

    Il versamento pericardico è considerato una delle forme più gravi della malattia, proprio a causa del grande volume di fluido tra gli strati del pericardio.

    Sintomi di pericardite essudativa:

    • debolezza, perdita di forza,
    • mancanza di respiro persistente, anche durante il riposo,
    • perdita di peso,
    • fegato ingrossato,
    • rigonfiamento,
    • ipotensione,
    • allargamento dell'addome,
    • tachicardia,
    • forte sudorazione.

    Test biochimici, risonanza magnetica, elettrocardiografia ed ecografia del cuore aiutano a diagnosticare questo tipo di pericardite..

    Il tamponamento cardiaco può essere considerato la fase più difficile nello sviluppo di questa malattia, poiché il fluido viene spesso rimosso solo chirurgicamente o praticando una puntura. In alcuni casi, il liquido si accumula a lungo, mentre in altri ci vogliono alcune ore. In questa fase, la persona sperimenta un costante cambiamento della pressione sanguigna, aumentando la tachicardia e una grave mancanza di respiro. La pressione sanguigna può scendere fino al punto di collasso. Solo l'intervento chirurgico aiuterà a salvare una persona in questo stato..

    La pericardite cronica si sviluppa lentamente, quindi una persona potrebbe non notare nemmeno dolore al cuore. Questa forma si sviluppa a causa di un'infiammazione acuta curata in modo incompleto.

    Trattamento

    La rimozione del volume eccessivo di liquido pericardico è l'obiettivo principale del trattamento. I farmaci che impediscono la moltiplicazione degli agenti patogeni nel corpo aiuteranno a fermarne l'accumulo..

    La terapia dipende dal grado di abbandono della malattia.

    Il trattamento medico della pericardite consiste nelle seguenti aree:

    1. assunzione di farmaci che hanno un marcato effetto antimicrobico (penicilline, cefalosporine, vancomicina, tienamo, fluorochinoloni di 3a e 4a generazione),
    2. farmaci che riducono l'infiammazione (ibuprofene),
    3. glucocorticosteroidi sistemici (prednisone, desametasone),
    4. farmaci per il trattamento delle aritmie e la normalizzazione della frequenza cardiaca (amiodarone),
    5. diuretici,
    6. anticoagulanti.

    Se il trattamento farmacologico non dà i risultati attesi, i medici ricorrono all'intervento chirurgico. Per fare ciò, i chirurghi aprono la cavità pericardica e pompano il fluido accumulato nell'area del cuore. Se ci sono aderenze sul guscio, vengono rimosse utilizzando la terapia laser. Quando tali metodi non aiutano, eseguono una rimozione completa dell'area del pericardio danneggiata..

    Misure preventive

    Dopo un trattamento corretto e tempestivo della pericardite, non ci sarà traccia di questa patologia. Ma ci sono momenti in cui la malattia è troppo avanzata. Ad esempio, con il tamponamento, il cuore può perdere completamente la sua funzione di pompaggio. Il fluido attorno al pericardio comprime così tanto il muscolo cardiaco che non è in grado di eseguire un rilascio di sangue. Se il trattamento viene avviato correttamente, la normale funzione del cuore può essere ripresa entro pochi mesi..

    A volte la pericardite viene diagnosticata in un feto che è ancora nell'utero. I medici riescono a notare tali cambiamenti con l'aiuto degli ultrasuoni già alla 20a settimana di gravidanza..

    Importante! A un feto può essere diagnosticato un versamento pericardico se c'è un aumento del flusso sanguigno coronarico o un aumento del volume addominale. In questo caso, viene prescritto un trattamento e una terapia appropriati..

    La pericardite può ripresentarsi, ad esempio, nel caso di una malattia eliminata in modo incompleto. Non pensare che un comune raffreddore o influenza non sia in grado di causare gravi danni al corpo. Al contrario, quando tali malattie virali non sono completamente guarite, la probabilità di moltiplicazione di microrganismi patogeni aumenta solo. Rimangono nel corpo per molto tempo. Ciò è particolarmente vero per varie infezioni del cavo orale. La carie o la stomatite possono anche causare un processo infiammatorio, poiché queste malattie sono provocate dai batteri.

    Cosa fare quando inizia un attacco di pericardite?

    Spesso, quando una persona si lamenta di dolore al cuore, non va immediatamente dal medico. A volte le persone sono negligenti riguardo alla loro salute, perché pensano che le gocce lenitive per il cuore oi metodi tradizionali le cureranno. Un cardiologo viene consultato quando assolutamente necessario. Ma prima il medico rileva la malattia, più facile e veloce è eliminarla..

    Importante! Se durante un attacco il paziente avverte un dolore forte e sordo al cuore, è necessario chiamare immediatamente un'ambulanza. L'assunzione di gocce o farmaci per il cuore allevia solo il dolore, ma non elimina le cause della malattia. Durante il periodo di un attacco di pericardite, una persona può avvertire una forte mancanza di respiro, che aumenta con ogni inspirazione, ma quando il tronco è inclinato in avanti diminuisce. Allo stesso tempo, avverte una grave debolezza e un'intensa sudorazione..

    "Mascherare" la malattia può provocare un peggioramento ancora maggiore della situazione. È necessario salvare il paziente alleviando il dolore. Per fare ciò, viene iniettato per via endovenosa con una soluzione al 2% di Promedol 2 ml e una soluzione al 2% di Pantopon 2 ml. Questi farmaci possono aiutare ad alleviare il dolore. Un buon effetto è evidente quando il paziente inala una miscela di protossido di azoto e ossigeno. Queste due sostanze sono mescolate in proporzioni uguali..

    Se la temperatura corporea è elevata, ciò indica la presenza di un'infezione nel corpo. I medici iniziano a somministrare antibiotici.

    Importante! Se vengono applicati tutti questi metodi e il paziente non si sente ancora bene, i medici eseguono una puntura pericardica.

    Questa procedura può essere eseguita da medici di emergenza. Per fare ciò, un lungo ago viene inserito in una certa area sotto il cuore per fornire un grande lume. Il liquido viene rimosso lentamente, ma non più di 150-200 ml.

    La puntura deve essere eseguita solo dai medici, poiché con un'introduzione errata o profonda, gli organi interni possono essere danneggiati. Inoltre, può iniziare il sanguinamento. Se il pus è stato rimosso dal pericardio, la procedura per l'introduzione di antibiotici nella cavità pericardica continua.


    Articolo Successivo
    Pressione mortale per l'uomo: indicatori critici