Decodifica cardiogramma ecg del cuore


Data05/01/2016
La dimensione0.88 Mb.
Un tipoDecodifica
    Navigazione in questa pagina:
  • Tachicardia sinusale
  • Bradicardia sinusale
  • Fibrillazione atriale
  • Aritmia sinusale
  • Extrasistole
  • Tachicardia parossistica
  • Indicatori ECG e loro interpretazione
  • I valori dei denti sul cardiogramma
  • Cosa significa ritmo sinusale su un cardiogramma?
Interpretazione ECG - cardiogramma del cuore

Il cardiogramma della decodifica del cuore è una sezione speciale della cardiologia. Tra l'enorme varietà di metodi di ricerca strumentale, senza dubbio, il posto di primo piano appartiene all'elettrocardiografia. Il cardiogramma della decodifica del cuore è un metodo per valutare l'attività bioelettrica del muscolo cardiaco. Consente di diagnosticare disturbi del ritmo e della conduzione, ipertrofia ventricolare e atriale, malattia coronarica e molte altre malattie. Cardiogramma del cuore, la decodifica include la misurazione della lunghezza, l'ampiezza dei denti, la dimensione dei segmenti, la presenza di alterazioni patologiche nel normale schema cardiografico.

La decifrazione del cardiogramma del cuore inizia con l'esame di un normale ECG. Quando sai com'è la norma, è facile indovinare in quale parte del muscolo cardiaco si sono verificati cambiamenti patologici. Qualsiasi cardiogramma è costituito da segmenti, intervalli e onde. Tutto ciò riflette il complesso processo di trasmissione delle onde di eccitazione attraverso il cuore..

I componenti principali dell'ECG:


  1. denti: P, Q, R, S, T;

  2. sei derivazioni principali: I, II, III, AVL, AVR e AVF;

  3. sei scrigni: V1, V2, V3, V4, V5, V6.

Misurazione dell'altezza dei denti, la loro ampiezza viene eseguita con un righello regolare. È importante ricordare che tutte le misurazioni iniziano dall'isolina, ovvero linea retta orizzontale. I denti positivi si trovano sopra l'isoline, quelli negativi sotto. La durata degli intervalli e dei segmenti è calcolata dalla formula: la distanza tra le estremità del segmento è divisa per la velocità del nastro (viene indicata automaticamente).
Dovresti sapere che la forma e la dimensione dei denti sono diverse in tutti gli incarichi. Il loro aspetto dipende dalla propagazione di un'onda elettrica lungo gli elettrodi..

Onda P.

Intervallo PQ

Onda Q

Onda R.

Onda S.

Segmento ST

Onda T.

Un cardiogramma del cuore, decodificarlo non è un compito facile e che richiede tempo, è importante ricordare molte sfumature e tenerne conto durante la descrizione. Ecco perché questa scienza è stata trasferita nelle mani degli elettrocardiologi..

Le aritmie del cuore sono disturbi in cui le funzioni del cuore cambiano, fornendo una contrazione ritmica e coerente delle sue parti. Il ritmo sinusale è il ritmo normale del cuore, è uguale a riposo da 60 a 90 battiti al minuto. Il numero di battiti cardiaci in una persona dipende da vari motivi. Con lo sforzo fisico, un aumento della temperatura corporea, forti emozioni, aumenta la frequenza del ritmo. I cambiamenti patologici del ritmo cardiaco includono: tachicardia sinusale, bradicardia sinusale, fibrillazione atriale, aritmia sinusale, extrasistole, tachicardia parossistica.

Tachicardia sinusale

Il trattamento per la tachicardia sinusale dipende dalla patologia sottostante. Per le nevrosi vengono prescritti sedativi (tintura di valeriana, corvalolo, ecc.) Se la tachicardia è causata da malattie cardiache, vengono prescritti glicosidi cardiaci e altri farmaci.

Elettrocardiogramma per la tachicardia

Bradicardia sinusale

La bradicardia sinusale non altera l'emodinamica e non richiede un trattamento speciale. Se la bradicardia è molto pronunciata, possono essere prescritti farmaci che stimolano il cuore, come aminofillina, caffeina, ecc. La prognosi della bradicardia sinusale dipende dalla malattia sottostante.

Elettrocardiogramma per bradicardia

Fibrillazione atriale

Aritmia sinusale

L'aritmia sinusale può svilupparsi con varie malattie cardiache (reumatismi, cardiosclerosi, infarto miocardico, ecc.), Con intossicazione da varie sostanze (preparati di digitale, morfina, ecc.).

Se l'aritmia sinusale non è associata alla respirazione, si manifesta in due forme: una variante periodica (accelerazione e decelerazione graduale del ritmo) e una variante non periodica (mancanza di correttezza nel cambiare il ritmo). Tali aritmie si osservano solitamente nelle malattie cardiache gravi e in casi molto rari con distonia autonomica o sistema nervoso instabile..

Le aritmie respiratorie non richiedono alcun trattamento. In alcuni casi possono essere prescritti valeriana, bromuri, belladonna. Se l'aritmia sinusale non è associata alla respirazione, viene trattata la malattia sottostante.

Extrasistole

Le manifestazioni cliniche dipendono da quelle malattie che sono accompagnate da extrasistole. I pazienti a volte possono non sentire affatto l'extrasistole. Per alcune persone, l'extrasistole è percepita come un colpo al petto e una pausa compensativa è percepita come una sensazione di arresto cardiaco. L'extrasistole più grave è con infarto miocardico.

Il trattamento per l'extrasistole è mirato alla malattia sottostante. Se necessario, vengono prescritti sedativi e ipnotici. È prescritta una modalità ottimale di lavoro e riposo.

Elettrocardiogramma con extrasistole

Tachicardia parossistica

Con la tachicardia parossistica, i pazienti lamentano un battito cardiaco improvviso e forte, l'inizio di un attacco si avverte come una spinta al petto. L'attacco si interrompe bruscamente con una sensazione di arresto cardiaco a breve termine seguito da un violento colpo. L'attacco può essere accompagnato da debolezza, paura, vertigini e in alcuni casi possono verificarsi svenimenti.

La tachicardia parossistica richiede un trattamento obbligatorio. Vengono prescritti sedativi e ipnotici, così come altri farmaci che alleviano e prevengono un attacco. In alcuni casi, con l'inefficacia del trattamento farmacologico e con un decorso grave della malattia, viene utilizzato un trattamento chirurgico.

Decodificare un ECG del cuore

La decodifica ECG è una visualizzazione grafica dell'intensità di questa scarica, che aiuta a determinare i malfunzionamenti nel lavoro del cuore.

Il ritmo delle contrazioni del muscolo cardiaco è determinato dalla durata della misurazione degli intervalli R-R. Se la loro durata è uguale o segnata da fluttuazioni del 10%, questa è considerata la norma, in altri casi si può parlare di disturbo del ritmo.

Indicatori ECG e loro interpretazione


Frequenza cardiaca (FC)

Elenchiamo i principali indicatori ECG che ci interessano sul cardiogramma:


  • Dentellature: caratterizzano le fasi del ciclo cardiaco

  • 6 derivazioni - parti del cuore, visualizzate in numeri e lettere

  • 6 torace: registra i cambiamenti nei potenziali cardiaci sul piano orizzontale

Avendo familiarizzato con la terminologia, puoi provare indipendentemente a decifrare i risultati. Tuttavia, ti ricordiamo che una diagnosi oggettiva al 100% può essere fatta solo dal medico curante..

Iniziamo a misurare l'altezza dei denti dall'isoline - una linea retta orizzontale usando un righello, tenendo conto della posizione dei denti positivi sopra la linea retta e di quelli negativi sotto l'asse.

La loro forma e dimensione dipendono dal passaggio di un'onda elettrica e differiscono in tutte le derivazioni. Utilizzando la formula specificata automaticamente, calcoliamo la durata di intervalli e segmenti: dividere la distanza tra i segmenti per la velocità del nastro.

Intervallo PQ QRS QT visualizza la conduzione dell'impulso

I valori dei denti sul cardiogramma

L'onda P - è responsabile della propagazione di un segnale elettrico attraverso gli atri. Norma: valore positivo con un'altezza fino a 2,5 mm.
L'onda Q è caratterizzata dal posizionamento dell'impulso lungo il setto interventricolare. Norma: sempre negativa e spesso non registrata dal dispositivo a causa delle sue piccole dimensioni. La sua gravità è motivo di preoccupazione..
L'onda R è considerata la più grande. Riflette l'attività dell'impulso elettrico attraverso il miocardio ventricolare. Il suo comportamento scorretto indica ipertrofia miocardica. Norma di intervallo –0,03 s.
Onda S: mostra la completezza del processo di eccitazione nei ventricoli. Norma: negativa e non supera i 20 mm.
Intervallo PR: indica la velocità di distribuzione dell'eccitazione lungo gli atri fino ai ventricoli. Norma: fluttuazione 0,12-0,2 s. Questo intervallo determina il battito cardiaco.
Onda T - riflette la ripolarizzazione (ripristino) del biopotenziale nel muscolo cardiaco. Norma: positiva, durata - 0,16-0,24 s. Le indicazioni sono informative per la diagnosi di anomalie ischemiche..
Intervallo TR - mostra la pausa tra le contrazioni. Durata - 0,4 s.
Il segmento ST è caratterizzato dalla massima eccitazione dei ventricoli. Norma: deviazione consentita di 0,5-1 mm verso il basso o verso l'alto.
Intervallo QRST - visualizza il periodo di tempo dell'eccitazione ventricolare: dall'inizio del passaggio del segnale elettrico alla loro contrazione finale.

Interpretazione dell'ECG nei bambini


  • onda Q profonda

  • aritmia sinusale

  • l'intervallo ventricolare QRST è soggetto ad alternanza (inversione della polarità delle onde T)

  • il movimento della sorgente del ritmo è notato negli atri

  • man mano che il bambino cresce, il numero di derivazioni toraciche con un'onda T negativa diminuisce

  • la grande dimensione degli atri determina l'altezza dell'onda P.

  • l'età del bambino influisce sugli intervalli ECG - diventano più lunghi. Nei bambini piccoli predomina il ventricolo destro.

A volte la crescita intensiva del bambino provoca disturbi nel muscolo cardiaco, che il cardiogramma può mostrare.

Cosa significa ritmo sinusale su un cardiogramma?

La trascrizione dell'ECG mostra il ritmo sinusale? Ciò indica l'assenza di patologie ed è considerata la norma con una frequenza caratteristica di impatti da 60 a 80 al minuto. con un intervallo di 0,22 s. Avere la cartella clinica di un ritmo sinusale irregolare implica fluttuazioni della pressione, vertigini, dolore al petto.

Un ritmo contrassegnato con 110 battiti indica la presenza di tachicardia sinusale. La causa del suo verificarsi può essere l'attività fisica o l'irritabilità nervosa. Questa condizione può essere temporanea e non richiede un trattamento a lungo termine..

Con anemia, miocardio o febbre, si nota una manifestazione persistente di tachicardia con una frequenza cardiaca rapida. La decodifica dell'ECG in questo caso determina un ritmo sinusale instabile e indica aritmia - una maggiore frequenza di contrazioni del cuore.

Per i bambini, anche un sintomo simile è caratteristico, ma le fonti di origine sono diverse. Questi sono cardiomiopatia, endocartite e sovraccarico psicofisico..

Il ritmo può essere interrotto dalla nascita, non avere sintomi e può essere rilevato dall'elettrocardiografia.

Decodifica del cardiogramma. Lavoro di cuore.

Per leggere il cardiogramma (decifrare il cardiogramma), è necessario ricordare come funziona il cuore e avere almeno una piccola idea del sistema di conduzione cardiaca.

Il cuore sembra funzionare semplicemente: contraendo e riducendo il volume delle camere (sistole), spinge il sangue ricco di ossigeno nel corpo e mentre si rilassa (diastole) riceve sangue. Quattro camere si contraggono: 2 ventricoli e 2 atri. In presenza di fibrillazione atriale, gli atri si contraggono irregolarmente e non guidano il sangue, ma puoi conviverci e non puoi vivere senza la normale funzione ventricolare.

Il lavoro del cuore è fornito da impulsi elettrici (prodotti nel cuore stesso), nutrienti, ossigeno e il corretto equilibrio ionico di ioni Ca, K, Na sia all'interno che all'esterno della cellula.
Il calcio fornisce la contrazione: più ce n'è, più forte è la contrazione. Se ce n'è una quantità eccessiva, il cuore può contrarsi e non rilassarsi. I bloccanti dei canali del calcio (come il verapamil) riducono la forza delle contrazioni, utile per l'angina pectoris. Quando i livelli di potassio sono alti, il cuore può fermarsi mentre si rilassa..

Con una massa cardiaca di circa mezzo percento del peso corporeo, consuma fino al 10% di ossigeno.

Ricevere energia dal cuore. A differenza del cervello, che necessita solo di glucosio, il cuore a riposo consuma acidi grassi, acido lattico. E quando il carico aumenta, il cuore passa al consumo di glucosio, che è più vantaggioso. Per ridurre la richiesta di ossigeno del cuore, il metabolismo energetico viene spostato verso il glucosio (trimetazidina), che è importante per i pazienti con angina pectoris e infarto miocardico.

Quando il cuore inizia a non far fronte alla sua funzione di pompaggio, si verifica un'insufficienza cardiaca (acuta o cronica. Può essere il risultato di un cattivo funzionamento del ventricolo sinistro, quindi c'è un flusso sanguigno insufficiente nella circolazione polmonare, si verifica mancanza di respiro, una persona in posizione supina non ha abbastanza aria ed è più facile per lui sedersi. Con scarse prestazioni del ventricolo destro, si verifica gonfiore delle gambe.. angina).

Per comprendere la natura degli impulsi elettrici del cuore, familiarizziamo con il suo sistema di conduzione. Se tagli tutti i nervi che portano al cuore, continuerà a battere - gli impulsi sono generati dal cuore stesso in determinati nodi e si propagano attraverso il cuore.

La composizione del sistema di conduzione:


  • Seno - nodo atriale

  • Nodo atrioventricolare

  • Fascio di Suoi con le gambe sinistra e destra

  • Fibre di Purkinje

In una persona sana, il lavoro del cuore è controllato dagli impulsi del nodo seno-atriale..
La natura saggia ha fornito ridondanza per le sorgenti degli impulsi "principali": se la sorgente principale è disturbata, gli impulsi del nodo atrioventricolare diventano quelli principali e il pacemaker di terzo ordine in caso di guasto dei primi due sarà il fascio di His.
Ora puoi brevemente sulla decodifica del cardiogramma. (Puoi leggere di più sull'elettrocardiografia nel libro "Elettrocardiografia" di V. V. Murashko e A. V. Strutynsky, questa è un'intera scienza, ma puoi lavorare sodo per studiare te stesso).

Confrontando gli elettrocardiogrammi di un cuore sano (1) e malato (2), puoi vedere una chiara differenza tra loro e giudicare la natura del danno al muscolo cardiaco.

La forma e il tipo di denti, la durata e il tipo di intervalli del cardiogramma sono direttamente correlati alle fasi di eccitazione e rilassamento dei muscoli cardiaci. Il lavoro degli atri è caratterizzato dall'onda P (la sezione ascendente è l'eccitazione dell'atrio destro, discendente - sinistro) e il periodo di tempo in cui entrambi gli atri sono attivi è chiamato PQ. Le onde Q e R mostrano attività nella parte inferiore e superiore del cuore. Durante lo stesso periodo di tempo, i ventricoli (le loro parti esterne) sono attivi. Il segmento ST è l'attività di entrambi i ventricoli e l'onda T indica la transizione dei muscoli del cuore a uno stato normale.

Molto spesso, l'onda T indica varie violazioni. La distanza (tempo in secondi) tra P Q, la velocità di trasmissione dall'atrio al ventricolo, è normalmente di 0,1 - 0,12 secondi. E tutti e tre i denti (QRS) - da 0,06 a 0,1 secondi. La standardizzazione e la comparabilità degli elettrocardiogrammi è assicurata calibrando l'ampiezza del segnale (solitamente 1 mm è 0,1 mV, prima dell'inizio del cardiogramma, viene fornito un segnale di calibrazione con un'ampiezza di 1 mV) e la velocità del nastro del registratore: 25 o 50 mm / sec. Si possono trovare disegni più dettagliati del cuore con una descrizione Qui.

In conclusione, vorrei dire: conduci uno stile di vita sano, è più facile che imparare a leggere i cardiogrammi da solo. Nessun libro di testo può sostituire l'esperienza e la conoscenza di un medico che decodifica cardiogrammi da anni. I residenti di Mosca e della regione possono ottenere una consulenza gratuita con un medico specialista chiamando il tel. +7 (495) 688-60-38 e facendo riferimento al nostro sito web Hygieia. Ma allo stesso tempo, è abbastanza facile determinare la presenza di un infarto, il suo stadio e tipo, angina pectoris, tromboebolismo, ecc.... Ad esempio - 2 pagine con la decodifica del cardiogramma per infarto miocardico:

Denti ECG

Onde ECG: onda P, intervallo PQ, complesso QRS, intervallo ST e onda T. Successivamente, considereremo ciascuno di essi in modo più dettagliato..

Onda P.

Il nodo del seno si trova alla confluenza della vena cava. Con la depolarizzazione, l'impulso percorre l'atrio destro, è così che si forma il ginocchio ascendente dell'onda P. Pertanto, se si verificano cambiamenti sul ginocchio ascendente dell'onda P, il problema è nell'atrio destro..

Inoltre, l'impulso percorre l'atrio sinistro, sull'ECG questo è il ginocchio discendente dell'onda P..

Di solito le ginocchia ascendenti e discendenti dell'onda P sono simmetriche.

L'onda P è responsabile degli atri:

  • è sempre positivo, tranne per quelle derivazioni dove tutti i denti sono negativi (aVR, V1)
  • in altezza fino a 2 mm
  • durata fino a 0,1 sec

Se l'onda P cresce nel ginocchio destro, è ipertrofia atriale destra, se nel ginocchio sinistro, è ipertrofia atriale sinistra.

Se l'onda P è ridotta, indica distrofia atriale (diminuzione della massa miocardica atriale).

Onda P mancante - nodo del seno non funzionante.

Inoltre, l'impulso va alla connessione AV. Non c'è depolarizzazione o ripolarizzazione. Sull'ECG, questo corrisponde all'intervallo PQ - potenziale di riposo.

In seguito l'impulso va al setto interventricolare.

Onda Q

  • sempre negativo
  • profondità fino a 3 mm
  • durata 0,03 sec

Se diventa superiore ai parametri specificati, non c'è abbastanza muscolo per sopprimerlo. Queste condizioni possono essere l'infarto del miocardio e la cardiosclerosi postinfartuale..

Inoltre, il processo di depolarizzazione va ai ventricoli.

Onda R.

  • sempre positivo
  • altezza 6-16 mm
  • durata 0,03 sec

Se l'onda R diventa più grande, questo è un segno di ipertrofia ventricolare, se inferiore, un segno di distrofia.

Onda S.

  • profondità fino a 8-12 mm
  • durata 0,03 sec

L'onda S è il potenziale studiato, questo è il momento in cui i ventricoli sono avvolti dall'eccitazione. Non importa da solo.

Di grande importanza è il complesso QRS, che corrisponde alla conduzione intraventricolare pari a 0,1 sec, e con l'ipertrofia può arrivare fino a 0,12 sec. Se il complesso QRS è superiore a 0,12 sec, si tratta di un blocco intraventricolare o di una violazione della conduzione intraventricolare.

Inoltre, il processo di depolarizzazione è completato, sull'elettrocardiogramma questo corrisponde all'intervallo ST. Ciò significa che la membrana cellulare è completamente ricaricata..

Intervallo ST

  • è sull'isoline, oppure sono possibili deviazioni fino a 1 mm.

Se il segmento ST si è spostato verso l'alto o verso il basso, il processo di depolarizzazione viene interrotto.

Onda T.

  • sempre positivo
  • altezza 2-6 mm

Responsabile dei processi di recupero. Qualsiasi cambiamento nell'onda T indica un recupero compromesso. Se l'onda T viene modificata durante l'elettrocardiogramma, il processo è diffuso, se in un punto - focale.

Schema generale (piano) per la decodifica dell'ECG: analisi della frequenza cardiaca e della conduzione, valutazione della regolarità

Per un'interpretazione priva di errori dei cambiamenti nell'analisi dell'ECG, è necessario aderire allo schema per la sua interpretazione fornito di seguito..

Schema generale per la decodifica di un ECG: decodifica di un cardiogramma in bambini e adulti: principi generali, risultati di lettura, un esempio di decodifica.

Elettrocardiogramma normale

Qualsiasi ECG è costituito da diverse onde, segmenti e intervalli, che riflettono il complesso processo di propagazione dell'onda di eccitazione attraverso il cuore.

La forma dei complessi elettrocardiografici e la dimensione dei denti sono diverse nelle diverse derivazioni e sono determinate dall'ampiezza e dalla direzione della proiezione dei vettori del momento dell'EMF del cuore sull'asse dell'una o dell'altra derivazione. Se la proiezione del vettore di coppia è diretta verso l'elettrodo positivo di questa derivazione, sull'ECG viene registrata una deviazione verso l'alto dall'isolina - denti positivi. Se la proiezione del vettore è diretta verso l'elettrodo negativo, la deviazione verso il basso dall'isolina viene registrata sull'ECG - denti negativi. Nel caso in cui il vettore del momento sia perpendicolare all'asse della derivazione, la sua proiezione su questo asse è zero e sull'ECG non vengono registrate deviazioni dall'isoline. Se durante il ciclo di eccitazione il vettore cambia direzione rispetto ai poli dell'asse guida, allora il dente diventa bifasico.

Segmenti e onde dell'ECG normale.

Onda P..

L'onda P riflette il processo di depolarizzazione degli atri destro e sinistro. In una persona sana, nelle derivazioni I, II, aVF, V-V, l'onda P è sempre positiva, nelle derivazioni III e aVL, V può essere positiva, bifasica o (raramente) negativa, e nella derivazione aVR l'onda P è sempre negativa. Nelle derivazioni I e II, l'onda P ha un'ampiezza massima. La durata dell'onda P non supera 0,1 s e la sua ampiezza è 1,5-2,5 mm.

Intervallo P-Q (R).

L'intervallo P-Q (R) riflette la durata della conduzione atrioventricolare, ad es. il tempo di propagazione dell'eccitazione attraverso gli atri, il nodo AV, il suo fascio e i suoi rami. La sua durata è di 0,12-0,20 se in una persona sana dipende principalmente dalla frequenza cardiaca: maggiore è la frequenza cardiaca, più breve è l'intervallo P-Q (R).

Complesso QRST ventricolare.

Il complesso QRST ventricolare riflette il complesso processo di propagazione (complesso QRS) ed estinzione (segmento RS - onda T e T) dell'eccitazione lungo il miocardio ventricolare.

Onda Q.

L'onda Q può essere normalmente registrata in tutte le derivazioni unipolari standard e potenziate dagli arti e nelle derivazioni toraciche V-V. L'ampiezza dell'onda Q normale in tutte le derivazioni, ad eccezione di aVR, non supera l'altezza dell'onda R e la sua durata è di 0,03 s. Un'onda Q profonda e ampia o anche un complesso QS può essere registrato nell'AVR del piombo in una persona sana..

Onda R..

Normalmente, l'onda R può essere registrata in tutte le derivazioni degli arti standard e migliorate. In aVR lead, l'onda R è spesso scarsamente espressa o del tutto assente. Nelle derivazioni toraciche, l'ampiezza dell'onda R aumenta gradualmente da V a V, quindi diminuisce leggermente in V e V. A volte l'onda R può essere assente. Barb

R riflette la diffusione dell'eccitazione lungo il setto interventricolare e l'onda R - lungo il muscolo dei ventricoli sinistro e destro. L'intervallo di deviazione interna nella derivazione V non supera 0,03 s e nella derivazione V - 0,05 s.

Onda S..

In una persona sana, l'ampiezza dell'onda S in varie derivazioni elettrocardiografiche fluttua entro ampi limiti, non superiori a 20 mm. Nella normale posizione del cuore nel torace nelle derivazioni dagli arti, l'ampiezza S è piccola, ad eccezione dell'AVR dell'elettrocatetere. Nelle derivazioni toraciche, l'onda S diminuisce gradualmente da V, V a V, e nelle derivazioni V, V ha ampiezza minima o nulla. L'uguaglianza delle onde R e S nelle derivazioni toraciche ("zona di transizione") viene solitamente registrata nella derivazione V o (meno spesso) tra V e V o V e V.

La durata massima del complesso ventricolare non supera 0,10 s (solitamente 0,07-0,09 s).

Segmento RS-T.

Il segmento RS-T in una persona sana nelle derivazioni degli arti si trova sull'isoline (0,5 mm). Normalmente, nelle derivazioni toraciche V-V, potrebbe esserci un leggero spostamento del segmento RS-T verso l'alto dall'isoline (non più di 2 mm) e nelle derivazioni V - verso il basso (non più di 0,5 mm).

Onda T..

Normalmente, l'onda T è sempre positiva nelle derivazioni I, II, aVF, V-V, con T> T e T> T. Nelle derivazioni III, aVL e V, l'onda T può essere positiva, bifasica o negativa. Nella lead aVR, l'onda T è normalmente sempre negativa.

Intervallo Q-T (QRST)

L'intervallo Q-T è chiamato sistole ventricolare elettrica. La sua durata dipende principalmente dal numero di battiti cardiaci: maggiore è la frequenza cardiaca, minore è il corretto intervallo Q-T. La durata normale dell'intervallo Q-T è determinata dalla formula di Bazett: Q-T = K, dove K è un coefficiente pari a 0,37 per gli uomini e 0,40 per le donne; R-R - durata di un ciclo cardiaco.

Analisi dell'elettrocardiogramma.

L'analisi di qualsiasi ECG dovrebbe iniziare con il controllo della correttezza della tecnica per la sua registrazione. Innanzitutto, è necessario prestare attenzione alla presenza di una varietà di interferenze. Interferenza derivante dalla registrazione ECG:

a - correnti di alluvione - induzione di rete sotto forma di oscillazioni regolari con una frequenza di 50 Hz;

b - “nuoto” (deriva) dell'isolina a causa del cattivo contatto dell'elettrodo con la pelle;

c - pickup causato da tremore muscolare (sono visibili fluttuazioni frequenti irregolari).

Interferenza derivante dalla registrazione ECG

In secondo luogo, è necessario verificare l'ampiezza del millivolt di riferimento, che dovrebbe corrispondere a 10mm.

In terzo luogo, la velocità della carta dovrebbe essere valutata durante la registrazione dell'ECG. Quando si registra un ECG a una velocità di 50 mm s 1 mm su nastro di carta corrisponde a un intervallo di tempo di 0,02 s, 5 mm - 0,1 s, 10 mm - 0,2 s, 50 mm - 1,0 s.

Schema generale (piano) di decodifica ECG.

I. Analisi della frequenza cardiaca e della conduzione:

1) valutazione della regolarità delle contrazioni cardiache;

2) contare il numero di battiti cardiaci;

3) determinazione della fonte di eccitazione;

4) valutazione della funzione di conducibilità.

II. Determinazione dei giri del cuore attorno agli assi antero-posteriore, longitudinale e trasversale:

1) determinazione della posizione dell'asse elettrico del cuore sul piano frontale;

2) determinazione delle rotazioni del cuore attorno all'asse longitudinale;

3) determinazione dei giri del cuore attorno all'asse trasversale.

III. Analisi dell'onda P atriale.

IV. Analisi QRST ventricolare:

1) analisi del complesso QRS,

2) analisi del segmento RS-T,

3) Analisi dell'intervallo Q-T.

V. Conclusione elettrocardiografica.

I.1) La regolarità dei battiti cardiaci viene valutata confrontando la durata degli intervalli R-R tra i cicli cardiaci registrati successivamente. L'intervallo R-R viene solitamente misurato tra le sommità delle onde R. Il ritmo cardiaco regolare, o corretto, viene diagnosticato se la durata della R-R misurata è la stessa e la diffusione dei valori ottenuti non supera il 10% della durata media R-R. In altri casi, il ritmo è considerato errato (irregolare), che può essere osservato con extrasistole, fibrillazione atriale, aritmia sinusale, ecc..

2) Con il ritmo corretto, la frequenza cardiaca (FC) è determinata dalla formula: FC =.

Con un ritmo irregolare, un ECG in una delle derivazioni (il più delle volte nella derivazione standard II) viene registrato più a lungo del solito, ad esempio entro 3-4 s. Quindi viene contato il numero di complessi QRS registrati in 3 s e il risultato viene moltiplicato per 20.

In una persona sana a riposo, la frequenza cardiaca va da 60 a 90 al minuto. Un aumento della frequenza cardiaca è chiamato tachicardia e una diminuzione della frequenza cardiaca è chiamata bradicardia..

Valutazione della regolarità del ritmo e della frequenza cardiaca:

a) ritmo corretto; b) c) ritmo sbagliato

3) Per determinare la fonte di eccitazione (pacemaker), è stato necessario valutare l'andamento dell'eccitazione lungo gli atri e stabilire il rapporto tra le onde R e i complessi QRS ventricolari.

Il ritmo sinusale è caratterizzato da: la presenza nell'II derivazione standard di onde H positive che precedono ogni complesso QRS; forma identica e costante di tutte le onde P nella stessa derivazione.

In assenza di questi segni, vengono diagnosticate varie varianti del ritmo non sinusale..

Il ritmo atriale (dagli atri inferiori) è caratterizzato dalla presenza di onde P, P negative e complessi QRS invariati che le seguono.

Il ritmo dalla connessione AV è caratterizzato da: l'assenza di un'onda P sull'ECG, che si fonde con il solito complesso QRS invariato, o la presenza di onde P negative situate dopo i soliti complessi QRS invariati.

Il ritmo ventricolare (idioventricolare) è caratterizzato da: una frequenza ventricolare lenta (meno di 40 battiti al minuto); la presenza di complessi QRS espansi e deformati; mancanza di una connessione regolare tra complessi QRS e onde P..

4) Per una valutazione preliminare approssimativa della funzione di conduzione, è necessario misurare la durata dell'onda P, la durata dell'intervallo P-Q (R) e la durata totale del complesso QRS ventricolare. Un aumento della durata di questi denti e intervalli indica un rallentamento della conduzione nella sezione corrispondente del sistema di conduzione cardiaca.

II. Determinazione della posizione dell'asse elettrico del cuore. Sono disponibili le seguenti opzioni per la posizione dell'asse elettrico del cuore:

Il sistema a sei assi di Bailey.

a) Determinazione dell'angolo con metodo grafico. Calcola la somma algebrica delle ampiezze dei denti del complesso QRS in due derivazioni qualsiasi dalle estremità (di solito usando le derivazioni standard I e III), i cui assi si trovano sul piano frontale. Il valore positivo o negativo della somma algebrica in una scala scelta arbitrariamente viene tracciato sulla parte positiva o negativa dell'asse della derivazione corrispondente nel sistema di coordinate Bailey a sei assi. Questi valori rappresentano le proiezioni dell'asse elettrico desiderato del cuore sull'asse I e III delle derivazioni standard. Dalle estremità di queste proiezioni vengono ripristinate le perpendicolari agli assi principali. Il punto di intersezione delle perpendicolari è collegato al centro del sistema. Questa linea è l'asse elettrico del cuore..

b) Determinazione visiva dell'angolo. Consente di stimare rapidamente l'angolo con una precisione di 10 °. Il metodo si basa su due principi:

1. Il valore massimo positivo della somma algebrica dei denti del complesso QRS si osserva nell'elettrocatetere, il cui asse coincide approssimativamente con la posizione dell'asse elettrico del cuore, parallelo ad esso.

2. Un complesso di tipo RS, dove la somma algebrica dei denti è uguale a zero (R = S oppure R = Q + S), viene registrato nell'elettrocatetere il cui asse è perpendicolare all'asse elettrico del cuore.

Nella posizione normale dell'asse elettrico del cuore: RRR; nelle derivazioni III e aVL, le onde R e S sono approssimativamente uguali tra loro.

Con una posizione orizzontale o deviazione dell'asse elettrico del cuore a sinistra: le onde R alte sono fissate nelle derivazioni I e aVL, con R> R> R; l'onda S profonda è registrata nella derivazione III.

Con una posizione eretta o deviazione dell'asse elettrico del cuore a destra: le onde R alte sono registrate nelle derivazioni III e aVF e R R> R; le onde S profonde vengono registrate nelle derivazioni I e aV

III. L'analisi dell'onda P comprende: 1) la misurazione dell'ampiezza dell'onda P; 2) misurare la durata dell'onda P; 3) determinazione della polarità dell'onda P; 4) determinare la forma dell'onda P..

IV.1) L'analisi del complesso QRS include: a) valutazione dell'onda Q: ampiezza e confronto con l'ampiezza R, durata; b) valutazione dell'onda R: l'ampiezza, confrontandola con l'ampiezza di Q o S nella stessa derivazione e con R in altre derivazioni; la durata dell'intervallo di deviazione interna nelle derivazioni V e V; possibile rottura di un dente o comparsa di uno aggiuntivo; c) valutazione dell'onda S: ampiezza, confrontandola con l'ampiezza R; possibile allargamento, dentellatura o spaccatura del dente.

2) Analizzando il segmento RS-T, è necessario: trovare il punto di giunzione j; misurare la sua deviazione (+ -) dall'isolina; misurare l'ampiezza dello spostamento del segmento RS-T dell'isolina verso l'alto o verso il basso in un punto situato dal punto j a destra di 0,05-0,08 s; determinare la forma di un possibile spostamento del segmento RS-T: orizzontale, obliquo, obliquo.

3) Quando si analizza l'onda T, è necessario: determinare la polarità di T, valutarne la forma, misurare l'ampiezza.

4) Analisi dell'intervallo Q-T: misura della durata.

V. Conclusione elettrocardiografica:

1) la fonte del ritmo cardiaco;

2) la regolarità del ritmo cardiaco;

4) la posizione dell'asse elettrico del cuore;

5) la presenza di quattro sindromi elettrocardiografiche: a) aritmie cardiache; b) disturbi della conduzione; c) ipertrofia del miocardio dei ventricoli e degli atri o loro sovraccarico acuto; d) danno miocardico (ischemia, distrofia, necrosi, cicatrici).

Elettrocardiogramma per aritmie cardiache

1. Violazioni dell'automatismo del nodo CA (aritmie nomotopiche)

1) Tachicardia sinusale: aumento del numero di battiti cardiaci fino a 90-160 (180) al minuto (accorciamento degli intervalli R-R); mantenere il ritmo sinusale corretto (corretta alternanza dell'onda P e del complesso QRST in tutti i cicli e un'onda P positiva).

2) Bradicardia sinusale: diminuzione del numero di contrazioni cardiache a 59-40 al minuto (aumento della durata degli intervalli R-R); mantenere il ritmo sinusale corretto.

3) Aritmia sinusale: fluttuazioni nella durata degli intervalli R-R superiori a 0,15 se associate alle fasi respiratorie; conservazione di tutti i segni elettrocardiografici del ritmo sinusale (alternanza dell'onda P e del complesso QRS-T).

4) Sindrome da debolezza del nodo del seno: bradicardia sinusale persistente; comparsa periodica di ritmi ectopici (non sinusali); la presenza di un blocco SA; sindrome bradicardia-tachicardia.

a) ECG di una persona sana; b) bradicardia sinusale; c) aritmia sinusale

2. Extrasistole.

1) Extrasistole atriale: comparsa prematura straordinaria dell'onda P 'e del successivo complesso QRST'; deformazione o cambiamento della polarità dell'onda P 'dell'extrasistole; la presenza di un complesso ventricolare extrasistolico invariato QRST ′, simile nella forma ai complessi normali ordinari; la presenza di una pausa compensatoria incompleta dopo un predserdny ekstrasistole.

Battiti prematuri atriali (II derivazione standard): a) dagli atri superiori; b) dalle sezioni centrali degli atri; c) dagli atri inferiori; d) battiti prematuri atriali bloccati.

2) Extrasistoli dalla giunzione atrioventricolare: prematura comparsa straordinaria sull'ECG del complesso QRS ventricolare invariato, simile per forma agli altri complessi QRST di origine sinusale; onda P 'negativa nelle derivazioni II, III e aVF dopo complesso QRS extrasistolico o assenza di onda P' (fusione di P 'e QRS'); la presenza di una pausa compensatoria incompleta.

3) Extrasistole ventricolare: prematura comparsa straordinaria all'ECG del complesso QRS ventricolare alterato; significativa espansione e deformazione del complesso QRS extrasistolico; la posizione del segmento RS-T 'e del dente T' dell'extrasistole è discordante rispetto alla direzione del dente principale del complesso QRS; l'assenza di un'onda P prima dell'extrasistole ventricolare; la presenza nella maggior parte dei casi dopo ekstrasistole ventricolare di una pausa compensatoria piena.

a) ventricolare sinistro; b) extrasistole ventricolare destra

3. Tachicardia parossistica.

1) Tachicardia parossistica atriale: attacco improvviso e anche improvviso di aumento della frequenza cardiaca fino a 140-250 al minuto mantenendo il ritmo corretto; la presenza di un'onda P ridotta, deformata, bifasica o negativa davanti a ciascun complesso QRS ventricolare; complessi normali QRS ventricolari invariati; in alcuni casi, c'è un deterioramento della conduzione atrioventricolare con lo sviluppo di blocco atrioventricolare di I grado con cadute periodiche dei singoli complessi QRS (segni intermittenti).

2) tachicardia parossistica dalla giunzione atrioventricolare: attacco improvviso e anche improvviso di aumento della frequenza cardiaca fino a 140-220 al minuto mantenendo il ritmo corretto; la presenza nelle derivazioni II, III e aVF di onde P 'negative situate dietro i complessi del QRS o che si fondono con esse e non registrate sull'ECG; complessi ventricolari normali non modificati QRS ′.

3) Tachicardia parossistica ventricolare: un attacco improvviso e anche improvviso di aumento della frequenza cardiaca fino a 140-220 al minuto, mantenendo il ritmo corretto nella maggior parte dei casi; deformazione ed espansione del complesso QRS per più di 0,12 s con posizione discordante del segmento RS-T e dell'onda T; la presenza di dissociazione atrioventricolare, ad es. disconnessione completa del ritmo ventricolare frequente e del ritmo atriale normale con complessi QRST singoli normali invariati occasionalmente registrati di origine sinusale.

4. Flutter atriale: presenza di onde F atriali frequenti, fino a 200-400 al minuto, simili con una caratteristica forma a dente di sega sull'ECG (derivazioni II, III, aVF, V, V); nella maggior parte dei casi, ritmo ventricolare corretto e regolare a intervalli regolari F-F; la presenza di complessi ventricolari normali invariati, ciascuno dei quali è preceduto da un certo numero di onde atriali F (2: 1, 3: 1, 4: 1, ecc.).

5. Fibrillazione atriale (fibrillazione atriale): assenza di onda P in tutte le derivazioni; la presenza durante l'intero ciclo cardiaco di onde casuali f, di diversa forma e ampiezza; le onde f sono registrate meglio nelle derivazioni V, V, II, III e aVF; irregolarità dei complessi QRS ventricolari - ritmo ventricolare irregolare; la presenza di complessi QRS, che nella maggior parte dei casi hanno un aspetto normale invariato.

a) forma grande ondulata; b) forma ondulata fine.

6. Flutter ventricolare: frequente (fino a 200-300 al minuto), regolare e uguale per forma e ampiezza, onde di flutter, simile a una curva sinusoidale.

7. Flicker (fibrillazione) dei ventricoli: onde frequenti (da 200 a 500 al minuto), ma irregolari, diverse tra loro per forme e ampiezze diverse.

Elettrocardiogramma per violazioni della funzione di conduzione.

1. Blocco senoatriale: perdita periodica dei cicli cardiaci individuali; un aumento al momento della perdita dei cicli cardiaci della pausa tra due onde P o R adiacenti di quasi 2 volte (meno spesso di 3 o 4 volte) rispetto ai consueti intervalli P-P o R-R.

2. Blocco intra-atriale: aumento della durata dell'onda P superiore a 0,11 s; Divisione dell'onda P..

3. Blocco atrioventricolare.

1) I grado: un aumento della durata dell'intervallo P-Q (R) superiore a 0,20 s.

a) forma atriale: espansione e scissione dell'onda P; Forma normale QRS.

b) forma nodulare: allungamento del segmento P-Q (R).

c) forma distale (tre raggi): deformazione pronunciata del QRS.

2) II grado: perdita dei singoli complessi QRST ventricolari.

a) Mobitz tipo I: allungamento graduale dell'intervallo P-Q (R) con conseguente perdita di QRST. Dopo una pausa prolungata, P-Q (R) di nuovo normale o leggermente allungato, dopo di che viene ripetuto l'intero ciclo.

b) Mobitz tipo II: il prolasso QRST non è accompagnato da un progressivo allungamento di P-Q (R), che rimane costante.

c) Mobitz tipo III (blocco AV incompleto): ogni secondo (2: 1) o due o più complessi ventricolari consecutivi (blocco 3: 1, 4: 1, ecc.).

3) III grado: completa separazione dei ritmi atriali e ventricolari e diminuzione del numero di contrazioni ventricolari a 60-30 al minuto o meno.

4. Blocco delle gambe e dei rami del fascio His.

1) Blocco della gamba destra (ramo) del fascio di His.

a) Blocco completo: la presenza nelle derivazioni V del torace destro (meno spesso nelle derivazioni dalle estremità III e aVF) dei complessi QRS di tipo rSR ′ o rSR ′, aventi un aspetto a forma di M, e R ′> r; la presenza di un'onda S allargata, spesso seghettata, nelle derivazioni toraciche sinistre (V, V) e nelle derivazioni I, aVL; un aumento della durata (larghezza) del complesso QRS superiore a 0,12 s; la presenza nella derivazione V (meno spesso in III) di depressione del segmento RS-T con una convessità rivolta verso l'alto e un'onda T asimmetrica negativa o bifasica (- +).

b) Blocco incompleto: presenza di un complesso QRS di tipo rSr 'o rSR' nella derivazione V e un'onda S leggermente allargata nelle derivazioni I e V; durata del complesso QRS 0,09-0,11 s.

2) Blocco del ramo anteriore sinistro del fascio di His: forte deviazione dell'asse elettrico del cuore verso sinistra (angolo α –30 °); QRS nelle derivazioni I, aVL tipo qR, III, aVF, tipo II rS; durata totale del complesso QRS 0,08-0,11 s.

3) Blocco del ramo posteriore sinistro del fascio His: netta deviazione dell'asse elettrico del cuore verso destra (angolo α120 °); la forma del complesso QRS nelle derivazioni I e aVL di tipo rS e nelle derivazioni III, aVF - di tipo qR; la durata del complesso QRS entro 0,08-0,11 s.

4) Blocco del ramo sinistro del fascio: nelle derivazioni V, V, I, aVL, complessi ventricolari deformati allargati di tipo R con apice diviso o largo; nelle derivazioni V, V, III, aVF, complessi ventricolari deformati allargati che assomigliano a QS o rS con un apice diviso o largo dell'onda S; aumento della durata totale del complesso QRS più di 0,12 s; la presenza nelle derivazioni V, V, I, aVL discordanti rispetto allo spostamento QRS del segmento RS-T e onde T asimmetriche negative o bifasiche (- +); si osserva spesso una deviazione dell'asse elettrico del cuore a sinistra, ma non sempre.

5) Blocco di tre rami del fascio di His: blocco atrioventricolare di I, II o III grado; blocco di due rami del fascio di His.

Elettrocardiogramma per ipertrofia atriale e ventricolare.

1. Ipertrofia dell'atrio sinistro: biforcazione e aumento dell'ampiezza delle onde P (P-mitrale); un aumento dell'ampiezza e della durata della seconda fase negativa (atriale sinistra) dell'onda P nella derivazione V (meno spesso V) o la formazione di P negativa; onda P negativa o bifasica (+ -) (segno non permanente); aumento della durata totale (larghezza) dell'onda P - più di 0,1 s.

2. Ipertrofia dell'atrio destro: nelle derivazioni II, III, aVF, le onde P sono di ampiezza elevata, con apice appuntito (P-polmonare); nelle derivazioni V, l'onda P (o almeno la sua prima - la fase atriale destra) è positiva con un apice appuntito (P-polmonare); nelle derivazioni I, aVL, V, l'onda P di bassa ampiezza, e in aVL può essere negativa (segno non permanente); la durata delle onde P non supera 0,10 s.

3. Ipertrofia ventricolare sinistra: aumento dell'ampiezza delle onde R e S. In questo caso R2 è 25 mm; segni di rotazione del cuore attorno all'asse longitudinale in senso antiorario; spostamento dell'asse elettrico del cuore a sinistra; spostamento del segmento RS-T nelle derivazioni V, I, aVL al di sotto dell'isolina e formazione di un'onda T negativa o bifasica (- +) nelle derivazioni I, aVL e V; un aumento della durata dell'intervallo di deviazione QRS interna nel torace sinistro porta più di 0,05 s.

4. Ipertrofia del ventricolo destro: spostamento dell'asse elettrico del cuore verso destra (angolo α superiore a 100 °); un aumento dell'ampiezza dell'onda R in V e dell'onda S in V; l'emergere di un complesso QRS di tipo rSR 'o QR nella derivazione V; segni di rotazione del cuore attorno all'asse longitudinale in senso orario; spostamento del segmento RS-T verso il basso e comparsa di onde T negative nelle derivazioni III, aVF, V; aumento della durata dell'intervallo di deviazione interna in V superiore a 0,03 s.

Elettrocardiogramma per cardiopatia ischemica.

1. Lo stadio acuto dell'infarto del miocardio è caratterizzato dalla rapida, entro 1-2 giorni, la formazione di un'onda Q patologica o del complesso QS, lo spostamento del segmento RS-T sopra l'isolina e la fusione con esso prima positiva e poi negativa dell'onda T; dopo pochi giorni il segmento RS-T si avvicina all'isoline. Alla 2-3a settimana della malattia, il segmento RS-T diventa isoelettrico e l'onda T coronarica negativa si approfondisce bruscamente e diventa simmetrica, appuntita.

2. Nella fase subacuta dell'infarto miocardico, si registrano un'onda Q patologica o complesso QS (necrosi) e un'onda T coronarica negativa (ischemia), la cui ampiezza diminuisce gradualmente a partire dal 20-25 ° giorno. Il segmento RS-T si trova sull'isoline.

3. Lo stadio cicatriziale dell'infarto miocardico è caratterizzato dalla persistenza per un certo numero di anni, spesso per tutta la vita del paziente, da un'onda Q patologica o complesso QS e dalla presenza di un'onda T debolmente negativa o positiva.

Valore dei denti ECG

• Un normale ECG è costituito principalmente da onde P, Q, R, S e T..
• Tra i singoli denti ci sono i segmenti PQ, ST e QT, che sono clinicamente importanti.
• L'onda R è sempre positiva e le onde Q e S sono sempre negative. Le onde P e T sono normalmente positive.
• La diffusione dell'eccitazione nel ventricolo sull'ECG corrisponde al complesso QRS.
• Quando parlano del ripristino dell'eccitabilità miocardica, intendono il segmento ST e l'onda T..

Un normale ECG di solito è costituito da onde P, Q, R, S, T e talvolta U. Queste designazioni sono state coniate da Einthoven, il fondatore dell'elettrocardiografia. Ha scelto queste lettere a caso dalla metà dell'alfabeto. Le onde Q, R, S insieme formano un complesso QRS. Tuttavia, a seconda della derivazione in cui viene registrato l'ECG, le onde Q, R o S. potrebbero mancare. Ci sono anche intervalli PQ e QT e segmenti PQ e ST che collegano i singoli denti e hanno un certo significato.

La stessa parte della forma d'onda ECG può essere chiamata in modo diverso, ad esempio l'onda atriale può essere chiamata onda o onda P. Puoi chiamare Q, onda R e S Q, onda R e onda S e onda P, T e U P, onda T e saluta U. In questo libro, per comodità, P, Q, R, S e T, ad eccezione di U, chiameremo.

I denti positivi si trovano sopra la linea isoelettrica (linea zero) e negativi - sotto la linea isoelettrica. Le onde P, T e U sono positive. Queste tre onde sono normalmente positive, ma in patologia possono essere negative..

Le onde Q e S sono sempre negative e le onde R sono sempre positive. Se la seconda onda R o S viene registrata sull'ECG, viene designata come R 'e S'.

Il complesso QRS inizia con l'onda Q e dura fino alla fine dell'onda S. Questo complesso è solitamente diviso. Nel complesso QRS, i denti alti sono indicati da una lettera maiuscola e i denti bassi da una lettera minuscola, ad esempio qrS o qRs.

Il momento della fine del complesso QRS è indicato dal punto J.

Per un principiante, il riconoscimento accurato di denti e segmenti è molto importante, quindi ci soffermiamo in dettaglio. Ciascuno dei denti e dei complessi è mostrato in una figura separata. Per una migliore comprensione, accanto alle figure sono riportate le principali caratteristiche di questi denti e il loro significato clinico..

Dopo aver descritto i singoli denti e segmenti dell'ECG e le relative spiegazioni, faremo conoscenza con la valutazione quantitativa di questi indicatori elettrocardiografici, in particolare l'altezza, la profondità e la larghezza dei denti e le loro principali deviazioni dai valori normali.

L'onda P è normale

L'onda P, che è un'onda di eccitazione atriale, ha normalmente un'ampiezza fino a 0,11 s. L'altezza dell'onda P cambia con l'età, ma normalmente non dovrebbe superare 0,2 mV (2 mm). Di solito, quando questi parametri dell'onda P si discostano dalla norma, si parla di ipertrofia atriale.

L'intervallo PQ è normale

L'intervallo PQ, che caratterizza il tempo di eccitazione ventricolare, è normalmente di 0,12 ms, ma non deve superare 0,21 s. Questo intervallo è allungato con i blocchi AV e accorciato con la sindrome WPW.

L'onda Q è normale

L'onda Q in tutti gli incarichi è stretta e la sua larghezza non supera 0,04 s. Il valore assoluto della sua profondità non è standardizzato, ma il massimo è 1/4 dell'onda R corrispondente. A volte, ad esempio, con l'obesità, un'onda Q relativamente profonda viene registrata nella derivazione III.
L'onda Q profonda è principalmente sospettata di IM.

L'onda R è normale

L'onda R tra tutte le onde ECG ha l'ampiezza maggiore. Un'onda R alta viene normalmente registrata nelle derivazioni toraciche di sinistra V5 e V6, ma la sua altezza in queste derivazioni non deve superare i 2,6 mV. Un'onda R più alta indica ipertrofia del ventricolo sinistro. Normalmente, l'altezza dell'onda R dovrebbe aumentare con il passaggio dalla derivazione V5 alla derivazione V6. Con una forte diminuzione dell'altezza dell'onda R, l'MI dovrebbe essere escluso.

A volte l'onda R è divisa. In questi casi, è indicato da lettere maiuscole o minuscole (ad esempio, l'onda R o r). Un'onda R o r aggiuntiva denota, come già accennato, come R 'o r' (ad esempio, nella derivazione V1.

L'onda S è normale

L'onda S nella sua profondità è caratterizzata da una notevole variabilità a seconda dell'elettrocatetere, della posizione del corpo del paziente e della sua età. Con l'ipertrofia ventricolare, l'onda S è insolitamente profonda, ad esempio con l'ipertrofia ventricolare - nelle derivazioni V1 e V2.

Il complesso QRS è normale

Il complesso QRS corrisponde alla diffusione dell'eccitazione attraverso i ventricoli e normalmente non deve superare 0,07-0,11 s. L'espansione del complesso QRS (ma non una diminuzione della sua ampiezza) è considerata patologica. Si osserva principalmente con i blocchi delle gambe del PG.

Il punto J è normale

Il punto J corrisponde al punto in cui termina il complesso QRS.

Prong R. Caratteristiche: il primo rebbio semicircolare basso che compare dopo la linea isoelettrica. Significato: l'eccitazione degli atri.
Onda Q Caratteristiche: la prima piccola onda negativa che segue l'onda P e la fine del segmento PQ. Significato: l'inizio dell'eccitazione ventricolare.
Caratteristiche dell'onda R: la prima onda positiva dopo l'onda Q o la prima onda positiva dopo l'onda P se non c'è un'onda Q. Significato: eccitazione dei ventricoli.
Caratteristiche dell'onda S: prima piccola onda negativa dopo l'onda R Significato: eccitazione ventricolare.
Complesso QRS. Caratteristiche: di solito un complesso diviso che segue l'onda P e l'intervallo PQ. Significato: la diffusione dell'eccitazione attraverso i ventricoli.
Punto J. Corrisponde al punto in cui termina il complesso QRS e inizia il segmento ST. Onda T. Caratteristiche: la prima onda semicircolare positiva dopo il complesso QRS. Significato: ripristino dell'eccitabilità ventricolare.
Onda U. Caratteristiche: piccola onda positiva che appare immediatamente dopo l'onda T. Significato: potenziale effetto collaterale (dopo il ripristino dell'eccitabilità ventricolare).
Linea zero (isoelettrica). Caratteristiche: la distanza tra le singole onde, ad esempio, tra la fine dell'onda T e l'inizio della successiva onda R. Significato: la linea di base rispetto alla quale vengono misurate la profondità e l'altezza delle onde ECG.
Intervallo PQ. Caratteristiche: il tempo dall'inizio dell'onda P all'inizio dell'onda Q. Significato: il tempo di conduzione dell'eccitazione dagli atri al nodo AV e oltre attraverso il PG e le sue gambe. Segmento PQ. Caratteristiche: il tempo dalla fine dell'onda P all'inizio dell'onda Q. Significato: il segmento ST non ha significato clinico. Caratteristiche: il tempo dalla fine dell'onda S all'inizio dell'onda T. Significato: il tempo dalla fine della propagazione dell'eccitazione attraverso i ventricoli all'inizio del ripristino dell'eccitabilità ventricolare. Intervallo QT. Caratteristiche: il tempo dall'inizio dell'onda Q alla fine dell'onda T. Significato: il tempo dall'inizio della propagazione dell'eccitazione fino alla fine del ripristino dell'eccitabilità del miocardio ventricolare (sistole elettrica dei ventricoli).

Il segmento ST è normale

Normalmente, il segmento ST si trova sulla linea isoelettrica, in ogni caso non si discosta in modo significativo da esso. Solo nelle derivazioni V1 e V2 può essere al di sopra della linea isoelettrica. Con un aumento significativo del segmento ST, un nuovo MI dovrebbe essere escluso, mentre una diminuzione indica IHD.

L'onda T è normale

L'onda T è di importanza clinica. Corrisponde al ripristino dell'eccitabilità miocardica ed è generalmente positivo. La sua ampiezza non deve essere inferiore a 1/7 dell'onda R nella derivazione corrispondente (ad esempio, nelle derivazioni I, V5 e V6). Con onde T chiaramente negative, combinate con una diminuzione del segmento ST, dovrebbero essere esclusi IM e malattia coronarica.

L'intervallo QT è normale

L'ampiezza dell'intervallo QT dipende dalla frequenza cardiaca; non ha valori assoluti costanti. Il prolungamento dell'intervallo QT è osservato con ipocalcemia e sindrome del QT lungo.

L'onda U è normale

Anche l'onda U non ha valore normativo. Nell'ipopotassiemia, c'è un aumento significativo dell'altezza dell'onda U..


Articolo Successivo
Cos'è l'encefalopatia: sintomi e meccanismi di sviluppo, cause, trattamento e conseguenze