Interpretazione ECG: onda q


Fai un test online (esame) su questo argomento.

L'onda q (il dente iniziale del complesso QRS) viene registrata durante l'eccitazione della metà sinistra del setto interventricolare (per maggiori dettagli vedere "Eccitazione nel miocardio").

  • Con una posizione orizzontale dell'asse elettrico del cuore o la sua deviazione a sinistra, l'onda q viene registrata nella derivazione I standard e nella derivazione potenziata aVL;
  • Con la posizione verticale dell'asse elettrico del cuore o la sua deviazione verso destra, l'onda q viene registrata nella derivazione standard II, III e nella derivazione potenziata aVF (come nell'ECG a destra);
  • L'onda q deve essere presente nelle derivazioni toraciche V4, V5, V6 (secondo alcuni rapporti si ritiene che la sua ampiezza non debba superare il 15% dell'ampiezza dell'onda R);
  • L'onda q non deve essere registrata (altrimenti è una patologia) nelle derivazioni toraciche V1, V2, V3;
  • Normalmente, la larghezza dell'onda q non dovrebbe superare 0,03 s (1,5 celle);
  • L'ampiezza dell'onda q in ciascuna derivazione dovrebbe essere inferiore a un quarto dell'ampiezza dell'onda R successiva in questa derivazione;
  • Normalmente, l'onda q non dovrebbe essere seghettata;
  • L'ampiezza dell'onda q normalmente non dovrebbe superare 0,2 mV (2 celle) - l'eccezione è la derivazione standard III;
  • Alcune sorgenti consentono un'ampiezza dell'onda q nella derivazione amplificata aVL fino al 50% dell'ampiezza dell'onda R.

Fai un test online (esame) su questo argomento.

Onda Q sull'ECG

Un'invenzione unica chiamata elettrocardiografo è diventata una vera paglia salvavita per le persone inclini a malattie cardiache invisibili ma pericolose. Questo dispositivo medico consente di identificare tempestivamente una patologia grave e prevenirne l'ulteriore sviluppo..

Alla fine della procedura ECG, in alcuni casi, al paziente vengono forniti dati indecifrabili, che sono indicatori visualizzati del lavoro del muscolo cardiaco. In questo momento, una persona si rende conto che ha bisogno di conoscere il risultato della ricerca. L'articolo discute uno dei metodi di auto-decodifica, basato sullo studio dell'onda q patologica sull'ECG.

I componenti principali del cardiogramma

Prima di procedere con la parte principale della narrazione è necessario dedicare parte del tempo alla spiegazione di alcuni aspetti, la cui comprensione consentirà una valutazione oggettiva dei dati studiati..

Prestare attenzione alla griglia mostrata di 2 tipi di celle: piccola e grande (5ˣ5). Un lato orizzontale di una piccola cella corrisponde a 1 mm o comunque 0,04 secondi (tempo) e il lato verticale corrisponde a 1 mV (tensione in microvolt). Pertanto, una cella grande sarà uguale a 5 celle piccole o 0,2 secondi. Il parametro considerato può indicare una violazione del cuore, essendo uno degli elementi importanti del cardiogramma, ma ne parleremo più avanti..

Le dentellature sono aree che si trovano sopra o sotto la linea centrale (zero o isoelettrica). In questo caso, i segmenti ascendenti sono chiamati positivi e quelli opposti sono chiamati negativi..

In medicina, ci sono 5 denti principali che hanno le loro designazioni sotto forma di lettere latine:

  • P (norma: positivo) indica l'ora in cui si verifica il battito cardiaco, idealmente dovrebbe essere uguale a un periodo di 0,12-2 secondi. Ricordiamo la struttura a maglie dell'elettrocardiogramma precedentemente studiata. È più facile eseguire calcoli evidenziando l'inizio e la fine del segmento P con barre verticali.
  • Q (normale: negativo) determina lo stato del setto tra i ventricoli, indica infarto del miocardio.
  • R (normale: positivo) è solitamente più alto del resto delle onde, rappresentando il picco più alto. Riflette i cambiamenti nell'area del miocardio ventricolare.
  • S (normale: negativo) si trova, come Q, ai piedi del picco R e indica il completamento dei processi che avvengono nei ventricoli.
  • T (normale: positivo) rappresenta il ripristino del potenziale del muscolo cardiaco. Di solito si trova sopra la linea isoelettrica (zero).

Ma un'attenzione speciale sarà prestata alla "punta e ai suoi piedi" - Q, R e S, che formano il cosiddetto complesso QRS, costituito da lettere-designazioni. L'intervallo in cui si trova il QRS in una persona sana dura fino a 0,11-0,12 secondi; in rari casi si osserva un allungamento cronologico, che indica una patologia del fascio di His o un disturbo della conduzione.

Funzione Q wave

L'onda Q è definita patologica per un motivo: sono le sue deviazioni dalla norma che indicano prima di tutto la presenza di disturbi pericolosi nel muscolo cardiaco. La maggior parte di loro indica una disfunzione dei vasi miocardici..

In uno stato normale, q potrebbe non apparire affatto sul cardiogramma, ma se il dente si è fatto sentire, ciò non significa affatto che il paziente sia in pericolo. Il segmento in questione di solito dura fino a 0,03 secondi, non di più. In nessun caso la sua parte verticale deve superare ¼ dell'altezza del "picco ascendente" R. Ad esempio, con R uguale a 12 mm, q non può superare (12mm / 4) 3 mm.

L'onda q: un presagio di pericolo

Un po 'sulla manifestazione fisiologica dell'infarto miocardico. Poiché l'arteria ha una dimensione impressionante, al momento di una tremenda pressione sulle pareti di un grande vaso, le placche aterosclerotiche situate lì lasciano il loro precedente habitat e iniziano a "gonfiarsi" nella parte interna dell'arteria: si forma gradualmente un lume, che impedisce in modo significativo il flusso sanguigno.

Quindi, nel tempo, alcune aree iniziano a soffrire di mancanza di ossigeno, che è stato trasferito a parti distanti del corpo dai globuli rossi e si verifica il processo di morte cellulare..

Lo stadio iniziale (ischemia) è reversibile, poiché non ci sono ancora violazioni totali, ma allo stesso tempo sono visibili fallimenti nel lavoro del cuore. E ogni giorno successivo, ignorare i sintomi allarmanti distrugge le già poche possibilità di una riabilitazione completa. Alla fine, il tessuto è sfregiato: un processo irreversibile.

Torniamo ora all'onda q: se sul cardiogramma è visibile una q eccessivamente approfondita, significa che la necrosi sta già prendendo il sopravvento sul "motore" del corpo. Un lungo segmento discendente frastagliato è un segno molto inquietante. In tal caso, puoi osservare una q pronunciata, rispetto alla quale non esiste un'onda R positiva.

Poiché in rare circostanze q può assumere un aspetto formidabile per un altro motivo, è necessario studiare l'intervallo ST che segue il complesso QRS: la sua modifica sospetta molto probabilmente diventerà già un garante della comparsa di IM.

Inoltre, se il paziente deve affrontare i sintomi corrispondenti, la diagnosi è confermata con certezza:

  • dolore costrittivo e costrittivo, sentito dietro il petto per 15-25 minuti;
  • dolore che si verifica nella cavità addominale;
  • nausea, mancanza di respiro con l'attività fisica;
  • iperidrosi (sudorazione profusa);
  • attacco improvviso di aritmia, perdita di coscienza (a breve termine);
  • grave debolezza;
  • pressione sanguigna inaspettatamente bassa.

Caratteristiche dei denti in vari stadi dell'infarto miocardico

La patologia di una grande nave non si presenta mai in modo imprevisto: si sviluppa secondo le fasi identificate, che portano il processo di distruzione alla sua conclusione logica. La tabella mostra le caratteristiche degli indicatori cardiogramma per ogni fase..

PalcoscenicoDurataSegni
Precoce (ischemia)Da pochi minuti a mezz'oraL'onda T appuntita raggiunge il limite di altezza
Fase 1 (danno)Da alcune ore a 2-3 giorniL'elevazione ST è un'elevazione a forma di cupola, l'onda R è abbastanza alta e q è ancora "piccola"
Fase 2 (acuta)Da una a tre settimaneST si abbassa, ma è ancora al di sopra dell'isoline. Q si approfondisce in modo significativo, l'onda T è diventata negativa (vista a ciotola)
Fase 3 (subacuta)Da uno a 2-3 mesiQ e T raggiungono un punto inferiore e ST si avvicina gradualmente alla linea dello zero
Fase 4 (cicatrici)Da diversi mesi a un numero indefinito di anniQ praticamente non cambia posizione. ST si trova sulla linea mediana, il "picco" R diminuisce gradualmente, T ricomincia a salire sotto forma di un tubercolo

L'elettrocardiogramma in ciascuno dei casi ha un aspetto diverso, come si può vedere guardando la loro immagine esterna.

Le conseguenze negative scavalcheranno la persona se, rilevati segnali di allarme, si rivolge prontamente a uno specialista, il quale, al termine della diagnosi, prescriverà un percorso terapeutico individuale. L'infarto miocardico è una malattia molto grave che può causare la morte, quindi le sue manifestazioni non possono essere ignorate!

Onde Q normali e anormali

Spesso è necessario decidere se le onde Q sono normali o anormali.

Non tutte le onde Q sono indicative di infarto miocardico. Ad esempio, un'onda Q viene normalmente registrata in aVR principale. Inoltre, sono visibili piccole onde q settali nelle derivazioni toraciche di sinistra (V4-V6), nonché in una o più delle seguenti derivazioni (I, II, III, aVL, aVF). Ricordare il significato di queste onde q settali (vedere la sezione "ECG normale"). La depolarizzazione del setto interventricolare si verifica da sinistra a destra. Nelle derivazioni toraciche di sinistra, la diffusione della corrente elettrica a destra si riflette sull'elettrocardiogramma come una piccola onda q negativa (parte del complesso qR, dove l'onda R è la diffusione della corrente elettrica a sinistra di questa derivazione). Quando l'EOS è orizzontale, i complessi qR sono visibili nelle derivazioni I e aVL. Nella posizione verticale dell'EOS, i complessi qR sono registrati nelle derivazioni II, III e aVF.

È importante distinguere le onde q settali normali da quelle patologiche nell'infarto miocardico. Le onde q normali sono strette, di piccola ampiezza. Di norma, la loro durata è inferiore a 0,04 s..

L'onda Q è considerata patologica se la sua durata è di almeno 0,04 s nella derivazione I, tre assegnazioni della parete inferiore (II, III, aVF) o nelle derivazioni V3-V6.

Ciò significa che la durata dell'onda Q non è inferiore a 0,04 s nelle derivazioni V1 e V2? Un complesso QS pronunciato può essere una variante della norma nella derivazione V1, meno spesso - in porta V1 e V2. Tuttavia, a volte il complesso QS in questa derivazione è l'unico segno di infarto miocardico del setto anteriore. Il complesso QS patologico nell'infarto del miocardio a volte ha una tacca nella parte discendente o una forma oscura invece di brusche salite e discese (vedi Fig. 8-9). Altri segni di onde Q normali e anormali non sono considerati sul sito.

Che cos'è un'onda Q ampia nella derivazione aVL o un'onda Q nella derivazione III e aVF? Questi denti possono essere normali.

Regole di base per distinguere tra onde Q normali e anormali in queste derivazioni:

  • L'infarto miocardico della parete inferiore del ventricolo sinistro viene diagnosticato se le onde Q patologiche sono visibili nelle derivazioni II, III, aVF. Se le onde Q sono espresse solo nelle derivazioni III e aVF, la probabilità di infarto miocardico aumenta in presenza di alterazioni patologiche nel complesso ST-T in tutte e tre le derivazioni inferiori.
  • L'infarto del miocardio della parete anteriore non può essere diagnosticato con il solo piombo aVL. È necessario trovare onde Q patologiche di cambiamenti nel complesso ST-Tv di altre derivazioni anteriori (I, V1-V6).
Inoltre, non tutte le onde Q sono anormali, non tutte le onde Q anormali sono il risultato di un infarto miocardico..

Ad esempio, rallentare l'ascesa dell'onda R nelle derivazioni toraciche, a volte con complessi QS nelle derivazioni V.1-V3, possibile con blocco di LPH, ipertrofia LV, malattie polmonari croniche in assenza di infarto del miocardio. Le onde Q pronunciate, non associate a infarto del miocardio, sono spesso un tipico segno ECG di cardiomiopatia ipertrofica (Fig. 8-17).

L'onda q sull'ecg

Ricordiamo le principali disposizioni sull'onda Q patologica nella diagnosi ECG di infarto miocardico. (Un'onda q superficiale può essere trovata normalmente nelle derivazioni I, II, III, aVL, aVF, V5 V6.) Il segno più comune di patologia dell'onda Q è la sua larghezza> 0,04 se profondità> 25% dell'ampiezza dell'onda R nella stessa elettrocardiografo (S. Scheidt, 1986). (La presenza del segmento ST e dei cambiamenti dell'onda T nella stessa derivazione ECG insieme a un'onda Q anormale rende più probabile la diagnosi di infarto del miocardio rispetto ai casi in cui questi cambiamenti concomitanti sono assenti).

In particolare, un'onda Q è considerata patologica se la sua profondità supera la seguente percentuale dell'ampiezza del complesso QRS (J. H. O'Keefe et al.):
- 15% in piombo V5, V6;
- 50% nella derivazione aVL e contemporaneamente il 10% nella derivazione I [nella diagnosi di infarto miocardico nelle parti alte (basali) della parete anterolaterale del ventricolo sinistro];
- 25% in piombo aVF.

Sullo sfondo del blocco del fascio destro del Suo fascio, l'onda Q patologica (QS) ha un valore diagnostico. Con un blocco "puro" di PNBP nelle derivazioni V1, V2, non dovrebbe esserci onda q, per non parlare dell'onda Q. Si noti che lo sviluppo del blocco PNBB a volte aiuta a rivelare segni precedentemente invisibili di un grande infarto focale (transmurale) della regione del setto anteriore del ventricolo sinistro: appare un'onda q (Q) nelle derivazioni V1 e V2 [in queste derivazioni sullo sfondo del blocco PNPG, l'onda q (Q) è sempre patologica]. Ricordiamo che normalmente la parte iniziale dell'onda r nella derivazione V1 si forma a causa della depolarizzazione sia del setto interventricolare che del ventricolo destro (S. Fisch, 1998).

Nell'infarto del setto anteriore, l'onda r nella derivazione V1 viene trattenuta solo a causa dell'eccitazione del ventricolo destro attraverso PNPG. Quando si verifica il blocco PNPG e la depolarizzazione del ventricolo destro viene ritardata, l'ECG inizia a mostrare segni di un infarto del setto interventricolare. Questo dovrebbe essere ricordato quando un paziente con infarto anteriore sviluppa un blocco del PNPH e inizia a rivelare l'onda Q nelle derivazioni V1 e V2, che prima non c'era, e non affrettarsi a diagnosticare un infarto miocardico ricorrente o ripetuto.

La presenza del complesso QS (rS) in un paziente con ipertrofia ventricolare sinistra richiede un approccio attento per non perdere la presenza dell'onda g in queste derivazioni (con un'onda S profonda), che aiuta ad escludere la diagnosi di infarto miocardico. In casi dubbi, una registrazione ECG a doppia amplificazione viene utilizzata per facilitare la valutazione dell'onda g.

La presenza del complesso QS non ha valore diagnostico nelle derivazioni:
- aVR;
- III (in assenza di modifiche nelle derivazioni II e aVF);
- V1 (in assenza di cambiamenti in altre derivazioni toraciche), anche sullo sfondo del blocco del ramo sinistro del fascio (la diagnosi ECG di infarto miocardico sullo sfondo di LBBB è descritta separatamente).

Che aspetto ha un attacco di cuore su un ECG, a seconda dello stadio del danno miocardico

Che aspetto ha un attacco di cuore su un ECG, il cardiologo lo sa, e al minimo sospetto di una malattia, prescriverà questa procedura di esame.

L'infarto miocardico è una malattia terribile, il cui esito dipende dall'accuratezza della diagnosi e dal trattamento corretto e tempestivo..

Nessuno dei metodi diagnostici fornisce dati così accurati su come appare l'infarto miocardico come dati ECG.

Inoltre, questo metodo di rilevamento è spesso l'unico possibile..

Un cardiogramma è una linea curva che viene registrata con un dispositivo speciale su carta stretta o supporto elettronico. Durante il normale funzionamento del muscolo cardiaco, la linea viene ripetuta negli stessi cicli.

Nel miocardio avvengono processi complessi che producono impulsi elettrici, che l'apparato cattura nel momento in cui raggiungono la superficie della pelle. Un metodo diagnostico come un ECG consente di scoprire l'aspetto di un infarto miocardico e di prescrivere il trattamento appropriato in tempo.

Sugli elettrodi si forma una differenza di potenziale che l'apparato applica alla carta sotto forma di una linea e dei suoi salti. Per registrare un cardiogramma, vengono posizionati sul corpo umano speciali sensori, che vengono installati su braccia e gambe per ricevere impulsi standard e amplificati.

Viene utilizzato anche un altro elettrodo, che viene posizionato nell'area del cuore per ricevere altri 6 impulsi nell'area del torace. Queste linee grafiche di una certa lunghezza mostrano tutti i processi fisiologici che avvengono in diverse parti del cuore..

Con una buona funzione cardiaca senza alterazioni patologiche, l'ECG mostra solo cinque deviazioni, che i medici chiamano protrusioni P, Q, R, S, T. Deviano da una linea piatta in polarità, altezza e larghezza. Tutti i denti sono responsabili di diversi processi che si verificano nel miocardio..

È possibile caratterizzare le condizioni di una persona dagli intervalli tra le sporgenze P e Q, S e T, T e P, R e R, e anche leggere il valore totale di QRST e QRS.

Questi gruppi possono essere utilizzati per decifrare la sequenza e il tempo di attività di diverse parti del muscolo cardiaco. Con un cuore sano, il suo ciclo inizia sempre con l'attività degli atri, che vengono mostrati sul cardiogramma sotto forma di una protrusione P.Dietro di essa, la linea dovrebbe essere uniforme fino a raggiungere la sporgenza Q, cioè l'intervallo tra P e Q calcola la calma del muscolo cardiaco nel tempo tra l'attività degli atri e ventricoli (protrusione Q).

Il sito QRST è responsabile della diffusione dell'attività nei ventricoli. La protrusione R dovrebbe essere maggiore di tutte, in quanto corrisponde ad un'attività quasi completa dei ventricoli. La protrusione S è fissa quando tutti i ventricoli sono completamente attivi. Alla fase zero, non c'è differenza di potenziale, quindi questa fase sul cardiogramma è indicata da una linea retta. La protrusione a T mostra il tempo impiegato dagli ioni per tornare alla loro posizione originale. E come appare un attacco di cuore su un ECG, parliamo un po 'di seguito.

Nel processo di necrosi di una certa parte del miocardio, il potenziale elettrico è notevolmente ridotto e sembra più piccolo del resto del tessuto intatto. Questo processo sul cardiogramma indica la localizzazione dell'infarto..

Onda Q patologica sull'ECG e segni di infarto miocardico

L'onda Q patologica sull'ECG indica un infarto miocardico, mentre la sua larghezza è superiore a 0,04 secondi e la profondità è superiore al 25% dell'ampiezza della protrusione R nella stessa derivazione. Sulla base dei risultati dell'esame, viene effettuata una diagnosi di infarto miocardico. I segni dell'ECG di questa malattia sono visibili già durante l'esame..

Le modifiche mostrano quale area del miocardio è stata colpita a seguito di un attacco di cuore:

  • Necrosi: si trova al centro e si manifesta sul cardiogramma come un cambiamento nella regione QRS. In quest'area, l'onda Q patologica sull'ECG si manifesta più spesso..
  • Danno - situato dove si è formata la necrosi dei tessuti, sull'ECG questo può essere visto dallo spostamento della sezione S-T.
  • Ischemia - si trova vicino al miocardio invariato ed è indicata da un cambiamento nei valori dell'ampiezza e della polarità della protrusione T che riflette i dati.

Secondo i dati ECG, è anche possibile stabilire la profondità della morte del tessuto muscolare del cuore.

Per questo, vengono descritti diversi tipi di attacchi di cuore:

  • transmurale: la sezione Q-R-S cambia in Q-S, cioè la protrusione R è del tutto assente;
  • subpericardico - depressione della sezione S-T e letture alterate della protrusione T, e la sezione Q-R-S rimane la stessa della normale funzione cardiaca;
  • intramurale: modifiche nella sezione Q-R-S, sollevando la sezione S-T, che si fonde con la protrusione a T.

I segni dell'ECG di infarto miocardico si manifestano in tre fasi:

  • I - attacco cardiaco acuto, dura fino a 3 giorni. L'ECG registra l'aumento della porzione S-T, che si fonde con la protrusione T. Questa porzione inizia a crescere dalla fine della protrusione R..
  • II - infarto subacuto, dura fino a In questo momento, l'ECG ripara il prolasso della sezione S-T, che praticamente raggiunge l'isolina. Inoltre è visibile una protrusione negativa T.
  • III - stadio cicatriziale, che dura molto a lungo. Con la cardiosclerosi postinfartuale, ci saranno deviazioni sull'ECG per il resto della vita. In questa fase, la sezione S-T mostra una linea retta con uno sbalzo a T negativo..

In alcune persone, le dinamiche sul cardiogramma potrebbero non coincidere con i cambiamenti nel cuore. Ad esempio, la terza fase viene mostrata su carta prima che si formi la cicatrice stessa. E il secondo stadio, al contrario, viene mostrato più a lungo, sebbene in questo momento si stia già formando una cicatrice.

Pertanto, la decodifica dell'ECG deve essere eseguita sulla base delle manifestazioni cliniche della malattia e di ulteriori test di laboratorio..

Nonostante il fatto che il modo più semplice per indagare sull'infarto del miocardio sia utilizzare un ECG, è spesso difficile decifrare i risultati dell'esame..

È difficile per i pazienti obesi diagnosticare la malattia, a causa del fatto che la posizione del loro cuore è cambiata.

Difficoltà simili possono essere incontrate quando si esegue un ECG in persone che soffrono di malattie del tratto gastrointestinale, della cistifellea e delle caratteristiche strutturali fisiologiche del sistema di conduzione..

ECG, parte 3c. Cambiamenti dell'ECG nell'infarto miocardico

Per una persona che ha un'onda q patologica sull'ECG, questo fatto può significare solo una cosa: la presenza di una grave patologia cardiaca. È questo indicatore che aiuta a diagnosticare l'infarto miocardico. I medici, analizzando il cardiogramma, prestano attenzione alla sua larghezza e profondità. Ma vale la pena ricordare che quest'area potrebbe non essere sempre patologica, non è considerata l'unica diagnosticamente significativa e richiede una valutazione in combinazione con altri segni. Ad esempio, con la derivazione aVR sull'ECG, l'onda q può essere considerata normale. Può anche apparire nelle derivazioni sinistre del torace V4 e V6..

I complessi qR possono comparire nelle derivazioni I e aVL, ma tenendo conto del fatto che la posizione dell'EOS sarà orizzontale. Con una posizione eretta, è possibile vedere i cambiamenti nelle derivazioni aVF, II, III.

Come identificare la patologia?

Se c'è la probabilità di sviluppare un attacco di cuore, l'onda q del setto è più del 25% dell'ampiezza dell'onda R nella stessa derivazione. Se allo stesso tempo ci sono cambiamenti nell'onda T e nel complesso ST, ciò conferma la diagnosi.

Importante! L'onda q riflette la patologia cardiaca se la sua durata non è inferiore a 0,04 s, se è in: I derivazione, II, III, aVF (parete inferiore), V3-V6.

I medici cardiologi sull'elettrocardiogramma possono vedere il segmento patologico del QS in un attacco di cuore se ha una tacca nella parte discendente.

Cambiamenti nel cardiogramma

Un segmento di forma poco chiara, senza discese e salite chiare, può anche parlare di danno miocardico.

I seguenti punti aiutano a distinguere la presenza di patologia in quest'area:

  1. Se il medico diagnostica un infarto della parete inferiore del ventricolo sinistro, i denti di questo tipo vengono visualizzati nelle derivazioni II, III, aVF. Quando l'onda q si trova in III e aVF, la probabilità di un attacco di cuore aumenta notevolmente. Parallelamente, il medico può osservare patologie nei complessi ST-T.
  2. Se l'infarto si sviluppa nella parete anteriore, non può essere diagnosticato con precisione analizzando solo l'aVL del piombo. In questo caso, è necessario cercare la patologia dei denti nelle derivazioni anteriori I, V1-V6.
  3. Quando le onde q rallentano la loro crescita nelle derivazioni toraciche, questa condizione, insieme al complesso QS nelle derivazioni V1-V3, può indicare malattia polmonare cronica, ipertrofia ventricolare sinistra o blocco.
  4. Le onde q anormali che non riflettono l'infarto del miocardio possono essere un sintomo di cardiomiopatia ipertrofica o dilatativa.

Norme ECG di una persona sana: uomini e donne.

IndiceValore
QRS0,06-0,1 secondi
P0,07-0,11 s
Q0,03 s
T0,12-0,28 s
PQ0,12-0,20 s
Frequenza del battito cardiaco60-80 battiti al minuto

Standard ECG per bambini.

IndiceValore
QRS0,06-0,1 secondi
Pfino a 0,1 s
PQ0.2
QTfino a 0,4 s
Frequenza del battito cardiacofino a 3 anni 100-110 battiti / min

3-5 anni fino a 100 battiti / min

6-8 anni 90-100 bpm

9-12 anni 80-75 bpm

Vari cambiamenti dell'ECG non richiedono misure urgenti di rianimazione, ad eccezione dell'infarto miocardico.

Segni ECG di infarto miocardico:

la comparsa di un'onda Q profonda;

spostamento (elevazione) del segmento ST, livellamento dell'onda R;

onda T negativa.

Come decifrare da soli un cardiogramma del cuore.

Con un po 'di pratica, per capire i denti principali e gli intervalli, puoi leggere tu stesso il cardiogramma. La decifrazione del cardiogramma inizia con la determinazione della frequenza cardiaca, normalmente dovrebbe essere sinusale. Il ritmo sinusale corretto è caratterizzato da intervalli R-R uguali sull'ECG.

Ogni battito cardiaco sull'ECG è indicato da onde: P, Q, R, S, T, U.Le onde di Q e S sono sempre positive (dirette verso l'alto) e l'onda R è sempre negativa (diretta verso il basso).

  • P - contrazione atriale;
  • PQ - transizione dell'impulso dagli atri attraverso il nodo atrioventricolare ai ventricoli. L'onda Q può essere assente normalmente;
  • QRS - complesso ventricolare;
  • S - rilassamento del miocardio;
  • T - rilassamento dei ventricoli;
  • ST - restauro miocardico.

I principali cambiamenti che si verificano sull'ECG, in base ai quali puoi leggere tu stesso il cardiogramma del cuore, possono essere:

  • La distanza tra le onde R non è la stessa. Si manifesta con vari disturbi del ritmo: fibrillazione atriale, debolezza del nodo del seno, extrasistole.
  • L'assenza di un'onda P si verifica se il ritmo non proviene dal nodo del seno.
  • Il prolungamento dell'intervallo QT può indicare lo sviluppo di una malattia coronarica. L'accorciamento dell'intervallo si verifica con l'ipercalcemia.
  • L'aumento e l'altezza dell'onda R possono essere un segno di ipertrofia ventricolare destra..
  • Un'onda P dilatata indica ipertrofia atriale sinistra.
  • Con il blocco atrioventricolare può verificarsi un aumento dell'intervallo PQ.
  • Il grado di deviazione dall'isolina nel segmento R-ST indica ischemia miocardica.
  • L'innalzamento del segmento ST sopra l'isolina e la comparsa di un'onda Q ampia e profonda si verifica nell'infarto miocardico acuto.

La durata delle onde principali e degli intervalli sull'ECG negli adulti.

Punte e intervalliTempo, s
QRS0,06-0,1
P0,07-0,11
Q0,07-0,11
T0.12-0.28
PQ0.12-0.2

Cardiogramma del cuore: decodifica e principali patologie diagnosticate.

I principali tipi di violazioni nel lavoro del cuore sull'ECG.

  • Le aritmie sono disturbi del ritmo. La fibrillazione atriale più comune è il flutter atriale, quando gli impulsi provengono in modo caotico da diverse parti degli atri e sono caratterizzati da una frequenza cardiaca elevata più spesso di 200 battiti al minuto. La fibrillazione atriale può essere una malattia indipendente o accompagnare vari disturbi metabolici e danni cardiaci organici..
  • Disturbi della conduzione. Questo tipo di violazione è chiamato blocco, possono essere malattie sia funzionali che indipendenti..
  1. Blocco di branca destro incompleto - Un'anomalia comune della conduzione ventricolare che spesso compare solo su un ECG.
  2. Blocco completo del ramo destro del fascio di His - può indicare lesioni miocardiche, accompagnate da mancanza di respiro, vertigini e debolezza generale.
  3. Blocco senoatriale: difficoltà nel condurre un impulso dal nodo del seno. Di conseguenza, c'è una sindrome del seno malato e una diminuzione del numero di contrazioni, che si manifesta clinicamente con mancanza di respiro e debolezza..
  4. Atrioventricolare (blocco AV): ritardo dell'eccitazione nel nodo atrioventricolare più lungo del tempo normale (0,09 secondi). Ci sono 3 gradi. Il grado 3 è il più grave: blocco trasversale assoluto, che richiede una rianimazione urgente.
  • Cambiamenti ipertrofici nel miocardio si verificano quando l'una o l'altra parte del cuore è sovraccarica. Di conseguenza, le pareti muscolari delle parti corrispondenti del cuore si ispessiscono, sull'ECG sembra un'espansione dei denti e dei complessi.

I principali cambiamenti dell'ECG che indicano una violazione della funzione contrattile del miocardio:

La sindrome della ripolarizzazione precoce dei ventricoli è un fenomeno elettrocardiografico caratterizzato da un'elevazione del sito di transizione del complesso ventricolare nel segmento ST sopra l'isolina. È normale per gli atleti e le persone in sovrappeso.

Cambiamenti metabolici diffusi nel miocardio. Associato a disturbi nutrizionali del miocardio, si verificano anche quando l'equilibrio idrico-elettrolitico del corpo è disturbato, l'assunzione di farmaci e uno sforzo fisico intenso.

L'ischemia miocardica in una fase iniziale può essere diagnosticata da cambiamenti nell'onda T - il suo aumento o diminuzione. Nelle fasi successive, si osservano cambiamenti nel segmento ST, di regola, la sua depressione e in acuto - cambiamenti nell'onda Q.

Ci sono tre criteri con cui si caratterizza un infarto:

  • A seconda dello stadio: acuto, acuto, subacuto e cicatriziale.
  • A seconda del volume: focale grande e focale piccola.
  • La posizione del focolare.

L'infarto miocardico è un'emergenza cardiologica che richiede rianimazione e trattamento immediati. Prima il paziente riceve aiuto, maggiori sono le sue possibilità di sopravvivenza e salute del cuore..

Capacità diagnostiche dell'elettrocardiografo.

L'ECG è il principale metodo diagnostico per rilevare varie malattie del sistema cardiovascolare..

Cosa ti permette di diagnosticare un ECG?

  • determinazione delle violazioni della frequenza e regolarità del ritmo cardiaco;
  • ingrossamento del muscolo cardiaco;
  • violazioni della conduttività elettrica;
  • flusso sanguigno insufficiente (ischemia) e morte del muscolo cardiaco (infarto miocardico);
  • rilevamento di altre condizioni patologiche che si verificano nel corpo: squilibrio elettrolitico, intossicazione, avvelenamento da farmaci.

L'ECG regolare in Dolgoprudny è mirato, prima di tutto, a determinare i primi segni di ischemia miocardica al fine di prevenire lo sviluppo di un infarto e, se necessario, fornire cure mediche urgenti.

Un ECG viene eseguito per un bambino allo stesso modo di un adulto, ma vengono utilizzati sensori più piccoli. L'unica raccomandazione è di non eseguire 15 minuti prima della procedura..

Controlla i prezzi per l'ECG in Dolgoprudny sul sito web o presso l'amministratore della clinica. L'ECG in Dolgoprudny può essere eseguito gratuitamente.

La diagnosi tempestiva è la chiave per il successo del trattamento.

L'ECG non viene eseguito solo per le malattie cardiache e i segni di cattiva salute. Può essere necessario un ECG nei seguenti casi:

  • prima del prossimo intervento chirurgico;
  • dopo aver sofferto di malattie infettive, intossicazione o avvelenamento, complicazioni dalle quali possono influire sul lavoro del sistema cardiovascolare;
  • in caso di visita medica di idoneità professionale per determinate categorie di professioni;
  • insorgenza improvvisa di battito cardiaco accelerato, mancanza di respiro, svenimento o dolore nell'area del cuore.
  • spaserizzazione durante la gravidanza;
  • esame clinico della popolazione adulta;
  • bambini nel primo anno di vita;
  • atleti prima della competizione;
  • con altre malattie somatiche.

I pazienti vogliono sapere...

Cosa vogliono sapere i pazienti quando guardano grafici complessi su un cardiogramma? Naturalmente, c'è il desiderio di capire se tutto è in ordine sull'ECG e se ci sono condizioni pericolose per la vita. Tuttavia, per decifrare l'ECG da soli, è necessario avere molte conoscenze non solo sui denti, sugli intervalli, sui loro cambiamenti, ma anche per avere un'idea del lavoro del cuore..

Qual è il cuore? Il cuore umano, come tutti i mammiferi, è costituito da 4 camere: due atri e due ventricoli, che sopportano il carico principale. Il ventricolo sinistro del cuore fornisce sangue a tutto il corpo - questa è la cosiddetta circolazione sistemica, il ventricolo destro - polmonare - circolazione polmonare. Il sangue ossigenato dai polmoni ritorna nell'atrio sinistro, da lì al ventricolo sinistro, da dove viene trasportato a tutti gli organi e tessuti, fornendo loro ossigeno. Pertanto, un sistema ben coordinato di tutte le parti del cuore è così importante..

Abilità del cuore.

  • Il cuore ha le seguenti caratteristiche, che consentono di garantire i suoi compiti difficili:
  • Automatismo: la capacità del cuore di battere ritmicamente sotto l'influenza di impulsi che sorgono in sé.
  • Eccitabilità: la capacità del cuore di essere attivato stimolando gli impulsi;
  • Conduzione - conduzione degli impulsi dal luogo della loro origine alle strutture contrattili;
  • Contrattilità: la capacità del muscolo cardiaco di contrarsi e rilassarsi sotto l'influenza degli impulsi;
  • Tonalità: il cuore in diastole non perde la sua forma e fornisce un'attività ciclica continua.

Ci sono due fasi nell'attività del cuore: sistole (contrazione) e diastole (rilassamento). La sistole atriale fornisce sangue ai ventricoli. Quindi gli atri passano nella fase diastolica, che continua per tutta la sistole ventricolare. Durante la diastole, gli atri si riempiono di sangue.

Come eseguire un ECG?

Gli elettrocardiografi vengono eseguiti nelle istituzioni mediche, ci sono quelli fissi e ci sono dispositivi portatili che vengono utilizzati, ad esempio, dalle squadre di ambulanze. La procedura viene solitamente eseguita da un infermiere, un cardiologo o un medico diagnostico funzionale appositamente formati..

Il paziente dovrebbe spogliarsi fino alla vita, anche i suoi stinchi dovrebbero essere esposti, poiché gli elettrodi saranno attaccati a loro. L'ECG viene eseguito in posizione supina su un lettino speciale. Gli elettrodi hanno un colore diverso a seconda di dove verranno applicati. 6 elettrodi sono attaccati all'area del cuore in una certa sequenza e 2 alle braccia e alle gambe. Gli elettrodi possono essere usa e getta o riutilizzabili. Le zone desiderate vengono trattate con un batuffolo di cotone inumidito con una soluzione speciale per una migliore conduzione degli impulsi. E poi iniziano a prendere direttamente il cardiogramma. Al paziente può essere chiesto di fare un "respiro" - questo è necessario per la corretta decodifica del cardiogramma.

Come controllare il cuore diverso dall'ECG.

L'ECG è un metodo obbligatorio per esaminare il cuore. Ma a volte sono necessari metodi di ricerca aggiuntivi per una diagnosi accurata..

Il monitoraggio ECG Holter è un metodo di registrazione giornaliera di un ECG utilizzando un dispositivo speciale che deve essere indossato per 22-24 ore.

Monitoraggio della pressione sanguigna 24 ore su 24: un metodo di registrazione giornaliera della pressione sanguigna utilizzando un tonometro computerizzato automatico.

Test da sforzo ergometrico per bicicletta o tapis roulant: eseguire un ECG mentre il paziente sta eseguendo un'attività fisica.

Ultrasuoni del cuore: consente di determinare la dimensione delle cavità e lo spessore delle pareti del cuore, di valutare il funzionamento dell'apparato valvolare, di identificare le violazioni della funzione contrattile.

Quando c'è qualcosa che non va nel cuore.

Spesso la conclusione sul cardiogramma inizia con le parole. “Il ritmo è sinusale. La posizione normale dell'asse elettrico del cuore ". Abbiamo scritto sopra le opzioni di ritmo. Ma l'asse del cuore può deviare sia a destra che a sinistra. Nelle conclusioni si trova anche la diagnosi di ipertrofia ventricolare sinistra. Si verifica con un aumento dei carichi sul cuore sinistro. In questi casi, l'asse elettrico devia a sinistra, con ipertrofia del ventricolo destro, rispettivamente a destra. Inoltre, la posizione dell'asse elettrico dipende dalla posizione anatomica del cuore e dalla direzione di propagazione dell'impulso attraverso i ventricoli..

Quali indicatori indicano cambiamenti dolorosi nel lavoro del cuore?

Per stabilire una diagnosi, il medico deve vedere una serie di modifiche sull'ECG:

  • la profondità dell'onda q deve superare una certa percentuale dell'ampiezza del segmento QRS;
  • in piombo V5, V6 è aumentato di oltre il 15%;
  • in piombo aVL - del 50% e I - del 10%, mentre questo processo avviene simultaneamente;
  • in piombo aVF - del 25%;
  • se viene diagnosticato un blocco di PNPG nelle derivazioni V1, V2, questa ondata potrebbe non esserlo affatto;
  • se si sviluppa un infarto della regione del setto anteriore, l'onda R sul segmento V1 può rimanere solo a causa della continua eccitazione del ventricolo destro.

Importante! Se il paziente ha un blocco parallelo di PNPG e l'onda Q cresce nelle sezioni V1 e V2, che non si erano precedentemente mostrate, non è necessario affrettarsi a impostare un secondo infarto.

Per chiarire la diagnosi, il cardiologo deve valutare attentamente le caratteristiche del complesso QS se il paziente ha ipertrofia ventricolare sinistra. Se i dati sono dubbi, è possibile applicare una registrazione ECG tenendo conto della doppia amplificazione.

D'altra parte, il complesso QS non giocherà alcun ruolo nei seguenti segmenti ECG: aVR, III (se non ci sono cambiamenti nelle derivazioni II e aVF), V1.

Come identificare i segni di un attacco di cuore su un ECG?

Il medico può parlare accuratamente dello sviluppo della malattia solo se la larghezza del dente è superiore a 0,04 s., E la profondità è superiore del 25% rispetto all'ampiezza della protrusione R. La diagnosi può essere fatta dopo aver analizzato le seguenti modifiche:

  • I cambiamenti nel segmento QRS (con il prolasso dell'onda R o la sua notevole diminuzione), che si trova al centro, indicano la necrosi del tessuto miocardico.
  • Il danno miocardico (cambiamenti di grado minore) è determinato principalmente dal cambiamento nel segmento ST da spostato rispetto all'isoline, e il suo arco si rivolge verso lo spostamento.
  • Se il paziente sviluppa una malattia coronarica, la polarità, l'ampiezza e la larghezza dell'onda T cambiano sull'ECG.

Utilizzando un elettrocardiogramma, il medico può anche determinare la profondità della necrosi dei tessuti del muscolo cardiaco.

Cosa riflette l'onda p sull'ECG: decodifica dei dati ottenuti, i motivi della biforcazione dell'onda

Lo stato dell'intero organismo dipende dalla salute del sistema cardiovascolare. Quando si verificano sintomi spiacevoli, la maggior parte delle persone cerca assistenza medica. Avendo ricevuto i risultati di un elettrocardiogramma sulle loro mani, poche persone capiscono qual è la posta in gioco. Cosa riflette l'onda p sull'ECG? Quali sintomi allarmanti richiedono supervisione medica e persino trattamento?

Perché viene eseguito un elettrocardiogramma?

Dopo l'esame da parte di un cardiologo, l'esame inizia con un'elettrocardiografia. Questa procedura è molto istruttiva, nonostante venga eseguita rapidamente, non richieda una formazione speciale e costi aggiuntivi.

Il cardiografo registra il passaggio degli impulsi elettrici attraverso il cuore, registra la frequenza cardiaca e può rilevare lo sviluppo di gravi patologie. I denti ECG danno un'idea dettagliata delle diverse parti del miocardio e di come funzionano..

La norma per un ECG è che denti diversi differiscono in derivazioni diverse. Vengono calcolati determinando il valore relativo alla proiezione dei vettori EMF sull'asse guida. Il polo può essere positivo e negativo. Se si trova al di sopra dell'isoline della cardiografia, è considerato positivo, se al di sotto di esso - negativo.

Un dente bifasico viene registrato quando, al momento dell'eccitazione, il dente si sposta da una fase all'altra.

Importante! Un elettrocardiogramma del cuore mostra lo stato del sistema conduttivo, costituito da fasci di fibre attraverso i quali passano gli impulsi.

Osservando il ritmo delle contrazioni e le caratteristiche dei disturbi del ritmo, puoi vedere varie patologie.

Il sistema di conduzione del cuore è una struttura complessa. Consiste in:

  • nodo seno-atriale,
  • atrioventricolare,
  • ramo di fascio,
  • Fibre di Purkinje.

Il nodo del seno, come pacemaker, è la fonte degli impulsi. Si formano a una velocità di 60-80 volte al minuto. Con vari disturbi e aritmie, gli impulsi possono essere generati più spesso o meno spesso del normale..

A volte si sviluppa bradicardia (battito cardiaco lento) a causa del fatto che un'altra parte del cuore assume la funzione del pacemaker. Le manifestazioni aritmiche possono anche essere causate da blocchi in varie zone. A causa di ciò, il controllo automatico del cuore viene interrotto..

Cosa mostra l'ECG

Se conosci le norme per gli indicatori del cardiogramma, come dovrebbero essere posizionati i denti in una persona sana, puoi diagnosticare molte patologie. Tale visita viene eseguita in regime ospedaliero, ambulatoriale e in casi critici urgenti, da medici di ambulanza per effettuare una diagnosi preliminare.

I cambiamenti riflessi nel cardiogramma possono indicare le seguenti condizioni:

  • ritmo e frequenza cardiaca,
  • infarto miocardico,
  • blocco del sistema di conduzione cardiaca,
  • violazione del metabolismo di importanti oligoelementi,
  • blocco delle grandi arterie.

Ovviamente, uno studio dell'elettrocardiogramma può essere molto informativo. Ma quali sono i risultati dei dati ottenuti?

Attenzione! Oltre ai denti, nell'immagine ECG sono presenti segmenti e intervalli. Sapendo qual è la norma per tutti questi elementi, puoi diagnosticare.

Dettagliare la decodifica dell'elettrocardiogramma

La norma per l'onda P è la posizione sopra l'isolina. Questo dente atriale può essere negativo solo nelle derivazioni 3, aVL e 5. Nelle derivazioni 1 e 2 raggiunge la sua ampiezza massima. L'assenza di un'onda P può indicare un grave disturbo nella conduzione degli impulsi nell'atrio destro e sinistro. Questo dente riflette lo stato di questa particolare parte del cuore..

L'onda P viene decifrata per prima, poiché è in essa che si origina un impulso elettrico, trasmesso al resto del cuore.

La scissione dell'onda P, quando si formano due apici, indica un aumento nell'atrio sinistro. La biforcazione si sviluppa spesso nelle patologie della valvola bicuspide. L'onda P a doppia gobba diventa un'indicazione per ulteriori esami cardiaci.

L'intervallo PQ mostra come l'impulso viene trasferito ai ventricoli attraverso il nodo atrioventricolare. La norma per questa sezione è una linea orizzontale, poiché non ci sono ritardi dovuti alla buona conduttività.

L'onda Q è normalmente stretta, la sua larghezza non è superiore a 0,04 s. in tutte le derivazioni e l'ampiezza è inferiore a un quarto dell'onda R. Se l'onda Q è troppo profonda, questo è uno dei possibili segni di un infarto, ma l'indicatore stesso viene valutato solo in combinazione con altri.

L'onda R è ventricolare, quindi è la più alta. Le pareti dell'organo in questa zona sono le più dense. Di conseguenza, l'onda elettrica viaggia più a lungo. A volte preceduto da una piccola onda Q negativa.

Durante la normale funzione cardiaca, l'onda R più alta viene registrata nelle derivazioni toraciche sinistre (V5 e 6). Inoltre, non deve superare i 2,6 mV. Un dente troppo alto è un segno di ipertrofia ventricolare sinistra..

Questa condizione richiede una diagnostica approfondita per determinare le cause dell'aumento (IHD, ipertensione arteriosa, cardiopatia valvolare, cardiomiopatia).

Se l'onda R scende bruscamente da V5 a V6, questo potrebbe essere un segno di MI..

Dopo questa riduzione, inizia la fase di recupero. Questo è illustrato sull'ECG come la formazione di un'onda S negativa.

Una piccola onda T è seguita da un segmento ST, che normalmente dovrebbe essere rappresentato da una linea retta.

La linea Tckb rimane diritta, non ci sono aree piegate su di essa, la condizione è considerata normale e indica che il miocardio è completamente pronto per il successivo ciclo RR - dalla contrazione alla contrazione.

Determinazione dell'asse cardiaco

Un altro passo nella decodifica dell'elettrocardiogramma è determinare l'asse del cuore. Un'inclinazione normale è compresa tra 30 e 69 gradi. Letture più piccole indicano una deviazione a sinistra e letture più alte a destra.

Possibili errori di ricerca

È possibile ottenere dati imprecisi dall'elettrocardiogramma se i seguenti fattori agiscono sul cardiografo durante la registrazione dei segnali:

  • fluttuazioni della frequenza della corrente alternata,
  • spostamento degli elettrodi dovuto alla loro imposizione allentata,
  • tremori muscolari nel corpo del paziente.

Tutti questi punti influenzano l'ottenimento di dati affidabili durante l'elettrocardiografia. Se l'ECG mostra che questi fattori si sono verificati, lo studio viene ripetuto.

Quando un cardiogramma viene decodificato da un cardiologo esperto, puoi ottenere molte informazioni preziose. Per non iniziare la patologia, è importante consultare un medico ai primi sintomi dolorosi. Così puoi preservare la salute e la vita!

(1 5,00 su 5) Caricamento in corso...

Tipi di infarto miocardico

Quando si effettua una diagnosi, il cardiologo determina anche il tipo di patologia (la sua localizzazione e grado), poiché è facile notare sui risultati dell'elettrocardiografia.

Esistono tre tipi di attacchi di cuore:

  • Sottopericardico. In questo caso, c'è una depressione del segmento ST, si verificano cambiamenti nell'onda T. Ma con l'infarto sottopericardico, la regione QRS rimane normale.
  • Transmurale. Il segmento QRS entra in QS e la R è completamente persa.
  • Intramurale. La regione QRS cambia, il segmento ST si fonde con l'onda T..

Un'onda Q anormale registrata in una sola di queste derivazioni non è un segno diagnostico di un attacco di cuore. Ciò è particolarmente vero per la derivazione standard III. Le onde QIII, così come QaVF, non causate da un infarto, di solito scompaiono o diventano molto piccole in ampiezza durante un respiro profondo e in posizione eretta del paziente. Pertanto, in presenza di un'onda QIII profonda, eseguire sempre un ECG in questa derivazione anche durante un respiro profondo e, nei casi dubbi, in posizione eretta del paziente. Occasionalmente queste tecniche vengono utilizzate anche nell'aVF di piombo..

Un'onda Q anormale è spesso seghettata o divisa. L'onda Q è molto probabilmente anormale se è associata a un'onda T negativa o all'elevazione del segmento ST, o se l'onda R successiva è dentellata o divisa. Nei casi dubbi, l'onda Q è non patologica, se la sua larghezza è inferiore a 0,03 s, spesso anche con una profondità sufficiente dell'onda Q, se i suoi contorni sono uniformi e non è seghettata o se è combinata con un'onda T positiva.

Spesso, con infarto miocardico diaframmatico posteriore, oltre ai cambiamenti dell'ECG descritti, c'è un aumento dell'ampiezza dell'onda R iniziale nell'aVR della derivazione, quando il RaVR iniziale è> 1 mm. Inoltre, va tenuto presente che in circa il 30% dei pazienti con alterazioni cicatriziali in quest'area, l'onda patologica QII, III, aVF è assente. In assenza di un'onda Q patologica, un segno di infarto miocardico diaframmatico posteriore può talvolta essere una dentellatura pronunciata del complesso QRS, ma nelle derivazioni II, III e aVF. È più spesso osservato nello stadio cicatriziale di un attacco di cuore. Tuttavia, la frastagliatura del complesso QRS può essere osservata non solo con un infarto, ma anche con l'ipertrofia dei ventricoli del cuore. Il suo valore per la diagnosi dei cambiamenti cicatriziali, così come occasionalmente infarto miocardico acuto, aumenta in modo significativo se viene osservato nel mezzo o alla fine del complesso QRS.

Nella fase acuta dell'infarto miocardico, oltre all'onda Q patologica e alle derivazioni II, III, aVF e dorsale, si osservano anche cambiamenti nel segmento ST e nell'onda T e nella maggior parte dei pazienti con infarto non complicato, il segmento ST ritorna all'isolina entro 2 settimane.

"Guida all'elettrocardiografia", V.N. Orlov

  • Infarto della parete inferiore
    il più delle volte accompagnato dalla comparsa di un'onda Q nelle derivazioni III e aVF (Fig.1), meno spesso - nella derivazione II. La presenza isolata di un'onda Q nella derivazione III è la meno specifica, ma la presenza di un'onda Q ampia e profonda nell'avF della derivazione (≥40 ms e ≥25% dell'ampiezza dell'onda R) è un segno più significativo di IM inferiore. In alcuni casi, verrà registrato un vettore di attivazione del setto discendente sotto forma di una piccola onda r nelle derivazioni III e aVF, mentre nella derivazione II si vedrà un'onda completamente negativa, a conferma della diagnosi. Non è raro che un IM inferiore rilevi onde Q anormali nelle derivazioni V5-V6: in questi casi, può essere utilizzato il termine "IM inferiore" (vedere Fig. 1). A volte nelle derivazioni V5 e V6, situate relativamente in basso, è possibile registrare le modifiche sopra la parete inferiore.
  • Infarto della parete posteriore
    diagnosticata in presenza di onde R elevate nelle derivazioni V1-V2, come riflesso della perdita del vettore di attivazione nella maggior parte della parete posteriore del ventricolo sinistro (vedi Fig. 1). L'infarto del miocardio posteriore è solitamente associato a infarto della parete inferiore e, se è assente, è necessario effettuare una diagnosi differenziale con altre cause di onde R elevate nelle derivazioni V1-V2, come ipertrofia del VD, cambiamenti di posizione (rotazione in senso antiorario), preeccitazione o RBBB.
  • Infarto settale o anteriore
    è registrato nelle derivazioni precordiali di destra V1-V3, poiché l'IVS è, infatti, la parete anteriore del LV. Le onde Q profonde in queste derivazioni sono considerate diagnostiche, ma la presenza di onde r molto piccole (<20 ms) nella derivazione V2 può essere un segno abbastanza importante a questo proposito. L'ipertrofia del ventricolo sinistro (vedi Fig.2), il blocco LBBB (Fig.2) e l'allargamento del VD con rotazione in senso orario (vedi Fig.1) possono anche essere accompagnati dalla comparsa di un'onda Q o di un complesso rS nelle derivazioni V1-V3, rendendo difficile casi di diagnosi di IM.
  • Infarto laterale e anterolaterale
    è definito nelle derivazioni I e aVL, che registrano il potenziale delle pareti superiore e laterale del VS. Le onde Q anomale in queste derivazioni sono caratteristiche diagnostiche. La scomparsa del vettore di attivazione diretto verso sinistra e verso l'alto può causare la deviazione dell'asse elettrico verso destra..
  • Infarto RV
    non è accompagnato dalla comparsa di un'onda Q patologica sull'ECG, ma spesso appare con infarto della parete inferiore. La diagnosi si basa sulla presenza nella fase acuta di innalzamento del tratto ST nelle derivazioni precordiali destre (V4R), sindrome clinica di bassa produzione e aumento della pressione nel RV. La diagnosi differenziale deve essere eseguita con cuore polmonare acuto dovuto a embolia polmonare.

Fasi di sviluppo dell'infarto miocardico: durata e caratteristiche

Quando un paziente viene ricoverato in ospedale, in qualità di cardiologo, determino sempre in quale fase si trova la malattia: conduco un ECG in dinamica, valuto i risultati di un esame del sangue e le condizioni generali del paziente.

Ciò consente di decidere ulteriori azioni per fornire assistenza.

Vediamo quali fasi dell'infarto miocardico si distinguono nel tempo, come differiscono l'una dall'altra e cosa accade in ogni periodo con il muscolo cardiaco.

Nella maggior parte dei pazienti, l'infarto del miocardio si sviluppa gradualmente. In primo luogo, un paziente con angina pectoris aumenta la frequenza e la durata degli attacchi di cuore, diminuisce la soglia dell'attività fisica e dolori nella regione toracica che non hanno disturbato per molti anni. E la "nitroglicerina" non allevia la sindrome del dolore così rapidamente come prima.

Dopo l'inizio di un attacco e la comparsa di ischemia e necrosi persistenti, si distinguono 4 fasi dello sviluppo di un infarto, ognuna ha i propri sintomi clinici e manifestazioni sul cardiogramma.

Lo stadio più acuto

Durata: da 10-20 minuti a diverse ore. L'angina pectoris instabile si sviluppa in un attacco di cuore:

  1. Il dolore acuto non è più alleviato dai nitrati e scompare dopo l'uso di analgesici narcotici.
  2. Il dolore è pressante, costrittivo, bollente.
  3. Nella manifestazione classica, è determinato nel petto a sinistra, dà sotto la scapola sinistra, la clavicola, il collo, la mascella inferiore, metà della testa.

Con un esame obiettivo:

  1. Pelle pallida, sudore freddo, triangolo naso-labiale blu.
  2. La muffa di io tono nella zona di apice è annotata su un'auscultazione.
  3. La frequenza cardiaca sta cambiando. Secondo le statistiche, nel 90% dei pazienti si osservano disturbi del ritmo e della conduzione, tachicardia o bradicardia.
  4. La pressione prima sale e poi scende.
  5. Appare mancanza di respiro, in alcuni casi ci sono segni di insufficienza polmonare.
  6. L'analisi del sangue mostra un aumento dei livelli di troponina e mioglobina.

L'ECG mostra una forte diminuzione dell'onda R, un aumento significativo della ST sopra l'isolina e la sua fusione con T (curva monofasica).

La morfologia del tessuto cambia. La lesione ha confini distinti, il miocardio diventa pallido, edematoso. Il secondo giorno, l'area ischemica diventa gialla, ha una linea di demarcazione.

Puoi leggere di più sui segni di un attacco di cuore sull'ECG qui.

Acuto

Dura fino a 10 giorni. Il dolore anginoso, caratteristico dello stadio più acuto, passa. La pressione sanguigna bassa rimane, i segni di insufficienza cardiaca stanno aumentando. Le violazioni del ritmo e della conduzione progrediscono quasi sempre. Nei primi due giorni, emerge la sindrome da riassorbimento-necrotica:

  1. La temperatura sale, non oltre i 37,5 ° C. Se l'indicatore è più alto, ciò indica l'aggiunta di un'infezione. Dura 5-7 giorni.
  2. Il livello di leucociti nel sangue, principalmente neutrofili, aumenta, aumenta la VES.
  3. Nel sangue vengono determinati i marker della necrosi del muscolo cardiaco (aumento della mioglobina, ALT, AST, troponina).

Sul cardiogramma, lo stadio acuto dell'infarto miocardico sviluppato si manifesta chiaramente, specialmente con lesioni estese. In questo momento, si verifica la formazione di un'onda Q patologica, T diventa negativa, ST mantiene la sua posizione sopra l'isolina.

Nella sezione istologica è chiaramente visibile un'area danneggiata con lisi dei nuclei e decadimento necrotico delle cellule (freccia sopra). In basso, il puntatore indica l'area di demarcazione con infiltrazione tissutale con leucociti, formazione di nuovi capillari ed edema. Si trova al confine dell'area dell'infarto e del miocardio normale.

Subacuto

Lo stadio subacuto dell'infarto miocardico dura da 10 giorni a 1-2 mesi. Per questo periodo i tratti caratteristici sono:

  1. Completa cessazione del dolore al cuore.
  2. In molti pazienti - ripristino della conduzione e del ritmo.
  3. Normalizzazione della respirazione.
  4. I suoni cardiaci diventano più forti o rimangono attutiti (a seconda dell'entità del danno).
  5. La temperatura e l'immagine dell'analisi del sangue generale tornano alla normalità.
  6. La pressione è normalizzata.

ECG: l'onda Q va direttamente a R, con una lesione focale ampia, R scompare, il complesso ventricolare assume la forma di QS, ST ritorna sulla linea isoelettrica, T diventa negativa.

Se fai un taglio in questo momento ed esamini il microscopio, l'area della lesione di una tonalità grigio-rosa con un bordo rosso lungo la periferia sarà chiaramente definita..

I componenti principali del cardiogramma

Prima di procedere con la parte principale della narrazione è necessario dedicare parte del tempo alla spiegazione di alcuni aspetti, la cui comprensione consentirà una valutazione oggettiva dei dati studiati..

Prestare attenzione alla griglia mostrata di 2 tipi di celle: piccola e grande (5ˣ5). Un lato orizzontale di una piccola cella corrisponde a 1 mm o comunque 0,04 secondi (tempo) e il lato verticale corrisponde a 1 mV (tensione in microvolt). Pertanto, una cella grande sarà uguale a 5 celle piccole o 0,2 secondi. Il parametro considerato può indicare una violazione del cuore, essendo uno degli elementi importanti del cardiogramma, ma ne parleremo più avanti..

Le dentellature sono aree che si trovano sopra o sotto la linea centrale (zero o isoelettrica). In questo caso, i segmenti ascendenti sono chiamati positivi e quelli opposti sono chiamati negativi..

In medicina, ci sono 5 denti principali che hanno le loro designazioni sotto forma di lettere latine:

  • P (norma: positivo) indica l'ora in cui si verifica il battito cardiaco, idealmente dovrebbe essere uguale a un periodo di 0,12-2 secondi. Ricordiamo la struttura a maglie dell'elettrocardiogramma precedentemente studiata. È più facile eseguire calcoli evidenziando l'inizio e la fine del segmento P con barre verticali.
  • Q (normale: negativo) determina lo stato del setto tra i ventricoli, indica infarto del miocardio.
  • R (normale: positivo) è solitamente più alto del resto delle onde, rappresentando il picco più alto. Riflette i cambiamenti nell'area del miocardio ventricolare.
  • S (normale: negativo) si trova, come Q, ai piedi del picco R e indica il completamento dei processi che avvengono nei ventricoli.
  • T (normale: positivo) rappresenta il ripristino del potenziale del muscolo cardiaco. Di solito si trova sopra la linea isoelettrica (zero).

Ma un'attenzione speciale sarà prestata alla "punta e ai suoi piedi" - Q, R e S, che formano il cosiddetto complesso QRS, costituito da lettere-designazioni. L'intervallo in cui si trova il QRS in una persona sana dura fino a 0,11-0,12 secondi; in rari casi si osserva un allungamento cronologico, che indica una patologia del fascio di His o un disturbo della conduzione.

Cosa mostra l'ECG

Se conosci le norme per gli indicatori del cardiogramma, come dovrebbero essere posizionati i denti in una persona sana, puoi diagnosticare molte patologie. Tale visita viene eseguita in regime ospedaliero, ambulatoriale e in casi critici urgenti, da medici di ambulanza per effettuare una diagnosi preliminare.
I cambiamenti riflessi nel cardiogramma possono indicare le seguenti condizioni:

  • ritmo e frequenza cardiaca;
  • infarto miocardico;
  • blocco del sistema di conduzione cardiaca;
  • violazione dello scambio di importanti oligoelementi;
  • blocco delle grandi arterie.

Ovviamente, uno studio dell'elettrocardiogramma può essere molto informativo. Ma quali sono i risultati dei dati ottenuti?

Funzione Q wave

L'onda Q è definita patologica per un motivo: sono le sue deviazioni dalla norma che indicano prima di tutto la presenza di disturbi pericolosi nel muscolo cardiaco. La maggior parte di loro indica una disfunzione dei vasi miocardici..

In uno stato normale, q potrebbe non apparire affatto sul cardiogramma, ma se il dente si è fatto sentire, ciò non significa affatto che il paziente sia in pericolo. Il segmento in questione di solito dura fino a 0,03 secondi, non di più. In nessun caso la sua parte verticale deve superare ¼ dell'altezza del "picco ascendente" R. Ad esempio, con R uguale a 12 mm, q non può superare (12mm / 4) 3 mm.

Interpretazione dell'ECG nei bambini

Le norme sulle indicazioni dei bambini differiscono notevolmente da quelle degli adulti. Per la decodifica ECG nei bambini, traccia la curva e confronta i parametri digitali dei denti e degli intervalli.

  • onda Q profonda
  • aritmia sinusale
  • l'intervallo ventricolare QRST è soggetto ad alternanza (inversione della polarità delle onde T)
  • il movimento della sorgente del ritmo è notato negli atri
  • man mano che il bambino cresce, il numero di derivazioni toraciche con un'onda T negativa diminuisce
  • la grande dimensione degli atri determina l'altezza dell'onda P.
  • l'età del bambino influisce sugli intervalli ECG - diventano più lunghi. Nei bambini piccoli predomina il ventricolo destro.

Ti invitiamo a leggere: Vertigini di testa in una morsa

A volte la crescita intensiva del bambino provoca disturbi nel muscolo cardiaco, che il cardiogramma può mostrare.

Cosa significa ritmo sinusale su un cardiogramma?

La trascrizione dell'ECG mostra il ritmo sinusale? Ciò indica l'assenza di patologie ed è considerata la norma con una frequenza caratteristica di impatti da 60 a 80 al minuto. con un intervallo di 0,22 s. Avere un record di un medico implica fluttuazioni di pressione, vertigini, dolore al petto.

Un ritmo contrassegnato con 110 battiti indica la presenza di tachicardia sinusale. La causa del suo verificarsi può essere l'attività fisica o l'irritabilità nervosa. Questa condizione può essere temporanea e non richiede un trattamento a lungo termine..

Con anemia, miocardio o febbre, si nota una manifestazione persistente di tachicardia con una frequenza cardiaca rapida. La decodifica dell'ECG in questo caso determina un ritmo sinusale instabile e indica aritmia - una maggiore frequenza di contrazioni del cuore.

Per i bambini, anche un sintomo simile è caratteristico, ma le fonti di origine sono diverse. Questi sono cardiomiopatia, endocartite e sovraccarico psicofisico..

Il ritmo può essere interrotto dalla nascita, non avere sintomi e può essere rilevato dall'elettrocardiografia.

Decodifica del cardiogramma. Lavoro di cuore.

Per leggere il cardiogramma (decifrare il cardiogramma), è necessario ricordare come funziona il cuore e avere almeno una piccola idea del sistema di conduzione cardiaca.

Il cuore sembra funzionare semplicemente: contraendo e riducendo il volume delle camere (sistole), spinge il sangue ricco di ossigeno nel corpo e mentre si rilassa (diastole) riceve sangue. Quattro camere si contraggono: 2 ventricoli e 2 atri. In presenza di fibrillazione atriale, gli atri si contraggono irregolarmente e non guidano il sangue, ma puoi conviverci e non puoi vivere senza la normale funzione ventricolare.

Il lavoro del cuore è fornito da impulsi elettrici (prodotti nel cuore stesso), nutrienti, ossigeno e dal corretto equilibrio ionico degli ioni Ca, K, Na sia all'interno che all'esterno della cellula. Il calcio fornisce la contrazione: più ce n'è, più forte è la contrazione. Se la sua quantità è eccessiva, il cuore può contrarsi e non rilassarsi..

Con una massa cardiaca di circa mezzo percento del peso corporeo, consuma fino al 10% di ossigeno.

Ricevere energia dal cuore. A differenza del cervello, che necessita solo di glucosio, il cuore a riposo consuma acidi grassi, acido lattico. E quando il carico aumenta, il cuore passa al consumo di glucosio, che è più vantaggioso. Per ridurre la richiesta di ossigeno del cuore, il metabolismo energetico viene spostato verso il glucosio (trimetazidina), che è importante per i pazienti con angina pectoris e infarto miocardico.

Quando il cuore inizia a non far fronte alla sua funzione di pompaggio, si verifica un'insufficienza cardiaca (acuta o cronica. Può essere il risultato di un cattivo funzionamento del ventricolo sinistro, quindi c'è un flusso sanguigno insufficiente nella circolazione polmonare, si verifica mancanza di respiro, una persona in posizione supina non ha abbastanza aria ed è più facile per lui sedersi. Con scarse prestazioni del ventricolo destro, l'edema si verifica nelle gambe. Vedi angina).

Per comprendere la natura degli impulsi elettrici del cuore, familiarizziamo con il suo sistema di conduzione. Se tagli tutti i nervi che portano al cuore, continuerà a battere - gli impulsi sono generati dal cuore stesso in determinati nodi e si propagano attraverso il cuore.

La composizione del sistema di conduzione:

  • Seno - nodo atriale
  • Nodo atrioventricolare
  • Fascio di Suoi con le gambe sinistra e destra
  • Fibre di Purkinje

In una persona sana, gli impulsi controllano il lavoro del cuore. È la natura Saggia che ha fornito le fonti di backup degli impulsi "principali": se la fonte principale viene violata, gli impulsi diventano quelli principali e, in caso di fallimento dei primi due, il pacemaker del terzo ordine diventerà Ora puoi brevemente parlare (Altro nel libro "Elettrocardiografia" V. V. Murashko e A. V. Strutynsky, questa è un'intera scienza, ma puoi lavorare sodo per studiare te stesso).

Confrontando gli elettrocardiogrammi di un cuore sano (1) e malato (2), puoi vedere una chiara differenza tra loro e giudicare la natura del danno al muscolo cardiaco.

La forma e il tipo di denti, la durata e il tipo di intervalli del cardiogramma sono direttamente correlati alle fasi di eccitazione e rilassamento dei muscoli cardiaci. Il lavoro degli atri è caratterizzato dall'onda P (la sezione ascendente è l'eccitazione dell'atrio destro, discendente - sinistro) e il periodo di tempo in cui entrambi gli atri sono attivi è chiamato PQ.

Molto spesso, l'onda T indica varie violazioni. La distanza (tempo in secondi) tra P Q, la velocità di trasmissione dall'atrio al ventricolo, è normalmente di 0,1 - 0,12 secondi. E tutti e tre i denti (QRS) - da 0,06 a 0,1 secondi. La standardizzazione e la comparabilità degli elettrocardiogrammi è assicurata calibrando l'ampiezza del segnale (solitamente 1 mm è 0,1 mV, prima dell'inizio del cardiogramma, viene fornito un segnale di calibrazione con un'ampiezza di 1 mV) e la velocità del nastro del registratore: 25 o 50 mm / sec. Disegni più dettagliati del cuore con una descrizione possono essere trovati qui.

Tag: doppio, significa polo

Sull'autore: admin4ik

L'onda q: un presagio di pericolo

Un po 'sulla manifestazione fisiologica dell'infarto miocardico. Poiché l'arteria ha una dimensione impressionante, al momento di una tremenda pressione sulle pareti di un grande vaso, le placche aterosclerotiche situate lì lasciano il loro precedente habitat e iniziano a "gonfiarsi" nella parte interna dell'arteria: si forma gradualmente un lume, che impedisce in modo significativo il flusso sanguigno.

Quindi, nel tempo, alcune aree iniziano a soffrire di mancanza di ossigeno, che è stato trasferito a parti distanti del corpo dai globuli rossi e si verifica il processo di morte cellulare..

Lo stadio iniziale (ischemia) è reversibile, poiché non ci sono ancora violazioni totali, ma allo stesso tempo sono visibili fallimenti nel lavoro del cuore. E ogni giorno successivo, ignorare i sintomi allarmanti distrugge le già poche possibilità di una riabilitazione completa. Alla fine, il tessuto è sfregiato: un processo irreversibile.

Torniamo ora all'onda q: se sul cardiogramma è visibile una q eccessivamente approfondita, significa che la necrosi sta già prendendo il sopravvento sul "motore" del corpo. Un lungo segmento discendente frastagliato è un segno molto inquietante. In tal caso, puoi osservare una q pronunciata, rispetto alla quale non esiste un'onda R positiva.

Poiché in rare circostanze q può assumere un aspetto formidabile per un altro motivo, è necessario studiare l'intervallo ST che segue il complesso QRS: la sua modifica sospetta molto probabilmente diventerà già un garante della comparsa di IM.

Inoltre, se il paziente deve affrontare i sintomi corrispondenti, la diagnosi è confermata con certezza:

  • dolore costrittivo e costrittivo, sentito dietro il petto per 15-25 minuti;
  • dolore che si verifica nella cavità addominale;
  • nausea, mancanza di respiro con l'attività fisica;
  • iperidrosi (sudorazione profusa);
  • attacco improvviso di aritmia, perdita di coscienza (a breve termine);
  • grave debolezza;
  • pressione sanguigna inaspettatamente bassa.

Caratteristiche dei denti in vari stadi dell'infarto miocardico

La patologia di una grande nave non si presenta mai in modo imprevisto: si sviluppa secondo le fasi identificate, che portano il processo di distruzione alla sua conclusione logica. La tabella mostra le caratteristiche degli indicatori cardiogramma per ogni fase..

PalcoscenicoDurataSegni
Precoce (ischemia)Da pochi minuti a mezz'oraL'onda T appuntita raggiunge il limite di altezza
Fase 1 (danno)Da alcune ore a 2-3 giorniL'elevazione ST è un'elevazione a forma di cupola, l'onda R è abbastanza alta e q è ancora "piccola"
Fase 2 (acuta)Da una a tre settimaneST si abbassa, ma è ancora al di sopra dell'isoline. Q si approfondisce in modo significativo, l'onda T è diventata negativa (vista a ciotola)
Fase 3 (subacuta)Da uno a 2-3 mesiQ e T raggiungono un punto inferiore e ST si avvicina gradualmente alla linea dello zero
Fase 4 (cicatrici)Da diversi mesi a un numero indefinito di anniQ praticamente non cambia posizione. ST si trova sulla linea mediana, il "picco" R diminuisce gradualmente, T ricomincia a salire sotto forma di un tubercolo

L'elettrocardiogramma in ciascuno dei casi ha un aspetto diverso, come si può vedere guardando la loro immagine esterna.

Le conseguenze negative scavalcheranno la persona se, rilevati segnali di allarme, si rivolge prontamente a uno specialista, il quale, al termine della diagnosi, prescriverà un percorso terapeutico individuale. L'infarto miocardico è una malattia molto grave che può causare la morte, quindi le sue manifestazioni non possono essere ignorate!


Articolo Successivo
Come rafforzare i vasi sanguigni delle gambe: esercizi, creme, farmaci e vitamine